Sei sulla pagina 1di 16

La guida

al neo-ingegnere


















Con il patrocinio di:


Coordinamento della guida per il neo-ingegnere:
Dott. ing. Laura Poviani - laura.poviani@gmail.com
Dott. ing. Roberto Zarrillo - roberto.zarrillo@beretta.com

Per la consulenza in materia fiscale:
Dott. Sergio La Rosa - sergio.larosa@gmail.com - tel. 333/4728178

I VERSIONE DELLA GUIDA: NOVEMBRE 2008
Stampata in collaborazione con:

di Costa Emilio, P.le Kossuth n.15






Indice
1. Premessa ................................................................................................................................................. 5
2. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia ................................................................................ 6
2.1. Come iscriversi ................................................................................................................................. 7
3. Lassociazione dei giovani ingegneri bresciani (G.I.B.) ....................................................................... 8
3.1. Come iscriversi ................................................................................................................................. 8
3.2. Convenzioni attive ............................................................................................................................ 9
3.3. LOrdine degli ingegneri e il G.I.B. .................................................................................................... 9
3.4. Il GIB e le altre associazioni professionali giovanili........................................................................... 9
4. La libera professione ............................................................................................................................ 10
4.1. Alcuni termini tecnici ....................................................................................................................... 10
4.2. Apertura della partita IVA e della posizione INARCASSA............................................................... 10
4.3. Fisco e contributi............................................................................................................................. 11
4.4. Indicazioni circa disciplinari e parcelle............................................................................................ 12
5. La cassa previdenziale per Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti ......................................... 13
6. Il sindacato provinciale ingegneri e architetti liberi professionisti ................................................... 15
6.1. Rapporti con gli Ordini Professionali ............................................................................................... 15










1. Premessa
Caro collega,
complimenti per il risultato raggiunto!

Scopo della presente guida aiutare i futuri colleghi nellassolvere i molteplici adempimenti burocratici
propedeutici allo svolgimento della professione.
Nelle pagine a seguire troverete informazioni essenziali circa le Istituzioni e le Rappresentanze che
regolamentano e affiancano la professione (Ordine Provinciale, Cassa di Previdenza, Associazione Giovanile,
Sindacato Nazionale).
Troverete esposti i vari requisiti e modalit di iscrizione.
Abbiamo innestato anche alcune considerazioni di natura fiscale, consapevoli che queste norme hanno una
durabilit pi o meno limitata; abbiamo indicato quelli che sono e dovrebbero rimanere i capisaldi in materia:
apertura della partita iva, redazione di una fattura, applicazione della ritenuta dacconto, il tutto con facili
esemplificazioni.
Consapevoli che non possibile fornire una esaustiva panoramica su queste informazioni informo i lettori che
il GIB, lAssociazione Giovani Ingegneri Bresciani, a Vostra disposizione per ogni necessit in merito.
Scopo dellAssociazione infatti quello di creare un ponte ideale tra lUniversit ed il mondo del lavoro,
fornendo nella misura del possibile tutte quelle informazioni di base che non sempre facile reperire.

Nellaugurarti buon lavoro,
ti ricordiamo che il GIB accetta contributi per migliorare la Guida e spera di annoverarti presto tra le file dei
soci attivi allo sviluppo dellAssociazione.

Il Presidente GIB
Ing. Ruggero Frusca


2. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia
La legge professionale del 1923 affida agli Ordini provinciali la tutela del titolo e dell'esercizio della professione
che si realizza, in primo luogo, mediante la tenuta dell'Albo cui ogni professionista (articolo 1, legge 25 Aprile
1938, n 897) deve necessariamente iscriversi se vuole esercitare la professione.
Il successivo D.P.R. 5 giugno 2001, n. 328 modifica la previgente struttura dell'Albo degli Ingegneri
dividendolo in sezioni e settori a seconda della formazione accademica e degli esami di Stato sostenuti
dall'iscritto. In particolare, la riforma degli ordinamenti professionali istituisce nellalbo professionale due
sezioni e tre settori, rispettivamente:
- la sezione A, cui si accede, previo esame di stato, con il titolo di laurea specialistica;
- la sezione B, previo esame di stato, con il titolo di laurea;
o il settore dellingegneria civile e ambientale;
o il settore dellingegneria industriale;
o il settore dellingegneria dellinformazione.
Gli iscritti appartengono a uno o pi settori sulla base della tipologia del corso di laurea frequentato e, bench
si assista talora ad alcune sovrapposizioni, tale suddivisione pare essere efficace.
Gli iscritti alla sezione A possono fregiarsi del titolo di dott. ing. o ing., mentre gli iscritti alla sezione B devono
utilizzare dott. ing. junior o ing. junior.
Attualmente, sono iscritti agli albi pi di 180.000 ingegneri; di questi alcuni svolgono attivit professionale in
forma autonoma, altri prestano la loro opera in forma dipendente presso Aziende o Enti pubblici e privati.

In tabella 1 si riportano alcune statistiche circa il numero di iscritti allOrdine degli Ingegneri della Provincia di
Brescia:

Iscritti al 31/10/2008 3834
di cui:
Uomini 3324
Donne 510
Tabella 1: Numero degli iscritti allOrdine degli Ingegneri della Provincia di Brescia al 30/10/2008.

Informazioni sintetiche:
Sede: via Cefalonia n.70 - Brescia.
Contatti: info@ordineingegneri.bs.it - tel: 030 2294.711 - fax: 030 2294.722
Orari di segreteria: dal luned al venerd, mattino: 09:00 - 12:00 pomeriggio: 14:30 - 18:00

Sommario del sito internet dellOrdine degli Ingegneri della Provincia di Brescia: www.ordineingegneri.bs.it





Sul sito dellordine sono presenti molteplici informazioni utili per il neo-ingengere. In particolare il sito presenta
le seguenti sezioni:
- albo: organizzato nelle due sezioni (A e B), presenta i dati di ogni iscritto. Notizie utili relative ai singoli
iscritti divisi nei vari elenchi (818, 494, Consulenti Tecnici, ecc.);
- lavoro: domande ed Offerte di lavoro, visualizzate per un periodo massimo di 60 giorni;
- servizi on-line: accesso on line alle banche dati ufficiali del Catasto, della Conservatoria, delle Camere di
Commercio e dellAci;
- notiziari: archivio di tutti i notiziari e pubblicati dall'Ordine degli Ingegneri dall'anno 2003;
- bandi: bandi di affidamento incarichi professionali che pervengono alla segreteria;
- news: in questa area sono presenti tutte le notizie di carattere professionale e di interesse locale, regionale
e nazionale;
- commissioni: Commissioni Consultive dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia - in carica dal
2006 al 2009;
- giovani: area dedicata alle attivit della Commissione Giovani e alle attivit sportive dellOrdine;
- corsi&convegni: in questa sezione vengono segnalati corsi e convegni organizzati dallOrdine e da altri
Enti e Organizzazioni;
- tariffa: leggi in vigore sul tema di tariffa professionale e norme di codice dentologico professionale;
- inarcassa: spazio riservato alle comunicazioni da parte del delegato allInarcata di Brescia e riepilogo delle
notizie principali provenienti dalla sede inarcassa;

- download: in questa sezione possibile scaricare tutta la modulistica dellOrdine (compresa la modulistica
per liscrizione allalbo), atti di corsi e convegni e materiale di vario tipo.
2.1. Come iscriversi
Liscrizione allOrdine degli Ingegneri subordinata al superamento dellesame di stato ed alla presentazione
dei seguenti documenti:
- domanda
1
indirizzata al Presidente dellordine, debitamente compilata con marca da bollo da 14,62 ;
- fotocopia carta didentit e codice fiscale;
- ricevuta versamento
2
168,00 Concessioni Governative
- ricevuta versamento
3
intestato Ordine degli Ingegneri di Brescia con causale quota annuale iscrizione;
- 2 fotografie formato tessera;
- modulo Cassa Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri (da ritirare presso la Segreteria dell'Ordine)
Allegati:
o fotocopia carta didentit;
o fotocopia apertura partita iva se inizia attivit di libero professionista;
o dichiarazione su carta intestata della ditta dove si certifica che si dipendente.

Liscrizione negli albi professionali obbligatoria per esercitare la professione ai sensi della Legge n897 del
25.04.38 e anche della R.D. del 23.10.1925 n2537. Tra le attivit per le quali essa obbligatoria si citano ad
esempio:
- progetto e direzione lavori di costruzioni civili e industriali per opere pubbliche o private in genere;
- progetto e direzione lavori di impianti e strutture;
- collaudo di costruzioni (per il collaudo statico richiesta unanzianit di iscrizione di almeno 10 anni);
- collaudo di impianti;
- richiesta di concessioni edilizie e D.I.A. (denuncia inizio attivit) per costruzioni e demolizioni;
- consulenza tecnica dufficio per il Giudice (C.T.U.).

1
si veda la modulistica riportata nella sezione download del sito www.ordineingegneri.bs.it.
2
C/C Postale n 8003 - Codice tariffa 8617 - Albi elenchi vari - Modalit Rilascio.
3
C/C postale N 19544253 o oppure sul C.C. bancario BANCO DI BRESCIA IBAN IT 60 S 03500 11235 000000015545.



3. Lassociazione dei giovani ingegneri bresciani (G.I.B.)
L'Associazione Giovani Ingegneri Bresciani nasce nell'Ottobre del 1994 dall'idea di alcuni giovani ingegneri di
differente estrazione professionale. Lo spirito base su cui si fonda questa Associazione di permettere
momenti di confronto e discussione fra i giovani ingegneri, e di fungere poi da cassa di risonanza per quei
problemi tipici della nostra professione (soprattutto per chi come i neo-laureati si appresta a muovere i primi
passi nel mondo della libera professione) verso le strutture che di volta in volta paiono coinvolte.

Stretto legame, seppur in completa autonomia, lega lassociazione G.I.B. con l'Ordine degli Ingegneri di
Brescia. Sono presenti nella Associazione differenti componenti professionali: dai liberi professionisti agli
ingegneri dipendenti di industrie private, dagli universitari a chi presta il proprio lavoro presso altre strutture
pubbliche (Comune, ASL, A2A, etc.).

Il GIB si riunisce periodicamente presso la sede dellOrdine degli ingegneri di Brescia di via Cefalonia n.70.
Sul sito possibile conoscere le date delle riunioni la cui partecipazione libera e a cui ogni neo-ingegnere
associato al GIB invitato a partecipare.
I commenti, le proposte e le domande dei nostri Associati saranno benvenute.

Informazioni sintetiche:
Sede: via Cefalonia n.70 - Brescia.
Contatti: info@gib.bs.it - tel: 030 2294.711 - fax: 030 2294.722
Orari di segreteria: dal luned al venerd, mattino: 09:00 - 12:00 pomeriggio: 14:30 - 18:00

Sommario del sito internet dellAssociazione Giovani Ingegneri Bresciani: www.gib.bs.it


3.1. Come iscriversi
Per iscriversi necessario collegarsi al sito web, scaricare il modulo presente sul sito in formato .pdf,
compilarlo e inviarlo/consegnarlo alla segreteria del GIB, in via Cefalonia 70 - Crystal Palace Brescia.
La quota di iscrizione di:
- 15 per i neo-iscritti;
- 30 per i soci effettivi (anni successivi a quello diella prima iscrizione).
Per regolarizzare la propria posizione associativa per l'anno in corso, si deve effettuare un bonifico bancario




del valore pari alla quota associativa, a favore del GIB, sul C.C. bancario n. 11324 - Banca S. Paolo di Brescia
- Ag. N. 8 - via Crocefissa di Rosa - codice ABI 3500 - CAB 11208 - IBAN IT42V0350011208000000011324.
3.2. Convenzioni attive
Di recente il GIB ha sottoscritto alcuni accordi che consentono di usufruire di agevolazioni nell'acquisto di beni
e servizi presso gli esecizi convenzionati.
Le convenzioni attualmente attive si possono visionare nella sezione servizi e convenzioni del sito internet
dellAssociazione.
3.3. LOrdine degli ingegneri e il G.I.B.
LOrdine Provinciale e lAssociazione Giovanile collaborano in sinergia a favore dei colleghi pi giovani:
molteplici sono le iniziative di carattere formativo organizzate nel corso dellanno.
LOrdine Provinciale ha sempre avuto uno sguardo attento alle problematiche giovanili, interpretate nel limite
del possibile dalla Associazione GIB, e in collaborazione con la stessa mette a disposizione risorse logistiche
ed economiche per la realizzazione di percorsi introduttivi alla professione massimamente rivolti ai neolaureati.
Da molti anni lOrdine ed il GIB promuovono un CORSO PROPEDEUTICO ALLA PROFESSIONE nel corse
del quale si cerca di spaziare nei molteplici ambiti lavorativi in cui lingegnere pu operare, fornendo
informazioni basiche sulle modalit di approccio e sviluppo di queste professionalit.
Lattenzione indirizzata sia verso i colleghi che scelgono la libera professione, sia che svolgano la
professione in ambiti aziendali, ed aperta a tutte le professionalit nuove o tradizionali che risiedono sotto il
titolo di ingegnere.
3.4. Il GIB e le altre associazioni professionali giovanili
Il GIB membro attivo dellAssociazione Giovani per un progetto che raccoglie le principali realt associative
professionali giovanili della Provincia di Brescia.
Scopo principale dellAssociazione Giovani per un progetto la creazione di un tavolo di discussione e di
confronto tra realt professionali diverse ma con problematiche accomunate dallingresso del mondo del
lavoro.
Il GIB infine promotore di iniziative culturali e ricreative per la costruzione di relazioni personali con altri
membri della stessa associazione e di anche altre associazioni.


4. La libera professione
Nei paragrafi che seguono si evidenziano i principali adempimenti burocratici e fiscali che possono essere utili
a chi si appresta ad affacciarsi al mondo della libera professione.
4.1. Alcuni termini tecnici
Ecco a questo punto alcuni termini tecnici con cui dover familiarizzare:
compensi: importo degli onorari, rimborsi spese, diritti, ecc. rilevanti ai fini IRPEF;
- contributo integrativo INARCASSA: (ATTUALMENTE AL 2%) una maggiorazione obbligatoria del
compenso;
- imponibile IVA nelle fatture emesse: compenso + CONTRIBUTO INTEGRATIVO su cui si applica lIVA;
- termine di fatturazione: la fattura deve essere emessa al pi tardi al momento dellincasso;
- fatturato o volume daffari: totale imponibile IVA dellanno solare;
- IVA esigibile: imposta applicata nelle fatture emesse e dovuta dal contribuente (ATTUALMENTE 20%);
- IVA detraibile: imposta subita dal contribuente sulle fatture di acquisto, scomputabile da quella esigibile (vi
sono tuttavia diversi casi di indetraibilit oggettiva dellIVA);
- liquidazione IVA: calcolo periodico (mensile o trimestrale) dellIVA da versare (esigibile-detraibile in base ai
documenti classificati per data di emissione e ricevimento);
- componenti negativi di reddito: spese, costi, oneri deducibili ai fini IRPEF in base al DPR 917/86;
- reddito: differenza tra compensi e componenti negativi su cui si applicano le imposte dirette (IRPEF e
relative addizionali; IRAP) nonch i contributi previdenziali a carico delliscritto;
- criterio di cassa: il reddito di lavoro autonomo determinato quale differenza tra i compensi percepiti ed i
costi pagati nellanno solare (salvo alcune eccezioni);
- IRPEF: imposta sul reddito delle persone fisiche, calcolata sulla sommatoria di tutti i redditi posseduti;
aumenta per scaglioni al crescere del reddito complessivo;
- ritenuta dacconto IRPEF: prelevata alla fonte (attualmente 20% del compenso) dal committente che non
sia un privato cittadino e viene scomputata dallIRPEF dovuta in sede di dichiarazione annuale;
- contabilit: sistema obbligatorio di registrazioni di compensi, costi, IVA esigibile e detraibile;
- modello UNICO: dichiarazione unificata annuale per redditi, IVA, IRAP (obbligatoria per tutti);
- trasmissione telematica: modalit obbligatoria di presentazione del modello UNICO;
- F24: modello di versamento da utilizzare per tutte le imposte afferenti lattivit, con modalit on-line;
- sostituto dimposta: colui che, in possesso di partita IVA-codice fiscale, eroga redditi di lavoro ad altri
soggetti ed tenuto ad operare la ritenuta dacconto IRPEF;
- studi di settore: sistema di controllo fiscale di congruit dei compensi dichiarati in rapporto alla natura e
modalit dellattivit svolta, ai costi sostenuti e ad altri parametri dimensionali e qualitativi.
4.2. Apertura della partita IVA e della posizione INARCASSA

Agenzia delle Entrate - modulistica
LIngegnere che svolge lattivit professionale in forma
abituale e senza vincolo di subordinazione con il proprio
committente ha lobbligo di aprire Partita Iva. Il numero di
Partita Iva si richiede presentando allAgenzia delle Entrate,
entro 30 giorni dallinizio dellattivit, il modello AA9/9
(prelevabile dal sito www.agenziaentrate.gov.it).


Il numero di Partita Iva dovr essere indicato nelle dichiarazioni fiscali, nella home-page del sito web e in ogni
altro documento di natura fiscale.





Inarcassa - modulistica
L'ingegnere iscritto allalbo, titolare di Partita Iva, non
assoggettato ad altra forma di previdenza obbligatoria,
deve iscriversi ad Inarcassa (ente pubblico per la
previdenza e l'assistenza degli Ingegneri ed Architetti liberi
professionisti). La contribuzione basata su versamenti
obbligatori, calcolati principalmente in percentuale sul
reddito.
4.3. Fisco e contributi
Il reddito professionale: Il reddito dellIngegnere si determina, in linea di massima, deducendo dai compensi
percepiti nell'anno le relative spese (esempio: acquisto di carburante, spese di cancelleria, etc.). Eccezioni a
tale principio sono ad esempio le quote di ammortamento dei beni ammortizzabili (esempio: acquisto
autovettura, strumentazione professionale, etc.).
Le spese sono deducibili solo se effettivamente sostenute, cio pagate nell'anno, documentate ed inerenti
l'esercizio della professione, con dei limiti fissati dalla legge per alcune spese (alberghiere, di rappresentanza,
automobili, immobili, telefonini, ).

LIva: LIngegnere, per le proprie prestazioni, emette fattura addebitando al cliente lIva al 20%. Al termine di
ogni trimestre, attraverso la liquidazione dellIva, egli versa la differenza tra l'Iva incassata dai clienti (Iva a
debito) e l'Iva pagata ai fornitori (Iva a credito).
La ritenuta dacconto: Le fatture emesse nei confronti di un soggetto titolare di partita Iva (esempio n. 1)
sono soggette a ritenuta dacconto (anticipo sullIrpef calcolata in sede di dichiarazione annuale). Le fatture
emesse nei confronti di un privato non sono soggette a ritenuta dacconto (esempio n. 2) in quanto il privato
non sostituto dimposta.

Esempio n. 1:
FATTURA CON RITENUTA DACCONTO
(verso titolari di Partita IVA)
Prestazioni professionali Euro 1.000,00
Contributo Inarcassa 2% (*) Euro 20,00
Imponibile Euro 1.020,00
Iva al 20% (su 1.020,00) Euro 204,00
Totale fattura Euro 1.224,00
Ritenuta dacconto 20% Euro 200,00
Netto a pagare Euro 1.024,00
(*) = non si applica tra iscritti a INARCASSA
Esempio n. 2:
FATTURA SENZA RITENUTA DACCONTO
(verso privati, ovvero non titolari di Partita IVA)
Prestazioni professionali Euro 1.000,00
Contributo Inarcassa 2% (*) Euro 20,00
Imponibile Euro 1.020,00
Iva al 20% (su 1.020,00) Euro 204,00
Totale fattura Euro 1.224,00



(*) = non si applica tra iscritti a INARCASSA

La scelta del regime contabile: Il regime contabile determina le formalit da osservare per essere in regola
con il fisco e per calcolare il reddito dellanno. I principali regimi contabili sono il regime ordinario (contabilit
semplificata), il regime per le nuove iniziative (forfettino) ed il regime dei minimi.

La scelta e la conseguente adozione di uno di essi da valutare caso per caso.

Il contributo ad Inarcassa: lIngegnere, per tutte le prestazioni fatturate (ad eccezione nei confronti di altri

ingegneri, architetti e societ di ingegneria) deve versare ad Inarcassa il contributo integrativo pari al 2% della
prestazione. Egli ha facolt di addebitarlo in fattura ai propri committenti.


4.4. Indicazioni circa disciplinari e parcelle
Per chiarezza nei rapporti professionali, buona norma, quali che siano le prestazioni da svolgere ed il
committente, stipulare un contratto o disciplinare di incarico sottoscritto dalle parti.
Nel disciplinare vanno precisati senza possibilit di equivoco almeno i seguenti punti:
- il nome del committente e del professionista incaricato,
- loggetto dellincarico precisando le prestazioni da svolgere facendo riferimento alle tariffe professionali, ove
esistenti (L. 143/1949 per lavori privati e D.M. 04/04/2001 per committenza pubblica),
- i tempi di svolgimento dellincarico o delle singole fasi costituenti lincarico;
- il calcolo dellonorario professionale, sempre con riferimento alle tariffe professionali vigenti, ove esistenti;
- le modalit e i tempi di pagamento dellonorario.

Alcuni disciplinari tipo sono pubblicati da societ editoriali specializzate, acquistabili anche tramite internet.


5. La cassa previdenziale per Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti
Liscrizione ad INARCASSA destinata alla tutela previdenziale degli ingegneri ed architetti che svolgono la
libera professione e non godono di altra copertura assicurativa, l'iscrizione a Inarcassa non n facoltativa,
n volontaria, bens costituisce un obbligo che insorge al verificarsi di condizioni oggettive, date dal possesso
di specifici requisiti.

Devono iscriversi ad Inarcassa gli Ingegneri che possiedono contemporaneamente i seguenti tre requisiti:

1. iscrizione all'Ordine individuale o di associazione professionale;
2. possesso di partita IVA o di societ di professionisti;
3. non assoggettamento ad un'altra forma di previdenza obbligatoria.

Attenzione: se interviene un rapporto di lavoro dipendente, deve darne comunicazione ad Inarcassa
allegando un'attestazione del datore di lavorodalla quale risulti la data di assunzione. Per lo stesso motivo se
svolgo delle supplenze a scuola, diventando dipendente statale, devo darne comunicazione tempestiva ad
Inarcassa. La perdita di questo requisito comporta la cancellazione dai ruoli di Inarcassa.

Nel caso in cui si chiuda la partita IVA, occorre inviare ad Inarcassa il certificato di cessazione rilasciato
dall'Ufficio IVA. La perdita di questo requisito comporta la cancellazione dai ruoli di Inarcassa.

La contribuzione previdenziale basata su versamenti obbligatori, calcolati in percentuale sui redditi prodotti
dai professionisti; sono comunque dovuti dei contributi minimi in misura fissa, indipendentemente dal reddito e
dal volume di affari.

Tre sono i tipi di contribuzione:
- quella di tipo soggettivo, a cui sono tenuti solo gli iscritti ad Inarcassa, si calcola, in ragione percentuale,
sulla base del reddito professionale netto dichiarato ai fini I.R.P.E.F.;
- quella di tipo integrativo cui sono tenuti, oltre agli iscritti, anche tutti i soggetti non iscritti perch non liberi
professionisti, ma titolari di Partita Iva, si calcola, in ragione percentuale, sulla base del volume di affari
dichiarato ai fini IVA;
- quella di maternit, che un contributo di solidariet a carico di tutti gli iscritti per la copertura delle
prestazioni (indennit di maternit) erogate alla professionista iscritta alla cassa.

Il contributo integrativo dovuto anche dai dipendenti in possesso di partita IVA (che essendo dipendenti non
sono iscritti ad Inarcassa). Tali professionisti devono versare in unica soluzione il contributo integrativo
sul volume d'affari dichiarato ai fini IVA (pari al 2%).

RIDUZIONI E AGEVOLAZIONI PER I GIOVANI PROFESSIONISTI.

I giovani con meno di 35 anni e che si iscrivono per la prima volta hanno diritto, per i primi tre anni solari di
iscrizione, alla riduzione ad un terzo dei contributi minimi.
Per quanto riguarda il conguaglio del contributo soggettivo, la riduzione della met con le percentuali del 5%
(anzich 10%) del reddito professionale fino a quanto stabilito annualmente da Inarcassa e dell'1,5%
(anzich del 3%) sulla parte eccedente.

Attenzione: se si effettuata anche una sola supplenza, si diventa dipendenti statali e si cambia il regime
previdenziale perdendo tutte le riduzioni ed agevolazioni.
Possono richiedere lindennit di maternit le libere professioniste che risultino iscritte ad Inarcassa per lintero
periodo cui lindennit stessa si riferisce o che comunque siano in possesso dei requisiti per liscrizione.

E prevista la facolt di riscattare gli anni del corso legale di laurea; necessario essere iscritti al momento



della domanda e avere almeno 5 anni di iscrizione e contribuzione.

Il riscatto si pu estendere al massimo a 5 anni poich tale la durata del corso legale di laurea, ossia posso
riscattare anche parzialmente, fino ad un massimo di 5 anni. I 5 anni possono per comprendere anni fuori
corso.

Se durante il corso di laurea si stati saltuariamente studenti lavoratori si possono riscattare esclusivamente i
periodi per i quali non risultano
versati contributi previdenziali dal datore di lavoro.

Il riscatto degli anni di laurea oneroso.

L'iscritto pu chiedere la ricongiunzione presso Inarcassa di tutti i contributi versati presso altri enti di
previdenza. La ricongiunzione non pu essere parziale ed , generalmente, onerosa.

Informazioni sintetiche:
Sede: via Salaria n.229 - Roma.
Contatti: 06.85274330 - numero verde 800.248464

Sommario del sito internet della Cassa previdenziale per Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti:
www.incarcassa.it. Presso il sito possibile recuperare tutta la modulistica e approfondire le informazioni.




6. Il sindacato provinciale ingegneri e architetti liberi professionisti
Il Sindacato Nazionale Ingegneri Liberi Professionisti nasce il 28 Aprile 1950 a Napoli e muove i primi passi
sotto la Presidenza dellIng. Gaetano Del Pezzo.
Il sindacato opera essenzialmente secondo due linee di azione: una a carattere nazionale finalizzata a grandi
temi di attualit (in particolare allo stato attuale il sindacato nazionale, oltre ad occuparsi della riorganizzazione
interna, si sta occupando di riforma delle professioni, formazione permanente, professione e tariffe); laltra a
carattere provinciale volta essenzialmente alla formazione dei propri iscritti e allottenimento di facilitazioni
nellesercizio della propria attivit. Numerosi sono i corsi organizzati dai Sindacati Provinciali o in
collaborazione con essi e numerosi gli sconti e le convenzioni sottoscritte.

Recentemente stato realizzato il sito internet di InArSind (www.inarsind.it), nel tentativo di promuovere e far
conoscere loperato del sindacato nazionale. E inoltre attivo un forum di discussione inerente le problematiche
di maggior interesse al quale possibile partecipare previa iscrizione (http://forum.inarsind.it).
InArSind_Bs intende proseguire l'attivit "locale" e "nazionale" seguendo il percorso gi tracciato negli anni
scorsi che ci ha portato a diventare, in termini numerici, il secondo sindacato provinciale d'Italia.

Informazioni sintetiche:
Sede: via via Cefalonia, 70 - Brescia.
Contatti: tel. 030 22 94 711 fax 030 22 74 922 mail info@inarsind.com

Sommario del sito internet del Sindacato provinciale per Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti:
www.inarsind.com


6.1. Rapporti con gli Ordini Professionali
InArSind_Bs intende proseguire i rapporti di ampia collaborazione, pur nell'ambito delle rispettive competenze,
con gli Ordini Professionali e finalizzati alla sensibilizzazione sui temi cari ai liberi professionisti, anche
attraverso l'organizzazione congiunta di iniziative, oltre ad offrire un fattivo contributo nella gestione degli
Ordini stessi.
Pertanto nessuna "linea di demarcazione", ma reciproco riconoscimento delle funzioni di rappresentanza,
seppur con differenti specificit e ruoli. InArSind_Bs convinto che vi siano margini operativi e rappresentativi
ben evidenti pur in presenza degli Ordini, che ritiene strumenti indispensabili di rappresentanza dell'intera
categoria degli ingegneri e degli architetti in merito ad alcune problematiche comuni. Tra queste sicuramente
rientrano quelle attinenti alla tutela della collettivit mediante l'accertamento della qualit del professionista e il
controllo deontologico del suo comportamento, oltre che del suo aggiornamento professionale.
A differenza di ci, l'azione del sindacato rivolta alla tutela degli interessi dei soli liberi professionisti.









S v i l u p p o G i o v a n i T a l e n t i

Skill affianca le organizzazioni nella gestione delle risorse umane
offrendo servizi finalizzati alla crescita del capitale intellettuale delle
imprese ed in grado di creare valore, generare efficienza e valorizzare le
risorse.

Skill nasce come societ di ricerca e selezione di personale qualificato
con forte specializzazione nel reperimento e selezione di profili medio
alti. Integra lattivit rivolta a Professional e Manager con la ricerca di
giovani laureati ad elevato potenziale che si rivolgono per la prima
volta al mondo del lavoro.

I giovani potranno trovare in Skill consulenti esperti in grado di
orientare la scelta del primo impiego ed avranno la possibilit di vedere
velocemente concretizzate le loro aspettative ed attese.

Opportunit in corso:

Project leader
Il nostro cliente un importante gruppo industriale bresciano con
numerosi siti produttivi all'estero. Ricerca un giovane ingegnere
meccanico cui affidare una nuova linea di business (attrezzature e
supporti aggiuntivi alle presse). Sar chiamato ad effettuare analisi
di fattibilit in termini progettuali/economici e produttivi.
La posizione sar propedeutica ad una futura direzione di
produzione/ stabilimento.
Sede di lavoro: Zingonia (BG) in un secondo tempo Brescia.

Ingegnere informatico
Il nostro Cliente unimportante consulting appartenente ad un
gruppo quotato al segmento Star alla Borsa di Milano, leader
italiano nella progettazione di applicativi dedicati al settore Finance.
In un progetto di sviluppo della sede di Brescia, ci ha incaricati di
ricercare Giovani per attivit di sviluppo e programmazione con
linguaggi Java, C#, C++.

Ingegnere gestionale
Per lufficio acquisti di importante azienda operante nell auto
motive ricerchiamo un giovane ingegnere con buona conoscenza
della lingua inglese.
L'inserimento legato allo sviluppo di un nuovo prodotto (pompa
elettrica a comando elettronico) ed alla conseguente ricerca di nuovi
fornitori, prevalentemente esteri, sia di materie prime che di
semilavorati.

Ingegnere gestionale
L'azienda nostra cliente un'importante societ di costruzioni con
sede in Brescia.
Ci ha incaricato di selezionare un giovane ingegnere, anche di primo
impiego, cui affidare limplementazione del controllo di gestione.

Le presenti selezioni sono attive dal novembre 2008.
Per ulteriori e future opportunit consultare il sito
www.skillrisorseumane.it
Via Orzinuovi, 20 - 25125 Brescia
Telefono 030 3533927
Fax 030 3550147
P.I. 03497170179 -
info@skillrisorseumane.it