Sei sulla pagina 1di 45

08.11.

2006 10:33 Uhr

Seite 1

Contamination
Management
Dalla lavorazione
alla consegna.

I 7.604.0/10.06

Deckblatt_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 1

Pagina 3

1 Definizione del
Contamination Management

Pagina 5

2 Basi del Contamination


Management

Pagina 5

Pagina 8

Pagina 12

Pagina 13

2.1 Definizione dei tipi di


contaminazione
2.2 Effetti della
contaminazione da
particelle nei sistemi idraulici
2.3 Classificazione
della contaminazione
da particelle nei fluidi
2.3.1 ISO 4405 - Fluido
idraulico - Contaminazione
dei fluidi - Determinazione
della contaminazione da
particelle con metodi di
analisi gravimetrici

Pagina 14

2.3.2 ISO 4406: 1999

Pagina 15

2.3.3 NAS 1638

Pagina 16

2.3.4 SAE AS 4059

Pagina 17

Pagina 19

2.3.5 Procedura per


l'analisi dei campioni di fluido
secondo ISO 4406: 1999,
NAS 1638 e SAE AS 4059
3 Determinazione della quantit
residua di contaminazione
su componenti

Pagina 19

3.1 Procedura ad ultrasuoni

Pagina 20

3.2 Procedura di lavaggio

Pagina 20

3.3 Procedura con vibrazioni

Pagina 21

Pagina 23

4.5 Attuazione
di un controllo di pulizia su
un banco di lavaggio

Pagina 26

4.5.1 Rilevamento della contaminazione globale di un sistema

Pagina 27

4 Analisi della pulizia di


componenti e sistemi
completi sul banco prova
di lavaggio
4.1 Flusso turbolento

Pagina 24

4.2 Effetto disperdente

Pagina 25

4.3 Passaggio attraverso tutti


i canali e tutte le superfici
4.4 Flusso pulsante durante il
lavaggio

5 Contamination Monitoring

Pagina 28

5.1 Programmazione

Pagina 28

5.2 Attuazione

Pagina 28

5.3 Ispezione di una linea


di produzione o di montaggio

Pagina 29

5.4 Risultati

Pagina 31

6 Redazione di una specifica


di pulizia

Pagina 32

6.1 Struttura di una specifica


di pulizia

Pagina 35

7 Fonti di contaminazione in
fase di produzione o di
montaggio di sistemi idraulici

Pagina 35

7.1 Come evitare l'immissione di


sporco durante la produzione ed
il montaggio di sistemi idraulici

Pagina 36

7.2 Eliminazione
di particelle dai sistemi
idraulici (esperienze pratiche)
e dai componenti

Pagina 36

7.2.1 Impianti di lavaggio

Pagina 40

7.2.2 Prova del funzionamento

Pagina 42

7.3 Stoccaggio, logistica


ed ambiente

Pagina 42

7.4 Componenti forniti da terzi


e componenti di produzione
propria

3.4 Procedura di valutazione

Pagina 23

Pagina 25

Pagina 25

Pagina 43

8 Flussaggio durante
la messa in funzione

Pagina 45

9 Considerazioni economiche

Pagina 47

10 Contamination Management
in pratica

Pagina 49

Reference List

I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

1 Definizione del
Contamination
Management
Il Contamination Management
(gestione della pulizia) si occupa
dell'analisi e dell'ottimizzazione
di processi sotto l'aspetto della
pulizia di componenti, sistemi
e fluidi impiegati.
Nei sistemi idraulici moderni nell'industria automobilistica ed
i suoi fornitori, nell'industria idraulica
e mobile - vengono impiegati
oggigiorno dei componenti pi
piccoli, leggeri ed efficienti di 10
anni fa p.es. L'impiego di questi
componenti fa s che anche le
esigenze relative alla pulizia del
sistema aumentino come del resto
hanno provato vari studi fatti in
passato.
Il 70-80 % ca. di tutti i guasti dei
sistemi idraulici sono attribuibili ad
una maggiore contaminazione del
sistema. Questa percentuale di
guasti non si riferisce soltanto
all'industria idraulica tradizionale.
Soprattutto nell'industria
automobilistica in cui cresce l'uso di
sistemi elettroidraulici l'argomento
Contamination Management molto
sentito. Il concetto di sistemi idraulici
o Fluid-system viene usato in
genere per tutti i settori (industria
automobilistica, industria idraulica
ed industria idraulica mobile).
Nel settore automobilistico
sono attualmente in vigore delle
specifiche di pulizia per i seguenti
sistemi:
motori (approvvigionamento di
carburante e di olio)
servocomando
trasmissioni automatiche/cambi
sistemi servoassistiti
elettroidraulicamente (sospensione,
frizione, freni, ABS, ESP)
idrauliche centrali
Questo elenco non ha la pretesa
di essere completo ed inteso
per mostrare in quali settori il
Contamination Management
viene impiegato.

Seite 3

Nel passato i sistemi idraulici


venivano dotati di una filtrazione
del sistema che puliva il sistema
al momento della messa in servizio
e che successivamente aveva il
compito di mantenere la purezza
del fluido del sistema ad un livello
costante, p.es. con l'uso di filtri per
la messa in servizio e con un breve
intervallo di manutenzione con
passaggio alla filtrazione del
sistema. A causa dei crescenti
requisiti relativi ai sistemi idraulici
moderni (intervalli fra le
manutenzioni pi lunghi e crescente
pressione per quanto riguarda
i prezzi) questa procedura spesso
non basta pi. Nei grandi sistemi
dell'industria idraulica vengono
effettuati dei lavaggi al momento
della messa in funzione al fine
di portare velocemente il livello
di contaminazione ad un livello
accettabile.
Nel caso di piccoli sistemi idraulici
che vengono costruiti in grandi
quantit (p.es. industria
automobilistica, industria idraulica)
ci non sempre possibile. Per
questo motivo il Contamination
Management inizia con la
costruzione dei singoli componenti
ed abbraccia l'intero processo
di produzione fino al pezzo finito.
In casi estremi vengono integrati nel
processo anche le divisioni di
progettazione e di sviluppo per
costruire i componenti in maniera
tale da permettere un lavaggio
semplice ed efficace. Se la quantit
dei componenti forniti da terzi
considerevole opportuno
includere anche i subfornitori nel
Contamination Management.
Con l'introduzione del
Contamination Management,
che ha lo scopo di ridurre al
minimo la concentrazione di
particelle in tutti i settori, ad iniziare
dalla produzione fino all'esercizio
del sistema completo, vengono
evitati gli inconvenienti nei sistemi
dovuti alla contaminazione da
particelle e quindi si ottiene un
risparmio dei costi. Si pu ottenere
questo con una riduzione dei costi
degli utensili di lavorazione, una
migliore utilizzazione dei banchi
ed un impiego ottimizzato di
macchine per il lavaggio.

I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 4

Da ci nascono i seguenti compiti


del Contamination Management:
Sviluppo di sistemi che sono
ottimizzati con lo scopo di una
pulizia semplice
Ottimizzazione e controllo dei
processi di lavaggio
Formazione e sensibilizzazione
del personale
Individualizzazione ed eliminazione
di fonti di contaminazione
Elaborazione di istruzioni di analisi
Redazione di specifiche
di pulizia per i singoli
componenti ed i sistemi
Con lo scopo di dimostrare
il successo del Contamination
Management si intende di seguito
effettuare una considerazione
sui costi complessivi.
In questa considerazione sono
contemplati i seguenti fattori:

I 7.604.0/10.06

- costi di garanzia
e di non garanzia
- costi energetici
- costi di revisione
- costi degli utensili nelle
macchine di lavorazione
- costi di esercizio per macchine
di lavaggio e banchi prova
- costi per i tempi di lavorazione
Nei capitoli seguenti troverete
una descrizione pi dettagliata
delle basi e delle applicazioni
del Contamination Management.

Definizioni dei concetti:


Contamination Management Management della pulizia - controllo/ottimizzazione della pulizia
di componenti e purezza dei fluidi nel flussaggio dei materiali
e nel montaggio dei sistemi.
Fluidsystem

Sistemi idraulici, anche sistemi riempiti di fluidi p.es.


nell'industria automobilistica (p.e. motori, cambi,
servocomando, ABS...).

Contaminazione base

Tipo e quantit di contaminazione che esiste dopo il montaggio.

Contaminazione
da assestamento

Contaminazione da particelle che si formano in seguito


rodaggio degli impianti.

Danni iniziali

Danni superficiali che si formano durante la prova


di funzionamento/messa in servizio o il montaggio
dei sistemi.

Contamination Monitoring

Verifiche di processi relativi alla loro immissione


di contaminazione.

Procedura di misura on-line Procedura di misura in cui il campione da analizzare


viene portato dal sistema direttamente ad un apparecchio di
misura, p.es. ad un contatore automatico di particelle.
Procedura di misura off-line Procedura di misura in cui un campione viene prelevato
da un sistema e viene misurato in un altro luogo, p.es.
prelevare un campione di olio da un sistema ed analizzarlo
in un laboratorio.

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 5

2 Basi del
Contamination
Management
2.1
Definizione dei tipi di
contaminazione
Nei sistemi idraulici si verificano
i pi svariati tipi di contaminazione.
Si tratta di gas (p.es. aria), liquidi
(p.es. acqua) e contaminazioni
solide.
Nella raffigurazione seguente sono
riassunti i vari tipi di
contaminazione:

Come si pu vedere dalla


fig. 1 suddividiamo i tre tipi
di contaminazione solida in
ulteriori tre gruppi, le particelle
estremamente dure, quelle dure
e quelle morbide. Le particelle
estremamente dure e dure
possono causare dei danni
notevoli nei sistemi idraulici
se non vengono eliminate
il pi velocemente possibile.
La penetrazione di contaminazione
nei sistemi pu essere ridotta
adottando delle misure preventive.

I 7.604.0/10.06

Fig. 1 Tipi di contaminazione

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Nelle specifiche le particelle


dure vengono spesso identificate
separatamente. Vengono definiti
dei valori massimi per le
dimensioni pi lunghe che una
tale particella dura pu avere:
p.es. lunghezza max. particella
abrasiva 200 m o 200 x 90 m
o nessuna particella > 200 m.

Seite 6

Fig. 2

Oltre alla durezza delle particelle


sono importanti, per la frequenza
di inconvenienti nei sistemi, la loro
quantit e suddivisione secondo
le dimensioni.
Esiste una differenza nella
ripartizione delle dimensioni delle
particelle fra i sistemi nuovi e quelli
che hanno gi lavorato alcune ore.
Nei sistemi nuovi troviamo una
concentrazione di contaminazione
grossolana con lunghezze fino
ad alcuni millimetri che poi viene
sminuzzata ed eliminata da una
filtrazione nel corso dell'esercizio.

I 7.604.0/10.06

Nella prima messa in funzione


di sistemi idraulici si verifica
una contaminazione di particelle
supplementare dovuta all'usura
di materiale asportato per
sfregamento. Il Contamination
Management non in grado
di evitare questa immissione
di contaminazione, tuttavia
se la contaminazione base
minore, il sistema si avvia
con minore usura.

Nel diagramma di cui sopra si pu


vedere che il livello di contaminazione senza il Contamination
Management pi elevato che con
quest ultimo durante tutta la messa
in funzione del sistema ci che
pu causare anche pi danni
iniziali alle superfici.

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Le seguenti riprese con il


microscopio mostrano dei
campioni di particelle tipici che
si trovano nei sistemi idraulici.

Seite 7

Fig. 3

campione con particelle grossolane

campione con particelle fini

Fig. 4

I 7.604.0/10.06

Il limite della facolt visiva


di un occhio umano si aggira
attorno a 40 m. Le analisi delle
particelle vengono effettuate con
il microscopio o nei sistemi
idraulici con contatori delle
particelle che funzionano secondo
il procedimento dellinterruzione
del fascio luminoso
(vedi capitolo 2.3.5).

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 8

2.2
Conseguenze della
contaminazione da
particelle nei sistemi
idraulici
La contaminazione da particelle
che circola nei sistemi idraulici
causa dei danni alle superfici
dei meccanismi soggetti ad
usura (abrasione, erosione,
affaticamento superficiale).

Fig. 5
Esempi per l'usura nelle
superfici in movimento

In seguito a questa usura si


costituiscono sempre pi particelle
e l'usura aumenta se la reazione
a catena dell'usura non viene
limitata con delle misure adeguate
(riduzione della contaminazione).
Alcune meati tendono ad
ingrandirsi, le perdite di olio
aumentano ed il rendimento (p.es.
di pompe) diminuisce,con
il risultato di regolazioni imprecise.
Delle volte si possono verificare
anche otturazioni di canali di
comando o di fori di ugelli.
Durante il normale esercizio
di sistemi idraulici, sistemi di
filtrazione adeguatamente
dimensionati e concepiti,
dovrebbero interrompere
la reazione a catena dell'usura.
Per l'utilizzatore ci costituisce
una sicurezza illusoria in quanto,
gi dal montaggio dei componenti
al montaggio dell'intero sistema
e fino all'installazione, viene
immessa una contaminazione
altamente danneggiante.
Questa contaminazione immessa
in aggiunta pu portare ad un pre
danno fino al guasto prematuro
dei componenti del sistema.
In genere i concetti di filtrazione
dei sistemi non sono concepiti
per il controllo di grandi masse di
contaminazione come si verificano
nei seguenti lavori:
lavorazione di componenti
montaggio di sistemi
riempimento di sistemi
prima messa in funzione

I 7.604.0/10.06

riparazione di sistemi.

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Uno studio dell'Universit


di Hannover descrive cos
le influenze sulla durata
e resistenza a fatica di
cuscinetti a sfera:
La quantit di particelle e la loro
dimensione descrivono la quantit
di contaminazione nel lubrificante.
In funzione di questo e in rapporto
anche alla durezza e la forma
geometrica delle particelle si ha
un risultato nella gravit del danno
alle piste, la profondit del danno
inoltre viene influenzata anche dal
comportamento elastico-plastico
del materiale. La quantit dei
danni viene determinata dalla
quantit di particelle che si
trovano nel canale di lubrificazione
e dalla frequenza di rotolamento.
Il continuo funzionamento in
queste condizioni porta alla
rottura del cuscinetto.

Seite 9

L'esperienza pratica ha mostrato


che i cuscinetti a sfera con contatto
puntiforme nella maggioranza
dei casi sono meno sensibili
alla contaminazione da particelle
dei cuscinetti a rotolamento con
contatto a linea. I cuscinetti lisci
con fessure di lubrificazione pi
grandi sono quelli meno sensibili
alla contaminazione da particelle.

I 7.604.0/10.06

Fig. 6
Fattori di influenza sulla durata
di vita di un cuscinetto (1)

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 10

La seguente tabella mostra una


visione d'insieme delle pi correnti
dimensioni di fessura:
Fig. 7

Delle vaste ricerche relative alle


ripartizioni di particelle su
componenti in sistemi idraulici
hanno mostrato che all'inizio della
durata di vita di un sistema, cio
nel montaggio e nella messa in
servizio le particelle sono pi
grandi che durante l'esercizio.
Queste particelle grandi delle
volte fino a pi millimetri possono
causare dei guasti spontanei:
blocco di una valvola
gravi predanneggiamenti di pompe
distruzione di guarnizioni con
successive perdite

Pezzo

Gioco critico tipico


[m]

pompa ad ingranaggi (J1, J2)

0,5 5

pompa a palette (J1)

0,5 5

pompa a pistoni (J2)

0,5 1

valvola di regolazione (J1)

5 - 25

servovalvola (J1)

58

Questa percentuale pu essere


ridotta da un Contamination
Management attivo ed i relativi
costi possono quindi essere limitati
ad un minimo:
costi dovuti ad un fermo di
produzione
costi dovuti a ritardi di messa in
servizio di sistemi
costi dovuti a tempi di prova
prolungati in quanto occorre un
ciclo di lavaggio al fine di eliminare
la contaminazione dovuto al
montaggio
costi di garanzia

I 7.604.0/10.06

costi dovuti alla revisione

10

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 11

Fig. 8
Pista distrutta di un cuscinetto
a rotolamento dovuto
a contaminazione da particelle

Fig. 9
Incorporamento di un truciolo nella
superficie di un cuscinetto liscio

Qui il Contamination Management


interviene come segue:

I 7.604.0/10.06

Nei nuovi sistemi i singoli


componenti vengono portati ad
un livello di pulizia uniforme prima
del montaggio ed il fluido durante
il riempimento nonch il fluido
durante l'esercizio vengono
mantenuti ad un livello definito
(vedi Contamination Monitoring
cap. 5 ff).

11

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 12

2.3
Classificazione di
contaminazione da
particelle nei fluidi
L'obiettivo della procedure
descritta qui di seguito di
rendere possibile una
classificazione riproducibile
di contaminazione da particelle
nei fluidi.
Attualmente si conoscono
4 procedure per la classificazione
della contaminazione da particelle
nei fluidi:
Norma

ISO 4405

ISO 4406:1999

NAS 1638

SAE AS 4059

Settore di
impiego

Fluidi fortemente contam.


p.es. fluidi di lavaggio
fluidi per lavorazione

Fluidi idraulici
oil lubrificanti

Fluidi idraulici
oil lubrificanti

Fluidi idraulici
oil lubrificanti

Parametri

[mg/litri di fluido]

quantit particelle
> 4 m (c)
> 6 m (c)
> 14 m (c)

quantit particelle
5 15 m
15 25 m
25 50 m
50 100 m
> 100 m

quantit particelle
> 4 m (c)
> 6 m (c)
> 14 m (c)
> 21 m (c)
> 38 m (c)
> 70 m (c)

Metodi di analisi

Con questo metodo


di analisi si filtra 1 litro
del fluido da analizzare
attraverso una membrana
preparata che viene
pesata

1. Valutazione manuale:
Il fluido da analizzare viene filtrato attraverso una membrana e la
relativa classe di purezza viene stimata e quantificata manualmente
con l'aiuto di un microscopio.

Metodo dispendioso dal


punto di vista del tempo

1. Valutazione manuale:
Metodo dispendioso dal punto di vista
del tempo, non molto preciso.

Osservazione

2. Conteggio automatico delle particelle:


Il fluido da analizzare viene condotto attraverso un contatore
di particelle adeguato che conta le frazioni di particelle.

2. Conteggio automatica delle particelle:


Il risultato disponibile nel giro di brevissimo tempo.

I 7.604.0/10.06

Di seguito una descrizione


pi dettagliata delle norme.

12

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

2.3.1
ISO 4405 - fluido idraulico
- contaminazione dei fluidi
- Rilevamento della
contaminazione da
particelle con metodi
gravimetrici di analisi

Seite 13

Fig. 10

Questo standard internazionale


descrive il metodo gravimetrico
per la determinazione della
contaminazione da particelle
di fluidi idraulici.
Principio base:
Un volume conosciuto di fluido
viene filtrato attraverso uno o due
dischi di filtrazione con l'aiuto
di vuoto e poi viene misurata
la differenza di peso dei dischi
di filtrazione (prima e dopo la
filtrazione). La seconda membrana
viene impiegata per la valutazione
della precisione.

Prima dell'uso la membrana


viene lavata con Isopropanol,
quindi essicata nel forno di
essicazione fino a raggiungere
un peso costante e raffreddata
in ambiente asciutto secondo
definizione. Quest'ultima procedura
importante in quanto altrimenti
la membrana assorbe l'umidit
dell'ambiente ed il risultato
finale viene alterato.

Successivamente la membrana
viene pesata e questo valore viene
annotato come m(T).
In seguito la membrana viene fissata
nel suo supporto ed il fluido da
analizzare viene filtrato. Per far
arrivare tutta la contaminazione sulla
membrana, quest'ultima viene poi
lavata con una soluzione filtrata.
Nell'analisi di fluidi contenenti olio
essenziale che l'olio residuo venga
lavato via completamente dalla
membrana.
Dopo questa procedura la
membrana viene di nuovo essicata,
raffreddata e pesata (come descritto
sopra). Il valore di misurazione viene
annotato ora come m(E).
La contaminazione gravimetrica si
calcola come segue:
M (G) = m(E) m(T)

I 7.604.0/10.06

Per il rilevamento della


contaminazione gravimetrica
del fluido occorre prelevare un
campione rappresentativo dal
sistema. La norma ISO 4405
descrive la procedura di pulizia
per gli apparecchi da utilizzare
cosi come anche la procedura
di preparazione per le membrane
da analisi:

13

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

2.3.2
ISO 4406:1999
Nel caso di ISO 4406 le quantit
delle particelle vengono rilevate
cumulativamente, cio > 4 m (c),
> 6 m (c) e > 14 m (c)
(manualmente con filtrazione
del fluido attraverso una
membrana per analisi oppure
automaticamente con contatori
di particelle) e attribuite
a dei numeri di riferimento.
L'obiettivo di questa correlazione
fra quantit di particelle e numeri
di riferimento la semplificazione
della valutazione di purezze
di fluidi.
Nel 1999 la vecchia norma
ISO 4406 stata rielaborata
e le dimensioni delle grandezze
delle particelle da analizzare
sono state ridefinite. Oltre a ci
sono state modificate la procedura
di conteggio e la calibratura.

Seite 14

Breve sommario relativo alle modifiche:


vecchia ISO
4406:1987
Dimensioni

> 5 m,
> 15 m

> 4 m (c)
> 6 m (c)
> 14 m (c)

Dimensione rilevata

maggiore dilatazione
della particella

Diametro del
cerchio che
copre la superficie
ISO 11171:1999

Polveri
da test polvere

ACFTD-Staub

1.300 2.500 particelle > 4 m (c)


160 320 particelle > 6 m (c)
10 20 particelle > 14 m (c)

I 7.604.0/10.06

ISO 12103-1A1

SAE Fine,
AC-Fine

ISO 12103-1A2

ISO 12103-1A4
SAE Corse
frazione grossolana
Dimensioni
paragonabile

vecchia calibrature
ACFTD

Attribuzione delle quantit di


particelle alle classi di purezza:
Quantit di particelle
per ml
superiore a
2.500.000
1.300.000
640.000
320.000
160.000
80.000
40.000
20.000
10.000
5.000
2.500
1.300
640
320
160
80
40
20
10
5
2,5
1,3

Classe di
purezza

fino a
2.500.000
1.300.000
640.000
320.000
160.000
80.000
40.000
20.000
10.000
5.000
2.500
1.300
640
320
160
80
40
20
10
5
2,5

> 28
28
27
26
25
24
23
22
21
20
19
18
17
16
15
14
13
12
11
10
9
8

La riproducibilit dei risultati al di


sotto della classe di purezza 8
dipende dalla concentrazione delle
particelle nel campione analizzato.

14

1-10 m
Frazione ultrafine

ISO 12103-1A3
SAE 5-80 m
ISO MTD polvere
calibratice per contatore di particelle

Per l'utilizzatore in pratica


importante quanto segue:
Anche se le dimensioni delle
particelle da analizzare sono state
modificate, il codice di purezza
cambier soltanto in pochi casi.
Nella redazione della nuova
norma ISO 4406 stata prestata
attenzione al fatto che non tutte le
disposizioni esistenti relative alla
purezza per sistemi debbano
essere modificate (Lit. HYDAC,
Se non labbiamo in Italiano non
tradurre il titolo).

nuova ISO 4406:1999

paragonabile
ACFTD

nuova
calibratura Nist

< 1 m
4,3 m
15,5 m

4 m (c)
6 m (c)
14 m (c)

Se la quantit delle particelle


contate nel campione inferiore
a 20, il risultato deve essere segnalato
con .
E' da tener presente che se
la classe aumenta di 1 la quantit
di particelle viene raddoppiata.
Esempio:
ISO classe 18 / 15 / 11 significa:
1.300 2.500 particelle > 4 m (c)
160 320 particelle > 6 m (c)
10
20 particelle > 14 m (c)
si trovano in un ml del campione
analizzato.

Fig. 11
Osservazione al microscopio
di un campione di olio (100 ml)
Ingrandimento 100 volte
(ISO 18 / 15 / 11)

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 15

2.3.3
NAS 1638
Come la norma ISO 4406 anche la
NAS 1638 descrive le concentrazioni
di particelle nei fluidi. Le procedure di
analisi possono essere le stesse
dell'ISO 4406:1987.
Contrariamente all'ISO 4406 nella
norma NAS 1638 vengono contati
determinati settori di particelle ai
quali vengono attribuiti dei numeri
caratteristici.
Nella seguente tabella sono illustrate
le classi di purezza in funzione della
concentrazione di particelle rilevata.

Grandezza particella [m]

per le cifre vedi catalogo originale

5-15
15-25
25-50
50-100
>100
Quantit particelle in un campione di 100 ml
00
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

125
250
500
1.000
2.000
4.000
8.000
16.000
32.000
64.000
128.000
256.000
512.000
1.024. 000

22
44
89
178
356
712
1.425
1.850
5.700
11.600
22.800
45.600
91.200
182.400

4
8
16
32
63
126
253
506
1.012
2.025
4.050
8.100
16.200
32.400

1
2
3
6
11
22
45
90
180
360
720
1.440
2.880
5.760

0
0
1
1
2
4
8
16
32
64
128
256
512
1.024

Se la classe aumenta di 1 la quantit


di particelle viene raddoppiata.
Nella suddetta tabella le quantit di
particelle della classe 10 sono
indicate in grassetto.

I 7.604.0/10.06

Fig. 12
Osservazione al microscopio
di un campione di olio (100 ml)
ingrandimento 100 volte (NAS 10)

15

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

2.3.4
SAE AS 4059

Seite 16

Le classi di purezza secondo SAE


possono essere rappresentate nel
seguente modo:

Come le norme ISO 4406 e NAS


1638 la SAE AS 4059 descrive le
concentrazioni di particelle nei fluidi.
Le procedure di analisi possono
essere le stesse dell'ISO 4406:1999
e NAS 1638.
Le classi di purezza SAE si basano
sulla grandezza delle particelle,
la quantit nonch la ripartizione
delle grandezze delle particelle.
Dato che la grandezza delle
particelle rilevata dipende dalla
procedura di misurazione e dalla
calibratura le grandezze vengono
contrassegnate con le lettere
(A F).
Nella seguente tabella le classi di
purezza sono illustrate in funzione
della concentrazione di particelle
rilevata.

1. Quantit di particelle
superiore ad una grandezza
definita di particelle
Esempio:
Classe di purezza secondo
AS 4059:6
La quantit massima di particelle
nei singoli settori di grandezze
rappresentata in grassetto nella
tabella.
Classe di purezza secondo
AS 4059:6 B
Le particelle della grandezza B
non possono superare la quantit
massima come descritto sotto
classe 6.
6 B = max. 19.500 particelle della
grandezza 5 m o 6 m (c)

Concentrazione massima di particelle [particelle/100 ml]


> 1 m

> 5 m

> 15 m

> 25 m

> 50 m

> 100 m

Granddezza ISO 11171,


calibraturao microscopio
elettronico**

> 4 m (c)

> 6 m (c)

> 14 m (c)

> 21 m (c)

> 38 m (c)

> 70 m (c)

Codifica delle grandezza

195
390
780
1.560
3.120
6.250
12.500
25.000
50.000
100.000
200.000
400.000
800.000
1.600.000
3.200.000

76
152
304
609
1.220
2.430
4.860
9.730
19.500
38.900
77.900
156.000
311.000
623.000
1.250.000

14
27
54
109
217
432
864
1.730
3.460
6.920
13.900
27.700
55.400
111.000
222.000

3
5
10
20
39
76
152
306
612
1.220
2.450
4.900
9.800
19.600
39.200

1
1
2
4
7
13
26
53
106
212
424
848
1.700
3.390
6.780

0
0
0
1
1
2
4
8
16
32
64
128
256
1.020

Grandezza ISO 4402


Calibratura o
conteggio ottico*

I 7.604.0/10.06

000
00
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

16

** rilevamento grandezze particelle


secondo il diametro del cerchio
della stessa superficie.

2. Determinazione di una classe


di purezza per ogni grandezza
di particella

3. Indicazione relativa alla


massima classe di purezza
misurata

* misurazione grandezze particelle


secondo dimensione pi lunga.

Esempio:

Esempio:

Classe di purezza secondo


AS 4059: 7 B / 6 C / 5 D

Classe di purezza secondo


AS 4059:6 B F

Grandezza B (5 m o 6 m (c)):
38.900 particelle / 100 ml
Grandezza C (15 m o 14 m (c)):
3.460 particelle / 100 ml
Grandezza D (25 m o 21 m (c)):
306 particelle / 100 ml

L'indicazione 6 B F richiede
un conteggio di particelle nei settori
di grandezza B F. In tutti questi
settori non deve essere superata
la rispettiva concentrazione di
particelle della classe di purezza 6.

07.11.2006 10:42 Uhr

2.3.5
Procedura nella
valutazione dei campioni
di fluidi secondo
ISO 4406:1999,
NAS 1638 e SAE AS 4059
Si preleva un campione
rappresentativo del fluido da
controllare che viene analizzato
come segue:

Seite 17

1. Procedura manuale secondo


ISO 4407 (Potere del fluido idraulico
Contaminazione da fluido.
Determinzione della contaminazione
da particelle usando un microscopio
per il conteggio).
Secondo ISO 4407
descritta la procedura di
conteggio con il microscopio per
membrane. A questo scopo
vengono filtrati 100 ml del
campione da analizzare tramite una
membrana per analisi con una
dimensione media dei pori < 1 m e
delle marcature dei settori. Oltre a
ci sono descritte la procedura di
pulizia e la quantit massima di
particelle nel campione cieco.
Dopo l'essicazione della membrana per le analisi vengono
contati, a secondo della dimensione delle particelle da contare
10, 20 o 50 settori, i valori vengono
sommati e stimati sul diametro della
membrana.
Dato che nel caso di applicazione
della norma ISO 4407 viene contata
la dimensione pi lunga della
particella, nel caso della norma
nuova ISO 4406:1999 viene
valutato invece il diametro del
cerchio con la stessa superficie, il
conteggio manuale delle particelle
avviene nei vecchi livelli > 5 m e
> 15 m. Come descritto sopra, i
numeri caratteristici ottenuti con
questo conteggio corrispondono ai
numeri caratteristici della nuova
valutazione.

2. Conteggio automatico delle


particelle
Di seguito una descrizione dei
contatori pi usati di particelle
che funzionano secondo la
procedura di interferenza di
un fascio luminoso.
Nello schizzo di cui sotto
illustrato in maniera semplificata
il principio di misurazione della
procedura di interferenza di un
fascio luminoso. La fonte di luce
manda un raggio luminoso (quasi
sempre una luce monocromatica)
ad un sensore ottico che invia un
determinato segnale elettrico.
Se una particella (nera) si trova
fra la fonte di luce ed il ricettore
fotografico, si produce un'ombra
sul diodo fotografico. Questa
ombra modifica il segnale
elettrico inviato dal sensore.
Da tale cambiamento si pu
determinare la grandezza
dell'ombra che viene lanciata da
questa particella e quindi la
dimensione della particella.
Fig. 14

Fig. 13

Con questa procedura possibile


determinare molto bene le classi di
purezza secondo ISO 4406:1987,
ISO 4406:1999, NAS 1638 e SAE
AS 4059.

Questo metodo di conteggio pu


essere utilizzato soltanto con dei
campioni estremamente puliti.
In genere le classi di purezza
vengono stimate con l'aiuto di
fotografie di riferimento oppure
i campioni vengono contati
automaticamente.

Costituiscono dei fattori


di disturbo di questo principio
di misurazione dei liquidi estranei
e bollicine di gas che portano ad
una rottura del fascio luminoso
e vengono quindi anch'essi
conteggiati come particelle.
E' regola comune che il contatore
di particelle sia calibrato secondo
ISO 11943 (per ISO 4406:1999).
I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

17

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Il conteggio di particelle automatico


viene impiegato come:

Seite 18

Fig. 15

procedura on-line nella quale


il campione viene prelevato
direttamente dal sistema e
condotto nel contatore delle
particelle o il sensore integrato
direttamente nell'impianto.

Contatore di particelle
on-line della
serie FCU 2000

oppure come procedura off-line


nella quale il campione viene
versato in un contenitore dal quale
viene mandato attraverso un
contatore di particelle.

Fig. 16

Contatore di particelle da
laboratorio con Bottlesampling-Unit

I 7.604.0/10.06

BSU8000 con FCU 8000

18

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

3 Determinazione della
quantit residua di
contaminazione su
componenti
La determinazione di quantit
residue di contaminazione su
componenti avviene sulla base
di aspetti quantitativi e qualitativi.
Aspetto
quantitativo: mg/componente
mg/unit di superficie
(superficie bagnata
dall'olio)
mg/kg peso del
componente
quantit particelle >
x m/componente
Quantit particelle >
x m/unit di superficie
(superficie bagnata
dall'olio)
Aspetto
qualitativo: lunghezza della
particella pi grande
(suddivisione
duro/morbido)
I componenti con superfici
facilmente accessibili sono degli
elementi nei quali quasi sempre
interessante soltanto la superficie
esterna per la determinazione della
contaminazione residua. Esistono
anche delle eccezioni che fanno
parte di questa categoria, per
esempio scatole cambio, scatole
della pompa. In questi elementi
interessante la superficie interna.
Dato che queste in genere sono
facilmente accessibili, fanno parte
del gruppo 1.

Seite 19

3.1
Procedura ad ultrasuoni
Nella procedura ad ultrasuoni
i componenti da analizzare
vengono messi in un bagno ad
ultrasuoni ed esposti a onde
ultrasoniche per un determinato
tempo con una determinata
densit di suoni e determinata
temperatura del bagno.
La contaminazione da particelle
viene sciolta grazie allapporto di
energia e successivamente lavata
via dal componente stesso tramite
lavaggio con un liquido adatto.
La dispersione di particelle nel
fluido di lavaggio cos ottenuta
viene analizzata secondo le
procedure stabilite di analisi (vedi
cap. 3.4).
E' da tener presente che sia la
densit di energia degli ultrasuoni
sia la durata dell'esposizione del
campione alle onde devono essere
indicate nel risultato. La procedura
ad ultrasuoni particolarmente
adatta per particolari e componenti
nei quali tutte le superfici devono
essere analizzate. Si dovrebbe
evitare in linea di massima di
trattare con ultrasuoni i pezzi
in pressofusione ed elastomeri
in quanto in questo caso esiste
il pericolo che il carbonio che
si trova nel pezzo si sciolga ed
alteri l'analisi. Questi effetti devono
essere controllati prima di una
analisi ad ultrasuoni.

Componenti in cui vengono


esaminati le superfici interne
o gruppi di componenti premontati
appartengono al gruppo 2, troverete
le procedure di analisi per questi
ultimi nel capitolo 4.

I 7.604.0/10.06

Si conoscono due metodi secondo


i quali pu essere effettuata la
determinazione della
contaminazione residua di
componenti del gruppo 1:

19

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 20

3.2
Procedura di lavaggio

3.3
Procedura di vibrazione

Componenti con superfici


facilmente accessibili o quelli in
cui soltanto delle superfici parziali
sono da analizzare vengono
analizzati secondo la procedura
di lavaggio. In questo caso la
superficie da analizzare in un
ambiente pulito secondo una
determinata definizione viene
lavato con un fluido da analisi che
pulito anch'esso secondo una
determinata norma. Prima
dell'analisi si crea un provino
cieco nel quale tutte le superfici
ambientali, p.es. la vasca di
raccolta vengono sciacquate e
questo valore cieco viene rilevato
come contaminazione base
dell'apparecchiatura di analisi.
Il fluido di lavaggio viene
successivamente analizzato
in funzione delle procedure
stabilite di analisi.

Questa procedura viene usata


soltanto molto raramente dato
che difficile da riprodurre
manualmente. Nell'impiego di
macchine automatiche a scossa,
p.es. come vengono usate nei
laboratori chimici, i risultati
possono essere riprodotti.
Nei componenti si tratta
di particolari che si possono
chiudere e le cui superfici interne
devono essere analizzate
(p.es. tubi, serbatoi). E' essenziale
che le particelle all'interno del
componente vengano asportate
dopo la procedura di vibrazione.
La seguente tabella mostra una
comparazione delle varie
procedure di analisi per l'analisi di
singoli componenti o gruppi
costruttivi:

settore di aria pura

Durchfhrung

Fig. 17

pistola

Metodo di lavaggio

Ultrasuoni

Attuazione
I componenti vengono
lavati con un fluido di
analisi in un ambiente
successivamente
pulito secondo
definizione

Attuazione
I componenti vengono
esposti a radiazioni
ultrasonori in una
vasca ad ultrasuoni
e successivamente
avati con il fluido da
analisi

Applicazione
Componenti in cui
vengono analizzati
delle superfici
parziali e nei quali
l'ultrasuono potrebbe
danneggiare le
superfici.

Applicazione
Componenti di
piccole dimensioni
e componenti in cui
tutte le superfici sono
da analizzare (la
dimensione del
componente dipende
dalla vasca ad
ultrasuoni).

vasca di raccolta

valvola di ventilazione
e di intercettazione

supporto per membrana


valvola di
intercettazione

Anwendung

filtro del
sistema

Componenti di
costruzione semplice
con superfici
facilmente accessibili

pompa
per vuoto

serbatoi
di riserva

attacco aria
compressa

Analisi veloce

Riproducibilit

Riproducibilit

Tempo lungo per


l'analisi L'energia
si ripercuote
sulle superfici
La superficie deve
essere risciacquata
Nessuna norma valida

Normativa in
preparazione

I 7.604.0/10.06

I settori contrassegnati in ROSSO


sono i settori di lavaggio, i settori
contrassegnati in BLU vengono
indicati come settore di analisi.
Nella realt, tramite delle valvole
adatte, i due circuiti sono
comandati in maniera tale da
rendere possibile la commutazione
tra i due serbatoi di riserva.
Lo schizzo mostra lo schema
semplificato.

20

Il liquido di analisi viene alimentato


con una pressione di 4-6 bar
e quindi trasportato nel locale delle
analisi attraverso il filtro di sistema
e la pistola a spruzzo. Il filtro di
sistema serve a far s che il liquido
di analisi venga spruzzato sulla
superficie da controllare con una
pulizia ben definita. Il liquido carico
di particelle si riunisce nella vasca
di raccolta e viene filtrato per
mezzo di vuoto attraverso la
membrana di analisi. La membrana
cos ottenuta viene analizzata
secondo i metodi di analisi descritti
di seguito.

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 21

3.4
Procedura di analisi
La valutazione dei fluidi di lavaggio
caricati di particelle pu avvenire
secondo diversi punti di vista.
Nel caso di componenti fortemente
contaminati adatta la cosidetta
analisi gravimetrica, nel caso
di componenti molto puliti invece
adatto un conteggio delle
particelle.

*in alternativa anche quantit particelle / kg peso componente.

I 7.604.0/10.06

La seguente tabella descrive le


singole procedure di analisi:

21

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

Seite 22

La seguente tabella descrive i


settori di impiego delle procedure
di analisi e valutazione:
Analisi

Gravimetria

Metodo di analisi

Lavaggio Ultrasuoni

Lavaggio Ultrasuoni

prova di funz.*

Componenti semplici p.es. superfici facilmente


access. ruote dentate

NE

Componenti

NE

NE

BE**

BE**

NE

BE**

NE

NE

BE**

NE

BE**

NE

BE**

NE

BE**

NE

p.es. superfici interne

Conteggio particelle

tubi, serbatoi
Componenti complic

p.es. componenti. con


vari fori o canali
piastre di comando

Componenti semplici p.es. superficie


da analizzare
sensore ad immersione
Sistemi

p.es. superfici interne


Guida dei sistemi
Common Rail

Sistemi complicati

I 7.604.0/10.06

E=
BE =
NE =
*=
** =

22

p.es. valvole, pompe

pu essere utilizzato
utilizzabile limitatamente
non utilizzabile
capitolo 4 analisi della pulizia di sistemi completi sul banco prova.
deve essere garantito che le particelle distaccate possano essere lavate via dal componente.

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:42 Uhr

4 4 Analisi della pulizia di


componenti e sistemi
completi sul banco
prova di lavaggio
La pulizia di componenti e sistemi
che passano attraverso un banco
di lavaggio o un banco prova pu
essere rilevata, sotto determinate
circostanze, tramite la purezza del
fluido di prova. Per conferire
validit a questo metodo di analisi
indiretto vengono quasi sempre
effettuati precedentemente dei
controlli manuali.
Cos vengono lavati manualmente
p.es. i tubi flessibili ed i risultati
vengono analizzati secondo i
metodi presentati nel capitolo 3.
Parallelamente a ci le purezze dei
fluidi di prova vengono determinate
sul banco prova al ritorno, quindi
dopo il componente.
Se qui si nota una correlazione fra
il valore manuale e quello
automatico (indiretto), si potr
scegliere in futuro l'analisi del
valore indiretto come metro di
qualit.

Seite 23

4.1
Corrente turbolenta
Il numero di Reynolds
Il numero di Reynolds descrive lo
stato della corrente di fluidi come
caratteristica adimensionale. Di
seguito una breve spiegazione
della struttura del numero di
Reynolds con l'esempio della
corrente che passa in un tubo.
Nel calcolo del numero di Reynolds
si trascurano le forze dei pesi.
Di regola sono soltanto le forze
di pressione, dattrito FR e le forze
dinerzia FT che attaccano gli
elementi idraulici ed i loro corpi che
vengono lavati dalla corrente.
Questi ultimi devono essere
in equilibrio in tutti i punti della
corrente. Se il rapporto di forza
dattrito e dinerzia in punti simili
P1 e P2 uguale siamo
in presenza di correnti simili.

Il cosiddetto numero di Reynolds


Rekrit dipende dalla viscosit
cinematica v, dalla portata Q del
fluido e dalla geometria della
condotta del flusso. Se il numero di
Reynolds di un flusso minore del
Re krit, si tratta di una corrente
laminare. Nel caso di valori
superiori a Re krit siamo in
presenza di una corrente
turbolenta. Di seguito indicazione
del numero di Reynolds critico
per olio
Re krit olio = 1900 3000
(fonte: Kahrs, M.: perdita di pressione nelle
condutture di comandi oli idraulici; VDI
forschungsheft 537, Dsseldorf 1970)

Fig. 18
Correnti simili attorno
a vari cilindri

Il banco di lavaggio per l'analisi


della quota residua di
contaminazione di sistemi deve
presentare le seguenti
caratteristiche:

Tenendo conto delle caratteristiche


su indicate risulta l'equazione
seguente per il numero di
Reynolds:

Re =

velocit media * diametro interno tubo

Re = 21220*

viscosit cinematica

vale per tubature e tubi flessibili

di * v
mit: Q = portata (l/min) ,
v= viscosit cinematica (mm2/s)
e
d= diametro interno tubo (mm)

I 7.604.0/10.06

1. Il lavaggio deve avvenire con


un flusso il pi turbolento possibile.
2. Il fluido usato deve avere un
effetto disperdente.
3. Il fluido deve attraversare tutti
i canali e le superfici.
4. Con la pulsazione durante
il lavaggio il rendimento del
lavaggio viene migliorato.

23

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 24

4.2
Effetto disperdente

La seguente tabella mostra la


differenza fra corrente laminare e
turbolenta.
Fig. 19
Corrente laminare

Corrente turbolenta

Tutte le particelle si muovono


senza mischiarsi.

Tutte le particelle vengono


costantemente mischiate.

Il tracciato di una particella viene


descritto con il filo della corrente.

Il tracciato di una particella


non pu essere predetto.

Ripartizione della velocit


in parallelo (vale per tubi).

Ripartizione delle velocit


relativamente uniforme
(forma parabolica appiattita).

L'olio di lavaggio usato deve avere


un effetto disperdente per rendere
possibile lo staccarsi ed il trasporto
delle particelle. Degli oli fluidi
speciali di lavaggio su base di olio
minerale possono contribuire
notevolmente al miglioramento
dell'effetto di lavaggio. Riducono
le forze di adesione fra le particelle
di sporco e le pareti della tubatura.
Bagnando bene le superfici essi
scorrono fra le particelle di sporco
e la parete e conducono cos al
distacco. Facendo delle prove
abbiamo avuto la dimostrazione
che un cambiamento del fluido di
lavaggio da un fluido di esercizio
ad un olio di lavaggio pu portare
ad un miglioramento 4 volte
superiore della pulizia dei
componenti/sistemi.
Tali oli di lavaggio devono essere
compatibili con il fluido di esercizio
successivamente usato, fluidi che
non sono compatibili fra di loro
possono portare nel successivo
esercizio al
formarsi di schiuma
blocco del filtro
formazione di fanghi nel sistema.

Il numero di Reynolds
inferiore a Re krit
Fonte:
Universit di Wrzburg
Lezione tecnica delle correnti

Il numero di Reynolds superiore


a Re krit

Nel suddetto disegno


rappresentato la corrente
laminare a forma parabolica in
un tubo. Da ci risulta che la
velocit del flusso, nel caso di
corrente laminare, pi elevata
nel centro del tubo (punta della
parabola) che alla sua parete.

I 7.604.0/10.06

Nel caso della corrente


turbolenta questa parabola si
allarga (se si considerano i valori
medi) in quanto nella corrente
turbolenta sono attive anche delle
correnti trasversali. Queste fanno
si che la velocit della corrente
nelle vicinanze delle pareti
del tubo aumenta.
Questo effetto viene sfruttato
in fase di lavaggio di sistemi
in quanto tale aumento di velocit
della corrente fa si che le particelle
che si sono depositate alla
parete del tubo vengano staccate
e lavate via.

24

07.11.2006 10:43 Uhr

4.3
Passaggio del fluido
attraverso tutti i canali
e le superfici
Nell'effettuare le prove bisogna
naturalmente prestare attenzione
al fatto che tutte le superfici
e canali del sistema vengano
bagnati durante il lavaggio.

Seite 25

4.4
Corrente pulsante
nel lavaggio
Anche la corrente pulsante
o l'inversione della direzione della
corrente portano ad un migliore
distacco delle particelle aderenti.
In questo caso l'effetto principale
viene causato da forze alternanti
nelle particelle da staccare.
Si ottiene lo stesso effetto con
ultrasuoni o altri apparecchi per
la produzione di vibrazioni.

Fig. 20

4.5
Esecuzione di un controllo
di pulizia su un banco di
lavaggio
Nel caso di sistemi completi
o subsistemi che percorrono una
prova di funzionamento possibile
determinare la pulizia di tali sistemi
su un banco di lavaggio o banco
di prova di funzionamento
(= banco di lavaggio).
Tale procedura viene impiegata
per pompe, cilindri, trasmissioni,
unit di comando, servosterzi,
blocchi valvola ecc.
Dopo essersi assicurati che
il banco di lavaggio possiede
le predette caratteristiche l'analisi
si svolger nel seguente modo.
Prima di effettuare l'analisi, il banco
di lavaggio viene portato ad una
pulizia ben definita in maniera tale
che la contaminazione base del
banco prova non influisca sul
risultato di misurazione.
Successivamente questa pulizia
base viene rilevata e annotata.

Il lavaggio di tubature/tubi flessibili


e sistemi idraulici pu essere
eseguito con un gruppo di
filtrazione HYDAC.
I parametri rilevati sono:
prova di pressione
lavaggio
documentazione del successo
di lavaggio

I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

25

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

4.5.1
Determinazione della
contaminazione globale di
un sistema
Il punto di prelievo del campione
per un contatore automatico di
particelle prima o dopo il pezzo
in prova dal quale passa il flusso
direttamente. Se il risultato
dell'analisi deve essere
determinato in aggiunta anche dal
punto di vista gravimetrico,
il fluido completo del campione
viene raccolto e filtrato attraverso
una membrana da analisi
oppure un supporto della
membrana in-line con la relativa
membrana da analisi viene
integrato nel tubo di ritorno.
Ora il pezzo in prova viene
analizzato con l'aiuto del
programma di prova
precedentemente preparato e le
classi di pulizia vengono annotate
in parallelo.
Esempio pratico 1:
La seguente illustrazione mostra
l'andamento dell'analisi su un
banco di prova per pompe.

Seite 26

Dopo 5 minuti di prova il numero di


giri della pompa stato aumentato
fino a raggiungere il numero di giri
massimo. Con questa procedura
stata eliminata la contaminazione
da particelle. Successivamente
il sistema diventa sempre pi
pulito. Siccome anche dopo 1 ora
di tempo di prova (lo standard sono
10-15 minuti) viene ancora
eliminata della contaminazione
da particelle, la classe di purezza
del fluido nel ritorno (blu = dopo
il pezzo in prova) non raggiunge
mai la stessa purezza che prima
del pezzo in prova.
Questa procedura adatta per
controllare velocemente ed in
maniera semplice la pulizia di
forniture di serie, documentarla
e terminare la procedura di
lavaggio quando il valore
desiderato stato raggiunto.
Con l'inclusione del circuito di
misurazione nel sistema di
comando del processo di
produzione inoltre possibile
rilevare velocemente eventuali
irregolarit ed adottare le misure
adeguate. L'obiettivo di un controllo
costante della pulizia il controllo
della sicurezza del processo
relativo alla pulizia del sistema
all'atto della consegna.

Con una tale premessa possibile


intervenire velocemente nel caso di
una maggiore contaminazione del
sistema. Se queste misurazioni
vengono effettuate soltanto una
volta al giorno, potrebbe essere
interessata un'intera produzione
giornaliera che quindi deve essere
ripassata. Da ci risultano dei costi
inutili che possono essere evitati
con l'installazione di una procedura
di misurazione costante.
Per la misurazione di riferimento
il sistema viene smontato dopo
lo svolgimento della prova, se
possibile, ed i singoli elementi
vengono analizzati con l'aiuto
della procedura di lavaggio.

Fig. 21

per esempio:
Stato di consegna:

17 / 15 / 12 secondo ISO 4406:1999

1. Punto di avvertimento: 18 / 16 / 13 con 3 misurazioni successive

I 7.604.0/10.06

2. Segnale di arresto:

26

Nel superamento della classe di pulizia limite


18 / 16 / 13 con 2 misurazioni successive

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

5 Contamination
Monitoring
L'affidabilit di sistemi idraulici pu
essere influenzata fortemente dalla
contaminazione da particelle che
si trovano nel sistema nella fase
di avviamento. Il rischio di guasti
durante i primi minuti o ore di
esercizio particolarmente elevato
in quanto le particelle estranee
entrate durante il montaggio sono
ancora molto grandi e quindi
possono causare dei guasti
improvvisi. Nell'ulteriore esercizio
del sistema queste particelle
di grosse dimensioni vengono
triturate in particelle pi piccole e
questo processo di sminuzzamento
pu fare si che dei danni alle
superfici dei componenti del
sistema si verifichino. La
conseguenza di ci sono perdite,
rendimento ridotto o una riduzione
della durata di vita dei componenti.

Seite 27

Nell'ambito di un Contamination
Monitoring tutti i processi di
produzione o montaggio ritenuti
importanti vengono controllati in
funzione del loro stato di pulizia.
I metodi di analisi sono stati
descritti nel capitolo 4.
E' particolarmente importante
per uno svolgimento senza
difficolt del contamination
monitoring che gli operatori
abbiano una buona preparazione
e conoscenza.

In molti casi viene usato un filtro


a maglia fine per la pulizia veloce
del fluido del sistema durante la
messa in servizio. Nel settore
automobilistico ci non possibile
generalmente nei sistemi che si
trovano nel veicolo (costituiscono
delle eccezioni: cambi e motori).
Il Contamination Monitoring
comincia nell'ambito della
produzione e del montaggio.
Con la realizzazione del
Contamination Management
possibile tener lontano dai
sistemi una grossa parte della
contaminazione da particelle
attualmente ancora presente.
Come risultato abbiamo dei
risparmi sui costi grazie a minori
scostamenti delle caratteristiche
nei banchi prova che vengono
causate in seguito ad un
improvviso incollaggio delle
particelle in componenti sensibili
dei sistemi ed anche minori costi
relativi a garanzie. Ulteriori dettagli
a questo proposito in capitolo 9.

I 7.604.0/10.06

Di seguito una descrizione relativa


all'obiettivo, la programmazione e
la realizzazione di una
certificazione del processo:

27

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 28

5.1
Programmazione

5.2
Attuazione

Prima di tutto viene fissato


l'obiettivo del contamination
monitoring, p.es.:

I campioni di fluido e di componenti


vengono prelevati a campione
e stoccati in maniera tale da
evitare una qualsiasi penetrazione
aggiuntiva di contaminazione.
Nel caso di campioni di fluidi
vengono usati dei vetrini per
prove ed i componenti vengono
adeguatamente imballati in imballi
puliti secondo definizioni ben
precise.

Determinazione della condizione


effettiva
Controllo delle fluttuazioni tra
intervalli di produzione diversi
Controllo dei processi di lavaggio
Compensazione condizione
effettiva-nominale

5.3
Ispezione della linea di
produzione e di montaggio
Alcune fonti di contaminazione
sono visibili all'occhio esperto con
l'ispezione della linea di produzione
o di montaggio. Per questo motivo
una tale ispezione avviene durante
la certificazione. Le conoscenze
acquisite vengono quindi
confrontate con i risultati esistenti
e ne vengono tratte le conclusioni.

L'analisi avviene secondo


istruzioni ed in base ai metodi
descritti nei capitoli 3 e 4. Oltre
a ci viene redatta una precisa
documentazione delle conoscenze
acquisite.

Determinazione dei punti di prelievo


del campione
Con l'aiuto di un programma di
produzione vengono stabiliti durante
la fase di programmazione i punti
di prelievo dei campioni per
componenti e campioni di fluidi.
Oltre a ci i collaboratori che sono
coinvolti nel contamination
monitoring prendono confidenza
con gli obiettivi e la procedura.
IMPORTANTE:
La produzione deve andare avanti
come per il passato. Non possono
essere installati dei livelli di pulizia o
qualcosa di simile aggiuntivi. Il
Contamination Monitoring NON
serve al controllo della qualit dei
collaboratori bens al rilevamento
della causa delle fonti di
contaminazione!
Nella raffigurazione seguente
rappresentato una sezione
di una linea di lavorazione:

Fig. 22
Settore parziale lavorazione scatola

Entrata merce

BAZ

componente

lavaggio

componente

KSS

I 7.604.0/10.06

BAZ = centro di lavoro

28

Nella raffigurazione di cui sopra


sono contrassegnati i processi di
lavorazione ed i rispettivi punti di
prelievo dei campioni. In realt ci
avverr in maniera pi dettagliata
per quanto riguarda i punti di
prelievo dei campioni di fluido.
Viene descritto in quale punto,
p.es. il numero dell'attacco
minimess, stato prelevato il
campione del fluido.

Linea di montaggio

stoccaggio

componente

Fluide
di lavaggio

montaggio

componente

pezzo
in prova

componente

riempimento

componente

fluido
di test

fluido di
riempimento

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 29

5.4
Risultati
I risultati di questo Contamination
Monitoring descrivono la
condizione al momento del
prelievo del campione.
Di seguito la descrizione di
un possibile risultato:
Fig. 23

Fig. 24

Fig. 25

Ripresa al microscopio
membrana da analisi

Ripresa al microscopio
membrana da analisi

Contaminazione da particelle
di un componente PRIMA
dello stoccaggio.

Contaminazione da particelle
di un componente DOPO una
durata di stoccaggio di 2 settimane.

I 7.604.0/10.06

La raffigurazione mostra un settore


della lavorazione di una scatola.
I campioni dei componenti erano
stati prelevati prima e dopo un
impianto di lavaggio. Il risultato
mostra che tale impianto esegue
un buon lavoro ed posizionato
bene in tale punto. Lo stoccaggio
successivo non corretto in quanto
in questa sede la quota della
contaminazione da particelle quasi
si raddoppia.

29

07.11.2006 10:43 Uhr

6 Redazione di una
specifica di pulizia
Con l'applicazione di una specifica
di pulizia per i componenti ed
il sistema si pu garantire che
la qualit della consegna sia
costante.
Nella redazione delle specifiche di
pulizia occorre prestare attenzione
ai seguenti punti:
Livello della tecnica

Seite 31

Sarebbe opportuno suddividere


i singoli elementi o sistemi in
settori di sensibilit.
Categoria

Denominazione

Descrizione

poco sensibile
alle particelle

in maggioranza sistemi
a bassa pressione
con elevate tolleranze
alla rottura

sensibile alle particelle

sistemi in bassa
pressione con piccole
tolleranze alla rottura

fortemente sensible
alle particelle

sistemi in alta pressione


con piccole tolleranze alla
rottura ed elevati requisiti
sistemi nei quali la
sicurezza ha un ruolo
fondamentale

Benchmarking
che cosa fanno gli altri?
Inglobare le esperienze
precedenti, se esistono
Definire e perseguire
il Contamination Management
come progetto ufficiale
Far partecipare
tutti i livelli gerarchici
Documentazione esatta
dell'evoluzione della specifica
Stabilire delle definizioni chiare
Come prossimo passo deve essere
chiarito quali sono i componenti
pi sensibili del sistema. Spesso
non possibile raggiungere nel
sistema completo lo stesso livello
di pulizia del componente durante
il montaggio.
Se si riesce ad individuare una
filtrazione adeguata PRIMA dei
componenti sensibili, si pu,
prima di tale filtrazione, definire
un settore degli elementi poco
soggetti a contaminazione e dopo
il filtro un settore degli elementi
molto soggetti a contaminazione.

Per ognuna di queste categorie


di pulizia viene stabilito un valore
massimo di contaminazione da
particelle.
Di seguito illustrazione di questa
suddivisione con l'esempio di un
motore di una autovettura:
categoria

settore del motore

aria circuito dell'acqua


di raffreddamento

circuito dell'olio
a bassa pressione

iniezione diretta
di Diesel circuito
dell'olio ad alta pressione

Vengono inoltre definiti le purezze


dei liquidi dei singoli fluidi del
sistema o del processo.

I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

31

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

6.1
Struttura di una
norma di pulizia
Nella specifica di pulizia per
i componenti vengono fissati
i seguenti parametri:
1. Obiettivo della specifica
di pulizia
2. Ambito di validit
(denominazione del sistema)
3. Entit e cicli delle prove
4. Prelievo campione
5. Procedura di analisi
6. Procedura di valutazione
7. Precisioni
8. Liquidi da analisi da usare
9. Documentazione
10. Valori limite
Dato che queste specifiche
possono essere realizzate
individualmente per ogni sistema
desideriamo soffermarci su alcuni
punti ai quali occorrerebbe prestare
attenzione.

I 7.604.0/10.06

Le istruzioni di lavoro che


riguardano il prelievo
dei campioni, le procedure di
analisi e di valutazione dovrebbero
essere descritte in maniera molto
dettagliata al fine di poter garantire
un prelievo di campioni con le
stesse caratteristiche. Oltre a
ci il risultato dell'analisi dipende
molto, in particolare nel caso di
analisi di componenti, dal fluido
da analisi usato nonch dalla
procedura adottata.
La documentazione dovrebbe
essere realizzata sotto forma di
un modulo in maniera tale da avere
sempre pronti ed accessibili tutti
i risultati. Di seguito Vi mostriamo
una proposta per un tale modulo:

32

Seite 32

07.11.2006 10:43 Uhr

Esempio di una specifica


di pulizia:

1. Obiettivo della
specifica di pulizia
L'obiettivo nella realizzazione
di tale specifica di raggiungere
una pulizia costante del sistema X.
2. Ambito di validit
(Denominazione del sistema)
Questa specifica valida per
il sistema X con le sue serie
A, B e C. Essa comprende tutti
i particolari di acquisto e di
produzione propria. Inoltre si
definiscono in questa sede i fluidi
del sistema X relativi alla loro
pulizia.
3. Entit e cicli di prova
Si controllano 5 campioni
di ogni particolari al mese.
Se dopo 6 mesi si rileva un valore
costante di pulizia dei particolari
forniti, il ciclo di prove pu essere
ridotto ad un prelievo mensile
di 2 o 3 campioni.
L'analisi dei sistemi completi prima
della consegna avviene minimo
una volta alla settimana. Sarebbe
ottimale se fosse effettuato un
cotnrollo permanente della purezza
del fluido.
4. Prelievo del campione
Il prelievo del campione dei
componenti avviene nel reparto
accettazione merce. I campioni
rappresentativi dei componenti
vengono prelevati ed imballati
a tenuta di polvere per il
trasporto nel laboratorio.
I campioni dei fluidi vengono
prelevati nei punti di prelievo
previsti ed indicati nel programma
di prova oppure si collega
direttamente l'apparecchio
di misurazione.
5. Procedura di analisi
Per l'analisi dei componenti
deve essere usata la procedura
di lavaggio. Le superfici dei
componenti vengono lavati,
in ambiente pulito come da
definizione, con il fluido di prova
(XY) che ha la purezza xx,
con pressione z bar e x ml come
descritto nel programma di prova.
La contaminazione da particelle
lavata via viene raccolta su una
membrana per analisi ed
analizzata sotto l'aspetto
gravimetrico.

Seite 33

I campioni rappresentativi dei fluidi


vengono prelevati dai sistemi nei
punti prescritti per il prelievo.
Occorre indicare la durata della
prova, il programma della prova,
le pressioni risp. numero di giri,
dunque tutti i parametri della prova.
Nel caso di prove statiche come
per esempio prove di pressione
nelle tubature e nei tubi flessibili
occorre prestare attenzione al fatto
che deve esserci un effetto di
lavaggio per determinare la pulizia
di tali componenti, cio la prova
di pressione statica deve essere
seguita da un processo di lavaggio
dinamico al fine di rilevare l'effettiva
quantit di particelle che viene
lavata via dal componente.
6. Procedura di valutazione
Nel caso di analisi di componenti
la membrana per analisi viene
essiccata prima dell'analisi fintanto
che raggiunge un peso costante,
poi viene raffreddata e pesata.
Dopo la filtrazione la procedura
viene ripetuta. Dalla differenza di
peso risulta la contaminazione
gravimetrica del componente.
Successivamente le membrane
per analisi vengono esaminate
con il microscopio e le particelle
pi lunghe vengono misurate.
La valutazione dei campioni di fluidi
avviene secondo ISO 4405, ISO
4407, ISO 4406: 1999 o NAS 1638.
7. Precisioni
Per poter effettuare una
misurazione sufficientemente
precisa nei campioni di
componenti, l'apparecchio di
analisi, prima dell'analisi stessa,
deve essere portato ad un residuo
di contaminazione di 0,2 mg. Ci
viene determinato facendo una
prova cieca cio un lavaggio
dell'apparecchio senza il
campione.
Se il risultato dell'analisi rimane al
di sotto del valore di 0,5 mg, il lotto
deve essere ingrandito formando
cos un valore medio dei risultati.
8. Liquidi per analisi da usare
Nel caso di analisi di componenti si
dovrebbe usare il seguente fluido:
ABC-XX con la classe di purezza
14 / 12 / 9 e nessuna particella
> 40 m

I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

33

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 34

9. Documentazione
La documentazione relativa
ai risultati deve essere realizzata
su un modulo come da campione.
10. Valori limite
I componenti vengono
suddivisi in 3 classi di pulizia:
Categoria

Denominazione

Descrizione

poco semsibile
alle particelle

maggiormente sistemi in bassa


con grosse tolleranze alla rottura.

sensibile
alle particelle

sistemi in bassa pressione


con piccole tolleranze alla rottura

molto sensibile
alle particelle

sistemi in alta pressione con piccole


tolleranze alla rottura ed elevati requisiti

Per ognuna di queste


classi di pulizia sono valide
le condizioni di pulizia seguenti
(esempio arbitrario).
Categoria

Gravimetria

Dimensioni particelle

20 mg / componente

max. 4 particelle > 500 m


dimensione max.: 400 m
assenza di fasci di fibre

10 mg / componente

max. 4 particelle > 400 m


dimensione max: 800 m
fibre fino a 4 mm

5 mg / componente

max. 4 particelle > 200 m


dimensione max: 1.000 m
fibre fine a 2 mm

Di seguito la suddivisione
nelle singole categorie dei
componenti di una trasmissione:
Gruppo A: vasca d'olio
Gruppo B: scatola intermedia
scatola della
trasmissione,
flangia di uscita
Gruppo C: piastra della valvola
corpo valvola
piastra di centraggio
Campioni dei liquidi:

I 7.604.0/10.06

Alla fine della prova l'olio per cambi


non deve superare la purezza di
17 / 15 / 13 (c) secondo ISO 4406:
1999. L'esercizio del sistema
avviene con la purezza 18 / 16 / 14
(c) secondo ISO 4406:1999

34

11. Procedura nel caso di non


osservanza della specifica
Nel caso di non osservanza
della specifica i particolari
acquistati vengono restituiti al
fornitore. Se si verificassero dei
ritardi di produzione dovuti a
questa procedura, i componenti
verranno puliti ed analizzati presso
il nostro stabilimento per conto
ed a spese del fornitore.

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 35

7 Fonti di contaminazione
nella produzione o nel
montaggio di sistemi
idraulici

mantenuti puliti secondo


una precisa definizione ed i
dipendenti in questi settori devono
eventualmente portare dei vestiti
speciali, per evitare anche qui
l'introduzione di contaminazione.

La contaminazione da particelle
pu entrare nel sistema idraulico in
vari modi. Nella seguente
raffigurazione sono mostrati i
maggiori colpevoli dell'introduzione
della contaminazione:

Sensibilizzazione dei
collaboratori
Per raggiungere l'obiettivo pulizia
secondo precisa definizione
dei componenti o sistemi molto
importante integrare in questo
processo i collaboratori di tutti
i livelli gerarchici. Spesso
si nascondono nella ricchezza di
idee e nell'esperienza dei
collaboratori in particolare nei
collaboratori che lavorano alla
catena di montaggio e nella
produzione degli enormi
potenziali di risparmio.
L'esperienza ha insegnato che
se i collaboratori si identificano
con la mansione a loro affidata,
la sua realizzazione pi facile
e veloce da attuare.

Fig. 26

Alcune di queste fonti di


contaminazione possono essere
eliminate in maniera molto
semplice ed economica.

Nel Contamination Management


vale la massima:
Ci che non introduco
in un sistema, non lo devo
portare fuori!

7.1
Evitare l'introduzione di
contaminazione nella
costruzione e nel
montaggio di sistemi
idraulici

Ambiente - purezza dell'aria


In alcuni casi sar necessario
allestire un settore pulito per
il montaggio finale di sistemi molto
sensibili alla contaminazione,
come per esempio sistemi
a combustione, freni, paraurti.
Deve 'essere verificato nel
singolo caso fino a che punto
ci necessario. In molti casi
sufficiente eseguire le altre
misure descritte in questo
paragrafo.

In varie fasi della costruzione e


del montaggio di sistemi idraulici
o i loro componenti l'introduzione
di contaminazione pu essere
evitata a basso costo:
Stoccaggio e logistica
Nello stoccaggio e nel trasporto
dei componenti e dei sistemi
occorre stare a attenti a che questi
ultimi siano chiusi o bene imballati.
Anche gli imballi di trasporto o di
stoccaggio devono corrispondere
alla condizione di pulizia dei singoli
componenti.
Montaggio dei sistemi
o dei subsistemi
Il montaggio di tali sistemi deve
avvenire in base ai requisiti del
sistema. Ci significa che il settore
di montaggio ed il settore della
costruzione meccanica devono
eventualmente essere separati dal
punto di vista dello spazio al fine
di evitare un trasporto della
contaminazione. I luoghi e posti di
montaggio devono sempre essere

I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

35

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

7.2
Eliminazione di
contaminazione da
particelle dai sistemi
idraulici (esperienze
pratiche) e da componenti
Di regola l'eliminazione della
contaminazione da particelle da un
sistema idraulico avviene mediante
filtrazione. A seconda del tipo di
contaminazione esistono vari tipi
di filtri che possono essere usati.
Nel caso di grosse quantit di
contaminazione (p.es. lavatrici,
macchine per la lavorazione)
vengono impiegati degli impianti
di filtri a nastro o filtri a sacco.
Tali filtri hanno il compito di
eliminare dal sistema la massa
della contaminazione (spesso in
kg). Inoltre questi tipi di filtro
vengono usati anche come
filtrazione preliminare.

Seite 36

7.2.1
Impianto di pulizia
In impianti di pulizia vengono
liberati da contaminazione
(particelle, residui di fluidi di
lavorazione o di conservazione
ecc.) i singoli componenti.
La pulizia pu avvenire tramite
vari processi meccanici (p.es.
iniezione, verniciatura a spruzzo,
ultrasuoni) con l'impiego di vari
fluidi di pulizia (acquoso
o con l'aiuto di solventi organici).
Hanno una influenza decisiva
sull'effetto di pulitura anche la
temperatura e la durata di
quest'ultima. Questi fattori
devono essere sincronizzati fra di
loro in maniera ottimale al fine di
ottenere un buon effetto di pulizia
in un tempo economicamente
interessante.
Fig. 27

Questi filtri grossolani adempiono


quasi sempre molto bene al loro
compito di togliere molta
contaminazione dal sistema.
Se tuttavia si vuole garantire una
elevata purezza costante del fluido
del sistema di precisa definizione
occorre effettuare una filtrazione
fine aggiuntiva.
Mentre la filtrazione fine garantisce
la qualit, quella grossolana ha il
compito di controllare la quantit
di contaminazione.

I 7.604.0/10.06

Diverse analisi di processi di


lavaggio hanno dimostrato che
alcuni di questi processi per lo pi
costosi non meritano questo nome.
Secondo alcune voci qualcuno
di questi processi di lavaggio
viene chiamato processo di
distribuzione delle particelle.
Questa caratteristica stata
individuata nell'analisi di
componenti che erano stati
prelevati prima e dopo un
processo di lavaggio.

36

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Esempio: lavaggio di tubature dopo


la piegatura
Fig. 28
Ripresa con il microscopio
membrana per analisi

Seite 37

Nell'acquisto di impianti di lavaggio


si pu dare al costruttore una
indicazione relativa alla pulizia
del componente nonch alla
contaminazione massima del fluido
di lavaggio in mg/l o in una classe
di purezza che si desidera
ottenere.
Nel passato gli impianti di lavaggio
venivano suddivisi in lavaggio fine
e finissimo. Ci rappresentava una
definizione molto imprecisa della
prestazione richiesta. Oggigiorno
viene spesso definita la quantit
residua di sporco dei componenti
da pulire.

Il tubo stato segato e lavato

Fig. 29
Ripresa con il microscopio
membrana per analisi

L'indicazione di queste quantit


residue di sporco viene fatta in
mg/componente, mg/kg
componente, mg/unit di superfici
o concentrazioni di particelle nelle
varie dimensioni.
Inoltre vengono definite le
dimensioni massime di particelle
che possono trovarsi sul
componente lavato,
p.es. 3 particelle max. > 200 m,
nessuna particella > 400 m.

In un tale caso si pu
procedere in due modi:

Per poter raggiungere tali valori,


i parametri sopraindicati
dell'impianto di lavaggio devono
essere sincronizzati fra di essi.
Devono essere presi in considerazione come fattori aggiuntivi
i punti quali ambiente e protezione
antinfortunistica, condizioni locali
come disponibilit di spazio e di
energia nonch portata
raggiungibile.

1. Interrompere il processo
di lavaggio se la pulizia dei
componenti dopo il lavaggio risulta
peggio di prima di tale lavaggio.

La purezza dei fluidi di lavaggio


ha una influenza decisiva sul
rendimento di lavaggio della
macchina di lavaggio.

Vantaggio:
Risparmio di costi immediato

In questa sede trattiamo tuttavia


soltanto la questione delle misure
di manutenzione dei fluidi per
il lavaggio.

Dopo averlo segato e lavato


il tubo viene piegato e lavato

L'alternativa pi sensata nella


maggioranza dei casi:
2. Ottimizzazione del processo.
In questo contesto si presta
particolare attenzione ai
seguenti punti:
purezza del fluido di
lavaggio e di conservazione
aspetti meccanici (p.es. ugelli di
lavaggio otturati)
idoneit del processo di lavaggio
per i componenti da lavare

I 7.604.0/10.06

filtrazione del fluido di lavaggio

37

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 38

Come misure standard di manutenzione vengono


usate le seguenti procedure:
Procedura di lavaggio Contaminazione solida

Contaminazione liquida,
non disciolta (emulsione)

Contaminazione
liquida, disciolta

Filtrazione
Filtro a nastro

Filtro a sacco/
di controlavaggio

Microfiltror
(candele/dischi)

Ultrafiltrazione

Distillazione

X (nel caso di elevate


differenze di punte
di elaborazione)

Separatore

X (differenza di densit)

Separatore di olio

Coalescenza

Nella scelta delle misure


di manutenzione dei fluidi indicate
deve essere tenuto conto anche
del tipo e della composizione
del fluido di pulitura. Se si usa
l'ultrafiltrazione bisogna
considerare che nel singolo caso
non pu essere evitata una
separazione delle sostanze
di pulitura. Oltre a ci una
ultrafiltrazione pu essere
adottata soltanto nel caso di fluidi
di lavaggio prepuliti in quanto
le membrane di separazione
perdono la loro efficienza se sono
caricate di particelle di sporco.

Filtrazione come manutenzione


del fluido per la separazione
di contaminazione da particelle

I 7.604.0/10.06

I filtri a sacco e di controlavaggio in


varie classi di finezza costituiscono
oggi l'attrezzatura standard negli
impianti di lavaggio. E' vero che
questi filtri sono adatti ad eliminare
grosse quantit di contaminazione
da un sistema, tuttavia in genere
non sono adeguati per il rispetto
di classi di pulizia predefinite.
Dovuto alla loro struttura non
oppongono una grossa resistenza,
cio la contropressione sviluppata
attraverso il filtro molto ridotta ed
in genere inferiore a 1 bar.
Per questo motivo questo tipo
di filtro viene spesso impiegato
per la portata principale
nell'alimentazione del fluido di
filtrazione nella camera di lavaggio
o risciacquo. Per il controllo della
funzionalit i corpi dei filtri sono
dotati di manometri.

38

Nei filtri a sacco c' il rischio che


il sacco venga distrutto per via
del sovraccarico e che grosse
quantit di contaminazione

vengano liberate. Si raccomanda


quindi di stabilire in aggiunta degli
intervalli minimi per la sostituzione
e di controllare regolarmente la
purezza del fluido di lavaggio oltre
ai parametri standard come valori
pH o numero di germinazione.
Si definiscono sempre di pi i valori
della contaminazione residua dei
componenti che vengono stabiliti
come criterio di certificazione
per l'impianto di pulizia. In
questo contesto determinante
il mantenimento costante
di tali valori. In questo caso
assolutamente indispensabile
che la qualit del fluido di
filtrazione venga mantenuto ad un
livello elevato e costante.

Di seguito la descrizione di un
esempio ottenuto dall'esperienza
pratica.
Presso un noto fornitore
automobilistico si dovevano pulire
degli alberi a camme e portarli ad
una pulizia di una definizione di 9
mg/pezzo. La situazione di
partenza era la seguente:
Dati tecnici della macchina
di lavaggio esistente:
Volume serbatoio: 80 l
Capacit
della pompa: 250 l/min (pompa
centrifuga)
Detersivo: Ardox 6478 chemetall
Concentrazione: 2,3 3 %

Ci pu essere ottenuto
impiegando un filtro fine con una
quota di separazione assoluta e
costante. Per lo pi si usano qui
dei filtri a candela o a disco. Il
vantaggio di questi tipi di filtro
rispetto agli elementi filtranti
idraulici standard l'elevata
capacit di assorbimento dello
sporco che tali filtri ottengono
grazie al loro effetto in profondit.
Dovuto all'elevata quota di
separazione dello sporco che
questi filtri presentano si ottiene
l'eliminazione di una grande
quantit dello stesso dal fluido di
filtrazione ci che pu avere come
conseguenza che il filtro si
esaurisca in fretta e si blocchi.
Con una combinazione di filtri per
l'eliminazione della massa di
sporco dal sistema ed i filtri fini
assoluti si pu ottenere una
sufficiente durata unitamente
ad un'ottima purezza del fluido
di lavaggio.

Temperatura bagno: 50 C ca.


Filtrazione: filtro di controlavaggio
dopo la pompa,
finezza 50 m

Dati di processo:
Sostituzione bagno: una volta alla settimana
Portata: 3.000 4.000 pezzi/giorno
Ciclo di lavaggio: 15 s/pezzo
Problemi:
Intasamento del serbatoio
Qualit insufficiente dopo 2-3 giorni
Oscillazione del contenuto di
contaminazione dei componenti
prima dell'impianto: 30-50 mg
Costi per la pulitura dei
componenti massimo 0,008
I costi per la pulizia non possono
aumentare, nonostante ci
la qualit deve migliorare

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 39

Obiettivo dell'ottimizzazione
dell'impianto di pulizia:
Raggiungimento del valore
di contaminazione residua
di 9 mg/albero a camme max.
Purezza del fluido di lavaggio
a < 30 mg/litro
Aumento della durata del
fluido di lavaggio, cio risparmio
di costi per la sostituzione
Evitare l'intasamento del
serbatoio, cio risparmio di
tempo per il lavaggio
Si dovrebbe ottenere un impianto
di lavaggio richiedente poca
manutenzione che lava gli alberi
a camme fino ad un contenuto
di sporco residuo di 9 mg/pezzo
e ci con costi ridotti.

La durata del fluido per il lavaggio


stata prolungata da 1 a 8
settimane. Non si pi verificato
alcun intasamento del serbatoio.
La sostituzione del fluido di
lavaggio stata effettuata a causa
di un maggiore contenuto di
cloruro e non per lo sporco.
I valori di contaminazione residua
di 9 mg/albero a camme max.
e 30 mg/litri fluido del bagno max.
(con l'impiego di una membrana
di 5 m per l'analisi) sono stati
raggiunti e vengono mantenuti
costantemente a questo livello.
La durata dei filtri a sacco
economici di 2 settimane.
La durata dei filtri assoluti
Dimicron della ditta HYDAC
di 8 settimane.

Considerazione economica
Investimento

Filtrazione in off-line

Spese correnti

Risparmio
/anno

5.000 ,--

Costi di filtrazione

7.500 ,--

Maggiore
durata del fluido

10.000,--

Minori costi per


ripassatura

non possibile fare


un calcolo.

Periodo di guasto della


macchina di lavaggio

non possibile fare


un calcolo.

Grazie all'ottimizzazione delle


misure di manutenzione del fluido
di questo impianto di lavaggio
stato raggiunto un miglioramento
della qualit senza perderci in
sicurezza di processo del lavoro
e senza costi aggiuntivi, cio
i costi per il lavaggio restano fermi
a 0,008 /albero a camme come
veniva richiesto all'inizio del
progetto.
Questo esempio evidenzia il fatto
che prima di procedere ad una tale
ottimizzazione oppure anche nel
caso di impianti nuovi necessario
conoscere molto bene le
condizioni come pulizia dei
componenti PRIMA dell'impianto,
portata, dettagli tecnici, obiettivi
per garantire un successo.

I 7.604.0/10.06

Risultato dell'ottimizzazione

39

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

7.2.2
Prova di funzionamento
Con il riempimento del sistema
oppure nella prova di
funzionamento la maggior parte dei
sistemi entra in contatto per la
prima volta con il fluido di esercizio.
In questa fase di lavoro esiste una
grande possibilit di influenzare in
maniera decisiva la pulizia finale
del sistema globale. Con una
filtrazione adeguata dei fluidi di
riempimento e da test possibile
raggiungere in poco tempo un
miglioramento della pulizia del
sistema nella consegna o nella
messa in servizio dei sistemi
stessi.
Allo stesso modo di una macchina
di lavaggio anche la pulizia
dei prodotti finali pu essere
comandata tramite la prova
di funzionamento.
In alcune aziende vale il detto:
Il banco prova la nostra ultima
macchina di lavaggio.

I 7.604.0/10.06

Questa affermazione senz'altro


vera, nell'esperienza pratica
si rivela tuttavia come procedura
costosa. Nell'attuazione di misure
per la sicurezza del processo per
la fornitura di sistemi con una
pulizia predefinita ci rappresenta
comunque il punto di partenza.

40

Il seguente schizzo mostra la


struttura base di principio della
maggioranza dei banchi prova.

Fig. 31

Seite 40

Su un banco prova avviene, oltre


alla prova di funzionamento, anche
il collaudo dei pezzi e dei sistemi.
Come effetto collaterale si verifica
spesso un effetto di lavaggio del
sistema da controllare. Questo
effetto pu essere sfruttato,
con una misura mirata di
manutenzione del fluido ed
un controllo della pulizia,
per garantire una condizione
di pulizia predefinita e sempre
costante per la consegna dei
sistemi.
Il controllo della pulizia fornisce
una indicazione relativa alla
stabilit di processo delle
procedure di produzione e di
pulizia precedenti. Tramite un
controllo costante della purezza
del fluido da test viene spesso
documentata la pulizia dei sistemi
globali forniti. Questa strada viene
seguita nell'idraulica mobile, nelle
turbine oppure nelle macchine
continue in fase di consegna risp.
messa in servizio per mostrare
al cliente finale che il suo sistema
stato consegnato con la pulizia
secondo la definizione stabilita.

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

1. esempio:

Seite 41

Fig. 32

Il seguente studio mostra la


procedura di pulizia di una pompa
in fase di messa in servizio*:

La purezza del fluido da test


prima del pezzo in prova viene
mantenuta, adottando delle
misure adeguate, ad una classe
di purezza di 16 / 14 / 11 (c).
Dopo 5 minuti di prova il volume
della pompa viene aumentata per
breve tempo fino a raggiungere
il valore massimo. Dopo 10 minuti
la prova terminata.
In questo caso il contenuto
di sporco del pezzo in prova,
dopo ultimazione della prova,
era di 1 mg per kg di peso del
componente.

* capitolo 4 analisi della pulizia


di sistemi globali sul banco prova
di lavaggio

Fig. 33
Esempio: banco prova di una
valvola con filtrazione 5 m

Come si pu vedere nella


rappresentazione di cui sopra,
la concentrazione di particelle
si riduce costantemente nei primi
4 minuti nel corso della prova.
Quando la pompa dopo
5 minuti lavora a pieno regime,
la concentrazione di particelle
sale di colpo. I successivi 5 minuti
vengono poi impiegati per la pulizia
del sistema.

Vedi anche capitolo 4.5 Attuazione


di un controllo di pulizia su un
banco prova di lavaggio. Il banco
prova di lavaggio ivi descritto
serviva come oggetto sperimentale
per determinare il tempo ottimale
di lavaggio nella prova di
funzionamento delle pompe.

Qui si pone ora la domanda:


Quanto sono pulite le valvole che
escono da questo banco prova?
La procedura di lavaggio pu
essere monitorata smontando ogni
tanto le valvole in un ambiente
pulito predefinito e valutando la
contaminazione dei singoli
particolari.

I 7.604.0/10.06

Fig. 34
La classe di purezza raggiunta
di un fluido di prova: NAS 3

41

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

7.3
Stoccaggio, logistica
ed ambiente

I 7.604.0/10.06

Purtroppo oggi lo stoccaggio


non adeguato di componenti
all'ordine del giorno. Delle
guarnizioni che vengono
consegnate pulite ed imballate
in sacchetti alla linea di montaggio
vengono sballate e messe in
contenitori sporchi per ridurre il
costo del montaggio. Questi aspetti
vengono quasi sempre trascurati
e non si tiene conto di un grande
potenziale di risparmio che pu
essere sfruttato in maniera
semplice con un imballaggio
ed uno stoccaggio migliorato.

42

Seite 42

7.4
Particolari di
acquisto e particolari
di produzione propria
Con delle specifiche di pulizia
adatte sia per particolari interni
sia per quelli esterni di acquisto,
l'immissione di particelle nei
sistemi pu gi essere ridotta
in precedenza.

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Seite 43

8 Lavaggio di messa in
servizio
Si sceglie questa procedura
soprattutto per i grandi sistemi
per poter comandare la messa
in servizio senza grande logorio.
La filtrazione del banco prova
deve essere progettata in maniera
tale che nella successiva analisi
venga eliminata dal sistema da
controllare la contaminazione in
precedenza eliminata e che la
successiva misurazione non
venga alterata. In alternativa
si pu misurare e documentare
durante l'intera misurazione la
pulizia effettuata prima della
prova del pezzo.
Analisi del sistema idraulico di
una gru mobile

Fig. 35

Se questo decorso noto per


un sistema, la prova di pulizia pu
essere effettuata alla fine della
prova di funzionamento e quindi
si pu descrivere la pulizia del
sistema dopo la messa in servizio.
In questo modo pu seguire un
controllo del processo veloce
e sicuro con il controllo della
serie/messa in servizio di sistemi.
Il tempo impiegato per questa
procedura di lavaggio d delle
indicazioni relative all'immissione
di sporco in fase di montaggio.

I 7.604.0/10.06

Dopo 6, 8 e 10 minuti si faceva


uscire il braccio telescopico.
In questo caso si pu notare
chiaramente che ad ogni
collegamento di un nuovo
settore veniva lavata via della
contaminazione sedimentata.

43

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

9 Considerazione
economica
I punti chiave del Contamination
Management sono costituiti dal
controllo dei costi e del successo.
Nel controllo dei costi sono inclusi i
seguenti costi:
costi di garanzie

Seite 45

Come ulteriore passo stata


trasmessa una norma di pulizia ai
fornitori che vengono addestrati e
periodicamente controllati.

In questo calcolo economico


compreso anche il costo per
il Contamination Management
(seminari, costi di consulenza,
costi di analisi).

Gli effetti di questa ottimizzazione


furono i seguenti:
minore usura degli utensili
nella lavorazione delle superfici
maggior durata dei fluidi di
lavorazione

costi per l'energia


(p.es. raffreddamento e nuovo
riscaldamento di macchine
di lavaggio per la sostituzione
del fluido)

maggiore efficacia dei successivi


processi di lavaggio in quanto
l'immissione di sporco era
minore grazie a stoccaggio
e lavorazione ottimizzati

costi del banco prova


(tempo del pezzo in prova)

maggiori intervalli fra le sostituzioni


dei fluidi di lavaggio e risciacquo
e quindi risparmio di turni di lavoro
al sabato

costi per utensili nel caso


di macchine per la lavorazione
(maggiore usura per via
dell'elevata concentrazione
di particelle

meno guasti ai banchi prova,


cio nel caso di scostamenti dalle
caratteristiche questo sistema
viene controllato fino a 3 volte.
Questi giri zero sono stati ridotti
del 90 % e quindi stata
aumentata la produttivit

costi del fluido (macchine


di lavaggio, banchi prova,
macchine per la lavorazione)
costi mano d'opera (ripassatura,
pulizia di macchine lavatrici,
macchine per le lavorazioni)

riduzione dei costi di garanzia del


50 % in quanto la causa principale
per guasti era rappresentata dalla
contaminazione da particelle che
aveva come conseguenza delle
mancanze di tenuta ed una
regolazione imprecisa del sistema

costi dei filtri


La seguente considerazione
economica descrive, con l'aiuto
di un esempio, il successo di
un Contamination Management.
Nel presente caso - una linea
di produzione nell'industria
automobilistica vengono costruiti
3.000 sistemi al giorno. Si lavora
260 giorni all'anno. In occasione
di un Contamination Monitoring
stato rilevato che la purezza
del fluido del banco prova,
le condizioni di stoccaggio
nello stoccaggio intermedio
ed il processo di lavoro dovevano
essere migliorati. I costi per tale
ottimizzazione ammontavano
a quanto descritto di seguito:

riduzione del tempo per


il banco prova
Purtroppo non ci sono stati
concessi per la pubblicazione
i singoli dati di questo risparmio.
In base ad un calcolo economico
fatto da un cliente internamente
il risparmio ottenuto per ogni
sistema stato di 0,60 .
Se si suddivide questa cifra sulla
produzione annuale di 780.000
sistemi, si ottiene un risparmio di:
468.000,--

Banchi prova (5 pz)

6.500,-- * 5 = 32.500,--

Condizioni di stoccaggio
Coperture per i pallets
Macchina di lavaggio
per la pulizia

2.500,--

Processo di lavorazione
Manpower/pulitura
Filtrazione
Costi di consulenza
Totale:

50.000,-750,-- * 7 = 5.250,-1.250,-- * 7 = 8.750,--

Costi correnti / anno []


7.500,-- * 5 = 35.000,--

25.000,-2.000,-- * 7 = 14.000,--

10.000,--

1.750,--

109.000,--

75.750,--

I 7.604.0/10.06

Investimento unico []

45

07.11.2006 10:43 Uhr

10 Contamination
Management
nell'esperienza pratica
Nei precedenti capitoli stato
verificato l'effetto della
contaminazione da particelle sulla
durata di vita e l'affidabilit di
sistemi idraulici, come avviene la
specifica di pulizia dei fluidi o dei
componenti e come viene eseguito
un Contamination Monitoring.
Dall'applicazione del
Contamination Managment
risultano i seguenti doveri per le
parti contrattuali:
Fornitore:
Garanzia della condizione di
fornitura del prodotto secondo
precisa definizione.
Gli imballaggi dei prodotti
devono essere tali da evitare
l'immissione di contaminazione
aggiuntiva durante il trasporto
e lo stoccaggio dei prodotti.
Costruttore dei sistemi:
Trasporto, stoccaggio
e disimballaggio attento dei
prodotti. Conservazione pulita
dei prodotti dopo averli disimballati
o tolto le chiusure. Montaggio
dei componenti in un ambiente
adeguato.

Con un esempio descriviamo


seguito come possono essere
collegati questi singoli componenti
in un Contamination Management.
Descrizione delle condizioni:
Il sistema X viene costruito
e distribuito da anni con successo.
Negli ultimi anni il sistem X stato
ulteriormente sviluppato ed stato
creato una nuova generazione,
il sistema Y. Y possiede dei
rendimenti migliori, leggermente
pi piccolo di X e lavora con delle
pressioni pi alte di X. Da ci
risulta una maggiore sensibilit del
sistema Y verso la contaminazione
da particelle.
Questo si manifesta con il fatto che
nella prova di funzionamento
risultano dei maggiori scostamenti
dai dati caratteristici. Se si fa
passare Y una seconda o terza
volta sul banco prova, questo
scostamento non si verifica pi.

Seite 47

Le analisi hanno mostrato che


questi inconvenienti nascono da
una contaminazione grossolana da
particelle.
Il Contamination Management ha
come obiettivo quello di migliorare
il grado di pulizia in maniera tale da
evitare il riprodursi di tali anomalie
al banco prova e da ridurre i costi
di garanzia che ne risultano.
1. passo: analisi
del fluido da test
La purezza del fluido da test viene
determinata. Gli studi mostrano
che la purezza del fluido da test
prima del pezzo in prova possiede
una classe di purezza di 22 / 20 /
18 secondo ISO 4406, che la
particella metallica pi grande si
aggira attorno a 400 m e la fibra
pi grande attorno a 3.000 m.
2. passo: ottimizzazione del
banco prova di funzionamento
Con l'integrazione supplementare
di una filtrazione fine off-line che
mantiene una purezza costante
del fluido da test di 15 / 13 / 10 si
possono evitare il 95 % degli
scostamenti dai dati caratteristici.
Questa operazione contribuisce
inoltre a ridurre i costi di garanzia.
3. passo: riduzione dei costi dei
filtri nei banchi prova
Con un successivo Contamination
Monitoring si pu per esempio
scoprire che nei processi di
fabbricazione avviene l'immissione
nel sistema di una grossa quota
di contaminazione. Questa
contaminazione da particelle
deve essere eliminata dal sistema
del banco prova che qui adempie
alla funzione dell'ultima macchina
di lavaggio. Ci genera dei costi
evitabili.
Viene elaborato un concetto
che ottimizza i processi di lavaggio,
di lavorazione e di stoccaggio
intermedio. Viene redatto una
specifica di pulizia con il
programma delle prove per
i fluidi del sistema ed i componenti.
Questa specifica viene trasmessa
ai fornitori esterni ed interni ed
i componenti vengono forniti in
una condizione di pulizia ben
definita e costante.

4. Inserimento della tecnica


di misura delle particelle
nell'Assicurazione Qualit
Per un regolare controllo di qualit
della qualit di fornitura dei sistemi
Y viene integrato nel banco prova
un sensore per le particelle. Viene
definito un valore limite per la
contaminazione massima del fluido
nel flusso di ritorno. Se tale valore
viene superato possibile
intervenire rapidamente e garantire
che nessun sistema contaminato
lasci lo stabilimento.
La qualit della fornitura viene
controllata per campionamento
ed i componenti forniti vengono
eventualmente resi al fornitore
oppure lavati nello stabilimento
a spese del fornitore.
5. passo:
considerazione economica
All'inizio del Contamination
Management sono stati registrati
i costi di garanzia dovuti alle
anomalie maggiori nei banchi
prova.
Dopo le misure di ottimizzazione
questi costi vengono nuovamente
registrati e confrontati.
I risparmi ottenuti con
l'ottimizzazione sono brevemente
illustrati nel capitolo
considerazioni economiche.
Il risparmio nel presente caso
ammontava a ca. 468.000 /anno.
La durata di questo processo di
ottimizzazione era di 2 anni ca.
6. Documentazione
e nuovi progetti
Le cognizioni ottenute grazie
al Contamination Management
vengono raccolte in una banca
dati ed utilizzati per lo sviluppo
di sistemi nuovi.
Nei sistemi nuovi diventa la norma
che, oltre alla dimensioni, qualit di
superfici e tolleranze, si definisce
anche una quantit di
contaminazione residua massima.
Tale quantit si orienta per il
momento alla specifica che vale
per il sistema Y.
Con l'esperienza dei prototipi la
specifica viene adattata. La pulizia
ed i costi per la pulizia vengono
soprattutto determinati dalla
costruzione di nuovi sistemi.

I 7.604.0/10.06

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

47

Innenseiten Teil 2_ital.qxd

07.11.2006 10:43 Uhr

Literaturnachweis
(1) H. Werries, Einfluss von
Fremdpartikeln in Wlzlagern und
Manahmen zu ihrer Vermeidung,
Universitt Hannover 1992
(2) R.W. Park, Moog Australia Pty
Ltd. , Contamination Control a
hydraulic OEM Perspective,
Monash University- Australia, 1997

Seite 49

(14) Universitt Wrzburg


Vorlesung Strmungstechnik
(15) Nancy Carosso, NASA USA ,
Contamination Engineering Design,
www. de.ksc.nasa.gov/ dedev/labs/
cml_lab/CONTMON_DESIGN.html
#1.1

Autoren
HYDAC Filtertechnik,
Dipl.-Ing. (FH) Andreas Busch
Dipl.-Ing. Elke Fischer
eficon, Bensheim

(3) Fluid Power University of Bath,


GB Total Cleanliness Control in
Hydraulic Systems
(4) ISO 4405:1991 Hydraulik fluid
power Fluid contamination
Determination of particulate
contamination by the gravimetric
method
(5) ISO 4406:1999 Hydraulik fluid
power fluids Code for defining
the level of contamination of solid
particles
(6) ISO 4406:1987 Hydraulic fluid
power Fluids Methods for
coding level of contamination by
solid particles
(7) CETOP RP 94 H
Bestimmung von Feststoff-Teilchen
in Hydraulikflssigkeiten mit Hilfe
eines automatischen Teilchenzhlgertes, das nach dem Lichtunterbrechungsprinzip arbeitet.
(8) ISO 4407:1991 Hydraulic fluid
power Fluid contamination
Determination of particulate
contamination by the counting
method using a microscope
(9) ISO 11171:1999 Hydraulic fluid
power Calibration of liquid
automatic particle counters
(10) ISO 4402:1991 Hydraulic fluid
power Calibration of automaticcount instruments for particles
suspended in liquids Method
using classified AC Fine Test Dust
contaminant.
(11) NAS 1638: Cleanliness
requirements of parts used in
hydraulic systems

(13) Hydac, Filter-Fluidtechnik,


Neuer Teststaub, neue
Kalibrierung, neue Filtertestmethoden Auswirkungen in der
Praxis), 1999

I 7.604.0/10.06

(12) Acdelco Steering- USA,


Remanufacturing Process
Cleanliness, www.acdelco.com,
2001

49