Sei sulla pagina 1di 6

Prima della tempesta:

il cinema e la terra

DAL 5 AL 14 GIUGNO
Cinema Lumire e Piazza Maggiore
Ingresso libero
05 LUNED Centre con il commento musicale scritto ed eseguito
dal quartetto folk ucraino DakhaBrakha
THE HARVEST (GB/1908, 6)
Cinema Lumire I grandi maestri della pittura si sono prodigati per fissare
18.00 MOANA WITH SOUND sulla tela laurea magnificenza del raccolto inglese, ma
(USA/1926 - 1980) di Robert J. Flaherty, Frances Hubbard impossibile che siano riusciti ad avvicinarsi alla realt
Flaherty e Monica Flaherty (98) quanto questo Kinemacolor del 1908, capace di garantire
Nel 1923, dopo aver girato Nanuk lesckimese, Flaher- la fedelt dei colori e di infondere vita e movimento.
ty viaggi con la moglie Frances e i figli nei mari del
sud per filmare gli esotici usi e costumi dei samo-
ani, prima che la modernit alterasse per sempre
il loro stile di vita. Oltre mezzo secolo dopo la figlia
06 MARTED
di Flaherty, Monica, ritorn negli stessi luoghi con Cinema Lumire
la leggenda del cinma-verit Richard Leacock, per 18.00 NAHUI OLLIN, IL MOVIMENTO DEL SOLE
registrare suoni, dialoghi e canzoni folcloristiche da (Nahui Ollin, Sol de movimiento, Messico/2017) di Carlos
sincronizzare con le splendide immagini del padre. Il Armella, Antonino Isordia, Michelle Ibaven, Gustavo
restauro realizzato nel 2014 da Bruce Posner e Sami Martnez Ballest, Eleonora Isunza Gutirrez, Teresa
von Ingen, rende finalmente giustizia a uno dei film Camou, Sergio Blanco e Roberto Olivares (83)
pi puri mai prodotti nellintera storia del cinema Lo sguardo di otto registi esplora diversi luoghi del
(Naum Kleiman). Messico per documentare gli effetti dei cambiamenti
PUITS DE PTROLE BAKOU. VUE DE PRS climatici in uno dei paesi con maggior biodiversit al
(1897, 1) mondo. Barriere coralline, ghiacciai, foreste di man-
Realizzato da un operatore Lumire non meglio iden- grovia, fiumi, catene montuose, pianure, diventano
tificato, secondo Bertrand Tavernier il primo film testimoni di una minaccia che incombe sullintera
ecologista della storia del cinema. umanit. Dalla viva voce degli abitanti limpatto di
Inaugura la rassegna Gian Luca Galletti, Ministro questi fenomeni globali sulla vita quotidiana delle
dellambiente e della tutela del territorio e del mare comunit e le strategie per arginarne le conseguenze.
SUL LAGO DI COMO (Italia/1913, 4)
Cinema Lumire Una produzione Cines con imbibizioni a colori: a bordo
20.30 THE AGE OF CONSEQUENCES di unimbarcazione solchiamo le acque del lago ine-
(USA/2016) di Jared P. Scott (80) briandoci di vedute pittoresche. C anche il tempo di
Esiste una relazione tra i cambiamenti climatici, la una passeggiata a debita distanza dagli innamorati.
crescente scarsit di risorse e laumento di ondate mi- Introducono Gustavo Martnez Ballest ed
gratorie legate al propagarsi dei conflitti internazionali? Eleonora Isunza Gutirrez, registi e direttori del
Attraverso unindagine che assembla fonti dellagenzia festival messicano Cinema Planeta
statunitense per la sicurezza nazionale, interviste ad
alti graduati dellesercito e a veterani di guerra, Jared P. Cinema Lumire
Scott ci conduce nei retroscena della guerra in Siria, dei 20.00 LA FINESTRA SUL PORCILE
disordini sociali scaturiti dalle primavere arabe, della- DIARIO HITCHCOCKHIANO DI UN ECOLOGISTA
scesa e del consolidarsi dellISIS. La scarsit di acqua (Italia/2017) di Salvo Manzone (75)
e cibo, la siccit, le condizioni metereologiche estreme, Di ritorno a Palermo, il regista si ritrova sotto casa una
linnalzamento del livello dei mari, si rivelano essere discarica abusiva. Per i vicini e per lamministrazione
acceleratori di instabilit e catalizzatori di conflitti nelle questa sembra essere la normalit. Per lui, come per
aree pi a rischio del pianeta. Jeff in La finestra sul cortile, diventa unossessione: la
TRAVERSE DES ALPES FRANAISES EN scruta giorno e notte, sorvegliando chiunque alla ricerca
AUTOMOBILE (Francia/1911, 5) del colpevole. Ma presto lo stretto orizzonte della finestra
Quando la poltrona di una sala buia diventa tuttuno viene superato per intraprendere unindagine capillare
col sedile di unautomobile. Ovvero: quando il mezzo del sullemergenza rifiuti, sui meccanismi della raccolta
cinema e lautomezzo si scambiano reciproche cortesie. differenziata nel territorio, e pi in generale unironica
Percorriamo sentieri, superiamo ponti, ci infiliamo nei riflessione sul nostro rapporto con gli oggetti di consumo.
tunnel, salutiamo graziosi paesini e amene cascate. DE NAPLES AU VSUVE (Francia/1904, 4)
In questa veduta Path frres del 1904 ci inoltriamo,
Cinema Lumire lungo la Circumvesuviana alle pendici del vulcano.
22.00 LA TERRA Alcuni visitatori si fanno condurre su una portantina.
(Zemlja, URSS/1930) di Aleksandr Dovenko (83) Introduce Salvo Manzone
Ucraina, 1929. In un villaggio un gruppo di contadini
si unisce in cooperativa per sfruttare al meglio le fertili Piazza Maggiore
terre grazie alluso delle nuove tecniche. La decisione di 21.45 RACING EXTINCTION
arare anche i terreni incolti dei kulaki porta alla violenta (USA-Hong Kong-Cina-Indonesia-Messico-GB/2015)
reazione di questi ultimi che sfocia nelluccisione di un di Louie Psihoyos (90)
giovane contadino. Dramma epico sulla collettivizzazio- Louie Psihoyos, premio Oscar per il miglior documen-
ne in Unione Sovietica, il capolavoro di Dovenko mette tario con The Cove, ha riunito un gruppo di artisti e
in secondo piano le ragioni della propaganda (sar attivisti per unoperazione in incognito che denuncia
sprezzantemente tacciato in patria di panteismo e di il traffico delle specie a rischio. Infiltrandosi nei pi
scorrettezza ideologica) a favore di una lirica esalta- pericolosi mercati neri del mondo e documentando il
zione dellarmonia fra uomo e natura (emblematico il legame tra emissioni di carbonio ed estinzione delle
prologo con la morte serena di un vecchio nei campi specie, il film propone immagini inedite che potran-
mentre assapora per lultima volta un frutto). no cambiare il nostro modo di vedere il mondo. Con
Restaurato nel 2012 da Aleksandr Dovenko National questo progetto volevo affrontare il problema pi
importante che il mondo abbia mai fronteggiato, bucolica e i ritmi tranquilli della fattoria vengono rotti dai
la colossale perdita della biodiversit. Attraverso viaggi settimanali verso il mattatoio mentre, attraverso
un film coinvolgente e una campagna informativa sparse riflessioni intime, il protagonista rivela il crescente
innovativa, vogliamo creare un movimento per il conflitto di una vita trascorsa smerciando morte e la pro-
cambiamento (Louie Psihoyos). fonda lotta interiore per poter reinventare il proprio destino.
[RODEO] (1920?, 13)
Cinema Lumire Straordinario (e misterioso) documento che si carica
22.00 FARREBIQUE di fervore documentaristico (merito anche del mi-
(Francia/1946) di Georges Rouquier (87) metismo coloristico fornito dal pochoir) ma inevita-
Per un anno intero, a cavallo fra il 1944 al 1945, Rou- bilmente ci irretisce nei fantasmi del cinema western
quier ha vissuto con la famiglia a Farrebique, una fat- (colpa anche del delirio coloristico fornito dal pochoir).
toria nel territorio dellAveyron. In questo suo esordio al Introduce Allison Argo
lungometraggio, ha raccontato la bellezza e le difficolt
della vita contadina influenzata dal succedersi delle Piazza Maggiore
stagioni, e i gesti semplici e ancestrali degli eroi della 21.45 EL ABRAZO DE LA SERPIENTE
campagna, il loro rapporto con gli animali e la natu- (Colombia-Venezuela-Argentina/2015)
ra. Intravedendo le profonde trasformazioni provocate di Ciro Guerra (125)
dallarrivo dellelettricit e della modernit. Quello che Lepica storia del primo contatto, dellincontro,
provano oggi gli spettatori di Farrebique in qualche dellavvicinamento, del tradimento e, alla fine,
modo simile a quello che provano gli spettatori meravi- delleterna amicizia tra Karamakate, uno sciamano
gliati per la visione delle prime vedute Lumire. A modo dellAmazzonia, ultimo sopravvissuto del suo po-
suo, Rouquier ha reinventato il cinema (Andr Bazin). polo, e due scienziati che, per primi, hanno attra-
Restauro realizzato nel 2016 da clair / Groupe Images versato lAmazzonia nord-occidentale alla ricerca
con il sostegno del CNC Centre National du Cinma e di saperi ancestrali. Ispirato ai diari delletnologo
il coordinamento di Les Documents Cinmatographiques. tedesco Theodor Koch-Grunberg e del botanico
EN AUVERGNE (Francia/1914, 4) americano Richard Evans Schul. Una terra grande
La regione francese rivive con tocchi (colorati in po- quanto un continente, ancora da raccontare. Mai
choir) che saremmo tentati di definire impressionisti. vista nel nostro cinema. Oggi lAmazzonia perdu-
Una recensione depoca riversa entusiasmo: Questo ta. Al cinema pu rivivere (Ciro Guerra).
film prodigo di bellezze e meraviglie: basterebbe la
presenza delle montagne ad alimentare la nostra am- Cinema Lumire
mirazione, ma ci sono anche i fiumi, le gole, i vivaci 22.00 THE TRUE COST
villaggi coi loro abitanti pieni di calore. (USA/2015) di Andrew Morgan (92)
Un documentario che esamina le conseguenze economi-
07 MERCOLED che, sociali e ambientali della crescente espansione glo-
bale dellindustria della moda, dalle aziende che sfrut-
tano lavoratori sottopagati ai pesticidi utilizzati nella
Cinema Lumire coltivazione del cotone. Girato in diversi paesi, dalle pi
18.00 HORTOBGY luccicanti vie del fashion ai pi squallidi bassifondi,
(Ungheria/1936) di Georg Hellering (82) attraverso interviste a lavoratori, giornalisti, esperti di
Partito con lidea di girare un documentario esotico nei consumi e leading influencer come Stella McCartney, Li-
mari del Sud, Hellering si ferm a soli quattrocento chi- via Firth e Vandana Shiva, The True Cost ci interroga sul
lometri dalla sua Vienna nellHortobgy, un vasto territo- nostro bisogno di avere sempre di pi a sempre meno. E
rio della puszta, la pianura stepposa ungherese, filmando su chi paga veramente il prezzo dei nostri vestiti.
per due estati tra il 1935 e il 1936 uccelli, pecore, bovini, NUBIA, WADI HALFA AND THE SECOND
cavalli, sorgenti, abitazioni rurali e soprattutto gli abi- CATARACT (GB/1911, 6)
tanti di un ambiente ancora pressoch intatto, allora solo Wadi Halha, allintersezione tra Sudan e lEgitto, il
lambito dalle insidie della modernit. Il risultato uno dei centro commerciale pi importante della Nubia. Coi
pi grandi cinepoemi del Novecento, elegiaca celebra- colori del Kinemacolor, questo film ne d piena testimo-
zione di un mondo mitico e meraviglioso, pietra miliare nianza, tra battelli sul Nilo caricati di bestiame, danze
della moderna cultura magiara e fonte di ispirazione per tradizionali, carovane di cammelli nel deserto.
scrittori e cineasti come Sndor Mrai e Mikls Jancs.
Fondamentale il contributo del compositore Lszl Lajtha
che crea qui uninnovativa tessitura musicale attingendo
al patrimonio della musica popolare.
08 GIOVED
LE TH: CULTURE, RCOLTE, PRPARATION Cinema Lumire
INDUSTRIELLE (Francia/1909, 5) 18.00 POUR LA SUITE DU MONDE
La coltivazione, la raccolta e la lavorazione del t (Canada/1963)
nellisola di Ceylon in un film industriale del 1909 con di Michel Brault e Pierre Perrault (105)
splendidi colori pochoir. Pierre Perrault e Michel Brault sono tra i registi che
pi di tutti hanno contribuito alla nascita del cine-
Cinema Lumire ma diretto rinnovando il linguaggio del documenta-
20.00 THE LAST PIG rio. Pour la suite du monde certamente una pietra
(USA/2017) di Allison Argo (54) miliare della loro collaborazione. A spingerli sulll-
La regista Allison Argo accompagna un allevatore di maiali e-aux-Coudres, isola qubcoise nellestuario del San
durante il suo ultimo anno di macellazione di suini. Mano a Lorenzo, fu il desiderio di registrare riti, costumi e
mano prende forma una meditazione sulla vita, sulla morte lingua dei pescatori di focene. Il risultato uno stra-
e su cosa significhi essere una creatura senziente con il ordinario affresco in cui i gesti quotidiani della pesca
potere di uccidere. La cura verso gli animali, latmosfera si fondono con uno spirito mitico che mette insieme i
misteri della luna, il culto degli antenati, la potenza ASCENSIONE AL CERVINO
delle maree, la concezione sacrale della tradizione, un (Italia/1912) di Mario Piacenza (13)
senso di identificazione con il regno animale. Mario Piacenza, appassionato alpinista, tent nel
Copia proveniente da Office National du Film du Canada 1911 la scalata al Cervino passando per linespug-
EXCURSION AUX CHUTES DU NIAGARA nata cresta di Furggen. Decise di portare con s una
(Francia/1906) di Lo Lefebvre (6) cinecamera per documentare limpresa. Immagini in-
In questa veduta Path frres del 1906 unescursione credibili per bellezza e limpidezza, specie consideran-
in barca sul San Lorenzo di fronte al maestoso spet- do le condizioni critiche in cui furono girate.
tacolo della cascate del Niagara.

Cinema Lumire
20.00 DUSK CHORUS BASED ON FRAGMENTS
09 VENERD
OF EXTINCTION Piazza Maggiore
(Italia/2016) di Nika aravanja e Alessandro dEmilia (68) 21.45 COLLAPSE OF THE OCEANS
Un viaggio sonoro nella foresta amazzonica dellE- (USA/2016) di Martha Jeffries (50)
cuador. Unesperienza a un tempo sensoriale, scien- Episodio della serie televisiva Years of Living Dan-
tifica e poetica, guidata dal ricercatore e compositore gerously, prodotta tra gli altri da James Cameron e
eco-acustico David Monacchi, autore del progetto Arnold Schwarzenegger, illustra come laumento del-
multidisciplinare Fragments of Extinction. Lobiettivo le emissioni globali e il conseguente innalzamento
quello di registrare il ricchissimo patrimonio sonoro della temperatura degli oceani produca effetti de-
di un ecosistema antico, archivio di milioni di anni di vastanti sulla vita marina. Guida e portavoce lat-
evoluzione sulla Terra, minacciato dai cambiamenti tore americano Joshua Jackson, in viaggio verso la
climatici, dalla sopraggiunta siccit e dalla pervasiva Grande barriera corallina australiana, la pi estesa
presenza delle compagnie petrolifere. del mondo, il cui ecosistema unico e delicato se-
Introducono Nika aravanja, Alessandro dEmilia e riamente minacciato, e nelle Filippine, dove il corallo
lartista musicale David Monacchi ha un ruolo determinante nelleconomia locale, oltre
GRADO E LA LAGUNA DI AQUILEJA (Italia/1910, 3) a rappresentare unindispensabile difesa naturale
A bordo di un barcone tra le placide acque della laguna, per le zone costiere. Salvare gli oceani decisivo per
e poi a passeggio tra le bellezze architettoniche di Aquil- la salvaguardia della nostra stessa specie.
eia. In un film di viaggio colorato a pochoir e imbibizioni. Per gentile concessione di National Geographic
Partners Italia
Piazza Maggiore
21.45 PUNTO DI NON RITORNO
BEFORE THE FLOOD
(Before the Flood, USA/2016)
di Fisher Stevens (96)
10 SABATO
Da sempre attivo sul fronte ecologista, Leonardo Piazza Maggiore
DiCaprio protagonista e produttore di questo 21.45 THANK YOU FOR THE RAIN
documentario che lo vede impegnato, nel ruolo di (Norvegia-Kenya/2017)
ambasciatore della pace per le Nazioni Unite, in un di Julia Dahr e Kisilu Musya (90)
viaggio attraverso il pianeta per documentare gli ef- Da oltre cinque anni Kisilu, piccolo proprietario ter-
fetti del cambiamento climatico globale e incontrare riero keniota, usa la videocamera per documentare
leader politici sollecitandoli allazione. Tutti devono gli effetti del cambiamento climatico sulla vita
pretendere che i rappresentanti politici intervengano
con pi coraggio per fare gli interessi di tutti e non della sua famiglia e del suo paese. Inondazioni,
quelli delle corporation. Questo documentario ci mo- siccit e alti costi umani: labbandono scolastico
stra come il destino dellumanit sia interconnesso dei bambini per limpossibilit di pagare la retta,
ma anche il potere che abbiamo per costruire un gli uomini che si spostano nelle citt in cerca di
futuro migliore per il nostro pianeta. lavoro. Quando una violenta tempesta fa incon-
Per gentile concessione di National Geographic trare Kisilu e la filmmaker norvegese Julia Dahr, lo
Partners Italia vediamo trasformarsi nel leader di una comunit di
Introduce Gian Luca Galletti, Ministro dellambien- contadini e attivista a livello mondiale. Il loro mes-
te e della tutela del territorio e del mare saggio di speranza arriver a infrangere lufficia-
lit della Conferenza di Parigi sul clima del 2015.
Cinema Lumire
22.00 HOMO SAPIENS
(Austria-Svizzera-Germania/2016)
di Nikolaus Geyrhalter (94)
Lo sguardo di un autore che da sempre ha rappresen-
12 LUNED
tato in modo radicale le trasformazioni dellambiente Piazza Maggiore
nel quale viviamo. Le immagini sembrano provenire 21.45 IL MONDO PERDUTO
da un futuro distopico, postapocalittico e postumano. I CORTOMETRAGGI DI VITTORIO DE SETA
Edifici abbandonati, negozi, cinema, ospedali, uffici, (Italia/1954-1959, 90)
scuole, una libreria, parchi divertimento e prigioni. Un antropologo che si esprime con la voce di un
Luoghi deserti di nuovo reclamati dalla natura, sotto poeta (Martin Scorsese). Il mondo perduto racco-
forma di muschi, arbusti, foreste che crescono rigo- glie i documentari che De Seta ha girato in Sarde-
gliosi sui resti della civilt umana. Una civilt capace gna, Sicilia e Calabria tra il 1954 e il 1959, dove
di generare architetture allavanguardia, arte, tecno- il lavoro e i gesti quotidiani di pastori, pescatori e
logie, ma anche ideologie, guerre, disastri ambientali contadini evidenziano la forza di un rito antichis-
e infine la sua stessa autodistruzione. simo e la dignit di un rapporto anche doloroso,
eppure leale, con mare terra e cielo. De Seta, dopo La programmazione di Piazza Maggiore a cura di
cinquantanni, tornato su questi lavori restaurati Giulia Camilla Braga (Word Bank Connect4Climate)
dalla Cineteca di Bologna e, con piccoli ritocchi, li in collaborazione con Gaetano Capizzi (Cinemambian-
ha montati nel racconto continuo di un mondo che, te) e Stefano Francia di Celle.
se allepoca sembrava in via destinzione sotto i col- La programmazione del Cinema Lumire a cura di
pi del progresso, oggi ci pare conservi il senso di Stefano Francia di Celle in collaborazione con Giulia
grandezza e malinconia di un reperto archeologico. Camilla Braga e Gaetano Capizzi.
VITTORIO DE SETA MAESTRO DEL CINEMA Schede a cura di Alice Autelitano, Alessandro
(Italia/2016) di Simone Massi (3) Cavazza e Stefano Francia di Celle
Una fiaba animata ispirata allopera di De Seta,
con lo scopo di richiamare il significato pi profon- In copertina: Homo Sapiens di Nikolaus Geyrhalter
do del concetto di esposizione al mondo.
Per gentile concessione di BO FILM
Introduce Michelangelo Frammartino IN MOSTRA

13 MARTED
Piazza Maggiore
21.45 DERSU UZALA, IL PICCOLO UOMO
DELLE GRANDI PIANURE
(Dersu Uzala, Giappone-URSS/1975)
di Akira Kurosawa (141)
Dersu Uzala un piccolo cacciatore mongolo che
vive nella taiga siberiana da sempre, con unespe-
rienza inesauribile dei segreti della natura. Lesplo-
ratore Arseniev rimarr profondamente colpito dalla

Fondo Tiziano Costa / Cineteca di Bologna


sua saggezza e dal suo rapporto con gli elementi.
Girato in Siberia e in Russia, prodotto dalla Mosfilm,
il film di un poeta che ha avvertito lurgenza di
rievocare larmonia perduta fra luomo e la natura.
Kurosawa si ispirato alle memorie di Arseniev dei TRE SECOLI DI SGUARDI
primi del Novecento per raccontare un viaggio che MOSTRA

al tempo stesso spirituale, magico e avventuroso. 9 GIUGNO / 30 SETTEMBRE 2017


Copia proveniente da Mosfilm Bologna, Sottopasso di Piazza Re Enzo
Sponsor Sponsor tecnici In collaborazione con

14 MERCOLED BOLOGNA FOTOGRAFATA


Sottopasso di Piazza Re Enzo
Piazza Maggiore 9 giugno-30 settembre 2017
21.45 LES SAISONS
(Francia/2016) Il racconto vivo di una citt, della sua gente. quello
di Jacques Perrin e Jacques Cluzaud (96) che pu fare lo sguardo di un fotografo, testimone in-
Ottantamila anni. Tanto durata lultima glacia- stancabile di tutto ci che accade, della vita di tutti i
zione. Dopo la quale la terra ha cambiato forma e giorni. Cos, attraverso lo sguardo di molti fotografi,
aspetto, le stagioni hanno avviato il loro ciclo, la flora vogliamo ripercorrere la Bologna novecentesca, quella
e la fauna si sono evolute. Jacques Perrin e Jacques che si affaccia alla modernit, pur lasciando ancora
Cluzaud ci raccontano la storia della foresta del con- allobiettivo qualche scampolo di maestosa antichit
tinente europeo dalla fine di quel lungo inverno ad (le mura) o un inimmaginabile profilo fluviale.
oggi, una storia in cui luomo non protagonista, ma La capacit unica della fotografia di cogliere e fissare
profondamente legato alla natura e agli animali. le rivoluzioni urbanistiche a cavallo tra Otto e Novecen-
to la scintilla che innescher un lungo viaggio nel
corso del quale incontreremo personaggi e storie della
citt (dalla Prima guerra mondiale agli anni del fasci-
smo, dalla Liberazione alla ricostruzione del secondo
dopoguerra, con Dozza, Lercaro, Zangheri), intreccian-
do questo cammino a quello della fotografia stessa,
dal 9 al 19 giugno arte e mestiere che a Bologna ha visto allopera artisti
www.biografilm.it come Enrico Pasquali, Aldo Ferrari, Nino Comaschi.

Cinema Lumire
Venerd 9 giugno, ore 19 - Cinema Arlecchino Piazzetta Pier Paolo Pasolini, 2b Bologna
Luned 12 giugno, ore 19.30 - Cinema Lumire
www.cinetecadibologna.it
AN INCONVENIENT SEQUEL: TRUTH TO POWER
(USA/2017) di Bonni Cohen, Jon Shenk (100) Versione originale con sottotitoli italiani
Prima della tempesta:
il cinema e la terra
Narrare attraverso 120 anni di cinema non solo come sia cambiato il pianeta, ma
come siano cambiati gli sguardi sul pianeta. Guardare il mondo con occhi diversi, seguire
i racconti di grandi documentaristi come Flaherty o De Seta, fino a quelli di Leonardo Di-
Caprio in Before the Flood: con questa idea la Cineteca di Bologna, in collaborazione con lo
storico festival torinese Cinemambiente insieme alliniziativa Film4Climate del programma
Connect4Climate di Banca Mondiale, presenter, in occasione di #ALL4THEGREEN e del G7
Ambiente in programma a Bologna dal 10 al 12 giugno, opere del presente e del passato,
capitoli di una speciale storia dello sguardo. Lo sguardo che gli uomini (con la macchina
da presa) hanno rivolto nel tempo alla Terra, pianeta verde, casa comune, habitat in peren-
ne trasformazione, e oggi in sempre pi stringente pericolo.
Al di l dellurgenza politica del tema, che ovviamente tutti avvertono, e che trova una cos
lucida definizione proprio nel film prodotto e interpretato da DiCaprio (siamo davvero a un
punto di non ritorno, lo sfruttamento dellecosistema ci condanna a un destino segnato,
se non si d immediato seguito a una serie di controazioni, appunto, politiche), al di l di
questa urgenza i film scelti restituiscono le radicali mutazioni nel modo di rappresentazione
dellambiente che ci circonda. Una storia di grande fascino, che conduce dalla vertigine
della scoperta dei primi anni del cinema allepica dei cicli naturali intrecciati al lavoro uma-
no di Dovenko, allesotismo etnografico di Flaherty, fino a unosservazione che negli ultimi
decenni si andata facendo sempre pi puntuale, militante, allarmata; dove il punto il ba-
ratro di fragilit che si spalanca dietro ogni immagine della terra che calpestiamo, dellaria
che respiriamo, sottoposte a ogni genere di abuso, chimico, industriale, edilizio, bellico

Gian Luca Farinelli

Il cinema nato con la luce. I fratelli Lumire, nomen omen, inventando un meccanismo
in grado a un tempo di catturare la realt e di accendere la nostra immaginazione, hanno
illuminato il mondo raccontando storie che influenzano il presente cos come il futuro.
Dobbiamo seguire il loro insegnamento, illuminando il mondo con un nuovo modo di vivere
e di condizionare il nostro futuro.

Lucia Grenna, Connect4Climate - World Bank Group