Sei sulla pagina 1di 45

Doppi bipoli

www.die.ing.unibo.it/pers/mastri/didattica.htm
(versione del 21-11-2012)
2
Doppi bipoli (o 2-porte)
Doppi bipoli: componenti con due copie di terminali (porte) tali
che, per ciascuna coppia, la corrente entrante in uno dei terminali
uguale a quella uscente dallaltro
Doppio bipolo intrinseco:
il vincolo tra le correnti dei terminali di ciascuna porta
determinato dalla struttura interna del componente
Doppio bipolo non intrinseco:
il vincolo tra le correnti dovuto al modo in cui il componente
viene collegato
3 4
1 2
i i
i i
=
=
3
Rappresentazioni di un tripolo come doppio bipolo
Un tripolo pu essere considerato come un doppio bipolo con i
terminali negativi delle porte collegati tra loro
Le tensioni e le correnti utilizzate per caratterizzare il compo-
nente e le espressioni delle equazioni caratteristiche dipendono
dalla scelta del terminale comune
4
Doppi bipoli resistivi
Le equazioni di un doppio bipolo resistivo sono del tipo
f
1
, f
2
= funzioni generiche
Se il tempo non compare esplicitamente come argomento di f
1
e
f
2
il componente detto tempo-invariante
| |
| | 0 ), ( ), ( ), ( ), ( f
0 ), ( ), ( ), ( ), ( f
2 1 2 1 2
2 1 2 1 1
=
=
t t i t i t v t v
t t i t i t v t v
5
Doppi bipoli resistivi lineari tempo-invarianti
Per un doppio bipolo resistivo lineare e tempo-invariante
le equazioni, nel caso generale, sono del tipo
a
ij
, b
ij
(i, j = 1, 2) rappresentano delle costanti reali
Queste equazioni possono essere espresse nella forma
dove
Quando possibile esplicitare due delle variabili in funzioni delle
rimanenti si possono avere altre forme particolari delle equazioni
0
0
2 22 1 21 2 22 1 21
2 12 1 11 2 12 1 11
= + + +
= + + +
i b i b v a v a
i b i b v a v a
(

=
(

=
(

=
(

=
22 21
12 11
22 21
12 11
2
1
2
1
b b
b b
a a
a a
i
i
v
v
B A i v
0 Bi Av = +
6
Rappresentazioni di un doppio bipolo
v
2
, i
2
v
1
, i
1
Trasmissione inversa
v
1
, i
1
v
2
, i
2
Trasmissione (diretta)
i
1
, v
2
v
1
, i
2
Ibrida inversa
v
1
, i
2
i
1
, v
2
Ibrida (diretta)
i
1
, i
2
v
1
, v
2
Comandata in tensione
v
1
, v
2
i
1
, i
2
Comandata in corrente
Variabili
dipendenti
Variabili
indipendenti
Rappresentazione
7
Matrice di resistenza
Per un doppio bipolo comandato in corrente le equazioni
possono essere poste nella forma
cio
dove
R = matrice di resistenza
Per comprendere il significato dei parametri, si considerano le
condizioni di funzionamento in cui una delle variabili indipendenti
viene azzerata (mentre laltra assume un valore arbitrario = 0)
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
i r i r v
i r i r v
+ =
+ =
(

=
(

=
(

=
22 21
12 11
2
1
2
1
r r
r r
i
i
v
v
R i v
Ri v =
8
Significato dei parametri di resistenza
r
11
= resistenza di ingresso a vuoto alla porta 1
r
21
= resistenza di trasferimento a vuoto dalla porta 1 alla porta 2
r
22
= resistenza di ingresso a vuoto alla porta 2
r
12
= resistenza di trasferimento a vuoto dalla porta 2 alla porta 1
0
1
1
11
2
=
=
i
i
v
r
0
1
2
21
2
=
=
i
i
v
r
0
2
1
12
1
=
=
i
i
v
r
0
2
2
22
1
=
=
i
i
v
r
9
Esempio Resistori collegati a T
(

+
+
=
C B C
C C A
R R R
R R R
R
( )
1 C 2
1 C A 1
i R v
i R R v
=
+ =
( )
2 C B 2
2 C 1
i R R v
i R v
+ =
=
10
Esempio Resistori collegati a
( )
BC
BC AB AC
AC
1 2
BC AB AC
BC AB AC
1 1
R
R R R
R
i v
R R R
R R R
i v
+ +
=
+ +
+
=
(
(
(
(

+ +
+
+ +
+ + + +
+
=
BC AC AB
BC AC BC AB
BC AC AB
BC AC
BC AC AB
BC AC
BC AC AB
BC AC AC AB
R R R
R R R R
R R R
R R
R R R
R R
R R R
R R R R
R
( )
AC
BC AB AC
BC
2 1
AB AC BC
AC AB BC
2 2
R
R R R
R
i v
R R R
R R R
i v
+ +
=
+ +
+
=
11
Esempio Equivalenza T (stella-triangolo)
Un doppio bipolo a T e un doppio bipolo a sono equivalenti se
le loro matrici di resistenza R
T
e R
H
sono uguali
Confrontando le matrici si riconosce che devono essere verificate
le relazioni
che corrispondono alle formule di trasformazione triangolo-stella
(

+
+
=
C B C
C C A
T
R R R
R R R
R
(
(
(
(

+ +
+
+ +
+ + + +
+
=
H
BC AC AB
BC AC BC AB
BC AC AB
BC AC
BC AC AB
BC AC
BC AC AB
BC AC AC AB
R R R
R R R R
R R R
R R
R R R
R R
R R R
R R R R
R
BC AC AB
BC AC
C
BC AC AB
BC AB
B
BC AC AB
AC AB
A
R R R
R R
R
R R R
R R
R
R R R
R R
R
+ +
=
+ +
=
+ +
=
12
Matrice di conduttanza
Per un doppio bipolo comandato in tensione le equazioni
possono essere poste nella forma
cio
dove
G = matrice di conduttanza
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
v g v g i
v g v g i
+ =
+ =
(

=
(

=
(

=
22 21
12 11
2
1
2
1
g g
g g
i
i
v
v
G i v
Gv i =
13
Significato dei parametri di conduttanza
g
11
= conduttanza di ingresso in cortocircuito alla porta 1
g
21
= conduttanza di trasferimento in cortocircuito dalla porta 1 alla porta 2
g
22
= conduttanza di ingresso in cortocircuito alla porta 2
g
12
= conduttanza di trasferimento in cortocircuito dalla porta 2 alla porta 1
0
1
1
11
2
=
=
v
v
i
g
0
1
2
21
2
=
=
v
v
i
g
0
2
1
12
1
=
=
v
v
i
g
0
2
2
22
1
=
=
v
v
i
g
14
Esempio Resistori collegati a
(

+
+
=
BC AB AB
AB AC AB
G G G
G G G
G
( )
AB 1 2
AC AB 1 1
G v i
G G v i
=
+ =
( )
BC AB 2 2
AB 2 1
G G v i
G v i
+ =
=
( )
BC AB 2 2
AB 2 1
G G v i
G v i
+ =
=
15
Esempio Resistori collegati a T
(
(
(
(

+ +
+
+ +

+ +

+ +
+
=
C B A
C B B A
C B A
B A
C B A
B A
C B A
C A B A
G G G
G G G G
G G G
G G
G G G
G G
G G G
G G G G
G
( )
( )
C B
B
C B A
C B A
1 2
C B A
C B A
1 1
G G
G
G G G
G G G
v i
G G G
G G G
v i
+

+ +
+
=
+ +
+
=
( )
( )
C A
A
C A B
C A B
2 1
C A B
C A B
2 2
G G
G
G G G
G G G
v i
G G G
G G G
v i
+

+ +
+
=
+ +
+
=
16
Matrici ibride
Se possibile esprimere v
1
e i
2
in funzione di i
1
e v
2
si ha
H = matrice ibrida (diretta)
Se possibile esprimere i
1
e v
2
in funzione di v
1
e i
2
si ha
H' = matrice ibrida inversa
I coefficienti delle matrici ibride non hanno dimensioni omogenee
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
v h i h i
v h i h v
+ =
+ =
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
i h v h v
i h v h i
'
+
'
=
'
+
'
=
(

=
(

2
1
2
1
v
i
i
v
H
(

'
=
(

2
1
2
1
i
v
v
i
H
(

=
22 21
12 11
h h
h h
H
(

' '
' '
=
'
22 21
12 11
h h
h h
H
17
Significato dei coefficienti di H
h
11
= resistenza di ingresso in cortocircuito alla porta 1
h
21
= guadagno di corrente in cortocircuito dalla porta 1 alla porta 2
h
22
= conduttanza di ingresso a vuoto alla porta 2
h
12
= guadagno di tensione a vuoto dalla porta 2 alla porta 1
0
1
1
11
2
=
=
v
i
v
h
0
1
2
21
2
=
=
v
i
i
h
0
2
1
12
1
=
=
i
v
v
h
0
2
2
22
1
=
=
i
v
i
h
18
Significato dei coefficienti di H'

0
1
1
11
2
=
=
'
i
v
i
h
0
1
2
21
2
=
=
'
i
v
v
h
0
2
1
12
1
=
=
'
v
i
i
h
0
2
2
22
1
=
=
'
v
i
v
h
1 porta alla vuoto a ingresso di a conduttanz = '
11
h
2 porta alla 1 porta dalla vuoto a tensione di guadagno = '
21
h
2 porta alla ito cortocircu in ingresso di resistenza = '
22
h
1 porta alla 2 porta dalla ito cortocircu in corrente di guadagno = '
12
h
19
Matrice di trasmissione (matrice catena)
Si esprimono la tensione e la corrente alla porta 1 in funzione della
tensione e della corrente alla porta 2
Per motivi pratici, conviene considerare come variabile indipendente i
2
invece di i
2
T = matrice di trasmissione (matrice catena)
Significato dei coefficienti
Non possibile utilizzare queste relazioni per determinare i coefficienti
(occorrerebbe fissare sia la tensione che la corrente della porta 2)
2 2 1
2 2 1
Di Cv i
Bi Av v
=
=
(

=
(

2
2
1
1
i
v
i
v
T
(

=
D C
B A
T
0
2
1
0
2
1
0
2
1
0
2
1
2 2 2 2
= = = =

= =

= =
v i v i
i
i
D
v
i
C
i
v
B
v
v
A
20
Determinazione dei coefficienti di T
0
1
2
2
1
=
=
i
v
v
A
0
1
2
2
1
=

=
v
v
i
B
0
1
2
2
1
=
=
i
i
v
C
0
1
2
2
1
=

=
v
i
i
D
21
Matrice di trasmissione inversa
Si esprimono la tensione e la corrente alla porta 2 in funzione della
tensione e della corrente alla porta 1
Per motivi pratici, conviene considerare come variabile indipendente i
1
invece di i
1
T' = matrice di trasmissione inversa
Significato dei coefficienti
1 1 2
1 1 2
i D v C i
i B v A v
'

'
=
'

'
=
(

'
=
(

1
1
2
2
i
v
i
v
T
(

' '
' '
=
'
D C
B A
T
0
1
2
0
1
2
0
1
2
0
1
2
1 1 1 1
= = = =

=
'
=
'

=
'
=
'
v i v i
i
i
D
v
i
C
i
v
B
v
v
A
22
Relazioni tra le rappresentazioni
Confrontando le varie espressioni delle equazioni di un doppio
bipolo si riconosce che (quando il doppio bipolo ammette tutte le
rappresentazioni considerate)
la matrice G linversa della matrice R
la matrice H' linversa della matrice H
La matrice T' linversa della matrice T con i coefficienti della
diagonale secondaria cambiati di segno a causa delle scelte
diverse per i versi di riferimento delle correnti
Le altre relazioni tra le varie rappresentazioni si possono ottenere
utilizzando le definizioni dei coefficienti delle matrici
23
Esempio - Passaggio da parametri r a parametri h
Calcolo degli elementi della prima colonna di H
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
i r i r v
i r i r v
+ =
+ =
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
v h i h i
v h i h v
+ =
+ =
0
1
2
21
0
1
1
11
2 2
= =
= =
v v
i
i
h
i
v
h
2 22 1 21
2 12 1 11 1
0 i r i r
i r i r v
+ =
+ =
1
22
1
22
21
12 11 1
1
22
21
2
) det(
i
r
i
r
r
r r v
i
r
r
i
R
=
|
|
.
|

\
|
=
=
0
2
= v
22
21
21
22
11
) det(
r
r
h
r
h = =
R

(si pone v
2
= 0)
24
Esempio - Passaggio da parametri r a parametri h
Calcolo degli elementi della seconda colonna di H
2 22 2
2 12 1
i r v
i r v
=
=
0
2
2
22
0
2
1
12
1 1
= =
= =
i i
v
i
h
v
v
h
0
1
= i

2
22
12
1
2
22
2
1
v
r
r
v
v
r
i
=
=

22
22
22
12
12
1
r
h
r
r
h = =
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
i r i r v
i r i r v
+ =
+ =
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
v h i h i
v h i h v
+ =
+ =

(si pone i
1
= 0)
25
Relazioni tra le rappresentazioni
D C
B A
A C
B D
h h
h
h
h
h
h h
h
h
h
h
g
g
g
g g
g
r
r
r
r r
r
A C
B D
D C
B A
h h
h
h
h
h
h h
h
h
h
h
g
g
g
g g
g
r
r
r
r r
r
D
A
D
D D
C
A
B
A
A A
C
h h
h h
h h
h h
g g
g
g
g
g
r r
r
r
r
r
A
C
A
A A
B
D
C
D
D D
B
h h
h h
h h
h h
g g
g
g
g
g
r r
r
r
r
r
B
D
B
B B
A
B
A
B
B B
D
h h
h
h
h
h
h h
h
h
h
h
g g
g g
r r
r r
C
A
C
C C
D
C
D
C
C C
A
h h
h
h
h
h
h h
h
h
h
h
g g
g g
r r
r r
' '
' '
A A
A A
'

'
'

'
'

'
' A


A
'
' A ' A
'
' A
'
' A
'
'
' A
'
'
'
'
'


A
'
'
'
' A
'

'
' A

' '
' '
A A

A
A

'
'
'
'
' A

' '
'

A
A
'
A
'

A
'

A
'
A

A
'
'
'
' A

'

'
'

' '
'

'
'
'
' A
A

A A

A
'
'
'
' A
' '
' A
'
' A
'
'
'
'

'

A
A A

A
' '
T T
T T
H
H G
R
T
T T
T T
H
H
G
R
T
T
T
H H
H H
G
R
H
T
T
H H
H H
G
R
H
T
T
H
H
R R
R R
G
T
T
H
H
G G
G G
R
T T H H G R
12 12
11
12
22
12
12 12
22
12
11
12
12
11
12
12 12
11
12
11
12
12 21
22
21 21
11
21
22
21
21 21
22
21
11
21
21
11
21
21 21
22
21
22
21
21 21
11
22 21
12 11
11 21
12 22
22 22
21
22
12
22
11 11
21
11
12
11
11 21
12 22
22 21
12 11
11 11
21
11
12
11
22 22
21
22
12
22
22 22
21
22
12
22
11 11
21
11
12
11
22 21
12 11
11 21
12 22
11 11
21
11
12
11
22 22
21
22
12
22
11 21
12 22
22 21
12 11
1
1 1
1
1
1
1
1
1
1 1
1
1
1
1
1
1
1 1
1
1
1
1
1
Ogni riga riporta le espressioni dei coefficienti di una matrice in funzione
dei coefficienti delle matrici indicate nelle intestazioni delle colonne
) det(M = A
26
Esempio doppi bipoli che non ammettono la
matrice R o la matrice G
Non possibile imporre valori arbitrari ad entrambe le tensioni (cio
utilizzarle come variabili indipendenti) la matrice G non definita
Non possibile utilizzare le correnti come variabili indipendenti
la matrice R non definita
) (
2 1 2 1
i i R v v + = =
(

=
(

2
1
2
1
i
i
R R
R R
v
v
(

=
R R
R R
R
) (
2 1 2 1
v v G i i = =
(


=
(

2
1
2
1
v
v
G G
G G
i
i
(


=
G G
G G
G
27
Reciprocit
Ipotesi:
Definizione:
si dice che il doppio bipolo reciproco se
Per interpretare il significato di questa relazione e ricavare le
condizioni che devono soddisfare i parametri delle matrici del
doppio bipolo si fa riferimento alle situazioni in cui una sola delle
variabili indipendenti diversa da zero
{ }
{ }
2 1 2 1
2 1 2 1
, , ,
, , ,
i i v v
i i v v
' ' ' ' ' ' ' '
' ' ' '
2 2 1 1 2 2 1 1
i v i v i v i v
' ' '
+
' ' '
=
' ' '
+
' ' '
insiemi arbitrari di tensioni e correnti che
soddisfano le equazioni del doppio bipolo

28
Reciprocit - parametri r
Condizione 1 Condizione 2
0 I
2 1
= ' = ' i i I 0
2 1
= ' ' = ' ' i i
I
21 2 22 1 21 2
r i r i r v = ' + ' = ' I
12 2 12 1 11 1
r i r i r v = ' ' + ' ' = ' '
21 12
r r =
2 2 1 1 2 2 1 1
i v i v i v i v ' ' ' + ' ' ' = ' ' ' + ' ' ' 0 I I 0
2 1 2 1
' ' + ' ' = ' + ' v v v v
1 2
v v ' ' = '

Condizione di reciprocit

29
Reciprocit - parametri g
0 V
2 1
= ' = ' v v V 0
2 1
= ' ' = ' ' v v
V
21 2 22 1 21 2
g v g v g i = ' + ' = ' V
12 2 12 1 11 1
g v g v g i = ' ' + ' ' = ' '
21 12
g g =
Condizione 1 Condizione 2
2 2 1 1 2 2 1 1
i v i v i v i v ' ' ' + ' ' ' = ' ' ' + ' ' '
1 2
i i ' ' = '
2 1 2 1
V 0 0 V i i i i ' + ' = ' ' + ' '

Condizione di reciprocit

30
Reciprocit - parametri h
Condizione 1 Condizione 2
0 I
2 1
= ' = ' v i V 0
2 1
= ' ' = ' ' v i
I
21 2 22 1 21 2
h v h i h i = ' + ' = ' V
12 2 12 1 11 1
h v h i h v = ' ' + ' ' = ' '
21 12
h h =

2 2 1 1 2 2 1 1
i v i v i v i v ' ' ' + ' ' ' = ' ' ' + ' ' '
V I
1 2
v i ' '
=
'
2 1 2 1
V I 0 0 i v i v ' + ' ' = ' ' + '

Condizione di reciprocit
31
Reciprocit - parametri h', T e T'
Parametri h':
procedendo in modo simile al caso precedente si ottiene la
condizione
Parametri di trasmissione:
si pu dimostrare che per un doppio bipolo reciproco valgono
le condizioni
21 12
h h
'
=
'
1 ) det(
1 ) det(
=
'
=
T
T
32
Doppi bipoli reciproci
Per un doppio bipolo reciproco valgono le seguenti propriet:
Applicando una corrente I ad una qualunque delle porte
allaltra porta si ottiene la stessa tensione a vuoto
Applicando una tensione V ad una qualunque delle porte
allaltra porta si ottiene la stessa corrente di cortocircuito
Il guadagno di corrente in cortocircuito in una direzione
uguale al guadagno di tensione a vuoto nella direzione
opposta cambiato di segno
33
Simmetria
Si dice che un doppio bipolo simmetrico se, per ogni insieme
di tensioni e di correnti alle porte che soddisfano le sue equazioni
caratteristiche, anche linsieme ottenuto scambiando la porta 1
con la porta 2 soddisfa le equazioni caratteristiche
Si pu dimostrare che le matrici di un due porte simmetrico
soddisfano le seguenti propriet
matrice R: r
11
= r
22
r
12
= r
21
matrice G: g
11
= g
22
g
12
= g
21
matrice H: h
12
= h
21
det(H) = 1
matrice H': h'
12
= h'
21
det (H') = 1
matrice T: A = D det(T) = 1
matrice T': A = D det(T') = 1
La simmetria implica anche la reciprocit
34
Trasformatore ideale
Le equazioni del trasformatore ideale possono essere espresse
intermini di matrice ibrida o di matrice di trasmissione (dirette o inverse)
Per il trasformatore ideale non possibile definire le matrici R e G
Vale la relazione h
12
= h
21
= K
Il trasformatore ideale un componente reciproco
(ma non simmetrico, se K 1 )
2 1
2 1
1
i
K
i
Kv v
=
=
1 2
2 1
Ki i
Kv v
=
=
Parametri di
trasmissione
Parametri
ibridi
K = rapporto di trasformazione o rapporto spire
35
Generatori dipendenti
(

=
(

2
1
2
1
0
0 0
i
i
r v
v
1 2
1
0
ri v
v
=
=
1 2
1
0
gv i
i
=
=
(

=
(

2
1
2
1
0
0 0
v
v
g i
i

r r r r r = = = =
21 22 12 11
0
g g g g g = = = =
21 22 12 11
0
Generatore di tensione
controllato in corrente
Generatore di corrente
controllato in tensione
Caso particolare di rappresentazione
in termini di parametri di resistenza
Caso particolare di rappresentazione
in termini di parametri di conduttanza
36
Generatori dipendenti
1 2
1
0
i i
v
o =
=
1 2
1
0
v v
i
=
=
(

o
=
(

2
1
2
1
0
0 0
v
i
i
v

=
(

2
1
2
1
0
0 0
i
v
v
i

o = = = =
21 22 12 11
0 h h h h
= ' = ' = ' = '
21 22 12 11
0 h h h h
Generatore di tensione
controllato in tensione
Generatore di corrente
controllato in corrente
Caso particolare di rappresentazione
in termini di parametri ibridi (diretti)
Caso particolare di rappresentazione
in termini di parametri ibridi (inversi)
37
Generatori dipendenti
I quattro tipi di generatori dipendenti corrispondono a matrici R, G, H e
H con il solo elemento 21 diverso da zero
I generatori dipendenti sono componenti non reciproci
Ciascun tipo di generatore ammette una sola tra le matrici R, G, H e H
Si pu verificare che lunica altra matrice definita in tutti e quattro i casi
la matrice T
I doppi bipoli (e pi in generale i componenti N-porte) lineari resistivi
possono essere rappresentati mediante circuiti equivalenti formati da
generatori dipendenti e resistori
In questo modo possibile estendere i metodi di analisi studiati in
Elettrotecnica ai circuiti che contengono doppi bipoli (e N-porte)
38
Circuiti equivalenti di doppi bipoli lineari
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
i r i r v
i r i r v
+ =
+ =
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
v g v g i
v g v g i
+ =
+ =
Matrice di resistenza
Matrice di conduttanza
39
Circuiti equivalenti di doppi bipoli lineari
Matrice H
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
v h i h i
v h i h v
+ =
+ =
Matrice H'
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
i h v h v
i h v h i
' + ' =
' + ' =
40
Circuiti equivalenti di doppi bipoli lineari
Circuiti equivalenti a T
2 22 1 12 2
2 12 1 11 1
i r i r v
i r i r v
+ =
+ =
Doppio bipolo reciproco
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
i r i r v
i r i r v
+ =
+ =
Doppio bipolo non reciproco
41
Circuiti equivalenti di doppi bipoli lineari
Circuiti equivalenti a
2 22 1 12 2
2 12 1 11 1
v g v g i
v g v g i
+ =
+ =
Doppio bipolo reciproco
2 22 1 21 2
2 12 1 11 1
v g v g i
v g v g i
+ =
+ =
Doppio bipolo non reciproco
42
Teoremi di rappresentazione dei doppi bipoli
Rappresentazione comandata in corrente
Ipotesi:
Q = doppio bipolo formato da componenti resistivi lineari e
generatori indipendenti
Q comandato in corrente
Circuito equivalente:
v
G1
, v
G2
= tensioni a vuoto alle porte di Q
(v
1
e v
2
per i
1
= i
2
= 0)
R = matrice di resistenza del doppio bipolo ottenuto da Q
azzerando i generatori indipendenti
43
Teoremi di rappresentazione dei doppi bipoli
Rappresentazione comandata in tensione
Ipotesi:
Q = doppio bipolo formato da componenti resistivi lineari e
generatori indipendenti
Q comandato in tensione
Circuito equivalente:
i
G1
, i
G2
= correnti di cortocircuito alle porte di Q
(i
1
e i
2
per v
1
= v
2
= 0)
G = matrice di conduttanza del doppio bipolo ottenuto da Q
azzerando i generatori indipendenti
44
Teoremi di rappresentazione dei doppi bipoli
Rappresentazione ibrida (diretta)
Ipotesi:
Q = doppio bipolo formato da componenti resistivi lineari e
generatori indipendenti
Q ammette la rappresentazione ibrida (diretta)
Circuito equivalente:
v
G1
= v
1
per i
1
= 0, v
2
= 0
i
G2
= i
2
per i
1
= 0, v
2
= 0
H = matrice ibrida (diretta) del doppio bipolo ottenuto da Q
azzerando i generatori indipendenti
45
Collegamenti di bipoli e doppi bipoli
Di seguito si prenderanno in esame alcuni casi in cui un doppio bipolo
ottenuto collegando due doppi bipoli oppure collegando un doppio
bipolo con uno pi bipoli
In tutti i casi si sottintende che siano soddisfatte le seguenti ipotesi
(che nei casi pratici dovranno sottoposte a verifica)
I collegamenti considerati sono leciti (cio non dnno origine a
circuiti impossibili o indeterminati)
Le matrici utilizzate per rappresentare i doppi bipoli sono definite
Nel caso di doppi bipoli non intrinseci, i componenti, collegati nei
modi considerati, si comportano effettivamente come doppi bipoli
46
Resistori in serie alle porte
In questo caso conviene utilizzare i parametri di resistenza
Le resistenze in serie alle porte si sommano alle resistenze di ingresso
( )
( )
2 22 2 1 21 2 2 2 2
2 12 1 11 1 1 1 1 1
i r R i r v i R v
i r i r R v i R v
' + + ' = ' + =
' + ' + = ' + =
(

+ ' '
' + '
=
2 22 21
12 1 11
R r r
r R r
R
(

' '
' '
= '
22 21
12 11
r r
r r
R

47
Resistori in parallelo alle porte
In questo caso conviene utilizzare i parametri di conduttanza
Le conduttanze dei resistori in parallelo alle porte si sommano alle
conduttanze di ingresso
( )
( )
2 22 2 1 21 2 2 2 2
2 12 1 11 1 1 1 1 1
v g G v g i v G i
v g v g G i v G i
' + + ' = ' + =
' + ' + = ' + =
(

+ ' '
' + '
=
2 22 21
12 1 11
G g g
g G g
G
(

' '
' '
= '
22 21
12 11
g g
g g
G

48
Doppi bipoli in serie
LKI:
LKV:
Componenti:
La matrice R del doppio bipolo risultante data dalla somma delle
matrici di resistenza dei due doppi bipoli
b a
b a
b a
i i i
i i i
i i i = =
= =
= =
2 2 2
1 1 1
b a
b a
b a
v v v
v v v
v v v + =
+ =
+ =
2 2 2
1 1 1
b b b
a a a
i R v
i R v
=
=
Ri v i R R v = + = ) (
b a b a
R R R + =

49
Resistore in serie al terminale comune di un tripolo
Questo collegamento pu essere visto come un caso particolare di
collegamento in serie di doppi bipoli
R si somma a tutti gli elementi della matrice R
a
(

=
22 21
12 11
a
r r
r r
R
(

=
R R
R R
b
R
(

+ +
+ +
= + =
R r R r
R r R r
a
22 21
12 11
b
R R R
50
Doppi bipoli in parallelo
LKV:
LKI:
Componenti:
La matrice G del doppio bipolo risultante data dalla somma delle
matrici di conduttanza dei due doppi bipoli
b a
b a
b a
i i i
i i i
i i i + =
+ =
+ =
2 2 2
1 1 1
b a
b a
b a
v v v
v v v
v v v = =
= =
= =
2 2 2
1 1 1
b b b
a a a
v G i
v G i
=
=
Gv i v G G i = + = ) (
b a b a
G G G + =

51
Resistore collegato tra le due porte
Questo pu essere visto come un caso particolare di collegamento in
parallelo di doppi bipoli
G si somma agli elementi della diagonale principale e si sottrae dagli
elementi della diagonale secondaria della matrice G
a
(

=
22 21
12 11
a
g g
g g
G
(


=
G G
G G
b
G
(

+
+
= + =
G g G g
G g G g
22 21
12 11
b a
G G G
52
Collegamento serie-parallelo
LKV:
LKI:
Componenti:
La matrice H del doppio bipolo risultante data dalla somma delle
matrici ibride dei due doppi bipoli
b a
b a
i i i
i i i
2 2 2
1 1 1
+ =
= =
b a
b a
v v v
v v v
2 2 2
1 1 1
= =
+ =
b a
H H H + =
(

=
(

=
(

b
b
b
b
b
a
a
a
a
a
v
i
i
v
v
i
i
v
2
1
2
1
2
1
2
1
H H
( )
(

=
(

+ =
(

2
1
2
1
2
1
v
i
v
i
i
v
b a
H H H

53
Collegamento parallelo-serie
LKV:
LKI:
Componenti:
La matrice H' del doppio bipolo risultante data dalla somma delle
matrici ibride inverse dei due doppi bipoli
b a
b a
i i i
i i i
2 2 2
1 1 1
= =
+ =
b a
b a
v v v
v v v
2 2 2
1 1 1
+ =
= =
b a
H H H ' + ' = '
(

' =
(

' =
(

b
b
b
b
b
a
a
a
a
a
i
v
v
i
i
v
v
i
2
1
2
1
2
1
2
1
H H
( )
(

' =
(

' + ' =
(

2
1
2
1
2
1
i
v
i
v
v
i
b a
H H H

54
Doppi bipoli in cascata
In questo caso conviene utilizzare le matrici di trasmissione
Le tensioni e le correnti alla porta comune coincidono
La matrice T del doppio bipolo risultante data dal prodotto delle
matrici di trasmissione dei due doppi bipoli
a b a b
i i v v
2 1 2 1
= =
(

=
(

=
(

2
2
1
1
2
2
1
1
i
v
i
v
i
v
i
v
b
b
b
a
a
a
T T
(

=
(

2
2
1
1
i
v
i
v
b a
T T
b a
T T T =

55
Doppi bipoli terminati
Nelle applicazioni pratiche si incontra spesso il caso in cui le porte di un
doppio bipolo sono collegate a due bipoli come mostrato nella figura
Il primo bipolo costituisce la sorgente del segnale in ingresso al doppio
bipolo e pu rappresentare il circuito equivalente di Thvenin o Norton
degli stati precedenti
Il secondo bipolo costituisce il carico e pu rappresentare limpedenza
equivalente degli stati successivi
Sorgente
Carico
Doppio
bipolo
56
Indici degli elementi delle matrici del doppio bipolo
Quando un doppio bipolo utilizzato in modo che possibile attribuire
alle due porte i ruoli di ingresso e di uscita, gli indici degli elementi delle
matrici del doppio bipolo vengono indicati anche nel modo seguente
11 i (input) il parametro esprime la relazione tra la
tensione e la corrente alla porta di ingresso
21 f (forward) il parametro indica come ci che avviene
alla porta di ingresso influenza luscita
12 r (reverse) il parametro indica come ci che avviene
alla porta di uscita influenza lingresso
22 o (output) il parametro esprime la relazione tra la
tensione e la corrente alla porta di uscita
(

=
(

=
(

=
o
r i
o
r i
o
r i
h h
h h
g g
g g
r r
r r
f f f
H G R
57
Doppi bipoli unilaterali
Un doppio bipolo per cui il parametro r nullo detto unilaterale
Un doppio bipolo unilaterale un componente non reciproco
In queste condizioni si pu avere propagazione del segnale solo dalla
porta 1 alla porta 2
Eventuali disturbi sovrapposti a v
2
o i
2
nel caso di un doppio bipolo
bilaterale vengono trasferiti alla porta 1
Nel caso di doppio bipolo unilaterale questi disturbi non possono
modificare v
1
e i
1
Per un doppio bipolo bilaterale v
1
e i
1
variano al variare del carico
Per un doppio bipolo unilaterale v
1
e i
1
sono indipendenti dal carico
Il fatto che un doppio bipolo sia unilaterale spesso rappresenta una
situazione vantaggiosa (pi semplice da gestire)
In pratica, di solito non possibile fare in modo che il parametro r sia
esattamente zero, ma solo che sia molto piccolo rispetto al parametro f
58
Funzioni di rete
La sorgente viene rappresentata mediante un circuito equivalente di
tipo Thvenin o Norton
Il carico viene rappresentato mediante una resistenza equivalente
59
Funzioni di rete
Equazioni della sorgente
Equazioni del doppio bipolo
Equazioni del carico
Scelta la rappresentazione del doppio bipolo, le equazioni consentono
di ricavare le tensioni e le correnti alle porte
Inoltre possibile determinare delle funzioni di rete che esprimono le
relazioni tra le tensione e le correnti alle porte
In seguito, come esempio, si far uso della matrice ibrida, ma il proce-
dimento pu essere esteso facilmente alle altre rappresentazioni
2 L 2
i R v =
2 L 2
v G i =
1 S S 1
i R v v =
1 S S 1
v G i i =
(

=
(

2
1
o f
r i
2
1
i
i
r r
r r
v
v
(

=
(

2
1
o f
r i
2
1
v
v
g g
g g
i
i
(

=
(

2
1
o f
r i
2
1
v
i
h h
h h
i
v
60
Guadagno di corrente
Combinando lequazione del carico con la seconda equazione del dop-
pio bipolo si ottiene la relazione tra le correnti di ingresso e di uscita
Il guadagno di corrente
In particolare se si annulla la resistenza di carico si ha
L o
f
1
2
i
1 R h
h
i
i
A
+
= =
2 L o 1 f 2
i R h i h i =
1
L o
f
2
1
i
R h
h
i
+
=
f
1
2
cc i
h
i
i
A = =
2 L 2
2 o 1 f 2
2 r 1 i 1
i R v
v h i h i
v h i h v
=
+ =
+ =

61
Guadagno di tensione
Eliminando i
1
e i
2
dalle equazioni si ottiene la relazione tra le tensioni di
ingresso e di uscita
Il guadagno di tensione
In particolare nel funzionamento a vuoto si ha
2 L 2
2 o 1 f 2
2 r 1 i 1
v G i
v h i h i
v h i h v
=
+ =
+ =
2 o 1 f 2 L
v h i h v G + =
L i
f
L i f r o i
f
1
2
v
G h
h
G h h h h h
h
v
v
A
+ A
=
+
= =
H
2
f
L o
1
v
h
G h
i
+
=
2
f
L o
i 1
v h
h
G h
h v
r
|
|
.
|

\
|
+
+
=
H A
=
f
0 v
h
A

62
Resistenza di ingresso
La resistenza di ingresso del doppio bipolo caricato si ottiene
eliminando i
2
e v
2
dalle equazioni
In particolare a vuoto e in cortocircuito si ottiene, rispettivamente
2 L 2
2 o 1 f 2
2 r 1 i 1
i R v
v h i h i
v h i h v
=
+ =
+ =
1
L o
L f r
i 2 L r 1 i 1
1
i
R h
R h h
h i R h i h v
|
|
.
|

\
|
+
= =
1
L o
f
2
1
i
R h
h
i
+
=
L o
f r
i
L o
L f r
i
1
1
in
1 G h
h h
h
R h
R h h
h
i
v
R
+
=
+
= =
i incc
h R =
o o
f r
i
1
1
0 in
h h
h h
h
i
v
R
H A
= = =

63
Guadagni di tensione e corrente riferiti al generatore
Per calcolare i guadagni riferiti ai generatori si moltiplicano i guadagni
di tensione e di corrente riferiti alla porta 1 per i fattori di partizione che
legano, rispettivamente, v
S
a v
1
e i
S
a i
1
V
in S
in
1
2
S
1
S
2
S V
A
R R
R
v
v
v
v
v
v
A
+
= = =
I
in S
in
1
2
S
1
S
2
IS
A
G G
G
i
i
i
i
i
i
A
+
= = =
64
Equazione di uscita
Eliminando i
1
e v
1
, si ottiene la relazione che lega la tensione e la
corrente alla porta 2
A partire da questa relazione di possono ricavare i circuiti equivalenti di
Thvenin e Norton del bipolo ottenuto collegando la sorgente e il doppio
bipolo
2 o 1 f 2
2 r 1 i 1
1 S S 1
v h i h i
v h i h v
i R v v
+ =
+ =
=
2 r 1 i 1 S S
v h i h i R v + =
S i
2 r S
1
R h
v h v
i
+

=
2
S i
f r
o S
S i
f
2
v
R h
h h
h V
R h
h
i
|
|
.
|

\
|
+
+
+
=


65
Resistenza di uscita
La resistenza di uscita si ottiene azzerando il generatore
Nei casi particolari di R
S
= 0 o G
S
= 0 si ha rispettivamente
2
S i
f r
o 2
v
R h
h h
h i
|
|
.
|

\
|
+
= 0
S
= v
1
S i
f r
o
0
2
2
out
S

=
|
|
.
|

\
|
+
= =
R h
h h
h
i
v
R
V
o
0 out
1
h
R =
H A
=
|
|
.
|

\
|
=

i
1
i
f r
o outcc
h
h
h h
h R


66
Tensione a vuoto
La tensione di uscita a vuoto si ottiene ponendo i
2
= 0 nellequazione
di uscita
La relazione tra la tensione a vuoto e la tensione del generatore
0
20
S i
f r
o S
S i
f
=
|
|
.
|

\
|
+
+
+
v
R h
h h
h v
R h
h
S
S o f r i o
f
20
v
R h h h h h
h
v
+
=
S o
f
S
20
R h
h
v
v
+ A
=
H

0
2
= i
20 2
v v =

67
Tensione a vuoto
Lo stesso risultato si pu ottenere utilizzando la resistenza di ingresso
a vuoto per determinare v
1
e quindi moltiplicando v
1
per il guadagno di
tensione a vuoto
S
G o
f f
G
o
o
S 0 v
G 0 in
0 in
S 20
v
R h
h h
R
h
h
v A
R R
R
v v
+ A
=
|
.
|

\
|
A

+
A
A
=
+
=
H H
H
H
68
Corrente di cortocircuito
La corrente di uscita in cortocircuito si ottiene ponendo v
2
= 0
nellequazione di uscita
La relazione tra la corrente di cortocircuito e la corrente i
S

S
S i
f
S
S i
f
cc 2
1
i
G h
h
v
R h
h
i
+
=
+
=
S i
f
S
cc 2
1 G h
h
i
i
+
=
0
2
= v
cc 2 2
i i =

69
Corrente di cortocircuito
Lo stesso risultato si pu ottenere utilizzando la resistenza di ingresso
in cortocircuito per determinare i
1
e quindi moltiplicando i
1
per il
guadagno di corrente in cortocircuito
f
S i
f
S f
S i
S
S icc
S incc
S
S cc 2
1
h
G h
h
i h
R h
R
i A
R R
R
i i
+
=
+
=
+
=
70
Circuiti equivalenti del doppio bipolo
Dal punto di vista della sorgente, il doppio bipolo pu essere
rappresentato da una resistenza equivalente R
in
che, in generale,
dipende dalla resistenza di carico R
L
Dal punto di vista del carico, il doppio bipolo pu essere rappresentato
mediante un circuito equivalente di tipo Thvenin o Norton, i cui
parametri, in generale, dipendono dalla resistenza del generatore R
S
71
Funzioni di rete espresse con i parametri R, G e H
S i
f
S i
f
o S
f
S
cc 2
S o
f
o S
f
S i
f
S
0 2
1
S i
f r
o
1
S i
f r
o
S i
f r
o out
L o
f r
i
1
L o
f r
i
L o
f r
i in
L o
f
L i
L f
L o
f
i
L i
f
L o
f
L i
L f
v
1
1
G h
h
G g
g
r G
r
i
i
G h
h
g R
g
R r
r
v
v
R h
h h
h
G g
g g
g
R r
r r
r R
G h
h h
h
G g
g g
g
R r
r r
r R
R h
h
G g
G g
R r
r
A
G h
h
G g
g
R r
R r
A
+ + + A

+ A

+ A

+
|
|
.
|

\
|
+

|
|
.
|

\
|
+

|
|
.
|

\
|
+

+ + A +

+ A

+ A

R
H G
G
H R
H G R
72
Funzioni di rete espresse con i parametri R, G e H
H
R
G
R
H
G
H
H G R
A
A
A
A
A
A

A

i
o i
outcc
o
i
o 0 out
i
i o
incc
o
o
i 0 in
f
i
f
o
f
icc
f
o
f
i
f
0 v
1
1
1
h
g r
R
h
g
r R
h
g r
R
h
g
r R
h
g
g
r
r
A
h
g
g
r
r
A
73
Resistenza caratteristica
Il valore della resistenza di carico R
L
per cui risulta R
in
= R
L
detto
resistenza caratteristica e viene indicato con R
0
Utilizzando le espressioni ricavate per R
in
e imponendo R
in
= R
L
= R
0
si ottiene
Quando R
L
= R
0
si dice che il doppio bipolo adattato
o
o i
2
1
f r
2
o i o i
f r
2
o i o i
0
2
4 ) 1 ( ) 1 (
2
4 ) ( ) (
2
4 ) ( ) (
h
h h
g g g g g g
r r r r r r
R
+ A A
=
=
(
(

+
=
=
+
=

H H
74
Doppi bipoli in cascata
Nella pratica si presenta frequentemente il caso in cui un sistema
costituito da pi doppi bipoli collegati in cascata
Le funzioni che descrivono il comportamento del doppio bipolo risultante
non sono legate in modo semplice alle funzioni di rete relative ai singoli
componenti
Non semplice ricavare come cambia il comportamento del sistema se
viene variata la sua configurazione (per es. se viene eliminato uno dei
moduli o ne viene aggiunto un altro)
75
Doppi bipoli in cascata
In alcuni casi particolari il problema pu essere semplificato
Per esempio, se tutti i doppi bipoli hanno resistenza di ingresso
molto elevata e resistenza di uscita molto piccola il guadagno di
tensione complessivo circa uguale al prodotto dei loro guadagni
a vuoto
Questa situazione non sempre facilmente realizzabile
(specialmente nel caso di doppi bipoli passivi)
Se tutti i doppi bipoli hanno la stessa resistenza caratteristica
il doppio bipolo risultante ha ancora la stessa resistenza
caratteristica
in condizioni di adattamento il guadagno complessivo si ottiene
moltiplicando i guadagni dei singoli doppi bipoli
Questa scelta trova numerose applicazioni pratiche
Es. sistemi a 600 O usati in telefonia, sistemi a 50 O utilizzati a
radiofrequenza e per strumenti di misura
76
N-porte resistivi
Componenti con 2N terminali che costituiscono N porte
per ciascuna porta la corrente entrante in uno
dei terminali uguale a quella uscente dallaltro
Relazioni costitutive
f
1
, ..., f
N
= funzioni generiche
Se il tempo non compare esplicitamente nelle
funzioni il componente detto tempo-invariante
| |
| | 0 , , , , , f
0 , , , , , f
1 1
1 1 1
=
=
t i i v v
t i i v v
N N N
N N


77
N-porte lineari tempo-invarianti
Nel caso pi generale le equazioni costitutive di un N-porte
lineare e tempo-invariante sono del tipo
Queste equazioni possono essere scritte nella forma
dove
0
0
1 11 1 1
1 1 11 1 1 11
= + + + + +
= + + + + +
N NN N NN N
N N N N
i b i b v a v a
i b i b v a v a


(
(
(

=
(
(
(

=
(
(
(

=
(
(
(

=
NN N
N
NN N
N
N N
b b
b b
a a
a a
i
i
v
v


1
1 11
1
1 11 1 1
A i v
0 Bi Av = +
78
Rappresentazioni di un N-porte lineare
Parametri di resistenza
Parametri di conduttanza
Se lN-porte ammette entrambe le rappresentazioni, si ha
Le altre possibili rappresentazioni sono dette ibride
Ri v =
(
(
(

=
(
(
(

=
(
(
(

=
NN N
N
N N
r r
r r
i
i
v
v


1
1 11 1 1
R i v
Gv i =
(
(
(

=
(
(
(

=
(
(
(

=
NN N
N
N N
g g
g g
i
i
v
v


1
1 11 1 1
G i v
1 1
= = G R R G
79
Significato dei parametri di resistenza
k h i
k
j
jk
h
i
v
r
= =
=
0
Rapporto tra la tensione alla porta
j e la corrente alla porta k quando
tutte le porte diverse dalla k-esima
sono a vuoto
80
Significato dei parametri di conduttanza
k h v
k
j
jk
h
v
i
g
= =
=
0
Rapporto tra la corrente alla porta
j e la tensione alla porta k quando
tutte le porte diverse dalla k-esima
sono in cortocircuito
81
Reciprocit
Si dice che un N-porte reciproco se, dati due generici insiemi di
tensioni e correnti e (k =1,...,N) compatibili con le sue
equazioni caratteristiche, verificata la relazione
Se il componente ammette la matrice di resistenza vale la
relazione
Se il componente ammette la matrice di conduttanza vale la
relazione

= =
' ' '
=
' ' '
N
k
k k
N
k
k k
i v i v
1 1
j k r r
kj jk
= =
j k g g
kj jk
= =
k k
i v
' '
,
k k
i v
' ' ' '
,
82
Teorema di reciprocit
Un N-porte ottenuto connettendo componenti resistivi reciproci
reciproco
Dimostrazione
Premessa: per un resistore la condizione di reciprocit sempre
verificata, infatti
Si considerano due condizioni di funzionamento dellN-porte, in cui le
porte vengono collegate a due insiemi arbitrari di N bipoli, scelti con
lunico vincolo che i circuiti ottenuti dal collegamento ammettano
soluzione unica
Si indica con l il numero totale di lati dei circuiti cos ottenuti e si
attribuiscono i numeri da 1 a N ai bipoli collegati alle porte
i v i v
i i R i v
i i R i v
i R v
i R v
' ' '
=
' ' '

' ' ' = ' ' '


' ' ' = ' ' '

' ' = ' '


' = '
83
Teorema di reciprocit
Dimostrazione
Si indicano le tensioni e le correnti relative ai due funzionamenti con
Per il teorema di Tellegen si ha
Se lN-porte formato da componenti reciproci, i secondi addendi di
queste equazioni sono uguali
Questo richiede che siano uguali i primi addendi, cio che le tensioni e
le correnti dellN-polo risultante soddisfino la condizione di reciprocit
l l l l
i i v v i i v v ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' ' , , , , , , , ,
1 1 1 1
e
0 0
1 1 1 1
= ' ' ' + ' ' ' = ' ' ' + ' ' '

+ = = + = =
l
N k
k k
N
k
k k
l
N k
k k
N
k
k k
i v i v i v i v

+ = + =
' ' ' = ' ' '
l
N k
k k
l
N k
k k
i v i v
1 1

= =
' ' ' = ' ' '
N
k
k k
N
k
k k
i v i v
1 1
84
N-porte dinamici
Per una rete lineare dinamica a N porte le relazioni tra le correnti e le
tensioni alle porte sono di tipo differenziale lineare omogeneo
In condizioni di regime sinusoidale, applicando la trasformata di
Steinmetz si ottengono relazioni lineari algebriche omogenee tra i fasori
delle tensioni V
1
...V
N
e delle correnti I
1
... I
N
del tipo
dove
Le equazioni hanno la stessa forma delle equazioni di un N-porte
resistivo, ma in questo caso le matrici hanno coefficienti complessi
dipendenti dalla pulsazione
0 Bi Av = +
(
(
(

=
(
(
(

=
(
(
(

=
(
(
(

=
NN N
N
NN N
N
N N
b b
b b

a a
a a
A
I
I
i
V
V
v


1
1 11
1
1 11 1 1
85
Matrici di impedenza e di ammettenza
Se il componente comandato in corrente oppure in tensione
possibile rappresentarlo mediante parametri di impedenza o di
ammettenza che costituiscono lestensione al caso dei regimi
sinusoidale dei parametri di resistenza e di conduttanza
Matrice di impedenza
Matrice di ammettenza
Zi v =
(
(
(

=
NN N
N
z z
z z
Z

1
1 11
k h
k
j
jk
h
= =
=
0 I
I
V
z
Yv i =
(
(
(

=
NN N
N
y y
y y
Y

1
1 11
k h
k
j
jk
h
= =
=
0 V
V
I
y
86
Matrici ibride e matrici di trasmissione
Per i componenti a due porte si possono estendere al regime
sinusoidale le definizioni delle matrici ibride e di trasmissione
(in questo caso i coefficienti sono complessi e dipendono da e)
(

=
(

=
(

2
1
2
1
22 21
12 11
2
1
V
I
H
V
I
h h
h h
I
V
Matrice ibrida
(

' =
(

' '
' '
=
(

2
1
2
1
22 21
12 11
2
1
I
V
H
I
V
h h
h h
V
I
Matrice ibrida inversa
(

=
(

=
(

2
2
2
2
1
1
I
V
T
I
V
D C
B A
I
V
Matrice di trasmissione
(

' =
(

' '
' '
=
(

1
1
1
1
2
2
I
V
T
I
V
D C
B A
I
V
Matrice di trasmissione inversa
87
Relazioni tra le rappresentazioni dei doppi bipoli
D C
B A
T
A
T
C
T
B
T
D
h h
h
h
h
h
H
h
H
h
h
h
h
h
y
y
y
Y
y y
y
z
z
z
z
Z
z
z
T
T
A
T
C
T
B
T
D
D C
B A
h
H
h
h
h
h
h
h h
h
h
h
h
H
y
y
y
Y
y y
y
z
z
z
z
Z
z
z
T
D
A
D
T
D D
C
A
B
A
A
T
A
C
h h
h h
H
h
H
h
H
h
H
h
y y
y
y
y
y
Y
z
Z
z
z
z
z
z
H
A
C
A
T
A A
B
D
C
D
D
T
D
B
H
h
H
h
H
h
H
h
h h
h h
y
Y
y
y
y
y
y
z z
z
z
z
z
Z
H
B
D
B
T
B B
A
B
A
B
B
T
B
D
h h
h
h
h
h
H
h
H
h
h
h
h
h
y y
y y
Z
z
Z
z
Z
z
Z
z
Y
C
A
C
T
C C
D
C
D
C
C
T
C
A
h
H
h
h
h
h
h
h h
h
h
h
h
H
Y
y
Y
y
Y
y
Y
y
z z
z z
Z
T T H H Y Z
' '
' '
A A
A A
'

'
'

'
'

'
' A


A
'
' A ' A
'
' A
'
' A
'
'
' A
'
'
'
'
'


A
'
'
'
' A
'

'
' A

' '
' '
A A

A
A

'
'
'
'
' A

' '
'

A
A
'
A
'

A
'

A
'
A

A
'
'
'
' A

'

'
'

' '
'

'
'
'
' A
A

A A

A
'
'
'
' A
' '
' A
'
' A
'
'
'
'

'

A
A A

A
' '
12 12
11
12
22
12
12 12
22
12
11
12
12
11
12
12 12
11
12
11
12
12 21
22
21 21
11
21
22
21
21 21
22
21
11
21
21
11
21
21 21
22
21
22
21
21 21
11
22 21
12 11
11 21
12 22
22 22
21
22
12
22
11 11
21
11
12
11
11 21
12 22
22 21
12 11
11 11
21
11
12
11
22 22
21
22
12
22
22 22
21
22
12
22
11 11
21
11
12
11
22 21
12 11
11 21
12 22
11 11
21
11
12
11
22 22
21
22
12
22
11 21
12 22
22 21
12 11
1
1 1
1
1
1
1
1
1
1 1
1
1
1
1
1
1
1 1
1
1
1
1
1
Ogni riga riporta le espressioni dei coefficienti di una matrice in funzione
dei coefficienti delle matrici indicate nelle intestazioni delle colonne
) det(M = A
88
Circuiti con doppi bipoli dinamici
Facendo uso della trasformata di Steinmetz, nel caso di circuiti in
regime sinusoidale, o, pi in generale, della trasformata di Fourier
possibile estendere ai circuiti contenenti doppi bipoli dinamici tutti i
risultati ricavati per i doppi bipoli e per gli N-porte resistivi
In particolare si possono generalizzare
i circuiti equivalenti dei doppi bipoli
i teoremi di rappresentazione dei doppi bipoli
le relazioni relative ai collegamenti tra doppi bipoli
il teorema di reciprocit
le definizioni delle funzioni di rete, che in questo caso divengono
funzioni a valori complessi della pulsazione e
89
Funzioni di rete espresse con i parametri Z, Y e H
S i
f
S i
f
o S
f
S
cc 2
S o
f
o S
f
S i
f
S
0 2
1
S i
f r
o
1
S i
f r
o
S i
f r
o out
L o
f r
i
1
L o
f r
i
L o
f r
i in
L o
f
L i
L f
L o
f
i
L i
f
L o
f
L i
L f
v
1
1
Y h
h
Y y
y
z Z
z
I
I
Y h H
h
y YZ
y
Z z
z
V
V
Z h
h h
h
Y y
y y
y
Z z
z z
z Z
Y h
h h
h
Y y
y y
y
Z z
z z
z Z
Z h
h
Y y G
Y y
Z z
z
A
Y h H
h
Y y
y
Z z Z
Z z
A
H Y Z
+ + + A

+ A

+ A

+
|
|
.
|

\
|
+

|
|
.
|

\
|
+

|
|
.
|

\
|
+

+ + A +

+ A

+ A

G
90
Funzioni di rete espresse con i parametri Z, Y e H
H
h
y z
Z
Z
h Y
y
z Z
h
y z
Z
Z
h
H
Y
y
z Z
h
y
y
z
z
A
H
h
y
y
z
z
A
H Y Z
A
A
A
A
A
A

A

i
o i
outcc
o
i
o 0 out
i
i o
incc
o
o
i 0 in
f
i
f
o
f
icc
f
o
f
i
f
0 v
1
1
1