Sei sulla pagina 1di 8

DISEGNARECON volume 9 / n.16 - giugno. 2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M.

ISSN 1828-5961
Antonella Di Luggo
Professore Ordinario di Rilievo dellAr-
chitettura presso il Dipartimento di
Architettura dellUniversit di Napoli
Federico II. Ha pubblicato numerosi
testi e saggi nel campo del rilievo e
della rappresentazione del patrimonio
architettonico e pi recentemente sulle
tecnologie innovative per il rilievo e la
rappresentazione digitale.

Simona Scandurra
Architetto, svolge attivit di ricerca
presso il Dipartimento di Architettura,
Universit di Napoli Federico II, con
particolare riferimento ai temi del ri-
lievo con tecnologie innovative range-
based ed image-based e della model-
lazione digitale e parametrica. Borsista
presso Stress, distretto ad alta tecnolo-
gia sulle costruzioni sostenibili.

La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la cono-


scenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM
The knowledge of the architectural heritage in HBIM systems from the
discrete model to the parametric model
Lapplicazione di una rappresentazione BIM al The application of BIM to architectural heritage
patrimonio storico e dunque la parametrizza- and therefore the parameterization of its ele-
zione di realt caratterizzate da infinite possibili ments show a certain complexity, because the
variazioni presenta notevoli gradi di complessit, historical built environment must be subject to
riconducibili alla necessit di predisporre letture systematic readings, in order to detect an infor-
sistematiche del costruito storico, nellottica di mation system based on ontologically defined
individuare un sistema informativo definito sulla elements, which must be associated with data
base elementi ontologicamente definiti, a cui as- able to document their material, historical and
sociare dati capaci di documentarne le specificit constructive peculiarities.
materiche, storiche e costruttive. With reference to a case study, this paper exa-
In riferimento ad un caso studio, il contributo mines some theoretical implications and opera-
esamina alcune implicazioni teoriche e proce- tional procedures concerning the transition from
dure operative che investono il passaggio dal mo- discrete three-dimensional model of point clouds
dello tridimensionale discreto di nuvole di punti to a parametric model.
al modello parametrico.
Parole chiave: BIM, HBIM, ontologia, modellazio-
ne, patrimonio architettonico.
Keywords: BIM, HBIM, ontology, modeling, Archi-
tectural Heritage.
http://disegnarecon.univaq.it
DISEGNARECON volume 9/ n.16 - giugno.2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M. DI LUGGO - SCANDURRA 11.2
ISSN 1828-5961 La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la conoscenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM
1-2. Rappresentazione CAD in pian-
ta e sezione longitudinale della chie-
sa di San Pietro in Vincoli (Napoli).
Elaborazione Giulia Di Martini.
INTRODUZIONE AL BIM

Gi da molti anni lintroduzione della modellazione


per oggetti (BIM) ha determinato modifiche sostanziali
nelle modalit di approccio al progetto di architettura,
consentendo una reale condivisione del lavoro e costi-
tuendosi il modello digitale pienamente sostitutivo del
reale.
Come noto possibile infatti predisporre informazio-
ni diversificate e ordinate in base ad un sistema logico
di conoscenze, queste ultime utili non solo nella fase
operativa di prefigurazione dellidea, ma disponibili
nellintero ciclo di vita del manufatto.
Se vero che latto del rappresentare implicitamente
rimanda alla costruzione di ci che viene rappresenta-
to, ci appare ancora pi vero laddove i sistemi BIM so-
stituiscono ad un sistema di linee indistinte, elementi
ontologicamente definiti, non solo nelle loro dimensio-
ni e funzioni, ma anche nelle reciproche relazioni, nei
materiali e nelle specificit intrinseche.
Solo apparentemente di natura esclusivamente tecno-
logica, il problema della modellazione per oggetti ha
fortissime implicazioni teoriche, in particolar modo
laddove la rappresentazione investa il campo del co- LHBIM PER LA MODELLAZIONE DEL COSTRUITO fondarsi su di una lettura sistematica del singolo manu-
struito storico e dunque riguardi lindividuazione di STORICO fatto, nellottica di individuarne, a priori, il sistema for-
parti ed elementi riconoscibili e classificabili allinter- male/strutturale a cui al contempo associare tutti quei
no di specifiche categorie. Larchitettura storica, infatti, Diverse sono le scale di applicazione del paradigma dati capaci di documentarne le specificit compositive,
non solo nelle sue esemplificazioni paradigmatiche, BIM, dalla scala dellarchitettura a quelle del paesag- costruttive, storiche e materiche. Operazione questa
ma anche nelle sue manifestazioni pi ricorrenti, non gio, del territorio e oltre. Tra queste, lHistoric Building che presenta notevoli difficolt, dovendo delineare
si presta alla standardizzazione dei suoi elementi, n Information Modeling (HBIM) riguarda in particolare il processi che individuino nel costruito la regolarit delle
tantomeno a soluzioni combinatorie individuabili a pri- patrimonio architettonico storico ed un ambito allat- forme, semplificando ci che in realt profondamen-
ori, ma piuttosto si manifesta attraverso un racconto tenzione di studiosi e ricercatori del settore del Rilievo te complesso e dando un ordine logico al sistema di
fatto di singole parole che ne ricostruiscono la storia e della Rappresentazione per le complesse implicazioni conoscenza.
nelle sue dimensioni, nelle sue parti, nei suoi materiali, a carattere teorico ed applicativo ad esso correlate, ri- Applicare i sistemi BIM al costruito storico significa
nei suoi usi nel tempo. sultando di fondamentale importanza per lo studio del sfruttare le potenzialit della modellazione parametri-
Il problema centrale pertanto quello di ricondurre costruito, ai fini della conoscenza, valorizzazione, con- ca e al contempo la precisione di rilievi reality-based.
la complessit ad un sistema, non pi di segni, ma di servazione e gestione, nonch per tutti gli interventi di E fondamentale infatti considerare lHBIM legato ad
elementi ontologicamente conclusi, la cui definizione manutenzione, rifunzionalizzazione, riuso e restauro. una acquisizione di dati attraverso sensori ottici attivi o
funzione degli obiettivi conoscitivi. In particolare, lHBIM [1] consiste nella applicazione passivi, dunque basato su dati acquisiti con tecnologie
La modellazione per oggetti si basa infatti su un diverso dei sistemi BIM al patrimonio architettonico storico laser scanner o fotomodellazione.
modo di affrontare il progetto di architettura e lo stu- e dunque nella predisposizione di sistemi informativi Questi possono essere registrati in nuvole di punti che
dio dellesistente, predisponendo modelli multidimen- complessi basati sulla modellazione parametrica di re- forniscono un calco perfettamente rispondente al rea-
sionali condivisibili con altre professionalit, anche sul- alt caratterizzate da infinite possibili variazioni. In tal le, con un numero di informazioni sovrabbondante ri-
la base dellinteroperabilit tra software. senso, la rappresentazione deve necessariamente spetto alla necessaria semplificazione che ogni rappre-
http://disegnarecon.univaq.it
DISEGNARECON volume 9/ n.16 - giugno.2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M. DI LUGGO - SCANDURRA 11.3
ISSN 1828-5961 La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la conoscenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM

sentazione richiede e la cui restituzione grafica pre- 3. Nuvola dei punti ottenuta col rilie-
senta tempi di elaborazione lunghi e differenti gradi di vo laser scanner della chiesa di San
Pietro in Vincoli (Napoli).
complessit.
Si comprende quindi come, per ottenere un modello
infografico il pi possibile completo e sempre imple-
mentabile, sia necessario che il lavoro venga coordina-
to da operatori con una consistente preparazione cul-
turale, che siano al tempo stesso competenti nelluso
di strumentazioni per lacquisizione di nuvole di punti
(laser scanner e/o fotogrammetria digitale), nella ela-
borazione e nel processamento dei dati acquisiti, non-
ch nella modellazione BIM [2].
A partire dalle nuvole di punti, il processo pu svilup-
parsi attraverso vari dispositivi con specifici output per
lottimizzazione dei dati: estrazione dei bordi, ricono-
scimento delle features, estrazione di profili da inter-
polare con il lofting o ancora produzione di ortofoto da
cui estrarre textures e valori dimensionali per la rap-
presentazione grafica, dando luogo in ogni caso ad en-
tit che restituiscono dati metrici da importare in sof-
tware di modellazione e da utilizzare come riferimento
per la restituzione .
Lobiettivo, nellambito dellHBIM, quello di ricondur-
re gli elementi mappati sulla nuvola di punti ad oggetti
parametrici, per associarvi dati informativi pluridisci-
plinari e creare un data base interrogabile, individuan-
do procedure opportune che siano in grado di tradurre presentazione. formale necessario per la individuazione e concettua-
la complessit del reale, senza perdere la specificit e La modellazione tradizionale si fonda, infatti, sul rico- lizzazione delle parti.
lunicit delle singole esemplificazioni. E necessario, noscimento di geometrie e nella sua rappresentazione A partire dalle nuvole di punti, il costruito viene dun-
dunque, assumere una generalizzazione tenendo con- genera sistemi di segni che denunciano, in base alla que rilevato nel suo calco virtuale e, attraverso la mo-
to, allo stesso tempo, della singolarit dei casi specifici. loro diversa evidenza, gerarchie di elementi e allusio- dellazione parametrica, ne viene data una ricostruzio-
In considerazione della presenza di forme complesse ni di profondit, trovando luogo il continuum del reale ne conforme al reale, aumentata di informazioni e dati
spesso irriducibili le une alle altre, non possibile, per nella bidimensionalit del piano o nella virtualit dello che ad esso si correlano e ne costituiscono il sotteso
il costruito storico, ricondursi alle librerie esistenti, ma spazio digitale, affidando a letture ed interpretazioni fondamento storico, compositivo e costruttivo.
necessario individuare nuovi insiemi di prototipi di successive lindividuazione delle parti e la loro articola- Tra i software fondati sul sistema BIM (Revit, Archicad,
oggetti parametrici e costruire apposite librerie di on- zione costruttiva. La modellazione parametrica chiede Allplan), Revit di Autodesk consente di importare e ge-
tologie, correlate da specifiche relazioni compositive e invece ex ante il riconoscimento di parti ed elementi stire nuvole di punti ed elaborarle in modo da ottenere
strutturali, in cui ogni elemento assuma un ruolo nel ontologicamente definiti a cui associare successiva- sezioni, profili, piante e ipografie e, attraverso la mo-
disegno del tutto e nel rapporto con altri elementi. mente specifiche caratteristiche materiche e costrutti- dellazione con masse, ottenere un modello grezzo da
E interessante sottolineare come, attraverso la model- ve, assumendo dunque tutte le connotazioni dellog- affinare. Il riconoscimento delle forme non automati-
lazione parametrica, venga a compiersi un passaggio getto reale nello spazio virtuale. co, come non lo la costruzione di elementi tridimen-
fondamentale dalla forma della rappresentazione alla La formulazione del modello dunque non pi per for- sionali aderenti ai punti della nuvola, ma necessario
rappresentazione del contenuto, dovendosi costruire ma ma per contenuto, non consentendo di prescindere utilizzare altri software, sin dalle prime fasi (ReCap),
a priori uno schema teorico e analizzare gli oggetti e dal riconoscimento ontologico delle singole parti per la per semplificare la nuvola, segmentarla in livelli e se-
le relazioni che popolano il dominio al quale il sistema sua definizione e ad esse facendo riferimento nel lessi- pararla in piccole porzioni, nellottica di rendere pi
si applica per poterlo specificare nella sua tettonica, co e nella semantica che li collega. Lontologia si confi- agevole la modellazione delle parti.
allinterno del sistema informatico, per la sua rap- gura dunque quale strumento teorico e specificazione E ben noto che non esiste la possibilit di un arricchi-
http://disegnarecon.univaq.it
DISEGNARECON volume 9/ n.16 - giugno.2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M. DI LUGGO - SCANDURRA 11.4
ISSN 1828-5961 La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la conoscenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM

mento semantico automatico dei dati acquisiti, ma al-


cuni dispositivi possono essere utili per la trascrizione
dei punti della nuvola: in particolare VirtuSurv (Kubit-
Faro) consente di lavorare parallelamente in due spa-
zi digitali tridimensionali, navigando, da un lato, nelle
foto panoramiche delle nuvole di punti e costruendo
parallelamente, dallaltra, il modello in software di
modellazione. Il riconoscimento avviene, pertanto,
attraverso lindividuazione dei punti di interesse in vi-
sualizzazione panoramica e, contestualmente, gli stessi
punti selezionati vengono automaticamente visualizza-
ti nelleditor. Tale processo si mostra particolarmente
efficace, essendo le foto panoramiche proiezioni solide
ove non si verifica la sovrapposizione di piani come nel-
le nuvole di punti, consentendo pertanto la possibilit
di individuare in modo agevole e intuitivo gli elemen- 4-5. Chiesa di San Pietro in Vincoli, viste di dettaglio in Recap. Nella finestra in alto a destra notiamo i punti di stazione del laser scanner scelti in
ti nello spazio tridimensionale, garantendo al tempo fase di ripresa.
stesso la correttezza del procedimento nel contestuale
rilievo virtuale. (A.d.L.)

CASO STUDIO: LA CHIESA DI SAN PIETRO IN VIN- strutture del Centro [6], ottenendo cos un primo mo- ha una sua precisa identit e contiene gi intrinseca-
COLI A NAPOLI dello discreto per punti da cui derivare dati metrici e mente le specifiche caratteristiche di quella tipologia
morfologici. Il rilievo stato effettuato con un numero di elemento in quanto associa ad ogniuno dati diver-
Attualmente, presso il Dipartimento di Architettura e il limitato di scansioni grazie al posizionamento di target sificati, garantendo al contempo la congruenza tra le
Centro Interdipartimentale di Ricerca Urban Eco dellU- sferici e a scacchiera e alla conformazione della chiesa parti in un sistema strettamente interconnesso, dove
niversit di Napoli Federico II il gruppo di ricerca [3] stessa che presenta un impianto longitudinale definito ogni modifica comporta necessariamente la variazione
che lavora sui temi del rilievo e della rappresentazione da unaula unica che non determina significative zone di tutti gli elementi ad esso collegati.
dellarchitettura con particolare riferimento alle nuove dombra. Per la realizzazione del modello parametrico [8]si
tecnologie, sta portando avanti una sperimentazione A seguito del rilievo si proceduto con linserimento previsto di utilizzare la nuvola come base dappog-
che si pone come obiettivo quello di applicare il BIM dei dati in FaroScene, per il processamento e la re- gio, utilizzando Autodesk Recap per la conversione di
al costruito storico [4], con particolare riferimento al gistrazione delle scansioni in ununica nuvola di punti, formato. In particolare si potuto utilizzare lo snap
patrimonio architettonico a carattere religioso presen- eseguendo le operazioni di visualizzazione e di elimina- sui punti per un corretto posizionamento delle viste,
te nella citt di Napoli. Ci fa seguito ad una pi ampia zione del rumore, la decimazione e il filtraggio dei dati oltre che per una verifica costante e immediata degli
ricerca [5] nellambito della quale sono state censite e lassegnazione di un sistema di riferimento [7]. elementi modellati, anche dal punto di vista dimensio-
e mappate sul territorio napoletano oltre 400 chiese, La nuvola di punti cos ottenuta per quanto configuri nale.
distinguendole in base alla propriet e al loro attuale un calco perfettamente rispondente al reale al tem- E stata esclusa la modellazione totalmente in place,
utilizzo. Allinterno della pi generale ricognizione sul po stesso un modello privo di intelligenza, che non ossia direttamente allinterno del progetto, in quanto
territorio, sono state selezionate oltre trenta chiese di discretizza il bene rilevato, ma presenta un insieme di presenta funzioni di gestione limitate, non rendendo
cui stato effettuato un rilievo architettonico e dello coordinate che producono un 3D della realt del tutto inoltre possibile la registrazione di precisi parametri
stato di conservazione: tra queste la chiesa di San Pie- inconsapevole di ci che rappresenta, per quanto mi- per ognuna delle parti che compongono linsieme.
tro in Vincoli sita in via Sedile di Porto che stata utiliz- surabile e fedelmente riprodotto, allo stesso modo di Il progetto stato georiferito e i livelli -intesi come pia-
zata quale campione sperimentale per la modellazione quanto accade in un modello 3D geometrico costituito ni di lavoro- sono stati utilizzati come riferimento nella
parametrica di forme complesse. da segni la cui interpretazione demandata a colui che scomposizione del manufatto ed in particolare per i
La ricerca ha previsto una prima fase di rilievo sul cam- ne legge larticolazione, nel rimando a ci che viene piani orizzontali e verticali che consentono di ripartire
po attraverso la tecnologia laser scanner utilizzando, rappresentato. lo spazio nelle diverse viste di default.
nello specifico, le strumentazioni disponibili presso le Al contrario, in un modello parametrico, ogni elemento Prima di definire tali piani, risultato conveniente ra-
http://disegnarecon.univaq.it
DISEGNARECON volume 9/ n.16 - giugno.2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M. DI LUGGO - SCANDURRA 11.5
ISSN 1828-5961 La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la conoscenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM

6. Individuazione dei punti in VirtuSurv direttamente sulla foto panoramica e modellazione automatica in 7. Costruzione dei piani di lavoro effettuata in Revit utilizzando come base la nuvola di punti. Ci ci permette di
Revit. avere al contempo assi di riferimento per la modellazione, piani di lavoro e viste di defoult.

gionare sullo spazio da rappresentare, leggendone le dino di invito e da archi a tutto sesto in corrispondenza terminati elementi.
specificit e larticolazione, nellottica della sua virtuale dei quali, nella parte alta dellaula, sono presenti vani La modellazione ha preso avvio dal perimetro del cal-
ricomposizione con gli strumenti messi a disposizione di apertura inquadrati allinterno delle lunette nella pestio e dal posizionamento dei muri, scorporandoli
in Revit. volta di copertura. Tale sistema scandisce regolarmen- dallapparato decorativo e ripercorrendo virtualmente
La chiesa presenta un impianto longitudinale a nava- te lo sviluppo longitudinale dellaula ricomponendosi le fasi di costruzione del manufatto.
ta unica coperta da una volta a botte lunettata, tre linsieme in un unico disegno attraverso i profili della Una volta realizzati il calpestio e le pareti principali
cappelle per lato e termina con un arco trionfale che cornice superiore e della zoccolatura che delimita il pe- (pareti di contorno, pareti di separazione tra cappelle
delimita la zona del presbiterio coperta da una cupo- rimetro della chiesa. e navata centrale e le pareti di separazione tra le cap-
la riccamente decorata. Al fine di individuare classi di Anche la rappresentazione di elementi puntuali si pelle), si scelto di realizzare apposite famiglie per la
elementi da modellare stata quindi predisposta una mostrata complessa, richiedendo una iniziale semplifi- creazione delle volte e degli archi in particolare utiliz-
preliminare analisi del sistema architettonico, rileg- cazione in figure geometriche, specificando successiva- zando la famiglia del modello generico adattivo, realiz-
gendo linsieme nei macroelementi che definiscono il mente la rappresentazione nel dettaglio. zando la volta a botte parametrizzando il suo vuoto e
sistema strutturale (muri perimetrali, sistema di coper- Non stato possibile riferirsi alle famiglie di oggetti settando, in ambiente di progetto, i parametri in base
tura), per poi procedere alla modellazione di elementi esistenti, ma si reso necessario generarne di nuove, ai dati derivati dal rilievo.
di dettaglio. determinandone i parametri in un sistema identificati- In maniera simile si scelto di operare anche per la re-
Per sfruttare al massimo le potenzialit del BIM, sono vo della famiglia stessa, a cui associare informazioni sui alizzazione dellarco trionfale e della cupola sulla zona
state raccolte ed associate informazioni inerenti la materiali, sullo stato di fatto, sui rapporti geometrici e presbiteriale. Pi complessa la realizzazione della volta
composizione stratigrafica della muratura, ipotizzata in su tutto ci che caratterizza lelemento. che copre laula centrale, per la presenza delle lunet-
base al confronto con tipologie analoghe coeve. Nellambito del singolo progetto, le famiglie sono in- te, che hanno richiesto una parametrizzazione decisa-
E risultato particolarmente utile, inoltre, assumere fatti rappresentative di specifiche componenti, conno- mente pi fitta e laboriosa.
un approccio modulare, individuando la riproposizione tandosi con una precisa identit formale, tecnologica Una volta terminata la modellazione dei macro-ele-
di uno stesso schema compositivo in corrispondenza e funzionale e presentando una serie di possibili con- menti, stata avviata la fase di dettaglio delle superfici
delle cappelle laterali, queste ultime internamente de- figurazioni in funzione dei parametri che ne regolano murarie, a cominciare dalle lesene presenti tra le cap-
finite da volte a botte e segnate lungo laula da un gra- lidentit e consentendone lassociazione solo a prede- pelle, sempre creando apposite famiglie per ogni clas-
http://disegnarecon.univaq.it
DISEGNARECON volume 9/ n.16 - giugno.2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M. DI LUGGO - SCANDURRA 11.6
ISSN 1828-5961 La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la conoscenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM

8. Costruzione di un primo model- se di elemento.


lo semplice in Revit. Elaborazione Per le cornici, invece, si scelto di modellare in place
Gabriella Di Dato, Valerio Flavio De
Stefano, Simona Scandurra. una massa ottenuta per estrusione su percorso, dopo
aver creato una famiglia specifica di tipo profilo me-
trico per il profilo modanato, tracciando la sezione del
profilo attraverso il riferimento ad una ortofoto e asso-
ciandovi esclusivamente informazioni di tipo geometri-
co e materico.
Simile soluzione si scelta per le modanature che defi-
niscono gli archi e per la base dei piedritti che separano
le paraste, ritenendo adeguata la creazione della fami-
glia del profilo, soprattutto per la possibilit di specifi-
care i rapporti geometrici tra le varie modanature che
costituiscono linsieme.
Nellambito della ricerca stato sperimentato Point-
Sense della Kubit-Faro nella versione Heritage, un sof-
tware che aggiunge una serie di funzionalit per Re-
vit in riferimento allinterazione tra modello e nuvola
di punti, producendo proiezioni dei dati acquisiti per
la costruzione speditiva di modelli 3D. In particolare
PointSense si dimostrato particolarmente utile per
le funzionalit del fitting che consente ladattamento
automatico del modello alla nuvola di punti, attraverso
analisi delle superfici che misurano lallontanamento
delluno rispetto allaltra, traducendo in linee e super-
fici porzioni di nuvole di punti.
Attraverso Point Sense, inoltre, si sono potute notevol-
9. Modanatura ottenuta per estru- mente semplificare le procedure di creazione dei profi-
sione del profilo precedentemente
disegnato in apposita famiglia. li modanati allinterno della specifica famiglia, perch
Ortofoto della pianta, del prospet- consente di segmentare la nuvola allinterno delledi-
to e della sezione utilizzate come tor, pervenendo ad una maggiore precisione nella rea-
guida. Elaborazione di Gabriella Di lizzazione del profilo.
Dato, Valerio Flavio De Stefano,
Simona Scandurra. Accanto a ci, stato possibile generare ortofoto della
nuvola direttamente nel software, cos da poter legge-
re le informazioni in modo speditivo, lavorando pertan-
to attraverso lintegrazione di tali funzioni con quelle di
base presenti in Revit. (S.S.)

CONCLUSIONI

Diversamente dalla modellazione geometrica che pro-


duce una rappresentazione anonima basata solo sulle
forme nelle quali pu essere scomposta lopera archi-
tettonica, il paradigma BIM induce a considerare la
specificit di ci che viene rappresentato, dove larchi-
tettura si propone quale sistema di parti ed elementi
http://disegnarecon.univaq.it
DISEGNARECON volume 9/ n.16 - giugno.2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M. DI LUGGO - SCANDURRA 11.7
ISSN 1828-5961 La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la conoscenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM
10. Modello infografico ottenuto. Elaborazione di Gabriella Di Dato,
Valerio Flavio De Stefano, Simona Scandurra.

organizzati secondo precise relazioni formali, struttu- In quanto tale, la rappresentazione ha un consistente mazioni non distinguibili per piani conoscitivi. Va in-
rali e funzionali. risvolto critico in quanto indaga nellambito di una co- vece perseguito lobiettivo di una rappresentazione
Ovviamente tali sistemi necessitano di basi documen- noscenza complessa, fornendone interpretazioni con intelligente (nelletimologia stessa della parola, intus
tarie affidabili capaci di restituire le determinazioni diverse chiavi di lettura. legere) capace di leggere la struttura formale dellarchi-
metriche e materiche del manufatto, nonch il suo sta- Se la rappresentazione si riconduce nella sua formu- tettura, le sue parti e il sistema logico che le correla,
to di conservazione. lazione teorica ad una operazione di costruzione di consentendo implicitamente allarchitettura di pren-
Appare pertanto opportuno adottare tali sistemi di co- un modello mentale, ci risulta ancora pi evidente dere coscienza di s, dandosi un contenuto tramite il
noscenza e rappresentazione al costruito storico per le nellapplicazione dei sistemi BIM, ove la chiarezza del quale possibile la sua rappresentazione.
potenzialit informative che in esso risiedono, poten- modello esito di una precisione analitica ed intellet-
do includere in un unico ambito digitale dati storici e tuale che garantisce la costruzione di un paradigma lo-
sulle trasformazioni, registrandone progressivamente gico disponibile ad ogni sezione illustrativa.
i diversi interventi di restauro o di semplice manuten- Ben sappiamo che per la conoscenza del reale ne-
zione, garantendo un controllo costante dellopera nel cessario un processo di semplificazione, in quanto solo
tempo e allestendo una documentazione aggiornabile riconducendo la complessit del reale ad uno schema
nel tempo. logico possibile conoscere e rappresentare. Pertanto
Come sempre, necessario capire gli obiettivi per i necessario trovare il giusto equilibrio tra la rappre-
quali viene effettuato il rilievo e di conseguenza la sua sentazione mimetica del reale e la sua semplificazione.
rappresentazione. La rappresentazione infatti costitui- La mimesi e la ricchezza descrittiva infatti non sempre
sce sempre lesito di un programma costruito con con- garantiscono la trascrizione dei significati del reale, ma,
sapevolezza e strutturato su di una precisa intenzione in quanto pedissequa imitazione, ne producono una
ed influenzato dalla cultura del tempo. copia, replicandone le apparenze e generando infor-
http://disegnarecon.univaq.it
DISEGNARECON volume 9/ n.16 - giugno.2016 LE DIMENSIONI DEL B.I.M. DI LUGGO - SCANDURRA 11.8
ISSN 1828-5961 La traduzione dal modello discreto al modello parametrico per la conoscenza del patrimonio architettonico nei sistemi HBIM
NOTE - Cultura ad impatto aumentato . Ti- BIBLIOGRAFIA and Spatial Information Sciences,
[1] H-BIM, Historical Bim Informa- tolo della ricerca: GBEY Una piatta- Alabiso, A., Campi, M., di Luggo, A., ISPRS Volume XXXVIII-5/W16.
tion Modeling, si differenzia dal forma integrata per la conoscenza, (2016). Il patrimonio architettonico
processo bim tradizionale per il la valorizzazione e la fruizione del ecclesiastico di Napoli. Forme e
fatto che lopera da modellare e patrimonio artistico e architettonico spazi ritrovati, Paparo Edizioni, Na-
informatizzare gi esistente e va negato nella citt di Napoli. poli ISBN 978-88-99130-24 4.
esplorata nelle sue precise conno-
tazioni. . [6] Per i rilievi stato utilizzato Brechin, F., Casidy, C., Dirix, E.,
un Laser Scanner Faro Focus 3d Dore, C., Mccarthy, S., Murphy,
[2] Se da un lato il BIM aiuta a x-130. M., (2015). Structural Simulations
coordinare le diverse figure del and Conservation Analysis -Histo-
processo edilizio introducendone [7] Le operazioni di rilievo e resti- ric Building Information Model, in
le competenze nei modelli (distinti tuzione dei dati sono state dirette The International Archives of the
in architettonici, strutturali, im- dal Prof. Raffaele Catuogno, Dipar- Photogrammetry, Remote Sensing
piantistici e di manutenzione) cos timento di Architettura, Universit and Spatial Information Sciences
da pianificarne la realizzazione e di Napoli Federico II che coordina (isprsarchives-XL-5-W4-351).
computarne le quantit per il can- gruppi di lavoro per la sperimen-
tiere, HBIM si concentra invece sul tazione di tecnologie di rilievo Clini, P., Malinverni, E. S., Nespe-
rilievo, sulla definizione dello stato no-contact (range based e image ca, R., Orlietti, E., Quattrini, R.,
di conservazione dei luoghi e dei based) e delle metodologie per il (2015). From tls to HBIM. High
materiali, per meglio pianificarne processamento e linterpretazione quality semantically-aware 3D
interventi consapevoli. () I mo- dei dati. modeling of complex architecture
delli BIM si basano sullaggrega- in The International Archives of the
zione di componenti parametrici [8] Hanno lavorato alla modellazio- Photogrammetry, Remote Sensing
intelligenti in grado di relazionarsi ne parametrica della Chiesa di San and Spatial Information Sciences
semanticamente tra loro. I modelli Pietro in Vincoli: Gabriella Di Dato, (isprsarchives-XL-5-W4-367)
dellesistente HBIM implicano la Valerio Flavio De Stefano, Simona
produzione esclusiva di tali oggetti Scandurra. Garagnani, S., (2015). Building In-
intelligenti, non reperibili da catalo- formation Modeling semantico e
ghi di produttori o geometrie pure, rilievi ad alta risoluzione di siti ap-
come nel caso del nuovo. Cfr. S. partenenti al Patrimonio Culturale,
Garagnani, HBIM nellesistente DISEGNARECON Numero Speciale
storico - Potenzialit e limiti degli DOCO 2012 Documentazione e
strumenti integrati nel recupero Conservazione del Patrimonio Ar-
edilizio, Ingenio, ottobre 2015. chitettonico ed Urbano ISSN: 1828
- 5961.
[3] Il gruppo di ricerca che sta la-
vorando sullapplicazioni HBIM al Garagnani, S., Cinti Luciani, S.,
patrimonio architettonico compo- (2011). Il modello parametrico in
sto da: Antonella di Luggo, Massi- architettura: la tecnologia B.I.M. di
miliano Campi, Raffaele Catuogno, Autodesk Revit, in DISEGNARE-
Domenico Iovane, Valeria Cera, Va- CON giugno 2011 - ISSN 1828-
lerio Flavio De Stefano, Gabriella Di 5961.
Dato, Simona Scandurra.
Mingucci, R., Garagnani, S., (2011).
[4] R. Catuogno, A. di Luggo, Dalla Strumenti digitali per la model-
nuvola di punti allHBIM. Rilievo e lazione darchitettura, in DISE-
modellazione per la conoscenza e GNARECON giugno 2011 - ISSN
la gestione del patrimonio archi- 1828-5961
tettonico, Contributo al workshop
3D Modeling & BIM, Applicazioni Murphy, M., McGovern, E., Pavia, S.,
e possibili futuri sviluppi, Roma 21- (2011). Historic Building Informa-
22 aprole 2016. tion Modelling - Adding Intelligence
to laser and image based surveys,
[5] La ricerca stata finanziata in The International Archives of the
dal MIUR- Bando Start up, Linea 2 Photogrammetry, Remote Sensing
http://disegnarecon.univaq.it