Sei sulla pagina 1di 3

la prima guerra mondiale

la prima guerra mondiale


la rivoluzione russa
il ventennio fascista La prima Guerra Mondiale
le cause
l'occasione del conflitto
gli schieramenti
l'intervento italiano
il 1915
il 1916
il 1917
il 1918
il 1919: pace di Versailles
le conseguenze della Prima Guerra Mondiale
le cause:
l'ostilit tra Germania e Francia: lo spirito francese di revanche
per la perdita dell'Alsazia e Lorena dopo la guerra
franco-prussiana del 1870; le ambizioni tedesche in Africa, dopo
che la Francia si accaparrata il Marocco e l'occidente africano,
e l'Inghilterra si estesa ad oriente
l'ostilit tra Germania e Inghilterra sia nel campo economico,
soprattutto con gli investimenti all'estero, sia in quello
politico-militare, con la costruzione di una grande flotta
la tensione fra Austria e Serbia per l'annessione della
Bosnia-Erzegovina all'Austria-Ungheria che contrastava con il
progetto serbo di unificare tutti i territori popolati da
serbo-croati
l'antagonismo fra Austria e Russia per il controllo dei Balcani

la guerra fra Bulgaria e Serbia che porta ad un notevole


ingrandimento territoriale della Serbia
la tensione fra Italia e Austria per il mancato compenso
territoriale nei Balcani promessole dalla Triplice Alleanza
la debolezza della Turchia che si lascia strappare la Libia
dall'Italia e i territori europei dalla Bulgaria e concede alla
Germania una crescente influenza economica e politica (costruzione
della ferrovia di Baghdad)
la tensione fra Russia e Turchia per l'assistenza militare tedesca
alla Turchia che le impediva l'accesso al Mediterraneo
la corsa al riarmo in Germania, Russia, Francia
Tutti questi avvenimenti scuotono l'equilibrio europeo costruito da
Bismarck nel Congresso di Berlino del 1878
l'occasione del conflitto: l'assassinio a Sarajevo
dell'arciduca Francesco Ferdinando e della moglie
la Germania si schiera con l'Austria, la Russia con la Serbia

gli schieramenti: Alleanza: Austria, Germania, Turchia,


Bulgaria
Intesa: Serbia, Russia, Francia, Inghilterra

l'intervento italiano: l'Italia rimane subito neutrale e si divide


in due schieramenti: interventisti: liberali di destra,
nazionalisti, repubblicani, social-riformisti, sindacalisti
rivoluzionari, i socialisti di Mussolini
neutralisti: i seguaci di Giolitti, i cattolici, i socialisti
interviene solo nel maggio 1915, dopo il Patto di Londra con
cui si schiera a fianco dell'Intesa

il 1915: il ministro Salandra dichiara guerra all'Austria il


24 maggio
Cadorna combatte la prima battaglia sull'Isonzo
un sottomarino tedesco affonda a tradimento il piroscafo
inglese Lusitania in viaggio da New York a Liverpool: muoiono
mille passeggeri

il 1916: battaglia di Asiago: l'esercito italiano resiste e


fallisce la spedizione punitiva dell'Austria versi l'Italia
Cesare Battisti impiccato a Trento
l'Italia conquista Gorizia