Sei sulla pagina 1di 3

Un composto del melograno utile

per combattere lalzheimer

Credit: Immagine gentilmente concessa da University of Huddersfield


La ricerca cercher di produrre derivati misti di punicalagin, un composto del
melograno, per lo sviluppo di un farmaco che potrebbe curare neuro-infiammazione
e rallentare la progressione della malattia di Alzheimer.
Linsorgenza della malattia di Alzheimer pu essere rallentata e alcuni dei suoi sintomi
frenati da un composto naturale che si trova nel melograno. Inoltre, linfiammazione
dolorosa che accompagna malattie come lartrite reumatoide e il morbo di Parkinson,
potrebbe essere ridotta, secondo i risultati di un progetto di ricerca biennale guidato dallo
scienziato Dr Olumayokun Olajide, della University of Huddersfieldche, specializzato nella
ricerca sulle propriet anti-infiammatorie di prodotti naturali.
Il dottor Olumayokun Olajide cercher di produrre derivati misti di punicalagin per lo
sviluppo di un farmaco che potrebbe trattare neuro-infiammazione e rallentare la
progressione della malattia di Alzheimer.
A livello globale, ci sono almeno 44,4 milioni di malati di alzheimer.

La chiave di svolta del dottor Olajide e del suo team, quella di dimostrare che
punicalagin, che un polifenolo una forma di composto chimico trovato nel melograno,
in grado di inibire linfiammazione che porta alla distruzione di un numero crescente di
cellule cerebrali, causando il progressivo peggioramento dei pazienti affetti da alzheimer.
Non vi ancora alcuna cura per la malattia, ma punicalagin potrebbe prevenire o
rallentare il suo sviluppo.
il Dr Olajide ha lavorato con i ricercatori dell Universit di Huddersfield e con gli scienziati
dell Universit di Friburgo in Germania. Il team ha utilizzato cellule cerebrali isolate da
ratti, al fine di testare i loro risultati.
La ricerca stata pubblicata sullultimo numero della rivista Molecular Nutrition & Food
Research e il dottor Olajide inizier a diffondere i suoi risultati alle conferenze
accademiche.
Attualmente i ricercatori stanno ancora lavorando sulle quantit di punicalagin che sono
necessarie per creare un farmaco efficace.
Sappiamo che lassunzione regolare e il consumo regolare di melograno ha molti benefici
per la salute compresa la prevenzione di neuro-infiammazione correlata alla demenza
dice il Dr Olajide, raccomandando a tutti il consumo di succo con il 100 per cento di
melograno, al fine di ottenere almeno il 3,4 per cento di punicalagin, il composto che
rallenta la progressione della demenza.
Il Dr Olajide afferma che la maggior parte dei composti antiossidanti si trovano nella parte
esterna del melograno e non solo nella nella parte interna del frutto. E aggiunge che,
anche se questo deve ancora essere scientificamente valutato, il melograno sar utile in
qualsiasi condizione di infiammazione come lartrite reumatoide, il morbo di Parkinson e il
cancro.
La ricerca continua e ora il dottor Olajide sta collaborando con un suo collega
dellUniversit di Huddersfield, il chimico organico dottor Karl Hemming. Essi cercheranno
di produrre derivati misti di punicalagin che potrebbero essere alla base di nuovi farmaci,
somministrati per via orale, per trattare la neuro-infiammazione.
Il Dr Olajide stato Senior Lecturer presso lUniversit di Huddersfield per quattro anni. La
sua carriera accademica include un posto di Humboldt Postdoctoral Research Fellow
presso il Centre for Drug Research dellUniversit di Monaco di Baviera. Il suo dottorato di
ricerca stato assegnato presso lUniversit di Ibadan nella sua nativa Nigeria, dopo una
sua indagine sulle propriet anti-infiammatorie di prodotti naturali.

Egli attribuisce questo settore di ricerca alla sua educazione. Madri africane normalmente
trattano i bambini malati con sostanze naturali quali erbe. Mia madre ha sicuramente usato
molte di queste sostanze. E cos che mi sono interessato alla farmacologia!

Storia Fonte:
1.

Olumayokun A. Olajide, Asit Kumar, Ravikanth Velagapudi, Uchechukwu P. Okorji,


Bernd L. Fiebich. Punicalagin inhibits neuroinflammation in LPS-activated rat
primary microglia. Molecular Nutrition & Food Research, 2014;
DOI:10.1002/mnfr.201400163