Sei sulla pagina 1di 3

AL SIGNOR PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE

L’Aquila, 13.03.2015

INTERPELLANZA

Oggetto: situazione dipendenti CIAPI

Il sottoscritto consigliere regionale

Premesso che:

- Il Ciapi viene costituito nel 1968 ad opera della Cassa per il Mezzogiorno per accompagnare

la crescita imprenditoriale e industriale della nostra Regione con

formazione professione;

lo

strumento

della

- Con la costituzione delle Regioni, alla Cassa per il Mezzogiorno subentra la Regione

Abruzzo con la quota del 97%. Il restante 3 % farebbe capo alle Province di Chieti e Pescara;

- Per Legge e Statuto, compete alla Regione Abruzzo la nomina del C.d.A. o , in alternativa,

dell’Amministratore Straordinario, nonché la nomina del Revisore dei Conti;

- La Regione Abruzzo, tra le altre cose, approva i bilanci preventivi e consuntivi della stessa;

- Ai sensi della Delibera CIPE del 12/12/1972, la Regione ha l’obbligo di ripianare gli

eventuali debiti di esercizio;

- Nel 2000, con la L.R. n.1 del 5.01.2000, viene costituita la Fondazione Ciapi per la gestione

del patrimonio;

- Con la L.R. n. 41 del 17.11.2004, vengono apportate modifiche alla L.R. n. 1 del 2000

aggiungendo due atti fondamentali con i quali si autorizza la Fondazione a vendere perte del

patrimonio;

- Successivamente gran parte del patrimonio viene venduto all’Università “G. D’Annunzio”

per circa 14 milioni di Euro, importo che sarebbe dovuto servire, in parte, per risolvere la

situazione debitoria del Ciapi;

- Con Decreto n. 138/2009, il Presidente della Giunta Regionale non riconosce la personalità

giuridica alla Fondazione Ciapi nononstate l’art. 2 della L.R. n.1 del 2000 prevedesse il

riconoscimento della personalità giuridica alla Fondazione;

- Con D.G.R. n. 558/2014 si riconosce un debito della Regione a favore della Fondazione pari

ad € 410.000,00;

- Nel

corso

degli

anni

il

Ciapi

ha

sempre

svolto

attività

formative,

ha

goduto

dei

provvedimenti di esodo con conseguente riduzione di personale, ha stipulato Convenzioni

con la Regione

per l’utilizzo di 18 unità presso gli uffici Regionali di Pescara e con la

Provincia dell’Aquila per l’utilizzo di 1 unità;

Considerato che

- Il debito accumulato dal Ciapi, come da D.G.R. n. 558/14, ammonterebbe a 5 milioni di Euro

che

non

è

stato

conseguenze;

certamente

prodotto

dai

dipendenti

che

attualmente

ne

pagano

le

Interpella il Presidente della Giunta e l’assessore competente

-Per sapere:

1) quali iniziative abbia assunto o intenda assumere per risolvere definitivamente la situazione

dei dipendenti;

2) cosa si intenderà fare del Ciapi;

3) se i dipendenti si trovano in cassa integrazione e se cosi fosse il motivo per cui da oltre un

anno non percepiscono nulla;

4) se corrisponde al vero che il Direttore del Ciapi continua ancora a maturare indennità;

5) quali e quante sono le spese di rappresentanza sostenute negli anni dai vertici del Ciapi;

Il Consigliere Regionale M5S

Domenico Pettinari