Sei sulla pagina 1di 32

a cura dellUfficio Comunicazione ed Eventi

dellUniversit di Ferrara
Gioved 04 febbraio 2016

SOMMARIO

Sommario
Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 9 Premio stampa, cerimonia col ministro ..................................................... 3
Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 18 Lo stato di ebbrezza di Varesi ................................................................. 4
Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 24 - Giornata della memoria ............................................................................ 5
Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 26 - Parkinson, un laboratorio di musicoterapia per affiancare le cure .......... 6
Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 3 Sanit, via i ticket per 203 prestazioni. Ora le pagheremo ............................... 7
Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 5 Zika, in Brasile 11 citt annullano il carnevale .................................................. 8
Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 5 Enna, s allAteneo romeno di medicina............................................................ 9
Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 13 - Pinacoteca da riallestire Magari nel Castello ................................................. 10
Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 16 Festival della Luca. Si parla di meteore ......................................................... 11
Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 22 Incontro con Varesi ....................................................................................... 12
Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 25 Accordo CUS per strutture, iniziative e under 12 femminile ........................ 13
Repubblica del 04/02/2016 pag. 14 - Emergenza Zika 10 milioni dellUe. LAmerica Latina divisa sul condom .......... 14
Corriere della Sera del 04/02/2016 pag. 21 Il Dossier. Il virus..................................................................................... 15
Corriere della Sera del 04/02/2016 pag. 5(corriere sez Veneto) << Si comportato male>> la procura chiede che
Galan torni in cella .......................................................................................................................................................... 16
Il Sole 24 ore del 04/02/2016 Affittare nelle citt universitarie rende pi che in quella darte.................................. 17
Il Sole 24 ore del 04/02/2016 pg. 38 Statali, i quattro comparti per far ripartire i contratti ....................................... 18
Il Sole 24 ore del 04/02/2016 pg. 38 Riscatto della laurea facilitato. Aiuti per i figli con handicap ............................. 19
estense.com del 04/02/2016 Radiologia, due giorni di aggiornamento a Cona.......................................................... 20
estense.com del 04/02/2016 E mozioni olfattive antiche al Canevale Rinascimentale .............................................. 21
ferraraitalia.it del 04/02/2016 - Al via i Seminari interdipartimentali di Unife Pluralismo, diversit e identit: un
approccio multidisciplinare alla conoscen ...................................................................................................................... 23
Cronaca Comune del 04/02/2016 Presentazione del programma delle iniziative per Darwin Day 2016 ................ 25
Alternativa sostenibile del 04/02/2016 Resiliente: Unagenda di governo per ladattamneto climatico ................... 26
Telestense.it del 04/02/2016 Imaging gastro-intestinale:ladulto e il bambino.......................................................... 27
Telestense.it del 04/02/2016 Pinnacoli Prospettiva corso Giovecca messi in sicurezza a progetto Unife - Video ..... 28
Controcampus.it del 04/02/2016 Carnevale Rinascimentale a Ferrara e storia dei profumi ...................................... 29
Controcampus.it del 04/02/2016 Ambiente: a Modena un convegno sulla Rigenerazione Urbana ....................... 31

Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 9 Premio stampa, cerimonia col
ministro

Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 18 Lo stato di ebbrezza di Varesi

Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 24 - Giornata della memoria

Carlino ed. Ferrara del 04/02/2016 pag. 26 - Parkinson, un laboratorio di


musicoterapia per affiancare le cure

Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 3 Sanit, via i ticket per 203 prestazioni.
Ora le pagheremo

Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 5 Zika, in Brasile 11 citt annullano il


carnevale

Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 5 Enna, s allAteneo romeno di medicina

Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 13 - Pinacoteca da riallestire Magari nel


Castello

10

Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 16 Festival della Luca. Si parla di meteore

11

Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 22 Incontro con Varesi

12

Nuova Ferrara del 04/02/2016 pag. 25 Accordo CUS per strutture, iniziative e
under 12 femminile

13

Repubblica del 04/02/2016 pag. 14 - Emergenza Zika 10 milioni dellUe.


LAmerica Latina divisa sul condom

14

Corriere della Sera del 04/02/2016 pag. 21 Il Dossier. Il virus

15

Corriere della Sera del 04/02/2016 pag. 5(corriere sez Veneto) << Si
comportato male>> la procura chiede che Galan torni in cella

16

Il Sole 24 ore del 04/02/2016 Affittare nelle citt universitarie rende pi che in
quella darte

17

Il Sole 24 ore del 04/02/2016 pg. 38 Statali, i quattro comparti per far ripartire i
contratti

18

Il Sole 24 ore del 04/02/2016 pg. 38 Riscatto della laurea facilitato. Aiuti per i
figli con handicap

19

estense.com del 04/02/2016 Radiologia, due giorni di aggiornamento a Cona

20

estense.com del 04/02/2016 E mozioni olfattive antiche al Canevale


Rinascimentale

Emozioni olfattive antiche al Carnevale Rinascimentale


Una giornata di eventi al museo Archeologico per scoprire la storia dei profumi
Una giornata di vera emotivit culturale, interamente dedicata
alla storia dei profumi, alle note affascinanti del mondo delle
essenze e alla ricerca della bellezza, quella in programma
domenica 7 febbraio, nel salone delle carte geografiche del museo
Archeologico Nazionale di Ferrara (in via XX Settembre, 122),
con un doppio appuntamento nellambito della 5 edizione del
Carnevale Rinascimentale a Ferrara.
Liniziativa si aprir alle 10 con la conferenza dal titolo Il
profumo nel mondo antico, allepoca di Isabella dEste e nel XXI
secolo, dove a sviluppare la tematica saranno qualificati
specialisti del contesto storico e scientifico cittadino.
Paola Desantis, neo direttrice del museo archeologico
Nazionale di Ferrara, affronter il tema del profumo nel mondo
antico, con particolare riferimento alla realt di Spina. Spiega
Desantis: Aryballoi, alabastra e lekythoi sono i nomi greci dei
preziosi contenitori in ceramica, alabastro o pasta vitrea,
rinvenuti in grande quantit a Spina, che attestano la diffusione anche in questa citt delle preziose essenze
aromatiche in essi contenute. Sulle rotte del commercio ateniese giunsero a Spina, testa di ponte dei commerci
etruschi in Adriatico, sia per gli usi della vita che per i riti della morte. Oggetti spesso di vera bellezza, consentono
di leggere la consuetudine del profumo nella citt in chiave simbolica, sociale e culturale, ma certamente anche nei
suoi risvolti di natura economica.
Seguir lintervento di Francesco Scafuri, responsabile dellufficio ricerche storiche del comune di Ferrara, con
unillustrazione riguardante i profumi in epoca rinascimentale. Afferma Scafuri: Sar loccasione per ricordare
come tra le corti italiane e in particolare presso di quella estense, la passione e luso per i profumi fossero
intensissimi. Diedero un impulso allarte profumiera e alla cosmesi alcune grandi donne del Rinascimento, tra cui
Caterina Sforza e Caterina de Medici, ma soprattutto Isabella dEste, figlia di Ercole I dEste e di Eleonora
dAragona, nonch marchesa di Mantova, che nella citt lombarda frequentava un suo rinomato laboratorio di
profumeria, componendo lei stessa le preziose essenze.
Sar poi la volta di Silvia Vertuani, ricercatrice del dipartimento di scienze della vita e biotecnologie
delluniversit di Ferrara Sezione di farmaco e prodotti della salute e fondatrice, assieme a Stefano
Manfredini, dello spin off universitario Ambrosialab, che ci offre unanticipazione: A partire da cenni di
antropologia dellodore e del funzionamento dellorgano di senso dellolfatto, cercher di condurre il pubblico ad

21

una pi chiara comprensione degli ingredienti chimici che compongono un profumo, riconoscendo le principali
note che abitualmente gli essenzieri creano per i vari accordi, che poi andranno a creare le cosiddette famiglie
olfattive.
Chiuder la conferenza Stefano Manfredini, presidente della scuola di farmacia e prodotti della salute e
codirettore di Cosmast master in Scienza e tecnologia cosmetiche di Unife . Illustrer come a partire dagli
antichi metodi di estrazione delle essenze profumate spiega Manfredini si sia giunti alla comprensione dei
meccanismi alla base del riconoscimento olfattivo delle molecole odorose. Queste acquisizioni hanno consentito
nel secolo scorso lo sviluppo di una chimica per lottenimento di nuove sostanze, che sono entrate, prima nella
storia del profumo, e poi nel quotidiano con lo sviluppo della pubblicit olfattiva e degli apparati iSmell.
E a seguire una esibizione originale, Il veleno della bellezza, la conferenza-spettacolo della Compagnia
Teatroscienza, con Alex Gezzi, Elena Pavoni ed Eugenio Squarcia. La tematica della performance spiegano i
protagonisti ha come filo conduttore la bellezza, che verr affrontata con le pi imprevedibili connessioni, che,
grazie al un gioco di legami colti, collegamenti con il passato e notabili citazioni, porteranno poi ad avvolgere ogni
cosa, attraverso antropologia, letteratura, mitologia, arte, musica e poesia.
Nel corso di tutta la mattinata, rester allestita una postazione olfattiva, organizzata da Cosmast, che metter
a disposizione dei partecipanti una esperienza olfattiva: una fragranza da vaporizzare basata su Iris (genere
floreale, il cui nome deriva dalla parola greca iridos, con la quale ci si riferiva allarcobaleno e alla messaggera degli
Dei), con diffusori per disperdere la fragranza nellambiente e una crema da provare a base Iris, prodotta dalle
ricerche di Ambrosialab.
Nel pomeriggio, con inizio alle 15.30, Paola Desantis accompagner il pubblico a scoprire nelle vetrine del museo
le testimonianze dellimportanza che ebbero anche a Spina i profumi e la cosmesi. Accompagneranno la visita
con letture e recitativi le Giovani Etrusche di Spina del Gruppo archeologico Ferrarese, che collabora
alliniziativa.
La manifestazione, ad accesso libero e gratuito, organizzata da Unife, museo Archeologico Nazionale e comune
di Ferrara.

22

ferraraitalia.it del 04/02/2016 - Al via i Seminari interdipartimentali di Unife


Pluralismo, diversit e identit: un approccio multidisciplinare alla conoscen
Appuntamento il 7 febbraio al Museo Archeologico nellambito del Carnevale Rinascimentale a Ferrara.
Una giornata di vera emotivit culturale, interamente dedicata alla storia dei profumi, alle note affascinanti del
mondo delle essenze e alla ricerca della bellezza, quella in programma domenica 7 febbraio, nel Salone delle Carte
Geografiche del Museo Archeologico Nazionale (via XX Settembre, 122), con un doppio appuntamento nellambito
della V edizione del Carnevale Rinascimentale a Ferrara.
Liniziativa si aprir alle ore 10 con la conferenza dal titolo Il profumo nel mondo antico, allepoca di Isabella
dEste e nel XXI secolo, dove a sviluppare la tematica saranno qualificati specialisti del contesto storico e
scientifico cittadino.
Paola Desantis, Direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, affronter il tema del profumo nel mondo
antico, con particolare riferimento alla realt di Spina. Spiega Desantis: Aryballoi, alabastra e lekythoi sono i nomi
greci dei preziosi contenitori in ceramica, alabastro o pasta vitrea, rinvenuti in grande quantit a Spina, che
attestano la diffusione anche in questa citt delle preziose essenze aromatiche in essi contenute. Sulle rotte del
commercio ateniese giunsero a Spina, testa di ponte dei commerci etruschi in Adriatico, sia per gli usi della vita
che per i riti della morte. Oggetti spesso di vera bellezza, consentono di leggere la consuetudine del profumo nella
citt in chiave simbolica, sociale e culturale, ma certamente anche nei suoi risvolti di natura economica.
Seguir lintervento di Francesco Scafuri, Responsabile dellUfficio Ricerche Storiche del Comune di Ferrara, con
unillustrazione riguardante i profumi in epoca rinascimentale. Afferma Scafuri: Sar loccasione per ricordare
come tra le corti italiane e in particolare presso di quella estense, la passione e luso per i profumi fossero
intensissimi. Diedero un impulso allarte profumiera e alla cosmesi alcune grandi donne del Rinascimento, tra cui
Caterina Sforza e Caterina de Medici, ma soprattutto Isabella dEste, figlia di Ercole I dEste e di Eleonora
dAragona, nonch marchesa di Mantova, che nella citt lombarda frequentava un suo rinomato laboratorio di
profumeria, componendo lei stessa le preziose essenze.
Sar poi la volta di Silvia Vertuani, Ricercatrice del Dipartimento di Scienze della vita e biotecnologie
dellUniversit di Ferrara Sezione di farmaco e prodotti della salute e fondatrice, assieme a Stefano Manfredini,
dello spin off universitario Ambrosialab, che ci offre unanticipazione: A partire da cenni di antropologia
dellodore e del funzionamento dellorgano di senso dellolfatto, cercher di condurre il pubblico ad una pi chiara
comprensione degli ingredienti chimici che compongono un profumo, riconoscendo le principali note che
abitualmente gli essenzieri creano per i vari accordi, che poi andranno a creare le cosiddette famiglie olfattive.
Chiuder la conferenza Stefano Manfredini, Presidente della Scuola di Farmacia e prodotti della salute e
Codirettore di COSMAST Master in Scienza e Tecnologia Cosmetiche di Unife . Illustrer come a partire dagli
antichi metodi di estrazione delle essenze profumate spiega Manfredini si sia giunti alla comprensione dei
meccanismi alla base del riconoscimento olfattivo delle molecole odorose. Queste acquisizioni hanno consentito
nel secolo scorso lo sviluppo di una chimica per lottenimento di nuove sostanze, che sono entrate, prima nella
storia del profumo, e poi nel quotidiano con lo sviluppo della pubblicit olfattiva e degli apparati iSmell
(Angewandte Chemie 2011, 50 (30): 67716775).
E a seguire, una esibizione avvincente e originale: Il veleno della bellezza, la conferenza-spettacolo della
Compagnia Teatroscienza, con Alex Gezzi, Elena Pavoni ed Eugenio Squarcia. La tematica della performance
spiegano i protagonisti ha come filo conduttore la bellezza, che verr affrontata con le pi imprevedibili

23

connessioni, che, grazie al un gioco di legami colti, collegamenti con il passato e notabili citazioni, porteranno poi
ad avvolgere ogni cosa, attraverso antropologia, letteratura, mitologia, arte, musica e poesia.
Nel corso di tutta la mattinata, rester allestita una postazione olfattiva, organizzata da COSMAST, che metter a
disposizione dei partecipanti una esperienza olfattiva: una fragranza da vaporizzare basata su Iris (genere
floreale, il cui nome deriva dalla parola greca iridos, con la quale ci si riferiva allarcobaleno e alla messaggera degli
Dei), con diffusori per disperdere la fragranza nellambiente e una crema da provare a base Iris, prodotta dalle
ricerche di Ambrosialab.
Nel pomeriggio, con inizio alle ore 15.30, Paola Desantis accompagner il pubblico a scoprire nelle vetrine del
Museo le testimonianze dellimportanza che ebbero anche a Spina i profumi e la cosmesi. Accompagneranno la
visita con letture e recitativi le Giovani Etrusche di Spina del Gruppo Archeologico Ferrarese, che collabora
alliniziativa.
La manifestazione, ad accesso libero e gratuito, organizzata da Unife, Museo Archeologico Nazionale e Comune
di Ferrara.

24

Cronaca Comune del 04/02/2016 Presentazione del programma delle iniziative


per Darwin Day 2016

25

Alternativa sostenibile del 04/02/2016 Resiliente: Unagenda di governo per


ladattamneto climatico

26

Telestense.it del 04/02/2016 Imaging gastro-intestinale:ladulto e il bambino

27

Telestense.it del 04/02/2016 Pinnacoli Prospettiva corso Giovecca messi in


sicurezza a progetto Unife - Video

28

Controcampus.it del 04/02/2016 Carnevale Rinascimentale a Ferrara e storia


dei profumi
Carnevale Rinascimentale a Ferrara e storia dei profumi
Emozioni olfattive, percorsi sensoriali e bellezza, appuntamento il 7 febbraio al Museo
Archeologico nellambito del Carnevale Rinascimentale a Ferrara.

Carnevale Rinascimentale a Ferrara


Una giornata di vera emotivit culturale, interamente dedicata alla storia dei profumi, alle note
affascinanti del mondo delle essenze e alla ricerca della bellezza, quella in programma domenica 7
febbraio, nel Salone delle Carte Geografiche del Museo Archeologico Nazionale (via XX Settembre,
122), con un doppio appuntamento nellambito della V edizione del Carnevale Rinascimentale a
Ferrara.
Liniziativa si aprir alle ore 10 con la conferenza dal titolo Il profumo nel mondo antico, allepoca
di Isabella dEste e nel XXI secolo, dove a sviluppare la tematica saranno qualificati specialisti del
contesto storico e scientifico cittadino.
Paola Desantis, Direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, affronter il tema del
profumo nel mondo antico, con particolare riferimento alla realt di Spina. Spiega Desantis:
Aryballoi, alabastra e lekythoi sono i nomi greci dei preziosi contenitori in ceramica, alabastro o
pasta vitrea, rinvenuti in grande quantit a Spina, che attestano la diffusione anche in questa citt
delle preziose essenze aromatiche in essi contenute. Sulle rotte del commercio ateniese giunsero
a Spina, testa di ponte dei commerci etruschi in Adriatico, sia per gli usi della vita che per i riti della
morte. Oggetti spesso di vera bellezza, consentono di leggere la consuetudine del profumo nella
citt in chiave simbolica, sociale e culturale, ma certamente anche nei suoi risvolti di natura
economica.
Seguir lintervento di Francesco Scafuri, Responsabile dellUfficio Ricerche Storiche del Comune
di Ferrara, con unillustrazione riguardante i profumi in epoca rinascimentale. Afferma Scafuri: Sar
29

loccasione per ricordare come tra le corti italiane e in particolare presso di quella estense, la
passione e luso per i profumi fossero intensissimi. Diedero un impulso allarte profumiera e alla
cosmesi alcune grandi donne del Rinascimento, tra cui Caterina Sforza e Caterina de Medici, ma
soprattutto Isabella dEste, figlia di Ercole I dEste e di Eleonora dAragona, nonch marchesa di
Mantova, che nella citt lombarda frequentava un suo rinomato laboratorio di profumeria,
componendo lei stessa le preziose essenze.
Sar poi la volta di Silvia Vertuani, Ricercatrice del Dipartimento di Scienze della vita e biotecnologie
dellUniversit degli Studi di Ferrara Sezione di farmaco e prodotti della salute e fondatrice,
assieme a Stefano Manfredini, dello spin off universitario Ambrosialab, che ci offre unanticipazione:
A partire da cenni di antropologia dellodore e del funzionamento dellorgano di senso dellolfatto,
cercher di condurre il pubblico ad una pi chiara comprensione degli ingredienti chimici che
compongono un profumo, riconoscendo le principali note che abitualmente gli essenzieri creano per
i vari accordi, che poi andranno a creare le cosiddette famiglie olfattive.
Chiuder la conferenza Stefano Manfredini, Presidente della Scuola di Farmacia e prodotti della
salute e Codirettore di COSMAST Master in Scienza e Tecnologia Cosmetiche di Unife . Illustrer
come a partire dagli antichi metodi di estrazione delle essenze profumate spiega Manfredini si
sia giunti alla comprensione dei meccanismi alla base del riconoscimento olfattivo delle molecole
odorose. Queste acquisizioni hanno consentito nel secolo scorso lo sviluppo di una chimica per
lottenimento di nuove sostanze, che sono entrate, prima nella storia del profumo, e poi nel
quotidiano con lo sviluppo della pubblicit olfattiva e degli apparati iSmell (Angewandte Chemie
2011, 50 (30): 67716775).
E a seguire, una esibizione avvincente e originale: Il veleno della bellezza, la conferenzaspettacolo della Compagnia Teatroscienza, con Alex Gezzi, Elena Pavoni ed Eugenio Squarcia. La
tematica della performance spiegano i protagonisti ha come filo conduttore la bellezza, che verr
affrontata con le pi imprevedibili connessioni, che, grazie al un gioco di legami colti, collegamenti
con il passato e notabili citazioni, porteranno poi ad avvolgere ogni cosa, attraverso antropologia,
letteratura, mitologia, arte, musica e poesia.
Nel corso di tutta la mattinata, rester allestita una postazione olfattiva, organizzata da COSMAST,
che metter a disposizione dei partecipanti una esperienza olfattiva: una fragranza da vaporizzare
basata su Iris (genere floreale, il cui nome deriva dalla parola greca iridos, con la quale ci si riferiva
allarcobaleno e alla messaggera degli Dei), con diffusori per disperdere la fragranza nellambiente
e una crema da provare a base Iris, prodotta dalle ricerche di Ambrosialab.
Nel pomeriggio, con inizio alle ore 15.30, Paola Desantis accompagner il pubblico a scoprire nelle
vetrine del Museo le testimonianze dellimportanza che ebbero anche a Spina i profumi e la cosmesi.
Accompagneranno la visita con letture e recitativi le Giovani Etrusche di Spina del Gruppo
Archeologico Ferrarese, che collabora alliniziativa.
La manifestazione, ad accesso libero e gratuito, organizzata da Unife, Museo Archeologico
Nazionale e Comune di Ferrara

30

Controcampus.it del 04/02/2016 Ambiente: a Modena un convegno sulla


Rigenerazione Urbana

Ambiente: a Modena un convegno sulla Rigenerazione Urbana


La rigenerazione urbana un tema di grande
rilievo non solo nella pratica urbanistica
abato 13 febbraio 2016 si terr a Modena, nella Sala
Eventi del Tecnopolo dellUniversit degli Studi di
Modena e Reggio Emilia, in Via Vivarelli 25, un
Convegno sul tema della Rigenerazione Urbana.

La rigenerazione urbana un tema di grande rilievo


non solo nella pratica urbanistica, ma, pi in generale,
per gli interventi di natura culturale, sociale,
economica, ambientale, architettonica e strutturale
finalizzati ad un incremento della qualit della vita
nelle aree soggette a trasformazione.

La rigenerazione urbana un processo articolato, che passa attraverso attivit finalizzate alla messa in sicurezza e
rigenerazione del patrimonio edilizio (soprattutto nelle zone caratterizzate da significativo rischio sismico e/o idrogeologico),
alla riduzione del consumo del suolo e degli sprechi energetici e idrici, alla rivalutazione degli spazi pubblici e del verde
urbano, alla razionalizzazione della mobilit urbana e del ciclo dei rifiuti.

Questa visione comprensiva ed integrata della rigenerazione urbana, non usuale nei convegni sul tema, ha guidato la
Commissione Ambiente del Distretto 2072 del Rotary, assieme allENEA ed allUniversit di Modena e Reggio Emilia,
nellorganizzazione di questo incontro, caratterizzato da un approccio olistico e rivolto ad un pubblico non esperto.

Il convegno, coorganizzato con lOrdine degli Architetti della Provincia di Modena (con la concessione di crediti formativi
professionali), ha gi il patrocinio dellassociazione nazionale GLIS (GLIS Isolamento ed altre Strategie di Progettazione
Antisismica), dellOrdine degli Architetti della Provincia di Bologna, degli Ordini degli Ingegneri delle Provincie di Bologna
e Modena, e della Sezione Territoriale dellEuropa Occidentale dellAnti-Seismic Systems International Society (ASSISi),
dellAlma Mater Studiorum Universit di Bologna e dellUniversit degli Studi di Ferrara, ha gi avuto limportante
contributo di BBOX Sistema di Monitoraggio Sismico e di AeC COSTRUZIONI srl.

I lavori inizieranno alle 9:00 e termineranno alle 13:15. Dopo gli indirizzi di saluto, portati da Paolo Pasini, Governatore del
Distretto 2072, da Angelo Andrisano, Magnifico Rettore dellUniversit di Modena e Reggio Emilia (che socio del Rotary),
e, se presenti, da altre Autorit, e dopo unintroduzione di Alessandro Martelli, membro della Commissione Ambiente del
Distretto e socio del Rotary Club Bologna Est (nonch Presidente dellassociazione GLIS e Vicepresidente dellASSISi), il
programma si articoler in due sessioni, che annoverano alcuni soci del Rotary fra i loro presidenti ed i relatori.

31

La prima sessione sar presieduta da Vincenzo Mallardo del Dipartimento di Architettura dellUniversit degli Studi di Ferrara
e da Angelo Marcello Tarantino del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari dellUniversit degli Studi di Modena e Reggio
Emilia. Essa prevede relazioni di Loris Vincenzi del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari dellUniversit degli Studi di
Modena e Reggio Emilia (Aspetti di sicurezza strutturale), di Gianluigi Cimino del 6 Reparto Infrastrutture dellEsercito
di Bologna, gi Presidente del Rotaract Club Bologna Est (Moderne tecnologie antisismiche), di Filippo Boschi del
Dipartimento di Architettura dellUniversit degli Studi di Ferrara (Rigenerazione urbana e patrimonio culturale) e di Elena
Candigliota del Centro Ricerche ENEA di Bologna (Tecniche geomatiche innovative per lanalisi urbana e la salvaguardia
del patrimonio culturale ).

La seconda sessione sar presieduta da Fabio Fava del Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali
dellAlma Mater Studiorum Universit di Bologna (anchegli membro della Commissione Ambiente del Distretto) e da
Massimo Forni del Centro Ricerche ENEA di Bologna. Essa prevede relazioni di un rappresentante dellENEL sugli aspetti
energetici, di Luciano Morselli e Fabrizio Passarini del Dipartimento di Chimica Industriale Toso Montanari dellAlma
Mater Studiorum Universit di Bologna (La gestione sostenibile dei rifiuti) e del Prof. Giorgio Prosdocimi Gianquinto
del Dipartimento di Scienze Agrarie della stessa universit (Orti urbani e reti ecologiche), alle quali seguir la discussione
generale.

Le conclusioni saranno tratte da Rino Ghelfi del Dipartimento di Scienze Agrarie dellAlma Mater Studiorum Universit di
Bologna, presidente della Commissione Ambiente del Distretto.

32