Sei sulla pagina 1di 83

In copertina: elaborazione grafica, immagine originale Luigi Filetici Numero 14 - 2015 - spedizione in a.p. POSTE ITALIANE D.L.

ANE D.L. 353/2003 (convertito in Legge del 27 febbraio 2004 n.46, art.1, comma 1 - LO/MI - 1 copia 3

EXPO 2015
Tutto lacciaio di

acciaiO
FOndaziOnE
PrOmOziOnE
A
dElETTEra wP
a
Architetture in acciaio
STAHLBAU PICHLER progetta, produce e costru-
isce in tutta Europa strutture in acciaio e facciate
continue. La capacit di dar vita alle architetture
pi evolute unendo la creativit italiana con la
precisione tedesca la caratteristica peculiare
dellazienda. La Vela di copertura di Palazzo Italia
allExpo 2015, progettata da Nemesi&Partner ne
rappresenta la perfetta sintesi.

www.stahlbaupichler.com
Leccellenza
FEM
accessibile.
Nativo Non-Lineare www.hsh.info
Calcolo strutturale ad elementi finiti al vero secondo NTC 2008, EC2 e EC3
Nessun limite pratico al calcolo strutturale
Importante sessione dedicata allingegneria civile
allInternational CAE Conference da pi di 30 anni il pi importante
evento specializzato in Italia, e uno dei pi importanti in Europa,
per chi si occupa di calcolo con il supporto dellelaboratore.
www.caeconference.com/cs - 19/20 Ottobre 2015
Pacengo del Garda (VR) - In continuit con le
2015 Giornate Straus7 al SAIE - www.hsh.info/saie.htm
Ponte Ostiense a Roma

Una delle conferenze annunciate: Structural design for tensile structures.


Relatore Ing. Massimo Maffeis

Unazienda giovane, solida e competente che


parte dal progetto, passa per la realizzazione prrecisione
Seriet, dedizione e precisione
e termina con la messa in opera.
Fornisce soluzioni complete grazie alle com-
petenze acquisite negli anni nei settori della Cardo e Decumano
carpenteria metallica, serramenti in acciaio,
facciate continue e ventilate.

www.berterocarpenteria.it

Padiglione Germania

Immagini per gentile concessione Maffeis Engineering S.p.A.


Padiglione Kuwait

Padiglione Messico

HSH srl - Tel. 049 663888 - Fax 049 8758747 Distributore esclusivo per lItalia
www.hsh.info - straus7@hsh.info del codice di calcolo Straus7
La nostra visione di EXPO
Oltre a Nutrire il pianeta, energia per la vita esiste un'altra prospettiva con
cui guardare ad EXPO 2015: tutto ci che stato fatto per creare, dal nulla e
in tempi rapidissimi, la spettacolare Architettura dei padiglioni che incantano i
milioni di visitatori e che saranno uno dei pi bei ricordi di questa manifesta-
zione in tutto il mondo.

Nelle emozioni delle forme, nei virtuosismi delle strutture, nelle modellazioni
tridimensionali si celano competenze ingegneristiche e costruttive pienamente
consapevoli dellhic et nunc, accuratamente rispettose dei vincoli progettuali
dati dallUfficio di Piano di EXPO per la realizzazione delle opere, ma al
contempo libere nellesprimere il fil rouge dellesposizione.

Evolvere la creativit delle geometrie con un occhio attento alluso di materiali


ecologici, alla sicurezza per le persone, alla sostenibilit, agli ampi spazi dedi-
cati al verde, vigili al vincolo fermo della temporaneit del sito, ha
comportato una preparazione dellArte complessa che rendesse possibile
dispiegare la forma mentis del concept iniziale dei padiglioni sui materiali,
sui cantieri, sulle procedure costruttive, sulle tecnologie e oltre.

E lACCIAIO, grazie alle elevate capacit strutturali e alle infinite possibilit


architettoniche, nelle opere permanenti e temporanee, nelle infrastrutture e
nelle estetiche, ha saputo coniugare la bellezza dellintelletto umano in metodi
e processi costruttivi efficienti e ottimizzati: perch riciclabile al 100%, per le
caratteristiche performanti dei prodotti che vengono utilizzati, per la duttilit
che lo caratterizza, perch consente la dismissione e la reversibilit delle
opere, perch permette grandi luci con pochi ingombri di sostegno e tempi di
costruzione ridotti, ma soprattutto perch indubbiamente bello.

Perch la progettazione in acciaio sinonimo di precisione, affidabilit,


semplificazione dei processi costruttivi e bellezza architettonica.

Utilizzare lAcciaio significa dare agli investimenti un indubbio valore aggiunto,


che persister nel tempo.
Perch lAcciaio infinito: montaggio, smontaggio, riciclo e nuova vita, ogni
volta diverso.

E vivibile, nel senso pi vero del termine.

Ed Expo Milano 2015 ha scelto proprio lACCIAIO, nella quasi totalit del
costruito, per rendersi reale e trasformarsi in Arte di fronte al mondo.

Simona Martelli
Direttore Generale
Fondazione Promozione Acciaio

5
IN QUESTO NUMERO
154
REPUBBLICA CECA
26 36 104 08
BRASILE CINA SANTA SEDE VELA DI COPERTURA PALAZZO ITALIA
48 156 118 157
EXPO CENTRE REPUBBLICA DI COREA THAILANDIA GIAPPONE
130 62 78 155 157
URUGUAY ISRAELE NEW HOLLAND ECUADOR RUSSIA
154 54 156
SVIZZERA GERMANIA SLOVACCHIA

32 16 142 66 126
CASCINA TRIULZA ARGENTINA VANKE KUWAIT TURCHIA
136
USA

156 155
MAROCCO INDONESIA
20 84
AZERBAIGIAN PASSERELLA EXPO-MERLATA
84 155 40 72
PASSERELLA EXPO-FIERA VIETNAM EMIRATI ARABI UNITI MESSICO
154 108 98
150 KAZAKISTAN THEME CORPORATE PAVILIONS REP. ISLAMICA DELLIRAN
PADIGLIONE ZERO 154
92 OPEN AIR THEATRE
156 REGNO UNITO
BIELORUSSIA 112 155
TENDE CARDO E DECUMANO UNGHERIA
6 7
VELA DI COPERTURA DI PALAZZO ITALIA

ph. Luigi Filetici


ph. Luigi Filetici
VELA DI COPERTURA
DI PALAZZO ITALIA

Committente
EXPO 2015 spa
Design
Nemesi & Partners srl,
Arch. Michele Mol e
Arch. Susanna Tradati
Design partners
Engineering e Cost Management
Proger spa
Strutture e impianti
Bms Progetti srl
Sostenibilit ambientale
Prof. Ing. Livio de Santoli
Contractors palazzo italia Edificio
Italiana Costruzioni spa
Involucro ramificato
Italcementi spa e Styl-Comp
Group
Vela di copertura
Stahlbau Pichler srl

Il Padiglione Italia prevede la espressione dinnovazione sia mensionale sicuramente circolari e da nodi di collega-
realizzazione di Palazzo Italia in termini di progettazione una delle sfide tecnologiche mento realizzati con giunti
(circa 13.200 mq su 6 livelli che di tecnologia. Landa- pi avvincenti nella progetta- nascosti. La definizione della
fuori terra, dimensioni 57,5 m mento della copertura trova il zione e realizzazione di tipologia di vetro impiegato
x 57,5 m x 25 m) e degli edifici suo punto di maggior espres- Palazzo Italia. La struttura nelle differenti porzioni di
temporanei del Cardo (circa sione architettonica in corri- spaziale, del peso comples- superficie stata particolar-
13.700 mq su 3 livelli fuori spondenza del cuore della sivo di 350 tonnellate, costi- mente accurata: circa 2.000
terra). A copertura di Palazzo piazza interna; un grande tuita da un'orditura primaria fissaggi puntali sono stati
Italia, una vela dal design lucernario vetrato di forma in travi reticolari in acciaio studiati ad hoc per sostenere
innovativo interpreta limma- conica si inserisce in so- realizzate con correnti supe- vetri stratificati, vetrocamera
gine della chioma di una fore- spensione sulla piazza e riori ed inferiori in profili tu- ed elementi fotovoltaici
sta, caratterizzata da vetro sulla scala centrale irradian- bolari a sezione circolare di planari o curvi. Palazzo Italia,
fotovoltaico e da campiture dole di luce naturale. La spet- qualit S355J2H e puntoni conclusa lesposizione uni-
geometriche per lo pi tacolare vela di copertura in verticali in piatti sagomati. versale, rester unopera
quadrangolari, sia piane che acciaio e vetro ampia circa La carpenteria metallica permanente vincendo cos le
curve, assieme allinvolucro 4.500 mq e caratterizzata da completata da un'orditura sfide dellinnovazione e della
ramificato delledificio un complesso disegno tridi- secondaria in profili tubolari sostenibilit.
ph. Stahlbau Pichler

ph. Lorenzo De Simone

ph. Luigi Filetici


ph. Luigi Filetici

ph. Luigi Filetici


UN'OPERA PERMANENTE E CUSTOMIZZATA, ESPRESSIONE D'INNOVAZIONE, CREATA CON UN UNICO MODELLO LA VELA: UNA STRUTTURA SPAZIALE DI 4.500 MQ DI SUPERFICIE REALIZZATA CON 350 TONNELLATE DI ACCIAIO.
STRUTTURALE.

ph. FPA
ph. Lorenzo De Simone

ph. Stahlbau Pichler

12 13
ph. Luigi Filetici
ph. Lorenzo De Simone

PADIGLIONE ARGENTINA

ph. Lorenzo De Simone


17
ph. GLG progetti

ph. Lorenzo De Simone


ACCIAIO STRUTTURALE IN TUTTE LE SUE FORME: TRAVI, PROFILI TUBOLARI, LAMINATI MERCANTILI, LAMIERE GRECATE
PER SOLAI E RIVESTIMENTI.
PECULIARI RIVESTIMENTI ESTERNI IN LAMIERA GRECATA ONDULATA PER LA SERIE DI SILOS SEGNI DISTINTIVI DEL
PADIGLIONE.
STRUTTURE IN ACCIAIO MONTATE INTERAMENTE A SECCO MEDIANTE BULLONATURA.
PADIGLIONE ARGENTINA

Committente
Governo della Repubblica
Argentina
Progetto architettonico
Team tecnico Governo
della Repubblica Argentina
Progetto strutturale,
prevenzione incendi
GLG Progetti srl Edgardo
M. Passalacqua, Andrea
Pontiggia
Impresa
Paolo Beltrami spa
Costruttore metallico
C.M.S. srl

"L'Argentina ti nutre" il due corpi di fabbrica che si HEB 450, sono opportuna- successivamente ad uno spa-
messaggio centrale che ha sviluppano per unaltezza mente controventate lateral- zio espositivo ubicato allin-
guidato la progettazione del massima di 12 metri. Il corpo mente attraverso diagonali in terno della rampa stessa, a
padiglione argentino per principale presenta due tubi circolari anchessi in ac- quota +7,8 m. Dal punto di
Expo Milano 2015, espri- livelli: il piano terra, aperto ciaio. Le strutture dei cilindri vista strutturale formata da
mendo la forza e lenergia di perimetralmente ed un sono in acciaio S275J0, con telai in profili HE ed IPE, che
un Paese, in grado di fornire ulteriore piano a quota +5,2 montanti verticali HEA 160 costituiscono lappoggio delle
innumerevoli variet di metri. Una serie di portali, di- disposti sul perimetro a rampe e del volume esposi-
alimenti e paesaggi. Il silo, sposti a passo regolare di passo regolare (1,4/1,5 m tivo posto allinterno.
oggetto di accumulo e pre- 7,15 m e con luce tra le co- circa) collegati alle travi prin- Tutte le strutture prevedono
servazione degli alimenti, lonne di circa 14 m, fungono cipali in corrispondenza della sistemi costruttivi a secco, il
diventa icona e segno distin- da base per i cilindri sopra- base ed in sommit. montaggio in loco dei profili
tivo delledificio. stanti. Le strutture orizzontali Il secondo corpo costituito in acciaio avvenuto me-
Lintero fabbricato costituito di copertura e calpestio sono da una rampa pedonale diante bulloni di classe 8.8;
da una serie di cilindri di formate da travi metalliche aperta che alterna tratti retti- i solai sono in lamiera gre-
diametro variabile posti in secondarie IPE 270, poste a linei a tratti curvi e occupa cata con legno collaborante.
successione e rivestiti ester- passo regolare, in appoggio lintera larghezza del fabbri- Peculiari sono i rivestimenti
namente da lamiere ondulate. sulle travi principali HEB 500. cato. La passerella porta dal esterni, realizzati intera-
Nel dettaglio composto da Le strutture verticali, colonne piano terra al primo livello e mente con lamiere ondulate.

18 19
20
ph. Lorenzo De Simone

PADIGLIONE AZERBAIGIAN

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone
Il progetto del padiglione seconda quella delle nove dalle particolari e ambiziose con fattore di struttura unita- PADIGLIONE AZERBAIGIAN
dellAzerbaigian si presenta aree climatiche, mentre la esigenze architettoniche. rio e composto essenzial- Committente
con una variet di forme terza sfera dedicata alle Il progetto, ai fini della flessi- mente da colonne HEA 400, Repubblica dellAzerbaigian
bilit distributiva dellesposi- travi perimetrali HEA 600 e Ideazione creativa,
architettoniche moderne e culture tradizionali e allin-
supervisione del progetto,
semplici al tempo stesso, novazione per le nuove gene- zione, prevede infatti un impalcati realizzati con travi costruzione e project
che si sviluppano su unarea razioni. Sui tre livelli collegati numero limitato di colonne e principali HEA 650, travi management
Simmetrico
di circa 900 mq, evocando la da scale mobili vengono soprattutto l'assenza di pila- secondarie IPE 240 e lamiera Progetto architettonico
grande diversit bioclimatica mostrate, in continuit con stri nelle zone centrali della grecata tipo hi-bond con Arassociati
Progetto strutturale
e culturale che caratterizza il le biosfere, le risorse natu- pianta. Le sfere in acciaio e soletta collaborante. iDeas
Paese. Il visitatore ritrova le rali, agricole e produttive vetro che attraversano gli In ultimo, la possibilit di Architetture complesse
People & Projects
peculiarit dellAzerbaigian del Paese. impalcati, elementi maggior- smontare integralmente Costruttore metallico
nel percorso di visita, strut- Allultimo livello situato un mente qualificanti del ledificio e rimontarlo in altro Speirani costruzioni srl
turato su diversi livelli com- luminoso ristorante, dotato progetto, hanno comportato sito ad esposizione termi-
penetrati da tre biosfere. di una terrazza panoramica. la verifica della struttura a nata, ha fatto si che le scelte
La prima biosfera la rap- La struttura portante del carichi di entit notevole. costruttive ricadessero su 3D STRUTTURE IN ACCIAIO
presentazione geografica padiglione stata realizzata Lossatura dunque costi- una struttura interamente
della grande variet dei interamente in carpenteria tuita da un telaio perimetrale assemblata meccanicamente
paesaggi azerbaigiani, la metallica, anche in funzione sismo resistente progettato ed in carpenteria metallica.

ph. Davide Dolcini


22
ph. Lorenzo De Simone
ph. Davide Dolcini

BIOSFERE REALIZZATE IN ACCIAIO E VETRO, OGNUNA DAL PESO DI 15 TONNELLATE. STRUTTURA DEL PADIGLIONE
IN ACCIAIO STRUTTURALE: TRAVI HE, IPE E LAMIERE GRECATE.

RIVESTIMENTI SOSTENUTI DA PROFILI IN ACCIAIO MODELLATI CON TAGLIO LASER 3D.


ph. Lorenzo De Simone

ph. Filippo Romano

ph. Lorenzo De Simone


PADIGLIONE BRASILE

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

ph. Lorenzo De Simone


Il programma espositivo del grigliato metallico. A destra, il o pilastri cruciformi; le travi sostenibilit del padiglione 433 T IN ACCIAIO S355 PER LA STRUTTURA PRINCIPALE REALIZZATA INTERAMENTE A SECCO E CON SOLAI IN
padiglione brasiliano e la sua corpo principale del padiglione sono IPE o HEA alveolari che per la fase di smontaggio LAMIERA GRECATA SENZA GETTO IN CALCESTRUZZO.
struttura si dividono in due ali: invece un vero e proprio smart beams, profili che e ripristino del sito.
GALLERIA D'ACCESSO DI 115 M COSTITUITA DA 175 T DI ACCIAIO AUTOPATINABILE.
nella parte sinistra si trova edificio articolato su tre livelli permettono un notevole Lacciaio utilizzato per le strut-
l'asse pi ludico e permeabile con esposizioni di vario genere risparmio in termini di mate- ture, scelto per le sue caratte-
mentre a destra si concen- e contenuti interattivi. riale e offrono la possibilit di ristiche prestazionali ed
trano gli usi pi densi e gli I portali sono costituiti da installare gli impianti a contro- estetiche, ha rivelato vantaggi
spazi tecnici. A sinistra, lato da profili HEA e sono collegati soffitto. La sottostruttura di inequivocabili: un processo di
cui avviene l'accesso, si confi- tra loro mediante un sistema travi secondarie sostiene i montaggio (e finito l'evento
gura una grande galleria di di travature e di controventi solai realizzati a secco con espositivo di smontaggio) per
115 metri costituita da una posizionati sia a parete che in lamiera grecata. La scelta di sistemi modulari, imbullonati
successione di portali in copertura. La struttura princi- non completare i solai con un e razionali, ha permesso rapi-
acciaio corten per un totale di pale dell'edificio realizzata getto in calcestruzzo strate- dit nella costruzione con un
175 t rivestiti con pannelli in con pilastri HEA, tubi circolari gica sia per quanto riguarda la elevato controllo di qualit. PADIGLIONE BRASILE
ph. MOSAE Studio

Committente Collaboratori Atelier Marko


APEX BRASIL (Brazilian Trade and Brajovic
Investment Promotion Agency) Marko Brajovic, Carmela
Progetto Rocha
Arthur Casas Studio (architecture); Collaboratori MOSAE Studio
ph. MOSAE Studio

Atelier Marko Brajovic (scenogra- Luisa Basiric, Michele


phy, exhibition, multimedia design), Maddalo, Stefano Pellin,
MOSAE Studio (architecture and Dario Pellizzari, Andrea
structure design, equipments and Savoldelli, Klaus Scalet,
engineering) Patrizia Virelli, Alice
Collaboratori Arhur Casas Studio Brugnerotto
Alexandra Kayat, Gabriel Ranieri, Building site management
Alessandra Mattar, Eduardo IPARCH srl
Mikowski, Nara Telles, Pedro General contractor
Ribeiro, Raul Cano Ing. E. Mantovani spa

29
ph. MOSAE Studio

30

ph. Lorenzo De Simone


CASCINA TRIULZA

ph. Lorenzo De Simone


CASCINA TRIULZA
ph. Metropolitana Milanese

Committente
EXPO 2015 spa

PROGETTO PRELIMINARE
Progetto architettonico e
strutturale
Ufficio di piano Expo 2015 spa
Dir. Construction & S. M.

PROGETTO ESECUTIVO
Progetto architettonico
Metropolitana Milanese spa
Progetto strutturale
Metropolitana Milanese spa,
Torelli Dottori spa

Appaltatore
Torelli Dottori spa

SEZIONE STALLA

UNICO COMPLESSO PREESISTENTE NEL SITO DI EXPO, LA CASCINA E' STATA RESTAURATA ED ADEGUATA SISMICAMENTE
GRAZIE ALL'ACCIAIO.

SEZIONE GRANAIO

Nella Cascina Triulza, unico idealmente diviso in due in acciaio e il paramento zione, realizzato in struttura

ph. Lorenzo De Simone


complesso preesistente nel blocchi, denominati A e B. murario perimetrale. metallica in profilati a doppio T
sito di EXPO e comprendente Il progetto di ristrutturazione Il Fabbricato Granaio e solaio in lamiera grecata.
tre fabbricati denominati Re- e adeguamento sismico del costituito dall Auditorium e Nel fabbricato Stalla, stata
sidenze, Granaio e Stalla, complesso ha previsto, per la dal Ristorante. Il primo, di recuperata e rinforzata la
si proceduto alla rivalorizza- porzione Blocco A, la demoli- nuova realizzazione, presenta muratura esistente (Blocco
zione e conservazione del- zione delle parti interne e la un piano interrato, al di sopra centrale), inserendo allinterno
lidentit storico-architettonica creazione di un nuovo sistema del quale si elevano una strut- una struttura portante in
delle cascine lombarde, resistente formato da telai tura e un porticato in acciaio. acciaio (profili aperti a doppio
mediante la realizzazione di monopiano in acciaio, disposti Lossatura metallica costi- T). Il collegamento tra le due
nuove strutture portanti total- in serie lungo lo sviluppo lon- tuita da profili a doppio T e tipologie avviene mediante
mente autonome con restauro gitudinale delledificio, e di controventi di parete in tubo- barre filettate; completano il
/ manutenzione delle parti setti in c.a. dei corpi ascen- lari; lEdificio Ristorante pre- fabbricato tre nuclei in c.a.,
esistenti, dove la muratura sore/scala. Lo scheletro in serva la muratura esistente, vani scala/ascensore disposti
perimetrale diviene un guscio acciaio, costituito da profilati rinforzata con fibre di vetro, alle testate e internamente,
che mantiene la memoria metallici HE per i telai, UPN ricreando lorizzontamento completamente svincolati dal
storica degli edifici originali. per i controventi e lamiera del 1 piano con travi IPE, blocco centrale. Ledificio
Il corpo di fabbrica denomi- grecata per i solai, conside- sulle quali poggia un solaio in costituito da due livelli con un
nato Le Residenze si confi- rato come struttura a se lamiera grecata e una coper- solaio in lamiera grecata e la
gura come un aggregato stante grazie alla presenza di tura formata da capriate in copertura, a doppia pendenza,
di edifici adiacenti con un giunti sismici, creati sia tra le acciaio; il corpo sinistro del libera in altezza tranne per i
impianto planimetrico ad L, strutture stesse sia tra i telai ristorante di nuova costru- tiranti tubolari orizzontali.
PADIGLIONE CINA

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

450 TONNELLATE DI ACCIAIO PER UN PADIGLIONE IN CARPENTERIA METALLICA, REALIZZATO CON TRAVI HE,
PROFILI TUBOLARI, LAMIERE GRECATE E CONTROVENTI IN UPN.

IN ACCIAIO ANCHE L'ORDITURA PORTANTE DELLA COPERTURA.

Il progetto del padiglione acciaio: il percorso si sviluppa ottenere grandi luci libere. quali si appoggiano le travi PADIGLIONE CINA
cinese combina le forme del dal basso, accanto ad una Le elevazioni sono a telaio con curvilinee in legno lamellare. Committente
paesaggio con i materiali della grande installazione luminosa controventi a croce e contro- Tutte le travi curvilinee sono Repubblica Popolare Cinese
trasversalmente collegate Progetto architettonico
tradizione costruttiva, rivisitati che occupa quasi interamente venti a V; le colonne sono in
Studio LINK ARC, Tsinghua

ph. F&M Ingegneria


ed interpretati attraverso il il primo piano. Linstallazione, profili HEM 220, HEM 300, dagli arcarecci e stabilizzate University Beijing
linguaggio dellarchitettura che evoca un grande campo tubolari quadri 200x200x12 e con croci di controventamento Concept progetto strutture
SGH Simpson Gumpertze & Heger
contemporanea. La grande coltivato e mosso dal vento, 150x150x12,5 mm, mentre i in barre tonde lisce messe in Progetto depositario
copertura ondulata generata costituita da migliaia di steli in controventi sono in profili UPN carico mediante tenditore. architettura
F&M Ingegneria srl
dallestrusione e fusione di policarbonato, ognuno dei 180. Gli impalcati sono costi- La copertura inoltre rico- Progetto strutturale
due profili: quello di uno quali amplifica la luce di un tuiti da graticci di travi HEA perta da scandole costituite definitivo ed esecutivo,
progetto impiantistico
skyline urbano sul lato nord led multicromatico trasfor- 300, HEA 340, HEA 550 e HEB da strisce di bamb che F&M Ingegneria srl
delledificio e il profilo di un mandola in un enorme 800 a sostegno delle lamiere migliorano il profilo dell'edifi- General contractor
grecate. La copertura ondu- cio, ombreggiano gli spazi Bodino Engineering srl,
paesaggio naturale sul lato schermo video.
China Arts, Unique Europe
sud. Internamente lo spazio La struttura portante costi- lata ha unorditura principale pubblici sottostanti e creano
organizzato su due livelli colle- tuita da elementi principali in con travi a cassone in acciaio effetti di luce e di trasparenza
gati da una lunga rampa in acciaio che permettono di 200x560 e 200x460 mm sulle suggestivi.

ph. F&M Ingegneria


ph. F&M Ingegneria
PADIGLIONE EMIRATI ARABI UNITI

ph. Hufton+Crow
ph. Lorenzo De Simone
ph. Lorenzo De Simone

MATERIALI CON ALTA POSSIBILITA' DI RICICLO, TRASPORTO CON VEICOLI ELETTRICI O A ZERO EMISSIONI PER AL TERMINE DI EXPO 2015 LE 1.000 T DI ACCIAIO SARANNO SMONTATE, TRASPORTATE E RIASSEMBLATE A DUBAI PER
OTTENERE LA CERTIFICAZIONE LEED GOLD. L'ESPOSIZIONE UNIVERSALE DEL 2020.

Il padiglione progettato per paesaggio desertico nellar- preview di EXPO 2020, che rivestita da pannelli dorati,
ph. Lorenzo De Simone

coinvolgere i visitatori in chitettura del padiglione, si terr a Dubai, prima di ac- raggiunge unaltezza di 15
unintensa esperienza, attraverso le superfici ondu- cedere allarea ristorazione metri. Tutti gli elementi in
racchiusa allinterno di pareti late ed increspate. Situato che offre prodotti tipici. In acciaio, in qualit S355J2
ondulate alte 12 metri. Que- in un lotto dalla pianta ret- aggiunta, il padiglione con- per 1.000 tonnellate com-
ste strutture simboleggiano tangolare, su di una superfi- tiene anche un business plessive, sono giuntati
le dune di sabbia ed il pae- cie di circa 3.800 mq, il center, una galleria ed una mediante bulloni, in modo
saggio degli Emirati Arabi padiglione presenta una VIP lounge, cos come aree da favorire il disassemblag-
Uniti, conducendo i visitatori serie di eventi durante il destinate allo staff. Le grandi gio delledificio in situ, per
attraverso un viaggio che percorso di visita, incluso lo pareti rivestite in fibra di poi trasportare le varie parti
connette una serie di eventi scenografico ingresso attra- vetro sono sostenute da una negli Emirati Arabi Uniti a
attorno al tema principale di verso le pareti, il fulcro struttura portante intera- conclusione dellesposizione
EXPO: feeding the planet, centrale dellesposizione mente in carpenteria metal- universale, costituendo un
energy for life. nellauditorium circolare e la lica, con colonne ed elementi legame storico tra le due
Tecnologie costruttive successiva area post-show. secondari in acciaio. edizioni di EXPO al quale
allavanguardia sono state Inoltre i visitatori hanno Larea centrale, caratteriz- lacciaio porr una firma
utilizzate per trasporre il modo di assistere ad una zata da una pianta circolare e indelebile.
ph. Filippo Poli

PADIGLIONE EMIRATI ARABI UNITI

Committente
Emirati Arabi Uniti
Progetto architettonico e strutturale
Foster + Partners
Design team
Norman Foster, David Nelson,
Spencer de Grey, Gerard Evenden,
John Blythe, Martin Castle,
Ronald Schuurmans, Ho Ling Cheung,
Giovanna Sylos Labini, Andre Ford,
Francis Aish, Henrik Malm,
Roger Ridsdill Smith, Andrea Soligon,
Daniel Skidmore, Andrew Jones
Collaborazione al progetto
architettonico
Marco Visconti, Idest; Livio Trucano,
Christian Caye
Progetto impiantistico
Foster + Partners, Manens Tifs
Collaborazione ingegneria dellincendio
GAE Engineering srl
Project & Construction Manager
Fraser Randall
General Contractor
Tecton soc. coop.
Costruttore metallico

ph. Filippo Poli


Stahlbau Pichler srl

44
ph. Filippo Poli
EXPO CENTRE

ph. Lorenzo De Simone


PADIGLIONE EXPO CENTRE
ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015

Committente
EXPO 2015 spa

PROGETTAZIONE PRELIMINARE
Coordinamento progettuale
Fiera Milano spa
Progetto architettonico
Michele De Lucchi
Progetto strutturale e
impiantistico
Milan Ingegneria srl

PROGETTAZIONE DEFINITIVA
ED ESECUTIVA
Progetto architettonico
e strutturale
ITECO Italian Engineering
Company srl
Progetto impiantistico
Stain Engineering srl
Architettura
Studio Rotre
Impresa
P&I Project Integrator
Costruttore metallico
Stahlbau Pichler srl

1.400 TONNELLATE DI PROFILI IN ACCIAIO ZINCATI A CALDO MONTATI IN TEMPI RECORD: TUBOARI, TRAVI HE/IPE E SEZIONE DI PROGETTO
ANGOLARI.

STRUTTURA PORTANTE IN ACCIAIO A SUPPORTO DEGLI ELEMENTI LIGNEI.

Expo Centre presenta le tec- importante segno architetto- e rivestono ledificio. utilizzate travi reticolari cir-
ph. Lorenzo De Simone

nologie costruttive, i materiali nico e paesaggistico allin- La copertura generata dalla conferenziali che forniscono
e le soluzioni impiantistiche terno dellarea costituendo il ripetizione e dall'intersezione rigidezza al guscio e diven-
adottate anche nel Padiglione fondale del Decumano che di 7 coni di due dimensioni gono elementi di sostegno
Zero pur mantenendo diffe- attraversa lEsposizione differenti che evocano il delle travi radiali intermedie,
renti vocazioni espositive e di Universale e la sua perfetta paesaggio collinare tipico dei inserite per limitare a non
accoglienza. Lopera, proget- integrazione nel contesto Colli Euganei; la parete oltre 6 metri la lunghezza
tata come struttura tempora- resa possibile grazie al dise- esterna seziona le geometrie degli arcarecci. Sono 1.400 le
nea per la quale, a fine espo- gno architettonico e ai mate- ed evidenzia i rilievi. I coni tonnellate di acciaio utilizzate
sizione, previsto il recupero riali utilizzati che ne deter- raggiungono 18,27 e 31,5 m di per le strutture: trovano
del materiale, stata co- minano il carattere simbolico. altezza e sono costituiti da impiego profili tubolari, travi
struita su un lotto rettango- Lossatura costituita da una travi reticolari in carpenteria HE e IPE ed angolari di qua-
lare di circa 164x64 m e ha struttura portante in acciaio, metallica disposte a raggiera lit S355JR e S275JR; tutti i
una copertura di 7.900 mq. che funge da supporto agli sorrette da colonne in acciaio. profili sono stati inoltre zincati
II padiglione rappresenta un elementi lignei che ricoprono Dove necessario, sono state a caldo.
ph. Lorenzo De Simone

ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015


51
Tubi per strutture
CMM uno dei principali centri servizi presenti
in Europa in grado di tagliare tubi con impianti
laser.
r Oltre al taglio, CMM esegue sgolature,
forature e tagli speciali di preparazione alle fasi
di saldatu
t ra e assemblaggio. CM MM in grado
di lavora
are tubi tondi con diametrit fino a 508
mm, tubi rettangolari e travi con lunghezza fino
a 15 mt , in acciaio inox e al carbo
r nio.

CMM S.r.l.
Via
a Marchionale 72 - 46046 Medole (MN)
Tel.
e 0376 898150 Faxx 0376 868335 Web
e www.cmmlaser.it
PADIGLIONE GERMANIA

ph. NUSSLI Group - Andreas Keller, Altdorf


ph. Lorenzo De Simone
ph. Lorenzo De Simone

Il progetto, caratterizzato larghezza di 34 m, unaltezza ciaio, in linea con i principi trasversalmente alla colonna IL PADIGLIONE UTILIZZA IL MINOR QUANTITATIVO DI MATERIALE POSSIBILE PER LIMITARE L'IMPATTO SULL'AMBIENTE.
dal particolare intreccio tra fino a 12 metri e le zone di della sostenibilit: esame e sorreggono un tubo peri-
431 LE TONNELLATE DI ACCIAIO STRUTTURALE IMPIEGATE PER UNA SUPERFICIE ESPOSITIVA DI 2.700 MQ
la presentazione degli spazi esposizione coprono unarea critico, consumo e riutilizzo. metrale che serve da ele-
e quella dei contenuti, di circa 2.700 mq, tra pianter- Le sei coperture che evocano mento di fissaggio della
espressione del motto Fields reno, primo piano e copertura. forme vegetali, sono gli membrana semitrasparente a
of Ideas. L'architettura Con i suoi 4.933 mq di super- elementi scenografici che forma di petalo. 12 colonne
PADIGLIONE GERMANIA
ricorda il tipico paesaggio ficie si presenta come uno dei coprono gli spazi aperti del collocate sulla circonferenza
rurale tedesco, fatto di prati lotti di massime dimensioni padiglione. sorreggono una trave retico- Committente
Ministero Federale per
e campi coltivati: gli elementi allinterno del Sito Espositivo. La struttura dacciaio di ogni lare perimetrale e altre quat- lEconomia e lEnergia
rappresentativi e centrali del Per la struttura temporanea pianta costituita da una tro travi reticolari, due in ogni Affidataria gestione e
direzione, formano la strut- organizzazione padiglione
padiglione sono le piante che al temine della manife- colonna tubolare centrale
Messe Frankfurt gmbh
stilizzate che, come germogli stazione verr smantellata, ancorata al pianterreno e tura principale di copertura. Ideazione, progettazione,
di idee, sbucano dal piano stata impiegata la minor vincolata orizzontalmente alla In totale per il padiglione realizzazione padiglione
Joint-venture Milla &
dellesposizione e raggiun- quantit di materiale possibile soletta del primo e secondo tedesco sono state utilizzate Partners (impostazione
gono la superficie esterna. limitando cos limpatto sul- piano. Alla sommit della 431 tonnellate di acciaio, tra concettuale, allestimento
espositivo, progettazione
Lintero edificio ha una lun- lambiente. Una strategia che colonna, 6 travi a sbalzo profili tubolari, HE e travi multimediale); Schmidhuber
ghezza di circa 120 m, una ha previsto l'impiego dell'ac- orizzontali sono fissate composte saldate. (ideazione spazi, progetto
architettonico, masterplan);
Nssli Deutschland (esecuzione
e gestione del progetto).
Realizzazione strutture
in acciaio
ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015

ph. Lorenzo De Simone

Stahlbau Pichler srl


ph. NUSSLI Group - Andreas Keller, Altdorf ph. NUSSLI Group - Andreas Keller, Altdorf

58
ph. Lorenzo De Simone

ph. Lorenzo De Simone

VISTA 3D DI UNA PIANTA

59

ph. Lorenzo De Simone


ph. NUSSLI Group - Andreas Keller, Altdorf
PADIGLIONE ISRAELE

ph. Lorenzo De Simone


ph. Engineering Project

ph. Lorenzo De Simone


PADIGLIONE ISRAELE

Committente
Israel ministry of foreign affairs,
in cooperation with the ministry
of finance, ministry of tourism,
ministry of economy, ministry of
agriculture & rural development
and Keren Kayemet Leisrael
Architettura e general planning
Knafo Klimor Architects
Progetto strutturale
Rokach Ashkenazi Engineering
Consultant
Progetto architettonico locale
PRR Architetti Stefano Rigoni,
Linda Greco (consulente)
Progetto strutturale locale
Engineering Project srl
Federico Burgio, Alessandro
Rosati (consulente)
COSTRUZIONE MONTATA A SECCO: NESSUNA LAVORAZIONE IN OPERA. General contractor
Paolo Beltrami spa
UNO DEI PRIMI PADIGLIONI AD ESSERE COMPLETATO GRAZIE ALL'UTILIZZO DELL'ACCIAIO IN TUTTE LE SUE GAMME DI Costruttore metallico
Ottone e Petterlin srl
PRODOTTO: 180 T DI TRAVI, PROFILI CAVI, LAMIERE GRECATE E PANNELLI SANDWICH COIBENTATI PER I SOLAI DI
DETTAGLIO PARETE COLTIVATA
COPERTURA.

Il cuore del padiglione senza mente controventati, il padi- 68 m e larghezza variabile da da tubolari quadrati impiegati

ph. Lorenzo De Simone


dubbio il campo agricolo verti- glione presenta impalcati con 10,34 m a 14,87 m. Laltezza sia come correnti superiori e
cale denominato green wall lamiera grecata e pannelli in della copertura della zona inferiori che come diagonali.
che fornisce una prospettiva legno appoggiati su reticoli di espositiva di 8,8 metri, men- Le medesime travi reticolari
rinnovata e unica sul metodo travi. I solai di copertura sono tre quella della parete verti- sono state utilizzate per rea-
di produzione e di fornitura del invece costituiti da pannelli cale varia in funzione della lizzare anche la copertura di
cibo nel mondo. Composto di sandwich coibentati e dal sua inclinazione, raggiun- questa porzione di edificio.
piastre modulari di coltiva- pacchetto di completamento gendo il livello massimo di Il padiglione israeliano stato
zione, tale elemento in per il tetto verde. 12,4 m. progettato come una costru-
appoggio su una struttura Il fabbricato showroom ed il Dal punto di vista strutturale, zione ecologica assemblata
metallica sopraelevata rispetto muro verticale hanno in showroom e green wall sono interamente con elementi
al terreno. comune la stessa struttura caratterizzati da un lato da leggeri in acciaio montati a
Interamente realizzato con portante. La parete ha lun- colonne in HEA, dall'altro da secco, privi di getti di calce-
telai in acciaio opportuna- ghezza complessiva di circa travature reticolari costituite struzzo o similari.
PADIGLIONE KUWAIT

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

ph. NUSSLI - Nicolas Tarantino


Il Padiglione del Kuwait acco- bambini alla scoperta del terri- tesate e introduce al volume tonde da 20 mm. Le travi dei
glie i visitatori con un ingresso torio locale e della sua natura; realizzato attraverso una ten- piani intermedi sono in profili
caratterizzato da strutture ispi- il viaggio infine si conclude in sostruttura costituita da una laminati a caldo con sezioni ad
rate alle vele della tradizionale un ampio spazio dedicato alla grande trave reticolare in ac- H ed I mentre i profili delle
imbarcazione dhow, in uso ristorazione, circondato da ciaio e telai che riducono pro- passerelle sono di tipo UPN. I
nel Golfo Arabico per la rac- colture idroponiche (pomodori, gressivamente le proprie solai sono di svariate tipologie:
colta delle perle. In circa 3.000 fragole, insalate) e arricchito dimensioni. La semisfera, an- allingresso e in corrispon-
mq di superficie, il sito si da prodotti tipici dei Souk arabi, chessa in acciaio, l'elemento denza dei locali tecnici, dati i
sviluppa in tre sezioni distinte: consentendo agli ospiti di rilas- di transizione tra una comples- carichi elevati dei macchinari e
allingresso un ambiente dal sarsi e gustare i sapori della sit di profili e una porzione pi delle tematizzazioni, sono state
forte impatto visivo circonda i cucina tradizionale. Ledificio semplice, caratterizzata da una impiegate lastre con getto di
visitatori con proiezioni a 360 stato realizzato interamente in ripetizione seriale di telai senza completamento appoggiate sui
e giochi di specchi, ricreando carpenteria metallica ed sud- quest'ultimi sono realizzati con profili metallici, le scale e le
latmosfera dei paesaggi divisibile in corpi distinti. All'in- colonne HEB 300 alle quali passerelle sono realizzate in
kuwaitiani; la seconda parte gresso, un intreccio di tubolari sono fissate le travi di coper- legno mentre la copertura
del padiglione propone un per- in acciaio 323x7mm con estre- tura HEB 400 stabilizzate da costituita da lamiere grecate
corso differenziato per adulti e mit coniche sostiene le vele profili IPE 240 e tiranti in barre in acciaio.
ph. NUSSLI - Nicolas Tarantino
ph. Lorenzo De Simone

ph. NUSSLI - Nicolas Tarantino


EDIFICIO REALIZZATO INTERAMENTE IN CARPENTERIA METALLICA: 280 TONNELLATE DI ACCIAIO STRUTTURALE DI
QUALITA' S355.

DETTAGLI AGGANCI FACCIATE


PADIGLIONE KUWAIT

Committente e General
Contractor
Nussli Italia srl
Concept design
Studio Italo Rota
Progetto esecutivo
architettonico strutturale
e impiantistico
Progetto CMR Engineering
Integrated Services srl
Progetto delle tensostrutture
Maffeis Engineering spa
Costruttore metallico
Lanaro srl

70 71
PADIGLIONE MESSICO

ph. Lorenzo De Simone


PADIGLIONE MESSICO
ph. Lorenzo De Simone

Committente
ProMxico Trade and
Investment
Project Management
CREA
Concept progetto
architettonico
Studio Loguer Design
Progetto architettonico,
strutturale e impiantistico
F&M Ingegnerla srl
General Contractor
Nussli Italia srl
Costruttore Metallico
MAEG Costruzioni spa

DETTAGLIO STRUTTURALE

I progettisti del padiglione mit del padiglione creando menti fuori terra, sfalsati tra rettangolare ottenute per
messicano hanno concepito affascinanti scenari architet- la zona nordovest e la zona saldatura di lamiere dallo
un edificio dallaspetto di una tonico-naturalistici. sud-est. Il padiglione ha spessore di 12 mm. I solai
grande pannocchia di mais, L'edificio espositivo si pre- unaltezza di 14 m, mentre sono in legno, costituiti da
l'ingrediente base della cu- senta come un parallelepi- la membrana esterna che lo pannelli portanti coibentati
cina azteca e uno dei pi im- pedo sostenuto da una avvolge raggiunge i 17 m alti 155 mm, appoggiati al
portanti prodotti agricoli del struttura orizzontale e verti- massimi. lembo superiore delle travi
Paese. Il percorso espositivo cale in acciaio. Il volume, Lossatura in acciaio costi- metalliche. La facciata
strutturato come unascesa chiuso nella parte a sud dove tuita da colonne tubolari a esterna una pelle rico-
verso la conoscenza delle col- trovano spazio gli uffici, i lo- sezione circolare e archi perta da una tela con trama
ture messicane; i diversi livelli cali tecnici e gli spogliatoi, si anchessi in profili cavi di fitta e ombreggiante, con
simboleggiano i terrazza- apre a Nord in corrispon- diametro pari a 355 mm. forme che richiamano le
menti presenti sulle alture denza dellaccesso dei visita- Le strutture orizzontali sono foglie delle pannocchie,
del Messico, con la presenza tori. Le sue rampe indirizzano costituite da travi in acciaio ottenute grazie a tubi
costante dellacqua che, cos gli utenti allinterno del per- tipo cellular beams, pi calandrati sul perimetro e
come scende dagli alti ghiac- corso espositivo che si snoda travi ad anima piena IPE 400 irrigiditi da traversi tubolari
ciai, cala anche dalla som- tra i numerosi livelli/terrazza- e travi composte di forma in acciaio.

ph. F&M Ingegneria


74
ph. Lorenzo De Simone

IL PADIGLIONE SI SVILUPPA PER 900 MQ ED E' REALIZZATO IN CARPENTERIA METALLICA.

360 LE TONNELLATE DI ACCIAIO IMPIEGATE PER LA STRUTTURA.


ph. Davide Dolcini

ph. F&M Ingegneria


76
PADIGLIONE NEW HOLLAND

ph. Lorenzo De Simone


ph. Sintecna

ph. Sintecna
STRUTTURA INTEAMENTE IN ACCIAIO MONTATA A SECCO. LUCI DI 17 METRI SENZA APPOGGI INTERMEDI.

La New Holland Agriculture, possono entrare in contatto travi impiegate, che consen- in opera, impossibili da rici-
una delle principali aziende con le pi recenti ricerche, i tono grandi luci fino a 17 clare dopo la manifestazione.
produttrici a livello mondiale prodotti e le innovazioni del- metri nella zona centrale, Il graticcio di travi in acciaio
di macchine agricole, ha lagricoltura sostenibile svi- combinata con la loro elevata posizionato direttamente
voluto la costruzione di un luppati da New Holland, resistenza, fornisce risposte su un cassonetto di terreno
padiglione innovativo, che interagendo con una fattoria efficaci alle esigenze del opportunamente compattato
prevede un ampio campo virtuale sostenibile e con i committente di esporre ed il sistema delle fondazioni
agricolo sul tetto, sul quale grandi macchinari agricoli. grandi macchinari nella sala verr smontato e completa-
sono esposti il logo del- Il padiglione realizzato con principale. mente riutilizzato come tutta
lazienda in grande ed un tecnologia a secco per ren- Le fondazioni rappresentano la struttura.
moderno trattore, alimentato dere molto semplici le opera- un fattore chiave per la so- Il padiglione New Holland
a biometano. Una scalinata zioni di smontaggio e non stenibilit. Gli ingegneri sar ricostruito in un se-
porta sul tetto nei pressi del produrre rifiuti. Pertanto la hanno concepito fondamenta condo luogo come un innova-
trattore e una scala a chioc- scelta ricaduta in modo in acciaio con profilati HEA e tivo showroom, personifican-
ciola sottostante accompagna naturale su una struttura in piastre invece che con ele- do i concetti di riciclo e
i visitatori allinterno, che acciaio. La leggerezza delle menti in calcestruzzo gettato sostenibilit.

80 81
ph. New Holland Agriculture archive

ph. New Holland Agriculture archive


UN SISTEMA DI FONDAZIONI COMPLETAMENTE IN ACCIAIO SMONTABILE E RECUPERABILE AL 100%.
ph. New Holland Agriculture archive

PADIGLIONE NEW HOLLAND

Committente
New Holland Agriculture
Progetto architettonico,
strutturale e impiantistico
Sintecna srl Consuelo Orza,
Paolo Napoli, Walter Ceretto;
Massimo Rapetti (consulente al
progetto impiantistico)
Concept design
Recchi Engineering,
Carlo Ratti Associati
Impresa
Tecno Appalti srl
Costruttore Metallico
De Nisi srl

DETTAGLIO ATTACCO
FONDAZIONE FACCIATA

82 83
PEM - PASSERELLA EXPO MERLATA

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015

ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015


341 METRI DI PASSERELLA CICLOPEDONALE PERMANENTE IN ACCIAIO.

IL TRATTO A SCAVALCO DI AUTOSTRADA E FERROVIA E' STATO VARATO IN UN'UNICA NOTTE. OLTRE 1.200 T DI ACCIAIO IN
PROFILI IPE, HE, TUBOLARI QUADRI, RETTANGOLARI E TRAVI A CASSONE (REALIZZATE DA LAMIERE DA TRENO QUARTO).

LAMIERE GRECATE PER GLI IMPALCATI E LAMIERE FORATE PER IL RIVESTIMENTO.

La passerella Expo - Cascina zona ricca di sottoservizi. delle vibrazioni prodotte dal lari in acciaio disposte verti-

ph. Lorenzo De Simone


Merlata si inserisce in un con- Ci ha portato a progettare vento e dal transito dei calmente lungo lo sviluppo
testo di importanti trasforma- unopera che si sviluppa com- pedoni. Il progetto preliminare longitudinale della passerella,
zioni in occasione di EXPO pletamente in elevazione, per garantire il comfort del- chiuse sia superiormente che
2015 e rappresenta un larga 6 m e con altezza varia- lutente prevedeva lesecu- inferiormente da un orizzonta-
elemento di congiunzione di bile da un massimo di 9 ad un zione di pile in acciaio con mento realizzato da una dop-
due progetti: larea espositiva minimo di 4,4 metri. leventuale adozione di dispo- pia orditura di profili anchessi
e lintervento di Cascina Mer- La passerella costituita da sitivi di smorzamento in grado in acciaio ed irrigidito da un
lata, poco pi a sud. Caratteri- due tronconi iperstatici con di limitare le vibrazioni. In fase sistema di controventamento.
stica fondamentale la sua campate di 65 e 80 metri (lato di progetto esecutivo, il com- Profili IPE e HE, tubolari
natura permanente. Svariati Expo) e con campate di 50, 105 fort stato perseguito quadri, rettangolari e travi a
vincoli dimensionali hanno e 41 metri (lato Cascina seguendo altre metodologie, cassone per un totale di 1.200 t
condizionato la morfologia di Merlata) per una lunghezza eliminando il ricorso ai dispo- di acciaio in qualit S355J0
questa passerella ciclopedo- complessiva considerevole di sitivi di smorzamento e sosti- conformano la struttura della
nale: attraversamento sopra 341 m, in parte in piano (circa tuendo purtroppo le eleganti passerella.
la linea ferroviaria e distanze 180 m dallestremo Sud) e la pile in acciaio con altre pi Lacciaio trova inoltre spazio
di sicurezza imposte sia da restante parte in pendenza ingombranti in calcestruzzo. nelle lamiere grecate degli
questultima sia dallauto- (5%). Particolare attenzione La PEM un ponte di terza impalcati e nelle caratteri-
strada con laggravante di stata rivolta allo human categoria a via inferiore, costi- stiche lamiere forate di
dover posizionare le pile in una comfort ovvero la percezione tuito da due travi parete retico- rivestimento.

86
ph. Lorenzo De Simone

ph. Lorenzo De Simone


PASSERELLA EXPO-MERLATA

Committente
EXPO 2015 spa

PROGETTO PRELIMINARE
Ufficio di piano Expo 2015 spa
Dir. Construction & S. M.
Progettista responsabile
Ciro Mariani
Strutture
Monica Antinori

PROGETTO ESECUTIVO
Metropolitana Milanese spa
Strutture
Roberto Conta
Collaborazione alla
progettazione
Stefano Rossi

Imprese
Giugliano Costruzioni
Metalliche srl (mandataria),
R.C.M. Costruzioni srl
VISTA 3D (mandante)

88 89
ENGINEERED
ENGINEERED STEEL SO
SOLUTIONS
LUTIONS

LE TECNOLOGIE
TECNOLLOGIE PI AVANZATE
AVAN
NZATE
PER LE SOLUZIONI
SO
OLUZIONI IN ACCIAIO
CCIAIO Manni Sipre is a company
of Gruppo
G Manni HP

Fornitore di struttur
Fornitore strutture
utture in acciaio per Palazzo
azzo Italia
e i padiglioni Ar rgentina, Azerbaijan, Bielorussia,
Argentina, elorussia,
BioMediter raneo
BioMediterraneo, o, Br asile, Cer
Brasile, eali e TTuberi,
Cereali uberi,
Emir ati Ar
Emirati abi, Ex
Arabi, xpo Center
Expo Center,, Expo Gate, Germania,
www.gruppomanni.com
www
w.gruppomanni.com
Giappone, Kuw wait, Messico, Repubblica
Kuwait, ica Ceca,
Svizzer
Svizzera,a, TTurchia,
ur
u chia, USA, Struttur
Strutturee Cardo
o, Zer
Cardo, o.
Zero.
www.mannisipre.com
w
www.mannisipre.com
92
ph. UKTI - Crown Copyright

PADIGLIONE REGNO UNITO

ph. UKTI - Crown Copyright


ph. UKTI - Crown Copyright
ph. UKTI - Crown Copyright
ph. UKTI - Crown Copyright

ACCIAIO CORTEN PER LE PARETI E LE AIUOLE.

IN ACCIAIO ANCHE LA STRUTTURA PORTANTE DELL'ALVEARE CON TUBOLARI CIRCOLARI E PROFILI SALDATI.

Il Padiglione del Regno Unito, soluzioni ai principali pro- giunge al livello superiore del fine del prato fiorito, il visita- PADIGLIONE REGNO UNITO
ispirato alla ricerca scientifica blemi del nostro pianeta come prato di fiori selvatici. Per tore raggiunge il culmine del Committente
ed a una tecnologia britannica il nutrimento della popola- ricreare la naturalezza degli coinvolgente percorso senso- UKTI - UK Trade & Investment
davanguardia, che permette zione mondiale. Il padiglione elementi vegetali i progettisti riale: si trova infatti nel grande TEAM UK TEAM ITA
di tenere sotto controllo lo si ispira dunque al fondamen- hanno scelto di contenere il alveare metallico, una strut- Concept artistico e creativo Architettura e tecnologia
stato di salute degli alveari, tale ruolo svolto dallimpolli- terreno coltivo con un mate- tura reticolare di 14 metri, Wolfgang Buttress Atelier 2 Gallotti e Imperadori
Architettura, paesaggio e Associati
esemplifica la capacit del nazione nella catena alimen- riale dalla forte suggestione costituita da 169.300 fram- ingegneria dellambiente Progetto strutturale
Paese di unire creativit, im- tare e offre ai visitatori lespe- materica e tattile: lacciaio menti e sorretta da elementi BDP Studio Gian Pietro Imperadori
Progetto strutturale Progetto Impianti
prenditorialit e ricerca scien- rienza della danza di unape corten, con la sua essenza di portanti in acciaio. Una volta Simmonds Studio Digierre3
tifica per risolvere quella che che attraversa diversi processo in divenire, con le all'interno, una composizione Realizzazione padiglione
e coordinamento
una vera sfida planetaria. paesaggi naturali fino ad arri- sue cromie dalle sfumature di effetti audio e visivi riprodu- Stage One Creative Services Ltd
Il Regno Unito metaforica- vare ad un enorme alveare infinite, stato impiegato sia cono i movimenti delle api
mente un alveare in conti- metallico. come elemento di rivesti- allinterno di un vero alveare, 3D STRUTTURA PORTANTE IN ACCIAIO
nuo fermento, che simpegna Il percorso inizia da un frut- mento delle pareti sia per la coinvolgendo il visitatore in
a trovare e a condividere le teto e attraverso una scala realizzazione delle aiuole. Alla unesperienza unica. 95
ph. Lorenzo De Simone
PADIGLIONE REPUBBLICA ISLAMICA DELLIRAN

ph. Davide Dolcini


ph. RPA

ph. RPA
Il progetto del padiglione del- di acciaio, rivestite esterna- preghiera. La particolarit a perno, costituito da uno 150 TONNELLATE DI ACCIAIO S275JR HANNO PERMESSO DI ASSECONDARE IL COMPLESSO ANDAMENTO
lIran richiama la forma della mente in PVC ed interna- della struttura risiede nella spinotto pieno passante sul CURVILINEO DEL PADIGLIONE.
stoffa rituale sofreh, ada- mente decorate da una serie riduzione, grazie allossatura lato Est, sorreggono le arcate
giata sulla tavola durante le di pannelli triangolari metal- in acciaio, di una forma che sono solidarizzate tra loro
festivit e ha inoltre previsto lici riflettenti, ispirati ai complessa ad un semplice mediante travature seconda-
l'inserimento di una "torre del mosaici persiani. All'interno, comportamento a portale di rie costituite da profili tubolari
vento", elemento che evoca le l'allestimento prevede una ognuno degli archi metallici di 168,3 x 8 mm, alternati-
architetture tradizionali delle serie di teche per la messa in che la costituiscono, formati vamente saldati o bullonati
zone desertiche. mostra di piante aromatiche da spezzoni di IPE 500 colle- alle anime delle travi IPE.
La struttura ricurva, orientata ed alberi da frutto tipici della gati tra loro da unioni bullo- Allinterno della struttura si
secondo il lato lungo del lotto, cultura culinaria persiana, nate. Ogni arco sorretto da incastona la torre del vento,
ha una lunghezza comples- mentre al di sotto del per- 3 pilastri ispirati agli elementi elemento iconico costituito da
siva di 89 m e una larghezza corso espositivo si trovano i portanti delle tende del due strutture concentriche
di circa 15 m. La costruzione volumi dei servizi per visita- deserto. Una colonna verti- realizzate in elementi tubolari
sostenuta da uno scheletro tori e staff: l'area VIP, la cale sul lato Ovest ed una in acciaio 60x4 mm e saldati
di arcate metalliche, poggiate cucina, il ristorante, i negozi, coppia di pilastri inclinati fra loro a creare delle sotto-
su pilastri anchessi in profili gli uffici e le sale per la e collegati da un nodo strutture triangolari spaziali.

PADIGLIONE REPUBBLICA
ph. Davide Dolcini

ISLAMICA DELLIRAN

Committente
Repubblica Islamica PROSPETTI E SEZIONI
dellIran - Hossein Esfahbodi
(general commissioner);
Seyedhossein Mirzafarjouyan,
Mohammad Mohebali
(executive consultans);
Asghar Firouzabadi
(responsabile lavori)
Progettazione esecutiva
RPA srl Luca Bonadies
General contractor
Italiana Costruzioni spa
Marco Odoardi (direttore
tecnico); Marco Di Ferdinando
(direttore di cantiere)
ph. Lorenzo De Simone

102
VISTE 3D

ph. Lorenzo De Simone


103

ph. RPA
104
ph. Lorenzo De Simone

PADIGLIONE SANTA SEDE

ph. Lorenzo De Simone


PADIGLIONE SANTA SEDE
ph. Lorenzo De Simone

Committente
Citt del Vaticano
Progetto architettonico
Quattroassociati (Corrado Annoni,
Stefano Parodi, Michele Reginaldi,
Daniela Saviola) con Massimiliano
Lazzarotti, Silvia Todisco
Progetto strutturale
Biesse Consulting sas
(Bruno Salesi)
Progettazione impianti e
ingegneria dellincendio
ESA Engineering srl
(Francesco Gori)
General contractor
Borio Mangiarotti spa
Costruttore metallico
MAP spa

ph. quattroassociati
STRUTTURA PORTANTE IN ACCIAIO ASSEMBLATA IN OPERA CON TECNOLOGIA A SECCO SENZA AUSILIO DI SALDATURE.

AL TERMINE DELL'ESPOSIZIONE IL PADIGLIONE SARA' SMONTATO IN SOLE 2 SETTIMANE.

EDIFICIO SOSTENIBILE DALLE ALTE PRESTAZIONI ENERGETICHE E DAI COSTI DI COSTRUZIONE RIDOTTI.

Disposto su unarea di 750 esprimono il valore metafo- sezione circolare in acciaio della sostenibilit: il padi-
mq, il padiglione della Santa rico, evocando linterno di S355JR; per i profili rima- glione un edificio sosteni-
Sede ha una superficie di 361 una chiesa. Per garantire il nenti si utilizzato acciaio di bile e dalle alte prestazioni
mq e affronta, attraversando contenimento dei costi di co- qualit S275JR. La copertura energetiche, affrontando i
il tema della nutrizione del struzione stata scelta una di 318 mq realizzata con la- seguenti temi: durabilit nel
pianeta, il tema pi specifico struttura portante in acciaio miera grecata e circa met di tempo e contenimento delle
di nutrire il corpo, la mente e assemblata in opera senza questa prevede un sistema a spese di manutenzione, ridu-
lo spirito. Il padiglione si pre- ausilio di saldature, sono verde intensivo. Le strutture zione dei costi di costruzione,
senta come un recinto state impiegate tecniche portanti, le sottostrutture, i precisione dei dettagli
aperto, che definisce archi- costruttive a secco per i tam- solai intermedi e di coper- costruttivi, innovazione e
tettonicamente due entit: ponamenti esterni ed interni, tura, sono in carpenteria utilizzo di nuove tecniche e
quella esterna, caratterizzata che assicurano velocit nei metallica. Le pareti di conte- tecnologie. Al termine del-
da pieghe e piani inclinati con tempi di realizzazione e sono nimento in cartongesso per- lEsposizione la demolizione
sovrapposte parole che ri- stati utilizzati materiali e mettono una resistenza al della struttura portante, della
chiamano i concetti alla base componenti edilizie durevoli. fuoco pari a REI 60. Non copertura e del rivestimento
del cristianesimo. Allinterno Per gli elementi principali meno significativa latten- richieder solo 2 settimane
del padiglione, due semivolte sono stati impiegati tubolari a zione posta nei confronti lavorative.

106 107
THEME CORPORATE PAVILIONS

ph. Lorenzo De Simone


ph. ARCHIVIO EXPO 2015 - Federico Brunetti
TRE PADIGLIONI IN ACCIAIO LIBERI DA COLONNE INTERNE PER LA MASSIMA FLESSIBILITA' DEGLI ALLESTIMENTI.

INVOLUCRO ESTERNO IN PANNELLI SANDWICH IN ACCIAIO.


ph Daniele Mascolo - EXPO 2015

THEME CORPORATE PAVILIONS

Committente
EXPO 2015 spa Il progetto dei Theme Corpo- ha conferito ai padiglioni la a lati uguali. Tutte le travi sono Un ulteriore impalcato con
PROGETTO PRELIMINARE rate Pavilions costituito da maggior flessibilit possibile, posizionate ogni 6,4 metri circa profili HEB ed IPE presente
Ufficio di piano Expo 2015 spa tre padiglioni rettangolari iden- cos da lasciare completa e appoggiano sia sulle colonne per sorreggere i macchinari
Dir. Construction & S. M.
Progettista responsabile tici nelle dimensioni: 32 m di libert di scelta nellorganizza- del telaio che sulle travi retico- interni. Lintera struttura in
Matteo Gatto larghezza, 78 di lunghezza ed zione e progettazione degli lari laterali. Ampio utilizzo acciaio di qualit S355.
Progettazione specialista
(architettura) unaltezza libera di circa 14,5 spazi, grazie alla successione anche di profili a doppio T Aspetto fondamentale del
Ciro Mariani metri. Gli edifici sono inoltre di telai paralleli tra loro, per per le capriate: HSU progetto TCP quello della
Progettazione specialista
liberi da colonne interne, per un totale di dodici portali. 260*300*25*15, HEA 300, temporaneit dellopera.
(strutture)
Monica Antinori permettere la creazione di Le maglie strutturali, con HEA 280 e IPE 270. I telai di I padiglioni infatti verranno
allestimenti sia ad un solo colonne solo allesterno, sono testata sono invece composti utilizzati solo per lesposizione
PROGETTO ESECUTIVO
Metropolitana Milanese spa piano sia a due piani. Dedicati tali da poter fruire al massimo da colonne HEA 300 e travi universale e saranno smantel-
Progettista responsabile ad itinerari tematici, permet- degli spazi sia in pianta che in HEA 260 e 300. lati alla fine dellevento.
Roberto Conta
Collaborazione alla tono ai visitatori di scegliere elevazione. I telai trasversali Gli arcarecci sono in profilati Proprio per questo sono stati
progettazione percorsi in base ai loro inte- tipici sono composti da due tipo IPE 220. Profili angolari realizzati con struttura in
Giuseppe Giunta
ressi, percependo e speri- colonne HEB 550, con distanza 60x8 mm disposti a croce di acciaio a garanzia della possi-
General Contractor mentando pienamente il tra assi pari a 31 m circa e da SantAndrea sono utilizzati bilit di riutilizzo e riciclo del
Ing. E. Mantovani spa materiale stesso, ovvero
contenuto di Expo. travi reticolari formate da per i controventi di falda ed L
Costruttore metallico
MBM spa La progettazione preliminare profili HEB/HEA 260 e angolari 80x8 mm per quelli verticali. sostenibilit del costruito.

110 111
TENDE CARDO E DECUMANO

ph. Lorenzo De Simone


ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015

ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015


ELEMENTI PORTANTI IN TUBOLARI E LAMINATI MERCANTILI, TIRANTI E CONTROVENTI IN ACCIAIO ZINCATO E
VERNICIATO.

LEGGEREZZA E STABILITA' CON CURVE CONTRAPPOSTE IN ACCIAIO S355J.

Le tende, che connotano vi- nell'immaginario collettivo una ottenute. Per tutte le strutture allacqua meteorica di muo-
sivamente i viali su cui si svi- sensazione leggera, semplice, le due funi, portante e stabiliz- versi dalla porzione superiore
luppa lEsposizione universale, quasi arcaica: la tenda, in anti- zante, sono in acciaio ad alta della copertura verso quella
sono costituite da una tenso- tesi con il dominante "Mega- resistenza, hanno curvatura inferiore.
struttura a doppio effetto, trend" delle soluzioni EXPO contrapposta e sono presolle- Gli elementi portanti sono
scelta quale sistema struttu- precedenti. citate mediante un campo di realizzati con tubi strutturali
rale principale e adottata per Le tende si differenziano per sforzi di trazione verticalmente ( 323,9 mm), tiranti in barre
le sottostrutture che compon- dimensione e geometria tra autoequilibrati. Il manto di co- piene (da 52 a 100 mm) e
gono le singole coperture dei coperture dei viali principali, pertura in membrana ordito controventi anchessi in barre
viali. Il sistema il risultato di Decumano e Cardo, e coper- tra arcarecci disposti trasver- piene ( 27mm). Funi portanti
unanalisi preliminare di fatti- tura Accesso Ovest. salmente. Su ciascun modulo e stabilizzanti sono del tipo a
bilit comparativa effettuata Le tensostrutture portanti la copertura in membrana si trefoli paralleli. I collegamenti
tra diverse soluzioni, che ha sono realizzate con funi a cur- sviluppa per met luce a livello sono totalmente bullonati.
permesso di garantire l'indi- vatura contrapposta che otti- della fune portante (copertura Tutti gli elementi strutturali,
rizzo concettuale del Master- mizzano lefficienza strutturale alta) e per met luce a livello barre e profili cavi, sono
plan con l'impostazione "light" riducendo limpiego di mate- della fune stabilizzante (coper- in acciaio S355J, zincati e TENDE CARDO E DECUMANO
delle coperture, inducendo riale rispetto alle prestazioni tura bassa), questo da modo verniciati.
Committente
VISTA GENERALE 3D E DETTAGLI EXPO 2015 spa

PROGETTO PRELIMINARE
Ufficio di piano Expo 2015 spa
ph. Lorenzo De Simone

Dir. Construction & S. M.


Progettista responsabile
Massimo Majowiecki
Coordinamento progettuale
Matteo Gatto
Progettazione specialista
Ciro Mariani, Monica Antinori
Consulenze
Politecnico di Milano

PROGETTO ESECUTIVO
Metropolitana Milanese spa
Responsabile opere civili
Roberto Conta
Collaborazione alla
progettazione
Massimo Majowiecki

Impresa
Ing. E. Mantovani spa
ph. Lorenzo De Simone
PADIGLIONE THAILANDIA

ph. Lorenzo De Simone


PADIGLIONE THAILANDIA

Committente
Ministero dellAgricoltura
e Cooperative del Regno
della Thailandia
Progetto architettonico
OBA The Office of Bangkok
Architects
Progettazione architettonica
locale, progettazione
strutturale e impiantistica
Work in Progress srl
CONCEPT ARCHITETTONICO Architettura del paseaggio
Landprocess Co. Ltd.
General Contractor
Work Right JV (Thailandia),
Padiglioni EXPO scarl (Italia)
Costruttore metallico
3D DELLE STRUTTURE GED srl

ll Padiglione Thai si sviluppa progetto: la forma evoca il del padiglione sono travi HE, sono sostenuti da colonne in
su tre piani per unaltezza tipico copricapo degli agricol- IPE e UPN, oltre a profili cavi a acciaio disposte su una maglia
complessiva di circa 15 m, tori tailandesi e costituisce la sezione circolare e controventi irregolare che si adatta al pro-
occupa una superficie totale copertura della hall dingresso in tubolari rettangolari. La getto architettonico. In ultimo,
pari a circa 3.000 mq ed e della sala espositiva al primo passerella di accesso Naga la struttura denominata Ngob
costituito fondamentalmente piano. In ultimo, l'edificio adi- presenta telai in acciaio a costituita da una forma a
da tre porzioni immediata- bito a sale espositive contiene sostegno del piano di cammi- tronco di cono in cui le colonne
mente distinguibili. La rampa un largo open space e la sala namento e delle coperture, a disposte lungo il perimetro
di accesso incolonna i visitatori adibita ad auditorium per una verde per la parte adibita a risultano unite da travi cos
e li porta alledificio principale capienza complessiva di 250 negozi e in policarbonato per da formare, ad ogni piano,
riprendendo nel disegno le persone. la zona di passaggio. Nell'edi- degli anelli di irrigidimento.
simbologie divine tipiche della Le strutture in elevazione sono ficio principale i piani sono Al termine dellesposizione, le
tradizione buddista. Il corpo realizzate interamente in car- costituiti da impalcati metallici strutture metalliche saranno
centrale Ngob, riassume il penteria metallica di qualit con solette in lamiera grecata smantellate e recuperate
carattere simbolico di tutto il S275; a costituire lossatura con getto di completamento e presso centri autorizzati.

ph. Padiglioni EXPO


ph. Daniele Mascolo - EXPO 2015
ph. Lorenzo De Simone
ph. Lorenzo De Simone

3.000 MQ DI SUPERFICIE CON STRUTTURE IN ELEVAZIONE IN ACCIAIO S275 PER UN'ALTEZZA COMPLESSIVA DI 15 METRI.

VELOCITA' DI MONTAGGIO ANCHE PER IL PARTICOLARE CORPO CENTRALE "NGOB" A FORMA DI TRONCO DI CONO E
DALL'ANIMA STRUTTURALE IN RETICOLI D'ACCIAIO.

123
ph. Lorenzo De Simone
PADIGLIONE TURCHIA

ph. Lorenzo De Simone


ph. Davide Dolcini

ph. Davide Dolcini


ph. F&M Ingegneria

180 TONNELLATE DI ACCIAIO STRUTTURALE S355: PROFILI TUBOLARI, TRAVI IPE, HE, UPN E PANNELLI SANDWICH.

L'UTILIZZO DELL'ACCIAIO HA CONSENTITO DI MODELLARE AGEVOLMENTE LE FORME TIPICHE DELLA CULTURA TURCA.

Costruito su unarea di 4.170 verso larte del vetro. Nella ospita le attivit culturali ed i zati con profili HEB 160 ad
mq, il padiglione della Turchia sezione scoperta del padi- ricevimenti, mentre la parte eccezione della copertura in
contiene 3 sezioni principali e glione, allombra dei platani, coperta un palazzo-ufficio che cui sono stati utilizzati profili
7 ambienti semi-aperti ognu- si trova unarea dove i visita- riflette la forma storica e lo IPE 240, IPE 200 e UPN 300.
no diverso dallaltro: cinque di tori possono gustare il t ed il stile delle case tradizionali I solai sono costituiti prevalen-
questi ospitano mostre ed caff turco godendo dellat- turche. temente da pannelli prefab-
PADIGLIONE TURCHIA
ph. Davide Dolcini

eventi ad orientamento tema- mosfera tipica e della fontana Larea semi aperta caratte- bricati in legno mentre in
tico, mentre i restanti conten- ottomana. In aggiunta a que- rizzata da un impianto copertura stata prevista Committente
Repubblica di Turchia -
gono il ristorante e spazi sto luogo, dove trovano spazio strutturale costituito da telai la posa di pannelli sandwich Turkiye Cumhuriyet
commerciali. anche larea del mercato, i in acciaio che prevedono in acciaio. La parte scoperta Ekonomi Bakanligi
Rappresentante
Tutti i valori che hanno carat- chioschi e le Tavole Anatoli- l'impiego di profili tubolari a del padiglione delimitata da Dream Design Factory
terizzato il passato della na- che, si svolgono periodica- sezione quadra 250x250x6 un moderno intreccio di tubo- Progetto strutturale
impiantistico definitivo
zione prendono vita attraverso mente mostre e laboratori mm per le colonne, travi IPE lari a sezione rettangolare ed esecutivo
il design e le decorazioni tipi- che permettono il contatto 400 e IPE 300 come elementi 300 x 100 mm, graticcio sor- F&M Ingegneria srl
che della cultura turca raffi- con la raffinatezza della cul- principali e IPE 240/220 come retto da un lato da una quinta General contractor
Alessandro Rosso
gurate in una fontana in pietre tura turca. La parte semi elementi secondari. La stecca in acciaio, dallaltro da una Construction
naturali, nella ricostruzione di aperta disegnata ed ispirata dedicata agli uffici costituita grande ampolla e da due & Management srl
Costruttore metallico
una tipica casa turca ed attra- ai caravanserragli in cui latrio principalmente da telai realiz- alberi anchessi in acciaio. Speirani costruzioni srl 129
PADIGLIONE URUGUAY

ph. MSC Associati


PADIGLIONE URUGUAY

ph. MSC Associati


Committente
Repubblica Orientale dellUruguay
Coordinamento generale del
progetto architettonico
Javier Daz (INAC)
Progetto
Javier Daz (responsabile);
Daniel Gimnez (supervisione);
Magnone Pollio (progetto
strutturale); Marcelo Pittamiglio,
Ricardo Hofstadter, Luis
Lagomarsino, Gonzalo Fernndez
(progetto impiantistico); MSC
Associati srl - Federica Desio,
Marco Schiatti (local architects)
Progetto esecutivo
MSC Associati srl
General Contractor
Campana Costruzioni srl
Costruttore metallico
Cosmet di Fantoni srl

Alla sua prima partecipazione trale della proposta didattica copertura del padiglione, di travi secondarie IPE 160 e
ad unEsposizione universale, costituito da un'area audiovi- questa pelle esterna agisce principali IPE 240 e IPE 360,
lUruguay ha affidato la siva alloggiata al primo piano, come una maglia che pro- collegate tra di loro da squa-
progettazione del proprio pa- raggiungibile attraverso una tegge l'edificio dalle radiazioni drette e piastre con unioni
diglione ad un team di archi- rampa sonora, dove vengono solari e crea giochi di ombre. bullonate. La copertura
tetti locali, sotto legida del diffusi suoni come il frusciare Strutturalmente il volume presenta una serie di coppie
motto La vita cresce nellUru- dei campi, lo sciabordio delle caratterizzato da unossatura tirante / puntone bullonate a
guay. Edificata in un lotto di onde fino allo scoppiettare del metallica combinata con tutte le colonne perimetrali;
circa 700 metri quadri, larchi- fuoco delle grigliate ed alla chiusure orizzontali e verticali tali elementi sono a sostegno
tettura stata concepita con lo musica folkloristica. leggere: le soluzioni costrut- di travi di coronamento peri-
scopo di ottenere un perfetto Ledificio esternamente tive adottate assicurano il ri- metrali IPE 360 alle quali sono
equilibrio ambientale tra spazi caratterizzato da una linea spetto di tutte le esigenze fissate a loro volta le lamelle
verdi e costruito. Il padiglione avvolgente sospesa che com- prestazionali anche nei con- in piatto 300x12 mm che fun-
presenta un design che offre bina pezzi rustici in legno ad fronti del successivo smontag- gono da schermatura alledifi-
al visitatore un'esperienza elementi verticali in acciaio gio e riutilizzo. I solai lignei cio e che sostengono le doghe
multisensoriale: l'asse cen- dipinti di bianco. Appesa alla sono sostenuti da unorditura rustiche in legno massiccio.
ph. MSC Associati

ph. Lorenzo De Simone


L'URUGUAY REALIZZA UN PADIGLIONE IN ACCIAIO PER LA SUA PRIMA PARTECIPAZIONE AD UN'ESPOSIZIONE UNIVERSALE.
ph. Lorenzo De Simone
PADIGLIONE USA

ph. Lorenzo De Simone


PADIGLIONE USA

ph. Lorenzo De Simone


ph. Saverio Lombardi Vallauri

Committente
Friends of USA Pavilion Expo
2015, Governo degli Stati
Uniti dAmerica
Progetto architettonico
Biber Architects, Genius Loci
Architettura srl
Progetto strutturale
SCE Project srl Ing. Fabrizio
Bozzi, Ing. Andrea Pisani
General contractor
Nussli Italia srl
Costruttore metallico
Pre Metal spa
Realizzazione facciate
Lanaro srl

DETTAGLIO COPERTURE

Il padiglione USA presenta un Il padiglione caratterizzato imponenti video installazioni, parete. I solai, realizzati con
volume su pianta rettangolare da aperture, trasparenze e aree espositive interattive, una pannelli in legno, sono sorretti
di dimensioni pari a 93x15 m, accessibilit; delimitato da terrazza panoramica, una VIP da travi principali di impalcato
con unaltezza totale fuori un lato da una parete conte- lounge e spazi per la vendita in profili HEA da 280 fino a
terra di 17 m per una superfi- nente ascensori e scale mo- al dettaglio. 450 mm, da un'orditura
cie totale di 3.250 mq. Attra- bili, dall'altro da una vetrata La struttura del padiglione secondaria in IPE 300 e sono
verso mostre interattive e che si affaccia su una vera e consiste in unossatura di telai controventati con angolari
media di ultima generazione, propria fattoria verticale. In in carpenteria metallica irrigi- 60x8. La copertura a shed
allinterno delledificio ven- copertura sono state impie- diti sia in senso longitudinale realizzata con travi reticolari
gono messe in luce lindu- gate vetrate SmartGlass che trasversale da controventi in acciaio ottenute da profili
stria, i prodotti e le iniziative capaci di variare le caratteri- concentrici in profili angolari. tubolari con arcarecci in UPN.
imprenditoriali statunitensi stiche di trasparenza e tra- Le colonne sono in laminati Complessivamente sono state
negli ampi contesti della smissione del calore. Una HEA e HEB 300/320 ed in impiegate pi di 600 tonnel-

ph. Lorenzo De Simone


sostenibilit di nutrizione e passerella rivestita in legno corrispondenza delle testate late di acciaio per realizzare
salute, della tecnologia e recuperato, proveniente dal dell'edificio sono presenti dei un edificio sostenibile che ri-
delle innovazioni in campo lungomare di Coney Island, volumi aggettanti sostenuti da chiama la semplicit degli
alimentare. accompagna il visitatore verso tiranti e puntoni inseriti in edifici agricoli.
ph. Saverio Lombardi Vallauri
ph. Saverio Lombardi Vallauri

3.250 MQ DI SUPERFICIE E 600 TONNELLATE DI ACCIAIO PER UN PADIGLIONE SOSTENIBILE E COMPLETAMENTE


ph. Saverio Lombardi Vallauri

RECUPERABILE A FINE EVENTO.

140 141
PADIGLIONE VANKE

ph. Hufton+Crow
ph. Daniel Libeskind Studio
PADIGLIONE VANKE

Committente Progetto strutturale


China Vanke Ramboll UK Ltd , S.P.S. srl
Progetto architettonico General Contractor
Studio Libeskind Daniel Libeskind, Bodino Engineering (padiglione),
Yama Karim (principal in charge), Nussli (spazi espositivi)
Agostino Ghirardelli (technical Opere Civili
director / architect of record) Paterlini Costruzioni spa
Progetto spazio espositivo Costruttore metallico
Ralph Appelbaum Associates OCML spa

Vanke, la pi grande azienda un senso di continuo fluire tra per l'aria circostante. riciclate terminato l'evento
di Real Estate della Cina, ha l'interno e l'esterno, accompa- La struttura portante costi- espositivo.
affidato il progetto del suo gnano il pubblico in un viaggio tuita da telai in acciaio compo- All'interno del padiglione
padiglione ad una delle pi attraverso lo spazio e il tempo, sti da centine calandrate con stata allestita la Foresta
note firme dellarchitettura la tradizione, i valori e le rela- raggi di curvatura variabili e virtuale, uno spazio unico a
mondiale, lo studio Daniel zioni umane. da travi di piano principali e doppia altezza con circa 200
Libeskind. Situato nella parte Una grande scalinata bianca secondarie; completano la schermi installati in modo irre-
nord del Decumano vicino al scolpisce il volume e conduce carpenteria metallica gli golare su elementi in bamb.
Lake Arena e a Piazza Italia, il visitatore in copertura, privi- elementi tubolari di controven- Il visitatore puo' assistere alla
con una superficie di 1.000 mq, legiato punto panoramico su tamento e i profili cavi di proiezione di cortometraggi
il Padiglione si ispira ad una EXPO. La facciata rivestita baraccatura, saldati in opera che ritraggono momenti di vita
serie di evocazioni che spa- con quattromila piastrelle a piatti posti a quote fisse delle comunit cinesi e che
ziano dallantico pensiero di ceramiche rosse metallizzate sulle ali esterne delle centine. evidenziano il ruolo fondamen-
Confucio e Lao Tzu, al Rinasci- caratterizzate da una texture Complessivamente sono state tale svolto dalla tradizionale
mento e allarte contempora- tridimensionale, dalle pro- impiegate 150 tonnellate di shi-tang (sala da pranzo) nella
nea. Le geometrie sinuose e priet auto-pulenti e purificanti profili in acciaio che verranno quotidianit.

Daniel Libeskind Studio


Daniel Libeskind Studio
ph. Hufton+Crow

Daniel Libeskind Studio


150 TONNELLATE DI ACCIAIO STRUTTURALE: TRAVI, PROFILI TUBOLARI E LAMIERE PER IL CORE DEL PADIGLIONE.

UNA FACCIATA DI 4.000 PIASTRELLE METALLIZZATE SOSTENUTE DA UN'ORDITURA PORTANTE IN ACCIAIO.

ph. Daniel Libeskind Studio


ph. Hufton+Crow

147
ph. Hufton+Crow

148
Daniel Libeskind Studio

ph. Hufton+Crow
PADIGLIONE ZERO

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

ph. Lorenzo De Simone


Padiglione Zero il primo tema cardine di EXPO 2015, una successione di paesaggi anchesse zincate a caldo,

ph. Lorenzo De Simone


edificio dellarea espositiva Nutrire il Pianeta, energia per collinari, sono rivestite in tavo- in profili tubolari circolari, le
che si incontra provenendo la vita. Dal punto di vista com- lati di abete, poggianti sulle colonne che sostengono le
dagli ingressi ovest e, per positivo caratterizzato dalla strutture portanti in acciaio e travature reticolari di coper-
questo motivo, riveste un ripetizione e intersezione di disposti orizzontalmente come tura. Trattandosi di una strut-
forte ruolo di rappresentanza. otto coni aventi un diametro di a riprendere le curve di livello. tura temporanea destinata
Con un'impronta a terra di base di 45 e 85 m e un'altezza Ciascuna collina sorretta ad essere smantellata, la
7.500 mq, si sviluppa su pianta di 22 e 26 m. Tali elementi da 16 travi reticolari in acciaio scelta dellacciaio, materiale
rettangolare di 124x60 m e sono organizzati attorno a un zincato disposte a raggiera, riciclabile per eccellenza,
raggiunge unaltezza massima patio scoperto e il muro peri- costituite da profili laminati di lungimirante anche nellottica
di 26 m. Il complesso ospita metrale seziona le geometrie dimensioni variabili in fun- di riduzione dellimpatto
dieci aree concettuali che evidenziandone i rilievi. Le zione della luce e dei carichi. ambientale e del riutilizzo
introducono il visitatore al coperture ondulate, simili ad Sono inoltre metalliche e post evento.

STRUTTURE PORTANTI IN ACCIAIO ZINCATO RICICLABILI AL 100% COSTITUITE DA PROFILI LAMINATI APERTI E TUBOLARI.

PADIGLIONE ZERO

Committente
EXPO 2015 spa
Curatore
Prof. Davide Rampello

PROGETTAZIONE PRELIMINARE PROGETTAZIONE DEFINITIVA


Coordinamento progettuale ED ESECUTIVA
Fiera Milano spa ITECO Italian Engineering
Progetto architettonico Company srl
Michele De Lucchi Impresa
Progetto strutturale e P&I Project Integrator
impiantistico Costruttore metallico
Milan Ingegneria srl C.M.S. srl 153
OPEN AIR THEATRE PADIGLIONE INDONESIA

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

Situata a sud del sito espositivo, linfrastruttura rappresenta Il padiglione progettato come una struttura semi-aperta
uno dei quattro punti cardine agli estremi del Cardo e del che consente lutilizzo della luce naturale per creare un
Decumano. LOAT un grande spazio dedicato agli eventi ambiente fresco al suo interno. La struttura portante, inte-
allaperto, in grado di ospitare 11.000 persone in occasione ramente in acciaio, realizzata da due coperture ellittiche
di concerti, spettacoli teatrali e cerimonie ufficiali. La coper- ben distinte unite da una struttura a ponte complanare.
tura, che raggiunge i 51 metri di luce libera, costituita da Le due ellissi sono supportate da un totale di 18 colonne,
Committente EXPO 2015 spa Progetto preliminare Ufficio di piano Expo una travatura reticolare spaziale in acciaio in tubolari di prive di controventi di parete, legate tra loro a met altezza
2015 Dir. Construction & D. ; Ciro Mariani (progettista responsabile), Monica qualit S355JR. In acciaio anche linvolucro, con pannelli da una trave perimetrale, anchessa ellittica, con funzione
Antinori (strutture) Progetto esecutivo Metropolitana Milanese spa;
Roberto Tornelli (progettista responsabile), Studio Valle Architetti Associati e sandwich autoportanti con finitura in lamiera preverniciata di rompitratta per le colonne e di sostegno alle strutture Committente Repubblica dIndonesia Progetto preliminare Koperasi,
MSC Associati srl (collaborazione alla progettazione) General Contractor dacciaio per la parte opaca. portanti della suggestiva pannellatura di parete realizzata Pelestarian, Budaya Nusantara Architecture Team Progetto architettonico
Ing. E. Mantovani spa e strutturale esecutivo Prof. Ing. Paolo Rigone Studio di Ingegneria
in Rattan. Rigone Main Contractor Migri srl Costruttore metallico Comeva srl

PADIGLIONE REPUBBLICA CECA PADIGLIONE ECUADOR

ph. Lorenzo De Simone


Committente CZ Expo
ph. Lorenzo De Simone

2015
Progetto architettonico
Chybik + Kristof Paese dalla ricca tradizione nel campo della produzione Per la prima volta, lEcuador partecipa con un proprio padi-
Engineering agricola e alimentare, la Repubblica Ceca ha scelto di glione a unEsposizione Universale, con lo scopo di mostrare
Progeca srl
General Contractor basare lesposizione sullacqua, elemento cardine della vita. ai visitatori lessenza del Paese. LEcuador caratterizzato da
KOMA Modular sro Un grande lago, che riflette le bianche strutture del padi- quattro regioni bioclimatiche (amazzonia, costa, tratto andino,
glione dotato in copertura di un tetto-giardino di 350 mq, isole) e quattro sono le aree in cui si articola il percorso espo-
costituisce il fulcro dellarea espositiva. Per la realizzazione sitivo. Le strutture che caratterizzano i quattro step espositivi
sono stati impiegati materiali e tecnologie costruttive sono realizzati interamente con struttura in acciaio e per la
sostenibili: ledificio infatti formato da moduli prefabbricati realizzazione del padiglione il cantiere ha richiesto solo 3
in acciaio, interamente riutilizzabili ed assemblati in sole 6 mesi. Di grande impatto visivo la vivace facciata, caratterizzata Committente Repubblica dellEcuador Progetto architettonico Studio
Zorrozua y Asociados, Imagedesign Vittorio Regis Progetto strutturale De
settimane. da innumerevoli catene metalliche colorate, agganciate alle Luca e Associati Main Contractor Ecuador Expo Milan 2015, GEIE
strutture portanti in acciaio. Costruttore Metallico MAP spa

PADIGLIONE KAZAKISTAN PADIGLIONE UNGHERIA

ph. Davide Dolcini


ph. Lorenzo De Simone

Disposto su unarea complessiva di circa 2.400 mq, il Con il motto Giardino della Vita lUngheria presenta un
padiglione kazako improntato sullidea di uno sviluppo padiglione di 1.900 mq che riprende gli aspetti tipici del
sostenibile, con la tutela delle risorse agricole e naturali. paesaggio rurale ungherese, come granai, silos e stalle.
Ledificio costituito da strutture portanti in acciaio: Ledificio si articola su tre piani e rappresenta idealmente
colonne e travi HEA, solai in lamiera grecata a secco, per unArca di No che racchiude i prodotti e la cultura agroali-
un totale di 220 t; il padiglione disposto su due piani ed mentare magiare. Le strutture portanti sono caratterizzate
connotato da una forma suggestiva. Elementi fondamentali da colonne curvilinee in acciaio, con travi dimpalcato
Committente Repubblica del Kazakistan Progetto architettonico GTP2
delledificio sono le facciate, caratterizzate dallalternanza anchesse in acciaio. Il 90% delledificio riutilizzabile: sar
Architekten, MSC Associati srl Progetto strutturale Weischede, Hermann und tra pannelli metallici a finitura opaca e lucida ed elementi smontato e ricostruito in Ungheria dove ospiter il Centro Committente Presidenza dei Ministri Governo Ungherese Progetto prelim-
Partner GmbH, MSC Associati srl Imprese Christmann & Pfiefer Industriebau inare Sndor Srkny, Zoltn Frizs (idea e capi progetto); Attila Ertsey
vetrati. Nazionale della Salute e dellInformazione. (leading architect) Progetto esecutivo SIA Ingegneria e Architettura Milano
GmbH, Impresa di Costruzioni Oreste Bossi & Figli srl, Yesco Srl, Holtmann
Gmbh & Co.Kg srl Main contractor Carpathia KFT Strutture in acciaio BHA KFT

PADIGLIONE SVIZZERA PADIGLIONE VIETNAM


ph. NUSSLI Group - Andreas Keller, Altdorf

ph. MAP
Il padiglione Svizzero caratteristico per lo sviluppo del con- Il padiglione vietnamita si ispira nelle forme al fiore di loto,
cept proposto: attraverso quattro torri espositive vengono notevolmente diffuso nel Paese, che si distingue per la sua
messi a confronto abbondanza e scarsit delle risorse alimen- bellezza e la capacit di purificare lacqua dove cresce. Su
tari, alle quali il visitatore pu attingere quanto desidera tra- una superficie di 1.000 mq e due livelli espositivi, ledificio
mite dispenser. A costituire lossatura portante del padiglione costituito da un corpo principale in acciaio rivestito da pareti
una struttura in acciaio, materiale inesauribile in quanto rici- vetrate e compenetrato da fiori anchessi realizzati con
clabile allinfinito: sono in carpenteria metallica il corpo princi- struttura in acciaio a sostegno dei rivestimenti in bamb.
pale, totalmente in acciaio e assemblato mediante giunti Lassemblaggio delle strutture metalliche, dal peso com-
bullonati e le torri, realizzate in acciaio ed elementi prefabbri- plessivo di 85 tonnellate, avvenuto in tempi rapidi: da
Committente Repubblica Socialista del Vietnam Vietnam Exhibition Fair Cen-
Committente Confederazione Svizzera Dipartimento degli Affari Esteri cati in ca. Per la realizzazione delledificio sono state impiegate dicembre 2014 a febbraio 2015 ed il padiglione stato uno tre (VEFAC) Progetto preliminare Vo Trong Nghia Progetto esecutivo Proger
Progetto Netwerch GmbH General Contractor Nussli Italia srl Strutture in complessivamente 320 tonnellate di acciaio, con travi HEA, dei primi ad essere completati. spa, BMS Progetti srl Impresa Sarappalti spa Costruttore metallico MAP spa
acciaio Stahlbau Pichler srl
HEB e IPE dalle dimensioni variabili (da 140 a 450 mm).
PADIGLIONE MAROCCO PADIGLIONE GIAPPONE

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

Il Marocco, con il motto Un viaggio di sapori ha scelto un Il Giappone propone ad EXPO 2015 il tema della Diversit
edificio espositivo che richiama la Casbah, tipica architettura Armoniosa, sviluppato anche grazie ad uno degli spazi espo-
del Paese, attraverso muri perimetrali in pis (terra cruda). sitivi di maggior estensione allinterno dellarea con 4.170 mq
Le necessit di rapidit dassemblaggio non ha consentito di superficie. Il volume principale presenta una struttura inte-
lutilizzo di questa tecnologia costruttiva millenaria e i proget- laiata in acciaio saldata e bullonata con solette in lamiere
tisti hanno optato per una struttura, altamente riciclabile, con grecate e getto collaborante, il tutto rivestito da pareti lignee. Committente JETRO (Japan External Trade Organization) Progetto Atsushi
pilastri in acciaio, travi e solette lignee e muri di tampona- La scelta di realizzare la struttura degli elementi principali e Kitagawara Architects (architecture and interior design), DENTSU INC. (ex-
hibition design) Ishimoto Architectural & Engineering Firm Inc. (architecture
mento esterni in pannelli prefabbricati. Le esigenze architet- secondari in acciaio, con elementi a T di 100x100 mm e tu- and engineering), Arup Italia srl Maurizio Teora (structural design), IPARCH
Committente Min. dellAgricoltura e della Pesca marittima del Regno del toniche non hanno inoltre permesso lutilizzo di setti portanti bolari 100x50, e di utilizzare collegamenti meccanici consente srl Stefano Pellin (civil works design), Stain Engineering srl Antonio
Marocco Progetto architettonico KILO Progettazione architettonica locale, Danesi, Fabrizio Andreatta (mechanical engineering) Consulenti studio
in ca, pertanto si privilegiato un sistema a pilastri tubolari un rapido smontaggio, in sicurezza e senza lausilio di parti- IPARCH Luisa Basiric, Michele Maddalo, Stefano Pellin, Dario Pellizzari, An-
progettazione strutturale e impiantistica Work in Progress srl General Con-
tractor Italiana Costruzioni spa quadri in acciaio, resistenti alle sollecitazioni flessionali. colari mezzi di taglio o demolizione. [ph. Lorenzo De Simone] drea Savoldelli, Klaus Scalet General Contractor TAKENAKA EUROPE GmbH

PADIGLIONE REPUBBLICA DI COREA PADIGLIONE FEDERAZIONE RUSSA

ph. Lorenzo De Simone


ph. Lorenzo De Simone

La Corea del Sud ha scelto una struttura prefabbricata in Il padiglione della Federazione Russa presenta in dettaglio la
acciaio per il suo padiglione, che si sviluppa sulla ragguar- vastit del Paese, che con una superficie di oltre 17
devole superficie di 3.900 mq. Architettonicamente ledificio milioni di kilometri quadrati il pi grande del mondo,
rappresenta il moon jar, tipico vaso in ceramica della tra- la variet dei suoi ambienti naturali, le zone climatiche, i pro-
dizione coreana ed caratterizzato da una facciata ondulata dotti regionali e le cucine etniche e permette ai visitatori di
che sollevata da terra ed avvolge lintera struttura. Per sperimentare ed esplorare il tema della sicurezza alimentare.
assecondare le forme ed ottenere spazi espositivi dalle Segno distintivo del padiglione, che caratterizzato da strut-
Overall Responsability Ministry of Culture, Sport & Tourism - Korea Spatial grandi luci, lacciaio risultato una scelta vincente. Per il ture portanti in acciaio, il grande corpo aggettante di circa
Concept and Architecture Archiban Seokchul Kim & Partners Detailed
Design MC&LP Arch. Maurizio Carones e Ing. Luigi Paolino Structural Design
padiglione sono state impiegate complessivamente 470 30 metri senza appoggi intermedi,
MC&LP - Ing. Marco Cagelli General Contractor Posco Engineering Co. Ltd tonnellate di carpenteria metallica. costituito da una travatura reticolare in acciaio ed in grado di
Main Contractor Joint-Venture CMC-CMB Committente Governo della Federazione Russa Progetto SPEECH Architec-
ospitare in copertura una terrazza panoramica. La grande tural Office (Sergei Tchoban, Alexei Llyin, Marina Kuznetskaya) General
prua inoltre rivestita da lastre metalliche specchianti, che Contractor SECH Costruzioni Metalliche spa
permettono al visitatore di giocare con il proprio riflesso.
PADIGLIONE SLOVACCHIA
ph. Lorenzo De Simone

La posizione strategica al centro dellEuropa fa della


Slovacchia un crocevia di paesaggi, culture e storia. Il
padiglione slovacco, che occupa una superficie di circa
PASSERELLA EXPO-FIERA

ph. Lorenzo De Simone


1.000 mq, si basa sul concept Il mondo in tasca, declinato
in tre punti: diversit, sinergia simbiotica, energia positiva. Altra infrastruttura cardine insieme alla passerella
A forma di parallelepipedo, ledificio espositivo unarchi- Expo-Merlata, il ponte pedonale permette ai visitatori di
tettura semplice ma al tempo stesso ricca di richiami visivi; EXPO 2015 di accedere al sito espositivo da Fiera Milano e
la struttura portante realizzata in acciaio con tampona- dalla omonima fermata della metropolitana. La passerella
menti in pannelli sandwich, le facciate sono caratterizzate ha costituito una sfida progettuale e costruttiva, viste le
Committente Ministero dellEconomia Repubblica Slovacca Progetto innumerevoli variabili quali lo scavalco delle ferrovie e della
architettonico EXpoLine spool sro, Karol Kallay Progetto strutturale OK
dallalternanza tra pareti verdi ed elementi lignei.
Team, Aldo Riccardi Impresa Agentura Evka sro viabilit, oltre ad un sottopassaggio lungo lo sviluppo del
ponte. Lunga 500 e larga 10 metri, la passerella costituita
da un impalcato realizzato con strutture in acciaio e soletta
Committente Repubblica
PADIGLIONE BIELORUSSIA
ph. Stahlbau Pichler

della Bielorussia in lastre prefabbricate. Caratteristiche ed eleganti le pile a


(Ministero degli Affari V, totalmente in acciaio. Alcuni tratti della passerella sono
Esteri) Il padiglione bielorusso si estende su circa 550 mq a cui si
rivestiti da lamiere microforate in acciaio mentre altri,
Progetto esecutivo, aggiungono 313 mq di pavimentazione libera permeabile. I Committente EXPO 2015 spa Progetto preliminare Ufficio di piano Expo 2015
strutturale, costruzione lasciati aperti, consentono al visitatore di godere del Dir. Construction & D. Progetto esecutivo Metropolitana Milanese spa
metallica e facciate volumi del padiglione sono divisi in due zone: la prima
panorama completo su FieraMilano e sui padiglioni di EXPO. General Contractor Collini Lavori spa
Stahlbau Pichler srl ospita la sala ristorante, un bar ed un gift shop, la seconda
Progetto architettonico
e design team Kolya
dedicata a spazi espositivi. Strutturalmente il padiglione
Shizza (Igor Kozioulkov, realizzato interamente in acciaio: profili cavi circolari, travi
Dzmitry Beliakovich, HE, solai dinterpiano in lamiera grecata. Lacciaio, scelto
Aliaksandr Shypilau)
General Contractor per le caratteristiche di sostenibilit e facilit di assemblag-
Stahlbau Pichler srl gio e smontaggio, protagonista anche delliconografica
Wheel of Life, costituita da travi a cassone ottenute da pia-
stre saldate ed assemblate attraverso bulloni.
157
R

sistema costruttivo a secco ad alte prestazioni

Facile da movimentare e rapido da assemblare


Versatile nelle sopraelevazioni, ampliamenti, recuperi e nuove costruzioni
Testato nei confronti dellazione sismica e certificato secondo le normative vigenti
Certificato per la resistenza al fuoco, prestazione strutturale ed acustica
Eco-sostenibile, riciclabile al 100%
Compatibile con i sistemi tradizionali ed a secco
Integrabile con impiantistica tradizionale ed innovativa
Costi e tempi di costruzione definiti e certi

20867 Caponago (MB) Italy via delle Gerole 32 tel +39 02 95746270 fax +39 02 95744994
www.cogi.info www.steelmax.it
A
NUMERO 14
ESTATE 2015
a
Architetture in acciaio LA RIVISTA ITALIANA DELLARCHITETTURA E DELLE COSTRUZIONI IN ACCIAIO

SFOGLIA LA RIVISTA
SUL TABLET O SU PROMOZIONEACCIAIO.IT
SPECIALE EXPO 2015

A
a
FREE

delettera wP
ARCHITETTURA E INGEGNERIA WEB+PAPER

Proprietario della testata Editore

via Vivaio 11 - 20122 Milano via Tadino 25 - 20124 Milano


tel +39 02 86313020 - fax +39 02 86313031 tel + 39 02 29528788
info@promozioneacciaio.it vendite@delettera.it
www.promozioneacciaio.it
DIRETTORE RESPONSABILE
C.F. E P. IVA 04733080966
ISCRITTA NEL REGISTRO DELLE PERSONE GIURIDICHE SIMONA MAURA MARTELLI
DELLA PREFETTURA DI MILANO AL NR. 663 PAG. 1042 VO. 3
CCIAA MILANO REA NR. 1806716
PUBBLICIT
MARKETING@DELETTERA.IT
COMITATO EDITORIALE
TEL. +39 02 36584134
MONICA ANTINORI, MARCO CLOZZA,
DAVIDE DOLCINI, SIMONA MAURA MARTELLI,
CARMELA MOCCIA, GLORIA RONCHI vietata la riproduzione, la traduzione e ladattamento, anche parziale del materiale pubblicato senza autorizzazione
di DELETTERA WP e di Fondazione Promozione Acciaio. Le considerazioni espresse negli articoli sono dei singoli autori,
COMITATO SCIENTIFICO dei quali si rispetta la libert di giudizio, lasciandoli responsabili dei loro scritti. Lautore garantisce la paternit dei con-
tenuti inviati allEditore manlevandolo da ogni eventuale richiesta di risarcimento danni proveniente da terzi che doves-
MONICA ANTINORI, RAFFAELE LANDOLFO, sero rivendicare diritti su tali contenuti. La rivista non responsabile delle spedizioni non richieste.
EMIDIO NIGRO, SANDRO PUSTORINO,
WALTER SALVATORE Iscrizione al Tribunale di Milano in data 03/05/2011 n. 223 del registro. Riservatezza: Art. 7 D.Lgs 196/03. Titolare del
trattamento dei dati personali raccolti nelle banche dati per uso redazionale relativo ai progetti Fondazione Promozione
Acciaio. I dati potranno essere rettificati o cancellati dietro presentazione di richiesta scritta.
HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO
MICHAEL ANDREOLI, MONICA ANTINORI, Trimestrale - Spedizione in abbonamento postale Poste Italiane spa - D. L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n
46) art. 1, comma 1, LO/MI. Prezzo copia: 3 euro Abbonamento annuale: 10 euro
MARCO CLOZZA, LORENZO FIORONI

REDAZIONE
delettera wP PUBBLICA ANCHE:
VIA VIVAIO 11 - 20122 MILANO
cityproject.it
TEL +39 02 86313020 - FAX +39 02 86313031
SEGRETERIA@PROMOZIONEACCIAIO.IT recuperoeconservazione.it
STRUCTURALWEB.IT
STAMPA
GRAFICA METELLIANA
CAVA DEI TIRRENI

RINGRAZIAMENTI
Fondazione Promozione Acciaio ringrazia la Dott.ssa Alessandra Albretti, Head of Media Management &
Comunication Projects Expo 2015 e la Dott.ssa Alessandra Santerini, Media Relations Expo 2015, unita-
mente al team dell'Ufficio di Piano di Expo per la preziosa collaborazione; l'Ing. Monica Antinori, Senior
Strutture Expo 2015 e l'Ing. Marco Clozza, autore dei testi dei progetti. Si ringraziano anche tutti gli studi di
progettazione, le imprese e i costruttori metallici impegnati in Expo 2015 che hanno collaborato e condiviso
i contenuti utili alla realizzazione del presente speciale.

Fondazione Promozione Acciaio ringrazia inoltre Lorenzo De Simone, fotografo milanese che realizza repor-
tage di viaggio e architettura per editori nazionali e internazionali (Touring Club Editore, Rizzoli Internatio-
nal, Quodlibet, Hoepli). Da anni collabora con Fondazione Promozione Acciaio, non potevano mancare in
questo numero i suoi scatti di Expo 2015.