Sei sulla pagina 1di 4

CONDENSATORI

Si definisce condensatore un elemento elettrico formato da due superfici


metalliche affacciate dette armature separate da uno spazio isolante detto
dielettrico.
Si definiscono dielettrici quei materiali che, sottoposti ad un campo elettrico, sono
attraversati da corrente nulla o comunque molto piccola: essi hanno una altissima
resistenza. Il dielettrico per eccellenza lo spazio vuoto per il quale la resistivit
=

. I materiali dielettrici si chiamano isolanti.


Se le due armature sono superfici piane e disposte
parallelamente, si parla di condensatore piano. Il condensatore
carico caratterizzato da una tensione ai suoi
terminali V e da una carica Q.
Il trasferimento delle cariche termina quando
il, loro addensarsi sulle armature provoca tra
esse una d.d.p. pari alla tensione a vuoto
del generatore.

Per scaricare un condensatore necessario rimettere in


connessione le due armature attraverso una resitenza.

Campo elettrico uniforme: quando le linee di forza del campo


elettrico sono rettilinee e parallele, normali alle due
armature. Poich in pratica la dimensione delle due
armature non potr essere infinita, ai bordi di esse le linee di
forza si incurvano ed il campo perde la sua uniformit.

Si verificato sperimentalmente che la carica Q e la tensione V sono direttamente


proporzionali:

C = Q/V

[Farad]

C : CAPACITA del condensatore la cui unit di misura chiamata FARAD [F]


Un condensatore presenta la capacit di 1 Farad quando, applicando alle sue
armature la tensione di 1 Volt si accumula la carica di 1 Coulomb.
In pratica, essendo tale unit eccessivamente grande. Si impiegano i seguenti
sottomultipli 
Nel campo elettrico del condensatore piano possono essere messi in evidenza le
seguenti grandezze unitarie:
Intensit di campo o gradiente di potenziale
E=V/d [Volt/metro]
Densit di carica
sigma=

=Q/A [Coulomb/m2]

Sapendo che C= Q/V=


ma

*A/E*d=

/E*(A/d)=

*A/d

/E rappresenta lelemento qualitativo del dielettrico ed costante per un

dato materiale. Esso prende il nome di costante dielettrica ( )


0:

costante dielettrica nel vuoto (=aria secca) e vale 8,86*10-12[F/m]= 8,86[pF/m]

r:

costante dielettrica relativa (=

0)

Esercizio 1: determinare la capacit di un condensatore piano avente armature di


area A=12 [dm2] a distanza d= 0,05 [mm] con dielettrico
Soluzione:
C=

r*

0=4*8,86=

r=4

35,4 [pF/m]

*A/d= 35,4*0,12 / (0,05*10-3) = 85.000 [pF] =85 [nF]

Esercizio 2: calcola la capacit di un condensatore che presenta una carica di 50


[C] sulle armature per una tensione applicata di 10 [V]
Soluzione: C = Q/V = 50*10-6 [C] / 10 [V] = 5*10-6 [F] = 5 [F]

Esercizio 3:
calcola la carica accumulata sulle armature di un condensatore che ha la capacit
di 0,001[F], quando ai suoi capi viene applicata una tensione di 1[KV]
Soluzione: Q = C*V = 0,001*10-6*1000 = 0,000001 [C] = 1 [C]

Esercizio 4: calcola la capacit di un condensatore piano ad aria secca con


armature quadrate di lato 0,1 [m] poste alla distanza di 0,01 [m]
Soluzione:

(in quanto

r=1)

C=

0*A/d

= 8,85*(0,12)/0,01 = 8,85 [pF]

CORRENTE DI FUGA : nessun materiale isolante perfetto e cos attraverso il


dielettrico di un condensatore in realt passa
sempre una piccolissima corrente detta corrente
di fuga o corrente di perdita. Un condensatore
reale pu essere rappresentato da un circuito
con un condensatore ideale avente in parallelo
una resistenza elevata, ma non infinita,
rappresentante la resistenza del dielettrico.

INDUZIONE DIELETTRICA: con tale termine si intendono i fenomeni elettrostatici


che interessano la sostanza interposta tra le armature di un
condensatore. Gli elettroni dellorbita pi esterna rimangono
ancorati al nucleo, ma per effetto delle forze colombiane, ovalizzano
la propria orbita. Aumentando la tensione applicata ad un
condensatore, si verifica un aumento della deformazione
molecolare. Superato un valore limite, si verifica una violenta rottura
dei legami che connettono gli elettroni ai nuclei atomici: questo
provoca una scarica elettrica accompagnata da luce e rumore.
Se il dielettrico gassoso si ha la ionizzazione del gas, mentre se solido si
perfora: in ogni caso perde le sue capacit isolanti.

Il massimo valore di tensione di lavoro che un dielettrico pu sopportare prende il


nome di rigidit dielettrica:

Vi sono dei casi in cui la scarica viene utilmente sfruttata: p.e. nelle candele
dautomobile
Nei motori ad accensione comandata (a
ciclo Otto) la candela d'accensione il
dispositivo elettrico inserito nella testa
di ognuno dei cilindri atto a generare
una scintilla che avvii la combustione
della carica fresca.
Nei motori ad accensione spontanea la
combustione invece avviata da una
compressione, e le cosiddette
candelette hanno il solo scopo di
riscaldare il combustibile in una
precamera durante gli avviamenti a
freddo.