Sei sulla pagina 1di 1

ARTE IN RIVIERA

Il Museo Comunale di Praia a Mare


di Carlo Andreoli
Una bella realt e innovativa, nel campo delle arti del Tirreno Cosentino, mi pare possa dirsi il
Museo Comunale di Praia a Mare. Che, collocato nelledificio che fu un tempo delle scuole
elementari, risulta essere oggi una delle punte deccellenza della raccolta darte moderna in
Calabria.
Nato, infatti, nel 1994, il museo s arricchito nel tempo di sezioni che comprendono, tra laltro, una
collezione archeologica, frutto degli scavi eseguiti a Torre Nava e nella Grotta della Madonna di
Praia, ed una raccolta preziosa di ceramiche ed intarsi darte. E savvale duna serie di servizi, che
contempla biblioteca, videoteca, sala multimediale e polivalente, che ne fa luogo deputato di studi,
incontri ed audizioni musicali.
Ma il pregio singolare di questimpresa culturale risiede senza dubbio nella ricca collezione dopere
darte che, per variet di stili e despressione, fonda un tramite esclusivo e originale delle ultime
tendenze nazionali ed europee. Ed il miracolo duna tale raccolta, che annoda insieme esempi di
maestri europei ad altri di rinomanza nazionale, per finire a tanti artisti calabresi che offrono spunti
di sorprendente qualit, dovuto alla donazione di lavori che ha permesso la graduale formazione
dun patrimonio di circa trecento opere: tra dipinti, sculture, installazioni ed objets dart. Segno
certo della generosit di tanti artisti ma riconoscimento pure della seriet dintenti delliniziativa
museale; che, istituita in origine da Salvatore Pepe con esatta competenza, prosegue oggi
nellimpegno della Cooperativa Mondocultura Athena; la quale cura la gestione del museo con
lallestimento di mostre, conferenze ed altri eventi che ne rimarcano ognora il valore di promotore
di cultura.
Cos girando nelle sale luminose del museo, si pu cogliere un saggio originale delle principali
correnti darte moderna e contemporanea: dallinformale allastrattismo, dallarte spaziale a quella
concettuale, dal nuovo realismo allarte bruta e concreta. Ed incontrare, quindi, opere dartisti
europei, come lirlandese Peter Behan, il finlandese Tuomo Klemi e la tedesca Gisela Robert; a
fianco a quelle dartisti italiani gi affermati, come Franco Giuli, Achille Pace, Aldo Turchiaro ed
Ernesto Treccani; cui seguono, in buon ordine, i calabresi Francom, Giulio Telarico, Salvatore
Dominelli, e Mario Parentela: solo per citare alcuni esempi.
La pinacoteca dispone, poi, dalcune collezioni speciali: come la fitta serie di Cartoline dartista, in
cui spiccano soprattutto lavori di poesia visiva e di pop-art; ed una Mostra permanente dArte Sacra
che reinterpreta in chiave attuale liconografia mariana. E se si d uno sguardo al calendario degli
eventi svolti fino ad oggi, si potr notare come il Museo di Praia a Mare sia stato, in quindici anni,
mediatore di proposte culturali che, svecchiando ogni sorta di provincialismo localistico, hanno
alzato il clima generale del consumo delle arti.
Insomma, un centro attivo di proposte generose che merita dessere frequentato e conosciuto; per
intendere come larte non si fermi sulla tela ma voli fuori delle mura del museo; per plasmare la
coscienza di chi ha la ventura daccostarla con un suggerimento dolce ma indelebile.