Sei sulla pagina 1di 4

RISOLUZIONE dellesame di GEOMETRIA, prof. L. Alessandrini 11.02 .

2010

PRIMA VERSIONE

Esercizio 1. Considerare i due piani : 2x (1/2)z = 3/4 e : y z = 4.


1. Determinare la loro mutua posizione.
2. Determinare, se possibile, una retta giacente su che intersechi in un solo punto, oppure
spiegare perche non e possibile.

3. Determinare, se possibile, una retta parallela a entrambi i piani (ma non giacente su essi),
oppure spiegare perche non e possibile.

SOLUZIONE. 1. I due piani sono incidenti.


2. Per esempio, la retta data dallintersezione di col piano di equazione z = 0.
3. Per esempio, la retta di equazione parametrica t(1/4, 1, 1) ha lo stesso vettore di
direzione della retta , e dunque e parallela ai due piani, ma non sta su nessuno dei due,
perche passa per lorigine, e nessuno dei due piani invece passa per lorigine.
 
1 0
Esercizio 2. Sia A = M22 (R); considerare lapplicazione F : M22 (R)
0 0
M22 (R) data da
F (X) = X + tr(X)A,
dove con tr(X) indichiamo la traccia della matrice X.
1. Dimostrare che T e lineare.
2. Calcolare nucleo e immagine di T .
   
a b 2a + d b
SOLUZIONE. 1. Sia X = M22 (R): si ha F (X) = .
c d c d
 0
a b0
  
a b
Controlliamo la linearita: siano X = ,Y = M22 (R): si ha
c d c0 d0
2(a + a0 ) + (d + d0 ) b + b0

F (X + Y ) = = F (X) + F (Y ). Inoltre per ogni k R si ha
 c + c0 d + d0
2ka + kd kb
F (kX) = = kF (X).
kc kd  
2a + d b
2. Lunica soluzione di F (X) = = O e la matrice nulla, percio KerF = O e
c d
di conseguenza ImF = M22 (R).

Esercizio 3. Stabilire se la seguente matrice e diagonalizzabile



3 2 2
M = 2 1 2
2 2 1

In caso affermativo calcolare una matrice invertibile P e una matrice diagonale D tali che
P 1 M P = D.
SOLUZIONE. Gli autovalori di M sono: 1, con molteplicita algebrica uno, e -1, con molte-
plicita algebrica due. I relativi autospazi sono: V1 = {(x, x, x)} e V1 = {(x, y, z)/x y + z =

1
0}. Dunque le molteplicita algebriche coincidono con quelle geometriche, percio la matrice e
diagonalizzabile, e
1 0 0
D = 0 1 0
0 0 1
La matrice P si calcola scegliendo basi negli autospazi: per esempio, si puo scegliere

1 1 1
P = 1 0 1
1 1 0

Esercizio 4. Considerare i sottospazi vettoriali U, W R4 dati da



1 2 1
 1 0 1 
U = {(x, y, z, t)/x + y + z + t = 0, 2x + 2z t = 0} W =L
1 , 2

1

1 1 2

1. Calcolare la dimensione e una base di U , di W e di U W rispettivamente.


2. Trovare una base ortogonale di W rispetto al prodotto scalare canonico e completarla ad
una base ortogonale di R4 .

SOLUZIONE. 1. La matrice del sistema che descrive U ha rango 2, dunque dimU = 2, e una
sua base e, per esempio, v1 = (1, 3, 0, 2), v2 = (0, 3, 1, 2). La matrice che ha come colonne i
generatori di W ha rango due, dunque anche dimW = 2, e una sua base e formata da due dei
tre generatori, per esempio v3 = (1, 1, 1, 1), v4 = (2, 0, 2, 1). La matrice che ha nelle colonne
v1 , v2 , v3 , v4 e non singolare, dunque questi quattro vettori formano una base di U + W , che
percio e R4 . Dalla formula di Grassmann si ricava che U W = O, percio la sua dimensione e
zero e una sua base e il vuoto.
2. Utilizziamo Gram-Schmidt partendo da v3 = (1, 1, 1, 1), v4 = (2, 0, 2, 1): allora u1 =
(1, 1, 1, 1) e u2 = v4 pru1 v4 = (5/4, 3/4, 5/4, 7/4). Ora per completarla a base ortogonale
di R4 ci basta aggiungere due vettori non nulli, ortogonali fra loro e a u1 , u2 , per esempio
u3 = (1, 0, 1, 0), u4 = (1, 6, 1, 4).

SECONDA VERSIONE

Esercizio 1. Considerare i due piani : 2x (1/2)z = 3/4 e : x y = 5.


1. Determinare la loro mutua posizione.
2. Determinare, se possibile, una retta giacente su che intersechi in un solo punto, oppure
spiegare perche non e possibile.

3. Determinare, se possibile, una retta parallela a entrambi i piani (ma non giacente su essi),
oppure spiegare perche non e possibile.

SOLUZIONE. 1. I due piani sono incidenti.


2. Per esempio, la retta data dallintersezione di col piano di equazione x = 0.
3. Per esempio, la retta di equazione parametrica t(1/2, 1/2, 2) ha lo stesso vettore di
direzione della retta , e dunque e parallela ai due piani, ma non sta su nessuno dei due,
perche passa per lorigine, e nessuno dei due piani invece passa per lorigine.

2
 
0 1
Esercizio 2. Sia A = M22 (R); considerare lapplicazione F : M22 (R)
0 0
M22 (R) data da
F (X) = X + tr(X)A,
dove con tr(X) indichiamo la traccia della matrice X.
1. Dimostrare che T e lineare.
2. Calcolare nucleo e immagine di T .
   
a b a b+a+d
SOLUZIONE. 1. Sia X = M22 (R): si ha F (X) = .
c d c d
 0
a b0
  
a b
Controlliamo la linearita: siano X = ,Y = M22 (R): si ha
c d c0 d0
a + a0 b + b0 + a + a0 + d + d0
 
F (X + Y ) = = F (X) + F (Y ). Inoltre per ogni k R si
c + c0 d + d0
ha  
ka kb + k(a + d)
F (kX) = = kF (X).
kc kd  
a b+a+d
2. Lunica soluzione di F (X) = = O e la matrice nulla, percio KerF = O
c d
e di conseguenza ImF = M22 (R).

Esercizio 3. Stabilire se la seguente matrice e diagonalizzabile



0 1 1
M = 1 2 1
2 2 1

In caso affermativo calcolare una matrice invertibile P e una matrice diagonale D tali che
P 1 M P = D.
SOLUZIONE. Gli autovalori di M sono: 1, con molteplicita algebrica uno, e -1, con moltepli-
cita algebrica due. I relativi autospazi sono: V1 = {(y, y, 2y)} e V1 = {(x, y, z)/x + y + z =
0}. Dunque le molteplicita algebriche coincidono con quelle geometriche, percio la matrice e
diagonalizzabile, e
1 0 0
D = 0 1 0
0 0 1
La matrice P si calcola scegliendo basi negli autospazi: per esempio, si puo scegliere

1 1 1
P = 1 0 1
2 1 0

Esercizio 4. Considerare i sottospazi vettoriali U, W R4 dati da



2 0 2
0 2 2 
U =L 1 , 1 , 0 , W = {(x, y, z, t)/x + y + z + t = 0, 2x + 2z t = 0}

1 1 2

1. Calcolare la dimensione e una base di U , di W e di U W rispettivamente.

3
2. Trovare una base ortogonale di U rispetto al prodotto scalare canonico e completarla ad
una base ortogonale di R4 .

SOLUZIONE. 1. La matrice del sistema che descrive W ha rango 2, dunque dimW = 2, e


una sua base e, per esempio, v1 = (1, 3, 0, 2), v2 = (0, 3, 1, 2). La matrice che ha come colonne
i generatori di U ha rango due, dunque anche dimU = 2, e una sua base e formata da due dei
tre generatori, per esempio v3 = (2, 0, 1, 1), v4 = (0, 2, 1, 1). La matrice che ha nelle colonne
v1 , v2 , v3 , v4 e non singolare, dunque questi quattro vettori formano una base di W + U , che
percio e R4 . Dalla formula di Grassmann si ricava che U W = O, percio la sua dimensione e
zero e una sua base e il vuoto.
2. Osserviamo che v3 = (2, 0, 1, 1), v4 = (0, 2, 1, 1) sono gia ortogonali, dunque sono la
base di U cercata. Ora per completarla a base ortogonale di R4 ci basta aggiungere due vettori
non nulli, ortogonali fra loro e a v3 , v4 , per esempio u1 = (1, 1, 0, 2), u2 = (1, 1, 2, 0).