Sei sulla pagina 1di 7

Sartre e Simone

de Beauvoir

Fedeli oltre
i tradimenti
La pi celebre coppia di intellettualI del
novecento, non volle unirsi in matrimonio
ma stipul un patto, un contratto
che legava i due al loro amore necessario
lasciandoli liberi a tutti gli amori contingenti

libro filosofi robyok.indd 105

06/04/12 11.43

sartre e simone de beauvoir

Amore necessario
Era lottobre del 1929 quando fu sancito il loro particolare matrimonio , sotto forma di un vero e proprio contratto a termine. Con
speciali condizioni: due anni da trascorrere il pi vicino possibile, quindi una lunga separazione. Poi, incontrarsi in qualche parte
della terra. In realt un amore non a termine: durer tutta la vita.
Il nostro un amore necessario, ci conviene conoscere anche degli amori
contingenti. Jean-Paul Sartre, il filosofo dellesistenzialismo, che
parla. lui che propone questo contratto a Simone de Beauvoir,
la filosofa del femminismo. Entrambi rifiutano una vita banale, sui
binari della normalit: convivenza, fedelt, matrimonio, figli.
Sono due tra i maggiori intellettuali del Novecento e con il loro
pensiero hanno influenzato e formato intere generazioni. Sartre
filosofo, romanziere, drammaturgo, critico letterario e giornalista. Un pensatore molto impegnato politicamente e socialmente
in tutte le battaglie progressiste del secolo. Tanto da rifiutare per
motivi ideologici sia la Legion dOnore che il premio Nobel.
Simone de Beauvoir romanziera e saggista, anchella molto impegnata in campo sociale e politico, schierata sul fronte del femminismo e dei diritti delle donne.
Laccordo stipulato fra i due, che si erano conosciuti nel luglio di
quello stesso anno, il 1929, prevede un percorso di vita comune
aperto a nuovi incontri, a nuove esperienze, a nuove amicizie.
Ma soprattutto a relazioni sessuali di ogni tipo, nel rispetto di una
gerarchia (gli amori contingenti devono essere subordinati al
loro amore necessario).
Relazioni rese trasparenti dalla reciproca complicit, confidenza,
rispetto: nulla nella loro vita deve essere dissimulato.

106

libro filosofi robyok.indd 106

06/04/12 11.43

Fedeli oltre i tradimenti

La rottura con le convenzioni, la trasgressione, lanticonformismo


spinto al limite diventano una regola di vita. Un amore assoluto
che nelle Lettere al Castoro Sartre delinea cos: Sognare ognuno per
s, scrivere luno per laltra.

Il patto tra i due


Questo impegno Simone lo assume totalmente. Sartre, invece,
manterr delle zone dombra. Su una platea di donne, uomini,
segretarie, cameriere, studentesse, scrittori ecc. si staglia la loro
relazione damore. Una tela di ragno in cui vengono invischiate
ragazze che spesso non si innamorano di Sartre, ma di Simone.
E vengono ricambiate. Attraverso una fitta corrispondenza i due
filosofi, spesso lontani, si scambiano dettagli sulle loro avventure,
certi di non suscitare alcuna gelosia.
Sono entrambi giovani studenti universitari. Lui ventiquattrenne,
minuto, piccolo, trasandato, un po strabico. Grande affabulatore.
Cos lei lo ricorda: La prima volta che lavevo visto alla Sorbona,
portava il cappello e stava parlando animatamente con una stanga di
normalista (dottoranda) che mi era parsa molto brutta; se ne era disgustato ben presto e si era legato con unaltra, pi carina, ma che combinava pasticci, e con la quale aveva ben presto litigato.
Lei ventunenne, bella ragazza dellalta borghesia parigina. Alta,
occhi azzurri. Riccioli bruni che incorniciano un volto candido, intelligente e brillante: Io ero intelligente, ma lui era un genio. Simone
subisce subito il magnetismo del giovane intellettuale: Sartre rispondeva esattamente al sogno dei miei quindici anni () Con lui avrei
potuto sempre condividere tutto. Quando lo lasciai al principio di agosto
sentii che egli non sarebbe mai pi uscito dalla mia vita.

107

libro filosofi robyok.indd 107

06/04/12 11.43

sartre e simone de beauvoir

Borghese anticonformista
Forse Simone, se non avesse conosciuto Sartre, avrebbe condotto
una tranquilla vita affettiva. Chiss, forse si sarebbe sposata, avrebbe avuto dei figli Per una donna allevata comero stata allevata
io, forse era difficile evitare il matrimonio; ma lui non ne pensava gran
che di buono. Ma, soggiogata dal suo fascino, la filosofa messa di
fronte a una scelta.
O mollare Sartre, o stare al gioco di un genio insofferente a ogni
regola: detestava le routine e le gerarchie, le carriere, i focolari, i diritti
e i doveri, tutto il serio della vita. Non si adattava allidea di fare un
mestiere, di avere dei colleghi, dei superiori, delle regole da osservare e da
imporre; non sarebbe mai diventato un padre di famiglia e nemmeno un
uomo sposato. Simone accetta di volare verso un nuovo orizzonte.
Ha ascoltato la sua anima che le ha indicato la strada.

Lettere al mio Castoro


La pioggia di lettere che Sartre scrive a Simone - affettuosamente
soprannominata Castoro, perch questo piccolo animale simbolo
di energia e di lavoro - assomiglia in tante parti a un romanzo erotico. Sartre, non dimentichiamolo, anche un famoso romanziere.
Usa pertanto le sue arti letterarie quando si profonde in minuziosi particolari piccanti degli incontri con le sue numerose amanti.
Scabrosi particolari che, a un lettore comune, sembrano fare a pugni con le affettuose espressioni di amore rivolte al suo Castoro:
parole simili a quelle di un maritino premuroso, tutto casa e famiglia: Amore mio () non avr molto tempo per dirvi tutte le dolcezze
che penso di voi se voglio raccontarvi il seguito di questa storia. Quale

108

libro filosofi robyok.indd 108

06/04/12 11.43

Fedeli oltre i tradimenti

storia? Una notte di passione: la prima volta che vado a letto con
una donna bruna () piena di odori e curiosamente pelosa con una pelliccetta nera nel solco delle reni e un corpo bianchissimo (e) gambe che
pizzicano come un mento duomo mal rasato. E ancora: Le ho tolto
la camicetta, lei si tolta la sottana e le mutande. Sono andato a letto
con lei. Mi ha detto che mi amava e io non ci ho creduto affatto. Le ho
detto che lamavo molto e lei mi ha creduto Lho riconsegnata nelle
mani di suo marito. Le lettere si concludono con frasi tenerissime
di questo genere: vi amo con tutte le mie forze, mio dolce castorino.Vi
bacio fiorellino mio caro. La voracit sessuale del filosofo coinvolge
Simone in un mnage trois. Un giorno il caso di Olga Kosakievicz, una russa diciassettenne capricciosa per la quale Sartre perde
la testa. Olga annotava: come un bambino ingordo, sempre voglio,
voglio e lei che si fa in quattro a dire s, s caro e prezioso, lavrai te lo
procurer io.
Olga tuttavia pi attratta da Simone. Unaltra volta Bianca
che ancora si innamora di Simone. Unaltra ancora sar Natascia
Sorokine e tanti altri nomi. Simone amava uomini e donne e
spesso condivideva le sue conquiste femminili con Sartre. Andr
avanti cos per tutta la loro vita. Condivideranno le loro esperienze
erotiche e se le racconteranno fino nei minimi particolari.

Incoerenza: ognuno ama a modo suo


Un giorno il filosofo allergico al matrimonio cambia rotta di marcia, quando incontra a New York Dolores Vanetti Ehrenreich cui
chiede di sposarlo. un colpo per Simone che lo vive come un
tradimento: lunico della sua vita. Simone riprende in mano la
situazione e impone a Jean Paul laut aut: O lei o me!. Sartre an-

109

libro filosofi robyok.indd 109

06/04/12 11.43

sartre e simone de beauvoir

cora una volta torna al suo amore necessario. Questo non gli impedisce poi di frequentare comunque i letti di molte altre donne...
Anche Simone fra gli amori contingenti ne ha uno che prevale
sugli altri: quello per il bellamericano biondo, lo scrittore Nelson
Algreen. Un amore passionale, fisico, fortissimo cui Simone, fedele
fino in fondo al suo patto con Sartre, a un certo punto, dice addio.
E si reca da Sartre che richiede la sua presenza a Parigi. Sarebbe
comunque sbagliato giudicare il comportamento del filosofo alla
luce della coerenza razionale e delle tradizionali abitudini di vita.
Le contraddizioni abitano la nostra anima. Sarebbe altrettanto
sbagliato giudicare il modo di amare dei due filosofi alla luce di
regole convenzionali.
Giudizi scontati, valutazioni razionali, luoghi comuni o altro ci allontanerebbero dalla comprensione del mistero dellamore. Ognuno sceglie di amare a modo suo. Di affidarsi a ci che lanima gli
suggerisce. I due filosofi hanno imparato ad ascoltarla. La loro anima chiedeva di non avere una relazione fissa. Ed proprio questa
la ragione per cui il loro amore durato tutta la vita.

Non si pu essere pi uniti


di quello che siamo voi ed io
Simone de Beauvoir descrive se stessa cos nella Forza delle cose:
Di me sono state create due immagini. Sono una pazza, una mezza
pazza, uneccentrica. (...) Ho abitudini dissolute; una comunista raccontava, nel 45, che a Rouen da giovane mi aveva vista ballare nuda
su delle botti; ho praticato con assiduit tutti i vizi, la mia vita un
continuo carnevale. Con i tacchi bassi, i capelli tirati, somiglio ad una

110

libro filosofi robyok.indd 110

06/04/12 11.43

Fedeli oltre i tradimenti

patronessa, ad unistitutrice (nel senso peggiorativo che la destra d a


questa parola), ad un caposquadra dei boy-scout. Passo la mia esistenza
fra i libri o a tavolino, tutto cervello. Nulla impedisce di conciliare i due
ritratti. Lessenziale presentarmi come unanormale. Il fatto che sono
una scrittrice: una donna scrittrice non una donna di casa che scrive,
ma qualcuno la cui intera esistenza condizionata dallo scrivere. una
vita che ne vale unaltra: che ha i suoi motivi, il suo ordine, i suoi fini
che si possono giudicare stravaganti solo se di essa non si capisce niente.
E ancora Sartre scrive del suo amore per Simone nelle Lettere al
Castoro: Non posso essere separato da voi, la mia vita non appartiene
solo a me, voi siete sempre me stesso e non si pu essere pi uniti di quello
che siamo voi ed io.
Quando Sartre si spegne, nellaprile del 1980, Simone rimane per
tutta la notte sdraiata sul letto accanto al suo cadavere, fedele fino
in fondo al contratto stipulato 51 anni prima.

111

libro filosofi robyok.indd 111

06/04/12 11.43