Sei sulla pagina 1di 2

febbraio Vol.

13, n 1

CHEDA DI AUTOVALUTAZIONE

Domande relative agli articoli apparsi su questo fascicolo.


Il lettore potr controllare le risposte sul prossimo numero.

QUIZ
DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA PER LAUTOVALUTAZIONE

INCIDENTALOMA SURRENALICO: INTERFERENZE FARMACOLOGICHE SULLOMEOSTASI


DALLA IDENTIFICAZIONE ALLA SCELTA TERAPEUTICA TIROIDEA

1) Gli IS sono: 1) Quale tra questi farmaci interferisce con lassorbimento


a) Patologie di frequente riscontro negli esami di levotiroxina?
radiologici di routine a) Sulpiride
b) Neoformazioni rare da monitorare strettamente nel b) Nifedipina
tempo c) Lansoprazolo
c) Neoformazioni da sottoporre a follow-up dopo d) Amiodarone
adeguata selezione dei pazienti
2) A quale livello fisiopatologico il carbonato di litio
d) Neoformazioni per cui non necessario alcun
interferisce con lomeostasi tiroidea?
follow-up
a) Sistema desiodasico
2) Quale categoria di ormoni pi frequentemente b) Secrezione delle iodotironine
prodotta in eccesso dagli IS? c) Sintesi del TRH
a) Glicocorticoidi d) Trasporto plasmatico
b) Mineralcorticoidi 3) La terapia estrogenica causa un significativo aumento
c) Catecolamine del fabbisogno tiroxinico in:
d) Androgeni a) Donne in terapia con levotiroxina orale se gli estrogeni
3) Quali caratteristiche radiologiche sono importanti sono assunti per os
da valutare per lidentificazione di neoformazioni b) Donne in terapia con levotiroxina orale se gli estrogeni
maligne? sono di origine vegetale
a) Dimensioni c) Donne in terapia con levotiroxina orale se gli estrogeni
b) Unit Hounsfield sono assunti per via transdermica
c) Fase di wash-in e wash-out contrastografica d) Tutte le precedenti
d) Tutte 4) Quali dei seguenti meccanismi non responsabile
delle alterazioni dellomeostasi tiroidea causate
4) Quali IS sono da sottoporre a rimozione chirurgica?
dallamiodarone?
a) Tutti
a) Citotossicit diretta
b) Solo gli IS di grandi dimensioni
b) Effetto Jod-Basedow
c) Solo gli IS funzionanti
c) Inibizione del sistema desiodasico
d) Gli IS di grandi dimensioni, che crescono nel tempo
d) Nessuna delle precedenti
e/o con le caratteristiche radiologiche di malignit
5) Qual la percentuale stimata dei soggetti in terapia
5) In un paziente con feocromocitoma, con amiodarone che va incontro ad alterazioni
prima dellintervento chirurgico opportuno: conclamate della funzionalit tiroidea?
a) Introdurre terapia con beta-bloccante a) 14-18%
b) Introdurre terapia con alfa-bloccante b) 32-38%
c) Introdurre terapia con alfa-beta-bloccante c) 55-65%
d) Non introdurre alcuna terapia d) 84-92%
2012, Editrice Kurtis

52
febbraio Vol. 13, n 1

CHEDA DI AUTOVALUTAZIONE

INCIDENTALOMA IPOFISARIO: d) Durante il follow-up i test endocrini per escludere


APPROCCIO DIAGNOSTICO E FOLLOW-UP lipopituitarismo vanno eseguiti ogni anno per i
microincidentalomi e ogni 6 mesi per i
1) La prevalenza dincidentaloma ipofisario macroincidentalomi
nella popolazione generale :
a) 1% 5) Una delle seguenti affermazioni relative
b) 10% agli incidentalomi ipofisari falsa:
c) 20% a) La storia naturale degli incidentalomi ipofisari poco
d) 30% conosciuta e non sempre ben distinguibile da quella
degli adenomi clinicamente non-funzionanti
b) Il craniofaringioma non si presenta mai come
2) Una sola tra le seguenti affermazioni relative
incidentaloma ipofisario
allincidentaloma ipofisario vera:
c) Gli adenomi ipofisari clinicamente non-funzionanti
a) Le lesioni solide aumentano di volume
sono la causa pi frequente di incidentaloma ipofisario
pi frequentemente di quelle cistiche
d) Il dosaggio dellACTH non previsto tra le indagini di
b) Lapoplessia ipofisaria unevenienza frequente
primo screening ormonale dellincidentaloma ipofisario
durante il follow-up nei macroincidentalomi
c) Le recenti linee guida dellEndocrine Society si appli-
cano sia alla popolazione adulta che a quella infantile
d) I microincidentalomi rappresentano mediamente oltre IL DIABETE INFANTILE E GIOVANILE: UN APPROCCIO
il 95% di tutti gli incidentalomi scoperti alla RM TERAPEUTICO INTEGRATO MEDICO-PSICOLOGICO

1) Lattuale management del diabete in et evolutiva


3) Nel paziente che giunge allosservazione clinica per il prevede:
riscontro neuroradiologico dincidentaloma ipofisario: a) Terapia insulinica + piano alimentare
a) sufficiente consigliare un controllo RM a distanza b) Terapia insulinica + autocontrollo
di 12 mesi senza eseguire altri accertamenti c) Terapia insulinica + autocontrollo + piano alimentare
b) Lo screening ormonale deve sempre comprendere: d) Terapia insulinica + piano alimentare + autocontrollo
ACTH, cortisolo, GH, IGF-I, TSH, FT4, testosterone e counselling psicologico
totale (nel maschio), estradiolo (nella femmina), PRL
c) raccomandata la valutazione oculistica comprensiva 2) Le caratteristiche di cronicit del diabete e le riper-
della campimetria visiva in tutti i casi di macroinci- cussioni psicosociali, fanno s che:
dentaloma, indipendentemente dalla sua vicinanza a) Il diabetologo debba effettuare egli stesso un approc-
con il chiasma ottico cio anche di tipo psicologico
d) raccomandata una valutazione clinica completa, b) Un approccio globale ed integrato del medico e della
uno screening ormonale per escludere una sindrome figura professionale dello psicologo clinico sia da
da ipersecrezione ormonale, uno screening ormonale considerarsi una necessit nella presa in carico del
per escludere lipopituitarismo (solo nei macroinci- paziente
dentalomi), un esame del campo visivo se la lesione c) Un approccio globale ed integrato (medico e psicolo-
lambisce il chiasma ottico o lo comprime go) sia da considerarsi una necessit solo in casi par-
ticolari selezionati dal medico
4) Sulla base delle linee guida dellEndocrine d) lapproccio integrato non opportuno nella presa in
Society, solamente una delle seguenti affermazioni carico del bambino diabetico
relative agli incidentalomi ipofisari vera:
a) Gli incidentalomi che si accompagnano ad 3) Le peculiarit dell'et evolutiva rendono:
ipersecrezione ormonale, tranne i prolattinomi, a) Particolarmente instabile il diabete mellito di tipo 1
devono essere proposti al neurochirurgo b) Il diabete mellito di tipo 1 una malattia metabolica
per lablazione chirurgica difficile da gestire
b) Durante il follow-up la RM deve essere eseguita c) Il diabete tipo 1 globalmente coinvolgente tutti gli
ogni anno per 5 anni in tutti i casi aspetti personali e sociali della vita della famiglia e
c) Durante il follow-up la campimetria visiva va del paziente
eseguita ogni anno per 5 anni in tutti i casi d) Tutte le precedenti

53