Sei sulla pagina 1di 15

24 - Nino Rota

Per conoscere tutta la musica del compositore Nino Rota

UN amico magico
I trentanni trascorsi da quando Nino Rota ci ha lasciato (1979) sono volati.
Fra un anno (2011) si ricorder il primo centenario della sua nascita; in tale pros-
sima ricorrenza per la prima volta si getta uno sguardo sistematico sulla sua pro-
duzione musicale, nellintento di tracciare un profilo il pi completo possibile del
musicista. Mentre in uscita il catalogo delle sue opere e si confida sul coinvolgi-
mento di Riccardo Muti, scoperto da Rota, nellopera di rivalutazione critica della
sua opera, compresa quella cinematografica
di Nicola Scardicchio

C erto, di strada se ne fatta tanta e Rota stesso


sarebbe lietissimo nel vedere che in quasi tutti
i negozi di musica abbondano ormai spartiti ed in-
ormai destinato ad entrare negli scantinati delle
vecchie cose smesse e poco usate e rientrano in
campo le cose costituite di buona materia-prima
cisioni delle sue opere, cosa che in vita non ebbe la bene adoperata. In sostanza sono crollate misera-
gioia di vedere, eccezion fatta per le solite colonne mente le rodomontate dello snobistico ignorare
sonore che lo hanno reso famoso ma che in passato lindifferenza delluditorio reale (certo non quello
quasi ne hanno occultato la produzione pi impor- degli addetti ai lavori o dei piduisti delle nuove
tante, quella che lui considerava la ragione stessa consonanze e delle dame di carit del dopo-
del suo lavoro di compositore, e pare che final- vienna), degli ascoltatori attenti ed amanti della
mente i beckmesser e i bidelli di Darmstadt stiano buona musica che da un certo momento in poi non
perdendo il vecchio potere assoluto di esaltare od sono riusciti ad assimilare le nuove proposte, pur
umiliare secondo dictat ideologici, tanto stitici abituati alle novit di Stravinsky o Prokofiev non
quanto filosoficamente meno plausibili di quello altrimenti che di Bartok o Copland o Shostakovich
che andavano rivendicando. Il verbo dellincomu- o Britten e via discorrendo. Lostracismo di re-
nicabilit e dellautoreferenzialit sembrerebbe gime, intollerante e supponente con cui, con la pro-
25

tezione anche di illustri esecutori e mentori, certa accorto. Ma che la facilit dellascolto corri-
musica veniva aprioristicamente rifiutata in favore sponda al semplicismo delle tecniche compo-
di quellaltra, ben altrimenti allineata ed obbe- sitive una reale idiozia. E anche quando
diente, ha fatto per troppo tempo strage di autori Rota si allinea alla concezione chiaramente tonale,
come Casella o Malipiero, Castelnuovo-Tedesco, sempre lo fa in modo originale, personale, croc-
Pizzetti, Britten, Barber, per non dire che dei primi cante, mai stolidamente ripetitivo, con una capa-
che ci vengono in mente. E la persecuzione ha cer- cit di utilizzare il vecchio linguaggio in modo reso
cato di soffocare le voci dei pi recenti Rota, Ger- attuale dallattualit dei contenuti. Dicevano gli an-
vasio, Ghedini ed altri ancora, colpevoli di tichi: rem tene, verba sequuntur, e davvero se si ha
comporre musica in cui la modernit del linguag- qualcosa da dire verranno anche le parole giuste, se
gio non si autoesibisce e, soprattutto non irrita e di- si possiedono i ferri del mestiere. E Rota ne aveva,
sorienta anche lascoltatore esperto, che alla lunga e solidissimi. Contrappuntista abilissimo, come di-
resta esasperato dai bizantinismi di chi esprime co- mostrano innumerevoli tratti delle sue opere (basti
stantemente lincapacit di esprimersi, unafasia pensare al quadruplo canone mensurale nella fuga
linguacciuta e petulante che si autocelebra in festi- Bibebant nelloratorio Mysterium), le straordinarie
val e laboratori in cui non si elaborano, come sa- capacit tecniche del musicista si manifestano nelle
rebbe giusto, nuovi materiali, ma si autoeleggono pagine musicali in forma di variazione. E non si di-
nuovi santi-vergini-martiri. I successi cordiali di mentichi che i pi grandi musicisti sono stati
pubblico che accompagnavano le esecuzioni della grandi autori di variazioni.
musica di Rota e degli altri reietti a loro volta Come sempre accade presso i veri autori, i crea-
isterizzavano i talebani del nuovo a tutti i costi, tori genuinamente fecondi, anche in Rota alla mae-
che, apparentemente ed ufficialmente disinteressati stria si accompagnava una modestia esemplare.
allapprezzamento della fruizione, vedevano cos Mai si sarebbe sentito Rota pontificare cattedrati-
mortificato il loro ego supponente e la loro vanit camente, pur considerando che nelle sue opinioni
pseudo-intellettuale. era solidamente strutturato, anche grazie ad una
Certo a Nino Rota dispiaceva sentirsi accusare di straordinaria e profondissima cultura filosofica e
passatismo: da bambino suonava e studiava con at- letteraria. Rota si esprimeva disinvoltamente in in-
tenzione le musiche di Stravinsky (che frequent e glese, francese, tedesco, spagnolo e russo, padro-
con cui ebbe una fitta corrispondenza, andata pur- neggiava latino e greco antico ed aveva nozioni
troppo perduta nellincendio di casa Rota durante i non superficiali di ebraico biblico e riusciva a tra-
bombardamenti milanesi della seconda guerra durre con una certa facilit i geroglifici egizi. Ma
mondiale) come perfino quelle di Satie, autore questa vastit di interessi e di cultura non intacc
scandaloso allepoca e sconsigliato ai giovani al- mai la semplicit della personalit del maestro, e
lievi in quanto potenziale rovinatore dellorecchio certo si trattava di una semplicit conquistata, non
e del gusto musicale. E solo al critico sordastro o certo della leggerezza del bagaglio culturale, pur
partigianamente in mala fede la musica di Rota po- mai esibito ma sempre adoperato come strumento
teva sembrare semplicemente tonale: le pi com- realizzatore di cose concrete musicali e non. At-
plesse soluzioni linguistiche nelle opere del tento indagatore di ci che attiene allo spirito con
musicista non sono mai esibite in quanto tali e atteggiamento laico e scevro da misticismi chiesa-
lascolto agevole e sempre comprensibile mette a stici, ma intimamente alla ricerca dei significati ul-
proprio agio lascoltatore esperto quanto il meno timi della natura dellUomo, Rota della cultura

Se mi daNNo del ciNematografaro, NoN mi offeNdo


"Non credo a differenze di ceti e di livelli nella musica. Secondo me, la differenza fra musica 'leggera',
'semileggera', 'seria', del tutto fittizia. Le musiche di Offenbach, che ormai sono vicine ai 150 anni,
saranno leggere fin che si vuole, ma di una leggerezza che dura nel tempo e ha una formidabile vitalit.
Mentre c' molta musica della stessa epoca che, rispettabilissima, erudita e serissima, ci rompe le sca-
tole e basta! Il termine 'musica leggera' si riferisce solo alla leggerezza di chi l'ascolta, non di chi l'ha
scritta. E, in fondo, la leggerezza dell'ascolto una specie di immolazione della propria presunzione a
una facilit degli altri di ascoltare. Per questo non mi offendo, quando mi danno del 'cinematografaro':
musica per film o altra musica, vi metto sempre lo stesso impegno. E' diverso soltanto ilterritorio tec-
nico in cui mi muovo". Nino Rota
26 - Nino Rota

aveva la considerazione del serbatoio costituito pi nuove della musica aveva reso Rota immune da
dalle migliori riflessioni artistiche, letterarie e filo- complessi di sorta e capace ben presto di immagi-
sofiche partorite dallintelligenza umana, un serba- nare quali sarebbero stati i progressivi naufragi o
toio da cui attingere per approfondire la inseccamenti delle scelte fatte al tavolino invece-
conoscenza di se stesso che ogni essere intelligente che sul campo. E se gli dispiacque essere ingiusta-
dovrebbe kantianamente perseguire, alla ricerca di mente stigmatizzato, lo confort la stima di
una verit non fine a se stessa ma mezzo per la rea- musicisti comunque seriamente impegnati e prepa-
lizzazione di quella divinizzazione di noi stessi rati come Luciano Berio o Luigi Dallapiccola, Gof-
che, a dirla con Platone, si conquista con la gnosis, fredo Petrassi e Bruno Maderna, spesso impegnati
una conoscenza che trascende qualsiasi limite e nellesecuzione della sua musica; ma ancor pi era
pregiudizio. lamore dei pubblici pi disparati che conferma
assolutamente da sciocchi e disinformati pensare Rota che quella strada era giusta, come tutte le
che un uomo di tale conformazione filosofica po- strade che comunque portano da qualche parte: e
tesse essere un semplice tradizionalista incapace di Rota era convinto che ognuno dovesse poi indivi-
nuove e trasgressive affermazioni musicali. Al con- duare e percorrere con i propri mezzi la propria
trario proprio laver battuto fin da bambino le vie strada.

UNo SgUardo alla prodUzioNe di rota

CINEMA adeguarsi al linguaggio del regista di turno (e que-


sto valeva, ovviamente, anche per quanto riguar-

L a musica per il cinema, innanzitutto. Sarebbe


ridicolo, oltre che fuorviante ed inesatto, ri-
durre limportanza di questa produzione di Rota,
dava le musiche per il teatro, la radio e la
televisione), avevano costituito per lui un esercizio
di concretezza e velocit che avevano positiva-
non diversamente da quanto sarebbe il continuare a mente informato di s anche laltra produzione.
parlarne come di quella fondamentale a cui le altre Pertanto, sia pur senza indugiarvi troppo, vale la
opere farebbero da singolare pendant. pena di considerare la collaborazione integrale con
Pi volte il Maestro ebbe a dire che le esigenze, in Federico Fellini, dallo Sceicco Bianco (1952) a
ordine ai tempi di realizzazione ed alla necessit di Prova dorchestra (1978), con la sola eccezione
27

del breve episodio Agenzia matrimoniale nel film zione al pur severo studio della musica. E
collettivo Lamore in citt, commentato dal compe- Nino, senza mai venir meno ai suoi doveri di
tente Mario Nascimbene. scolaro intelligente e vivace, pot frequentare
Fu di fatto una collaborazione che oltre a costituire il teatro alla Scala, anche in virt dellamicizia dei
una prestigiosa pagina della storia del cinema e del suoi genitori con Arturo Toscanini. E sempre con
rapporto tra regista e musicista nel cinema italiano immutato entusiasmo e commozione Rota ricor-
e mondiale della seconda met del novecento, un dava le emozioni seguite alle rappresentazioni del
esempio di vera e propria simbiosi. Non per niente mussorgskiano Boris Godunov o del Plleas et M-
da La citt delle donne in poi la presenza della mu- lisande di Debussy ma, soprattutto del Parsifal di
sica nei lavori del regista riminese non ebbe quella Wagner e della prima assoluta (aprile 26) della
pregnanza e quel significato poetico e ritmante che pucciniana Turandot, alla cui prova generale assi-
in film come La strada (1954) o 8 e (1963) o st nel palco dei Visconti insieme al ventenne Lu-
Giulietta degli spiriti (1965) era diventato paradig- chino che studiava il violoncello ed era per questo
matico ed assoluto. in confidenza gi da allora con Nino.
E la collaborazione con Luchino Visconti per Le I frutti della frequentazione del teatro dopera
notti bianche (1957), Rocco e i suoi fratelli (1960) giunsero presto: a soli quattordici anni il ragazzo
e Il Gattopardo (1963) oltre a significative produ- scrisse libretto e musica per unopera tratta dalla
zioni teatrali (memorabili le musiche per il goldo- favola di Andersen Il principe porcaro. Lopera
niano Impresario delle Smirne (1957) o per non venne eseguita mai vivente lautore e solo nel
lArialda di Giovanni Testori spettacolo che nel 2003 il Teatro La Fenice di Venezia provvide a
1960 scaten una feroce reazione censoria), si tra- proporne la prima esecuzione. Purtroppo non fu
dusse in alcuni autentici capolavori che restano tra eseguita nella stesura orchestrale redatta dal giova-
le massime realizzazioni del genere. nissimo compositore, essendo andata smarrita
Accanto alle fortunate esperienze di Guerra e Pace (sic!) la partitura manoscritta, forse prelevata da
di King Vidor (1956) o dei film shakespeariani di qualche collezionista senza scrupoli. Alla strumen-
Franco Zeffirelli La bisbetica domata (1967) e so- tazione ho personalmente provveduto su incarico
prattutto Romeo e Giulietta portato al cinema nel della Fenice, dietro suggerimento dei dirigenti del
1968 dopo le fortunatissime esperienze teatrali in- settore musicale della Fondazione Giorgio Cini,
glese ed italiana, senza trascurare i lavori per il ci- presso la quale depositato il Fondo Rota, accu-
nema di Eduardo De Filippo o di Luigi Zampa, dito e gestito da un comitato tecnico di cui mi
Renato Castellani o Mario Monicelli, sar il caso onoro di essere uno dei componenti, sotto legida
di riferirsi alla sapida collaborazione con Lina di Giovanni Morelli e la presidenza onoraria di
Wertmller per il cinema ma soprattutto per lo sto- Riccardo Muti. Quello che non solo io stesso nel
rico sceneggiato a puntate televisivo Il giornalino por mano alla strumentazione ho constatato diretta-
di Gian Burrasca che nel 1964 consegn Rota alla mente, ma che stato rilevato da tutti coloro che
celebrit presso un pubblico ancor pi vasto e sen- hanno potuto ascoltare questo primo lavoro operi-
sibile quale quello dei bambini, che cantavano a stico di Rota, sono gli strumenti compositivi e la
squarciagola e dovunque la celeberrima Pappa col competenza nelluso delle voci e nella struttura-
pomodoro comanche linno dei collegiali congiu- zione drammaturgia del giovanissimo autore. Lo
ranti Siam tutti per uno, con tanto di fischio e bum. stesso stile armonico e contrappuntistico sono
E quanti critici dalle nari troppo sollevate da molto avanzati, certamente sensibili alle pi recenti
terra - come Rota ebbe a chiamarli stigmatizza- formulazioni linguistiche stravinskiane. Non si di-
rono la facilit delle tante canzoni, invero spesso mentichi che il giovanissimo Rota trascorreva con
raffinatissime e tuttaltro che banali, che il musici- la famiglia le sue vacanze a Ventimiglia e che ogni
sta compose sui versi bellissimi e croccanti della mattina prendeva il trenino che lo portava a Monte-
geniale regista per quel loro musical televisivo. carlo, dove alla stazione trovava ad aspettarlo Igor
Stravinsky stesso, con cui trascorreva lintera gior-
TEATROMUSICALE nata.
Solo nel 1938, ormai sistematosi in Puglia dopo la

L esser nato a Milano da una famiglia della parentesi di studi di perfezionamento al Curtis In-
buona borghesia con una genealogia musicale stitute di Philadelphia [i], Rota, dopo unattivit es-
prestigiosa di parte materna costitu decisamente senzialmente dedicata alla composizione di musica
una partenza agevolata per un fanciullo tanto do- da camera, ritorn al teatro dopera con un melo-
tato ed insieme capace di costante e tenace applica- dramma su libretto di Ernesto Trucchi tratto dal-
28 - Nino Rota

lOrlando Furioso dellAriosto. anni e venne rappresentata per la prima volta solo
L'opera, in tre atti e quattro parti, fu terminata nel- nel 1976 nel corso della stagione lirica del Teatro
l'autunno del 1942 e nello stesso anno venne inse- di San Carlo di Napoli. Anche per questo lavoro si
rita per volont del sovrintendente Bindo Missiroli rinnov la consueta frattura tra il giudizio della cri-
nel cartellone della stagione del Teatro delle Novit tica, imbarazzata dall'ascolto di questo "suo giova-
di Bergamo, che venne trasferita a Parma per man- nile e sanguigno revival del melodramma", ed il
canza di fondi (assorbiti dalla Stagione d'Opera pubblico entusiasta.
"extra" tenutasi alla Scala e al Reale di Milano ai Ulteriore contributo al teatro musicale la comme-
primi di ottobre) ed anche per paura delle frequenti dia lirica in un atto I due Timidi. Presentata al Pre-
incursioni aeree su Bergamo. La prima rappresen- mio Italia 1950, l'opera era stata concepita
tazione di Ariodante fu fissata per il 18 novembre originariamente per l'esecuzione radiofonica, il che
del 1942 ad apertura della stagione lirica parmense spiega la presenza in "primo piano" del ciabattino-
del Regio. Malauguratamente l'esecuzione venne narratore in assenza di azione scenica. La vicenda
interrotta proprio da un'incursione aerea non ap- narra di due timidissimi giovani innamorati i quali
pena calato il sipario sul primo atto; si dovette cos non riescono a comunicare i reciproci sentimenti e
attendere la seconda rappresentazione, fissata il 20 finiscono, per colpa di un equivoco, per sposare
novembre per assistere allesecuzione completa . persone che non amano. La loro segreta passione,
Ariodante, concepita durante il periodo tarantino e soffocata dalla timidezza, si trasforma in reciproca
compiuta negli anni della guerra, un'opera gran- insofferenza. L'opera, nella produzione rotiana rap-
diosa e magniloquente, un melodramma dim- presenta quel che pu essere per Puccini La Bo-
pronta ottocentesca, con arie, duetti, cori, hme, tanto i sentimenti e le malinconie, i sottili
concertati, scene spettacolari e sonorit piene. [ii] umorismi e le amarezze, i richiami realistici ed il
Nel 1943 Rota completa la composizione della sua bozzettismo pi accurato appaiono armonizzati in
terza opera lirica Torquemada, in quattro atti, an- alterna, dolcissima, romantica cadenza.
cora su libretto di Ernesto Trucchi, tratto dalla tra- Nel panorama della musica contemporanea sono
gedia omonima di Victor Hugo. poche le opere teatrali che hanno avuto successo
Il tema centrale dell'opera, ambientata in epoca tale da essere rappresentate con ampia frequenza
controriformistica, il potere: quello politico, di nel corso delle stagioni liriche di tutto il mondo.
cui si serve il re per piegare alle sue voglie la fan- Tra queste figura Il Cappello di paglia di Firenze.
ciulla di cui invaghito; quello religioso, ancora L'opera in quattro atti su libretto di Nino Rota, dal
pi pericoloso, impersonato dal Grande Inquisitore vaudeville omonimo di Eugne Labiche, era stata
Torquemada, convinto per cieco fanatismo della scritta "quasi per gioco" da Rota tra il 1944 e il
necessit di dover redimere l'uomo dal peccato at- 1945, nel corso di due estati e, successivamente,
traverso il sacrificio del corpo per la salvezza del- abbandonata in un cassetto per dieci anni, tanto che
l'anima. Rota diceva che aveva dimenticato di averla com-
L'opera fu tenuta nel cassetto per ben quarantatre posta. Fu un suo amico, il Maestro Simone Cuccia
(direttore artistico del Teatro Mas-
simo di Palermo) a cui il musicista
aveva fatto sentire l'opera nel '45, a
inserire, quasi ad insaputa dell'autore,
Il Cappello di paglia nel cartellone
della stagione lirica del 1955, costrin-
gendo Rota a riprendere in esame il
vecchio abbozzo buttato gi a matita
e a sistemare l'opera per la prima
rappresentazione al teatro palermi-
tano fissata nell'aprile di quell'anno.
[iii]
La trama intricata ed esilarante della
pochade di Labiche, propone, in un
crescendo comico irresistibile, situa-
zioni sempre pi paradossali e ritmi
sempre pi frenetici fino ad un se-
giorgio Strehler, Nino rota, Nino Sanzogno
reno e rasserenante finale in cui ven-
29

gono chiariti e risolti tutti gli equivoci. Montale [iv]), presenta con un senso dell'iro-
Nella musica de Il Cappello di paglia, scritta col nia anche un po' amaro, un tipico personaggio
sorriso sulle labbra, per divertimento e per il pia- dellagitata epoca moderna, un ricco nevraste-
cere di cimentarsi in "un'opera buffa, comica, nico malato d'insonnia. Con questo lavoro Rota ot-
quasi operettistica" (Rota), riecheggiano esplicita- tenne un riconoscimento importante, il Premio
mente, filtrati da un gusto raffinato e magistrale, i Italia 1959. L'opera fu rappresentata in forma sce-
modi propri del linguaggio musicale del passato, nica nel '60 alla Piccola Scala ottenendo un vivis-
da Donizetti a Rossini (ad esempio, tra laltro, per simo successo come stato ricordato da un critico
il concertato finale del III atto), a Offenbach (nella d'eccezione, appunto Eugenio Montale, che volle
sillabazione rapida e nelle espressioni icastiche e evidenziare il merito di Rota "vero poeta umori-
caricaturali), alla musica da "Caf Chantant", ad sta": "Solo, o quasi solo, tra gli odierni composi-
armonie tipicamente pucciniane, a richiami ver- tori teatrali egli si preoccupa di far sentire le
diani. Da questa utilizzazione non irriverente, ma parole anche quando dal recitativo si alzano le vo-
allegra, gioviale e disinvolta degli stilemi del pas- lute della melodia." [v]
sato, perfettamente riconoscibili pur nel loro abile Tra il '63 e il '65 Rota si dedic alla composizione
travestimento, nasce la comicit della musica che di una tra le sue opere pi significative per l'espres-
si adatta con naturalezza alla farsesca macchina sione musicale cos semplice, naturale e spontanea

disegno di federico fellini

teatrale del vaudeville di Labiche. e, ancora di pi, per i profondi valori simbolici, al-
In occasione del Festival di Spoleto del 1959, per legorici ed esoterici in essa racchiusi: Aladino e la
la sezione Fogli dalbum, Mario Soldati scrisse un lampada magica, opera rappresentata per la prima
breve e vivace bozzetto teatrale intitolato Scuola di volta al teatro San Carlo di Napoli nel gennaio del
guida, un divertente duetto scenico tra un apparen- '68. L'interesse per la letteratura favolistica sem-
temente rigido ingegnere istruttore ed una sventata pre stato presente nella produzione di Rota, e per-
e sensuale allieva: alla fine la strana coppia, dopo ci il progetto di una fiaba musicale, suggerito a
battibecchi, chiacchiere ed un piccolo incidente, si Rota da Vinci Verginelli (autore del libretto del-
scopre imprevedibilmente innamorata. La musica l'opera) fu accolto dal musicista come un dono,
di Rota, frizzante ed ammiccante, interpret perfet- perch la storia di Aladino gli offriva la possibilit
tamente il delizioso idillio che, con la regia di di trattare "quegli elementi che da tempo, forse da
Franco Zeffirelli e la direzione di Carlo Franci, sempre, cercavo per un'opera teatrale in musica:
piacque moltissimo al sofisticato pubblico spole- nel tessuto leggero e, apparentemente "disimpe-
tino. gnato" della favola... Ma nella favola orientale gli
Sempre nel 1959 Rota compose altre due operine elementi perenni del mito si occultano e quasi non
radiofoniche, Lo scoiattolo in gamba e La notte si avvertono attraverso lo scorrere sempre sor-
del nevrastenico. La prima una favola musicale prendente del racconto, che sembra invitare pi al
in un atto e quattro quadri, il cui libretto stato trattenimento e al divertimento che non alla medi-
scritto da Eduardo De Filippo, elaborando un tema tazione. Questa qualit, conservata fedelmente dal
scolastico della figlia Luisa. L'opera venne rappre- poeta nella stesura del libretto, forse la caratteri-
sentata poi per la prima volta in forma scenica stica che pi mi ha attratto e mi ha persuaso alla
presso il Conservatorio Niccol Piccinni di Bari realizzazione dell'opera". [vi]
dagli allievi dello stesso istituto nel 1973. La notte La Visita Meravigliosa, scritta tra il '65 e il '69 su
di un nevrastenico un dramma buffo in un atto libretto di Rota stesso, dopo la prima rappresenta-
sul significativo libretto di Riccardo Bacchelli. La zione al Teatro Massimo di Palermo nel '70, l'opera
trama "sceneggiata con molta arguzia" (Eugenio ha avuto molte altre esecuzioni ed unincisione di-
30 - Nino Rota

scografica per la direzione di Giuseppe Grazioli, polavoro del teatro del novecento. Sulla questione
edita nel '93 da LA BOTTEGA DISCANTICA. musicale inutile ripetere ancora quanto finora
la storia di un angelo caduto sulla terra, dove viene spesso riferito: baster dire che il successo di pub-
accolto con indifferenza e ostilit perfino dagli uo- blico fu entusiastico, con vere e proprie ovazioni
mini di chiesa, tutti incapaci di accettare la diver- agli autori ed al cast di primordine dello spetta-
sit dellospite, presto stigmatizzato ed emarginato colo.
insieme al protagonista dellopera, un reverendo Ciche allora, ma ancor pi oggi, con uno sguardo

curriculum autografo di Nino rota. prima pagina

protestante che invece accetta di affrontare lin- reso pi equilibrato dal trascorrere del tempo, sem-
quietudine ed i dubbi che anche in lui genera il sin- br e sembra grottesco, fu latteggiamento di co-
golare ospite. loro che accusavano Rota delle manomissioni del
Ultima produzione di Nino Rota per il teatro plot narrativo e di una reale impronta pi plebea
dopera fu la discussa Napoli milionaria, composta che popolaresca della lingua.
tra il 1973 ed il 1977, sul libretto che Eduardo De A nessuno venne in mente che sarebbe stato pi
Filippo aveva tratto dalla sua celebre commedia corretto e leale osare una dichiarazione in tal senso
omonima del 1945. Ma ora la commedia si era riferita allautore del testo stesso, che, a torto o a
volta in tragedia: un finale pessimistico e sconfor- ragione, talvolta forzando la mano al compositore,
tato mette termine alla vicenda con laffermazione aveva scelto quelle soluzioni di lingua e di orditura
che la guerra non finita, non finito niente! La della sua nuova formulazione del dramma.
speranza di un domani pi felice, una volta passata Ma criticare Eduardo richiedeva una tempra che a
a nuttata, stata tradita dai fatti: una desolante certi individui spesso manca.
barbarie (gi nel 1977!) il panorama morale che E cosattaccarono il pi isolato Rota, evidente-
fa da sfondo ad unumanit sempre pi umiliata e mente non difeso da chiesuole e campanili, ma sal-
degradata. damente fermo nelle sue convinzioni.
Presentata come inaugurazione del XX Festival dei
Due Mondi di Spoleto e trasmesso in diretta ed in GRANDI OPERE CORALI
mondovisione il 22 giu gno del 1977, lopera sub

F
un assalto fin troppo previsto: alle accuse di svolta in da bambino Nino Rota fu sensibile al tra-
a sinistra del festival spoletino si affiancarono scendente e quando nel 1922 il poeta e filosofo
quelle della critica, scandalizzata non solo, more Silvio Pagani don al ragazzo un libretto per un ora-
solito, dallo stile rotiano, ma adesso anche dal fatto torio intitolato Linfanzia di San Giovanni Battista,
che il musicista avesse osato musicare un tale ca- il santo di cui il giovanetto portava il nome, si eb-
31

bero i primi singolari frutti del suo talento. Da Il Mysterium Catholicum, venne scritto da
poco era mancato il padre Ercole e Nino rest affa- Rota quasi di getto, in poco pi di due mesi,
scinato e convinto dal bel testo del Pagani, ele- dal febbraio al marzo del 1962, nel corso dei
gante ed insieme adatto alla giovane et del quali lavor con tale felicit e facilit di ispira-
dedicatario. Egli mise in musica loratorio per soli, zione da essere indotto ad affermare di aver avuto
coro e orchestra, che ebbe ben presto unesecu- la sensazione, durante la stesura dell'opera, di es-
zione pubblica per linteressamento del maestro sere "accompagnato da un vento favorevole".
Alessandro Perlasca il 21 aprile 1923 nella sala E' stato lo stesso Rota a spiegare la genesi di que-
dellIstituto dei Ciechi di Milano sotto la direzione sto suo lavoro: "Il motivo mi fu dato dalla Citta-
del maestro Chiesa. della di Assisi che ogni anno, intorno al '60,
Tra le numerosissime proposte di ripresentare commissionava ad un musicista un oratorio su un
lopera venne accettata solo quella di un certo versetto del Credo. A me capit un argomento che
Charles Wattinne direttore dei famosi cori della mi attrasse subito, anche perch vedevo la possibi-
cattedrale di Turcoing. Egli chiedeva che gli ve- lit di svolgerlo in modo non confessionale, cio in
nisse concesso di eseguire nella cattedrale di Tur- un modo liberamente religioso, ed era il tema del-
coing LInfanzia di San Giovanni Battista l'Universalit della Fede. Ne venne fuori un testo
Questa volta Nino corse in scena e salut ridente molto bello che fu plasmato da Vinci Verginelli su
e felice un pubblico delirante Fu chiesto il bis a questo tema molto complesso e fu fatto con testi
gran voce: Nino sal sul podio, impugn la bac- dei Vangeli e dei primi scrittori cristiani". [viii]
chetta e in mezzo ad un silenzio compatto attacc E' importante notare la coincidenza temporale di
la seconda parte dellOratorio. [vii] questo lavoro di Rota con un evento importantis-
Dopo la composizione di un Messa di Requiem nel simo nella storia della Chiesa: l'apertura del Conci-
1923-24, fino agli anni 60 non troviamo numeri lio Vaticano II.
dopera importanti nella produzione del composi- L'impegno nella produzione sacra gener l'equi-
tore, che si era dedicato, accanto ai lavori cinema- voco critico di una sua adesione alla schiera dei
tografici, alle sue prime opere ed a molta musica compositori cosiddetti "cattolici". Per questo mo-
sinfonica e cameristica. tivo Rota elimin l'aggettivo "Catholicum" dal ti-
Contemporaneamente alla fioritura di opere stru- tolo originario dell'oratorio.
mentali diverse, nacquero nuove composizioni co- Ispirata da una profondissima spiritualit e da una
rali e vocali di ispirazione religiosa o, meglio, conoscenza che attinge ai principi pi profondi
sacra: oltre al mottetto Tota Pulchra es Maria della sapienza ermetica l'altra importante opera di
(61), per soprano, tenore ed organo, Rota compose argomento sacro scritta da Rota, assieme al Myste-
una Missa S. Mariae V. Dicata (60) pi volte revi- rium, negli anni della maturit: La Vita di Maria,
sionata, per quattro voci maschili ed organo e la rappresentazione sacra per soli, coro e orchestra.
Missa Brevis (61). Nella Missa Brevis, si pu os- La genesi, la struttura e le fonti letterarie di que-
servare come la non comune sapienza contrappun- stopera sono state descritte dallo stesso autore nel
tistica, la ricchezza degli impasti vocali, il rilievo programma di sala della prima esecuzione, avve-
dato alla parte organistica che non costituisce un nuta nel corso della XXV Sagra Musicale Umbra
semplice supporto delle voci, siano elementi fon- nella Basilica di San Pietro in Perugia il 24 settem-
damentali. bre del 1970, sotto la direzione dello stesso autore:

cara rai, che fiNe ha fatto il film SU rota?


Che fine ha fatto il film su Nino Rota, dal titolo Un amico magico ,prodotto dalla Rai e realizzato da
Suso Cecchi DAmico e Mario Monicelli nel 1999, a ventanni esatti dalla morte del noto musicista?
Se lo chiedeva ancora quattro o cinque anni fa anche la nota sceneggiatrice che non riusciva a spie-
garsi come mai la Rai non lavesse mai trasmesso, neppure nei suoi palinsesti notturni dove talvolta fi-
niscono tante buone cose. Si tratta pur sempre di un film realizzato da due delle pi grandi firme del
nostro cinema. E un bel film - assicurava Suso Cecchi DAmico- Io stessa mi sono fatta fare delle
copie di fortuna per farlo vedere in occasione di manifestazioni in onore di Rota, in giro per lItalia.
Ci sono immagini rubate - data la ben nota timidezza e riservatezza di Rota - mai viste prima. Un
vero peccato non trasmetterlo. Ho saputo che circola in videocassetta. Non so altro. A tuttoggi, quel
film la Rai non lha ancora trasmesso.
32 - Nino Rota

"La Vita di Maria il mio lavoro pi recente. Ini-


ziato nell'autunno del 1968, esso attua e integra
un'idea che risale a molti anni addietro: quella di
musicare i primi capitoli del Vangelo di S. Luca
che raccontano l'infanzia di Ges.
La spinta a intraprendere l'opera mi fu un suggeri-
mento di Beppe Menegatti, il quale auspicava la
realizzazione di una rappresentazione coreografica
sulla vita della Madonna. Tale suggerimento fece
rinascere in me sotto una forma nuova l'antica e
ambita idea, convergendola nella immagine di
Maria e consentendomi di raffigurarla nella sua
interezza e diversit.
Non vi era dubbio per, da parte mia, che l'opera,
se pure attuata coreograficamente, avrebbe dovuto
assumere una struttura musicale non solo sinfo-
nica ma anche vocale, condotta su testi autentici e
particolarmente significanti". [ix]
Il nucleo centrale di questo polittico, che com-
prende gli episodi che vanno dall'ottavo al tredice-
simo, costitu l'oratorio Il Natale degli Innocenti.
Infatti, durante la stesura de La Vita di Maria, Rota
ricevette l'incarico di scrivere un lavoro sull'infan-
zia di Ges. Con quegli stessi episodi che erano
lori della tradizione gnostica che risale al mondo
stati gi concepiti per la sacra rappresentazione,
classico.L'opera stata eseguita in prima assoluta
realizz una prima versione dell'oratorio Il Natale
il 17 giugno 1972 dall'Orchestra Sinfonica e Coro
degli Innocenti, eseguito a Roma nella Basilica
della RAI, diretti dall'autore, presso l'Auditorium
dell'Ara Coeli dall'Accademia Filarmonica Ro-
del Foro Italico a Roma, nel corso di una serata
mana nel marzo del 1970.
monografica, dedicata cio alle sole musiche ro-
Nel 1970 Siciliani commission al musicista, per
tiane (ricordiamo che in questa circostanza Rota
conto della RAI, una composizione per la celebra-
present per la prima volta nella sua integrit la
zione del centenario di Roma Capitale d'Italia. No-
Sinfonia sopra una Canzone d'amore).
nostante Rota avesse in precedenza lavorato su
commissione (basti pensare al Mysterium), il carat-
tere celebrativo dell'evento fin per inibire la pur
SINFONICA E BALLETTI
prolifica immaginazione creativa del musicista, che
non riusc a terminare l'opera entro la data presta-
bilita. Evidentemente la rappresentazione di Roma
come Capitale non lo interessava affatto; tanto
S ubito dopo la laurea in lettere, "conseguita
anche per avere un mestiere di riserva", come
amava dire scherzando, Rota concorse per l'inse-
vero che da questo progetto matur, poco tempo gnamento dell'armonia presso il Liceo Musicale di
dopo, l'idea della cantata Roma Capomunni, per Taranto.
baritono, coro e orchestra, con cui Rota volle espri- Al termine del secondo anno presso il Liceo di Ta-
mere liberamente e senza alcun vincolo di carattere ranto, Rota decise di partecipare al concorso per
celebrativo "gli aspetti pi significativi e, per cos esami indetto dal Liceo Musicale Niccol Piccinni
dire, universali della Citt Eterna". [x] Come gi di Bari: classificatosi primo in graduatoria, ottenne
per l'opera Aladino e la lampada magica e per gli la cattedra di armonia e contrappunto e si trasfer a
oratori Mysterium e La Vita di Maria, anche per Bari, stabilendo la sua residenza a Torre a Mare. In
questa cantata Rota si avvalse della collaborazione quel borgo di pescatori, a cui dedic l'Inno a Torre
di Vinci Verginelli per la scelta e la traduzione dei a Mare, porta compimento nel 39 la sua Prima
testi. Sinfonia, dopo una gestazione di quattro anni. La
Solo in apparenza cantata profana, Roma Capo- partitura, dedicata a Goffredo Petrassi, ebbe imme-
munni unopera impregnata di profonda spiritua- diata esecuzione a Venezia durante la Stagione Sin-
lit e di una religiosit lontana da ogni limitazione fonica de La Fenice, diretta da Nino Sanzogno:
di origine confessionale, ispirandosi invece ai va- nella stessa serata furono eseguite alcune opere di
33

Bela Bartok, che dichiarin quelloccasione che la originariamente per il film La donna della
Sinfonia di Rota andava considerata come una montagna (43) di Renato Castellani. Utiliz-
delle pi importanti opere sinfoniche contempora- zato nella sinfonia, ricomparve successiva-
nee. mente anche nel film La leggenda della montagna
Nel 43 Rota completa a Torre a Mare la sua Se- di cristallo (49) di Henry Cass. Se con questo
conda Sinfonia detta Tarantina, in gestazione dal tema abbiamo l'esempio del passaggio di un'idea
1938, in cui il linguaggio talvolta diviene pi che musicale da un genere "leggero" ad uno "colto",
tonale addirittura modale richiamando, per certi ca- scopriamo anche nelle opere di Rota la frequente
ratteri, composizioni precedenti come la Sonata utilizzazione di brani classici in contesti diffe-
per viola e pianoforte (35). renti. Il caso pi emblematico costituito dall'im-
Nel 1947 Rota concep la Sinfonia sopra una can- piego integrale del terzo e quarto movimento della
zone d'amore e il Concerto per arpa e orchestra Sinfonia sopra una canzone d'amore come colonna
dedicato a Clelia Gatti Aldrovandi, una delle pi sonora del film di Luchino Visconti Il Gattopardo
celebri arpiste dell'epoca, composizione il cui lin- del 1963.
guaggio dichiaratamente neoclassico, e che testi- Composte nel 1953 e dedicate a Fernando Previ-
monia assieme alla Sarabanda e toccata per arpa tali, che ne diresse l'anno successivo la prima ese-
(45) e alla Sonata per flauto e arpa (37) una par- cuzione, le Variazioni sopra un tema gioviale. Il
ticolare predilezione e congenialit di Rota per lavoro costituito da un tema con otto variazioni
questo strumento. caratterizzate da grande fantasia inventiva e dalla
La Sinfonia sopra una canzone d'amore una "Sin- consueta abilit tecnica. Lo stesso Rota volle chia-
fonia fuori serie", come disse scherzosamente l'au- rire che la denominazione qualificativa dell'opera -
tore, riferendosi al fatto che essa non veniva gioviale - doveva essere letta nel senso etimologico
indicata come terza sinfonia. La partitura, che fu della parola: cio "come aggettivo di Giove: pia-
composta da Rota in pochi mesi, sub infatti diversi neta da cui piovono influssi di serenit contenta.
rimaneggiamenti fino al 1972, anno in cui fu ese- Nino Rota si adoper affinch anche la sua citt
guita per la prima volta integralmente dall'Orche- d'adozione, Bari, avesse una sua orchestra stabile:
stra Sinfonica della RAI di Roma all'Auditorium nacque cos l'orchestra della Fondazione Concerti
del Foro Italico, diretta dall'autore. "Piccinni", di cui Rota fu direttore artistico dal '53
La sinfonia si articola secondo gli schemi tradizio- al '57. Nel concerto del 4 aprile 1957, tenutosi
nali: un "Allegro" iniziale bitematico, a cui fa se- presso l'Accademia Filarmonica Romana, venne
guito uno Scherzo dal ritmo insolito di 5/4, un anche presentata in prima esecuzione assoluta la
terzo movimento, "Andante sostenuto", di carattere Terza Sinfonia di Rota, diretta dall'autore ed ese-
lirico ed un Finale drammatico che si conclude guita dall'orchestra della Fondazione.
ciclicamente con la ripresa del tema iniziale, quello La composizione aderisce al clima della poetica
che d il titolo alla sinfonia. Questo tema fu scritto neoclassica, esposta da Mario Castelnuovo-Tede-
Nino rota e federico fellini
34 - Nino Rota

detta dell'autore, un brano "pi breve e di carattere


pi leggero", formato da una serie di cinque pezzi
(Valzer Fantasia, Ballo figurato, Romanza, Quadri-
glia, Can-Can) con cui Rota ha voluto rievocare se-
renamente, senza nostalgia, al di l di alcun fine
polemico o caricaturale "una serata di musiche e di
danze del tempo passato.
Tra questi due concerti si inserisce un'altra compo-
sizione per pianoforte ed orchestra, la Fantasia
sopra dodici note del "Don Giovanni" (60), co-
struita sulle note della frase "Non si pasce di cibo
mortale chi si pasce di cibo celeste" cantata dal
Commendatore nel finale dell'opera di Mozart. La
frase nella completa successione delle note forma
una serie dodecafonica e gi dalle prime battute si
pu notare come questa non sia una composizione
"facile" all'ascolto, anche per l'invenzione, conti-
sco nel 1929 sulla rivista "Pegaso", riassumibile nuamente trascolorante, sui richiami delle note mo-
nel rifiuto del soggettivismo ottocentesco e roman- zartiane, di idee musicali espresse con una purezza
tico, nel recupero della semplicit del mondo popo- timbrica originale e spesso con un linguaggio oscu-
lare, nella immediatezza espressiva e nella ramente ermetico.
chiarezza lessicale. A proposito della produzione seria, i primi anni '60
Tra le opere sinfoniche vanno ancora annoverati vedono, assieme alla fioritura di opere pianistiche e
l'Allegro Concertante per coro e orchestra del 53, di composizioni di ispirazione religiosa, di cui ab-
il Concerto in fa per orchestra (58-61) dedicato a biamo gi detto, la creazione di nuove musiche,
Fernando Previtali, le Meditazioni per coro e or- quali il balletto Fantasia Tricromatica (I rappre-
chestra ('54). Nel 1957, nel corso della XII Sagra sentazione a Napoli, Teatro San Carlo, il 3
Musicale Umbra nel teatro Morlacchi di Perugia, dic.1961) e l'Ouverture La Fiera di Bari (63),
venne rappresentato il primo dei cinque balletti "musica d'occasione" composta per l'inaugurazione
composti da Rota, la Rappresentazione di Adamo della Fiera Campionaria barese.
ed Eva, su coreografie di Aurel Millos. Anche in La straordinaria "abilit artigianale" di Rota nel
questo genere musicale Rota ribadisce il suo le- mettere in risalto le possibilit espressive dei vari
game con il linguaggio tradizionale; come acuta- strumenti musicali, ha prodotto opere di grande in-
mente sottolineava Giorgio Vigolo: "un garbo teresse per il modo in cui il musicista ha saputo
armonico, una piacevole vena melodica e l'orche- equilibrare in una superiore sintesi formale il di-
stra trasparente" sono "tutte cose che rivelano la scorso musicale dell'orchestra con le esigenze
mano di un musicista che la sa pi lunga di quanto espressive dei diversi strumenti solisti. Nella sua
la sua ingenuit apparente, il suo gusto per la gra- vasta produzione cos figurano un Concerto per
zia e la semplicit potrebbero far supporre". [xi] trombone e orchestra (68), due Concerti per vio-
Nino Rota era un pianista abilissimo e, nella sua loncello e orchestra, rispettivamente del 1972 e del
produzione per la tastiera, spiccano ben quattro la- 1973, un Divertimento concertante per contrab-
vori per pianoforte e orchestra. Il primo, il Con- basso e orchestra (68), la Ballata per corno e or-
certo in do per pianoforte e orchestra, scritto da chestra Castel del Monte (74) e un Concerto per
Rota tra il 1959 e il 1960, fu dedicato ad uno dei fagotto e orchestra (1974-77).
pi celebri solisti contemporanei, Arturo Benedetti Il Divertimento concertante per contrabbasso e or-
Michelangeli. chestra ci consente di parlare della collaborazione
Ben pi eseguito, inciso e conosciuto , invece, il di Rota col noto contrabbassista Francesco Petrac-
Concerto Soire composto tra il 1961 e il 1962. chi, per il quale il compositore aveva scritto il
Entrato stabilmente nel repertorio pianistico, que- brano, il cui secondo movimento, "Marcia", fu
sto lavoro ebbe la sua prima esecuzione nel 1962 al composto prendendo spunto dagli esercizi (scale,
Teatro Olimpico di Vicenza con l'autore in veste di arpeggi, passaggi cromatici, ecc.) che Rota sentiva
solista, accompagnato dall'Orchestra della RAI di eseguire dagli allievi della classe di contrabbasso
Milano diretta da Bruno Maderna. Rispetto al nel corso delle lezioni tenute da Petracchi.
primo Concerto in Do, il Concerto Soire , a Il successo del film La Strada e l'attualit della vi-
35

cenda narrata, col suo dualismo tra il mondo della sono presenti, oltre alle musiche rotiane, i Di-
fantasia e del sogno e quello della cruda realt, chterliebe di Schumann. Come il Ballet du
suggerirono a Rota la trasposizione in forma di bal- XXme siecle anche il Balletto del Centro Mudra
letto dell'opera cinematografica felliniana. di Bruxelles, diretto da Micha van Hoecke, ha ese-
Nacque cosnell'estate del 1966 il balletto in un guito numerosi spettacoli con le musiche di Rota.
atto e 12 quadri La Strada, su soggetto di Federico Ricordiamo la rappresentazione nel 1981 a Pistoia
Fellini e Tullio Pinelli, che venne rappresentato in prima mondiale, nell'ambito della rassegna
nello stesso anno alla Scala con le coreografie di "Omaggio a Nino Rota" di due nuovi balletti-com-
Mario Pistoni e l'interpretazione di Carla Fracci nel media: L'Aquila e l'Uccello del Paradiso, sulla mu-
ruolo di Gelsomina con un successo di critica sica del Concerto Soire, e Ricordi sui 15 Preludi
(tranne le solite poche eccezioni) e di pubblico per pianoforte.
trionfali. Immediatamente Rota ricav dalla parti- Nel 1977 Rota rielabor un precedente lavoro, il
tura una Suite che tuttora una delle pagine sinfo- Nonetto, iniziato nel 1959, e compose il Concerto
niche del musicista pi eseguite ed amate. per fagotto ed orchestra, il cui primo movimento
Dei primi anni '70 sono le musiche del balletto mi- costituito dalla Toccata per fagotto e pf. del 1974.
tologico Aci e Galatea (71) di Marcella Otinelli, Inoltre scrisse un Pezzo in Re per clarinetto e pia-
ispirato alle Metamorfosi ovidiane, i due Concerti noforte, e la Rabelaisiana, un ciclo di tre liriche su
per violoncello e orchestra e la Ballata per corno e testi tratti dal Gargantua et Pantagruel di Francois
orchestra Castel del Monte (74). Rabelais, presentato nel Festival della Valle d'Itria
Sempre nel '76 il compositore ricevette l'incarico (Martina Franca), nell'agosto del 1977.
dal coreografo francese Maurice Bjart di scrivere Anche la scelta di musicare Rabelais si spiega con
le musiche per Le Molire imaginaire, un balletto- l'interesse di Rota per l'esoterismo. Infatti Rota
commedia in due atti in cui si intrecciano recita- aveva una particolare ammirazione per il cinque-
zione, danza, canto, musica, e in cui, attraverso centesco autore francese, delle cui opere, tra l'altro,
frammenti delle opere di Molire e personaggi del possedeva numerose edizioni, perch nei suoi
teatro molieriano, che ripercorrono certi momenti versi, oltre all'altissimo valore letterario trovava,
della sua esistenza, viene raccontata una sorta di sapientemente occultata, la testimonianza di pro-
immaginaria biografia del commediografo fran- fonde verit spirituali.
cese. Assieme a pagine propriamente rotiane, vi si Il 15 dicembre 1978 venne eseguito per la prima
rilevano richiami alla musica da balletto romantica volta nell'Auditorium della RAI di Napoli l'ultima
e novecentesca, alla musica francese di fine otto- composizione classica di Rota, il Concerto in mi
cento e dell'epoca del Re Sole. per pianoforte e orchestra intitolato Piccolo
Dopo il trionfale successo de Le Molire imagi- mondo antico, solista l'autore, direttore Michele
naire, il binomio Bjart-Rota ha prodotto nel 1978 Marvulli. Parlando di questa opera Fedele
un altro balletto intitolato Amor di Poeta in cui D'Amico cos scrisse: "Col Concerto per piano
36 - Nino Rota

NeaNche UNa Strada Nella SUa Bari!


Per capire quale fosse il rapporto di Rota con il suo Conservatorio e con gli studenti bisognerebbe aver frequentato l'isti-
tuto negli anni della sua direzione: pi che una scuola stricto sensu, era una grande famiglia, della quale Rota poteva essere
ben considerato il capostipite. Docenti, allievi, gli erano noti dal primo all'ultimo: di ciascuno conosceva interessi, attitudini,
pregi e difetti e per tutti aveva sempre una parola, un consiglio, estremamente pertinenti.
Paterno nelle sue attenzioni, Rota era capace di fare telefonate lunghissime dall'estero per informarsi sulle condizioni di sa-
lute di un allievo malato, o magari di un docente o per chiedere notizie di un esame, di un concerto tenuto da una persona a
lui cara. E in molte occasioni, quando intravvedeva il talento in uno studente poco abbiente, provvedeva, senza troppa pub-
blicit, ad acquistare di tasca propria lo strumento musicale necessario e a farglielo recapitare.
Questi e molti altri aneddoti sono decisamente importanti per comprendere perch ancora oggi il ricordo di Rota sia vivo nei
tanti ex allievi - molti dei quali attuali docenti - del Conservatorio "Niccol Piccinni", dove tra l'altro il maestro - che certo
non aveva problemi finanziari - visse per anni in condizioni francescane, facendo della direzione anche la sua casa e accet-
tando di farsi accudire dalla famiglia del custode . In occasione del trentennale della sua scomparsa, diverse associazioni ba-
resi gli hanno dedicato concerti commemorativi: per tutte, il Collegium Musicum di Rino Marrone e l'Eurorchestra di
Francesco Lentini. Non mi sembra per di esagerare nel sostenere che, se i musicisti portano ancora Rota nel cuore, Bari sia
stata molto avara nei suoi confronti e, dopo avergli intitolato l'Auditorium, (quello per inciso che, in attesa delle ristruttura-
zione da poco avviata, rimasto chiuso a lungo, quasi quanto il Petruzzelli), ha ritenuto di essersi messa a posto la co-
scienza.
E proprio per questo mi domando: possibile che nessuno abbia mai pensato di dedicare una strada, una piazza a un musici-
sta dell'importanza di Rota che proprio a Bari ha legato buona parte della propria vita? Senza nessuna polemica, noto che, di
tanto in tanto, vengono proposti nomi di personaggi molto meno significativi per la vita cittadina. Rota invece aveva pratica-
mente "inventato" il Conservatorio barese, curandone personalmente l'alta qualit del corpo docente; a Bari, nella sua pic-
cola stanza, aveva composto la maggior parte delle colonne sonore che ancora oggi sono note in tutto il mondo e che
vengono abbinate ai nomi di Fellini, Visconti, Vidor, Zeffirelli, Coppola. E tra queste c' anche quel tema del "Padrino" che
gli valse l'Oscar. E' cos assurdo ricordare agli amministratori comunali baresi che Nino Rota meriterebbe un po' di atten-
zione anche a livello toponomastico?
Ugo Sbis

forte e orchestra la sua nativa disposizione a inca- cameristiche: Ippolito gioca (30), per pianoforte,
stonare eclettismi disinnescandone la carica origi- dedicato al figlioletto di Il debrando Pizzetti, una
naria e facendoli omogenei arnesi di un suo deliziosa e brillante pagina che testimonia della ri-
specifico, solleticante divertimento, tocca il ver- trovata armonia con il suo vecchio maestro; Ballo
tice Si aggiunga lo spettacolo di Rota pianista in della villanotta in erba per pianoforte (31); Inven-
un pezzo zeppo di virtuosismi trascendentali, ter- zioni per quartetto d'archi (32), dai modi dichiara-
minato poi di comporre (dunque di studiare) ap- tamente ispirati allo stile di Malipiero; la suite
pena pochi giorni dopo (sic!) l'esecuzione". [xii] Balli (32); la Sonata per viola e pianoforte (34);
il Quintetto per flauto, oboe, viola, violoncello e
arpa (35), dedicato alla madre; la Sonata per vio-
MUSICA DA CAMERA
lino e pianoforte (37), entrata nel repertorio fisso
E PIANISTICA del duo Materassi-Dallapiccola; la Sonata per
flauto e arpa (37), dedicata a Clelia Gatti Aldro-

A lle prime composizioni per canto e pianoforte


dedicate alla cugina paterna Maria Rota, can-
tante di repertorio cameristico - sette liriche su
vandi e della quale Gianandrea Gavazzeni in Mu-
sicisti d'Europa ha scritto: "E' forse la musica pi
perfetta offerta da Rota Qui pare il fiottar di
versi di Tagore (Quando tu sollevi la lampada al voce d'un Ravel italiano, arcaico, intimissimo;
cielo, del 22; Perch si spense la lampada?, del d'uno che ha inventato uno stile prima inesistente."
23; Illumina tu, o fuoco, del 24; Ascolta, o cuore, [xiii] Per pianoforte, accanto ad una intimistica Ba-
del 24; Io cesser il mio canto, del 24) e di Nic- gattella, composta per la rivista Domus nel 1941,
col Tommaseo (Il presagio e La figliola del Re, negli anni 40 troviamo un Waltz (45), il cui tema
entrambe del 25) - si affiancano nel suo catalogo, ritroveremo nel secondo atto del Cappello di pa-
dopo il rientro in Italia, altre liriche su versi di glia ed una articolata e complessa Fantasia in sol,
Francesco Petrarca (Ballata e Sonetto del Petrarca, composta tra il 44 ed il 45: unopera recente-
33) e di Lina Schwarz (Tre liriche infantili, Il pa- mente ritrovata ed anchessa edita dalla casa edi-
storello e altre due liriche infantili, entrambe scritte trice tedesca SCHOTT: nemo propheta in patria!
nel 35). Con La passione (38) la produzione di li- Nel 43 Rota compose la Piccola offerta musicale
riche per voce e pianoforte cessquasi del tutto. per quintetto di fiati dedicata ad Alfredo Casella e
Sono di questo periodo importanti composizioni nel 45 Sarabanda e toccata per arpa.
37

Le Variazioni e fuga nei dodici toni sul nome di teggiamenti in cui il musicista rivela quell'in-
Bach per pianoforte solo del 50, successivamente timismo suo proprio: intimismo che non
elaborate per orchestra, rappresentano il lavoro pi cessa di richiedere di frequente, comunque, il mas-
impegnativo nel catalogo serio rotiano: la com- simo impegno da parte dell'esecutore.
posizione, da molti ritenuta il capolavoro pianistico Del 1962 sono le Cadenze di flauto ed arpa per il
di Rota. Come sottoline Guido Agosti, essa "ri-
Concerto K.299 di W. A. Mozart, dedicate a Clelia
vela pienamente una tecnica compositiva e una co-
noscenza dello strumento e della tastiera (suonava Gatti Aldrovandi e Severino Gazzelloni ("scritte da
egli stesso il pianoforte con estrema facilit) para- Rota con cos devoto spirito mozartiano, che quasi
gonabile per stupenda invenzione delle diverse so- non si riconosceva la mano diversa", G. Vigolo)
norit e per l'equilibrio del linguaggio, a quella di [xv]. Nel 1965 assieme alla Sonata per organo
Chopin e di Ravel. Come in Chopin e in Ravel, non compose il Concerto per archi (quasi una rivisita-
v' una nota di troppo, la preziosit non diventa zione del concerto barocco).
vizio". [xiv] Nel 72 Rota volle commemorare il suo maestro
Pur se l'attivit cinematografica dovette assorbirgli
con una nuova composizione, il Cantico in memo-
molte energie e molto tempo, Rota riusc negli anni
ria di Alfredo Casella, per voce, tromba, chitarra e
50 a comporre numerose composizioni da camera
organo, improntata ad una severit commossa e di
e orchestrali: tra le prime ricordiamo la versione
alto sentire. Dello stesso anno la Sonata per ot-
definitiva del Quartetto per archi (54), l'Elegia
toni e organo. Del 1974 il Pezzo in Re per clari-
per oboe e pianoforte (55), il Trio per flauto vio-
netto e pianoforte.
lino e pianoforte (58).
ancora in corso di realizzazione il catalogo defi-
Sempre nell'ambito della produzione pianistica, i
nitivo delle opere di Rota, nel quale compaiono ul-
Quindici Preludi per pianoforte (64) occupano un
teriori opere di generi diversi ancora inedite e di
posto particolare. Si tratta di componimenti di
cui si erano perse le tracce.
breve durata ma di ampio fluire, vere miniature
Non ci meraviglieremmo se tra esse comparissero
musicali, che altrettanto rappresentano diversi at-
pagine valide ed interessanti. @

NOTE
1[i] Con Rosario Scalero per la composizione e con Fritz Reiner per la direzione dorchestra.
2 [ii] Ernesta Rota Rinaldi, Giorno per giorno, dattiloscritto, inedito. Questo secondo diario giornaliero della madre di Rota si riferisce allanno 1942 e contiene annotazioni
di carattere privato, informazioni sulla vita del musicista e sulla sua attivit, descrivendo anche le sue prime esperienze cinematografiche.
3 [iii] G. Vergani, Intervista, in De Santi P. M., op. cit., p. 39, nota 33.
4 [iv] Eugenio Montale, Prime alla Scala, A. Mondadori ed., 1981, pp. 304-307.
5 [v] Eugenio Montale, op. cit., p. 306.
6[vi] Nino Rota, Nota dellAutore, nel programma di sala della prima rappresentazione di iAladino e la Lampada Magica, Teatro di San Carlo, Napoli, gennaio 1968, ri-
prese nel programma di sala delledizione nella Stagione 1975-76 del Teatro dellOpera di Roma.
7 [vii] E. Rota Rinaldi, op cit.
8 [viii] Nino Rota in Voi ed io, VII trasmissione, 1978.
9 [ix] Note dellAutore inserite nel programma di sala della prima esecuzione de La Vita di Maria, XXV Sagra Musicale Umbra, settembre 1970.
10 [x] Nino Rota, presentazione al disco Roma Capomunni, RAI, Roma 1972, fuori commercio.
11 [xi] Giorgio Vigolo, Il balletto biblico, in Mille e una sera allopera e al concerto, Sansoni, 1971, p. 381.
12 [xii] F. DAmico, ibid.
13 [xiii] Gianandrea Gavazzeni, Brevi capitoli su Nino Rota ( 1934-1940 ), in Musicisti dEuropa. Studi sui contemporanei, Milano, Suvini Zerboni, 1954, pp. 225-ss.
14[xiv] Guido Agosti, Note sulle Variazioni e fuga nei dodici toni sul nome di Bach, nel programma di sala di Omaggio a Nino Rota, a cura di P. M. De Santi, Pistoia, 30
VI-1981, p. 17.15 [xv] Giorgio Vigolo, op. cit. p.600

--> sommario