Sei sulla pagina 1di 33

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

Vincenzo Gioberti
PROFESSIONALE SERVIZI
COMMERCIALI
PROFESSIONALE SERVIZI PER
LENOGASTRONOMIA E
LOSPITALITA ALBERGHIERA
PROFESSIONALE SERVIZI
SOCIO-SANITARI

PIANO DELLOFFERTA FORMATIVA


2014 - 2015

Via della Paglia, 50 - Trastevere 00153 ROMA


Tel. 06/121128025 - 06/121128026 -- Fax 06/5813577
Via dei Genovesi 30/c - Trastevere 00153 ROMA
Tel. 06/121123420 -- Fax 06/5813532
www.isis-gioberti.it - rmis014002@istruzione.it
Posta elettronica certificata: rmis014002@pec.istruzione.it

INDICE
1.
PREMESSA ........................................................................................................................... 4
2.
LISTITUTO............................................................................................................................ 4
Origini e caratteristiche dellIstituto ............................................................................................... 4
Gli indirizzi di studio ..................................................................................................................... 4
I nostri studenti............................................................................................................................. 4
3.
LE FINALITA FORMATIVE .................................................................................................. 5
Obiettivi e finalita trasversali ........................................................................................................ 5
Metodologia di lavoro ................................................................................................................... 5
4.
L OFFERTA CURRICOLARE ............................................................................................... 5
La riforma..................................................................................................................................... 6
Servizi Commerciali ..................................................................................................................... 6
Servizi per lEnogastronomia e lOspitalita Alberghiera ................................................................ 8
Servizi Socio-Sanitari ................................................................................................................. 11
5.
L ORIENTAMENTO ............................................................................................................ 13
Orientamento in ingresso ........................................................................................................... 13
Accoglienza delle classi prime ................................................................................................... 13
Orientamento in itinere ............................................................................................................... 13
Orientamento in uscita ............................................................................................................... 14
6.
LINTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E CON BISOGNI EDUCATIVI
SPECIALI ..................................................................................................................................... 14
Strumenti di raccordo per linclusione ......................................................................................... 15
7.
PIANO ANNUALE PER LINCLUSIVITA ............................................................................ 15
8.
LINTERCULTURALITA E GLI INSEGNAMENTI ALTERNATIVI ....................................... 16
Un approccio interculturale......................................................................................................... 16
Insegnamento della religione cattolica e possibilita alternative .................................................. 16
9.
LA DIDATTICA COMUNE ................................................................................................... 16
10. LA VALUTAZIONE .............................................................................................................. 17
Valutazione ed autovalutazione ................................................................................................. 17
La valutazione degli studenti ...................................................................................................... 17
Criteri di valutazione................................................................................................................... 18
Indicazioni per gli scrutini finali ................................................................................................... 19
Le assenze ................................................................................................................................ 20
La condotta ................................................................................................................................ 20
Il credito scolastico ..................................................................................................................... 21
11. I REGOLAMENTI ................................................................................................................. 22
12. IL RECUPERO..................................................................................................................... 22
Recupero motivazionale e cognitivo ........................................................................................... 22
Recupero estivo ......................................................................................................................... 22
13. LANNO SCOLASTICO 2014-15 ......................................................................................... 23
Quadrimestri .............................................................................................................................. 23
Orario delle lezioni ..................................................................................................................... 23
Ricevimento delle famiglie.......................................................................................................... 23
Attivita particolari ....................................................................................................................... 24
14. LA STRUTTURA DELLISTITUTO ...................................................................................... 24
Dirigente e collaboratori ............................................................................................................. 24
Direzione e uffici amministrativi .................................................................................................. 25
Consiglio dIstituto ...................................................................................................................... 25
2

Giunta Esecutiva ........................................................................................................................ 25


Organo di Garanzia .................................................................................................................... 26
Collegio dei Docenti ................................................................................................................... 26
Funzioni Strumentali .................................................................................................................. 26
Commissioni .............................................................................................................................. 28
Consigli di Classe ...................................................................................................................... 29
Coordinatori e coadiutori ............................................................................................................ 29
15. I PROGETTI PER IL 2014-15 .............................................................................................. 30
16. LE BIBLIOTECHE E I LABORATORI.................................................................................. 31
Via della Paglia .......................................................................................................................... 31
Via dei Genovesi ........................................................................................................................ 32
17. LALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E GLI STAGE .......................................................... 32
Attivit di alternanza scuola-lavoro ............................................................................................. 32
Stage ......................................................................................................................................... 33

1. PREMESSA
LIstituto Vincenzo Gioberti condivide con tutto il sistema scuola la missione di dare corpo al
dettato del secondo comma dellart. 3 della Costituzione: compito della Repubblica rimuovere gli
ostacoli [] che, limitando di fatto la libert e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno
sviluppo della persona umana. E questo il fondamento e lo spirito della presente offerta formativa.
Docenti e non docenti dellIstituto sono impegnati in un grande sforzo di formazione e di
arricchimento delle menti e degli animi dei giovani iscritti, per farne cittadini responsabili, uomini e
donne pronti a dare il proprio contributo alledificazione della societ.

2. LISTITUTO
ORIGINI E CARATTERISTICHE DELLISTITUTO
Lanno scolastico 2008-09 ha segnato la nascita di una nuova, importante realt scolastica con
forte identit professionale nel cuore di Trastevere. A seguito delle ristrutturazioni e dei
dimensionamenti scolastici messi in atto negli ultimi anni nel centro di Roma, lISIS Gioberti ha
raccolto leredit di istituti di antica tradizione quali il Professionale Giulio Romano, il Tecnico
Commerciale Quintino Sella, il Tecnico Commerciale e per Geometri Vincenzo Gioberti, e vi ha
affiancato una nuova vocazione formativa e professionale, quella enogastronomica ed alberghiera.
Attualmente lIstituto di Istruzione Superiore Vincenzo Gioberti associa come in un unico
campus due distinte sedi, quella di

Via della Paglia


e quella di

Via dei Genovesi


La collocazione centrale, le innumerevoli opportunit artistiche, culturali e associative offerte dal
territorio, la vicinanza delle due sedi, il sommarsi di molte esperienze pregresse, il non breve
percorso di questi anni, rappresentano altrettante possibilit di diversificazione ed arricchimento
dellofferta formativa.

GLI INDIRIZZI DI STUDIO


Per effetto dellattuazione del nuovo ordinamento sono presenti nellIstituto i seguenti indirizzi di
studio:

Servizi commerciali

Servizi per lenogastronomia e lospitalit alberghiera

Servizi socio-sanitari

I NOSTRI STUDENTI
Pur concentrandosi soprattutto lungo larco Monteverde-Portuense-Marconi, la popolazione
studentesca proviene da un bacino dutenza estremamente esteso e da famiglie di varia estrazione
sociale, con un livello di scolarizzazione piuttosto diversificato.

LIstituto vanta una lunga tradizione di accoglienza degli studenti diversamente abili e con bisogni
educativi speciali (BES), per i quali previsto un ampio ventaglio di opportunit formative con
strategie e contenuti disciplinari adeguati a favorirne lintegrazione e lautonomia personale.
Negli ultimi anni aumentato il numero di studenti di altre nazionalit, la cui presenza consente la
realizzazione di un pi ricco percorso educativo, finalizzato alla conoscenza ed alla valorizzazione
delle diversit etniche, culturali e religiose.

3. LE FINALITA FORMATIVE
Lautonomia scolastica e una consapevole libert di insegnamento consentono alla scuola di
modulare il proprio lavoro secondo le peculiarit e le capacit e di tutti i soggetti coinvolti al fine di
raggiungere i seguenti obiettivi e finalit:

OBIETTIVI E FINALITA TRASVERSALI

Acquisizione di un metodo di studio efficace per lapprendimento, la sintesi e la


riorganizzazione delle conoscenze

Promozione di una maggiore autonomia di studio e di riflessione personale, nonch di una


certa qual curiosit intellettuale

Esplorazione del mondo della pagina scritta, nella consapevolezza di quanto siano importanti
una comprensione pi analitica e meno superficiale di unattualit in rapida trasformazione, nonch
leredit culturale che fa grande il nostro Paese

Sviluppo di una pi viva coscienza europea mediante il miglioramento delle competenze


linguistiche e l'adesione a scambi culturali, partenariati, progetti comunitari, stage presso aziende e
scuole in Italia ed allestero;

Rafforzamento del rispetto per la propria e per laltrui persona, dell'ambiente di lavoro e di
quello che ci circonda, delle regole del vivere civile, secondo i principi della legalit e della
solidariet

Crescita della propria autocoscienza come individui responsabili e sociali, soggetti attivi di
una cultura del convivere e dellinteragire - anche con persone di culture e abilit diverse -, cittadini
a pieno titolo della Repubblica e dellUnione Europea

Approfondimento delle conoscenze e delle competenze necessarie per il proseguimento degli


studi o per l'inserimento nel mondo del lavoro

Stimolo alla socializzazione, allautostima, alla rimotivazione continua, al fine di ridurre in


modo significativo linsuccesso scolastico e formativo in genere

METODOLOGIA DI LAVORO

Lavorare in uno spirito di accoglienza, di imparzialit, di prospettiva


Favorire i rapporti scuola-famiglia e scuola-ambiente circostante
Sperimentare nuove forme di iniziativa didattica nella scuola dellautonomia
Educare al rispetto delle differenze

4. L OFFERTA CURRICOLARE

LA RIFORMA
Dallanno scolastico 2010-11 in vigore il nuovo ordinamento previsto dalla Riforma della Scuola
Secondaria Superiore.
NUOVO ORDINAMENTO
SETTORE
INDIRIZZO
ARTICOLAZIONE
SERVIZI
COMMERCIALI
ENOGASTRONOMIA
PER
SERVIZI DI SALA E
LENOGASTRONOMIA
SERVIZI
DI VENDITA
E LOSPITALIT
ACCOGLIENZA
ALBERGHIERA
TURISTICA
SERVIZI
SOCIO-SANITARI

SERVIZI COMMERCIALI
Il diplomato di istruzione professionale nellindirizzo Servizi commerciali ha competenze
professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella
gestione dei processi amministrativi e commerciali, sia nellattivit di promozione delle vendite.
In tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dellimmagine aziendale
attraverso lutilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione.
A conclusione del percorso quinquennale il diplomato infatti in grado di:

Ricercare ed elaborare dati concernenti mercati nazionali e internazionali

Contribuire alla realizzazione della gestione commerciale e degli adempimenti amministrativi


ad essa connessi

Contribuire alla realizzazione della gestione dellarea amministrativo-contabile

Contribuire alla realizzazione di attivit nellarea marketing

Interagire nellarea della logistica e della gestione del magazzino con particolare attenzione
alla relativa contabilit

Interagire nellarea della gestione commerciale per le attivit relative al mercato e finalizzate
al raggiungimento della customer satisfaction

Contribuire alla realizzazione dellamministrazione delle risorse umane con riferimento alla
gestione delle paghe, al trattamento di fine rapporto ed ai connessi adempimenti previsti dalla
normativa vigente

Collaborare alla gestione degli adempimenti di natura civilistica e fiscale

Utilizzare strumenti informatici e programmi applicativi di settore

Realizzare attivit tipiche del settore turistico e funzionali allorganizzazione di servizi per la
valorizzazione del territorio e per la promozione di eventi

Utilizzare tecniche di relazione e comunicazione commerciale, secondo le esigenze del


territorio e delle corrispondenti declinazioni

Comunicare in almeno due lingue straniere con una corretta utilizzazione della terminologia di
settore

Collaborare alla gestione del sistema informativo aziendale

Svolgere attivit connesse allattuazione delle rilevazioni aziendali con lutilizzo di strumenti
tecnologici e software applicativi di settore interagire nel sistema azienda e riconoscere i diversi
modelli di strutture organizzative aziendali

Applicare gli strumenti dei sistemi aziendali di controllo di qualit e analizzare i risultati
6

Piano orario:
I ANNO

II ANNO

III ANNO

IV
ANNO

V ANNO

3
2
4
2

3
2
4
2

3
2
3

3
2
3

3
2
3

Scienze integrate
Scienze motorie e
Sportive
Religione cattolica o
attivit alternative
Totale ore
+
ATTIVIT E
INSEGNAMENTI
OBBLIGATORI
Fisica
Chimica
Informatica e laboratorio
Tecniche professionali dei
servizi commerciali

2
2

2
2

20

20

15

15

15

2
5 (4*)

2
2
5 (4*)

8 (4*)

8 (4*)

Seconda lingua straniera


Diritto/Economia
Tecniche di
comunicazione
Geografia generale ed
economica
Totale ore
Totale ore settimanali
Ore complessive annue

8 (2* con
trattamento
testi)
3
4
2

3
4
2

3
4
2

17
32
1056

17
32
1056

17
32
1056

AREA COMUNE
Lingua e letteratura
italiana
Lingua inglese
Storia
Matematica
Diritto ed economia

1
13
33
1089

12
32
1056

* Lattivit didattica di laboratorio caratterizza larea di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono
riferite alle attivit di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici. Le istituzioni scolastiche, nellambito
della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nellambito del biennio iniziale e del complessivo
triennio sulla base del relativo monte ore.

Al diplomato in Servizi Commerciali si aprono opportunit lavorative presso aziende pubbliche o


private, studi commerciali e fiscali, CAF, centri commerciali, grandi magazzini, enti pubblici per la
promozione e vendita dei servizi turistici.
Si pu diventare agente di commercio solo con una semplice iscrizione allalbo, ed possibile
aprire una propria attivit commerciale o turistica.
anche possibile liscrizione a tutte le facolt. I corsi triennali pi attinenti allindirizzo Servizi
Commerciali sono:
7

Gestione Aziendale
Economia e Marketing
Economia dellambiente
Economia del turismo

SERVIZI PER LENOGASTRONOMIA E LOSPITALITA ALBERGHIERA


Il diplomato di istruzione professionale nellindirizzo Servizi per lEnogastronomia e lOspitalit
Alberghiera ha specifiche competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere
dellenogastronomia e dellospitalit alberghiera.
in grado di:

Utilizzare le tecniche per la gestione dei servizi enogastronomici e lorganizzazione della


commercializzazione, dei servizi di accoglienza, di ristorazione e di ospitalit

Organizzare attivit di pertinenza, in riferimento agli impianti, alle attrezzature e alle risorse
umane

Applicare le norme attinenti la conduzione dellesercizio, le certificazioni di qualit, la


sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro

Utilizzare le tecniche di comunicazione e relazione in ambito professionale orientate al cliente


e finalizzate allottimizzazione della qualit del servizio

Comunicare in almeno due lingue straniere

Reperire ed elaborare dati relativi alla vendita, produzione ed erogazione dei servizi con il
ricorso a strumenti informatici e a programmi applicativi

Attivare sinergie tra servizi di ospitalit-accoglienza e servizi enogastronomici

Curare la progettazione e programmazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse


ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicit dei suoi prodotti
Lindirizzo presenta le articolazioni:

Enogastronomia

Servizi di Sala e di Vendita

Accoglienza Turistica
, nelle quali il profilo complessivo degli studi viene orientato e declinato.
Nellarticolazione Enogastronomia, il diplomato in grado di intervenire nella valorizzazione,
produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; sa
operare nel sistema produttivo rispettando e promuovendo le tradizioni locali, nazionali e
internazionali, e individuando le nuove tendenze.
Nuova, allinterno della proposta di Enogastronomia, da questanno lopzione Prodotti dolciari
artigianali ed industriali. Il diplomato che labbia scelta disporr di una specializzazione utile per
agire allinterno della filiera delle produzioni industriali e artigianali dolciarie e da forno.
Nellarticolazione Servizi di Sala e di Vendita, il diplomato in grado di svolgere attivit operative
e gestionali in relazione allamministrazione, produzione, organizzazione, erogazione e vendita di
prodotti e servizi enogastronomici; sa interpretare lo sviluppo delle filiere enogastronomiche per
adeguare la produzione e la vendita in relazione alla richiesta dei mercati e della clientela,
valorizzando i prodotti tipici.
A conclusione del percorso quinquennale, i diplomati nelle articolazioni Enogastronomia e
Servizi di Sala e di Vendita, possono

Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico, merceologico,


chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico

Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in relazione a
specifiche necessit dietologiche
8


Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei mercati,
valorizzando i prodotti tipici
Nellarticolazione Accoglienza Turistica, il diplomato in grado di intervenire nei diversi ambiti
delle attivit di ricevimento, di gestione e organizzazione dei servizi in relazione alla domanda
stagionale e alle esigenze della clientela; sa promuovere i servizi di accoglienza turisticoalberghiera anche attraverso la progettazione di prodotti turistici che valorizzino le risorse del
territorio.
Piano orario:

AREA COMUNE
Lingua e letteratura
italiana
Lingua inglese
Storia
Matematica
Diritto ed economia
Scienze integrate
Scienze motorie e
sportive
Religione cattolica o
attivit alternative
Totale ore
+
ATTIVIT E
INSEGNAMENTI
OBBLIGATORI (per tutti
gli indirizzi)
Fisica
Chimica
Scienza degli alimenti
Laboratorio di servizi
enogastronomici
- settore Cucina
Laboratorio di servizi
enogastronomici
- settore Sala e Vendita
Laboratorio di servizi di
Accoglienza Turistica
Seconda lingua straniera
Geografia generale ed
economica
Totale ore
+
ARTICOLAZIONE:
ENOGASTRONOMIA
Scienza e cultura
dellalimentazione

I ANNO

II ANNO

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

3
2
4
2
2
2

3
2
4
2
2
2

3
2
3

3
2
3

3
2
3

20

20

15

15

15

2
2
2**

2
2
2**

2**

2**

2**

2**

2
1

13

12

4 (1*)

3 (2*)

3 (2*)

I ANNO
Diritto e tecniche
amministrative della
struttura ricettiva
Laboratorio di servizi
enogastronomici
- settore Cucina
Laboratorio di servizi
enogastronomici
- settore Sala e Vendita
Totale ore
OPZIONE: PRODOTTI
DOLCIARI
Scienza e cultura
dellalimentazione
Diritto e tecniche
amministrative della
struttura ricettiva
Laboratorio di servizi
enogastronomici
- settore Pasticceria
Analisi e controlli chimici
dei prodotti
Tecniche di
organizzazione e gestione
dei processi produttivi
Totale ore
ARTICOLAZIONE:
SERVIZI DI SALA E DI
VENDITA
Scienza e cultura
dellalimentazione
Diritto e tecniche
amministrative della
struttura ricettiva
Laboratorio di servizi
enogastronomici
- settore Cucina
Laboratorio di servizi
enogastronomici
- settore Sala e Vendita
Totale ore
ARTICOLAZIONE:
ACCOGLIENZA
TURISTICA
Scienza e cultura
dellalimentazione
Diritto e tecniche
amministrative della

II ANNO

III ANNO
4

IV ANNO
5

V ANNO
5

6** (1*)

4**

4**

2**

2**

14

14

14

3 (2*)

3 (2*)

3 (2*)

3**

3**

3 (2*)

2 (2*)

14

14

14

4 (1*)

3 (2*)

3 (2*)

2**

2**

6** (1*)

4**

4**

15

14

14

3 + 1*

2 (2*)

2 (2*)

9**

10

I ANNO
struttura ricettiva
Tecniche di
comunicazione
Laboratorio di servizi di
Accoglienza Turistica
Totale ore
Totale ore settimanali
Ore complessive annue

33
1089

II ANNO

32
1056

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

6** (1*)

4**

4**

14
32
1056

14
32
1056

14
32
1056

* Lattivit didattica di laboratorio caratterizza larea di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono
riferite solo alle attivit di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici. Le istituzioni scolastiche,
nellambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nellambito del biennio iniziale e del
complessivo triennio sulla base del relativo monte ore.
** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico.

SERVIZI SOCIO-SANITARI
Il diplomato di istruzione professionale dellindirizzo Servizi Socio-Sanitari possiede le
competenze necessarie per organizzare ed attuare interventi adeguati alle esigenze sociosanitarie di persone e comunit, per la promozione della salute e del benessere fisico, psichico e
sociale.
LIstituto Professionale dei Servizi Socio-Sanitari prepara, infatti, a:

Prendersi cura degli altri soddisfacendone i bisogni, in relazione al loro stato o alle loro tappe
psico-fisiche e nel rispetto delle norme igieniche

Predisporre in tale prospettiva ambienti, spazi e materiali

Pensare, organizzare e condurre attivit per favorire il benessere e lautonomia della persona
con disagio

Coordinarsi con le altre figure professionali dei servizi sociali indirizzati ai seguenti settori:
minori, anziani, diversamente abili, nonch ai bisogni emergenti nel territorio, a sostegno del
singolo, della famiglia e della comunit
, mettendo in grado il diplomato, al termine del percorso quinquennale, di:

Contribuire a promuovere stili di vita rispettosi delle norme igieniche, della corretta
alimentazione e della sicurezza, a tutela del diritto alla salute e del benessere delle persone

Utilizzare le principali tecniche di animazione sociale, ludica e culturale

Realizzare azioni, in collaborazione con altre figure professionali, a sostegno e a tutela della
persona con disabilit e della sua famiglia, per favorire lintegrazione e migliorare la qualit della
vita

Facilitare la comunicazione tra persone e gruppi, anche di culture e contesti diversi,


attraverso linguaggi e sistemi di relazione adeguati

Utilizzare metodologie e strumenti operativi per collaborare a rilevare i bisogni socio-sanitari


del territorio e concorrere a predisporre ed attuare progetti individuali, di gruppo e di comunit

Gestire azioni di informazione e di orientamento dellutente per facilitare laccessibilit e la


fruizione autonoma dei servizi pubblici e privati presenti sul territorio

Utilizzare strumenti di valutazione del servizio dato per il suo miglioramento e la


valorizzazione delle risorse
Il diplomato in Servizi socio-sanitari pu lavorare presso strutture comunitarie pubbliche e private
quali strutture ospedaliere, residenze sanitarie, centri diurni, centri ricreativi, case di riposo,
ludoteche, strutture per disabili.

11

Con il Diploma di Stato si potr avere laccesso a tutte le facolt universitarie ed iscriversi ai
seguenti corsi triennali di diploma universitario:

Infermiere,

Fisioterapista

Logopedista

Tecnico delleducazione e della riabilitazione psichiatrica e psico-sociale

Terapista della neuro- e psico-motricit dellet evolutiva

Educatore delle comunit infantili

Educatore professionale

Educatore di comunit

Servizio sociale
Piano orario:

AREA COMUNE
Lingua e letteratura
italiana
Lingua inglese
Storia
Matematica
Diritto ed economia
Scienze integrate
(Scienze della Terra e
Biologia)
Scienze motorie e
sportive
Religione cattolica o
attivit alternative
Totale ore
+
ATTIVIT E
INSEGNAMENTI
OBBLIGATORI
Fisica
Chimica
Scienze umane e sociali
Elementi di storia dellarte
ed espressioni grafiche
Educazione musicale
Metodologie operative
Seconda lingua straniera
Igiene e cultura
medicosanitaria
Psicologia generale ed
applicata
Diritto e legislazione
socio-sanitaria

I ANNO

II ANNO

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

3
2
4
2
2

3
2
4
2
2

3
2
3

3
2
3

3
2
3

20

20

15

15

15

3**
3
4

3
4

3
4

2
4 (2*)
2 (1*)

2**
2

2
4 (2*)

2
2**
2

12

Tecnica amministrativa ed
economia sociale
Geografia generale ed
economica
Totale ore
Totale ore settimanali
Ore complessive annue

17
32
1056

17
32
1056

1
13
33
1089

12
32
1056

17
32
1056

* Lattivit didattica di laboratorio caratterizza larea di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono
riferite alle attivit di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici. Le istituzioni scolastiche, nellambito
della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nellambito del biennio iniziale e del complessivo
triennio sulla base del relativo monte ore.
** Insegnamento affidato al docente tecnico-pratico.

5. L ORIENTAMENTO
Lorientamento si articola in:

Attivit di informazione e orientamento degli alunni delle scuole secondarie di primo grado

Accoglienza delle prime classi

Attivit di informazione e orientamento degli alunni dellIstituto limitatamente al biennio iniziale

Orientamento in uscita, universitario e professionale

ORIENTAMENTO IN INGRESSO
Lorientamento nelle scuole secondarie di primo grado prevede le seguenti attivit:

Realizzazione di brochures, locandine, pagine del sito web e di altro materiale per presentare
le caratteristiche e le attivit dellistituto

Organizzazione di un open day per accogliere intere classi, singoli alunni e genitori
nellIstituto

Predisposizione e somministrazione di questionari di orientamento

ACCOGLIENZA DELLE CLASSI PRIME


Al fine di creare un clima di fiducia tra gli alunni e le diverse componenti della scuola e di favorire la
socializzazione della classe, sono previste nei primi giorni di scuola le seguenti attivit di
accoglienza:

Incontro col Dirigente Scolastico e col Consiglio di classe

Conoscenza dellistituto, delle sue attivit e dei suoi spazi

Conoscenza delle regole di comportamento, del Regolamento di Istituto e del POF

Test di ingresso per accertare i livelli di conoscenza e di autonomia dello studente

Attivit di integrazione e socializzazione con le altre classi dellIstituto

ORIENTAMENTO IN ITINERE
Tutta la didattica del biennio iniziale una didattica orientante. In particolare per quanto riguarda
lindirizzo Servizi per lEnogastronomia e lOspitalit Alberghiera, dal momento che le lezioni e le
attivit di laboratorio serviranno a guidare lo studente nella scelta che dovr compiere al termine
13

del secondo anno, per inserirsi a partire dal terzo nelle articolazioni di Enogastronomia, Servizi di
Sala e di Vendita, Accoglienza Turistica.
Ma lapproccio orientante non riguarda certo soltanto lindirizzo di cui sopra. Per garantire il diritto
al successo formativo di ciascun allievo sono previste apposite passerelle per quegli alunni della
prima o della seconda classe del Gioberti che chiedessero di frequentare lanno successivo un
altro indirizzo o un altro istituto.
Nel caso il Consiglio di Classe prender atto della richiesta di passaggio, effettuer lanalisi
comparata dei curricoli di provenienza e di destinazione, effettuer il necessario raccordo tra gli
indirizzi o gli istituti, certificando le competenze acquisite dallo studente.

ORIENTAMENTO IN USCITA
Sono previsti incontri con gli studenti delle classi terminali per la presentazione delle diverse
facolt universitarie. Si effettueranno inoltre visite alle Universit di Roma, incontri con esperti di
formazione superiore, nonch con rappresentanti di enti, societ, aziende, etc..

6. LINTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E


CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI
Quello dellintegrazione degli alunni diversamente abili - e dellintegrazione in generale - da
sempre un vanto e un punto di forza dellIstituto. Che ha convintamente impostato in questa
prospettiva la gestione dellinsegnamento curricolare, lorganizzazione dei tempi e degli spazi
scolastici, le relazioni tra docenti, alunni e famiglie. Lintegrazione per lIstituto una scelta di
fondo, ne contraddistingue non solo laspetto programmatico, bens pure il profilo pedagogico e
sociale. Il lavoro in tal senso coinvolge tutti i differenti soggetti scolastici, dai docenti, al personale
ATA, alla componente studentesca, che collabora attivamente alla realizzazione dei progetti attivati
per i compagni diversamente abili, con disturbi specifici dellapprendimento (DSA) e BES.
La costituzione di un apposito Gruppo di Lavoro per lInclusione a livello distituto (GLI), di un
Gruppo di Lavoro specificatamente mirato al coordinamento delle attivit a favore degli alunni
diversamente abili e BES (GLH dIstituto), nonch, per ogni alunno interessato, di unarticolazione
operativa a livello individuale (GLHO), formata da tutti i docenti della classe, curricolari e di
sostegno, da uno o pi membri dellquipe specialistica della ASL, dai genitori, consente di
individuare, tanto sul piano generale, quanto su quello delle singole classi, gli obiettivi da
perseguire e le modalit di intervento da privilegiare.
I GLHO si riuniscono allinizio e al termine dell'anno scolastico, nonch ogni qualvolta se ne ravvisi
la necessit, e stilano Piani Educativi Individuali commisurati alle capacit ed alle potenzialit di
ciascun alunno diversamente abile in cui evidenziare obiettivi, strategie e criteri di valutazione ai
sensi delle legge 104/92 e dellOM 90/01.
E cura invece di ciascun Consiglio di Classe prevedere, mediante un Piano Didattico
Personalizzato, una flessibilit didattica volta a favorire strategie educative, metodologiche e
valutative adeguate che tengano conto delle peculiarit degli studenti con DSA (legge 170/10). Gli
stessi Consigli di Classe decidono, sulla base di considerazioni didattiche opportunamente
motivate, se formulare Piani Didattici Personalizzati anche per alunni BES privi di certificazioni
diagnostiche.
Tornando ai GLHO, essi partono dalla raccolta dei dati relativi allanamnesi personale, alla storia
familiare e scolastica degli alunni in questione, dallosservazione diretta ed indiretta di quanto

14

accade in classe, dallindividuazione dei bisogni e delle difficolt di relazione ed apprendimento,


come pure delle capacit da valorizzare e delle potenzialit latenti, per

Favorire la socializzazione e la responsabilizzazione

Sviluppare linteresse per la scuola e per lattualit

Sviluppare le capacit di attenzione, concentrazione, memorizzazione

Promuovere quanto pi possibile un impegno e uno studio autonomi

Aiutare lalunno a raggiungere quei risultati positivi che soli lo motiveranno ulteriormente
contribuendo allo sviluppo dellautostima
LIstituto si avvale, per operare in maniera efficace e funzionale, di un gruppo significativo di
personale esperto nellassistenza specialistica, la cui costituzione stata resa possibile da un
apposito finanziamento della Provincia, che da anni affianca con successo le diverse attivit di
integrazione e socializzazione, di recupero cognitivo e di tutoraggio nei tirocini interni o esterni alla
scuola.
Gli studenti diversamente abili e con bisogni educativi speciali possono partecipare a tutti i progetti
a classi aperte, ai progetti specifici attivati nellambito dellofferta formativa ed ai laboratori di
seguito elencati:

Alternanza scuola-lavoro

Autonomia sociale

Bar interno

Corso di psicomotricit

Cucina a fuoco spento

Ippoterapia

Mercatino di Natale
Per quanto concerne l'attivit di stage si analizzeranno i singoli casi, valutando l'opportunit
nonch la possibilit di organizzare tirocini interni o esterni.

STRUMENTI DI RACCORDO PER LINCLUSIONE


Facendo riferimento alla normativa sullintegrazione degli alunni diversamente abili e sugli alunni
con bisogni educativi speciali, al fine di adempiere a tutte le indicazioni previste dalla stessa, oltre
al gi citato Gruppo di Lavoro per lInclusione, attivata unapposita Funzione Strumentale per
lInclusione (Area 5), che coordiner limpegno dei Gruppi di Lavoro distituto e di classe e le
azioni portate avanti collegialmente secondo le migliori prassi inclusive, monitorando le situazioni
di partenza di ogni alunno, le finalit e gli obiettivi da raggiungere, gli esiti degli interventi realizzati,
il livello di crescita e preparazione, fornendo anche un supporto per la messa a punto di curricula
attenti alla diversit e capaci di facilitare l'apprendimento disciplinare.

7. PIANO ANNUALE PER LINCLUSIVITA


LIstituto predispone tanto un Piano Annuale per lInclusivit, quanto un Protocollo per
lAccoglienza e lIntegrazione di alunni con disturbi specifici dellapprendimento, che fanno parte
integrante del Piano dellOfferta Formativa e che si allegano ad esso.

15

8. LINTERCULTURALITA
ALTERNATIVI

GLI

INSEGNAMENTI

UN APPROCCIO INTERCULTURALE
La presenza di un cospicuo numero di studenti di origine straniera, provenienti da svariati mondi
linguistici e culturali, professanti diverse religioni, esprimenti differenti sensibilit e punti di vista,
sebbene nella maggioranza dei casi gi inseriti nel nostro universo di riferimento, gi in grado di
condividere appieno la ricchezza della nostra lingua e della nostra eredit intellettuale e valoriale,
certamente una sfida per lIstituto. Ma soprattutto una grande e positiva opportunit, quella di
contribuire ciascuno a una nuova sintesi, quella di vivere gi il futuro plurale verso cui tutti ci
incamminiamo. La scuola del resto da sempre luogo privilegiato di incontro e di interscambio fra
mondi pi o meno lontani, fattore prezioso di integrazione, senso di appartenenza, cittadinanza.
Lofferta curricolare dellIstituto tiene conto delle diverse sensibilit degli alunni e adegua la propria
programmazione di conseguenza, allo scopo di favorire e promuovere la conoscenza reciproca e
lintegrazione. Lobiettivo uninterculturalit vera e vitale, la trasmissione di una comune identit,
di un comune ed unificante campo di valori, nel rispetto delle tante identit, di ci che come
individui ci distingue.
Quanto alla padronanza della lingua italiana e dunque al successo formativo nelle materie oggetto
dei differenti corsi di studio, saranno se necessario attivati, per gli studenti di origine straniera,
appositi sportelli di L2 (Italiano come seconda lingua), ovvero altre forme di supporto allo studio.
Come pure si valuter se e in che misura ricorrere allofferta di sostegno gratuito secondo piani di
recupero personalizzati concordati col personale docente che le realt associative presenti nel
territorio (in specie la Comunit di SantEgidio, con la sua scuola di Lingua e Cultura Italiana
operante a breve distanza dalle due sedi, in via di S. Gallicano) hanno gi inteso inoltrare.

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA E POSSIBILITA ALTERNATIVE


La facolt di avvalersi o non avvalersi dell'insegnamento della religione cattolica viene esercitata
dai genitori (o dagli studenti maggiorenni), al momento dell'iscrizione, mediante la compilazione di
unapposita richiesta. Lopzione ha valore per l'intero corso di studi, fatto salvo il diritto di
modificare tale scelta per l'anno successivo, su iniziativa degli stessi interessati.
Per gli studenti non avvalentisi dellinsegnamento della religione cattolica lIstituto avr cura di
inserire nella programmazione di classe delle attivit di approfondimento che verteranno in
massima parte sulla Costituzione, sui valori e sui diritti che sono in essa difesi e garantiti. Tali
attivit saranno portate avanti da un docente differente da quelli curricolari di una data classe, che
parteciper ai consigli e agli scrutini della stessa, e saranno prese in considerazione per
lattribuzione del credito scolastico.
Ai soli alunni delle classi il cui orario definitivo preveda linsegnamento della religione cattolica alla
prima o allultima ora di lezione sar consentito, se non avvalentesi, e previa autorizzazione
quando minorenni, di effettuare unentrata posticipata o unuscita anticipata in luogo della
frequenza alle attivit di cui sopra.

9. LA DIDATTICA COMUNE

16

LIstituto adotta una metodologia didattica flessibile, centrata sui bisogni formativi delle singole
classi e, nei limiti del possibile, dei singoli alunni. Ove possibile adottata una struttura modulare
della programmazione.
La didattica richiede infatti capacit di adattamento alle specifiche esigenze che si presentano
nelle diverse fasi dellapprendimento e necessita continuamente di nuovi stimoli. Nellambito delle
proprie competenze i gruppi interdisciplinari, i dipartimenti, i Consigli di Classe e i singoli docenti
pianificano strategie dintervento atte a raggiungere gli obiettivi prefissati in funzione delle diverse
situazioni. I docenti possono far ricorso a varie modalit di lavoro. Tra queste

La lezione frontale

La discussione aperta e di gruppo

La lettura in comune o per proprio conto

Linsegnamento individualizzato

La ricerca e il lavoro di gruppo

Il problem solving e lattivit di laboratorio

La lezione interattiva con strumenti multimediali

10.

LA VALUTAZIONE

VALUTAZIONE ED AUTOVALUTAZIONE
LIstituto crede nellimportanza di una valutazione che si faccia anche autovalutazione, verifica
continua della propria proposta e della rispondenza della stessa al mutare della societ,
ridiscussione di metodi e obiettivi, necessario reindirizzo alle precipue finalit del sistema
scolastico, ovvero il miglioramento della qualit dellofferta formativa, la riduzione della dispersione
e dellinsuccesso, il rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione
di partenza, la valorizzazione degli esiti a distanza, con unattenzione particolare allinserimento nel
mondo del lavoro e a uneventuale istruzione universitaria.
E in tale prospettiva che stata approvata dal Collegio dei Docenti unapposita Funzione
Strumentale per la Valutazione e lAutovalutazione (Area 6).

LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI


La valutazione degli studenti funzione degli obiettivi generali definiti dal Collegio dei Docenti,
degli obiettivi specifici e trasversali definiti dai Consigli di Classe, del giudizio che il singolo docente
d sulla risposta della classe e degli alunni alla propria attivit di insegnamento.
La valutazione un processo, che non pu essere ridotto, se non nel suo esito finale (agli scrutini
e/o agli esami), alla mera quantificazione di un livello di apprendimento o di abilit raggiunto. Ma la
sua dimensione quantitativa indispensabile, sia al docente che allo studente, per verificare nel
corso dellanno scolastico la rispondenza tra obiettivi e risultati, tra impegno e resa, e, ove
necessario, per apportare i necessari adeguamenti allazione didattica come al metodo di studio.
La valutazione dellimpegno e dei risultati offerti dagli alunni si pu suddividere in:

Iniziale: allinizio dellanno scolastico si offre allo studente una descrizione dei suoi livelli di
partenza e delle sue capacit, mentre il docente incamera le conoscenze preliminari per
lorganizzazione del proprio piano didattico

Formativa: durante lanno scolastico si informano lo studente e la famiglia relativamente al


livello raggiunto dallallievo (in particolare la famiglia viene informata con la pagella intermedia e
coi pagellini di met quadrimestre; inoltre si procede a convocazione su richiesta del Consiglio di
17

Classe qualora si evidenzino particolari carenze o un andamento didattico non adeguato), mentre il
docente valuta i necessari aggiustamenti del processo di apprendimento in atto e dispone
eventuali pause didattiche o azioni di recupero

Sommativa: al termine del percorso formativo lo studente comprende quali siano i suoi punti
di forza e di debolezza, mentre il docente chiamato a giudicare lallievo nella prospettiva non solo
dellanno appena trascorso bens pure di quello che verr
Ciascun Consiglio di Classe condivide con gli studenti una sorta di contratto formativo. Lo studente
ha il diritto di conoscere gli obiettivi didattici ed educativi del suo curricolo, i tempi per raggiungerli, i
criteri di valutazione elaborati dai docenti. Al tempo stesso ha il dovere di partecipare attivamente a
tutte le attivit didattiche con impegno e interesse e di rispettare tempi e modalit di lavoro cos
come stabiliti dai docenti. Questi ultimi, da parte loro, sono tenuti a comunicare il progetto
formativo della propria disciplina, a motivare il proprio intervento didattico, a esplicitare le strategie,
i tempi, gli strumenti di verifica, i criteri di valutazione. Sono tenuti, in particolare, a comunicare le
valutazioni delle prove scritte con le relative motivazioni entro 15 giorni dalleffettuazione della
verifica e di quelle orali immediatamente al loro termine.
Nel corso di ogni quadrimestre sar effettuato un congruo numero di verifiche, in classe e a casa. Il
docente adotter le forme pi opportune per esse, individuando di volta in volta gli strumenti
valutativi pi adatti per verificare il raggiungimento dei vari obiettivi programmati. Non si proceder
alleffettuazione di una nuova verifica scritta prima della riconsegna della precedente.
I genitori hanno il diritto di conoscere lofferta formativa del POF, del Consiglio di Classe e dei
singoli docenti, nonch quello di esprimere osservazioni agli Organi competenti dellIstituto. Al
tempo stesso hanno il dovere di seguire landamento didattico dei figli con continuit.

CRITERI DI VALUTAZIONE

(7-8)

(9-10)

Non commette errori


nellesecuzione di
Completa e
compiti complessi
approfondita:
ma incorre in
imprecisioni

Non commette errori


Completa,
n imprecisioni
coordinata,
nellesecuzione dei
ampliata:
problemi

6
Non commette errori
Completa ma non
nellesecuzione di
approfondita:
compiti semplici

5
Frammentaria e
superficiale:
Commette errori
anche nella
esecuzione di
compiti semplici

(1-4)
Nessuna:
Commette gravi
errori

Comprensione

Conoscenza

Livelli

Il Collegio dei Docenti, vista la necessit che allinterno dellIstituto i criteri di giudizio e di
valutazione degli allievi siano quanto pi possibile omogenei, ha fissato i sottoelencati livelli di
profitto cui i Consigli di classe e i singoli sono invitati a far riferimento nellambito della propria
programmazione.

18

Applica le procedure
Capacit di cogliere
e le conoscenze in
gli elementi di un
problemi nuovi
insieme e di stabilire
senza imprecisioni e
tra di essi relazioni
senza errori
Sa organizzare in
capace di effettuare
modo autonomo e
valutazioni autonome,
completo le
complete e
conoscenze e le
approfondite
procedure acquisite

Sa applicare i
contenuti e le
Analisi complete e
procedure acquisite
approfondite ma con
anche in compiti
aiuto
complessi ma con
imprecisioni
Ha acquisito
autonomia nella
sintesi ma restano
incertezze
in grado di effettuare
valutazioni autonome
seppure parziali e non
approfondite

Sa applicare le
conoscenze in
compiti semplici
senza errori
Sollecitato e guidato
Sa sintetizzare le
Sa effettuare analisi
in grado di effettuare
conoscenze ma
complete ma non
valutazioni
deve essere guidato approfondite
approfondite

Sa applicare le
conoscenze in
compiti semplici ma
commette errori
in grado di
effettuare analisi
parziali
in grado di
effettuare una
sintesi parziale e
imprecisa
Sollecitato e guidato
in grado di effettuare
valutazioni non
approfondite

Non riesce ad
applicare le
conoscenze in
situazioni nuove
Non sa sintetizzare Non in grado di
le conoscenze
effettuare alcuna
acquisite
analisi
Non capace di
autonomia di giudizio
anche se sollecitato

Applicazione
Analisi
Sintesi
Valutazione

INDICAZIONI PER GLI SCRUTINI FINALI


Il Collegio dei Docenti ha fissato anche i sottoindicati criteri per leffettuazione degli scrutini finali
per lanno scolastico 2014-15 in conformit con le norme vigenti.
Gli elementi considerati per la valutazione finale degli allievi sono:

La frequenza assidua e la partecipazione attiva e corretta al dialogo educativo e alla vita della
scuola, comprese le attivit complementari ed integrative

I risultati acquisiti nelle prove di verifica, nei corsi regolari, negli interventi didattici educativi
individualizzati di sostegno e recupero

La condotta

La personalit complessiva dellallievo e gli eventuali fattori ambientali e/o socio-affettivi che
la condizionano
In particolare per gli studenti delle classi terze, quarte, quinte si dovranno considerare

I risultati dellattivit di alternanza scuola-lavoro

I crediti formativi opportunamente certificati


Gli alunni che non abbiano raggiunto durante lanno scolastico gli obiettivi minimi prefigurati nelle
programmazioni di dipartimento e di classe, ovvero la cui preparazione sia inficiata da gravi e
numerose insufficienze in sede di valutazione finale, non potranno essere ammessi alla classe
successiva.
Laddove per essi non mostrino carenze complessive, ovvero qualora le insufficienze non siano
pi di tre in totale, di cui una soltanto grave, il Consiglio di Classe, contando sul fatto che lo
studente possa colmare le lacune registrate nel corso dellanno, disporr leffettuazione di
unulteriore sessione di valutazione prima dellinizio dellanno scolastico successivo.

19

LE ASSENZE
Le norme vigenti stabiliscono che ai fini della validit dellanno scolastico, per procedere alla
valutazione finale di ciascun alunno, richiesta la frequenza di almeno 3/4 del monte ore
complessivo. Le istituzioni scolastiche possono stabilire, per casi eccezionali, motivate deroghe al
suddetto limite.
In merito il Collegio dei Docenti, oltre a ribadire che le ore, o i giorni, di alternanza scuola-lavoro
non costituiscono assenza, e a chiarire che per gli alunni inseriti in classe ad anno scolastico
iniziato assenze e orario complessivo andranno computati dal giorno di avvio frequenza, ha
deliberato le seguenti deroghe, per assenze debitamente documentate (la documentazione andr
conservata a cura del coordinatore di classe):

Motivi di salute (ricoveri o terapie ospedalieri, ovvero visite specialistiche)

Donazioni di sangue

Adesione a confessioni religiose che comportino l'osservanza rituale di specifiche festivit

Motivi personali e/o di famiglia documentabili (provvedimenti dell'autorit giudiziaria, gravi


patologie o lutti dei componenti del nucleo familiare, trasferimento della famiglia)

Partecipazione ad attivit agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal CONI

LA CONDOTTA
Il voto di condotta proposto in sede di scrutinio dal docente col maggior numero di ore nella
classe in questione tenendo conto dei criteri tendenziali indicati dal Collegio dei Docenti per
lattribuzione dei voti e di seguito riportati. Il Consiglio di Classe, ad ogni modo, potr considerare
circostanze e situazioni particolari.
voto: 10

Frequenza assidua, puntualit in classe

Scrupoloso rispetto del Regolamento dIstituto

Partecipazione autonoma, molto attiva

Regolare e serio svolgimento degli impegni scolastici

Utilizzo serio e responsabile del materiale e delle strutture della scuola


voto: 9

Frequenza assidua

Comportamento corretto, senza richiami scritti

Partecipazione autonoma ed attiva

Regolare svolgimento degli impegni scolastici

Utilizzo responsabile del materiale e delle strutture della scuola


voto: 8

Frequenza regolare

Comportamento corretto

Partecipazione responsabile

Regolare svolgimento degli impegni scolastici


voto: 7

Frequenza irregolare, scarsa puntualit in classe

Infrazioni al regolamento dIstituto che abbiano comportato ammonizioni scritte, senza


sospensione dalle lezioni

Svolgimento non sempre puntuale delle consegne didattiche, a volte mancanza del
materiale scolastico degli impegni scolastici

20

Scarsa partecipazione al dialogo educativo


voto: 6

Frequenza molto irregolare

Infrazioni al regolamento dIstituto che abbiano comportato sospensione dalle lezioni

Inosservanza delle consegne didattiche e reiterata mancanza del materiale scolastico

Compromissione del dialogo educativo fra docenti e classe con pesanti azioni di disturbo
durante le lezioni

IL CREDITO SCOLASTICO
Il credito scolastico un bonus di punti (massimo 25 in tre anni; tale bonus costituir una sorta di
tesoretto di cui godere per lattribuzione del voto finale agli Esami di Stato) che - ai sensi dellart.
3, comma 1, della legge 11 gennaio 2007, n. 1 - il Consiglio di Classe assegna ogni anno a
ciascun studente secondo la tabella prevista dallart. 11, comma 2, del D.P.R. 23 luglio 1998, n.
323, cos come modificata dal D.M. n. 42/2007 e dal D.M. 99/2009:
classe III
classe IV
classe V
Se M = 6
3 o 4 punti
3 o 4 punti
4 o 5 punti
Se M tra il 6 e il 7
4 o 5 punti
4 o 5 punti
5 o 6 punti
Se M tra il 7 e l8
5 o 6 punti
5 o 6 punti
6 o 7 punti
Se M tra l8 e il 9
6 o 7 punti
6 o 7 punti
7 o 8 punti
Se M tra il 9 e il 10
7 o 8 punti
7 o 8 punti
8 o 9 punti
M = Media dei voti dello studente allo scrutinio; il voto in condotta concorre alla formazione della
media e quindi alla determinazione del credito scolastico
E evidente che il punteggio attribuito dal Consiglio di Classe funzione che dipende
dallandamento didattico. Alla fine del ciclo di studi esso esprime una valutazione del grado di
preparazione complessiva raggiunta dallalunno, con particolare riguardo al profitto e alla condotta
del triennio conclusivo.
Il Consiglio ha per la possibilit di orientarsi verso luno o laltro estremo della banda di
oscillazione preassegnata (3 o 4 punti, 4 o 5 punti, e cos via), in base allassiduit della frequenza
scolastica dello studente, della sua partecipazione al dialogo didattico-educativo, nonch alle
attivit complementari ed integrative, della presenza o meno di eventuali crediti formativi (legati
cio non allandamento didattico, bens allimpegno nel campo associativo, professionale, etc.).
Il Collegio dei Docenti ha stabilito che i Consigli di Classe attribuiscano il punteggio pi alto della
banda di oscillazione preassegnata in base alla media dei voti riportata dallo studente (4 anzich
3, 5 anzich 4) qualora ricorra almeno una condizione tra le seguenti:

Una media pari o superiore al valore intermedio della banda di oscillazione (ad es. 6,8, ma
anche 6,5)

Assiduit nella frequenza, con non pi del 10% di assenze sul monte ore complessivo annuo
e non pi di 10 ritardi
, e almeno tre condizioni tra tutti gli indicatori possibili (i seguenti, ma anche i due appena riportati):

Interesse e impegno nella partecipazione al dialogo didattico-educativo (ad es. interventi


pertinenti durante le attivit didattiche, lavori di ricerca e approfondimento individuali o di gruppo,
atteggiamento propositivo nei confronti dei compagni, partecipazione attiva alle iniziative portate
avanti dallIstituto)

Impegno e partecipazione nelle ore di Religione cattolica o nella Materia alternativa

Interesse e impegno nella partecipazione ad attivit complementari e integrative promosse


dallIstituto in fascia pomeridiana
21


Partecipazione a gare e concorsi cui la scuola abbia aderito

Credito formativo certificato, che riporti la rilevanza qualitativa e la consistenza quantitativa


dellimpegno profuso dallo studente

11.

I REGOLAMENTI

LIstituto si dotato di precisi strumenti normativi atti a gestire la complessit della vita di una
scuola con pi di 1000 iscritti. Tutti i Regolamenti, il Regolamento dIstituto, il Regolamento
Disciplinare, il Regolamento del Consiglio dIstituto, come pure il Patto di Corresponsabilit siglato
dai genitori degli studenti al momento delliscrizione, fanno parte integrante del Piano dellOfferta
Formativa e si allegano ad esso.

12.

IL RECUPERO

I tempi dellapprendimento sono notoriamente diversi per ogni soggetto. Ne discende limportanza
di percorsi di supporto e di recupero diversificati che accompagnino e rafforzino lazione didattica,
facendo s che nessuno che metta in gioco buona volont e impegno possa rischiare un
insuccesso formativo. Per la programmazione di tali percorsi lIstituto fa riferimento alle esperienze
ed ai risultati del passato.

RECUPERO MOTIVAZIONALE E COGNITIVO


Le possibilit di recupero offerte durante lanno scolastico dallIstituto possono essere tanto
motivazionali - attraverso lattivit di accoglienza, di incoraggiamento e di mentoring portata avanti
nelle varie classi ad opera dei coordinatori e degli altri docenti, curricolari o di sostegno -, quanto
cognitive in senso stretto.
Il recupero cognitivo si articola come

Recupero in itinere (durante lorario di lezione o allinterno di una pausa didattica decisa dal
docente, per tutta la classe o per gruppi di lavoro, come occasione di sviluppo di competenze
metodologiche e/o disciplinari che si fossero rivelate deficitarie, ma anche di esercitazione e di
approfondimento)

Recupero pomeridiano (col proprio docente curricolare o con altro docente dellIstituto della
stessa disciplina, sia attraverso attivit di sportello, di studio assistito, con obiettivi di consulenza
metodologica e di promozione allo studio individuale, sia nel quadro di veri e propri corsi sintetici di
rinforzo per le materie che sono oggetto di Esame di Stato)

Recupero estivo

RECUPERO ESTIVO
Il recupero nel periodo estivo trova la sua ragion dessere nella sospensione del giudizio che i
Consigli di Classe decidono in sede di scrutinio finale laddove si trovino di fronte a situazioni di non
sufficiente preparazione ovvero di mancata rispondenza agli obiettivi minimi previsti dai piani
didattici, che non siano tuttavia caratterizzate da quelle gravi o diffuse carenze che richiederebbero
invece la ripetizione dellanno scolastico da parte dello studente. La sospensione del giudizio una
nuova opportunit concessa allalunno perch colmi le lacune della sua preparazione con un
impegno autonomo e/o con la partecipazione a corsi di recupero; il tutto finalizzato a una
successiva prova di verifica, ovvero al superamento del debito scolastico come da norma.
22

I corsi di recupero estivi si svolgono successivamente alle operazioni di scrutinio, entro la fine del
mese di luglio. Si attuano per gruppi di studenti con carenze omogenee provenienti da una singola
classe o da classi parallele e consistono in lezioni portate avanti da docenti dellIstituto che si siano
appositamente resi disponibili su un programma minimo ma essenziale per il passaggio allanno
successivo.
Le verifiche post-corso di recupero estivo si svolgono, in deroga alla normativa vigente, nella prima
settimana di settembre, dal momento che, per deliberazione del Collegio dei Docenti, consistono di
prove scritte ed orali, e sono seguite da scrutini finali che dovranno valutare, sulla base del
risultato delle prove stesse, il superamento o meno del debito scolastico. Le verifiche scritte sono
approntate dai docenti curricolari degli alunni interessati e consegnate entro il 30 giugno in
segreteria didattica.

13.

LANNO SCOLASTICO 2014-15

QUADRIMESTRI
Il Collegio dei Docenti ha deliberato che lanno scolastico sar suddiviso in

Primo quadrimestre, dal 15/9/2014 al 31/1/2015

Secondo quadrimestre, dal 1/2/2015 all8/6/2015.

ORARIO DELLE LEZIONI


LIstituto adotta per entrambe le sedi larticolazione dellorario su cinque giorni lavorativi (dal luned
al venerd, col sabato libero). Le lezioni hanno di regola inizio alle ore 8.00 e proseguono con la
cadenza oraria indicata qui sotto - che si prolunga oltre le ore 15.00 per quelle classi che, dovendo
utilizzare i laboratori del settore Cucina, entrano a scuola solo a met mattinata -:
1^ ora
2^ ora
3^ ora
pausa didattica
4^ ora
5^ ora
pausa didattica
6^ ora
7^ ora
8^ ora (settori Cucina e Sala)
9^ ora (settori Cucina e Sala)
10^ ora (settori Cucina e Sala)

8.00
9.00
10.00
10.50
11.00
12.00
12.50
13.00
14.00
15.00
16.00
17.00

9.00
10.00
10.50
11.00
12.00
12.50
13.00
14.00
15.00
16.00
17.00
18.00

RICEVIMENTO DELLE FAMIGLIE


I docenti riceveranno i genitori degli studenti o chi ne fa le veci in orario antimeridiano una
settimana al mese, secondo un calendario prestabilito e comunicato alle famiglie allinizio dellanno
scolastico, previa richiesta di appuntamento su apposito modulo e con congruo anticipo. Ovvero
ancora, qualora se ne dovesse ravvisare la necessit, su convocazione ufficiale o domanda scritta.

23

Inoltre, nei giorni 3/12/2014 e 30/3/2015 per la sede di via della Paglia, e 4/12/2014 e 31/3/2015
per la sede di via dei Genovesi, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, sono calendarizzati appositi incontri
pomeridiani tra corpo docenti e famiglie.

ATTIVITA PARTICOLARI
LIstituto riconosce alle visite guidate, ai viaggi distruzione, alle attivit connesse ai percorsi
curricolari professionalizzanti e sportivi, una forte valenza formativa, costituendo tali esperienze
altrettante preziose occasioni di apprendimento, integrazione, socializzazione. Sono momenti di
scuola a tutti gli effetti, esigono unopportuna programmazione e progettazione da parte dei docenti
e vanno vissuti con seriet e responsabilit da parte degli studenti.
Uniniziativa accostabile a quelle appena citate, con le medesime finalit formative, la Settimana
della Cultura e dei Valori, da programmare per la prima met di dicembre come pausa didattica,
come un tempo plurale e creativo allinterno del quale docenti, studenti, famiglie, personale
scolastico, diano vita a un approccio alternativo, a proposte collaterali ai curricula tradizionali, ad
attivit che allarghino gli orizzonti di tutti.
LIstituto non rifugge le esperienze innovative. Anzi, le promuove e le valorizza.
E quanto avviene, ad esempio, con ladesione ai progetti di mobilit studentesca riconosciuti
dalla normativa pi recente (cfr. lO.M. 843/13). Tale adesione ha gi permesso e continuer a
permettere ad alcuni studenti del Gioberti un soggiorno di studio allestero che sar parte
integrante ed arricchente del loro percorso formativo. Merita di essere sottolineato laspetto
interculturale di unesperienza del genere, che apre al mondo e fa vivere la globalizzazione come
unopportunit. Per gli studenti in mobilit i Consigli di Classe continuano a vivere un supporto da
lontano, accompagnando e valorizzando adeguatamente la formazione in una lingua diversa
dallitaliano, definendo insieme agli interessati le parti di curricolo da integrare al rientro.
Parallelamente lIstituto ha stipulato una convenzione con lente internazionale IES Abroad
(Institute for the International Education of Students) che ha permesso a studenti universitari
americani lo svolgimento di stage formativi presso la nostra scuola, affiancando in classe, in veste
di lettori, i docenti di lingua inglese.

14.

LA STRUTTURA DELLISTITUTO

DIRIGENTE E COLLABORATORI
Dirigente Scolastico: Carla Parolari
Collaboratore: Sabina Cavina
Collaboratore: Paola Tabacchini
Collaboratore: Samanta De Stefano
I collaboratori sono docenti scelti dal DS e chiamati ad assisterlo ed eventualmente a sostituirlo
nella gestione dellIstituto.
Un collaboratore, la prof.ssa Cavina, responsabile della sede di via dei Genovesi relativamente
ai seguenti compiti:

Coordinamento delle attivit del POF

Gestione delle sostituzioni, dei permessi, dei recuperi dei docenti e, in collaborazione con la
funzione strumentale preposta, di quanto attiene ai rapporti coi docenti

24


Gestione dei permessi di entrata e uscita degli alunni, delle assemblee studentesche, della
sorveglianza in genere e, in collaborazione con la funzione strumentale preposta, di quanto attiene
ai rapporti con gli studenti

Predisposizione delle circolari e delle comunicazioni su indicazione del DS


Un altro collaboratore, la prof.ssa Tabacchini responsabile della sede di via della Paglia con le
stesse funzioni.
I referenti di sede, Antonella Viola a via dei Genovesi e Fiammetta Sigismondi a via della Paglia,
affiancano i collaboratori nell'espletamento dei loro compiti organizzativi relativamente alla sede di
competenza.
Il terzo collaboratore, la prof.ssa De Stefano, Delegato dal DS per i Rapporti con il Pubblico. Il
DRP un soggetto interfaccia tra listituzione scolastica da una parte e gli enti esterni, le famiglie
degli alunni, chiunque abbia interesse alla realizzazione della missione propria della scuola
dallaltra.

DIREZIONE E UFFICI AMMINISTRATIVI


Direttore Servizi Generali ed Amministrativi: Romina Giampa
Segreteria Didattica: coord. Gabriella Polselli
Ufficio del Personale: coord. Monica Ferrazzo
Segreteria Amministrativa: coord. Daniela Fiorioli

CONSIGLIO DISTITUTO
Presidente, rappresentante dei genitori: ***
Dirigente Scolastico: Carla Parolari
Rappresentanti dei genitori (3 + il Presidente): Patrizia Alessandrini, Alessandro Lustrissimi,
Maurizio Pispola, Massimo Sala
Rappresentanti dei docenti (8): Valentino Annunziata, Annarita Attanasio, Gianluca Aulisio, Lucio
Battistini, Francesco De Palma, Anna Femiano, Gabriele Mariani, Maria Angela Varone
Rappresentanti del personale ATA (2): Cristina Brandetti, Antonella Colantoni
Rappresentanti degli studenti (4): Valentino Affinita, Alessio Bruschi, Flavio Ceccarelli, Luca
Fracassa.
Il Consiglio dIstituto dura in carica 3 anni, con esclusione della componente studentesca che si
rinnova ogni anno. E lorgano collegiale di governo dellistituzione scolastica e come tale esercita
la funzione di indirizzo politico-amministrativo della stessa, elaborandone gli indirizzi generali e
determinandone le forme di autofinanziamento. Il Consiglio approva il programma annuale
proposto dalla Giunta Esecutiva, adotta il POF e i Regolamenti dIstituto.

GIUNTA ESECUTIVA
Presidente, DS: Carla Parolari
DSGA: Romina Giampa
In rappresentanza dei genitori: ***
In rappresentanza dei docenti: ***
In rappresentanza del personale ATA: ***
In rappresentanza degli studenti: ***
La Giunta Esecutiva, eletta in seno al Consiglio dIstituto, propone il programma annuale
predisposto dal DS e prepara i lavori del Consiglio dIstituto.
25

ORGANO DI GARANZIA
Dirigente Scolastico: Carla Parolari
Rappresentante dei genitori: Claudio Cinelli
Rappresentante dei docenti: ***
Rappresentante degli studenti: Alessandro Ciffo
LOrgano di Garanzia, definito nella sua composizione contestualmente al Consiglio dIstituto,
decide sulle impugnazioni presentate contro lirrogazione di alcune, pi gravi, sanzioni disciplinari,
nonch sui conflitti che sorgano in merito allapplicazione del Regolamento.

COLLEGIO DEI DOCENTI


Il Collegio dei Docenti composto dal DS e dal personale docente, curricolare e di sostegno, in
servizio nella scuola. convocato ogni qualvolta il Dirigente ne ravvisi la necessit, oppure quando
almeno 1/3 dei componenti ne faccia richiesta. Si svolge secondo il regolamento interno che si
dato.
Il Collegio ha potere deliberante in materia di programmazione didattica e formativa, progettualit e
valutazione, provvede all'adozione dei libri di testo, fa proposte in merito alla formazione delle
classi, allorario delle lezioni, allo svolgimento di ogni altra attivit scolastica, nonch ad eventuali
sperimentazioni, promuove l'aggiornamento dei docenti. Identifica le funzioni strumentali del POF
ed elegge i docenti parte del comitato di valutazione del personale insegnante.

FUNZIONI STRUMENTALI
Il Collegio dei Docenti, su proposta del DS, ha approvato la seguente ripartizione dei compiti delle
Funzioni Strumentali:
Area 1, Gestione del Piano dellOfferta Formativa: Francesco De Palma

Aggiornamento del POF

Raccolta e catalogazione dei progetti

Elaborazione delle schede progettuali e di rendicontazione

Monitoraggio delle attivit

Gestione, in collaborazione con lArea 4, delle proposte formative provenienti dallesterno

Predisposizione delle circolari inerenti l'organizzazione e la realizzazione dei progetti

Collaborazione con la gestione della vicepresidenza

Rendicontazione del lavoro svolto e dei risultati conseguiti


Area 2, Organizzazione e comunicazione: Mariangela Varone

Cura della comunicazione interna

Predisposizione del Piano delle attivit in accordo col DS e coi collaboratori del DS

Organizzazione delle graduatorie per le classi prime

Coordinamento della formazione delle classi, in particolare delle classi prime, in


collaborazione con lArea 6

Organizzazione e calendarizzazione delle attivit di recupero

Organizzazione e calendarizzazione del ricevimento antimeridiano e pomeridiano dei genitori

Collaborazione col DS per la verifica dellorganico distituto


26

Predisposizione delle circolari inerenti all'organizzazione interna


Collaborazione con la gestione della vicepresidenza
Rendicontazione del lavoro svolto e dei risultati conseguiti

Area 3, Sostegno al lavoro dei docenti: Rosanna Bernacchia

Raccordo tra listituzione scolastica e i docenti

Coordinamento delle attivit di aggiornamento

Coordinamento della Commissioni Alternanza Scuola-Lavoro

Organizzazione delle attivit legate alladozione dei libri di testo

Supervisione, in collaborazione con lArea 4, delle attivit formative non curricolari

Raccolta di tutta la documentazione relativa a programmazione, riunioni di dipartimento,


consigli di classe.

Collaborazione col DS per la verifica dellorganico distituto

Collaborazione con la gestione della vicepresidenza

Rendicontazione del lavoro svolto e dei risultati conseguiti


Area 4, Supporto alla componente studentesca: Adele Esposito e Tatiana Baffoni

Raccordo tra listituzione scolastica e gli studenti

Supervisione delle assemblee distituto

Gestione, in collaborazione con lArea 1, delle proposte formative provenienti dallesterno

Supervisione, in collaborazione con lArea 3, delle attivit formative non curricolari

Coordinamento delle attivit di orientamento

Coordinamento delle attivit di alternanza scuola-lavoro

Coordinamento dei nuovi inserimenti, dei percorsi di recupero/rinforzo per gli allievi
provenienti da altri istituti o dalla formazione professionale, degli esami di idoneit/integrativi per gli
esterni

Organizzazione della mobilit scolastica e di forme analoghe di didattica alternativa

Collaborazione con la gestione della vicepresidenza

Rendicontazione del lavoro svolto e dei risultati conseguiti


Area 5, Interventi per linclusione e lintegrazione: Alberto Bastianoni

Presidenza del GLI

Coordinamento dei progetti per linclusione e lintegrazione

Gestione delle certificazioni di DSA

Coordinamento della formazione delle classi, in particolare delle classi prime, in


collaborazione con lArea 2

Organizzazione dellorario dei docenti di sostegno e degli assistenti alle autonomie

Verifica della conoscenza della normativa riguardante inclusione ed integrazione, cura


dellaggiornamento dei docenti sugli stessi temi

Supervisione alla stesura dei PEI e dei PDP

Facilitazione dei contatti tra scuola, famiglia, servizi sanitari, associazioni, enti esterni

Collaborazione con la gestione della vicepresidenza

Rendicontazione del lavoro svolto e dei risultati conseguiti


Area 6, Valutazione ed Autovalutazione: Maria Venere Esposito

27


Coordinamento delle attivit di verifica e di valutazione degli studenti classi quinte e
calendarizzazione delle simulazioni di prove dellEsame di Stato

Verifica dei verbali dei Consigli di Classe e dei documenti relativi agli scrutini

Raccordo coi coordinatori di dipartimento

Interazione per ogni attivit di autovalutazione

Predisposizione di un documento riepilogativo sulla valutazione e lautovalutazione


dellIstituto

Collaborazione con la gestione della vicepresidenza

Rendicontazione del lavoro svolto e dei risultati conseguiti

COMMISSIONI
Commissione
Commissione avvio anno scolastico

Referente
Cavina
Varone

Commissione formazione classi


Commissione funzionamento e
logistica

Varone

Commissione supporto al DS per


linnovazione, lorganizzazione e la
comunicazione

Commissione monitoraggio progetti


Commissione informazione e logistica
preelettorale

De Palma
Lidano
Bastianoni

Commissione inclusione
Commissione supporto allArea 5

Bastianoni

Commissione graduatorie
Commissione percorsi e
sperimentazioni di valutazione

Aulisio
Esposito M. V.

Commissione orientamento

Commissione cultura

De Palma

Altri componenti
Aulisio, De Stefano,
Tabacchini, Varone
Aulisio, Cavina, Sbano,
Sigismondi, Tabacchini,
Testa
Esposito M.V., Sigismondi,
Viola
Aulisio, Bienna, Briamonte,
Cavallo, De
Palma, Esposito A.,
Fioravanti, Marinucci,
Matrecano, Raponi,
Riccardi, Rizzo,
Sigismondi, Varone, Viola
De Palma, De Stefano,
Esposito A., Rocchi, Spirito
Compagnoni, De Stefano,
Meo, Riccardi, Sigismondi,
Tabacchini, Tranquilli
Carpentieri, Meo, Placido,
Riccardi
Baffoni
Marzano, Sigismondi
Bastianoni, Cavallo,
Cavina, Contessini,
Manobianca, Matrecano,
Musella, Sigismondi,
Tabacchini, Tazzari,
Tranquilli, Viola
Esposito A., Sbano, Testa
L.

28

Commissione
Commissione bandi e contatti europei
Commissione recupero
Commissione alternanza scuolalavoro articolazione Cucina
Commissione alternanza scuolalavoro articolazione Sala e Vendita
Commissione alternanza scuolalavoro articolazione Accoglienza
Turistica
Commissione alternanza scuolalavoro indirizzo Servizi Commerciali
Commissione alternanza scuolalavoro indirizzo Servizi Socio-sanitari
Commissione salute
Commissione biblioteca
Commissione sito web
Commissione blog indirizzo
enogastronomia
Commissione blog indirizzi
commerciale e servizi sociali

Referente
Esposito A.
Varone
Baffoni
Baffoni

Altri componenti
Alberino, Santoni
Cavina
Aulisio, Varone, Viola
Aiello

Baffoni
Bienna
Baffoni
Baffoni
Briamonte
De Palma
Varone
Varone

Manobianca
Alberino, Contessini
Alberino, Di
Giovambattista, Fioravanti
Contessini, Marzano,
Raimo
Cavina

Mariani

CONSIGLI DI CLASSE
Il Consiglio di Classe composto dai docenti della classe, curricolari e di sostegno, da due
rappresentanti dei genitori e da due rappresentanti degli studenti. Pu essere aperto a tutti i
genitori e a tutti gli studenti.
Esso esamina gli aspetti didattico-disciplinari dellandamento dellanno scolastico relativamente a
una determinata classe, valuta l'opportunit di corsi di recupero per i singoli studenti, programma
viaggi distruzione, visite didattiche e ogni altra attivit formativa, formula proposte al Consiglio
d'Istituto per l'acquisto di attrezzature e materiale didattici.
La presenza di un coordinatore in ogni classe, nominato dal DS, favorisce il rapporto di fiducia tra
gli studenti e la scuola e rende possibile un contatto continuo e collaborativo con le famiglie.
Il coordinatore si avvale, per lespletamento delle sue funzioni, di un coadiutore.

COORDINATORI E COADIUTORI
Il coordinatore

Sostituisce il DS alla presidenza dei CdC ogni qualvolta il DS comunichi, anche per le vie
brevi, di non poter presiedere la riunione

Coordina le assemblee di classe, compresa quella che illustra gli OO.CC. in vista delle
elezioni dei rappresentanti dei genitori, e supervisiona le assemblee di classe degli studenti

Controlla la tenuta del registro di classe, segnalando alle famiglie le situazioni di frequenza
discontinua da parte degli studenti

Cura pi in generale i contatti con le famiglie


29


Rileva eventuali difficolt di apprendimento, monitora eventuali situazioni di disagio, si attiva
per la soluzione di problemi specifici della classe o del singolo studente

Tiene informato il DS in ordine a eventuali problemi comportamentali, di socializzazione e


didattici della classe

Tiene informata la Funzione Strumentale dellArea 5 in ordine alla qualit dellintegrazione


nella classe

Si occupa insieme ai docenti di sostegno della stesura dei piani educativi per gli alunni con
certificazione DSA

Verifica il rispetto dei Regolamenti e del Patto Educativo di Corresponsabilit

Raccoglie tutta la documentazione riservata degli alunni necessaria ai fini della valutazione e
della verifica del rispetto del limite massimo di assenze consentito dalla normativa

Coordina le attivit di recupero in itinere e finali

Per le classi quinte predispone e coordina tutte le attivit inerenti lEsame di Stato, dal
documento del consiglio di classe al giudizio di ammissione, al controllo dei crediti formativi e
scolastici dellanno in corso e di quelli degli anni precedenti
Il coadiutore

Sostituisce il coordinatore in caso di sua assenza o impedimento

Coordina le operazioni relative alladozione dei libri di testo

Verbalizza le riunioni, ordinarie e straordinarie, del Consiglio di Classe

Verifica il corretto inserimento delle valutazioni degli studenti della classe in sede di scrutinio

15.

I PROGETTI PER IL 2014-15

Obiettivo di tutte le attivit progettuali d'Istituto un reale arricchimento dell'offerta formativa, in


particolare di quella relativa allarea professionalizzante. Altre priorit cui la presentazione dei
progetti ha voluto rispondere sono linclusione e lintegrazione, la prevenzione dei fenomeni di
bullismo, il coinvolgimento delle famiglie e del territorio, il rafforzamento della proposta linguistica
curricolare.
Progetti approvati dal Collegio dei Docenti:
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)
9)
10)
11)
12)
13)
14)
15)
16)
17)
18)

Caff dautore, referente AIELLO


Degustazione vini-formaggi, referente AIELLO
Primi piatti alla lampada, referente AIELLO
Whisky, referente AIELLO
Bar integrato, referenti AIELLO-DE STEFANO
Gruppo sportivo, referente ALBERINO
Progetto Compass, referente ATTANASIO
Grom che passione, referente AULISIO
Magia della ghiaccia reale, referente AULISIO
Pasticceria creativa, referente AULISIO
Verso un colloquio di lavoro, referente AULISIO
Bere con gusto, referente BAFFONI
Cocktail gele, referente BAFFONI
Coffee marketing, referente BAFFONI
Latte art, referente BAFFONI
Pizza e birra a gargarozzo, referente BAFFONI
Tirocinio integrato, referente BASTIANONI
Corso sommelier, referente BATTISTINI

30

19)
20)
21)
22)
23)
24)
25)
26)
27)
28)
29)
30)
31)
32)
33)
34)
35)
36)
37)
38)
39)
40)
41)
42)
43)
44)
45)
46)
47)
48)
49)
50)
51)
52)
53)
54)
55)
56)
57)
58)
59)

Giuria premio David Donatello, referente BATTISTINI


Accoglienza turistica, referente BIENNA
Educazione alla salute, referente BRIAMONTE
Attivit formativa di sala e cucina, referente CAVALLO
Concorsi esterni di indirizzo, referente CAVALLO
Corsi HACCP-Sicurezza, referente CAVINA
Memoria, referente CAVINA
Formazione assistente ludico, referente CONTESSINI
Mercatino di solidariet, referente CONTESSINI
Noi e la pace, referente CONTESSINI
Stage asilo nido, referente CONTESSINI
Stage centro anziani, referente CONTESSINI
Stage mediatori culturali, referente CONTESSINI
W gli anziani, referente CONTESSINI
Amicocomputer, referente DE BIASIO
Decorestauro, referente DE BIASIO
Sportivamente, referente DE BIASIO
Cucinare senza glutine, referente DI TOMMASO
Dieta e cucina Vegan, referente DI TOMMASO
Certificazioni europee, referente ESPOSITO A.
Lettori in classe, referente ESPOSITO A.
Cucina a fuoco spento, referente FEMIANO
Arte dellintaglio, IV, referente GIORDANO
Arte dellintaglio, V, referente GIORDANO
Farine e pane per lieviti, referente GIORDANO
Corso formazione volontari ospedalieri, referente IOVINE
La scuola e il museo, referente MANOBIANCA
La salute vien mangiando, referente MARZANO
Unplugged, referente MARZANO
Chefuturo, referente MATRECANO
Colori e profumi della terra, referente MATRECANO
Esercitazioni didattiche speciali, referente MATRECANO
Insieme in cucina, referente MATRECANO
Scatti di classe, referente MATRECANO
Cucina scientifica, referente PASQUALI
Experimenta 4, referente PLACIDO
Lalimentazione del III millennio, referente RAIMO
Aiuto allo studio alunni d. a. base, referente SPAMPINATO
Aiuto allo studio alunni d. a. avanzato, referente SPAMPINATO
Comunica cantando, referente TRIVELLONI
Lo sviluppo che vorrei, referente VIOLA

16.

LE BIBLIOTECHE E I LABORATORI

VIA DELLA PAGLIA


La sede dotata dei seguenti locali con materiale didattico e laboratori:

Biblioteca di 15.000 volumi circa, in buona parte gi informatizzati ed in rete con altri istituti

Palestra
31

Laboratorio multimediale utilizzabile anche come laboratorio linguistico


Laboratori informatici dotati di PC, tutti collegati in rete ed a Internet
Laboratorio audiovisivi con videoproiettore
Laboratorio di scienze
Laboratorio integrazione per alunni diversamente abili

VIA DEI GENOVESI


La sede dotata dei seguenti locali con materiale didattico e laboratori:

Aula Magna utilizzabile anche come laboratorio multimediale

Biblioteca

Cucine professionali con relativi magazzini per la conservazione dei prodotti alimentari

Laboratori bar completi delle apparecchiature necessarie alle attivit pratiche

Laboratori di sala

Ampio e articolato Front office dotato di PC

Laboratori integrazione per alunni diversamente abili

17.

LALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E GLI STAGE

ATTIVIT DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO


Le attivit di alternanza scuola-lavoro sono tradizione di lunga data nellIstituto, come si conviene
per indirizzi professionali, ed intendono far maturare negli studenti conoscenze, capacit e
competenze specifiche immediatamente spendibili nel mondo del lavoro.
Tali attivit sono in funzione di una pi compiuta preparazione professionale dello studente,
costituendo il necessario risvolto dellinsegnamento fruito tramite le discipline curricolari. Ogni
iniziativa organizzata in questambito consiste in un apprendimento fondato sullesperienza, pi o
meno prolungata, in ambienti di lavoro esterni alla scuola, che possono riferirsi a una pluralit di
contesti (imprese e studi professionali, enti pubblici, enti di ricerca, associazioni di volontariato,
etc.), selezionati in relazione ai settori che caratterizzano i vari indirizzi di studi (D.P.R. 87/2010,
art. 8).
Il tutto organizzato secondo il seguente schema:
Staff centrale dIstituto
(DS, Funzioni Strumentali Area
4)
Staff di indirizzo
(Commissioni Alternanza
scuola-lavoro, coordinatori di
classe, docenti di indirizzo)
Tutor aziendale

Rapporti e convenzioni col mondo del lavoro, scambio di dati,


informazioni, strumentazioni e modulistiche, monitoraggio,
valutazione complessiva, certificazione
Individuazione degli interlocutori (aziende, referenti, tutor
aziendali), raccordi organizzativi generali, individuazione e
dislocazione degli studenti, redazione documentazione degli
studenti, monitoraggio, proposta della valutazione sintetica
finale per i riconoscimenti di competenza
Collaborazione per delineare e realizzare il percorso di
alternanza, monitoraggio, redazione di una valutazione
dellesperienza formativa

E persegue i seguenti obiettivi:

Sviluppare le competenze comunicative, relazionali e organizzative

Sviluppare la capacit di soluzione dei problemi e di assunzione di responsabilit


32


Rivisitare il percorso formativo compiuto alla luce dellesperienza lavorativa, rafforzando cos
la motivazione allapprendimento

Praticare la modalit di lavoro in quipe

Formulare ipotesi per la costruzione del proprio progetto professionale e di vita


Il percorso di alternanza scuola-lavoro supportato da una documentazione e da strumenti di
accompagnamento che permettono la rendicontazione delle attivit svolte, la trasparenza e la
spendibilit degli apprendimenti e delle competenze conseguiti.
Ecco i documenti necessari alla formalizzazione dellesperienza di alternanza:

Convenzione

Progetto formativo

Assenso della famiglia

Scheda presenze/attivit giornaliere

Scheda valutazione tutor aziendale

Attestato finale
Per un approfondimento delle diverse opportunit offerte agli alunni dellIstituto dalle proposte di
alternanza scuola-lavoro si rimanda ai fascicoli riassuntivi che saranno predisposti dalle apposite
Commissioni e che faranno parte integrante di questo POF.

STAGE
Tra le varie attivit di alternanza scuola-lavoro la pi significativa senzaltro quella degli stage, o
tirocini, in cui lo studente impegnato per alcune settimane lanno.
Di seguito si riportano il calendario degli stage relativi allArticolazione Enogastronomia,
compresa lopzione Prodotti dolciari artigianali ed industriali:
Classi

Inizio stage

Fine stage

5D - 5N - 4M
5E - 5G - 5H
5F - 4E - 4H
5M - 4D - 3H
3D - 3M
3F
3E - 3I
4I - 3G
4F - 4G

29/09/2014
10/11/2014
01/12/2014
12/01/2015
02/02/2015
02/02/2015
23/02/2015
13/04/2015
04/05/2015

18/10/2014
29/11/2014
20/12/2014
31/01/2015
21/02/2015
21/02/2015
14/03/2015
02/05/2015
23/05/2015

E quello degli stage relativi allArticolazione Accoglienza Turistica:


Classi

Inizio stage

Fine stage

5L
4L
3L

24/11/2014
02/02/2015
11/05/2015

13/12/2014
21/02/2015
30/05/2015

33