Sei sulla pagina 1di 1

Deserto, Isaia, Qumran e Giovanni Battista

Duván TANGARIFE

Quel passo del Deutero-Isaia: ‫( קורא במדבר פנו דרך יהוה‬Isa 40,3) è fortemente legato
nell’immaginario dei cristiani con Giovanni Battista. Tutte e quattro vangeli
fanno la citazione esplicita di Isaia, sia come commento dello scrittore sulla
Scrittura compiuta (Vangeli Sinottici) sia come parole dette direttamente da
Giovanni (Vangelo di Giovanni). Teniamo in conto che queste parole non sono
vincolate con nessun’altra situazione nel Nuovo Testamento, e che tutte le
tradizioni presentano a Giovanni come una figura nel deserto. Di conseguenza,
potrebbe essere affermato che questa interpretazione scritturistica piuttosto che
una costruzione teologica della comunità Cristiana, è proprio il modo come il
Battista capì se stesso e la sua missione.

Per questo, ci stupisce trovare nella Regola della Comunità di Qumran un ricorso
allo stesso passo, con uguale interpretazione, cioè, l’uso delle parole del profeta
per giustificare la vita nel deserto, in un contesto d’annunzio scatologico. La
colonna VIII di 1QS fa certo enfasi alla disgregazione dei membri della comunità
dagli uomini cattivi. Questi uomini vanno nel deserto per preparare la strada del
Signore.

Mi domando se questo testo veramente può essere la base per un collegamento


più stretto tra la persona e il movimento del Battista e Qumran. Se l’ermeneutica
di Qumran sulla separazione come preparazione per l’arrivo del Messia d’Arone
e d’Israele può aiutarci a capire meglio l’annunzio messianico di Giovanni.
Potrebbe essere soltanto una coincidenza che due fenomeni religiosi diversi,
entrambi con elementi scatologici, entrambi con una vita separata nel deserto,
abbiano scelto per lo stesso testo fondante? Dopo tutto, ci sono molti testi nella
scrittura che fanno riferimento al deserto. Questa interpretazione letterale del
deserto come luogo, è proprio soltanto della comunità di Qumran e del Battista?

Isaia 40,3 MT 1QS VIII, 13-14


‫קוֹרא‬
ֵ ‫ק ֹול‬ (‫בתכונים האלה יבדלו מתוך מושב הנשי )אנשי‬
‫העול ללכת למדבר לפנות שם את דרך הואהא‬
‫ַבּמִּדְ ָבּר פַּנּוּ דֶּ ֶרְך י ְה ָוה‬ **** ‫כאשר כתוב במדבר פנו דרך‬
‫יַשְּׁרוּ ָבּע ֲָר ָבה ְמ ִס ָלּה לֵאֹל ֵהינוּ׃‬ ‫ישרו בערבה מסלה לאלוהינו‬

Isaia 40,3 LXX Mc 1,3 Mt 3,3 Lc 3,4 Gv 1,23


Καθὼς γέγραπται οὗτος γάρ ἐστιν ὁ ὡς γέγραπται ἐν
ἐν τῷ Ἠσαΐᾳ τῷ ῥηθεὶς διὰ Ἠσαΐου βίβλῳ λόγων
προφήτῃ· τοῦ προφήτου Ἠσαΐου τοῦ
[…] λέγοντος· προφήτου· ἔφη·
φωνὴ βοῶντος ἐν φωνὴ βοῶντος ἐν φωνὴ βοῶντος ἐν φωνὴ βοῶντος ἐν ἐγὼ φωνὴ βοῶντος
τῇ ἐρήµῳ τῇ ἐρήµῳ· τῇ ἐρήµῳ· τῇ ἐρήµῳ· ἐν τῇ ἐρήµῳ·
῾Ετοιµάσατε τὴν ἑτοιµάσατε τὴν ἑτοιµάσατε τὴν ἑτοιµάσατε τὴν εὐθύνατε τὴν ὁδὸν
ὁδὸν κυρίου, ὁδὸν κυρίου, ὁδὸν κυρίου, ὁδὸν κυρίου, κυρίου,
εὐθείας ποιεῖτε τὰς εὐθείας ποιεῖτε τὰς εὐθείας ποιεῖτε τὰς εὐθείας ποιεῖτε τὰς
τρίβους τοῦ θεοῦ τρίβους αὐτοῦ, τρίβους αὐτοῦ. τρίβους αὐτοῦ· καθὼς εἶπεν Ἠσαΐας
ἡµῶν· ὁ προφήτης.