Sei sulla pagina 1di 12

ImmersionePunk

Progetto di ricerca sulla cultura punk in Italia

Di
Cristina Pasquale
Corso: Estetica dei New Media
Docente: Anselm Jappe

Accademia di belle Arti


Frosinone
2010/2011

Ho sempre pensato che un punk fosse uno che lo prendeva in culo


William Burroughs

Siamo in Italia nella tarda met degli anni 70, in un contesto politico di agitazione e
nel pieno boom economico. Il punk si diffonde seguendo la scia del pensiero nichilista ed anarchico del NO FUTURE portato avanti in primis dalla band Inglese Sex
Pistols.
Le prime tracce si possono trovare principalmente nelle periferie e sobborghi delle
grandi citt come Bologna, Torino, Roma e Milano per diffondersi in seguito anche
nel resto della penisola.
Il punk nasce non soltanto dalle rovine di ci che lha preceduto ma anche da un
fermento, di un nuovo processo di opposizione, la voglia di dire no, di non accettare
lomologazione dominante, il conformismo dilagante, il futuro rassicurante. Il punk
una forma pura di contestazione che si fonda su un forte spirito di annientamento
che porta i punks a non credere in nulla.
Working class, middle class is the same lot of shit.
Marx suck, Buddha sucks, Jesus fucks
Il punk non soltanto qualcosa di concettuale ma una vera e propria performance
collettiva di body art. Capelli colorati alla moicana, tatuaggi e piercing, abiti squarciati pieni di spille e toppe, tutto per rappresentare un rifiuto verso la societ che li
vuole tutti uguali e massificati.
Le prime forme di espressione-aggregazione si hanno grazie alla nascita di gruppi
musicali, da qui la scelta di utilizzare lidioma italico per una maggiore comprensione dei testi. Non c nessuna ricercatezza a livello tecnico, tutto incentrato sul
messaggio. Da molti critici musicali e mass media considerato soltanto rumore e
quindi denigrato, per questi motivi risulta difficile la divulgazione al di fuori dei suoi
circuiti.
Il concetto musicale del punk che ognuno pu mettere su una band senza saper
suonare, concetto in precedenza adottato nellesperienza artistica dadaista e dei
ready-made. I vinili, le musicassette sono registrate in maniera grezza, senza particolari accorgimenti acustici e soprattutto tutto viene autoprodotto. Si organizzano
concerti, uno dei modo di aggregazione-scambi pi consueti, ed proprio in queste
occasioni che i ragazzi si lasciano andare per esprimere la rabbia accumulata nel
quotidiano. I punks non restano immobili ad ascoltare, ma pogano sotto il palco. Il
pogo una sorta di danza collettiva durante la quale i partecipanti saltano, corrono, si spingono e si prendono a spallate a vicenda. Questo sfogo collettivo scatena
la folla e crea una sorta di liberazione, un modo per scaricare tensione, supportare
il gruppo, esprimersi.
Il punk il primo movimento che adotta lo stile del DO IT YOURSELF ossia: il fai
da te, applicato in quasi tutti i campi.
Gruppi e trib di punks vivono in case occupate, creano le loro etichette, tengono in
piedi un circuito interno di diffusione dei materiali autoprodotti, hanno un economia
auto gestita che, seppur piccola, funziona perfettamente.

ITALIA PUNK
Introduzione
L Italia si distingue dalle altre realt europee e doltreoceano per una forma concreta
di attivismo che agisce in diversi campi. Si formano collettivi-culturali e di azione nei
quali si discute di varie argomentazioni quali: politica, anti-militarismo, sfruttamento
degli animali ( e di conseguenza la diffusione del pensiero vegano/vegetariano), problematiche contro lomofobia, disagi provenienti dalle condizioni precarie dei carceri
italiani e dei diritti umani (pena capitale e tortura).
C.S.O.A.
I Centri Sociali Occupati Autogestiti sono una delle prime realt nel circuito punk.
Spazi solitamente abbandonati ed in disuso come: fabbriche, capannoni, vecchi
garage, scantinati ma anche appartamenti e ville disabitate in condizioni fatiscenti,
spesso si trovano ai margini della citt oppure in quartieri malfamati; nonostante tutto, vengono prima occupati abusivamente e successivamente abitati e trasformati
in luoghi daggregazione culturale e sociale, cos da divenire spazi comuni di cui
chiunque ne pu far parte, partecipando attivamente alla vita interna e organizzativa.
Tra le attivit svolte troviamo: dibattiti, contro-informazione, concerti e sale prove,
mostre, teatro, cineforum, cene e palestre sociali, disponibilit di alloggiare, laboratori artigianali, stampa.
Un punto di riferimento per il punk italiano negli anni 80 il Virus di Milano, una villetta occupata di via Correggio 18.
VIRUS ESPANSIONE DI AZIONI IMMAGINI E RUMORI
-Virus uno spazio autogestito da un gruppo di giovani nellarea occupata di Via
Correggio 18 a Milano
-Virus un progetto di sviluppo di cultura autonoma autogestita senza fini di lucro
-Virus partecipazione lo spazio di tutti coloro che partecipano al progetto
inoltre aperto a situazioni esterne operanti con lo stesso fine
-Virus attivit
-Virus negazione di droghe
-Virus adesso a Milano perch c noia e ci vengono negati tutti gli spazi nostro
intento crearne altri
-Virus non si chiude in se stesso ma opera/organizza anche allesterno secondo
fatti/situazioni attuali
-Virus un grosso punto di incontro per tutti i gruppi che vorranno suonare o fare
attivit - la riunione al marted sera
-Virus come spazio frutto di dure lotte contro i padroni come struttura frutto della
lotta contro la mancanza di soldi
-Virus non commercio o commerciabile per questo gli spettacoli saranno qualitativamente pi veri o reali opi scarsi (secondo i punti di vista) comunque il prezzo
del biglietto certamente pi basso
Firmato
Collettivo punx anarchici - PUNK ATTIVI VIRUSIANI 1997

Da citare anche lesperienza della Calusca la libreria di Primo Moroni che permise
ai punk di autogestire una saletta interna per vendere i loro materiali al di fuori del
mercato culturale.
Il Virus di Via Correggio 18, cessa la sua esistenza il 15 maggio 1984 a causa dellincontro tra gli interessi economici del proprietario degli stabili e della volont politica
dellamministrazione comunale nel voler eliminare una realt scomoda (come nel
caso delle occupazioni del teatro Miele e del teatro di Porta Romana in occasione
del congresso di sociologia sulle bande giovanili metropolitane). Il Virus viene in
seguito riaperto in uno stabile in Viale Piave 9, sempre a Milano, fino al crollo del
tetto nellagosto 1985, ed in seguito, il 12 ottobre 1985 viene occupato un edificio
comunale in Piazza Bonomelli 3, un ex lavatoio pubblico, dove si volgeranno ancora
concerti ed iniziative per poco pi di un anno.
Una realt ancora attiva quella del Forte Prenestino a Roma, anchesso reduce
dalloccupazione avvenuta a met degli anni 80 nel quartiere di Centocelle. Un exforte militare riadattato, completamente autogestito e autofinanziato attraverso le varie attivit interne, con una programmazione di contro-cultura e contro-informazione,
resta tuttoggi uno dei CSOA pi grandi dEuropa.
Contro-informazione
Con tale termine i collettivi punk vogliono proporre uninformazione diversa, non di
massa, questo perch secondo il loro pensiero i mass media (tv, giornali, radio) sono
manipolati dagli interessi economici e dalla classe politica dominante. I media sono
shoccati da questo pensiero nuovo e provocatorio, quindi tendono ad esagerare o
distorcere gli avvenimenti che ruotano intorno a questi giovani. Forse uno dei fattori
decisivi rappresentato dal look trasgressivo che poco si amalgama con quello che
la moda dellepoca impone, ma soprattutto hanno timore del senso di fratellanza e di
collaborazione che si venuto a creare tra questi ragazzi disadattati intenzionati a
capovolgere le regole sociali e il sistema.
Fanzine
In questi anni di fermento nasce la Virus Diffusione, un banchetto per la vendita di
dischi autoprodotti e punk-zine, proprio questultime sono state un importante strumento di divulgazione libera di idee; tra le principali sicuramente troviamo: TVOR
(teste vuote ossa rotte) e Punkaminazione.
La tecnica quella dei grandi maestri Picasso e Braque, ossia quella del collage,
vengono ritagliate immagini da riviste, libri, rielaborate, ricontestualizzate, aggiunti
testi, e il tutto viene assemblato, dapprima ciclostilato e successivamente fotocopiato.

[]Teste vuote_Per come ci giudicano gli altri, ovvero ragazzi sbandati vuoti, comunque gente incapace di avere proprio idee, suggestionati da un modo di vestire
ereditato da una MODA, dato che ogni cosa che fanno i giovani di diverso in Italia
viene definita fottutamente con questa SCHIFOSA PAROLA.
Ossa rotte_Per molteplici aspetti: perch se non te la rompe la polizia, quando per
farlo si attacca a stupidi pretesti, o i RISSOSI IRASCIBILI ODIOSISSII BRACCI-DIFERRO, ovvero di tamarri, forti solo perch tanti, bulli di provincia che vogliono dimostrare la loro superiorit muscolare con chi inferiore di numero soprattutto; se cio
le ossa non le rompiamo in scontri e risse, che per altro cerchiamo di evitare, ce le
roviniamo rovinandoci sotto i palchi.
TVOR per chi inavvertitamente colpito nella mischia del pogo, invece di incazzarsi
ci si ributta dentro incurante, per i gruppi che quando compongono la musica pensano prima allimpatto trascinante che deve avere sul pubblico e poi alla raffinatezza
musicale e che si rovinano oltre che sotto anche sopra ai palchi. A loro i pi veri
dedicata questa fanzine.
Tutte le foto che appaiono su TVOR sono state vilmente e schifosamente rubate nel
pi abietto dei modi ad altri giornali, libri, fanzine ecc. Con il valido aiuto di numerosi
loschi individui ai quali vi il nostro pi sentito ringraziamento. []
Punkaminazione unimportante fanzine punk degli anni 80 e pu essere considerata come unesperienza pionieristica di rete alternativa in Italia; nata per incarnare
la collaborazione nella forma pi diretta, viene prodotta ogni qualvolta ognuno dei
collaboratori/editori ritiene che il momento sia opportuno per far conoscere le proprie
situazioni, azioni e movimenti.
Band
Tra i gruppi italiani pi importanti possiamo citare i Bloody Riot di Roma (lacronimo
BR scritto in rosso con cui si firmavano era ripreso delle Brigate Rosse), per essere
stata la prima band ad auto prodursi un 45 giri in Italia (allestero questa tecnica era
gi stata utilizzata); i Wretched da Milano per il loro modo selvaggio di suonare dal
vivo e per il loro pensiero pacifista e totalmente anti-militarista. Da Ferrara troviamo gli
Impact, da Pisa i CCM, i 5th Braccio di Torino per i loro testi che affrontano tematiche
sulloccupazione e sulla vita difficile nei carceri, assieme ai Nerorgasmo, ai Declino,
i Blue Vomit sono le colonne portanti della scena torinese assieme ai Negazione,
questi ultimi propongono un nuovo modo di scrivere i testi delle canzoni che risultano
essere pi introspettivi e tristemente poetici rispetto allo standard dei gruppi punk.
Nel sud dellItalia le realt difficili dal punto di vista aggregativo ed i forti pregiudizi
che aleggiano specialmente nelle province non permettono la formazione di molti
collettivi e bands. Nonostante tutto si possono ricordare i Contro Potere da Napoli,
gruppo inusuale per molteplici motivi tra cui la presenza della voce femminile, luso
del dialetto nel cantato e le performance teatrali che accompagnano i loro concerti.
Nonostante lostinazione a cantare in italiano alcune di queste bands riescono a
esportare la loro musica nellunderground estero, riscuotendo anche un discreto
successo che vive ancora ai giorni nostri.
I gruppi citati sono solo unesigua parte del vasto panorama musicale creatosi a cavallo tra gli 80.

Azioni
Delle manifestazioni di grosso impatto a cui i punx virusiani parteciparono due
spiccano in modo particolare: la mobilitazione contro linstallazione di missili statunitensi presso la base militare di Comiso nellestate del 1983, a cui partecipano realt
alternative da tutta Europa, e il Chaos Tag, mobilitazione sostenuta da migliaia di
punk europei contro la manifestazione organizzata da nazi skin presso Hannover il 2
agosto 1984.

Arte
Gianluca Lerici, Prof. Bad Trip, stato uno dei migliori artisti sperimentali italiani.
Si cimentato ad alto livello con il disegno a china, la pittura, il fumetto, la fotocopia,
il collage, e ha diffuso i suoi segni su qualsiasi tipo di supporto: cartoncino, gesso,
plastica, metallo, legno, giubbotti e borse di pelle, muri, televisioni, frigoriferi e molto
altro ancora.
Ha avuto a che fare col punk e le fanzine, la mail-art, i fumettisti radicali americani
(Crumb, Coleman, Williams), le allucinazioni creative, la cybercultura.
I suoi distopici soggetti, ispirati da W.S. Burroughs e J.G. Ballard, sono freak futuribili, ex umani, forze del disordine, scenari e panorami di una Terra mutata e dai colori
lisergici.
Gran parte della sua produzione si concentrata sulla pittura acrilica su tela con
bombe cromatiche a effetto tridimensionale. morto nel novembre 2006, allet di
43 anni.

Testi fondamentali
Bloody riot
No Eroina
Perche continui con leroina
che non ti fa reagire
perche continui a bucarti
e non riesci piu a vedere
che ce unago nelle tue vene
unago sporco di sangue
ce stanchezza nella tua mente
stanchezza e pesantezza
hai perso la tua voglia di essere
la tua voglia di lottare
la tua vita e come un incubo
un incubo senza fine
Perche continui con leroina
che non ti fa reagire
perche continui a bucarti
e non riesci piu a vedere
No Eroina
No Eroina e la tua rovina

Naja De Merda
Non voglio fare il militare
chi lo ha detto che e un dovere
io non voglio crepare
per lo stato
Voi rubate sulla vita
dei ragazzi della strada
perche siete tutti dei
bastardi
Non ho rubato non ho ammazzato
dodici mesi mi hanno dato
Naja de merda naja de merda
naja de merda naja de merda
Il servizio militare
e una truffa regolare
sempre contro chi non vuole
obbedire
Liberta di decisione
qui bisogna cambiare
perche la mia vita
mi appartiene
Non ho rubato non ho ammazzato
dodici mesi mi hanno dato
Naja de merda naja de merda...

Wretched
In nome del loro potere tutto stato fatto
In nome del loro potere tutto stato fatto per distruggere il mondo dove tu vivi
In nome del loro potere ti hanno imposto regole per usare la tua vita nelle loro sporche guerre
In nome del loro potere tutto stato fatto per distruggere il mondo dove tu vivi
In nome del loro potere ti hanno tolto ogni speranza
In nome del loro potere ti hanno tolto ogni futuro
In nome del loro potere la fine vicina
Non c pi nessun futuro per te solo la morte
solo la morte morte morte!
__________________
Spero venga la guerra
Spero venga la guerra con i suoi orrori e le sue stragi
Solo allora capirai che potevi far qualcosa
Parlano di benessere di pensare al tuo futuro
Ma sarai soltanto tu a pagare i loro errori
Spero venga la guerra con i suoi orrori e le sue stragi
Solo allora capirai che potevi far qualcosa
Per colpa di bastardi viviamo per morire
e tu sei come loro incapace di pensare
__________________
Impact
Solo Odio
Quale significato posso dare alla mia vita?
Quale posto posso occupare in questo mondo?
Circondato da cio che mi e ostile
nel deserto dele vostre citta
Non posso chiamare questa vita agonia
e non mi basta pensare che forse cambiera
Non contate su di me per i vostri sporchi affari
Non sono cosi cieco da credere che questa e la liberta
Alla vostra societa preferisco la solitudine
Ho solo odio per voi e voi lavete voluto
Per voi tutto il mio odio

Indigesti
Mass Media
Immagini schermo visione di progresso
immagini schermo riflessi di regresso
mass media mass media mass media mass media
potere negativo
mass media mass media mass media mass media
verita nascoste da frasi a doppie vie
realta imposte dalle loro ipocrisie,mass media
potere dillusione per indurti a non pensare
potere dillusione per constringerti ad accettare
mass media
Sguardo Realta
Sguardo Realta
polvere di odio sotto nella strada
vetri senza vita,realta sbagliata
aspetti una pulsione una causa derivata
per distruggere un mito
realta sbagliata
il solco e ancora acceso la vena deviata
soltanto parodia
realta sbagliata
la visione nello specchio non e cambiata
e lombra delle ombre
realta sbagliata

Nerorgasmo
Distruttore
Cultura educazione morale religione
Nella mia testa non ci sono piu
La mia vita non e piena di quelle stronzate
Che insegnano ogni giorno alla TV
Io non sento piu ragioni
Me ne frego di parlarne
Odio tutti voi e quelli come voi
Non saranno i contentini a placare la mia rabbia
Non saranno i soldi a farmi stare bene in gabbia
Cantanti attori e divi mi fanno vomitare
Piscio sopra i vostra eroi
Io rido quando dite che cazzo devo fare
Che cosa devo essere per voi
Io non sento piu ragioni
Me ne frego di parlarne
Odio tutti voi e quelli come voi
Marcirei tranquillo dopo lultima battaglia
Se i vermi brulicanti mangiassero anche voi
Io non sento piu ragioni
Me ne frego di parlarne
Odio tutti voi e quelli come voi
Non pensiate che io scherzi se non e gia successo prima
Chiamate il 113 che lora e gia vicina
E ora
Declino
Vittime
Nemmeno una lacrima sprecata oggi
con la paura che sia gia abitudine
vittimismo di comodo e non veritiero
Solo unaltra recita in favore dei potenti
solo unaltra fuga da ogni confronto
lame spezzate in appoggio della falsa pace
Ancora giu chino e calpestato
Ancora silenzi e parole chiuse in bocca
consapevoli che il domani non sara migliore
se ancora vittime, ancora sottomessi

Blue vomit
Mai Capirai
Esco dalle mura e non ce mai un cazzo da fare
Strade sorde e mute felicita che non puoi sperare
Lodio sta imperando odio per tutte la gente
Pupille dilatate io vi odio piu profondamente
Mai mai mai capirai
Cosa penso e cosa faccio
Mai mai mai capirai
Perche ho i tagli sopra un braccio
Non voglio piu giustificarmi per tutto quello che io prendo
Non ho motivi da spiegare a chi non capisce cosa sto facendo
Lame nella carne mi fanno forse stare bene
Lo faccio per me stesso non certo per chi mi sta insieme
Posso fare cio che voglio non voglio essere giudicato
Me ne frego delle critiche di chi crede di non essere malato
Mai mai mai capirai
Cosa penso e cosa faccio
Mai mai mai capirai
Perche ho i tagli sopra un braccio
Non voglio piu giustificarmi per le pastiglie che io prendo
Non ho motivi da spiegare a chi non capisce cosa sto facendo
Negazione
Tutti Pazzi
Nelle strade, nelle piazze, nei palazzi
i bambini, madri a casa, operai
tanti soldi, una casa, un lavoro
tutti pazzi, tutti pazzi, tutti pazzi!
Non e questa la mia vita,
tutto questo non fa per me
Una guerra, una morte, grande corsa
verso la morte
tutti felici, tutti contenti, state morendo
tutti pazzi, tutti pazzi, tutti morti.