Sei sulla pagina 1di 3

Norme di diritto processuale nella costituzione

PROVINCIALI, Renzo. Norme di diritto processuale nella costituzione. Milano:


Dott. A. Giuffr Editore, 1959.
Quando si parla di garanzie costituzionale, potrebbe dirsi che tutto il diritto
costituzionale si presenta come tale (almeno) in um oStato di diritto, fondato sulla
divisione dei poteri; e cos, sino a un certo punto, vera la reciproca, e cio che
tutto il diritto costituzionale (in un tipo di Stato) costituisce (in senso lato) una
garanzia. (5)
Non , quindi, tanto un problema di addentellati tra diritto regolatore del processo
e diritto costituzionale, n trattasi di indagare linfluenza che posano essercitare
principi e istituti costituzionali sovre principi e istituti processuali; principi e istituti
vanno considerati nella loro natura oiettiva ed unitaria esistenza, nel dominio che
esercitano nelluno e nellaltro campo del diritto (o in entrambi, e in qual guisa),
quale che sia la loro legislativa collocazione, essendo al pi alto grado erroneo (7
che possan variare configurazione e concettuale sistematizione, datagli dalla
dottrina rpocessualista, per il fattoo che vengan esaminati dal punto di vista dell
aspetto e della rilevanza costituzionale (8)
Il diritto costituzionale come base di tutto il diritto pubblico e privato. Effetti Nell
indirizzo, sopra combattuto al n. 1, ha condotto (a mio avviso) un ragionamento
che solo apparentemente (o sotto aspetti che qui non interessano aifini di questa
indagine ) presenta sembianze di verit: e cio che tutto il diritto, pubblcio e
privato, si detto, affond le sue radici nel diritto costituzionale, inteso come diritto
pubblico generale (11) , base fondamentale dellordinamento giuridico statuale nel
mderno Stato di diritto, sistematica dei muri maestri e dei capisadi essenziali dell
edifici: donde la conseguenza (che a me pare disputabile) che principi e istituti
appartenti (12) alle diverse branche del diritto sarebbero, nella loro intima natural,
principi ed istituti costituzionla; secondo questa opinione, co varrebbe, a tanto
maggior ragione, epr il diritto processuale, che disciplina una funzione

fondamentale dello Stato e, quindi, i rapporti che dallesercizio della medesima


vengono a sorgere tra Stato e individui. Esisterebbe, di conseguenza, non solo un
rapporto di presupposizione (13) tra diritto processuale e diritto costituzionale, mas
sarebbe quest ultimo a determinare aspetti ed istituti caratteristici; taluni dei
principi generali (di diritto processaule) sarebbero inizialmente costituzionali o non
pi che corollari diretti ed immediati dei medesimi (principi costituzionali); norme di
apparenza meramente tecnicam sarebbero di significato ssenzialmente politico e
qunid di intima dipendenza da principi e istituti di diritto costituzionale. Lo stesso
processo, in definitiva, non (14) rabbe che uno dei mezzi per garantire i diritti
riconosciuti allindividuo dalla costituzione (15)
(Couture, La garanzia costituzionale del dovuto processo legale RDP 1954, I, 81)
Non sarei daccordo su queste premesse. (...) ma (e questa la tesi del prosente
lavoro), individuare le norme di diritto processuqale costituzionale, che per il loro
carattere di fondamentalit nella disciplina del processo, han trovato collocazione
nelal carta costituzioanle, studiandone (per la collocazione) la natura e gli specifci
effetti (16)
Diritto processuale costituzionale, ho detto: formula che non fungibile e con l
altra, diritto costituzionale processuale (17): qui, anzi, sta tuttal la tesi di questo
lavoro; nella formual diritto costituzionale processuale (allingrosso) non
rientrerebbe che il processo costituzioanel (di legittimit costituzioanel) (sia pure,
anche i conflitti di attribuzione e il processo penale di cmopenteza della corte
costituzioanel: erbba trastutllA); mentre la fomrula da me proposta (diritto
processuale costituzionale) comprende tutti i principi e gli istituti costituzionali di
diritto processuale (18)
Norme della costituzione come (pretesi) pressuposti costituzionali del diritto
processuale
Si avrebbe un rapporto di presupposizione, tra norme di dirtto processuale e
(determinate) norme di diritto costituzionale; le quali costituirebbero altrettanti
presuposti costituzionali

del diritto processuale. Il direitto (18) costituzionale

fornirebbe al processualista dei principi determinativi dell ambito (?) della sua

disciplina; a questa sarebbe riservata lapprofondimento di tali presuposti; la


norma costituzionale sarebe una matrice dalla quale germinerebbero principi ed
istituti di diritto processuale; una volta resi concreti, troverebbero ragion dessere e
limit in quel ramo del diritto che li inquadra nella struttura stessa dello Stato,
mentre spetterebbe al diritto costituzionale di fornire al processaulista i principi
determinivi, nelle line essenziali, del processo civile. (19)
Anche questa costruzione mi sembra artificiosa, dal punto di vista logico, e,
comunque, in contrasto con lobiettiva considerazione del sistema accolto nella
costituzione vigente, la quale contiene (anche) norme di carattere squisitamente
tecnico, tali cio da non riverstire per nulla quel valore di principio generale, dal
quale si sarebbero poi dovuti, in sede di diritto processuale, trarre gli sviluppi e
approfondimenti specifici, sopra accennati. (19)