Sei sulla pagina 1di 20

CHIETI

Pagina 1 di 20

INDICE

1. Democrazia Partecipata e Denaro pubblico (pg. 4 - 6)

2. Cultura, Turismo e Attivit Produttive (pg. 7 - 10)

3. Ambiente Energia e Salute (pg. 11 - 13)

4. Urbanistica e mobilit (pg. 14 - 15)

5. Connettivit e Politiche Sociali e Sport (pg. 16 - 18)

Pagina 2 di 20

PREMESSA
Il MoVimento 5 Stelle nasce come libera associazione di cittadini. Non rappresenta le solite
ideologie di sinistra o di destra ma promuove le idee. Riconosce alla totalit dei cittadini il ruolo di
governo ed indirizzo politico che purtroppo, per abitudine, attribuito a pochi.
Per il MoVimento 5 Stelle la condivisione delle idee una scelta logica e naturale: i cittadini
devono tornare ad essere lunico centro di interesse a cui gli amministratori locali devono
rispondere. Chi amministra deve essere guidato dalle scelte politiche decise dai cittadini e non
dalle logiche di partito totalmente asservite ai poteri economici.
Per questo motivo il programma che abbiamo realizzato e che vogliamo attuare per la citt di
Chieti il frutto di una collaborazione attiva tra le persone che hanno scelto di partecipare
attivamente alle iniziative pensate e volute per migliorare la nostra citt.
Il programma stesso suscettibile ad essere ampliato con nuove idee e proposte avanzate in
modo consapevole e non strumentale. Troppe volte i programmi dei partiti politici sono stati redatti
a soli fini propagandistici. Le idee e le soluzioni proposte dal MoVimento 5 Stelle partono dal
basso, sono semplici, richiedono un impegno di spesa in molti casi minimo e sono svincolate dalle
logiche di partito, incentrate sulla conservazione dei privilegi auto attribuiti.
Il MoVimento 5 Stelle una forza che si fonda sullonest delle persone che ne fanno parte attiva. I
nostri candidati alle elezioni amministrative sono operai, impiegati, artigiani, commercianti, docenti,
liberi professionisti, rappresentano il tessuto sociale nella sua interezza e porteranno in dote,
allinterno dellistituzione comunale, lentusiasmo, la propria cultura e le esperienze quotidiane, ma
soprattutto la forza dellonest.
Lobbligo che ciascuno ha assunto di abbandonare la politica dopo il secondo mandato la
migliore garanzia che limpegno finalizzato solo ed esclusivamente al bene della citt.
Per fugare ogni possibilit di equivoco ribadiamo che i nostri candidati:
Sono tutti incensurati;
Non hanno tessere di partito;
Si impegnano a non fare politica per professione accettando, al massimo, due mandati elettorali;
Non fanno parte di associazioni segrete o comunque contrarie ai principi costituzionali;
In caso di elezione tutti si impegnano a:
Dedicare all'incarico tutto il tempo necessario a garantire la presenza nella sede istituzionale per
svolgere al meglio il lavoro e le funzioni;
Rifiutare i doppi incarichi (i consiglieri non potranno accettare altri incarichi);
Discutere con cadenza il loro operato in Consiglio;
Incontrare i cittadini (anche attraverso i rappresentanti dei Comitati di Quartiere) per ascoltare
proposte ed idee da rappresentare al Consiglio Comunale;
Pubblicare sul sito del Comune lo stipendio, i rimborsi e/o i gettoni di presenza percepiti dal
Comune unitamente al quadro delle presenze al Consiglio ed ai lavori delle Commissioni;
Pubblicare il registro delle spese;
Abbiamo unimmagine ben precisa della nostra citt anche grazie alla partecipazione ed alla
condivisione a cui abbiamo gi dato vita chiedendo a tutti i cittadini di esprimere idee e proposte.
Questo programma ne rappresenta la sintesi.

Pagina 3 di 20

1.Democrazia Partecipata e Denaro Pubblico

1.1. Democrazia Diretta


Il Testo Unico sugli Enti Locali (D.Lgs 267/2000) prevede listituzione di strumenti di democrazia
diretta ma le amministrazioni comunali sembrano restie a modificare i propri Statuti per darvi
concreta attuazione.
Noi riteniamo che la democrazia diretta sia lunico strumento in grado di riportare le persone al
governo della citt, affinch siano realmente tutelati gli interessi della collettivit e non di pochi e
privilegiati centri di potere.
Gli strumenti necessari ad attuare la democrazia diretta possono favorire la nascita di un tessuto
sociale pi coeso e consapevole e poggiato su solide basi di solidariet e condivisione.
Intendiamo quindi realizzare sin da subito delle importanti iniziative consistenti nel:

Inserimento nello Statuto Comunale del Referendum consultivo su materie di esclusivo


interesse locale indetto mediante richiesta da parte di almeno il 3% degli aventi diritto al voto,
con abolizione del quorum per la validit del voto e previsione di date fisse annuali in cui far
svolgere le eventuali consultazioni;
Favorire la nascita dei Comitati di quartiere e riconoscerli allinterno dello Statuto comunale
quale organi aventi il compito di realizzare ed attuare la democrazia partecipata o diretta;
Introduzione nello Statuto del Comune dellistituto del Bilancio Partecipato quale ulteriore forma
di partecipazione diretta dei cittadini allamministrazione della cosa pubblica.

Pagina 4 di 20

Grazie ai Comitati di quartiere i cittadini saranno in grado di individuare ed evidenziare le


specifiche esigenze delle singole zone della citt al fine di valorizzarle cos da orientare la
formazione del bilancio preventivo comunale. In tal modo lEnte potrebbe destinare fondi specifici
per soddisfare le priorit indicate dai cittadini stessi per le singole zone in cui divisa la citt di
Chieti.
Tali interventi non prevedono costi di attuazione.
Il MoVimento 5 Stelle di Chieti sta inoltre verificando lopportunit di procedere alla scelta degli
Assessori comunali attraverso una procedura pubblica tale da garantire la meritocrazia e quindi la
massima professionalit da parte dei componenti la giunta. In ogni caso il Movimento 5 Stelle di
Chieti non proceder a nominare Assessori tra i Consiglieri Comunali eletti.

1.2. Trasparenza dellAmministrazione


Riteniamo che allo scopo di favorire la partecipazione attiva da parte dei cittadini e per assicurare
la massima diffusione delle informazioni, sia assolutamente necessario realizzare gli interventi tesi
a far conoscere, in tempo reale tutti i dati relativi allazione amministrativa. Per questo motivo
vogliamo:

Rendere realmente trasparente il Bilancio del Comune attraverso la pubblicazione sul sito web,

in formato pdf (liberamente accessibile e scaricabile), insieme a tutti i documenti necessari ad


illustrarlo e renderlo realmente comprensibile ai cittadini;
Istituire la diretta streaming delle sedute del Consiglio Comunale;
Pubblicare sul sito istituzionale tutti i contratti relativi agli appalti affidati dal Comune, con
monitoraggio periodico (almeno trimestrale) e relazione, dello stato di avanzamento dei lavori;
Istituire una newsletter periodica dal portale web del Comune relativa alle attivit di Giunta e
Consiglio.
Migliorare e potenziare il sito internet del Comune di Chieti in modo da renderlo pi efficace e
funzionale;
Adozione della c.d. Carta di Pisa allinterno dello Statuto comunale;

1.3. Informatizzazione e digitalizzazione dellAmministrazione


Riteniamo infine che unamministrazione efficiente ed efficace debba riuscire a sfruttare le risorse
tecnologiche disponibili ed alla portata di tutti e che, allo stesso tempo, debba impegnarsi per
contribuire alla massima diffusione di tali tecnologie affinch tutti ne possano giovare. A tal fine
intendiamo agire per la realizzazione di:

Progetto di alfabetizzazione informatica a favore di chiunque ne avesse bisogno, da realizzare

anche mediante il coinvolgimento di istituti scolastici, universitari e associazioni culturali e di


volontariato;
Potenziamento e miglioramento dello Sportello Telematico gi esistente al fine di favorire lo
snellimento delle procedure di consultazione dei documenti e le richieste di servizi da erogare
dagli uffici comunali;
Studio e progettazione di un sistema di prenotazione online degli appuntamenti presso gli Uffici
comunali per chiunque debba svolgere attivit burocratiche;
Progetto per la creazione di unIdentit Digitale Amministrativa estesa a tutti i cittadini di Chieti al
fine di favorire la comunicazione tra lente ed il privato mediante linvio di avvisi con modalit
telematica riguardanti il territorio (es. possibili interruzioni di forniture di servizi), e/o, pi in
generale lattivit amministrativa che riguarda il cittadino;
Predisposizione di questionari on-line, periodici, per la valutazione ed il migliore controllo della
qualit dei servizi comunali.

Pagina 5 di 20

1.4 Amministrazione virtuosa delle risorse economiche

Un altro pilastro del governo a 5 stelle rappresentato dalla razionalizzazione delle risorse
economiche necessaria sia per far fronte alle diminuite erogazioni da parte dello Stato, sia per
eliminare gli sprechi che troppo spesso si annidano negli ingranaggi della macchina amministrativa
sino a paralizzarne lazione.
Lazione amministrativa della Giunta a 5 Stelle deve tuttavia confrontarsi con la realt dei dati che
emergono dal Bilancio del Comune, un bilancio che negli ultimi due anni (preventivo e consuntivo
2013 e preventivo 2014) non ha superato il vaglio critico del Collegio dei Revisori convinti della
presenza di alterazioni significative che lo rendono inattendibile.
Gli interventi in tale ambito sono quindi destinati da un lato alla necessaria riduzione delle spese e
dallaltro alla previsione di meccanismi che possano valorizzare le attivit e le figure professionali
meritevoli. Intendiamo quindi istituire:
Vincolo del gettone di presenza per i Consiglieri comunali alla effettiva partecipazione ad almeno
il 75% della durata della seduta o comunque al 75% dei punti allordine del giorno;
Valorizzazione delle figure professionali gi presenti nellorganico comunale con contestuale
progressiva diminuzione degli incarichi affidati a professionisti e consulenti non dipendenti
dallente;
Valorizzazione degli strumenti, gi previsti dal Comune di Chieti, tesi a garantire la meritocrazia
allinterno degli uffici comunali per incentivare il costante miglioramento dei servizi mediante
attuazione della Delibera 820/2011 - Sistema di misurazione e valutazione delle performance ex
D. Lgs 150/2009;
Analisi delle retribuzioni dei dirigenti del Comune e delle societ partecipate al fine di applicare
eventuali revisioni nella parte eccedente la retribuzione di posizione con previsione di
meccanismi premiali legati alleffettivo rendimento;
Aggiornamento del censimento degli immobili comunali e pubblicazione dei contratti di locazione
stipulati dal Comune sia in veste di conduttore sia in veste di locatore onde attuare la normativa
gi esistente sulla trasparenza;
Analisi e studio dellattivit delle societ partecipate (Teate Servizi e Chieti Solidale), finalizzato
alla razionalizzazione delle stesse, delle attivit e dei costi;
Riduzione dei capitoli di spesa relativi al pagamento delle licenze software mediante lutilizzo di
programmi open source e delle spese relative alle utenze telefoniche mediante luso dei sistemi
di telefonia via Internet (VOIP) in tutti gli uffici comunali;
Riduzione della spesa energetica pubblica attraverso gli strumenti meglio descritti nel paragrafo
Energia

Pagina 6 di 20

2.Cultura, Turismo e Attivit Produttive

2.1 Valorizzazione del patrimonio culturale


La cultura di un popolo la sua stessa identit mentre il Turismo condivisione di quella identit,
scambio, significa portare verso lesterno le nostre tradizioni e le nostre eccellenze. Cultura e
turismo sono dunque settori fondamentali per leconomia cittadina, il turismo vitale per
leconomia di una citt di cultura come Chieti. Per poter incentivare lofferta turistica e la
corrispondente domanda quindi necessario valorizzare le nostre risorse locali, ci che possiamo
offrire in termini di patrimonio storico, artistico e naturale.
Chieti ha una storia millenaria, da sempre il vanto della citt e dobbiamo valorizzarla nel modo
pi adeguato.
Vogliamo che Chieti si affermi come capoluogo della cultura, come centro promotore di iniziative
ed eventi anche al di fuori del suo territorio ed in collaborazione con gli altri comuni limitrofi.
Siamo convinti che il Comune debba intraprendere una fattiva collaborazione con le altre
istituzioni, come la Soprintendenza dei Beni Culturali e lUniversit, al fine di rendere pi efficace
lazione di recupero, di valorizzazione e di promozione del patrimonio culturale.
Di seguito le iniziative che vogliamo intraprendere:

Riattivare lUfficio Informativo (Infopoint) affinch si occupi della promozione di tutti i beni

culturali presenti nella citt di Chieti, sia quelli appartenenti e gestiti dal Comune, sia quelli
appartenenti e gestiti dalla Soprintendenza. LInfopoint potr essere gestito in collaborazione tra
le Associazioni culturali gi attive e operanti in citt e lUniversit in modo da fornire
unoccasione agli studenti per frequentare stages formativi;
Collocare su tutti gli edifici, pubblici e privati - che abbiano interesse storico-artistico - o in
prossimit degli stessi, un pannello contenente tutte le indicazioni utili al turista ed al cittadino
per conoscere le informazioni pi interessanti relative al singolo edificio o reperto;
Collocare il Teatro Marrucino al vertice della promozione culturale istituendo un portale dedicato
all'integrazione dei vari enti ed associazioni culturali che operano a Chieti;
Valorizzare, anche attraverso i Comitati di Quartiere, le richieste dei servizi culturali provenienti
dai cittadini, cercando di favorire le risorse della comunit e le Associazioni culturali locali;
Istituzione di borse di studio e/o premi finanziate con parte dei risparmi ottenuti dalla
razionalizzazione delle spese (es. adeguamento dei compensi dei dirigenti comunali) dedicate a
chi proponga le migliori idee per il turismo e l'organizzazione di eventi culturali;

Pagina 7 di 20

Riteniamo che il Comune di Chieti debba istituire un tavolo permanente con lUniversit e la

Soprintendenza al fine di studiare progetti che, con minima spesa, possano condurre a risultati
significativi come, a titolo esemplificativo, lo studio di un progetto per la creazione di una
rassegna nazionale dei Centri Universitari Teatrali o la creazione di un laboratorio artistico
permanente dove possano trovare spazio tutte le arti, da quelle classiche a quelle che utilizzano
le pi avanzate risorse tecnologiche;
La collaborazione con lUniversit pu inoltre favorire la sinergia tra il corso di Laurea in
Archeologia e le associazioni di speleologia presenti ed operanti sul territorio; anche in questo
caso la collaborazione potrebbe condurre alla valorizzazione delle risorse della Chieti
sotterranea e dei siti archeologici che oggi sono in gran parte sconosciuti al pubblico. Tale
collaborazione, oltre a valorizzare e promuovere tale patrimonio, potr fornire importanti
strumenti di studio a studenti e docenti universitari al fine di consolidare la collaborazione tra
territorio ed Universit;
La riqualificazione diffusa dei siti di interesse archeologico e storico artistico (Terme Romane,
Templi romani, Musei) anche in collaborazione con lUniversit e la Soprintendenza;
Recuperare la Biblioteca Comunale di Chieti Scalo affinch acquisti una dimensione moderna e
diventi luogo di incontro e scambio di esperienze culturali;
Istituire un premio relativo allo studio, progettazione e realizzazione di un marchio riferibile alla
Citt di Chieti da attribuire alle eccellenze cittadine come le attivit artigianali e/o commerciali
che si distinguono per particolari caratteristiche di pregio o anche a prodotti e/o servizi locali;
Istituire piccoli spazi in zone specifiche della citt (Corso Marrucino, Piazzale Marconi) per le
esibizioni degli artisti di strada in modo da creare un circuito virtuoso che possa valorizzare i pi
meritevoli cos come accade in molte citt europee;
Curare lorganizzazione delle manifestazioni culturali classiche che negli ultimi anni, in parte a
causa della crisi finanziaria, hanno risentito di un vistoso calo di presenze ed al tempo stesso,
organizzare eventi satellite che possano promuovere la citt di Chieti come polo attrattivo per il
turismo culturale destinato ai giovani, con particolare attenzione al rapporto tra Universit Studenti - Territorio di Chieti Scalo;
Promuovere, in collaborazione con la Curia Arcivescovile, la Processione del Venerd Santo al
fine di realizzare il progetto di inserimento allinterno del patrimonio culturale dellUNESCO;
Introduzione di un sistema di valutazione delle societ sportive che gestiscono gli impianti
sportivi comunali nellottica di realizzare un premio annuale da destinare alle societ pi
meritevoli;

2.2. Turismo

Attraverso la valorizzazione delle risorse culturali e con un investimento minimo riteniamo sia
possibile ampliare lofferta turistica che, a sua volta avrebbe notevoli effetti positivi sulleconomia
locale.
A tal riguardo riteniamo che la politica corretta da intraprendere in tale direzione si debba basare
sullo sviluppo di unOfferta Turistica Integrata.

Pagina 8 di 20

Per poter perseguire questo obiettivo occorre che lamministrazione consideri il turismo come un
settore strategico che necessita della massima collaborazione tra i vari Uffici dellente
(coordinamento tra gli Assessorati), i vari soggetti pubblici interessati (ad esempio la
Soprintendenza ai beni culturali) ed i soggetti privati.
Riteniamo pertanto fondamentale listituzione di protocolli dintesa che possano:
Rafforzare limmagine del territorio teatino ottenendo cos un deciso incremento di visibilit;
Migliorare la qualit dellofferta turistica con maggiore diffusione dei servizi fruibili;
Razionalizzare e rendere pi efficienti le infrastrutture comunali da destinare allofferta turistica;
Realizzare dei Percorsi Turistici Integrati che pongano il turista ed il cittadino in condizione di
godere contemporaneamente, di cultura, ambiente ed enogastronomia in un punto di incontro
ideale con ci che il nostro territorio pu offrire;
In tale ottica risultano favorite le iniziative commerciali private con maggiori possibilit di
sviluppo economico ed offerte di lavoro e risulta contemporaneamente potenziata lofferta ai
turisti.
LAmministrazione a 5 Stelle vuole pertanto:

Listituzione di un tavolo di lavoro permanente tra Comune, Associazioni culturali, Associazioni di

categoria ed Enti di promozione turistica che operano anche al di fuori del territorio del Comune
di Chieti al fine di costituire una rete efficiente per la concreta realizzazione di unOfferta
Turistica Integrata che preveda, per esempio, anche la promozione e la valorizzazione
dellartigianato locale;
La conseguente introduzione di Mappe Turistiche Intelligenti, costantemente aggiornate che
contemplino la possibilit di fruire, in un unico percorso, dellofferta enogastronomica unita alle
visite dei beni storici, artistici e archeologici, la scoperta delle arti e dei mestieri, antichi e
moderni e le manifestazioni locali;
LIstituzione di una Carta dei Servizi Turistici che permetta agevolazioni, e pacchetti di offerte,
relativi ad esempio, agli acquisti con esercizi commerciali convenzionati, allingresso ai musei, ai
servizi di trasporto, o a tariffe agevolate;
Il potenziamento dellattrattiva della Citt di Chieti nei confronti del turismo religioso e di quello
scolastico da realizzarsi attraverso una specifica campagna promozionale;
Dar vita ad un progetto di studio per la fattibilit del c.d. Albergo Diffuso che possa contribuire
non solo a migliorare lofferta turistica ma anche ed allo stesso tempo, recuperare e valorizzare
il patrimonio immobiliare;

2.3. Attivit produttive


Il MoVimento 5 Stelle di Chieti ritiene che lamministrazione comunale debba attuare tutte le
politiche necessarie al fine di migliorare le possibilit occupazionali sul proprio territorio e, pi in
generale per incrementare leconomia locale.
A tal fine la Giunta a 5 Stelle intende agire per:

Incrementare e migliorare le relazioni tra Comune ed associazioni di categoria al fine di


garantire un reale sostegno da parte dellamministrazione alle nuove imprese ed a quelle gi
esistenti;
Individuare gli immobili comunali disponibili ad ospitare uffici da assegnare, anche tramite bandi
comunali, a canoni agevolati per il periodo iniziale, (primi tre anni) alle nuove imprese, anche in
situazione di co-working ovvero di condivisione degli spazi di lavoro al fine di favorire le sinergie
tra le diverse imprese ed i lavoratori;
Collaborare con le facolt universitarie per lo studio di progetti volti alla realizzazione degli
incubatori di imprese sul territorio comunale anche mediante lo sfruttamento degli immobili
comunali attualmente inutilizzati;

Pagina 9 di 20

Realizzazione di progetti per lindividuazione, tramite bando comunale, dei negozi storici del
Comune di Chieti ovvero tutte quelle attivit commerciali presenti sul territorio comunale da
almeno 30 anni o che abbiano segni distintivi ed insegne di acquisito pregio, per la creazione di
un elenco di attivit commerciali cui destinare il riconoscimento di negozio storico con
conseguente sgravio parziale o totale dei tributi comunali dovuti per occupazione di suolo
pubblico ed insegne;
Sperimentazione del sistema di utilizzo di soggetti inoccupati per la realizzazione di lavori
socialmente utili come pulizia del verde cittadino e piccole opere di manutenzione degli immobili
pubblici e pagamento del compenso mediante buoni di consumo da spendere negli esercizi
commerciali cittadini;
Studio di un piano di sostegno al reddito da realizzare mediante il recupero delle risorse
economiche derivante anche dalla revisione dei compensi per i dirigenti del Comune e delle
societ partecipate.

2.4. Agricoltura

Riteniamo che lagricoltura debba avere un ruolo fondamentale nello sviluppo economico della
nostra citt la cui impronta industriale, almeno intesa nellaccezione classica, sembra ormai
destinata a sparire.
La nostra idea quella di promuovere, attraverso le attivit agricole, uneconomia etica e solidale
sul territorio teatino attraverso:

Moratoria sul cambio di destinazione duso dei terreni agricoli al fine di recuperare la terra intesa

come bene comune e favorire lagricoltura e la coltivazione;


Favorire la coltivazione di prodotti tipici locali in gradi di acquisire un elevato indice di qualit;
Politiche di sviluppo degli "orti urbani" anche favorendo la collaborazione e la cooperazione tra
gli istituti scolastici, i cittadini, le associazioni e i comitati di quartiere;
Studio di progetti che possano sostenere la connessione tra la piccola produzione agricola e la
rete di distribuzione e vendita locale;
Favorire lo sviluppo dei Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.);
Collaborazione con lUniversit per la diffusione delle informazioni relative al consumo di prodotti
naturali, biologici e a chilometri zero connessi con la tutela della salute;
Siamo inoltre impegnati nello studio per la realizzazione di Agroasili in quelle parti del territorio
cittadino in cui lagricoltura ancora ben sviluppata ed fonte di lavoro e reddito. Gli agro-asili
infatti, realizzati all'interno di fattorie e aziende agricole, rappresentano al tempo stesso, un
modo per aiutare chi vive in campagna a trovare un luogo dove lasciare i figli mentre lavora e
un'occasione per chi vive in citt di far godere ai propri figli la natura con tutti i vantaggi a ci
connessi;
Allo stesso tempo intendiamo concludere accordi con i produttori locali e con le aziende che
erogano il servizio mensa nelle scuole comunali affinch siano utilizzati prodotti biologici
provenienti dalle colture locali (Km. Zero).

Pagina 10 di 20

3. Ambiente, Energia e Salute

3.1. Acqua Pubblica e Rete Fognaria


Anche a Chieti il Movimento 5 Stelle intende affermare il diritto fondamentale allacqua, e
persegue la tutela della sovranit pubblica del ciclo dell'acqua, in accordo con i principi
fondamentali promossi su tutto il territorio nazionale;
Vogliamo che la qualit dellAcqua pubblica sia certificata con il massimo grado di certezza e che
le analisi siano effettuate con cadenza almeno semestrale e pubblicate prontamente sul sito
istituzionale del Comune;
Riteniamo che siano necessarie, la municipalizzazione, lincremento e la gestione diretta delle
Case dellacqua a servizio di tutti i cittadini, sullintero territorio comunale;
Crediamo nello studio e nella progettazione di una rete di raccolta delle acque piovane da
utilizzare in sostituzione dellacqua potabile, al fine di ridurne gli sprechi e gli usi non destinati al
consumo umano;
E premura del Movimento 5 Stelle aggiornare la mappa delle zone cittadine non adeguatamente
servite dalla rete fognaria ed adottare quelle misure tese al completamento della stessa in accordo
con lAzienda Comprensoriale Acquedottistica S.p.A.

3.2. Ambiente e lotta allinquinamento urbano


In accordo con la politica di riduzione delle immissioni di gas serra e per consegnare ai cittadini di
Chieti una citt pi vivibile, nostra intenzione realizzare uno studio che renda adottabili e
soprattutto condivise le strategie destinate a ridurre luso delle auto private e ad incentivare,
contestualmente, il servizio di trasporto pubblico.

Pagina 11 di 20

Un altro fondamentale passo in tal senso quello di istituire un servizio di controllo della qualit
dellaria, soprattutto nella zona di Chieti Scalo, che possa monitorare costantemente e non con
cadenze casuali, la qualit dellaria che respiriamo;
Intendiamo incentivare la creazione di aree verdi, anche da parte dei privati e destinare comunque
le propriet comunali inutilizzate alla creazione di nuovi parchi attrezzati che possano fungere da
poli attrattivi e ricreativi per tutti, a prescindere dalla fascia di et di appartenenza. Un primo
importante intervento da compiere in tal senso, il recupero dellarea denominata Parco Fluviale
sita nei pressi del Centro Commerciale Megal, di fatto abbandonata ed utilizzata al pari di una
discarica. Intendiamo recuperare e bonificare tale area per donarla alla fruibilit di tutti i cittadini di
Chieti, dai bambini agli anziani;
Allo stesso tempo riteniamo che sia da perseguire una politica di tolleranza zero nei confronti di
chi sporca ed inquina la citt. Ogni azione in tal senso sar preceduta da unadeguata politica di
informazione ma verranno comunque intraprese iniziative volte a neutralizzare anche quei
comportamenti a cui si fa meno attenzione come gettare carte per la strada.
Vogliamo che la citt di Chieti diventi un Comune Attivo e sia inserita allinterno del circuito
Decoro Urbano sistema che attraverso la partecipazione diretta dei cittadini, contribuisce a
segnalare le zone in cui sono presenti criticit agli amministratori che anche in relazione al tipo di
segnalazione, sono in grado di programmare con maggiore efficacia ed efficienza gli interventi da
eseguire;

3.3. Gestione dei Rifiuti

Adesione alla campagna nazionale Rifiuti Zero;


Introduzione ed attuazione del principio pi ricicli e meno paghi mediante ladozione di

raccoglitori per rifiuti indifferenziati dotati di microchip per il controllo della quantit di rifiuto
prodotto e contestuale adozione della tariffa puntuale per la Tassa sullo smaltimento dei rifiuti;
Attuazione di un piano quinquennale teso al raggiungimento del 90% di raccolta differenziata;
Tavoli di lavoro con le associazioni di categoria per il raggiungimento di accordi per la creazione
di una rete di Raccoglitori Multimateriale, erogatori di buoni spesa presso gli esercizi
commerciali;
Creazione di laboratori di riuso anche attraverso la collaborazione con le associazioni di
volontariato per il trashware ovvero il recupero di hardware dai vecchi PC al fine di comporne
di nuovi, perfettamente funzionanti da destinare alle scuole comunali e non;
Studio ed attuazione di politiche tese allinserimento della Citt di Chieti allinterno
dellAssociazione dei Comuni Virtuosi;
Studio di fattibilit di un sistema che tenda allo sviluppo del consumo sostenibile tramite
l'organizzazione della raccolta, presso supermercati, bar e altri centri commerciali, di tutti quei
beni che, in quanto vicini alla scadenza o per imperfezioni estetiche, risultano non vendibili e
vengono dunque smaltiti dai rivenditori. Queste risorse, di solito inutilizzate possono essere
prelevate e messe a servizio della comunit dei cittadini indigenti, dei senza tetto, delle Onlus e
delle associazioni di beneficenza;
Installazione di appositi cestini per raccolta differenziata nei luoghi pubblici.

Pagina 12 di 20

3.4. Energia

Realizzazione di un Piano Comunale per lIlluminazione Pubblica in accordo a quanto gi

previsto in materia di razionale gestione delle risorse economiche;


Progetto per la formazione di una diagnosi energetica in tutti gli edifici pubblici dotati di
impianto termico centralizzato;
Censimento informatizzato degli impianti termici;
Progettazione di sistemi che portino allIncentivazione dellutilizzo di energie alternative e
rinnovabili per gli edifici comunali da realizzarsi, anche con piani di programmazione
quinquennale, attraverso il ricorso a finanziamenti europei anche in vista della razionalizzazione
della spesa pubblica;
Campagne di sensibilizzazione sullimportanza del risparmio energetico;
Applicazione immediata della normativa, gi prevista dalla legge 10/91 e successive modifiche
sulla certificazione energetica degli edifici;
Definizione della classe C della provincia di Bolzano come livello massimo di consumi per la
concessione delle licenze edilizie relative sia alle nuove costruzioni, sia alle ristrutturazioni di
edifici esistenti.

3.5. Salute

Valutazione della qualit dellambiente e misurazioni dei dati di inquinamento strutturando


eventuali programmi di recupero;

Diffusione del verde pubblico quale elemento necessario per lottimizzazione delle condizioni
bioclimatiche ideali;
Incentivazione della produzione locale di prodotti da agricoltura biologica favorendo la fornitura
di questi alle strutture locali come le mense scolastiche, e nei mercati a km0;
Favorire la collaborazione tra Comune, ASL e Universit affinch si posa istituire un servizio di
Guardia Medica sul territoriodi Chieti Scalo dedicata agli studenti universitari. Sono infatti circa
20.000 (Ventimila) gli studenti sprovvisti di un medico referente che sono obbligati a recarsi in
ospedale per ogni esigenza. Listituzione della Guardia Medica potrebbe condurre ad un
decongestionamento del presidio ospedaliero;
Collaborazione con la ASL Lanciano - Vasto - Chieti per la creazione di un registro territoriale dei
tumori.

Pagina 13 di 20

4. Urbanistica e trasporto

4.1. Urbanistica
Lidea di fondo del MoVimento 5 Stelle quella di ribaltare le priorit urbanistiche attuali. Riteniamo
che debbano essere garantite in prima istanza le necessit dei cittadini e la qualit della vita e solo
successivamente le esigenze dei costruttori che troppe volte hanno curato solo interessi particolari
a scapito del territorio, che, soprattutto negli ultimi anni sta purtroppo presentando il conto alla
collettivit.
Riteniamo pertanto che anche in questo caso si debba realizzare:
La partecipazione diretta dei cittadini alle scelte urbanistiche e la valorizzazione del metodo del
concorso di idee al fine di non imporre scelte alla cittadinanza ma di condividerle
Inoltre al fine di garantire il controllo sulla qualit degli interventi intendiamo attuare:
Massima trasparenza nell'attribuzione degli appalti e coinvolgimento degli Istituti scolastici e
delle Universit nella progettazione delle opere pubbliche, anche al fine di limitare il ricorso a
consulenze esterne;
Incentivazione all'utilizzo di materiale riciclato e certificato per i lavori di ristrutturazione di edifici;
Introduzione di norme tese al recupero delle acque piovane nelle nuove costruzioni ed
introduzione di vincoli per limitare o eliminare l'impermeabilizzazione dei suoli ove possibile, ad
esempio negli spazi dedicati ai parcheggi, al fine di limitare i danni derivanti dal dissesto idrogeologico;
Aumento della quantit e qualit delle aree verdi create durante le riconversioni urbanistiche,
tramite indici legati alla capacita di produrre ossigeno per migliorare la qualit dell'aria;
Riduzione degli oneri di urbanizzazione a carico di chi ristruttura;
Censimento dei fabbricati comunali e civili interessati dal problema Eternit (cemento-amianto) e
studi di fattibilit sulla bonifica;
Consultazione dei cittadini tesa alla definizione delle priorit e delle esigenze urbanistiche del
proprio quartiere;
Politiche di tassazione crescente per immobili inutilizzati e non curati sotto laspetto del decoro
architettonico;
Concessione in comodato d'uso gratuito dei terreni Comunali inutilizzati affinch siano usati per
la coltivazione e il recupero delle culture Realizzazione di un progetto in cui il Comune mette a
disposizione i terreni inutilizzati al fine di trasformarli in "giacimenti colturali" posti a disposizione
di cooperative sociali e cittadini attivi, onde eliminare o ridurre la speculazione edilizia ed offrire
al tempo stesso, nuove opportunit di autoconsumo o guadagnando attraverso la vendita dei
prodotti coltivati;

Pagina 14 di 20

Miglioramento della viabilit, incentivando la creazione di strade di percorrenza a senso unico


obbligatorio;

Ampliamento delle zone a velocit ridotta ( 30 km/h);


Disincentivazione dell'uso dei mezzi privati a favore di quelli pubblici attraverso il potenziamento

e la creazione di parcheggi di scambio nei quali prevedere la possibilit di utilizzare sia navette
gratuite, che bike sharing;
Promozione all'utilizzo dei mezzi pubblici, mediante la collaborazione con le aziende di trasporto
pubblico per realizzare un aumento delle corse e del numero dei mezzi, con bus navetta che
raggiungano il centro storico e le destinazioni strategiche (Universit, stazione etc.) anche nei
giorni festivi;
Studio per listituzione di progetti educativi alla mobilit sostenibile che riescano ad individuare
anche quelle zone della citt in cui il traffico veicolare rappresenta un ostacolo alla vita sociale;
Individuazione di aree destinate alla realizzazione di parcheggi di scambio;
Ottimizzazione e razionalizzazione della viabilit: ampliamento di zone pedonali o accessibili
solo mediante mezzi ecocompatibili, creazione di piste ciclabili e contestuale potenziamento dei
servizi di trasporto pubblico.

4.2. Trasporto Pubblico Urbano

Introduzione di una Tessera Elettronica di mobilit cittadina valida per qualsiasi mezzo di
trasporto pubblico;

Comunicazione e massima diffusione degli orari di servizio e di mezzi pubblici di trasporto


sfruttando il web, le applicazioni per smart phone ed ogni valido supporto informativo;
Piano di potenziamento dei collegamenti delle attuali linee di trasporto urbano con paesi e
frazioni limitrofe;
Riqualificazione della Scala Mobile e del Terminal autobus;

4.3. Mobilit Privata

Installazione di almeno due punti di rifornimento per auto elettriche;


Studio di iniziative che possano promuovere il ricorso al c.d. car sharing, ovvero di
condivisione delle auto private per il trasporto e gli spostamenti;

Creazione di aree pedonali che possano condurre alla migliore fruibilit del centro storico da
parte dei cittadini e dei turisti;
Incremento del servizio di navette pubbliche per il trasporto dei bambini a scuola.

4.3. Mobilit Ciclabile

Creazione e sviluppo di una rete ciclabile secondo standard di mobilit moderna, garantendo
pertanto percorsi protetti, diretti, veloci e senza interruzioni e tortuosit su tutte le direttrici di
scorrimento;
Realizzazione di una mappa dettagliata (accessibile on line) dei percorsi, con indicazione delle
postazioni di bike sharing, di ciclo-parcheggi e rastrelliere, dei punti di assistenza;

Pagina 15 di 20

5.Connettivit, Politiche Sociali e Sport

5.1.Connettivit

Studio di un progetto per la diffusione di un servizio wi-fi pubblico, realmente funzionante,a

basso costo di realizzazione per lamministrazione, gratuito per lutenza, presente nelle piazze,
parchi, nei principali luoghi pubblici e negli uffici comunali;
Realizzazione di una piattaforma di crowdsourcing comunale (sito Web di committenza di
lavoro professionale) per far incontrare la domanda delle imprese del territorio con l'offerta dei
liberi professionisti, artigiani e lavoratori autonomi locali;
Realizzazione di servizi di e-government che siano in grado di migliorare la produzione del
servizio pubblico erogato dagli uffici comunali che possa dare maggiore autonomia ai cittadini
nelle relazioni con la pubblica amministrazione;
Individuazione e utilizzo di programmi open source per l'amministrazione comunale in accordo
con il punto sul contenimento della spesa pubblica;
Studio e realizzazione di un progetto capace di dotare tutte le scuole comunali di strutture
adeguate per l'accesso a Internet e lampliamento degli strumenti didattici digitali;

5.2. Sicurezza

Adozione di un piano biennale per la diffusione delle videocamere di sorveglianza sul territorio
comunale; contestuale adozione di terminali in dotazione alle forze di Polizia Municipale che,
attraverso la rete WiFi, siano in grado di collegarsi in tempo reale con il sistema di video
sorveglianza;
Riorganizzazione delle mansioni del personale di Polizia Municipale e dei dipendenti dellente, al
fine di ottimizzare il lavoro di tutto il personale in servizio e destinare gli agenti ed i Pubblici
Ufficiali alle operazioni di controllo del territorio e prevenzione delle attivit illecite;
Piano triennale di riqualificazione delle aree urbane disagiate;
Migliorare i rapporti tra lente, la Prefettura e la Questura al fine di studiare azioni coordinate per
il controllo del territorio e lattivit di prevenzione del crimine;

Pagina 16 di 20

5.3. Nellambito delle Politiche di assistenza:

Studio per la realizzazione di un piano di sostegno al reddito realizzato con lutilizzo di fondi
comunali, regionali, nazionali ed europei per lerogazione di aiuti, non solo in denaro, alle
famiglie in difficolt, con lobiettivo di garantire le esigenze primarie come canoni di locazione,
utenze domestiche, generi alimentari e testi scolastici (VII Asse Inclusione Sociale Fondi PorFesr 2014-2020);
Creazione di un sistema trasparente e controllato per lassegnazione degli immobili comunali
destinati a cittadini meno abbienti al fine di evitare abusi, favoritismi e scandali;
Studio di progetti tesi a promuovere le attivit di formazione per gli anziani;
Introduzione di regole allinterno dello Statuto Comunale e del Regolamento che consentano di
scegliere gli scrutatori tra i cittadini di Chieti iscritti in apposite liste pubbliche formate secondo
criteri di merito e reddito;

5.4. Benessere animale

Riqualificazione dei canili comunali. Oggi sono strutture non dissimili da lager, vorremmo,

invece, che fossero inseriti in contesti ambientali decorosi e fruibili dalla cittadinanza anche
come aree di sgambamento che il MoVimento 5 Stelle intende comunque ampliare;
Supporto alle politiche tese allincremento del volontariato presso le strutture sanitarie destinate
agli animali di affezione e soluzione al problema del randagismo;
Divieto operante su tutto il territorio comunale di spettacoli che sfruttino gli animali;
Promozione di progetti didattici nelle scuole sulla tutela e sul rispetto degli animali;
Istituzione dell'Ufficio Tutela Animali del Comune e di una Sala Operativa di pronto intervento;
Campagne educative e repressive sul rispetto delle regole di igiene relative agli animali negli
ambienti pubblici;

Pagina 17 di 20

5.5. Sport

Censimento delle strutture sportive esistenti e studio di progetti per la ristrutturazione delle
stesse (si pensi al mitico Campetto della Villa) anche ai fini di unaccessibilit sicura alle
stesse;
Organizzazione annuale di un Torneo cittadino dei quartieri patrocinato dal Comune di Chieti e
di altri eventi sportivi per stimolare linteresse comune verso lo sport;
Studio e realizzazione di un progetto pilota che preveda la nascita di un Fondo di Investimento
dei cittadini per il finanziamento delle societ sportive;
Favorire la costituzione di un Consorzio di Societ Sportive che possa gestire i maggiori eventi
locali al fine di addivenire, ad esempio, alla creazione di un biglietto o abbonamento stagionale
unico che consenta a tifosi e sportivi di seguire tutte le squadre impegnate nelle diverse
competizioni. Questo metodo potrebbe portare ad una maggiore visibilit delle singole societ
ed un conseguente maggior interesse da parte degli sponsor.

Pagina 18 di 20

CONCLUSIONI

Il programma che proponiamo per le amministrative 2015 di Chieti una sintesi di quei punti che
sono stati proposti e soprattutto attuati, anche da altre amministrazioni comunali a 5 stelle e che
rappresentano i cardini del pensiero e dellazione del MoVimento.
Abbiamo voluto proporre a Chieti ci che il MoVimento 5 Stelle riuscito a realizzare in maniera
concreta in altre realt urbane. Questi sono esempi positivi di cosa i cittadini riescono a realizzare
se viene data loro la possibilit di amministrare la propria citt.
Il programma ovviamente contiene tanti punti che sono stati tagliati e cuciti su misura per la nostra
Chieti, in questo si distingue sia da quelli dai quali abbiamo tratto ispirazione, sia da quelli che
hanno tratto ispirazione da noi
Per alcuni il fatto che i nostri programmi siano copiati anche dalle altre forze politiche potrebbe
essere un dato positivo, il segno che qualcosa sta cambiando anche nei vecchi partiti.
Per noi non cos!
Siamo gelosi dei nostri programmi perch rappresentano il nostro impegno concreto, da cittadini,
nei confronti della nostra citt, il nostro vincolo di mandato. Gli altri li possono copiare ma solo noi li
conosciamo davvero, solo noi possiamo renderli attuali e concreti, gli altri possono solo limitarsi a
parlarne in TV o sui giornali.
Questo programma inoltre il frutto della collaborazione di cittadini come noi che hanno risposto
al nostro appello e ci hanno segnalato cosa cambiare in Chieti e come farlo.
Collaborazione che continua ancora oggi e, fissati i punti cardine, rende il programma aperto e
condiviso.
Anche per questa ragione non avrete trovato promesse o proclami.
Siamo convinti che unamministrazione seria debba misurarsi innanzitutto con i conti dellente e
spiegare ai cittadini cosa si pu fare con le risorse disponibili, con ottimismo ma senza promettere
risultati che sarebbe impossibile conseguire anche con bilanci sani.
Siamo ottimisti, crediamo che anche Chieti possa rinascere come sta avvenendo a Pomezia o a
Livorno. Chiediamo per di avere la possibilit innanzitutto di portare le nostre e le vostre istanze
di cambiamento dentro lamministrazione comunale, amministrando da cittadini e non da politici,
con la stessa dedizione e la medesima onest che vorremmo impiegare noi.

Pagina 19 di 20

Pagina 20 di 20