Sei sulla pagina 1di 9

Universit

Calcio

Palazzolo Acreide
aderisce
al consorzio Cumi
A pagina sei

Un nuovo sponsor
per la maglia
del Siracusa
Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina quindici

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
www.libertasicilia.it
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
domenica 19 luglio 2015 Anno XXVIIi N. 168 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00

Editoriale. Ancora lunga la strada per listituzione del parco terrestre

Dopo il ciclone giudiziario

Istituenda riserva
Servono le idee

La citt
in difesa
dellInda

La politica favorisca progetti e iniziative ecocompatibili


ambiente

di Giuseppe Bianca

Fatta la riserva occorrono

Quella vittoria
di cittadini
e ambientalisti

le idee per gestirla. Ovviamente, largomento di


maggiore interesse di questi giorni la firma apposta
dallassessore regionale
allAmbiente, Croce, che di
fatto inserisce una buona
fetta del territorio siracusano, tra le riserve e i parchi
della Sicilia. Non siamo,
infatti, all istituzione della
Riserva Naturale Orientata.

il passo decisivo
che aspettavamo da tempo e che porter allistituzione della Riserva Naturale Orientata Capo
Murro di Porco e Penisola della Maddalena in
uno dei tratti di costa pi
belli della Sicilia. Questo sostengono Giusy
Mangano, presidente Legambiente Siracusa, e Paolo Tuttoilmondo, della
segreteria Legambiente
Sicilia a proposito della
firma apposta dallassessore Croce al documento
di inserimento della Penisola Maddalena.
A pagina due

A pagina tre

cronaca

sanit

Ai domiciliari Trasfusioni
rapinatore
accreditate
siracusano
allAsp 8
E stato ammesso al regi- Con
me di arresti domiciliari il
trentunenne autore di una
rapina.

lemanazione del
decreto di autorizzazione
ed accreditamento da parte dellAssessorato.

A pagina cinque

A pagina quattro

ambiente

Elemata
far
ricorso
La

societ Elemata, che


ha elaborato il progetto per
la realizzazione di un villaggio turistico nella zona
della Pillirina, non intende
rilasciare alcuna dichiarazione rispetto alla firma.

Siracusa rimane scioccata rispetto alle vicende


giudiziarie che stanno interessando in questi ultimi
tempi lIstituto nazionale del dramma antico. Le indagini sempre pi pressanti da parte della Procura.

A pagina tre

A pagina quattro

Futuredem presenta
la summer school
I

renziani siracusani
dal 24 al 26 luglio
hanno programmato
la Summer School.
Liniziativa di da
Futurdem vuole essere
scuola politica.
A pagina quattro

Cronaca di Siracusa 2
cronaca

Anziano
perde
la vita
in piscina

Sicilia 19 luglio 2015, domenica

Si era immerso nella piscina della

sua villetta in cerca di refrigerio.


Ma stato preda di un malore che
non lo ha fatto pi riemergere. Lepisodio avvenuto intorno alle ore
15 di oggi a Fontane Bianche. Lanziano di 75 anni siracusano, voleva
combattere la forte calura, immergendosi nella piscina. La vittima

19 luglio 2015, domenica

soffriva di problemi cardiovascolari


e una volta immerso, ha accusato un
malessere che non gli ha dato scampo. Inutile lintervento dei familiari e successivamente del sanitario
a bordo dellambulanza del 118,
oltre che degli agenti di una pattuglia delle Volanti della Questura di
Siracusa. Lanziano deceduto per

cause naturali.

il passo decisivo che aspettavamo da tempo e che


porter
allistituzione della Riserva
Naturale
Orientata
Capo Murro di Porco e Penisola della
Maddalena in uno
dei tratti di costa pi
belli della Sicilia.
Questo sostengono
Giusy Mangano, presidente Legambiente
Siracusa, e Paolo Tut-

toilmondo, della segreteria Legambiente


Sicilia a proposito
della firma apposta
dallassessore Croce
al documento di inserimento della Penisola Maddalena e Capo
Murro di Porco tra le
riserve di Sicilia.
un grande risultato per chi da anni
si batte per la tutela
dellambiente e del
paesaggio scritto

in un documento di
Legambiente Per
quellampio e ricco
movimento
riunito
sotto la sigla di SOS
Siracusa, a cui noi di
Legambiente siamo
felici e orgogliosi di
avere dato il nostro
contributo, che si
sempre battuto contro
laggressione edilizia di questo tratto
di costa siracusana
ancora miracolosa-

Scorcio della penisola Maddalena. Sotto, Fabio Morreale.

mente incontaminato.
Un movimento che,
facendo tesoro della
migliore esperienza
dellambientalismo
siracusano, attraverso
iniziative, petizioni,
manifestazioni, nel
corso di questi anni
ha saputo coinvolgere
settori sempre pi vasti dellopinione pubblica, associazioni,
personaggi della cultura, esponenti della

comunit scientifica e
soprattutto tanti, tantissimi cittadini e che
ha saputo dialogare
con quella parte del
mondo politico che si
mostrato sensibile,
portando, di volta in
volta, le istanze dei
movimenti nei luoghi istituzionali della
politica, da Palazzo
Vermexio allAssemblea Regionale Siciliana. La riserva della

Teniamoci stretto
il vincolo di assoluta
inedificabilit

il vincolo di
inedificabilit assoluta al Plemmirio non scadr pi. Questo il commento di Fabio Morreale di Natura
Sicula, che continua: la conseguenza della firma che lassessore
regionale al Territorio e Ambiente
Maurizio Croce ha messo sul decreto di variante al Piano regionale di Parchi e Riserve, nelle more
della istituzione della Riserva Naturale Orientata Capo Murro di
Porco/Penisola della Maddalena.
La notizia di ieri pomeriggio. La
firma arrivata un po inaspettata:
la crisi in cui caduto il governo
regionale e la scadenza del vincolo, prevista per il 29 luglio, ha

presumibilmente convinto Croce a


procedere in fretta. Nessun progetto
di villaggio turistico potr mai essere realizzato in quest'area. Cinque
anni di battaglie, fatiche, iniziative,
e innumerevoli energie raggiungono
il loro naturale epilogo. Questa vittoria il frutto di un lavoro di squadra
senza eguali nella storia dellambientalismo siracusano. Una squadra
fatta di associazioni, liberi cittadini,
personaggi pubblici ed esponenti
politici, riuniti sotto la nome di SOS
Siracusa, che con tutte le loro forze
si sono opposti al progetto di aggressione edilizia dellultima costa libera
aretusea.
Ieri sera i festeggiamento a Capo

cienza dei servizi di polizia municipale,


e tre atti di indirizzo: il primo a firma del
consigliere comunale Alberto Palestro
sui Criteri di esecuzione dei lavori su
strade e spazi comunali; il secondo dei
consiglieri Massimo Milazzo e Fabio
Rodante sulla Segnaletica; lultimo
del consigliere ed oggi anche assessore
comunale Alfredo Foti su Fontane
Bianche.

E adesso servono idee vincenti


per listituenda riserva terrestre

lintervento di fabio morreale

Da ieri, venerd,

oppia seduta del Consiglio comunale la prossima settimana.


Si comincia marted prossimo, alle ore 9.30, con il question time.
18 le interrogazioni presentate, a firma dei consiglieri Sorbello,
Castagnino, Vinci, Salvo, Milazzo, Rodante e Palestro.
Laltra seduta in programma per gioved 23 luglio, alle ore 18.30.
Tra i punti allordine del giorno il Piano di miglioramento delleffi-

Cronaca di Siracusa

editoriale. non basta avere ottenuto liscrizione ai parchi della Sicilia

legambiente sulla riserva maddalena

La vittoria
dei movimenti
ambientalisti
e dei cittadini

Marted question time


in Consiglio comunale

Sicilia 3

Murro di Porco. Loccasione offerta da una escursione crepuscolare dal


titolo Sulle tracce della Pillirina.
La fresca passeggiata a partecipazione gratuita e riguarda i luoghi del
Plemmirio in cui ambientata la leggenda della Pillirina, la preghiera
laica dedicata allamore, al rispetto
e al ricordo. Diffusa tra i marinai
siracusani, quelli che la notte alluciavano in silenzio perch usavano
i remi, la leggenda si rinnova nella
memoria tutte le volte che i marinai
raccontano di intravedere nelle notti
di luna piena, nei pressi della grotta
Pillirina, una bellissima fanciulla vestita di luce.
R.L.

Pillirina anche
questo, il frutto delle
battaglie di una intelligenza collettiva, un
patrimonio di idee,
valori, impegno civile sostenuto da donne e uomini che non
deve essere disperso.
La riserva una grande opportunit per la
nostra citt, non solo
perch ne arricchisce
il patrimonio naturalistico e culturale ma
anche perch speriamo dar loccasione a chi la amministra e a chi vi vuole
investire di imboccare con maggiore decisione la strada di uno
sviluppo economico
realmente sostenibile,
fondato sulla tutela
del patrimonio ambientale e paesaggistico.
Rimane ancora tanto
da fare - sostengono
i due esponenti del
movimento ambientalista siciliano e siracusano - la riserva
non ancora istituita
e lesperienza ci insegna che il completamento delliter pu
richiedere tempi burocratici anche molto
lunghi, per definirne
il regolamento, lorgano gestore e reperire le risorse economiche per il suo
funzionamento.

di Giuseppe Bianca

atta la riserva occorrono le


idee per gestirla. Ovviamente, largomento di maggiore
interesse di questi giorni la
firma apposta dallassessore
regionale allAmbiente, Croce, che di fatto inserisce una
buona fetta del territorio siracusano, tra le riserve e i parchi della Sicilia. Non siamo,
infatti, all istituzione della
Riserva Naturale Orientata
Capo Murro di Porco e
Penisola della Maddalena,
ma certamente si sono fatti
passi in avanti significativi
verso tale direzione.
A darne per primo la notizia
stato il sindaco Giancarlo
Garozzo, che, insieme con
lamministrazione comunale, ha difeso la variante di
bellezza, esitata nel 2011 dal
Consiglio comunale, e si
battuto perch si difendesse
il territorio istituendone una
riserva terrestre, che nei fatti
si aggiunge a quella marina
del Plemmirio.
In queste ore si levano grida
di giubilo per il passo effettuato a Palermo. Soprattutto
le associazioni ambientaliste
dimostrano la loro soddisfazione, perch sono quelle che
pi degli altri hanno preso
a cuore il problema della
salvaguardia di quella fetta
di territorio e di spiaggia,
dove per al momento vi
ben poco.
La societ Elemata (di
cui parliamo in altra parte
della pagina) ha avanzato
ricorso, il tredicesimo addirittura, avverso la decisione
dellassessore regionale.
E il naturale corso che in
questi casi prende corpo nel
contenzioso tra una societ
privata e lamministrazione
comunale e gli ambientalisti dallaltra. La societ ha
chiesto di essere ascoltata
idi fronte alla commissione

La spiaggia della Pillirina.

per illustrare le peculiarit


del progetto relativo alla
costruzione di un villaggio
turistico alla Pillirina. Cos
non stato e la stessa Elemata
Maddalena ha tutto il diritto

di adire le vie legali per


fare riconoscere le proprie
ragioni. Il quesito adesso
un altro: riuscir la politica
siracusana, una volta istituita
la riserva terrestre, non solo

ad attrezzarla ma anche a
creare sviluppo, occupazione
nel rispetto dellambiente
circostante?
E qui i dubbi rimangono
inalterati. Avere salvato il

territorio non significa averlo


del tutto tutelato. Il completamento delliter pu richiedere
tempi burocratici anche molto
lunghi, per definirne il regolamento, lorgano gestore e
reperire le risorse economiche
per il suo funzionamento. Non
v dubbio che, anche come
sostengono gli ambientalisti
siracusani, la riserva una
grande opportunit per la
nostra citt, non solo perch
ne arricchisce il patrimonio
naturalistico e culturale ma
anche perch potrebbe dare
loccasione a chi la amministra e a chi vi vuole investire
di imboccare con maggiore
decisione la strada di uno
sviluppo economico realmente sostenibile, fondato sulla
tutela del patrimonio ambientale e paesaggistico. Ma tutto
dipende dalla capacit della
classe dirigente di selezionare
le idee vincenti.

la societ contesta la scelta operata dallassessore croce

Elemata non commenta ma avanza


lennesimo ricorso in pochi mesi
La

societ Elemata, che ha elaborato il progetto per la realizzazione


di un villaggio turistico nella zona
della Pillirina, non intende rilasciare
alcuna dichiarazione rispetto alla firma apposta dallassessore regionale
allAmbiente, per listituzione della
riserva naturale alla penisola della
Maddalena e Capo Murro di Porco.
Ma ci non significa che i legali della
societ non stiano lavorando. Anzi,
hanno preannunciato il tredicesimo
ricorso sulla questione, il quarto nel
giro di un brevissimo lasso di tempo.
Elemata lamenta un singolare accanimento sulla vicenda, sostenendo che
nella concertazione non si sia tenuta
in considerazione anche una sola audizione da parte della societ per illustrare il progetto. Dal mese di aprile
scorso la societ ha chiesto di esse-

re sentita dalla quarta commissione


dellArs senza riuscirci. Richiesta
reiterata anche allindomani dellapprovazione della proposta di istituire la riserva, che sarebbe poi andata
alla firma dellassessore Croce. Lo
stesso assessorato ha sempre rinviato
laudizione al tavolo tecnico, istituito
circa un anno fa. Elemata ha scritto
una lettera al Ministro dellambiente e allo stesso assessore alla quale
ha allegato un parere del professore
Giuseppe Angelo Ronsisvalle relativa alla carenza di requisiti tecnici e
ambientali per listituzione della riserva nella perimetrazione indicata.
Insomma, sulla vicenda della Pillirina si andr avanti nelle aule giudiziarie senza considerare che sul Comune
di Siracusa continua ad aleggiare la
richiesta di maxi risarcimento.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 19 luglio 2015, domenica

finita nellocchio del ciclone delle inchieste giudiziarie

La citt
aretusea
in difesa
dellInda

Siracusa rimane scioccata rispetto alle vicende giudiziarie


che stanno interessando in questi ultimi tempi lIstituto nazionale del dramma antico.
Le indagini sempre pi pressanti da parte della Procura della
Repubblica di Siracusa, che riguardano la gestione dellInda,
soprattutto negli anni che vanno
dal 2005 al 2012 hanno aperto
uno spaccato imbarazzante che
divide in due la citt.
Tutti daccordo, per, con laffermare che la Giustizia debba
fare il suo corso e se vi siano
responsabilit penali, ognuno
dei diretti interessati debba risponderne in prima persona. Ma
si guarda anche allaltra faccia

In foto, la sede dellistituto Inda.

I rappresentanti dei commercianti:


In fretta lesito per chiarire ogni vicenda

della medaglia, quella di unistituzione che rischia di perdere il


suo prestigio. Nei cento anni di
attivit, lInda si ritagliata un
posto principale nella cultura
nazionale - spiega il presidente
di Confesercenti, Arturo Linguanti Leccessiva, quanto negativa esposizione mediatica per
fatti di natura giudiziaria non
giova allimmagine dellInda,
che, bene ricordarlo, rappresenta unimportante opportunit per il rilancio del turismo e
la sopravvivenza degli esercizi
commerciali e delle attivit turistiche della citt.

Alle preoccupazioni di Linguanti si associa anche il presidente


di Confcommercio, Sandro Romano: LInda la massima
espressione culturale della citt di Siracusa dice Capace
con le proprie attivit di creare
sviluppo nel territorio; durante
il periodo della rappresentazioni classiche, offre una boccata
dossigeno alle nostre imprese.
Non pu, quindi, essere messa in
discussione unistituzione centenaria cos come auspichiamo
che siano chiarite al pi presto le
vicende giudiziarie che in questo
momento attanagliano listituto,

sia nellinteresse degli indagati


sia della stessa istituzione. La
disamina di Romano si allarga
poi a un quadro prettamente politico: E assurdo dice che la
citt di Siracusa non esprima il
Sovrintendente dellInda mentre
ritengo corretto e salutare che la
politica faccia un passo indietro
nellinteresse esclusivo dellIstituto.
Le indagini faranno il suo corso, anzi, in alcune di esse siamo
alla fase della procedura penale
avanzata. Si vuole fare chiarezza e negli ambienti culturali e
non soltanto si chiede che questa
giunga in fretta proprio per dare
di nuovo lustro allistituzione.
R.L.

Dal 24 al 26 luglio appuntamento a siracusa su iniziativa dei renziani

I politici vanno a scuola in piena estate


Futuredem programma la summer school
I

renziani siracusani dal 24 al


26 luglio hanno programmato la
Summer School. Liniziativa
di Futurdem e vuole essere una
scuola politica dellassociazione si svolger nella roccaforte
siciliana di Davide Faraone e
dei renziani doc cominciare dal
sindaco Giancarlo Garozzo. La
terza edizione della scuola di
Futuredem testimonia la buona
salute di unassociazione che
conferma che c qualcosa di
vivo nello spazio politico e che
c ancora voglia di confrontarsi, fare comunit e formazione
politica: temi sui quali il Pd sta
un po latitando, spiega Giulio
Seminara, membro del direttivo
nazionale di Futuredem. Una tre
giorni autonoma, autorganizzata e autofinanziata, un evento
di portata nazionale che mira
a valorizzare la futura classe
dirigente dei democratici. Riteniamo che la formazione politica
sia fondamentale, parleremo
di temi di stringente attualit

In foto, il sindaco Garozzo e Davide Faraone.

come lenergia, immigrazione,


la questione ambientale e climatica ma anche di argomenti
regionali come mafia e retorica
dellantimafia. Un tema quello della mafia e dellantimafia
allordine del giorno affrontato
con una modalit che dice tanto.
Non abbiamo invitato icone e

starlet dellantimafia ma docenti


universitari. In particolare
Antonio Di Grado, direttore
scientifico fondazione Leonardo
Sciascia, perch siamo interessati
allanalisi sociale e culturale del
tema. Tanti i relatori che animeranno i dibattiti: il sottosegretario
allIstruzione, Davide Faraone, il

Sicilia 5

19 luglio 2015, domenica

Vice Presidente di Confindustria,


Ivan Lo Bello, il Presidente della
commissione regionale antimafia,
Nello Musumeci, il sindaco di
Bergamo, Giorgio Gori, il Sottosegretario alla Presidenza del
Consiglio, Sandro Gozi, il Vice
Presidente nazionale delle Acli,
Santino Scir e numerosi deputati
nazionali democratici. Si parler
anche di unautonomia siciliana
che non ha motivo di esistere
dopo lautodistruzione del viadotto
Himera che ha acuito la distanza tra
Catania e Palermo. Un tema quello
della distanza che investe una
regione che sembra vivere perennemente sul set di Conversazioni
in Sicilia di Vittorini. Una Sicilia
vittima incatenata agli stereotipi
che la letteratura ci ha dato: penso
ai tempi morti di Brancati, al sangue
pazzo della famiglia dei Vicer
di De Roberto, al trasformismo
del Gattopardo di Lampedusa e
alla tendenza allimpostura e alla
commistione con i poteri forti che
Sciascia ci ha raccontato.

Cronaca di Siracusa

sanit. lasp 8 lha ottenuto dopo un lungo iter e forti sinergie

Con

lemanazione del
decreto di autorizzazione ed accreditamento da
parte dellAssessorato regionale della Salute della
Struttura Trasfusionale
di Siracusa e delle sue
articolazioni di Avola,
Augusta, Lentini e Noto,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 17 luglio
scorso, si sono positivamente concluse allAsp
di Siracusa le operazioni di verifica e controllo
previste dalla legge che
regolano le attivit di medicina trasfusionale.
La scadenza prevista,
che aveva quale termine
prefissato la data del 30
giugno, stata puntualmente rispettata dallAsp
di Siracusa in linea con le
previsioni del Piano Attuativo aziendale triennale.
Un team di valutatori nazionali, formati dal
Cento nazionale Sangue
spiega il direttore generale dellAsp di Siracusa
Salvatore Brugaletta - ha
ispezionato e valutato
tutti i requisiti previsti
e richiesti dallAccordo
Stato Regioni in accordo
con le direttive europee in

Medicina
trasfusionale
accreditata

In foto, lAsp 8.

materia di sicurezza della


donazione del sangue,
di controllo della qualit
degli emocomponenti,
di tracciabilit della filiera trasfusionale e dei
farmaci plasma derivati,

quali lalbumina, le immunoglobuline ed i fattori della coagulazione,


ottenuti dalla lavorazione
industriale da parte delle
officine farmaceutiche.
Il controllo dei requisi-

ti strutturali, tecnologici
ed organizzativi richiesti
per laccreditamento ha
interessato anche le unit di raccolta del sangue
presenti negli ambiti territoriali assegnati allAsp di Siracusa, gestite
autonomamente
dalle
associazioni dei donatori
volontari AVIS e FRATRES e dipendenti, per
gli aspetti organizzativi,
dal Servizio di Immunoematologia e di Medicina
trasfusionale. I valutatori
hanno esaminato lintero
impianto del sistema per
la gestione della qualit,
adottato secondo la norma ISO9001 ed implementato dalla Struttura
Trasfusionale di Siracusa
costituita dallUnit operativa complessa di Coordinamento, diretta da

Dario Genovese e dalle


sue articolazioni organizzative presenti nei presidi
ospedalieri di Augusta,
Avola e Lentini, con i rispettivi responsabili Salvatore Di Fazio, Edoardo
Travali e Rita Petralia. Il
lungo percorso previsto
per laccreditamento, che
ho condotto insieme con
il direttore sanitario Anselmo Madeddu e con i
direttori sanitari dei presidi ospedalieri Giuseppe
DAquila, Alfio Spina
e Rosario Di Lorenzo
prosegue il direttore generale -, stato affrontato
con estremo impegno da
parte di tutti gli operatori
ed ha comportato un carico aggiuntivo egregiamente sopportato, malgrado le grandi difficolt
nelle quali si muove la
gestione dellassistenza
sanitaria. Un particolare
onere stato sostenuto
dai responsabili del sistema di gestione della
qualit, Gaetano Puleo,
Giuseppe Iapichello, Rosaria Caruso, coordinati
da Corrada Bonaiuto e
supportati da Edoardo
Travali, che hanno curato
gli aspetti delle qualifica-

federico fayer comparso dinanzi al gip ieri

Rapin una coppia di anziani


31enne ammesso ai domiciliari
E stato ammesso al beneficio degli arresti domiciliari Federico Fayer, il 31enne di
origine romane, ma residente a Siracusa, il
quale si reso protagonista gioved scorso
di una rapina ai danni di una coppia di anziani. Il provvedimento stato adottato dal Gip
del Tribunale di Siracusa, Andrea Migneco,
a conclusione delludienza nel corso della
quale ha convalidato larresto dellindagato,
operato dai poliziotti delle Volanti.
In sede dinterrogatorio di garanzia, luomo,

che ha affidato la difesa agli avvocati Bruno e


Antonino Leone, ha ammesso in parte gli addebiti.
Come si ricorder, aveva agito davanti alla
sede di una banca in via Tripoli, dopo avere
atteso che la coppia di anziani avesse prelevato denaro contante dal bancomat. Un poliziotto, libero dal servizio, si accorto che luomo
si era fatto consegnare una banconota da 50
euro, per entrare in azione e bloccare Fayer
che ha tentato di scappare.

Federico Fayer.

Lavviso pubblicato sulla gazzetta ufficiale

Sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sici-

liana n.28 del 10/07/2015 stato pubblicato


lavviso relativo alla circolare 26 giugno 2015,
n. 15, riguardante le modalit di richiesta dei
contributi per lanno 2015 per iniziative di

Richiesta
contributi
per cultura

carattere culturale, artistico e scientifico. Lo


comunica lOn. Vincenzo Vinciullo, Presidente
della Commissione Bilancio e Programmazione allARS.
I soggetti che possono avanzare domanda di

contributi sono: Comuni, Accademie, Enti,


Istituzioni ed Associazioni culturali, scientifiche e musicali aventi sede in Sicilia.
Gli interventi che possono essere finanziati
riguardano: celebrazioni di eventi e ricorrenze di elevata importanza; giornate di studio,
seminari, convegni; pubblicazioni, mostre;
attivit di educazione ai beni culturali.
Il contributo massimo erogabile, ha concluso
lOn. Vinciullo, pari a 7000 euro e non
potr comunque superare il 70% delle spese
sostenute per ogni singola manifestazione e
le iniziative dovranno essere realizzate entro
il 31 dicembre 2015.

societ 6

Sicilia 19 luglio 2015, domenica

19 luglio 2015, domenica

la partenza prevista alle ore 18

le celebrazioni a Palermo in
occasione del 23 anniversario dalla strage
di Via DAmelio dove
persero la vita il giudice
Paolo Borsellino e gli
agenti di scorta Claudio Traina, Emanuela
Loi, Vincenzo Li Muli,
Agostino Catalano e
Walter Eddie Cosina,
il Coordinamento di
Libera Siracusa organizza, in collaborazione con Radio 100 Passi
e cittadini sensibili,
un corteo commemorativo nel pomeriggio
con partenza alle ore 18

da Piazza della Repubblica a Siracusa sino


al Tempio di Apollo
in Largo XXV Luglio.
In un momento di forte

dibattito sullantimafia
di professione o di
facciata la presenza
forte della societ civile e delle istituzioni

rafforza quellimpegno
di legalit per la quale
in tanti hanno dato la
propria vita.
LAssociazione Culturale 100 Passi in
occasione dellanniversario del tragico
accadimento, ha organizzato questa sera
alle ore 21, presso
LAntico Mercato in
via Trento 5 a Siracusa
la proiezione del film
documentario La
Trattativa, un film di
Sabina Guzzanti che,
tra messa in scena teatrale e documentario,
racconta dei presunti

rapporti intrattenuti tra


le istituzioni e i capi di
Cosa Nostra. La sceneggiatura e le battute
che gli attori recitano
sono verbali di processi
e interrogatori.
Al film della Guzzanti
si intervallano momenti comici in un
meccanismo narrativo
che malgrado la sua
particolare interpretazione rievoca un
periodo intenso vissuto
nella nostra Sicilia e in
Italia.
LIngresso gratuito e
la cittadinanza invitata a partecipare.

Le scelte a volte sono dettate da opportunit valide per il territorio

Cumi, il comune di Priolo esce ed entra Palazzolo

Giorno

dopo giorno i priolese danno il loro consenso per sensibilizzare


gli amministratori di aderire al Cumi.
Oltre cento persone ieri hanno dato la
loro adesione alla raccolta di firme che
si tenuta presso un noto supercato di
Priolo. Giungiamo cos a superare le
750 firme, avvicinandoci sempre pi
alla meta delle 1000 firme - dichiara
Christian Bosco responsabile Psi cittadino -. Cresce il malumore degli abitanti di Priolo per l'uscita del comune
di Priolo dal Consorzio Universitario
Megara Ibleo tanto che la popolazione
sta partecipando attivamente alla nostra iniziativa. Questa il quarto giorno

che posizioniamo il nostro banchetto e


i numeri parlano chiaro: i priolesi sono
stanchi di questa amministrazione che
spende solo fondi per le cose inutili
mentre ci che realmente utile e che
crea sviluppo per la nostra terra viene
considerato inutile. Mentre il comune
di Priolo Gargallo esce dal consorzio
Cumi, il Comune di Palazzolo Acreide in questi giorni vi ha aderito. Nei
prossimi giorni - conclude Bosco - faremo sapere dove proseguir la nostra
petizione. Si ringraziano per l'enorme
aiuto Emilia Pulvirenti ed Emanuele
Imbesi che fin dal primo giorno si sono
impegnati per raccogliere le firme.

questa sera processione alle 21 con la reliquia del santo

Riapre la Basilica
di San Sebastiano
a Ferla

Ritorna all'antico splendore, dopo 36


anni, la Basilica di San Sebastiano a
Ferla. Si tratta della chiesa del santo
patrono.
La cerimonia di dedicazione dellaltare avr luogo oggi alle ore 18.30 da

parte dellarcivescovo mons. Salvatore Pappalardo, alla presenza del parroco, don Roberto Garro. Ieri cerimonia
solenne di riapertura delle porte e la
statua di San Sebastiano stata riposizionata. Un momento commovente
al quale hanno preso parte migliaia di
fedeli. Per permettere a tutti di partecipare stasera, il Comune ha disposto
linstallazione di un maxi schermo in
piazza. Questa sera processione alle
21 con la reliquia del santo. I fedeli
hanno contribuito ad acquistare gli arredi della chiesa.

In foto, il simulacro di s. Sebastiano.

Cronaca di Siracusa

TACCUINO.
Dal viaggio
del Papa in
Sudamerica
alla questione della
Grecia
passando
per i guai del
governatore
Crocetta

Strage via DAmelio: oggi corteo


commemorativo da piazza della
Repubblica al Tempio di Apollo
Proseguono

Sicilia 7

A fianco, il governatore della Sicilia,


Rosario Crocetta.

Gli ultimi quindici


giorni nel mondo
Vale la pena di rivi-

vere gli ultimi quindici giorni per gli


avvenimenti che in
ogni parte del mondo,
nostra Sicilia inclusa, abbiamo vissuto
e che lasceranno una
traccia nella storia di
questo secolo.
Innanzitutto il viaggio di papa Francesco
in Sudamerica: questo papa meraviglioso
ha dato prova dellattualit e della vitalit
del Vangelo di Ges
Cristo nei suoi discorsi a popolazione
fra le pi diseredate
del mondo.
E questo mondo gli
ha risposto con delle
Messe oceaniche per
la partecipazione di
indios assetati di sentire il suo messaggio
basato sullamore fra
gli uomini e sulla solidariet fra uomini di
ogni parte della terra.
Poi il trattato di Vienna: il mondo ha sete
di pace e dopo quasi
mezzo secolo la tracotanza religiosa degli iman iraniani si
dovuta aprire al resto
del mondo.
Frettolosi
cronisti
hanno anticipato un
giudizio sulla bont
o meno dellaccordo;
toccher a politologi
avveduti di esprimere
giudizi; ma quel che
conta che laccordo ha aperto le stra-

de al lavoro di lungo
termine della Provvidenza che senza ce
ne accorgiamo regola
il mondo: saranno i
giovani iraniani che
incontrandosi con i
coetani dellEuropa
- tanti di loro vengono a frequentare
le universit italiane
- a fare il miracolo
di cambiare il modo
di pensare e di essere del loro Paese: si
renderanno conto che
non la guerra,non la
minaccia della guerra
con la bomba atomica far prosperare il
loro modo di vivere
nella coesistenza pacifica fra uomini di
religioni diverse.
E poi ancora la Grecia che ha dimostrato
una grande voglia di
Europa.
E nato in Europa un
grande statista che
nonostante il risultato
del referendum e nonostante la tracotanza della Germania ha
scelto lEuropa.
Ma abbiamo vinto
tutti: gli uomini e le
donne di questo vecchio continente si
debbono rendere conto che meglio una
Germania tracotante
nellUE che una Germania isolata e riarmata. Si ripeterebbe
la storia del secolo
scorso:
La crisi greca ci ha

dato anche un segnale


positivo: sembra che
non abbia funzionato
lasse Hollande-Merkel, e che Renzi ne
abbia approfittato per
inserirsi in una logica
di contenimento delle pretese di Berlino;
significa che lItalia
esce dal protettorato
in cui lavevano posti
i nordisti europei per
riprendere un ruolo
nella vita del Continente.
Ma a proposito della
Grecia non mancata una nota comica:
partono per il giorno
del referendum e se
ne vanno ad Atene i
nostri antieuropeisti:
Grillo e Mendola in
testa che se ne ritornano festanti e vittoriosi come se il no
dei greci fosse stata
opera loro.
Dopo di che, quando
il premier greco a costo della lacerazione
delle proprie carni ha
scelto lEuropa, sono
rimasti scornacchiati assai e non hanno
pi parlato di Europa: meglio cos; spero
che la lezione serva a
tutti: lantieuropeisno
serve a portare voti
ma poi non c scelta
per la prosperit e la
pace.
A proposito di fatti
umoristici non posso
fare a meno di parlare
delle cose siciliane:

tuona il braccio destro


di Renzi in Sicilia, signor Faraone, questa
volta personalmente e
non a mezzo del sindaco di Siracusa, tuona
che Crocetta finito ed
ha finito.
Poi, questo partito democratico si riunisce e
i giornali di ieri hanno
riportato che il partito
democratico si stretto attorno a Crocetta:
tutto questo in meno di
quarantotto ore!
Pi che la smentita del
Pm di Palermo, avrei
creduto di pi in una
querela di Crocetta
allEspresso.
Come
si suol dire aria netta
non ha paura dei tuoni.
Crocetta non lha fatto
e quindi un fondo di
verit ci deve essere.
Ma quel che conta
che tutti e 90 i nostri
deputati regionali resteranno per altri tre
anni a prendersi 15
mila euro al mese;
se Crocetta si fosse
dimesso -cos come
sarebbe giusto non
soltanto per laffare
Espresso ma per la
sua inettitudine - se ne
sarebbero tornati tutti a
casa, nella consapevolezza che ne sarebbero
ritornati in 70. Venti
sarebbero rimasti senza pappatoia.
Ed allora Viva Crocetta col suo medico personale.
Titta Rizza

Ispezione
al Tribunale
Unci: Diritto
di cronaca
Il Tribunale di Siracusa

stato oggetto di un accertamento da parte dellIspettorato Generale del Ministero


della Giustizia, durato diversi mesi, e che ha riguardato
in particolare alcuni settori
dellamministrazione della
Giustizia. Della vicenda
si sono occupati gli organi
dinformazione con normali
articoli di cronaca.
Sulla vicenda, la sezione
provinciale dellUnci di
Siracusa, esprime la sua
sorpresa nel leggere due
recenti comunicati stampa: uno della sottosezione
dellAssociazione Nazionale
Magistrati di Siracusa, laltro del Consiglio dellOrdine
degli avvocati di Siracusa,
nei quali genericamente si
fa riferimento agli articoli di
stampa relativi allinchiesta.
In particolare, nel comunicato dellAnm scritto
testualmente: letti gli
articoli di stampa relativi a
tale inchiesta ed in particolare i contenuti evocativi di
situazioni e comportamenti
non ortodossi nonch di contrapposizioni tra categorie in
vario modo interessati.
Purtroppo non si comprende a cosa il comunicato si
riferisca.
Non si ritiene che in questa
circostanza si sia registrato alcun comportamento
poco ortodosso e nemmeno
posizioni tali da provocare
contrapposizioni tra categorie interessate, ma stato
esercitato il solo diritto dinformare i cittadini su fatti
oggettivi, rimanendo sempre
nel solco della deontologia
professionale e nel dovere del cronista, chiamato
ad attenersi alla semplice
informazione destinata alla
pubblica opinione.
Di fronte alla genericit di
tali argomenti, lUnci non
pu che ribadire con forza la
libert, lautonomia dei giornalisti, il diritto di cronaca.
Nessuna mancanza di rispetto, quindi, verso i magistrati
e verso gli operatori della
Giustizia in generale. Si
rimane daccordo sul mantenimento del leale quanto
rispettoso rapporto tra la
magistratura, lavvocatura,
gli operatori della Giustizia
e la stampa nel rispetto dei
reciproci ruoli.

ASTE GIUDIZIARIE 8

Sicilia 19 GIUGNO 2015, DOMENICA

TRIBUNALE DI SIRACUSA

19 LUGLIO 2015, DOMENICA

PROSSIMA INSERZIONE:

22/06/2015

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI www.astetribunale.com


INSERZIONI GRATUITE

CASECITTA'
CERCO/OFFRO
AFFITTO
BIVANI in villa, posto
auto in Via Riesi, angolo
Via Gela, affittasi. C.E.
G Tel. 0931/758015 338/3680731
BIVANI Viale Tica in
palazzina signorile, non
arredato, affittasi, composto da cucina/sogg,
c. letto, ampio ripostiglio, due bagni Tel.
333/1141658
C.SO Umberto affittasi app.to trivani per
studenti universitari e
impiegati, 3 posti letto.
Classe Energetica G Tel.
331/4400233 ore pasti
CERCASI appartamento
o villetta indipendente
libero da mobilio, composto da tre vani + servizi.
Qualsiasi zona, max E
400 Tel. 347/2660513
CERCO appartamento
in affitto, max E 300
mensili, oppure E 350
con differenza di E 50 in
6/7 ore di lavori domestici
Tel. 349/8792324
CERCO monolocale
ammobiliato a 250 euro
Tel. 389/1620410
CERCO monovano in
affitto, qualsiasi zona
tranne Ortigia. Max E 300
Tel. 349/1260393
LOCASI in Siracusa
zona Sc. Greca in piccolo
e silenzioso condominio
comodo trivani luminoso,
piano terra con annesso
giardino, bagno, cucina,
arredato, climatizzato,
ottimo stato. Contratto con cellulare secca, solo referenziati,
visita su appuntamento. Classe Energetica
G Tel. 0931/951255 349/8802975 ore pranzo
MONOLOCALE arredato, ascensorato, posto
al 5 piano, luminoso,
con 2 terrazze con vista
sul mare. Posto auto.
C.E. G Tel. 050/552237
- 333/6968504
ORTIGIA affittasi bivani
+ accessori, ristrutturato,
ammobiliato, climatizzato, porta blindata. Non
residenti C. E. G Tel.
338/1130302
PALAZZINA residenziale, zona verde tranquilla,
via Filisto, affittasi mini
app.to signorilmente
arredato, risc. autonomo,
solo privati. Classe Energetica G Tel. 0931/30459
PENTAVANI zona Pizzuta, affittasi solo a
referenziati. Solo privati.

Classe Energetica G Tel.


349/3169145 ore pasti
SIRACUSA V.le Tica locasi monovano arredato
con servizi e cucina abitabile piano rialzato, con
giardinetto. Anche per
brevi periodi. C.E. G Tel.
0931/721678 ore pasti
SOLO a giovani coppie
di dipendenti pubblici o
professionisti referenziati affittasi appartamento
totalmente ristrutturato
composto da 5 vani +
servizi, sito in via Servi
di Maria. Adatto a studi
professionali o B&B.
Classe Energetica G
Tel. 0931/1881309 388/1112862
VIA FILISTO, in piccolo
codominio recintato,
affittasi attico trivani,
luminoso, termoascensorato, con ampia terrazza livello. Possibilit
posto altro. C.E. G Tel.
0931/30459
VIA FILISTO affittasi mini
appartamento tipo chalet
di montagna, con giardinetto e posto macchina
Tel. 0931/30459
VIALE ZECCHINO, fittasi non residenti anche
x brevi periodi luminoso
bivani arredato + ampia cucina- soggiorno,
termoascensorato e p.
auto in cortile chiuso da
cancello elettrico. C.E.
G Tel. 339/6786365 339/5817583
VIALE TERACATI affittasi in condominio con
portiere, appartamento
quadrivani, piano 7
con doppio ascensore,
riscaldamento autonomo, cucina abitabile,
doppi servizi. Classe
Energetica G. Per informazioni Tel. 0931/33378
- 339/4517438
VILLAGGIO MIANO
affittasi piccolo appartamento composto da
soggiorno-cucina, camera da letto, bagno.
Classe Energetica G Tel.
328/7648131
ZONA TERACATI affittasi in villetta bifamiliare
appartamento non arredato, composto da sogg/
cucina, c. letto, bagno e
ripostiglio. Ideale per 1
o 2 persone. No condominio. E 350. Solo referenziati con busta paga
o pensionati. No cani.
C.E. G Tel. 0931/413942
- 349/1460654
ZONA S. Giovanni affittasi quadrivani arredato
elegantemente, solo a

referenziati. C.E G Tel.


338/3898065
ZONA ZECCHINO ,
affittasi appartamento
luminoso, balconato,
composto da 4 vani,
cucina abitabile + doppi
servizi. Ascensorato con
posto auto recintato. C.
E. G Tel. 050/552237 333/6968504
ZONA ZECCHINO affittasi appartamento composto soggiorno con
divano letto e angolo
cottura, camera da letto e
bagno, arredatissimo. E
400 + spese. No residenti
e solo con busta paga
C.E. G Tel. 335/7365690
ZONA GELONE affittasi
esclusivamente a studenti/sse appartamentino con due camere pi
cucina e bagno. C.E. G
Tel. 329/7121449
ZONA alta affittasi miniapp.to ammobiliato,
posto al p. terra, con
cortiletto interno indipendente, a donna referenziata, max seriet,
350 mensili. No animali.
Classe Energetica G Tel.
329/1954341
ZONA ZECCHINO affittasi appartamento composto soggiorno con
divano letto e angolo
cottura, camera da letto
e bagno, arredatissimo.
Solo brevi periodi, settimana o mese. C.E. G
Tel. 335/7365690
AVOLA
PRIVATO affitta n. 2
appartamentini arredati, con ingresso indipendente con giardino,
parcheggio pi terreno.
A coppia o singoli, liberi
subito anche per brevi
periodi. E 300 comprensivo acqua e luce. C.E.
G Tel. 0931/833729 329/8010343
CANICATTINI
AFFITTASI mansarda
arredata mq 70 + terrazzo + lavanderia, 1
piano. Centro storico
Canicattini Bagni. C. E.
G Tel. 338/1948403
AFFITTASI appartamento mq 120 interamente
ristrutturato e rifinito,
zona Canicattini centro.
C.E. G Tel. 338/1948403
MELILLI
MELILLI Via S. Giovanni,
affittasi appartamento
panoramico, di mq 100.
Classe Energetica G Tel.
328/2490947
MELILLI Via S. Giovanni,
affittasi appartamento
arredato panoramico, di
mq 100. Classe Energe-

tica G Tel. 328/2490947


PALAZZOLO
TRILOCALE pi monolocale indipendente,
in totale 70mq. Doppia
entrata su due piani differenti, possibilit di ricavare tre unit immobiliari.
Zona Palazzolo Acreide.
C.E. G Tel. 340/3840282
PRIOLO
AFFITTASI app.to libero,
a Priolo in viale Annunziata. Classe Energetica
G Tel. 0931/769509
AFFITTASI app.to ammobiliato a coppia o
operai, a Priolo. Affittasi
anche a studentesse.
Classe Energetica G Tel.
0931/769509
AFFITTASI app.to 3
piano a Priolo in Via C.
Colombo, comp. da 3
vani + accessori. C.E. G
Tel. 344/2628639
CATANIA
IN Villa San Giovanni
Galermo, zona Belsito
(Catania) affittasi appartamento di vani tre con
doppio servizio, piano
terra con due ampie
terrazze e giardinetto.
Classe Energetica G Tel.
347/6549854
OLTRE REGIONE
AFFITTASI app.tino
comp. da 2 camere
da letto (6 posti letto ),
sogg., cucina, bagno +
ampia veranda. A due
passi dal lago Ampollino
(Sila). E 250 a settimana.
Classe Energetica G Tel.
0931/753823
CAMERE IN AFFITTO
ADIACENZE via Cavour
Ortigia, 1 piano, affittasi camera singola in
app.to ammobiliato con
cucina + bagno, lavatrice
solo a studenti referenziati Tel. 328/0099371
AFFITTASI due camere arredate + servizi,
arredato. Indipendente Tel. 0931/943419 328/0749763
AFFITTASI camera arredata con tutti i comfort
a ragazzo lavoratore o
impiegato. Zona centralissima, in un buon
contesto con posto
auto Tel. 0931/943419
- 328/0749763
AFFITTASI in Ortigia
camera arredata in appartamento molto confortevole, vista mare,
1 piano, a studentessa
o lavoratrice + camera
indip. arredata con ampi
servizi Tel. 0931/943419
- 328/0749763
AFFITTASI camere in
appartamento zona S.

Le ASTE GIUDIZIARIE saranno inserite dalla data di pubblicazione del bando fino alla data prevista per l'asta sul sito:

TRIBUNALE DI SIRACUSA

Proc. Es. Imm. n 313/99


AVVISO DI VENDITA
Si rende noto che il 10/11/2015, alle ore 12:00, presso
il proprio studio sito in Siracusa nella Via Gioberti n
5/B, avanti lAvv. Omar GIARDINA, professionista
delegato giusta ordinanza del G.E. del 15/06/2014,
avr luogo la vendita senza incanto o, nel caso
in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per
qualsiasi motivo, il 17/11/2015, alle ore 12:00 avr
luogo la vendita con incanto del seguenti immobili:
- Lotto n.1 1/3 indiviso della propriet dell
immobile sito in Lentini nella Via Tevere n.9,
composto da due vani al piano terra, nel N.C.E.U.,
al foglio n.78, p.lla 842 sub.1
Prezzo base del lotto: 4.850,00
- Lotto n.2 1/3 indiviso della propriet dell
immobile sito in Lentini nella Via Tevere n.11,
composto da un vano ed accessori al primo piano,
nel N.C.E.U. al foglio n. 78, p. lla 842, sub. 2
Prezzo base del lotto: 4.850,00
- Lotto n.3 1/3 indiviso della propriet del terreno
sito in Carlentini contrada San Cristofaro nel
N.C.T. al foglio 22, particelle 202 e 203, di are 40.50
Prezzo base del lotto: 2.100,00
- Lotto n.4 1/3 indiviso della propriet del garage
sito in Lentini nella Via Siena n.4, piano terra,
di mq 52, nel N.C.E.U. al foglio n.78, p.lla 478/3
Prezzo base del lotto: 4.800,00
Gli immobili vengono venduti nello stato di fatto e
di diritto in cui si trovano, con tutte le accessioni,
pertinenze, attive e passive, cos come identificato,
descritto e valutato dallesperto nella relazione di
stima.
Ogni concorrente, in caso di vendita senza incanto,
per partecipare dovr depositare in busta chiusa, ex
art.571 c.p.c. al professionista delegato Avv. Omar
GIARDINA, presso lo studio dello stesso, in Siracusa
nella Via Gioberti n 5/B, entro le ore 12:00 del giorno
antecedente a quello fissato per la vendita, una
cauzione pari al 10% del prezzo proposto, comunque
non inferiore al prezzo base, ed un fondo spese pari
al 20%, mediante assegno circolare intestato al
professionista delegato, salvo conguaglio.
Inoltre, nel termine suddetto lofferente dovr
depositare dichiarazione in bollo contenente
lindicazione del prezzo, del tempo e del modo
di pagamento ed ogni altro elemento utile alla
valutazione dellofferta.
Ogni concorrente, in caso di vendita con incanto,
per partecipare dovr depositare entro le ore 12:00
del giorno antecedente a quello fissato per la vendita,
presso lo studio di cui sopra, una cauzione pari al
10% del prezzo base dasta fissato e un fondo spese
pari al 20%, mediante assegno circolare intestato al
professionista delegato, salvo conguaglio.
Per le vendite dei suddetti lotti laumento minimo
di euro 1.000,00
Laggiudicatario dovr depositare il prezzo di
aggiudicazione, dedotta la cauzione, nelle forme
previste per i depositi giudiziari entro il termine di
gg.60 dallaggiudicazione.
La relazione di stima trovasi pubblicata sul sito
www.astegiudiziarie.it.
Maggiori informazioni sul sito www.astegiudiziarie.it
o presso lo studio del professionista delegato
(tel.: 0931/65123), nei giorni di luned e gioved, dalle
17:00 alle 20:00.
Siracusa, l 12 maggio 2015

Il Custode/Professionista Delegato

Avv. Omar GIARDINA
Giovanni. Solo referenziati Tel. 338/3898065
AFFITTASI stanza arredata + servizi presso
C.so Gelone. Solo donne E 190 mensili Tel.
339/1568061
AFFITTASI in Ortigia Via
Gargallo camere singole
o doppie arredate +

servizi. Classe Energetica G Tel. 0931/36090


- 347/1930495
AFFITTASI a studentesse referenziate camere o
posti letto in app.to con
ampio terrazzo panoramico, contesto signorile,
in C. Matteotti, Siracusa
Tel. 334/3371519

Sicilia 9

SOCIETA'

Viaggio nel pianeta dei vigili del fuoco


Tra interventi e penuria di uomini e mezzi

Quindici

interventi nella sola


giornata di ieri in
diverse parti della
provincia. Quasi
tutte le squadre
impegnate
per
spegnere incendi.
Quello pi impegnativo si verificato nella zona
di Avola, dove
le fiamme hanno
lambito un canile,
per fortuna senza
alcun rischio per
gli animali che vi
sono ospiti.
Temperature alte
e rischio incendio moltiplicato,
quindi, contro il
quale il comando
provinciale
dei
vigili del fuoco risponde come pu,
facendo i conti
con la ristrettezza
di personale e con
la penuria di mezzi a disposizione.
Problemi a pi
riprese segnalati
dalle organizzazioni sindacali di
categoria.
Abbiamo
pi
volte denunciato il modo in cui
siamo
costretti
a operare giornalmente presso
questa provincia
afferma Francesco Anzalone,
responsabile del
Conapo Usb di
Siracusa Abbiamo anche denunciato la gravosa
condizione in cui
versano le squadre di soccorso
per svolgere con
adeguato sostegno le pi elementari opere di
servizio tecnico
urgente. Non ci
si deve ricordare
dei vigili del fuoco solo nel periodo estivo, i vigili
del fuoco operano
365 giorni all'anno, 24 ore al gior-

Nella sola giornata di ieri, quindici gli interventi


su quasi tutto il territorio siracusano

no. Sembra un
appello scontato,
ma cos non se
i problemi persistono anche nei
mesi di maggiore

nel cuore della


notte continua
Anzalone - Operiamo e facciamo
fronte alle emergenze d'inverno

distingue
ogni
vigile del fuoco
di questo comando.
Sottaccusa sono
i continui tagli

za di investimenti, di risorse per


la specializzazione formativa e
di mantenimento
dei profili profes-

Siamo impiegati
in una moltitudine
di opere di soccorso che vanno ben
oltre l'incendio
dellautovettura nel
cuore della notte
continua Anzalone
- Operiamo e facciamo fronte alle
emergenze d'inverno come d'estate

In alto, la caserma dei vigili del fuoco di Siracusa. Sopra da sinistra: Francesco Anzalone, responsabile
del Conapo Usb di Siracusa, il sindaco Garozzo e Giovanni Di Raimondo, dellUnione sindacale di base.

attivit. Siamo
impiegati in una
moltitudine
di
opere di soccorso che vanno ben
oltre
l'incendio
dellautovettura

come d'estate con


le sole risorse rimaste con alto
senso del dovere,
spirito di corpo
e di abnegazione che contrad-

lineari, la pressoch inesistente


opera di ricambio, i continui
pensionamenti,
le rare assunzioni
ma anche l'assen-

sionali. Entrando
nello specifico, i
vigili del fuoco
lamentano carenze di mezzi.
C
uninadeguata disponibi-

lit di vetture e
automezzi pesanti del parco autorimessa dice
Giovanni Di Raimondo, dellUnione sindacale
di base - per non
parlare della deprecabile condizione in cui, la
stessa oggi versa,
oltre allassenza
quindi di mezzi
antincendio adeguatamente rinnovati, quei pochi
presenti e funzionanti sono automezzi che hanno
alle spalle infinite ore di marcia,
chilometri,
incidenti,
usura,
mancanza di fondi, per la comune
manutenzione e
sostituzione degli pneumatici, la
quasi scomparsa
dei moduli antincendio, per guasti
o per vetustit e
quelli che operano in questo periodo sono impiegati distogliendo
le stesse risorse
per incendi di
sterpaglie
per
mano di privati.
Il problema si fa
ancora pi impellente se si considerano le strutture.
Attualmente
la
sede centrale dei
vigili del fuoco
continua a rimanere in via Von
Platen,
mentre
si hanno poche
notizie sul completamento
dei
lavori alla nuova caserma di
contrada Pizzuta.
L'attuale sede
afferma Anzalone
definita la pi
insicura in tutto
il territorio nazionale, avendo
un unico varco di
entrata e uscita.

SPECIALE 10

Sicilia 19 LUGLIO 2015, DOMENICA

19 LUGLIO 2015, DOMENICA

RUBRICA A CURA DELLA CONFESERCENTI DI SIRACUSA

Credito di imposta alle strutture


ricettive turistico-alberghiere:
disposizioni applicative

E stato pubblicato sulla


Gazzetta Ufficiale n.138
del 17 giugno u.s. il decreto 7 maggio 2015, che
d attuazione allart. 10
del D.L. n. 83/2014.
Il provvedimento contiene le disposizioni applicative per l'attribuzione
del credito di imposta
riconosciuto alle imprese
alberghiere per le spese
relative a interventi di
ristrutturazione edilizia
o a interventi di eliminazione delle barriere
architettoniche.
Soggetti Beneficiari
Possono accedere al credito di imposta in oggetto
le imprese alberghiere
esistenti alla data del
1 gennaio 2012. A tal
fine, per struttura alberghiera si intende una
struttura aperta al pubblico, a gestione unitaria,
con servizi centralizzati
che fornisce alloggio,
eventualmente vitto ed
altri servizi accessori, in
camere situate in uno o
pi edifici.
Tale struttura composta
da non meno di sette
camere per il pernottamento degli ospiti. Sono
strutture alberghiere gli
alberghi, i villaggi albergo, le residenze turisticoalberghiere, gli alberghi
diffusi, nonch quelle
individuate come tali dalle specifiche normative
regionali.
tipologie di interventi
ammessi al beneficio.
Ai fini dellindividuazione degli interventi
per i quali possibile
richiedere lammissione
al beneficio, si intende:
a) per interventi di
ristrutturazione edilizia:
1) gli interventi di manutenzione straordinaria di
cui all'articolo 3, comma
1, lettera b) del D.P.R. n.
380 del 2001, e s.m.i.,
ossia: le opere e le modifiche necessarie per
rinnovare e sostituire
parti anche strutturali
degli edifici; le opere e le
modifiche necessarie per

realizzare ed integrare i
servizi igienico-sanitari
e tecnologici, sempre
che non alterino la volumetria complessiva
degli edifici e non comportino modifiche delle
destinazioni di uso; gli
interventi consistenti
nel frazionamento o accorpamento delle unit
immobiliari con esecuzione di opere, anche se
comportanti la variazione
delle superfici delle singole unit immobiliari
nonch del carico urbanistico, purch non sia
modificata la volumetria
complessiva degli edifici
e si mantenga l'originaria
destinazione d'uso;
2) gli interventi di restauro e di risanamento
conservativo di cui all'articolo 3, comma 1, lettera
c) del D.P.R. n. 380 del
2001, e s.m.i., ossia gli
interventi edilizi rivolti
a conservare l'organismo
edilizio e ad assicurarne
la funzionalit mediante
un insieme sistematico
di opere che, nel rispetto
degli elementi tipologici, formali e strutturali
dell'organismo stesso,
ne consentano destinazioni d'uso con essi compatibili. Tali interventi
comprendono il consolidamento, il ripristino e
il rinnovo degli elementi
costitutivi dell'edificio,
l'inserimento degli elementi accessori e degli
impianti richiesti dalle
esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi
estranei all'organismo
edilizio;
3) gli interventi di ristrutturazione edilizia di cui
all'articolo 3, comma 1,
lettera d) del D.P.R. n.
380 del 2001, e s.m.i., ossia gli interventi rivolti a
trasformare gli organismi
edilizi mediante un insieme sistematico di opere
che possono portare ad
un organismo edilizio in
tutto o in parte diverso
dal precedente. Tali interventi comprendono
il ripristino o la sostitu-

zione di alcuni elementi


costitutivi dell'edificio,
l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti.
Nell'ambito degli interventi di cui al presente
numero sono ricompresi
anche quelli consistenti
nella demolizione e ricostruzione con la stessa
volumetria di quello
preesistente, fatte salve le
sole innovazioni necessarie per l'adeguamento
alla normativa antisismica nonch quelli volti
al ripristino di edifici, o
parti di essi, eventualmente crollati o demoliti, attraverso la loro
ricostruzione, purch sia
possibile accertarne la
preesistente consistenza.
Rimane fermo che, con
riferimento agli immobili sottoposti a vincoli
culturali e paesaggistici,
gli interventi di demolizione e ricostruzione e gli
interventi di ripristino di
edifici crollati o demoliti
costituiscono interventi
di ristrutturazione edilizia soltanto ove sia rispettata la medesima sagoma
dell'edificio preesistente;
A. per interventi di eliminazione delle barriere
architettoniche:
1) gli interventi volti ad
eliminare gli ostacoli
fisici che sono fonte di
disagio per la mobilit
di chiunque ed in particolare di coloro che, per
qualsiasi causa, hanno
una capacit motoria
ridotta o impedita in
forma permanente o temporanea; gli ostacoli che
limitano o impediscono
a chiunque la comoda
e sicura utilizzazione
di spazi, attrezzature o
componenti; la mancanza
di accorgimenti e segnalazioni che permettono
l'orientamento e la riconoscibilit dei luoghi e
delle fonti di pericolo per
chiunque e in particolare
per i non vedenti, per gli
ipovedenti e per i sordi;
2) la progettazione e la
realizzazione di prodotti,

ambienti, programmi
e servizi utilizzabili da
tutte le persone, nella misura pi estesa possibile,
senza il bisogno di adattamenti o di progettazioni
specializzate;
3) gli interventi volti
ad eliminare le barriere
sensoriali e della comunicazione;
B. per interventi di incremento dell'efficienza
energetica:
1) gli interventi di riqualificazione energetica,
ovvero interventi che
conseguono un indice di
prestazione energetica
per la climatizzazione
non superiore ai valori
definiti dall'Allegato A al
decreto del Ministro dello sviluppo economico
11 marzo 2008,e s.m.i.;
2) gli interventi sull'involucro edilizio: interventi
su un edificio esistente,
parti di un edificio esistente o unit immobiliari esistenti, riguardante
strutture opache verticali
e orizzontali (pareti,
coperture e pavimenti),
delimitanti il volume riscaldato verso l'esterno e
verso vani non riscaldati,
che rispettano i requisiti
di trasmittanza termica
definiti dal decreto del
Ministro dello sviluppo
economico 11 marzo
2008, e s.m.i.;
3) gli interventi di sostituzione, integrale o
parziale, di impianti di
climatizzazione con:
impianti dotati di caldaie
a condensazione e contestuale messa a punto del
sistema di distribuzione;
impianti dotati di pompe
di calore ad alta efficienza ovvero impianti geotermici a bassa entalpia,
e contestuale messa a
punto ed equilibratura del
sistema di distribuzione;
impianti di cogenerazione o trigenerazione ad
alto rendimento e contestuale messa a punto ed
equilibratura del sistema
di distribuzione;
C. per spese per l'acquisto di mobili e com-

ponenti d'arredo destinati esclusivamente


alle strutture alberghiere
oggetto del presente
decreto:
1) quelle relative a rifacimento o sostituzione di
cucine o di attrezzature
professionali per la ristorazione, quali, tra l'altro,
apparecchiature varie di
cottura, forni, armadi
frigoriferi e congelatori,
macchine per la preparazione dinamica, elementi per la preparazione
statica, macchine per il
lavaggio delle stoviglie,
macchine per il lavaggio
dei tessuti, abbattitori
di temperatura, produttori di ghiaccio, con
altri aventi caratteristiche
migliorative rispetto a
quelle esistenti in termini
di sicurezza, efficienza
energetica, prestazioni;
2) quelle relative a mobili
e complementi d'arredo
da interno e da esterno,
quali, tra gli altri, tavoli,
scrivanie, sedute imbottite e non, altri manufatti
imbottiti, mobili contenitori, letti e materassi,
gazebo, pergole, ombrelloni, tende da sole,
zanzariere;
3) quelle relative a mobili
fissi, quali, tra gli altri, arredi fissi per bagno, pareti
e cabine doccia, cucine,
boiserie, pareti interne
mobili, apparecchi di
illuminazione;
4) quelle relative a pavimentazioni di sicurezza,
arredi e strumentazioni
per la convegnistica,
attrezzature per parchi
giochi e attrezzature
sportive pertinenziali;
5) quelle relative a arredi e strumentazioni
per la realizzazione di
centri benessere ubicati
all'interno delle strutture
ricettive.
Spese eleggibili al
credito d'imposta
Ai fini della determinazione del credito d'imposta in argomento,
nellambito degli interventi ammissibili sopra

elencati, sono considerate eleggibili le seguenti


tipologie di spesa:
A. Relativamente a interventi di ristrutturazione
edilizia, le spese per:
costruzione dei servizi
igienici in ampliamento
dei volumi di quelli
esistenti; demolizione e
ricostruzione anche con
modifica della sagoma
ma nel rispetto della volumetria, con esclusione
degli immobili soggetti
a vincoli culturali e paesaggistici, per i quali
necessario il rispetto
sia del volume che della
sagoma;
ripristino di
edifici, o parti di essi,
eventualmente crollati
o demoliti, attraverso
la loro ricostruzione,
purch sia possibile
accertarne la preesistente
consistenza anche con
modifica della sagoma;
sono esclusi gli immobili soggetti a vincoli
culturali e paesaggistici,
per i quali necessario
il rispetto sia del volume
che della sagoma; interventi di miglioramento
e adeguamento sismico;
modifica dei prospetti
dell'edificio, effettuata,
tra l'altro, con apertura
di nuove porte esterne
e finestre, o sostituzione
dei prospetti preesistenti
con altri aventi caratteristiche diverse materiali,
finiture e colori; realizzazione di balconi e logge;
recupero dei locali sottotetto, trasformazione di
balconi in veranda; sostituzione di serramenti
esterni, da intendersi
come chiusure apribili e
assimilabili, quali porte,
finestre e vetrine anche se
non apribili, comprensive
degli infissi, con altri
aventi le stesse caratteristiche e non ammissibili ad altre agevolazioni
fiscali; sostituzione di
serramenti interni (porte
interne) con altri aventi
caratteristiche migliorative rispetto a quelle
esistenti (in termini di
sicurezza, isolamento
acustico); installazione di
nuova pavimentazione o
sostituzione della preesistente con modifica della
superficie e dei materiali,
privilegiando materiali
sostenibili provenienti
da fonti rinnovabili, tra i
quali il legno, anche con
riferimento ai pontili galleggianti; installazione o
sostituzione di impianti
di comunicazione ed
allarme in caso di emer-

genza e di impianti di
prevenzione incendi ai
sensi della vigente normativa;
A. Relativamente a interventi di eliminazione
delle barriere architettoniche, le spese per
interventi che possono
essere realizzati sia sulle
parti comuni che sulle
unit immobiliari, quali:
sostituzione di finiture
(pavimenti, porte, infissi esterni, terminali
degli impianti), il rifacimento o l'adeguamento
di impianti tecnologici
(servizi igienici, impianti elettrici, citofonici,
impianti di ascensori,
domotica); interventi di
natura edilizia pi rilevante, quali il rifacimento
di scale ed ascensori,
l'inserimento di rampe
interne ed esterne agli
edifici e di servoscala o
piattaforme elevatrici;
realizzazione ex novo di
impianti sanitari (inclusa
la rubinetteria) dedicati
alle persone portatrici di
handicap, cos come la
sostituzione di impianti
sanitari esistenti con altri adeguati all'ospitalit
delle persone portatrici
di handicap; sostituzione di serramenti interni
(porte interne, anche di
comunicazione) in concomitanza di interventi
volti all'eliminazione
delle barriere architettoniche; installazione di
sistemi domotici atti a
controllare in remoto
l'apertura e chiusura di
infissi o schermature solari; sistemi e tecnologie
volte alla facilitazione
della comunicazione ai
fini dell'accessibilit;
A. Relativamente a interventi di incremento
dell'efficienza energetica, le spese per: installazione di impianti fotovoltaici per la
produzione di energia
elettrica; installazione
di schermature solari
esterne mobili finalizzate
alla riduzione dei consumi per condizionamento
estivo; coibentazione
degli immobili ai fini
della riduzione della dispersione termica; installazione di pannelli solari
termici per produzione di
acqua; la realizzazione di
impianti elettrici, termici
e idraulici finalizzati alla
riduzione del consumo
energetico (impianti di
riscaldamento ad alta efficienza, sensori termici,
illuminazioni led, attrez-

zature a classe energetica


A, A+ , A++, A+++);
A. Relativamente all'acquisto di mobili e componenti d'arredo, le spese
per: acquisto, rifacimento
o sostituzione di cucine o
di attrezzature professionali per la ristorazione,
quali, tra l'altro, apparecchiature varie di cottura,
forni, armadi frigoriferi
e congelatori, macchine per la preparazione
dinamica, elementi per
la preparazione statica,
macchine per il lavaggio
delle stoviglie, macchine
per il lavaggio dei tessuti,
abbattitori di temperatura, produttori di ghiaccio,
con altri aventi caratteristiche migliorative
rispetto a quelle esistenti,
in termini di sicurezza,
efficienza energetica,
prestazioni; acquisto di
mobili e di complementi
d'arredo da interno e da
esterno, quali, tra gli
altri, tavoli, scrivanie,
sedute imbottite e non,
altri manufatti imbottiti, mobili contenitori,
letti e materassi, gazebo,
pergole, ombrelloni, tende da sole, zanzariere;
acquisto di mobili fissi,
quali, tra gli altri, arredi
fissi per bagno, pareti e
cabine doccia, cucine
componibili, boiserie,
pareti interne mobili,
apparecchi di illuminazione; acquisto di pavimentazioni di sicurezza,
arredi e strumentazioni
per la convegnistica,
attrezzature per parchi
giochi e attrezzature
sportive pertinenziali;
arredi e strumentazioni
per la realizzazione di
centri benessere ubicati
all'interno delle strutture ricettive. Le singole
voci di spesa come sopra
elencate sono eleggibili,
ciascuna, nella misura
del 100%.
L'importo totale delle
spese eleggibili , in ogni
caso, limitato alla somma di 666.667 euro per
ciascuna impresa alberghiera, la quale, di conseguenza, potr beneficiare
di un credito d'imposta
massimo complessivo
pari a 200mila euro. Le
spese si considerano
effettivamente sostenute
secondo quanto previsto
dal T.U.I.R. (Testo unico
delle imposte sui redditi).
Agevolazione
Concedibile
Il credito d'imposta
riconosciuto nella mi-

sura del trenta per cento


per le spese sostenute
dal 1 gennaio 2014
al 31 dicembre 2016,
relative a interventi di
ristrutturazione edilizia,
di eliminazione delle
barriere architettoniche,
di incremento dell'efficienza energetica ovvero
per le spese per l'acquisto
di mobili e componenti
d'arredo destinati esclusivamente alle strutture
alberghiere come sopra
definite, a condizione che
il beneficiario non ceda a
terzi n destini a finalit
estranee all'esercizio di
impresa i beni oggetto
degli investimenti prima del secondo periodo
d'imposta successivo.
Il credito d'imposta
ripartito in tre quote
annuali di pari importo.
L'agevolazione concessa a ciascuna impresa nel
rispetto dei limiti e delle
condizioni di cui al Regolamento europeo sugli
aiuti de minimis, e comunque fino all'importo
massimo di 200mila euro
nei tre anni d'imposta.
Il credito di imposta in
esame alternativo e non
cumulabile, in relazione
a medesime voci di spesa, con altre agevolazioni
di natura fiscale.
Procedura di accesso,
riconoscimento e utilizzo
del credito d'imposta
Dal 1 gennaio al 28
febbraio dell'anno successivo a quello di effettuazione delle spese,
le imprese interessate
presentano al Ministero
dei beni e delle attivit
culturali e del turismo
apposita domanda per il
riconoscimento del credito d'imposta, secondo
modalit telematiche definite dal Ministero stesso
entro sessanta giorni
dall'entrata in vigore del
decreto in esame.
Per le spese sostenute
nell'anno 2014, la domanda presentata entro
sessanta giorni dalla
definizione delle predette
modalit telematiche.
La domanda dovr essere
sottoscritta dal legale
rappresentante dell'impresa e dovr specificare: il costo complessivo degli interventi e
l'ammontare totale delle
spese eleggibili ai sensi
dell'articolo 4; l'attestazione di effettivit delle
spese sostenute; il credito
d'imposta spettante.
Contestualmente alla
domanda, le imprese

devono presentare al
Ministero competente la
dichiarazione, sostitutiva di atto di notoriet,
relativa ad altri aiuti "de
minimis" eventualmente
fruiti durante l'esercizio
finanziario in corso e
nei due precedenti, allegando, inoltre, a pena di
inammissibilit, la documentazione amministrativa e tecnica indicata
nell'elenco A, allegato al
D.M. 7 maggio 2007 ( in
allegato alla presente).
Il credito d'imposta
riconosciuto previa verifica, da parte del Ministero dei beni e delle
attivit culturali e del
turismo, dell'ammissibilit in ordine al rispetto
dei requisiti soggettivi
ed oggettivi e formali,
nonch nei limiti delle
risorse disponibili.
Entro sessanta giorni
dal termine di presentazione delle domande,
il predetto Ministero
comunica all'impresa il
riconoscimento ovvero
il diniego dell'agevolazione e, nel primo caso,
l'importo del credito
effettivamente spettante.
Il credito d'imposta in
oggetto non concorre alla
formazione del reddito,
ai fini delle imposte sui
redditi, e del valore della produzione, ai fini
dell'imposta regionale
sulle attivit produttive.
Il credito d'imposta va
indicato nella dichiarazione dei redditi relativa
al periodo d'imposta per
il quale concesso ed
utilizzabile esclusivamente in compensazione,
con le modalit stabilite
con provvedimento del
Direttore dell'Agenzia
delle Entrate. A tal fine, il
modello F24 deve essere
presentato esclusivamente tramite i servizi
telematici offerti dalla medesima Agenzia,
pena il rifiuto dell'operazione di versamento.
L'ammontare del credito d'imposta utilizzato
in compensazione non
deve eccedere l'importo
concesso dal Ministero
dei beni e delle attivit
culturali e del turismo,
pena lo scarto dell'operazione di versamento. Ai
fini del controllo di cui
al periodo precedente,
il Ministero dei beni e
delle attivit culturali
e del turismo, preventivamente alla comunicazione alle imprese
beneficiarie, trasmette

Sicilia 11

all'Agenzia delle Entrate,


con modalit telematiche
definite d'intesa, l'elenco
delle imprese ammesse
a fruire dell'agevolazione
e l'importo del credito concesso, nonch le
eventuali variazioni e
revoche.
Cause di revoca del
credito d'imposta
Il credito d'imposta, indebitamente concesso,
viene revocato: a) nel
caso che venga accertata
l'insussistenza di uno
dei requisiti soggettivi e
oggettivi sopra elencati;
b) nel caso che la documentazione presentata
contenga elementi non
veritieri o sia incompleta
rispetto a quella richiesta;
c) nel caso in cui non
venga rispettata, per la
fattispecie dell'acquisto di mobili e arredi,
la condizione secondo
la quale il beneficiario
non deve cedere a terzi
n destinare a finalit
estranee all'esercizio di
impresa i beni oggetto
degli investimenti prima del secondo periodo
d'imposta successivo.
Il credito d'imposta ,
altres, revocato in caso
di accertamento della falsit delle dichiarazioni
rese. Sono fatte salve le
eventuali conseguenze
di legge civile, penale
ed amministrativa e, in
ogni caso, si provvede
al recupero del beneficio
indebitamente fruito.
Osservatorio Confesercenti Sullandamento Del Credito
Alle Imprese
Le statistiche ufficiali
della Banca dItalia sul
credito alle imprese a
maggio 2015 certificano
una leggera contrazione
della dinamica tendenziale negativa registrata
ad aprile (- 2,2% su base
annua contro -2,6%),
confermando le difficolt
della ripresa, resa pi incerta dallinasprirsi della
crisi greca.
Includendo nellaggregato i prestiti non rilevati
nei bilanci bancari - in
quanto cartolarizzati - e
le variazioni dovute a
riclassificazioni e fluttuazioni del cambio, si
registra una dinamica
negativa meno severa
(-1,9% a maggio contro
-2,2% del mese precedente). La liquidit
attinta dalle banche italiane presso la BCE, nel

speciale

corso delle prime quattro


aste trimestrali del T-Ltro
(Targeted-Long term refinantial operations), non
riuscita evidentemente
a raggiungere il settore
produttivo, ovvero il
suo obiettivo principale,
continuando ad incanalarsi verso altri lidi. E
invece proseguito il calo
dei tassi dinteresse medi
applicati ai nuovi prestiti,
raggiungendo minimi da
record: 1,61% per i prestiti oltre 1 milione di euro a
maggio 2015, dal 1,77%
del mese precedente; per
i prestiti fino a 1 milione
3,00% dal 3,14% di aprile
2015.
Anzich maggiori finanziamenti, ad una cos
importante diminuzione
delle condizioni applicate ha corrisposto una
riduzione dello stock di
prestiti alle imprese, in
quanto le nuove operazioni concesse nel mese
di maggio sono risultate
inferiori alle operazioni
estinte. Il che pone in
evidenza il perdurare
del credit crunch delle
banche nei confronti
delle imprese, quantificabile da novembre 2011
a maggio 2015 in 121,8
miliardi di euro. Sotto
questo aspetto il Fondo
Monetario Internazionale in un suo recente
studio ha calcolato che
le sofferenze, che hanno
raggiunto quota 190
miliardi di euro a marzo
2015 con una crescita di
25 miliardi negli ultimi
dodici mesi assorbono il
6 per cento del capitale
delle banche italiane.
Se si attuasse lipotesi
bad bank solamente per
le sofferenze ci sarebbe
un credito aggiuntivo
per leconomia di oltre
50 miliardi di Euro, e
si attenuerebbe il peso
delle stesse sofferenze
dei Confidi o per cessioni
di attivo o per leventuale istituzione di una
sezione della bad bank
per Confidi medesimi.
E innegabile, comunque
che senza credito alle
imprese minori, che in
Italia contribuiscono alla
produzione ed alloccupazione molto pi che
nei principali partner
europei, la ripresa non
potr che essere modesta, e non stabilizzata,
perch i consumi interni
non alimentati dal credito
non potranno affiancare
lexport nel superamento
del ciclo negativo.

attualit 12

19 luglio 2015, domenica

Sicilia 19 luglio 2015, domenica

LOSSERVATORIO

Nellinerzia della politica nazionale, regionale, locale

LEuropa tedesca vieta le vongole


lunghe meno di 25 millimetri

Obiettivo (non dichiarato): distruggere le specificit territoriali

di Salvatore Maiorca

ra lEuropa tedesca
colpisce anche le vongole: non si possono
prendere se sono di
lunghezza inferiore a 25
millimetri. E la nostra
politica tace. Stavolta
tutta la politica: locale,
regionale, nazionale; a
cominciare dal governo
Rambo che obbedisce
ai tedeschi nel nome
dellEuropa.
Dopo il vino con zucchero e polverine, le
quote latte, i formaggi
con il latte in polvere,
il divieto della pajata
e dell'ossobuco alla
finanziera piemontese,
le obiezioni sulla pizza
cotta nel forno a legna,
ora lEuropa tedesca
cimpone anche il divieto delle vongole di
lunghezza inferiore a
25 millimetri. Il che
potrebbe anche passare
per le vongole allevate.
Ma per quelle pescate
come si fa?
La pajata (piatto tipico
romano: rigatoni con un

sugo di pomodoro e interiora di vitello) stata


riammessa laltro ieri,
dopo anni di divieto.

vongole. Per una vongola sotto misura, anche


una sola, scatta un'ammenda di 4mila euro. E

Se in un piatto servito
in trattoria viene trovato questo mollusco
bivalve sotto misura

Neoprotezionismo tedesco a tutela della mancanza


di peculiarit della gastronomia germanica, storicamente
importata un po dallAustria e un po dallUngheria
Ora si vuol distruggere
il mercato delle nostre

questo vale anche per i


ristoranti e le pescherie.

scatta l'ammenda per il


ristoratore, il commer-

ciante e il pescatore. E
c' pure una denuncia
penale per danneggiamento ambientale di
bene demaniale.
Ormai lobiettivo
chiaro: la Germania,
servendosi dellEuropa, vuole abbattere
tutte le specificit territoriali ed eliminare
la concorrenza che
potrebbe impensierire i
suoi produttori. A tutto
danno della qualit e
del gusto per i consumatori, del lavoro e del
reddito per produttori
e lavoratori nostrani.
Soprattutto nel settore
alimentare. In pratica
neoprotezionismo tedesco attraverso lEuropa.
La Germania non ha
infatti una propria tradizione in cucina e a
tavola: la cucina tedesca
un miscuglio dimportazione austriaca e
ungherese. E mal sopporta la concorrenza di
un Paese come lItalia
che invece in questo
settore va forte. Almeno
in questo settore.

regione Dopo lautosospensione del presidente della Regione


Non

c pace per la
legge regionale sugli
appalti appena approvata. Che ora, dopo il
terremoto CrocettaTutino, rischia il blocco. Come tutti gli altri
impegni regionali.
E il palazzolese Riccardo Messina, della
giunta regionale Aniem (Associazione nazionale imprese edili
medio-piccole) lancia
un appello ai deputati
regionali:
lautosospensione del presidente della Regione
non blocchi lapplicazione della nuova legge sugli appalti.
La legge stata approvata dallAssemblea
regionale lo scorso
giorno 7. E per la sua
applicazione sta per
essere emanata la circolare esplicativa. Un
eventuale blocco delle

Si scongiuri il blocco della nuova


legge regionale per gli appalti

Appello del palazzolese Riccardo Messina ai parlamentari

attivit regionali potrebbe bloccare anche


la emanazione di questa circolare. E quindi
bloccare lapplicazione della legge. A tutto
vantaggio di chi con
la vecchia normativa
ha fatto (e fa) affari di
dubbia natura.
Crocetta si autosospeso,
affidando
la reggenza a Baldo
Gucciardi, ex capogruppo del Pd allArs,
nominato
assessore
alla Sanit per sostituire la dimissionaria
Lucia Borsellino. E ha
motivato la decisione
con la pubblicazione,

sul settimanale LEspresso, della intercettazione di una telefonata tra lui e il suo
medico personale Matteo Tutino, attualmente agli arresti domiciliari: Lucia Borsellino,
avrebbe detto Tutino al
telefono con Crocetta,
va fatta fuori come
suo padre, cio come
Paolo Borsellino, il
magistrato saltato in
aria in via dAmelio il
19 luglio del 1992.
Crocetta peraltro ha
smentito questa conversazione telefonica.
E la procura della ReRiccardo Messina. A destra la riunione conclusiva pubblica di Palermo

Sicilia 13

prevede che, in sede


nazionale, vengano
elaborati piani di pesca
pluriennali, per le varie
specie e per le varie
zone, nel rispetto dei
principi di sostenibilit.
E il Governo italiano
pu proporre un piano
di rigetto che lUnione
Europea pu, temporaneamente, adottare.
Tutto questo il Governo
italiano non lha fatto.
N hanno fatto qualcosa
i nostri eurodeputati.
Del Nord come del Sud.
Anzi, dovrebbero essere innanzitutto quelli
del Sud a mobilitarsi,
perch queste vicende
colpiscono soprattutto i nostri territori.
E allora scatta la tagliola europea: per le
vongole, come per i
formaggi, per il vino,

e via discorrendo. La
verit ha sottolineato
il deputato Cinque stelle
- che il pugno ci deve
servire per bussare alla
porta del sottosegretario indagato Giuseppe
Castiglione (NCD) con
delega alla pesca perch elabori e invii al
pi presto un piano di
rigetto a Bruxelles, che
lo valuter secondo la
normativa vigente. La
Commissione Europea
ha gi chiarito che non
ci sono presupposti
scientifici per abbassare la taglia. Le uniche
alternative sono i piani
di rigetto oppure la
dimostrazione scientifica della possibilit
di abbassare la taglia
minima.
Come gi per latte
e formaggi e vino e

per tutto il resto ora


anche per la pesca interviene a sua volta la
Coldiretti. Corriamo il
rischio, afferma, che,
in nome della libera
concorrenza, vengano
snaturati anche i cibi pi
comuni. Il nodo della
questione il pericolo
che i cibi tradizionali di
Paesi come l'Italia, che
vantano una secolare
tradizione agricola ed
enogastronomica, vengano snaturati da norme
europee "livellatrici".
Al contrario, afferma
ancora Coldiretti, nessuna misura stata
adottata per impedire
che carne o formaggi
da animali importati e
non controllati e agrumi
importati e non controllati arrivino in tavola o
per evitare di mettere in
commercio vino senza
uva, formaggio senza
latte, cioccolato senza
cacao. E c anche la
proposta di abolire l'etichetta sul termine minimo di conservazione"
(la dicitura "Consumare
preferibilmente prima
del..").
La stessa protesta aveva
lanciato, la settimana
scorsa, dal nostro giornale, Antonino Gozzo
(Federcoltivatori).
Intanto sui mercati dilagano formaggi dimitazione come Parmesao,
Regianito, Cambozola:
i cibi italiani "strapazzati" all'estero. Sempre
nel silenzio e nellinerzia della politica italiana, siciliana, locale.

introdotta dalla nuova


legge. A riprova di
questa linea lingegner Messina cita uno
stralcio dalla relazione
della Direzione investigativa antimafia al
Parlamento: la criminalit
organizzata ricorre a nuove e
sfuggenti tecniche di
infiltrazione che han-

no sostituito la capacit di intimidazione


con due nuovi fattori
condizionanti: il ricorso al massimo ribasso
e la decisiva importanza contrattuale attribuita ai fattori temporali
molto ristretti per la
conclusione delle opere.
Superato infine il dubbio di legittimit costituzionale, che era stato
sollevato dal Pd Cracolici. La materia dei
lavori pubblici, stato
chiarito in aula ed ribadito nella circolare
attuativa, non rientra
fra quelle di competenza esclusiva dello
Stato. Lo puntualizzano due sentenze
della Corte costituzionale: la numero 268
del 2007 e la numero
303 del 2003. I lavori
pubblici, ha chiarito
la Consulta, rientrano
fra le materie soggette a potest legislative

concorrenti: lo Stato
determina i principi
fondamentali e le Regioni possono legiferare nel rispetto di quei
principi. Per di pi in
Sicilia, ha aggiunto la
Consulta, i fenomeni
particolarmente gravi
di pressione della criminalit organizzata
sulle amministrazioni
pubbliche rendono
ragionevolmente giustificate scelte normative pi severe.
La nuova normativa
frutto di una collaborazione di varie organizzazioni imprenditoriali
(delle quali Riccardo
Messina stato lelemento di punta) con
lassessorato di riferimento e tecnici del
settore. E potrebbe
diventare un esempio
per modificar anche il
sistema nazionale. E
un patrimonio che non
va disperso.
s.m.

Lennesimo diktat dopo il vino con zucchero


e polverine, le quote latte, i formaggi con il latte
in polvere, il divieto della pajata romana
e del piemontese ossobuco alla finanziera,
le obiezioni sulla pizza cotta nel forno a legna.
E il Governo non presenta i Piani di rigetto
Nonostante tutto ci la
politica non reagisce. E
tace. Ma qualcuno (al di
fuori della politica) s
svegliato. E i vongolari
italiani si sono riuniti
davanti alla Capitaneria
di porto di Venezia per
una manifestazione
nazionale di protesta
contro le norme europee. Il Sud invece tace.

Nella guerra dei millimetri i vongolari


hanno trovato un appoggio politico nella
Lega Nord. "Qui ci
sono di mezzo migliaia
di posti di lavoro, e non
devessere Bruxelles
a decidere le nostre
sorti" ha tuonato il segretario Matteo Salvini.
Domanda che sorge

spontanea: ma lui non


a sua volta un europarlamentare? E allora
lui, come gli altri, che
fa a Bruxelles?
C di pi. Un altro europarlamentare, Marco
Affronte, del Movimento 5 stelle, pur sostenendo le norme europee che
regolano le attivit di
pesca e limpatto sugli

Antonino Gozzo (Federcoltivatori). A sinistra pescatori di


vongole al lavoro. A destra la pulitura dei molluschi pescati

lha smentita a sua


volta. Ma la direzione de LEspresso lha
confermata e ribadita.
Tuttavia
lautosospensione di Crocetta
introduce ora un elemento anomalo nello
scacchiere
politicoamministrativo della
Regione. E il mondo
politico (e non solo)
in agitazione. Nuove
elezioni in Sicilia significherebbero la paralisi fino al prossimo
autunno inoltrato. E
poi? E poi rimane linterrogativo.
La nuova legge regionale modifica il criterio di aggiudicazione
degli appalti: sopprime labusato criterio
del massimo ribasso
e cambia i termini di
calcolo per lindividuazione dellofferta
anomala introducendo
una variabile aleatoria:
la prima cifra dopo la
virgola della somma

dei ribassi offerti dai


concorrenti ammessi.
Questa variabile
sottolinea
Riccardo
Messina, che questa
legge ha proposta, sostenuta, perfino scritta
introduce un criterio assolutamente non
manovrabile: quella
cifra dopo la virgola
della somma dei ribassi offerti dai concorrenti ammessi non
assolutamente prevedibile n influenzabile
da alcuno.
Soltanto cos sar possibile eliminare la piaga delle infiltrazioni
malavitose e offrire
alle piccole e medie
imprese le stesse possibilit delle grandi
per aggiudicarsi un appalto regionale. Il che
significa lavoro pulito.
E pari opportunit per
grandi e piccoli. Cosa
di estrema importanza.
Specialmente ora che
tutto fermo e quel

poco che si muove


aspramente conteso.
Con la nuova legge sar finalmente
possibile bloccare la
spirale perversa di ribassi sempre crescenti
sottolinea lingegner
Messina. Si arrivati a offerte di ribasso
superiore al 40-45 per
cento. Il che significa
rischi per la qualit
dellopera e per la sicurezza del lavoro. Ma
significa anche opportunit per il lavaggio
di danaro sporco. Chi
dispone di danaro sporco pu infatti permettersi di investire nella
esecuzione di unopera
pubblica rimettendoci
con ribassi spropositati: investe un milione
di euro sporchi, ce ne
rimette 200mila e se ne
esce con 800mila euro
puliti in cassa.
In questo modo ribadisce Riccardo Messina - sono state taglia-

stock ittici, precisa che


gli Stati membri hanno
possibilit dinterventi
correttivi sui rispettivi
territori.
La pesca, ricorda leurodeputato 5 stelle, sin
dagli anni Settanta,
regolata dalla cosiddetta Pcp (Politica
Comune della Pesca)
come lagricoltura dalla
pi nota Pac (Politica
agricola comunitaria).
La Pcp vuol garantire
la pescosit dei mari e
la loro conservazione
nel rispetto dellMSY
(Maximum Sustainable
Yeld, massimo rendimento sostenibile) ma
anche le attivit economiche collegate. E
c un aggiornamento
periodico.
Peraltro, precisa ancora Affronte, la PCP

te fuori dagli appalti


regionali tante imprese
pulite e sono state eseguite opere di dubbia
affidabilit. Ora basta
con questo sistema
perverso: il valore della soglia di anomalia
sar reso incontrollabile proprio grazie all'uso della variabile aleatoria e incontrollabile

attualit

SOCIET 14

Sicilia 19 LUGLIO 2015, DOMENICA

19 luglio 2014, domenica

Quale futuro
per lauto

Danzando e sognando
su una mattonella

a diesel - le pi inquinanti - sostituendole


gradualmente con le
auto ibride che, secondo stime ufficiali
raggiungeranno
il
60% del circolante,
infine,
necessariamente si passer alle
auto elettriche.
Le maggiori titubanze degli utenti allacquisto di unauto
elettrica sono: lattuale alto costo e la
difficolt di ricaricare
le batterie.
La Francia ed in altri
paesi stato messo in
atto un sistema molto
efficace: E il meccanismo bonus-malus.
A parit di costo per
il fisco, permette di
spostare ingenti risorse verso i veicoli
a zero emissioni. Le
auto pi inquinanti
diventano pi costose per via di alte

tasse
dacquisto,
dimmatricolazione o
del bollo. Con quello che si ricava si
incentivano i veicoli
elettrici. Questa soluzione in linea con la
direttiva comunitaria
secondo cui chi inquina paga. E pura
illusione che questo
avvenga in Italia in
quanto su ogni litro
di carburante vi sono
tasse, accise ed IVA
che gravano per un
buon 60% sul prezzo
della benzina e del
55% sul diesel.
Per quanto riguarda il problema della
ricarica , lEnel sta
investendo sul territorio per realizzare
uninfrastruttura di
ricarica capillare e
interoperante, con la
messa in servizio di
colonnine di distribuzione.

SPORT SIRACUSA

A pochi giorni dallinizio della preparazione, si tirano le prime somme

l traffico la principale causa delle


emissioni
climalteranti nelle nostre
citt producendo polveri sottili (PM10 e
PM2,50)
biossido
dazoto, benzopirene
e ozono.
Le citt con le auto
circolanti, sono la
sorgente di inquinamento pi rilevante
(fino al 65-75% delle polveri) Purtroppo questo numero
destinato a crescere
con laumento della
popolazione nei centri urbani.
Il problema dellinquinamento da auto
a combustione interna non riguarda per
soltanto le aree urbane.
A causa delle dimensioni ridotte delle
particelle e dei meccanismi di formazione in atmosfera,
il traffico impatta in
maniera
rilevante
ogni parte del globo.
Tutto ci premesso, ricordando che
lEuropa ha stabilito
che entro il 2020 la
media delle emissioni delle nuove auto
dovr essere di 95
grammi di CO, al kilometro, sar quindi
necessario immettere
sul mercato almeno
il 10% , veicoli ad
emissione zero.
Le previsioni tendono ad indicare la
scomparsa dei motori

Sicilia 15

In tali colonnine, la
presenza di un contatore
elettronico
garantisce linteroperosit delle stesse:
in pratica si possono
ricaricare le batterie della nostra auto
a prescindere da chi
sia il nostro fornitore
di energia e da quale
contratto siamo vincolati.
Pertanto le due remore maggiori allacquisto di unauto
elettrica dipendono
: per quanto riguarda il costo dacquisto
dalle decisioni del
Governo e per quanto riguarda la facilit
di ricarica, dallEnel Distribuzione la
quale, come abbiamo letto sta operando alacremente per
soddisfare quanta pi
clientela possibile.
Giorgio Guarnaccia

uesto lAmarcord n. 3, gi pubblicato


da Libert il 22 novembre 2009.
Non mai agevole scavalcare labisso fra
generazioni differenti per rifugiarsi nella
propria, ma rivedere sui teleschermi i nostri
divi canori di allora ci riporta indietro fino
agli anni dei loro disimpegnati motivetti, che
ci trasferivano in un universo irreale popolato
da noi sognatori. Negli anni sessanta Gianni
Morandi, Rita Pavone, Mina, Peppino di
Capri ed altri giovani artisti imperavano
nei quarantacinque giri immancabili nelle
nostre feste da ballo, ideate per festeggiare
ogni niente dettato dalla nostra perenne intraprendenza di studenti. Per incanto sparivano
per un po i dilemmi e i timori dellordinaria
vita scolastica dei giorni seguenti.
Era rilassante staccare la spina per immergerci nella temporanea serenit di un trattenimento animato, copioso di classici lenti
che andavano rigorosamente ballati su una
sola di quelle ampie mattonelle delle nostre
vecchie abitazioni. Le coppie occupavano
soltanto quelle porzioni di piastrelle utili
alle statiche danze, e stavano timidamente
allacciate guancia a guancia. Le compagne
di classe pi carine erano le preferite, mentre
si evitavano con decisa accortezza le placide
secchione, che da che mondo mondo abbondano di ottime virt, ma chiss perch
usano relegare sempre in un cantuccio il
raro dono dellavvenenza.
Erano quelle le occasioni propizie per ideare
i futili sogni da realizzare, in un incerto e
improbabile futuro di coppia, esternati nei
pochi minuti di durata di un disco. Lultima nota interrompeva ogni fantasticare,
da riprendere in compagnia della stessa
dama e mattonella, appena qualche disco
pi tardi. I motivetti pi accattivanti erano
E se domani e Il cielo in una stanza di
Mina, ed anche Nun peccato di Peppino di Capri che, con suadente complicit
canora, ci forniva una particolare energia
cerebrale per affrontare, con una singolare
logica dettata dalla musica, la ben diversa
realt nella quale eravamo immersi. Molti
balli del mattone culminavano in inevitabili epiloghi, ed alla fine pi dun ballerino
avrebbe faticato a ricomporre alla meglio
i pezzi del suo cuore infranto, prima della
successiva cotta inseguita con irragionevole
ostinazione.
Come potranno mai gli esuberanti giovani
dei nostri tempi, senza laccattivante complicit di unappropriata melodia, ideare
e vivere quella particolare atmosfera che
predispone lanimo ad alimentare nuovi sentimenti? I nostri rampolli, purtroppo, sono
ormai oltremodo assuefatti al rimbombo
di quelle mitragliate di note rumorose, e a
certe rischiose emozioni che li fanno uscire pressoch rimbecilliti dalle discoteche.
Come potranno mai cogliere, nel fracasso
assordante di un salone affollato, il magico
istante per sussurrare alla lei o al lui dei loro
sogni il magico e romantico ti voglio bene?

Siracusa: con due reparti ok


caccia al bomber da 20 gol

Ancora scoperto il ruolo di 2 portiere, piuttosto leggerina


per la D la difesa che rispetto alla scorsa stagione
ha perduto Pettinato - Ormai a posto il centrocampo

pochi giorni
dallinizio
della
preparazione
e con la tifoseria
in attesa del botto
finale che pu esserci ma che pu
anche non esserci,
possiamo tirare le
prime somme che
portano ad una
conclusione: squadra gi fatta per
il settantacinque
per cento. Affidato infatti il ruolo
di guardiapali a
Gianluca Scordino, ormai preclusa la strada che
portava a Fichera
per lalto costo del
portierino prima-

vera del Catania,


si guarda al possibile ritorno di
Massimo Fornoni,
in rotta col Rosolini, in trattative
col Real Avola,
ma che a Siracusa
tornerebbe pi che
volentieri.
In difesa Alacqua
potr disporre della linea della scorsa stagione con la
riconferma degli
esterni Liistro e
Santamaria e il ritorno dei centrali
Orefice e Zappal.
Un reparto piuttosto
leggerino
per la D che pur
potendo contare

sullapporto
dei
nuovi arrivi Daniele Messina e
Fabio
Tommaselli, ha perduto,
strada
facendo,
Pettinato, sicuramente lelemento di spicco della
passata stagione.
Pi completo e
meglio assortito
appare, tutto sommato, il centrocampo, che unitamente a Beppe
Mascara
potr
schierare il riconfermato Gianluca
Scarano e i nuovi
arrivi Sam Addamo, Simone Figura, lex brolese

Vito Lupo, lex


rosolinese Martines, e Francesco
Simonetti. Attacco
ancora incompleto
che pu contare
solo sul riconfermato
Giovanni
Petrullo e sul nuovo arrivo Antonio
Infimo, questultimo pi elemento
di manovra che
goleador.

Ed proprio su
questo reparto che
si stanno concentrando in questi
giorni le attenzioni
del diesse Alfredo
Finocchiaro che
deve fare i conti
con le difficolt di
mercato e col fatto
inconfutabile che
i bomber di razza
chi ce li ha se li
tiene.

Si far per questo


ruolo
probabilmente ricorso alla
lista degli svincolati con il probabile arrivo di qualche elemento da
tirare a lucido e da
rivitalizzare, terreno in cui Lorenzo
Alacqua ha dato
prova di saperci
fare.
Armando Galea

Calcio,Un goal a favore Nuovo partner commerciale per il Citt di Siracusa:


l'azienda Premier Group diventa il main sponsor
dell'integrazione
Fra mercato e la preparazione che

Prima edizione della "Partita dell'amicizia"

organizzata dall'Anolf Siracusa. In campo, in


una tre giorni di calcio a 5, oltre alla squadra organizzatrice, i quintetti della Ust Cisl
Ragusa Siracusa, di Emergency, del Siulp
Polizia di Stato, dell'USSI-Unione stampa
sportiva italiana, del Centro SPRAR Stella
Maris di Siracusa e della Consulta provinciale degli immigrati. Il torneo, che si svilupper
nelle giornate del 20, 21 e 27 luglio, si giocher nella struttura della Nuova Aurora di
viale Epipoli 136. "Lo sport il linguaggio
universale - ha sottolineato Grazia Girmena,
presidente dell'Anolf (Associazione oltre le
frontiere) di Siracusa - Al nostro invito hanno
risposto in tanti e questa prima edizione sar
una bella occasione di incontro.
Saranno tre giorni di sport e passione vera;
saranno soprattutto serate dedicate alla conoscenza reciproca". Fischio di inizio, con il
primo match, domani alle ore 20.

prender il via il prossimo 27 luglio,


la societ azzurra ha chiuso un importante accordo di sponsorizzazione Per le prossime due stagioni, sulle maglie degli azzurri ci sar infatti
il logo di Premier Group, holding
internazionale.
Una sponsorizzazione importante
spiega il Direttore generale Simona Marletta - per un nuovo modo
di fare marketing. Avevamo gi annunciato delle novit, e da questa
collaborazione, nascer anche la distribuzione dei nostri nuovi prodotti di merchandising e la vendita dei
tagliandi delle gare di campionato
e degli abbonamenti per le stagioni
2015-16 e 2016-17. A proposito di
campagna abbonamenti conclude
il dirigente azzurro- prender il via
il prossimo 3 agosto".
Soddisfazione anche da parte del patron di Premier Group, Fabio Lanzafame. Da siracusano un orgoglio
sostenere e sposare un progetto che
mira a far crescere la squadra della
mia citt.
E sulla stessa lunghezza donda anche il commento del Direttore generale di Premier Group, Antony
Angeloni. Siamo molto contenti di

Il dir. gen. Marletta con la famiglia del patron


dellazienda Premier Group, Fabio Lanzafame
abbracciare il progetto del Citt di
Siracusa, siamo pronti per questa
nuova avventura che sicuramente
far conoscere il nostro brand. Ho
riscontrato molto entusiasmo, e
sono convinto che questa sinergia ci
dar tante soddisfazioni.

Sicilia

SPORT PAGINA 16 19 luglio 2014, domenica

Vancheri:
"C'eravamo
prefissati
degli obiettivi che con
il lavoro
sono stati
ripagati"

Calcio,
per il
Palazzolo
arriva
l'attaccante Luca
Strano

In foto, i ragazzi
dell 'A1 maschile
sotto le ragazze
dell'A2 femminile.

Pallanuoto, qui la festa


Per lOrtigia festa di fine anno per una stagione da incorniciare
Serata

di festa,
per tutta la famiglia Ortigia per la
"doppia" promozione. In un locale a pochi passi
dallArea Marina
Protetta del Plemmirio, infatti, si
svolto un evento
di chiusura della
stagione biancoverde, che ha visto la presenza di
tutte le squadre di
pallanuoto, nuoto
e nuoto Master
del Circolo Canottieri Ortigia.
Un bel momento,
fortemente voluto dalla dirigenza per trascorrere
insieme
alcune
ore festeggiando,
cos, la promozione della squadra femminile in
A2, il ritorno di
quella
maschile in A1 e i buoni risultati delle
squadre giovanili
di nuoto e pallanuoto.
Quando abbiamo
intrapreso
questa avventura
ha detto il Presidente
Valerio
Vancheri ai pre-

Serata di festeggiamenti per la "famiglia" Ortigia che hanno voluto trascorrere alcune ore all'Area
Marina Protetta del Plemmirio i successi ottenuti sia in campo maschile che in quelli femminili.

senti ceravamo
prefissati
degli
obiettivi che con
il lavoro sono stati ripagati.
Questo,
anche
grazie al forte

senso di appartenenza che ognuno


di voi ha sentito
verso questi colori e questa societ che ha fatto la
storia dello sport

siracusano. Una
societ, nata nel
1928, che rappresenta ancora oggi
una realt nel panorama nazionale
e che, come dice

sempre il nostro
allenatore
della
squadra maschile
Gino Leone, non
molla mai. LOrtigia siete voi, e
tutta la dirigenza non pu che
ringraziarvi ha
concluso Vancheri.

opo aver rinforzato la difesa con


il ritorno di Danilo Ulma, la societ iblea piazza un
altro importantissimo colpo di
mercato, che, nella stagione ormai
vicinissima al via,
potrebbe davvero
fare la differenza:
ieri sera, infatti,
lattaccante classe
1983 Luca Strano,
lanno scorso in
forza al Siracusa,
ha detto s al nuovo ed ambizioso progetto del
Palazzolo.
A comunicare lingaggio del forte
attaccante catanese, che nella sua
florida
carriera
ha anche militato
anche nel Vittoria, nellAdrano e
nellAkragas, sono
stati, questa mattina, il direttore
generale Gigi Calabrese ed il presidente Graziano
Cutrufo.
Si tratta ha tenuto a sottolineare il patron del
Palazzolo di un
giocatore dal valore
indiscusso
che inseguivamo
da tempo e che di
sicuro far la differenza. Sempre
ieri mattina, infine, nellattesa di
conoscere
delle
novit su un possibile ripescaggio
del Palazzolo nel
campionato di Eccellenza, lo staff
tecnico dei gialloverdi si allargato
grazie allarrivo
del nuovo preparatore atletico, che
sar Carmelo Accaputo.

Interessi correlati