Sei sulla pagina 1di 8

CUPOLE

50 Rinforzo e consolidamento di cupole mediante placcaggio estradossale con


fasce in fibra di acciaio galvanizzato UHTSS e geomalta certificata EN 998 di
pura calce idraulica naturale NHL 3.5

PRESCRIZIONE VOCE DI CAPITOLATO

1. Preparazione dei supporti. Provvedere alleventuale svuotamento e alleggerimento dellestradosso della cupola, con conseguente pulizia della Rinforzo di cupole mediante placcaggio estradossale con fasce di fibra in acciaio galvanizzato, con lutilizzo di sistema composito certificato
superficie di estradosso sino alla messa a nudo degli elementi strutturali; sigillatura e rincocciatura delle eventuali lesioni presenti sia nella parte da idoneo Laboratorio di cui allart. 59 del DPR n 380/2001 con comprovata esperienza e dotati di strumentazione adeguata per prove su sistemi
estradossale sia intradossale, con scaglie di materiale idoneo e impiego della geomalta GEOCALCE FINO compatibile alla malta esistente, in modo da FRCM, in accordo con le Linee Guida CNR-DT 200 R1/2013 realizzato con tessuto unidirezionale in fibra di acciaio galvanizzato Hardwire ad
ripristinare la continuit strutturale ed estetica. Eventuale applicazione di fissativo consolidante corticale tipo BIOCALCE SILICATO CONSOLIDANTE altissima resistenza , formato da micro-trefoli di acciaio prodotti secondo norma ISO 16120-1/4 201 fissati su una microrete in fibra di vetro, del
o RASOBUILD ECO CONSOLIDANTE, nel caso di supporti in gesso isolare preventivamente con RASOBUILD ECO CONSOLIDANTE. Per ultimo, peso netto di fibra di circa 670 g/m2 tipo GEOSTEEL G600 di Kerakoll S.p.A. avente le seguenti caratteristiche tecniche certificate: resistenza
soffiatura conclusiva della cupola mediante aria compressa con successiva aspirazione dei detriti ed umidificazione delle superfici. a trazione valore caratteristico > 3000 MPa; modulo elastico > 190 GPa; deformazione ultima a rottura > 2%; area effettiva di un trefolo 3x2 (5
fili) = 0,538 mmq; n trefoli per cm = 1,57 con avvolgimento dei fili ad elevato angolo di torsione conforme alla norma ISO 17832 2009; spessore
2. Applicazione del sistema di rinforzo. Il sistema di rinforzo strutturale in fibra di acciaio Steel Reinforced Mortar (abbinamento di fibra di acciaio equivalente del nastro = 0,084 mm, impregnato con geomalta ad altissima igroscopicit e traspirabilit a base di pura calce idraulica naturale
e malta minerale a base di pura calce idraulica naturale NHL 3,5 e Geolegante) andr eseguito avendo cura di disporre le fasce secondo quanto NHL 3.5 e Geolegante minerale, inerti di sabbia silicea e calcare dolomitico in curva granulometrica 0 1,4 mm, GreenBuilding Rating Bio
indicato dal progettista abilitato e seguendo gli schemi grafici riportati in tavola allegata. La larghezza delle fasce e il passo a cura del tecnico 5 - tipo GeoCalce Fino di Kerakoll S.p.A.- alta efficacia nel ridurre gli inquinanti interni, non permette lo sviluppo batterico (Classe B+) e fungino
abilitato. Lapplicazione delle fasce consiste in: realizzazione di una prima mano di GEOCALCE FINO, garantendo sul supporto una quantit di (Classe F+) misurazione con metodo CSTB, certificato a bassissime emissioni di VOC con conformit EC 1 R Plus GEV-Emicode, emissione
materiale sufficiente (spessore minimo 3 5 mm) per regolarizzarlo e per adagiare e inglobare il tessuto di rinforzo. Successivamente si proceder di CO2 250 g/kg, contenuto di minerali riciclati 30%. La geomalta naturale provvista di marcatura CE, conforme ai requisiti della norma
applicando, sulla matrice ancora fresca, il tessuto in fibra dacciaio galvanizzato GEOSTEEL G600, garantendo il perfetto inglobamento del nastro EN 998-2 G/ M15, EN 998-1 GP/ CS IV e EN 1504-3 R1 PCC, reazione al fuoco classe A1; caratteristiche tecniche certificate: resistenza a
nello strato di matrice, esercitando unenergica pressione con la spatola e avendo cura che la stessa malta fuoriesca dai trefoli per garantire cos compressione a 28 gg 15 N/mm2, coefficiente di resistenza al vapore acqueo () 16, modulo elastico statico 9 GPa, adesione al supporto a
unottima adesione fra primo e secondo strato di matrice. Lapplicazione si concluder con la rasatura finale protettiva (spessore 3 5 mm), sempre 28 gg > 1,0 N/mm2. Lintervento si svolge nelle seguenti fasi: a) svuotamento e alleggerimento dellestradosso della cupola, con conseguente
realizzata con GEOCALCE FINO, al fine di inglobare totalmente il rinforzo e chiudere eventuali vuoti sottostanti. In caso di strati successivi al primo, pulizia della superficie di estradosso sino alla messa a nudo degli elementi strutturali. Eventuali lesioni presenti sia nella parte estradossale
procedere con la posa del secondo strato di fibra sullo strato di matrice ancora fresca. sia in quella intradossale verranno sigillati e rincocciati con scaglie di materiale idoneo allettate con la geomalta, eventuale umidificazione
Per garantire una migliore efficacia del sistema di rinforzo, si provveder sempre allancoraggio delle estremit del tessuto in fibra dacciaio nelle delle superfici o in alternativa posa di fissativo consolidante corticale; b) stesura di un primo strato di geomalta, di spessore di ca. 3 5 mm; c)
zone di rinfianco generalmente poste subito sopra il piano di imposta della cupola, procedendo alla preventiva foratura con diametro opportuno, con malta ancora fresca, procedere alla posa del tessuto in fibra di acciaio galvanizzato ad altissima resistenza, avendo cura di garantire una
avendo cura di sfilacciare la parte terminale della fascia in fibra di acciaio GEOSTEEL G600 inserendola nel foro, realizzando un numero di code completa impregnazione del tessuto ed evitare la formazione di eventuali vuoti o bolle daria che possano compromettere ladesione del tessuto
cilindriche in continuit dalla fascia e garantendo cos un ancoraggio continuo, cercando di rimanere il pi possibile tangente alla direttrice della alla matrice o al supporto; d) esecuzione del secondo strato di geomalta, di spessore di circa 3 5 mm al fine di inglobare totalmente il tessuto
cupola. Si suggerisce di realizzare un foro ogni 10-15 cm di larghezza di fascia posta a rinforzo della cupola. Infine si proceder con la colatura della di rinforzo e chiudere gli eventuali vuoti sottostanti; e) eventuale ripetizione delle fasi (c), e (d) per tutti gli strati successivi di rinforzo previsti da
geomalta iperfluida GEOCALCE FLUIDO, previa bagnatura del foro, al fine di creare perfetta collaborazione tra il tessuto di rinforzo e il supporto in progetto; f) ancoraggio delle estremit del tessuto in fibra dacciaio allinterno del supporto, procedendo alla preventiva foratura dei supporti,
muratura. possibile prolungare la lunghezza dancoraggio per tutta lo spessore del rinfianco e muratura perimetrale e collegare il rinforzo dellarco arrotolamento delle estremit del tessuto in acciaio al fine di inserire tali code allinterno dei fori precedentemente realizzati con colatura finale
con le eventuali fasce di piano che cordolano la struttura. di una geomalta compatta ad altissima igroscopicit e traspirabilit, iperfluida, ad elevata ritenzione dacqua a base di pura calce naturale
NHL 3.5 e Geolegante minerale, provvista di marcatura CE e conforme ai requisiti prestazionali richiesti dalla Norma EN 998/2-G M15 tipo
AVVERTENZE: in presenza di lesene, costoloni e arconi di rigidimento, onde evitare accumuli tensionali, si deve ancorare la fascia alla cupola, con la GEOCALCE FLUIDO di Kerakoll S.p.A. . compresa la fornitura e posa in opera di tutti i materiali sopra descritti e quanto altro occorre per dare
realizzazione di code uguali a quelle descritte per lancoraggio alle murature di rinfianco e perimetrali. il lavoro finito. Sono esclusi: i connettori di estremit di ancoraggio e il loro inghisaggio, le prove di accettazione del materiale; le indagini pre- e
post-intervento; tutti i sussidi necessari per lesecuzione dei lavori. Il prezzo ad unit di superficie di rinforzo effettivamente posto in opera
AVVERTENZE: qualora per esigenze progettuali il tessuto GEOSTEEL G600 non risultasse sufficiente a soddisfare le verifiche, possibile sostituirlo comprese le sovrapposizioni e le zone di ancoraggio.
con GEOSTEEL G2000 o G3300 sostituendo altres la matrice GEOCALCE FINO con GEOLITE o GEOLITE GEL a seconda delle esigenze di calcolo.

1 2 3 4 5
Preparazione, pulizia e umidificazione delle superfici. Applicazione della prima mano di GEOCALCE FINO. Inghisaggio degli ancoraggi con GEOCALCE FLUIDO. Installazione del tessuto in fibra dacciaio GEOSTEEL G600. Applicazione della seconda mano di GEOCALCE FINO.

118 Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale
CUPOLE

Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale 119
CUPOLE

51 Rinforzo e consolidamento di cupole mediante placcaggio intradossale con


fasce in fibra di acciaio galvanizzato UHTSS e geomalta certificata EN 998 di
pura calce idraulica naturale NHL 3.5

PRESCRIZIONE VOCE DI CAPITOLATO

1. Preparazione dei supporti. Provvedere alleventuale svuotamento e alleggerimento dellestradosso della cupola. Sulla superficie intradossale Rinforzo di cupole con placcaggio intradossale di fasce di fibra in acciaio galvanizzato, mediante lutilizzo di sistema composito certificato da
della cupola rimuovere completamente residui di precedenti lavorazioni che possano pregiudicare ladesione, pulire la superficie sino alla messa idoneo Laboratorio di cui allart. 59 del DPR n 380/2001 con comprovata esperienza e dotati di strumentazione adeguata per prove su sistemi
a nudo degli elementi strutturali; eventuali lesioni presenti sia nella parte intradossale sia estradossale andranno sigillati e rincocciati con scaglie FRCM, in accordo con le Linee Guida CNR-DT 200 R1/2013 realizzato con tessuto unidirezionale in fibra di acciaio galvanizzato Hardwire ad
di materiale idoneo e impiego della geomalta GEOCALCE FINO compatibile alla malta esistente, in modo da ripristinare la continuit strutturale ed altissima resistenza , formato da micro-trefoli di acciaio prodotti secondo norma ISO 16120-1/4 201 fissati su una microrete in fibra di vetro, del
estetica. Preparazione, pulizia e umidificazione delle superfici. Eventuale applicazione di fissativo consolidante corticale tipo BIOCALCE SILICATO peso netto di fibra di circa 670 g/m2 tipo GEOSTEEL G600 di Kerakoll S.p.A. avente le seguenti caratteristiche tecniche certificate: resistenza
CONSOLIDANTE o RASOBUILD ECO CONSOLIDANTE, nel caso di supporti in gesso isolare preventivamente con RASOBUILD ECO CONSOLIDANTE. a trazione valore caratteristico > 3000 MPa; modulo elastico > 190 GPa; deformazione ultima a rottura > 2%; area effettiva di un trefolo 3x2 (5
fili) = 0,538 mmq; n trefoli per cm = 1,57 con avvolgimento dei fili ad elevato angolo di torsione conforme alla norma ISO 17832 2009; spessore
2. Applicazione del sistema di rinforzo. La realizzazione del sistema di rinforzo strutturale in fibra di acciaio Steel Reinforced Mortar (abbinamento di equivalente del nastro = 0,084 mm, impregnato con geomalta ad altissima igroscopicit e traspirabilit a base di pura calce idraulica naturale
fibra di acciaio e malta minerale a base di pura calce idraulica naturale NHL 3.5 e Geolegante) andr eseguito avendo cura di disporre le fasce NHL 3.5 e Geolegante minerale, inerti di sabbia silicea e calcare dolomitico in curva granulometrica 0 1,4 mm, GreenBuilding Rating Bio 5
secondo quanto indicato dal progettista abilitato e seguendo gli schemi grafici riportati in tavola allegata. La larghezza delle fasce e il passo a -tipo GeoCalce Fino di Kerakoll S.p.A.- alta efficacia nel ridurre gli inquinanti interni, non permette lo sviluppo batterico (Classe B+) e fungino
cura del tecnico abilitato. Lapplicazione delle fasce consiste in: realizzazione di una prima mano di GEOCALCE FINO, garantendo sul supporto una (Classe F+) misurazione con metodo CSTB, certificato a bassissime emissioni di VOC con conformit EC 1 R Plus GEV-Emicode, emissione
quantit di materiale sufficiente (spessore minimo 3 5 mm) per regolarizzarlo e per adagiare e inglobare il tessuto di rinforzo. Successivamente si di CO2 250 g/kg, contenuto di minerali riciclati 30%. La geomalta naturale provvista di marcatura CE, conforme ai requisiti della norma
proceder applicando, sulla matrice ancora fresca, il tessuto in fibra dacciaio galvanizzato GEOSTEEL G600, garantendo il perfetto inglobamento del EN 998-2 G/ M15, EN 998-1 GP/ CS IV e EN 1504-3 R1 PCC, reazione al fuoco classe A1; caratteristiche tecniche certificate: resistenza a
nastro nello strato di matrice, esercitando unenergica pressione con la spatola e avendo cura che la stessa malta fuoriesca dai trefoli per garantire compressione a 28 gg 15 N/mm2, coefficiente di resistenza al vapore acqueo () 16, modulo elastico statico 9 GPa, adesione al supporto a 28
cos unottima adesione fra primo e secondo strato di matrice. Il tessuto dovr essere disposto in fasce lungo le direttrici dei paralleli e dei meridiani gg > 1,0 N/mm2. Lintervento si svolge nelle seguenti fasi: a) pulizia della superficie intradossale sino alla messa a nudo degli elementi strutturali.
della cupola. Lapplicazione si concluder con la rasatura finale protettiva (spessore 3 5 mm), sempre realizzata con GEOCALCE FINO, al fine di Eventuali lesioni presenti verranno sigillate e rincocciate con scaglie di materiale idoneo allettate con la geomalta; eventuale umidificazione
inglobare totalmente il rinforzo e chiudere eventuali vuoti sottostanti. In caso di strati successivi al primo, procedere con la posa del secondo strato delle superfici o in alternativa posa di fissativo consolidante corticale; b) stesura di un primo strato di geomalta, di spessore di ca. 3 5 mm; c)
di fibra sullo strato di matrice ancora fresca. con malta ancora fresca, procedere alla posa del tessuto in fibra di acciaio galvanizzato ad altissima resistenza, avendo cura di garantire una
Per garantire una migliore efficacia del sistema di rinforzo, si provveder alla realizzazione di sistemi di connessione impiegando il tessuto GEOSTEEL completa impregnazione del tessuto ed evitare la formazione di eventuali vuoti o bolle daria che possano compromettere ladesione del tessuto
G600/G2000, pretagliato al fine di ottenere una lunghezza dancoraggio pari a quella prevista e verificata dal progettista. Sar compito del progettista alla matrice o al supporto; d) esecuzione del secondo strato di geomalta, di spessore di circa 3 5 mm al fine di inglobare totalmente il tessuto
dimensionare gli eventuali interassi tra un connettore e quello subito adiacente. di rinforzo e chiudere gli eventuali vuoti sottostanti; e) eventuale ripetizione delle fasi (c), e (d) per tutti gli strati successivi di rinforzo previsti da
progetto; f) inserimento di connettori realizzati con un tessuto unidirezionale in fibra di acciaio galvanizzato Hardwire ad altissima resistenza,
AVVERTENZE: consultare TAV 25 per conoscere le modalit di installazione e le prestazioni meccaniche del sistema di connessione a fiocco, realizzato da installarsi ogni 30-40 cm lungo lo sviluppo di installazione della fascia, previa: realizzazione del foro dingresso, avente dimensioni idonee
con la gamma di tessuti GEOSTEEL HARDWIRE in combinazione con il tassello in polipropilene armato con fibra di vetro INIETTORE&CONNETORE alla natura del successivo connettore, confezionamento del connettore metallico mediante taglio, sfiocchettatura, e arrotolamento finale del
GEOSTEEL. tessuto in fibra dacciaio, inserimento del connettore preformato allinterno del foro con iniezione a bassa pressione finale di geomalta compatta
ad altissima igroscopicit e traspirabilit, iperfluida, ad elevata ritenzione dacqua a base di pura calce naturale NHL 3.5 e Geolegante minerale,
AVVERTENZE: qualora per esigenze progettuali il tessuto GEOSTEEL G600 non risultasse sufficiente a soddisfare le verifiche, possibile sostituirlo provvista di marcatura CE e conforme ai requisiti prestazionali richiesti dalla Norma EN 998/2-G M15 tipo GEOCALCE FLUIDO di Kerakoll
con GEOSTEEL G2000 o G3300 sostituendo altres la matrice GEOCALCE FINO con GEOLITE o GEOLITE GEL a seconda delle esigenze di calcolo. S.p.A. -. compresa la fornitura e posa in opera di tutti i materiali sopra descritti e quanto altro occorre per dare il lavoro finito. Sono esclusi: i
connettori, gli Iniettore&Connettore GeoSteel e liniezione degli stessi e tutti gli oneri necessari per la loro realizzazione, le prove di accettazione
del materiale; le indagini pre- e post-intervento; tutti i sussidi necessari per lesecuzione dei lavori. Il prezzo ad unit di superficie di rinforzo
effettivamente posto in opera comprese le sovrapposizioni e le zone di ancoraggio.

1 2 3 4 5 6
Esecuzione dei fori per ancoraggio e sistemi di connessione. Bagnatura del supporto. Applicazione della prima mano di GEOCALCE FINO. Installazione del tessuto in fibra dacciaio GEOSTEEL G600. Inserimento dei diatoni artificiali ottenuti con GEOSTEEL Inghisaggio degli ancoraggi e dei connettori con GEOCALCE
G600/G2000. FLUIDO e chiusura del foro di iniezione con apposito tappo
di chiusura.

120 Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale
CUPOLE

Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale 121
CUPOLE

52 Rinforzo e consolidamento di cupole mediante placcaggio estradossale con


rete diffusa in fibra naturale di basalto e acciaio Inox e geomalta certificata
EN 998 di pura calce idraulica naturale NHL 3.5

PRESCRIZIONE VOCE DI CAPITOLATO

1. Preparazione dei supporti. Provvedere alleventuale svuotamento e alleggerimento dellestradosso della cupola, con conseguente pulizia della superficie Rinforzo di cupole con realizzazione di rinforzo estradossale diffuso con rete in fibra naturale di basalto e acciaio Inox, mediante lutilizzo di
di estradosso sino alla messa a nudo degli elementi strutturali; sigillatura e rincocciatura delle eventuali lesioni presenti sia nella parte estradossale sistema composito certificato da idoneo Laboratorio di cui allart. 59 del DPR n 380/2001 con comprovata esperienza e dotati di strumentazione
sia intradossale, con scaglie di materiale idoneo e impiego geomalta GEOCALCE FINO compatibile alla malta esistente, in modo da ripristinare la adeguata per prove su sistemi FRCM, in accordo con le Linee Guida CNR-DT 200 R1/2013 realizzato con tessuto bidirezionale in fibra di basalto
continuit strutturale ed estetica. Eventuale applicazione di fissativo consolidante corticale tipo BIOCALCE SILICATO CONSOLIDANTE o RASOBUILD e acciaio Inox AISI 304, con speciale trattamento protettivo alcali-resistente con resina allacqua priva di solventi, - tipo GEOSTEEL GRID 400 di
ECO CONSOLIDANTE, nel caso di supporti in gesso isolare preventivamente con RASOBUILD ECO CONSOLIDANTE. Per ultimo, soffiatura conclusiva Kerakoll S.p.A. caratteristiche tecniche certificate: acciaio Inox AISI 304: resistenza a trazione del filo > 750 MPa, modulo elastico E > 200 GPa;
della cupola mediante aria compressa con successiva aspirazione dei detriti e umidificazione delle superfici. fibre di basalto: resistenza a trazione 3000 MPa, modulo elastico E 87 GPa, dimensioni della maglia 8x8 mm, spessore equivalente tf,0-90 = 0,064
mm, massa totale comprensiva di termosaldatura e rivestimento protettivo ca. 400 g/m2, impregnato con geomalta ad altissima igroscopicit
2. Applicazione del sistema di rinforzo. Il sistema di rinforzo diffuso su tutta la calotta estradossale con rete in fibra di basalto e acciaio Inox AISI e traspirabilit a base di pura calce idraulica naturale NHL 3.5 e Geolegante minerale, inerti di sabbia silicea e calcare dolomitico in curva
304, con speciale trattamento protettivo alcali-resistente con resina allacqua priva di solventi, Basalt Fiber Reinforced Mortar (abbinamento di granulometrica 0 1,4 mm, GreenBuilding Rating Bio 5 - (tipo GeoCalce Fino di Kerakoll S.p.A.-) alta efficacia nel ridurre gli inquinanti interni,
rete in fibra di basalto e malta minerale a base di pura calce idraulica naturale NHL 3,5 e Geolegante) andr eseguito avendo cura di disporre non permette lo sviluppo batterico (Classe B+) e fungino (Classe F+) misurazione con metodo CSTB, certificato a bassissime emissioni di VOC
la rete in modo uniforme su tutta la superficie, secondo quanto indicato dal progettista abilitato e seguendo gli schemi grafici riportati in tavola con conformit EC 1 R Plus GEV-Emicode, emissione di CO2 250 g/kg, contenuto di minerali riciclati 30%. La geomalta naturale provvista
allegata. Dovendo garantire uniformit della superficie, si dovranno cercare di evitare le sovrapposizioni longitudinali, mentre si dovr avere cura di marcatura CE, conforme ai requisiti della norma EN 998-2 G/ M15, EN 998-1 GP/ CS IV e EN 1504-3 R1 PCC, reazione al fuoco classe A1;
di realizzare una sovrapposizione laterale fra le fasce maggiore di 30 cm. Lapplicazione della rete di rinforzo consiste in: realizzazione di una prima caratteristiche tecniche certificate: resistenza a compressione a 28 gg 15 N/mm2, coefficiente di resistenza al vapore acqueo () 16, modulo
mano di GEOCALCE FINO, garantendo sul supporto una quantit di materiale sufficiente (spessore medio 5 mm) per regolarizzarlo e per adagiare e elastico statico 9 GPa, adesione al supporto a 28 gg > 1,0 N/mm2. Lintervento si svolge nelle seguenti fasi: a) svuotamento e alleggerimento
inglobare il tessuto di rinforzo. Successivamente si proceder applicando, sulla matrice ancora fresca, la rete biassiale in fibra di basalto e acciaio dellestradosso della cupola, con conseguente pulizia della superficie di estradosso sino alla messa a nudo degli elementi strutturali. Eventuali
Inox AISI 304, con speciale trattamento protettivo alcali-resistente con resina allacqua priva di solventi, GEOSTEEL GRID 400, garantendo il perfetto lesioni presenti sia nella parte estradossale sia in quella intradossale verranno sigillati e rincocciati con scaglie di materiale idoneo allettate con
inglobamento della rete nello strato di matrice, esercitando unenergica pressione con la spatola e avendo cura che la stessa malta fuoriesca geomalta e depolverizzazione finale mediante aspirazione delle polveri e detriti. Eventuale umidificazione delle superfici o in alternativa posa di
dalla rete per garantire cos unottima adesione fra primo e secondo strato di matrice. Lapplicazione si concluder con la rasatura finale protettiva fissativo consolidante corticale a base di silicati; b) stesura di un primo strato di geomalta, di spessore di ca. 5 mm; c) con malta ancora fresca,
(spessore medio 5 mm), sempre realizzata con GEOCALCE FINO, al fine di inglobare totalmente il rinforzo e chiudere eventuali vuoti sottostanti. In procedere alla posa della rete GEOSTEEL GRID 400, avendo cura di garantire una completa impregnazione del tessuto ed evitare la formazione
caso di strati successivi al primo, procedere con la posa del secondo strato di fibra sullo strato di matrice ancora fresca. Se possibile, realizzare di eventuali vuoti o bolle daria che possano compromettere ladesione del tessuto alla matrice o al supporto; d) esecuzione del secondo strato
sistemi dancoraggio sui rinfianchi della cupola, collegando il rinforzo con le eventuali fasce di piano. Per garantire una migliore efficacia del sistema di geomalta, di spessore di circa 5 mm al fine di inglobare totalmente il tessuto di rinforzo e chiudere gli eventuali vuoti sottostanti; e) eventuale
di rinforzo, e un opportuno collegamento alle estremit, si provveder alla realizzazione di sistemi di connessione impiegando il tessuto GEOSTEEL ripetizione delle fasi (c), e (d) per tutti gli strati successivi di rinforzo previsti da progetto; f) ancoraggio delle estremit della rete con inserimento
G600/G2000, pretagliato al fine di ottenere una lunghezza dancoraggio pari a quella prevista e verificata dal progettista. Sar compito del progettista di connettori realizzati con un tessuto unidirezionale in fibra di acciaio galvanizzato Hardwire ad altissima resistenza, formato da micro-trefoli
dimensionare gli eventuali interassi tra un connettore e quello subito adiacente. di acciaio prodotti secondo norma ISO 16120-1/4 201 tipo GEOSTEEL G HARDWIRE di Kerakoll S.p.A. avente le seguenti caratteristiche
tecniche certificate: resistenza a trazione valore caratteristico > 3000 MPa; modulo elastico > 190 GPa; deformazione ultima a rottura > 2%; area
AVVERTENZE effettiva di un trefolo 3x2 (5 fili) = 0,538 mmq; con avvolgimento dei fili ad elevato angolo di torsione conforme alla norma ISO 17832 2009, previa:
Il progettista potr scegliere, in base alle sue esigenze di progetto, in alternativa alla rete biassiale in fibra di basalto e acciaio Inox GEOSTEEL GRID realizzazione del foro dingresso, avente dimensioni idonee alla natura del successivo connettore, confezionamento del connettore metallico
400 anche la rete biassiale di armatura in fibra di basalto e acciaio Inox denominata GEOSTEEL GRID 200 o la rete di armatura biassiale in fibra di vetro mediante taglio, sfiocchettatura, e arrotolamento finale del tessuto in fibra dacciaio, con bloccaggio dello stesso mediante fascetta plastica,
alcali-resistente e aramide RINFORZO ARV 100. inserimento del connettore preformato allinterno del foro con iniezione a bassa pressione finale di geomalta compatta ad altissima igroscopicit
e traspirabilit, iperfluida, ad elevata ritenzione dacqua a base di pura calce naturale NHL 3.5 e Geolegante minerale, provvista di marcatura CE
AVVERTENZE: consultare TAV 25 per conoscere le modalit di installazione e le prestazioni meccaniche del sistema di connessione a fiocco, realizzato e conforme ai requisiti prestazionali richiesti dalla Norma EN 998/2-G M15 tipo GEOCALCE FLUIDO di Kerakoll S.p.A. . compresa la fornitura
con la gamma di tessuti GEOSTEEL HARDWIRE in combinazione con il tassello in polipropilene armato con fibra di vetro INIETTORE&CONNETORE e posa in opera di tutti i materiali sopra descritti e quanto altro occorre per dare il lavoro finito. Sono esclusi: i connettori, gli Iniettore&Connettore
GEOSTEEL. GeoSteel e liniezione degli stessi e tutti gli oneri necessari per la loro realizzazione, le prove di accettazione del materiale; le indagini pre- e post-
intervento; tutti i sussidi necessari per lesecuzione dei lavori. Il prezzo ad unit di superficie di rinforzo effettivamente posto in opera comprese
le sovrapposizioni e le zone di ancoraggio.

1 2 3 4 5 6
Esecuzione dei fori per linstallazione dei sistemi Preparazione, pulizia e umidificazione delle superfici. Applicazione della prima mano di GEOCALCE FINO. Installazione della rete bidirezionale in fibra di basalto Inserimento di tessuto in fibra dacciaio GEOSTEEL G600/ Inghisaggio degli ancoraggi con GEOCALCE FLUIDO e
dancoraggio. GEOSTEEL GRID. G2000 e del tassello in polipropilene allinterno del foro chiusura del foro di iniezione con apposito tappo in dotazione.
realizzato per ancorare il rinforzo della volta con le eventuali
fasce di piano.

122 Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale
CUPOLE

Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale 123
CUPOLE

53 Rinforzo e consolidamento di cupole mediante placcaggio intradossale con


rete diffusa in fibra naturale di basalto e acciaio Inox e geomalta certificata
EN 998 di pura calce idraulica naturale NHL 3.5

PRESCRIZIONE VOCE DI CAPITOLATO

1. Preparazione del supporto. Provvedere alleventuale svuotamento e alleggerimento dellestradosso della cupola. Sulla superficie intradossale della Rinforzo di cupole con realizzazione di rinforzo intradossale diffuso con rete in fibra naturale di basalto e acciaio Inox, mediante lutilizzo di
cupola rimuovere completamente residui di precedenti lavorazioni che possano pregiudicare ladesione, pulire la superficie sino alla messa a nudo sistema composito certificato da idoneo Laboratorio di cui allart. 59 del DPR n 380/2001 con comprovata esperienza e dotati di strumentazione
degli elementi strutturali; eventuali lesioni presenti sia nella parte intradossale sia estradossale andranno sigillati e rincocciati con scaglie di materiale adeguata per prove su sistemi FRCM, in accordo con le Linee Guida CNR-DT 200 R1/2013 realizzato con tessuto bidirezionale in fibra di basalto
idoneo e impiego della geomalta GEOCALCE FINO compatibile alla malta esistente, in modo da ripristinare la continuit strutturale ed estetica. Per e acciaio Inox AISI 304, con speciale trattamento protettivo alcali-resistente con resina allacqua priva di solventi, - tipo GEOSTEEL GRID 400 di
ultimo, soffiatura conclusiva della cupola mediante aria compressa con successiva aspirazione dei detriti e umidificazione delle superfici. Eventuale Kerakoll S.p.A. caratteristiche tecniche certificate: acciaio Inox AISI 304: resistenza a trazione del filo > 750 MPa, modulo elastico E > 200 GPa;
applicazione di fissativo consolidante corticale tipo BIOCALCE SILICATO CONSOLIDANTE o RASOBUILD ECO CONSOLIDANTE, nel caso di supporti fibre di basalto: resistenza a trazione 3000 MPa, modulo elastico E 87 GPa, dimensioni della maglia 8x8 mm, spessore equivalente tf,0-90 = 0,064
in gesso isolare preventivamente con RASOBUILD ECO CONSOLIDANTE. mm, massa totale comprensiva di termosaldatura e rivestimento protettivo ca. 400 g/m2, impregnato con geomalta ad altissima igroscopicit
e traspirabilit a base di pura calce idraulica naturale NHL 3.5 e Geolegante minerale, inerti di sabbia silicea e calcare dolomitico in curva
2. Applicazione del sistema di rinforzo. Il sistema di rinforzo diffuso su tutta la calotta estradossale con rete in fibra di basalto e acciaio Inox AISI 304, granulometrica 0 1,4 mm, GreenBuilding Rating Bio 5 -tipo GeoCalce Fino di Kerakoll S.p.A. - alta efficacia nel ridurre gli inquinanti interni,
con speciale trattamento protettivo alcali-resistente con resina allacqua priva di solventi, Basalt Fiber Reinforced Mortar (abbinamento di rete in fibra non permette lo sviluppo batterico (Classe B+) e fungino (Classe F+) misurazione con metodo CSTB, certificato a bassissime emissioni di VOC
di basalto e malta minerale a base di pura calce idraulica naturale NHL 3,5 e Geolegante) andr eseguito avendo cura di disporre la rete in modo con conformit EC 1 R Plus GEV-Emicode, emissione di CO2 250 g/kg, contenuto di minerali riciclati 30%. La geomalta naturale provvista
uniforme su tutta la superficie, secondo quanto indicato dal progettista abilitato e seguendo gli schemi grafici riportati in tavola allegata. Dovendo di marcatura CE, conforme ai requisiti della norma EN 998-2 G/ M15, EN 998-1 GP/ CS IV e EN 1504-3 R1 PCC, reazione al fuoco classe
garantire uniformit della superficie, si dovranno cercare di evitare le sovrapposizioni longitudinali, mentre si dovr avere cura di realizzare una A1; caratteristiche tecniche certificate: resistenza a compressione a 28 gg 15 N/mm2, coefficiente di resistenza al vapore acqueo () 16,
sovrapposizione laterale fra le fasce maggiore di 30 cm. Lapplicazione della rete di rinforzo consiste in: realizzazione di una prima mano di GEOCALCE modulo elastico statico 9 GPa, adesione al supporto a 28 gg > 1,0 N/mm2. Lintervento si svolge nelle seguenti fasi: a) eventuale svuotamento e
FINO, garantendo sul supporto una quantit di materiale sufficiente (spessore medio 5 mm) per regolarizzarlo e per adagiare e inglobare il tessuto alleggerimento dellestradosso della cupola, con conseguente pulizia della superficie di intradosso e estradosso sino alla messa a nudo degli
di rinforzo. Successivamente si proceder applicando, sulla matrice ancora fresca, la rete biassiale in fibra di basalto e acciaio Inox AISI 304, con elementi strutturali. Eventuali lesioni presenti sia nella parte estradossale sia in quella intradossale verranno sigillati e rincocciati con scaglie di
speciale trattamento protettivo alcali-resistente con resina allacqua priva di solventi, GEOSTEEL GRID 400, garantendo il perfetto inglobamento della materiale idoneo allettate con la geomalta e depolverizzazione finale mediante aspirazione delle polveri e detriti. Eventuale umidificazione delle
rete nello strato di matrice, esercitando unenergica pressione con la spatola e avendo cura che la stessa malta fuoriesca dalla rete per garantire cos superfici o in alternativa posa di fissativo consolidante corticale; b) stesura di un primo strato di geomalta, di spessore di ca. 5 mm; c) con malta
unottima adesione fra primo e secondo strato di matrice. Lapplicazione si concluder con la rasatura finale protettiva (spessore medio 5 mm), sempre ancora fresca, procedere alla posa della rete GEOSTEEL GRID 400, avendo cura di garantire una completa impregnazione del tessuto ed evitare
realizzata con GEOCALCE FINO, al fine di inglobare totalmente il rinforzo e chiudere eventuali vuoti sottostanti. In caso di strati successivi al primo, la formazione di eventuali vuoti o bolle daria che possano compromettere ladesione del tessuto alla matrice o al supporto; d) esecuzione del
procedere con la posa del secondo strato di fibra sullo strato di matrice ancora fresca. Per garantire una migliore efficacia del sistema di rinforzo, secondo strato di geomalta, di spessore di circa 5 mm al fine di inglobare totalmente il tessuto di rinforzo e chiudere gli eventuali vuoti sottostanti;
si provveder alla realizzazione di sistemi di connessione impiegando il tessuto GEOSTEEL G600/G2000, pretagliato al fine di ottenere una lunghezza e) eventuale ripetizione delle fasi (c), e (d) per tutti gli strati successivi di rinforzo previsti da progetto; f) collaborazione con inserimento di
dancoraggio pari a quella prevista e verificata dal progettista. Sar compito del progettista dimensionare gli eventuali interassi tra un connettore e connettori realizzati con tessuto unidirezionale in fibra di acciaio galvanizzato Hardwire ad altissima resistenza, formato da micro-trefoli di
quello subito adiacente. acciaio prodotti secondo norma ISO 16120-1/4 201 tipo GEOSTEEL G HARDWIRE di Kerakoll S.p.A. avente le seguenti caratteristiche tecniche
certificate: resistenza a trazione valore caratteristico > 3000 MPa; modulo elastico > 190 GPa; deformazione ultima a rottura > 2%; area effettiva di
AVVERTENZE un trefolo 3x2 (5 fili) = 0,538 mmq; con avvolgimento dei fili ad elevato angolo di torsione conforme alla norma ISO 17832 2009, previa: realizzazione
Il progettista potr scegliere, in base alle sue esigenze di progetto, in alternativa alla rete biassiale in fibra di basalto e acciaio Inox GEOSTEEL GRID del foro dingresso, avente dimensioni idonee alla natura del successivo connettore, confezionamento del connettore metallico mediante taglio,
400 anche la rete biassiale di armatura in fibra di basalto e acciaio Inox denominata GEOSTEEL GRID 200 o la rete di armatura biassiale in fibra di vetro sfiocchettatura, e arrotolamento finale del tessuto in fibra dacciaio, con bloccaggio dello stesso mediante fascetta plastica, inserimento del
alcali-resistente e aramide RINFORZO ARV 100. connettore preformato allinterno del foro con iniezione a bassa pressione finale di geomalta compatta ad altissima igroscopicit e traspirabilit,
iperfluida, ad elevata ritenzione dacqua a base di pura calce naturale NHL 3.5 e Geolegante minerale, provvista di marcatura CE e conforme
AVVERTENZE: consultare TAV 25 per conoscere le modalit di installazione e le prestazioni meccaniche del sistema di connessione a fiocco, realizzato ai requisiti prestazionali richiesti dalla Norma EN 998/2-G M15 tipo GEOCALCE FLUIDO di Kerakoll S.p.A. . compresa la fornitura e posa
con la gamma di tessuti GEOSTEEL HARDWIRE in combinazione con il tassello in polipropilene armato con fibra di vetro INIETTORE&CONNETORE in opera di tutti i materiali sopra descritti e quanto altro occorre per dare il lavoro finito. Sono esclusi: i connettori, gli Iniettore&Connettore
GEOSTEEL. GeoSteel e liniezione degli stessi e tutti gli oneri necessari per la loro realizzazione, le prove di accettazione del materiale; le indagini pre- e post-
intervento; tutti i sussidi necessari per lesecuzione dei lavori. Il prezzo ad unit di superficie di rinforzo effettivamente posto in opera comprese
le sovrapposizioni e le zone di ancoraggio.

1 2 3 4 5 6
Realizzazione dei fori per il successivo inserimento dei Applicazione della prima mano di GEOCALCE FINO. Installazione della rete bidirezionale in fibra di basalto Taglio della rete bidirezionale in fibra di basalto GEOSTEEL Installazione e stuccature di diatono artificiale ottenuto Inghisaggio dei sistemi di connesione con GEOCALCE
connettori. GEOSTEEL GRID. GRID per il successivo inserimento di diatoni artificiali. con GEOSTEEL G600/G2000 e INIETTORE&CONNETTORE FLUIDO.
GEOSTEEL.

124 Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale
CUPOLE

Soluzioni per il consolidamento delle strutture in muratura portante di laterizio, tufo e pietra naturale 125