Sei sulla pagina 1di 1

Sesamo

Introduciamo...

I semi di sesamo, che rappresentano una fonte preziosa di elementi nutritivi.


100 grammi di semi di sesamo possono infatti contenere dagli 800 ai 1000
milligrammi di calcio, circa 470 mg di fosforo, 815 mg di magnesio e 20,1 mg
di ferro, oltre al 18,7% di proteine, 4,5 mg di vitamina B3 (che per complicare
le cose si può chiamare anche PP oppure Niacina), e il 25% della dose
raccomandata di vitamina B9 (detta anche acido folico).

Rappresentano inoltre una fonte di manganese, zinco e selenio. Sono inoltre


ricchi di acidi oleici, che contribuiscono a ridurre i livelli di colesterolo "cattivo"
nel sangue e ad incrementare la presenza di colesterolo "buono".

Ai semi di sesamo sono state attribuite proprietà antiossidanti e anticancro.


Essi inibirebbero lo sviluppo del cancro al colon, per via del loro contenuto di
acido fitico. Il loro contenuto di lignani permette il controllo della pressione
sanguigna, con effetti anti-ipertensivi. Il consumo di semi di sesamo può
contribuire a prevenire la formazione di placche sulle pareti delle arterie.

L'assunzione di semi di sesamo è benefica per le ossa, migliora le funzioni


del fegato, è efficace nella rimozione dei vermi intestinali, riduce i reumatismi
e i dolori articolari, stimola la circolazione e contribuisce a migliorare la
digestione.

liberamente tratto dal sito greenme.it