Sei sulla pagina 1di 111

AgendaDigitaleLombarda

TrendAnalysis

Acuradi:
RegioneLombardia
DirezioneCentraleSemplificazioneeDigitalizzazione
UnitOrganizzativaInnovazioneeDigitalizzazione
StrutturaSviluppodellaCRSedeiServiziDigitali
Responsabile:DirettoreGeneralePaoloMora
Coordinamentolavori:GabrieleDiNardoeOscarSovani
LombardiaInformaticaS.p.A.
PresidenzaProgettodiRicercaeInnovazione
Responsabile:VicepresidenteAlbertoDapr
Coordinamentolavori:DanieleCrespiePaoloTacchino

Redazione:
GiovanniDAngelo,FerdinandoFerrari,MonicaMussettieRiccardoScuteri
DirezioneCentraleSemplificazioneeDigitalizzazione
AntoninoDAmicoeAndreaMigliavacca(consulente)
LombardiaInformaticaS.p.A.
RobertoBoselli
LaboratoriodiRicercaITLab2.0

Siringrazianoinoltre:
AndreaDeFr
DirezioneCentraleOrganizzazione,Personale,PatrimonioeSistemaInformativo
ElenaInamaeMariaLuisaDagnino
DirezioneCentraleProgrammazioneIntegrata
LauraBari
DirezioneCentraleRelazioniEsterne,InternazionalieComunicazione
GianlorenzoMartinieFabrizioGentili
PresidenzaDelegazionediBruxelles
PaolaColetti
upolisLombardia
MaurizioBrioschieMassimilianoColombo
CEFRIEL

AgendaDigitaleTrendAnalysis
i

Sommario
1 Abstract................................................................................................................................................1
2 Introduzione.........................................................................................................................................2
3 Metodologia.........................................................................................................................................3
4 NecessitdiunAgendaDigitale...........................................................................................................4
4.1 PerchunAgendaDigitale?.......................................................................................................4
4.2 Economiadigitale:cosasuccedeinEuropa................................................................................6
4.3 AgendaDigitaleEuropea............................................................................................................9
4.4 Altreagendedigitali.................................................................................................................11
5 InteroperabiliteStandard................................................................................................................16
5.1 Trendsocioculturali.................................................................................................................16
5.1.1 Internetdellecose.......................................................................................................16
5.2 Trendtecnologici......................................................................................................................17
5.2.1 CloudComputing.........................................................................................................17
5.2.2 Standardperlinteroperabilit....................................................................................19
5.2.3 TecnologieRFID...........................................................................................................21
5.2.4 QRCode.......................................................................................................................22
5.3 Esempi......................................................................................................................................24
5.3.1 ProgettoICAR..............................................................................................................24
5.3.2 IdPC..............................................................................................................................25
5.3.3 STORK..........................................................................................................................26
5.3.4 DigiCamere..................................................................................................................26
6 Patrimonioinformativopubblico.......................................................................................................27
6.1 Trendsocioculturali.................................................................................................................27
6.1.1 Consapevolezzaassetinformazionipubbliche............................................................27
6.1.2 eGov2.0eOpenGovernment...................................................................................27
6.2 Trendtecnologici......................................................................................................................29
6.2.1 OpenData....................................................................................................................29
6.2.2 Web3.0.......................................................................................................................30
6.3 Esempi......................................................................................................................................31
7 RicercaeInnovazionenellICT............................................................................................................33
7.1 Trendsocioculturali.................................................................................................................34

ii
AgendaDigitaleTrendAnalysis

7.1.1 OpenSource................................................................................................................34
7.1.2 Greeneconomy...........................................................................................................37
7.1.3 Crowdfunding.............................................................................................................37
7.2 Trendtecnologici......................................................................................................................38
7.2.1 GreenIT.......................................................................................................................38
7.2.2 SmartGrid....................................................................................................................40
7.2.3 Ubiquitouscomputing.................................................................................................42
7.3 Esempi......................................................................................................................................42
7.3.1 Smartgrid:IREDelesempiodiENEL..........................................................................42
7.3.2 EROSS...........................................................................................................................44
7.3.3 OSOR............................................................................................................................44
7.3.4 Ilcrowdfunding:esempidallaRete............................................................................44
7.3.5 Crowdfundingperfinanziareprogettidiricerca.........................................................44
7.3.5.1 Crowdfundingperlaproduzionedialbummusicali....................................45
7.3.5.2 Crowdfundingperlaproduzionediprodottisoftware................................46
7.3.5.3 Crowdfundingperprogettiinpaesiinviadisviluppo..................................46
7.3.5.4 Crowdfundingperfinanziarecausebenefiche.............................................47
7.3.5.5 Crowdfundingperilgiornalismo..................................................................47
7.3.5.6 Crowdfundingperfinanziarecampagnepolitiche.......................................48
8 DigitalDivide.......................................................................................................................................49
8.1 Trendsocioculturali.................................................................................................................50
8.1.1 Invecchiamentodellapopolazione..............................................................................50
8.1.2 Popolazionestraniera..................................................................................................50
8.2 Trendtecnologici......................................................................................................................52
8.2.1 ImportanzadellaBandaLarga.....................................................................................52
8.2.2 Bandalargamobile......................................................................................................59
8.2.3 BandaUltraLarga........................................................................................................60
8.2.4 EsperienzeinEuropa...................................................................................................60
8.2.5 eLearning,weblearning..............................................................................................62
8.3 Esempi......................................................................................................................................63
8.3.1 PianodazioneperlabbattimentodeldigitaldivideinRegioneLombardia...............63
8.3.1.1 Accordoconglioperatoriditelecomunicazioni............................................63

AgendaDigitaleTrendAnalysis
iii

8.3.1.2 BandoregionaleBandalarga22marzo2005.........................................64
8.3.1.3 ProtocollodiriprogrammazioneerimodulazionedellADPQSociet
dellInformazioneinLombardia3ATTOINTEGRATIVOsottoscrittoda
RLconMISE,GovernoeCNIPA(oraDigitPA)................................................64
8.3.1.4 Bandopubblicoperladiffusionediserviziabandalarganelleareein
digitaldivideedinfallimentodimercatoinRegioneLombardiaMaggio
2010..............................................................................................................66
8.3.2 ProgettodiinfrastrutturazioneperlaBandaUltraLarga(BUL)inRegioneLombardia
67
8.3.3 PiattaformedieLearning,weblearning......................................................................68
8.3.4 ELDY.............................................................................................................................68
8.3.5 Scuola..........................................................................................................................69
8.3.6 Canaliuniversitaritematici..........................................................................................71
9 CittadinanzaDigitale...........................................................................................................................73
9.1 Trendsocioculturali.................................................................................................................73
9.1.1 Personaprotagonista..................................................................................................73
9.1.2 eDemocracy................................................................................................................74
9.1.3 OpenGovernance........................................................................................................75
9.1.4 Collaborazione.............................................................................................................75
9.1.5 Crowdsourcingneiprocessidiedemocracy...............................................................76
9.2 Trendtecnologici......................................................................................................................77
9.3 CrowdComputing.....................................................................................................................77
9.4 Esempi......................................................................................................................................78
9.4.1 eDemocracy................................................................................................................78
9.4.2 IniziativediCrowdsourcing.........................................................................................80
10 Servizidigitali......................................................................................................................................82
10.1 Trendsocioculturali.................................................................................................................82
10.1.1 eCommerce................................................................................................................82
10.1.2 eMobile......................................................................................................................83
10.1.3 Impresa2.0..................................................................................................................86
10.1.4 Smartcities..................................................................................................................87
10.1.5 SistemidiTrasportoIntelligenti..................................................................................88
10.1.6 EditoriaDigitale...........................................................................................................90

iv
AgendaDigitaleTrendAnalysis

10.1.7 StrategiedieHealth:latelemedicina.........................................................................91
10.2 Trendtecnologici......................................................................................................................92
10.2.1 SISS2.0.........................................................................................................................94
10.2.2 TecnologieNFC............................................................................................................95
10.3 Esempi......................................................................................................................................96
10.3.1 Lombardia2.0..............................................................................................................96
10.3.2 UtilizzoCRSinambitoscolastico.................................................................................97
10.3.3 Consip..........................................................................................................................97
10.3.4 EnergyClustereprogettoElios...................................................................................98
10.3.5 iCliniceHealthpresence.............................................................................................98
10.3.6 LeCommerce:lesempiodiYoox.com.......................................................................99
11 Bibliografiaesitografia.....................................................................................................................100
12 Allegato:analisidibenchmarkingdellestrategiedigitali.................................................................104

AgendaDigitaleTrendAnalysis
v

Indicedellefigure
Figura1SearchVolumeindexperkeywords:"digitalagenda".Fonte:GoogleTrends...........................4
Figura2Famiglieconaccessoallabandalarga,2009.Fonte:OCSE........................................................12
Figura3Abbonamentiallabandalargasumobileper100abitanti,Giugno2010.Fonte:OCSE............13
Figura4SpesainRicercaeSviluppoperICTinspecificisettori,2008.Fonte:OCSE...............................14
Figura5DiagrammalogicodiunareteCloudComputing.Fonte:Wikipedia..........................................18
Figura6Cloudcomputing:collocazioneazienderispettoallatipologiadiservizioofferto....................19
Figura7AdozionedeglistandardICTneisettoriconsideratinellaeBusinessSurvey2008...................21
Figura8Stimeconsumienergeticimondiali,scenarioA.Fonte:GIPC....................................................39
Figura9Stimeconsumienergeticimondiali,scenarioB.Fonte:GIPC....................................................40
Figura10Stimeconsumienergeticimondiali,scenarioC.Fonte:GIPC..................................................40
Figura11LogoCancerResearchUK.........................................................................................................45
Figura12LogoSciFlies..............................................................................................................................45
Figura13LogoSellaBand........................................................................................................................46
Figura14LogoKiva..................................................................................................................................47
Figura15Logospot.us.............................................................................................................................47
Figura16Aspettativadivitaallanascita(anni).Fonte:WorldBankGroup............................................50
Figura17Tassonettodimigrazione(per1000abitanti),Italia.Fonte:OCSEFactbook2010.................51
Figura18PopolazionestranieraresidenteinLombardia.Fonte:ISTAT..................................................51
Figura19GradodipenetrazionedellabandalargaePILprocapite.Fonte:OCSE.................................54
Figura20Gradodidiffusionedell'accessoallabandalarganellefamiglie.Fonte:OCSE........................54
Figura21Gradodidiffusionebandalarganelleaziendeconpidi10dipendenti,Italia.Fonte:OCSE.55
Figura22CoperturanettabandalargaeDigitalDivideperRegionid'Italia.Fonte:RIIR........................57
Figura23Numerodiabbonamentibandalargapertecnologia,Italia2010.Fonte:OCSE.....................59
Figura24LogoELDY.................................................................................................................................69
Figura25CopertinerivistaTIME,dicembre1982edicembre2006........................................................73
Figura26SitointernetYourVoiceinEurope...........................................................................................78
Figura27SitointernetEuropeanCitizens'Consultations........................................................................79
Figura28SitointernetOrganizingforAmerica........................................................................................80
Figura29Previsionitrafficomondialedatisumobile.Fonte:InformaTelecomsandMedia,2010.......84

IndicedelleTabelle
Tabella1Principalirisultatidell'iniziativai2010........................................................................................7
Tabella2Areed'interventodell'AgendaDigitaleEuropea......................................................................10
Tabella3EU27eSkillsranking.Fonte:eSkillsforthe21stCentury......................................................15
Tabella4Alcunistandardperl'interoperabilit.......................................................................................21
Tabella5ModellidiserviziodellaPubblicaAmministrazione.Fonte:Deloitte2000..............................28
Tabella6Ladiffusionedell'OpensourcenellaPAlocaleitaliana............................................................35

AgendaDigitaleTrendAnalysis
1

1 Abstract
La definizione di unAgenda Digitale Lombarda va necessariamente inserita nel contesto storico (cfr.
Retrospective Analysis), deve affrontare le sfide e dare risposte alle necessit di oggi, ma deve
soprattutto guardare al futuro, considerando quelle che nei prossimi anni saranno le esigenze sociali e gli
strumentitecnologicimessiadisposizionedalmercatoglobale.QuestaTrendAnalysissiproponequindi
di guardare al futuro, avvalendosi delle analisi fatte da illustri istituti quali Accenture, BCG, Deloitte,
Gartner, World Bank etc., con la lente del tessuto sociale, culturale ed imprenditoriale lombardo,
cercandoditenerebenpresentecicheaccadeinItaliaenelrestodelmondo.
Questa Trend Analysis stata realizzata evidenziando i trend socioculturali, i trend tecnologici e alcuni
esempidiprogettualitgiavviatepervalorizzareleprincipaliareeobiettivodellICTlombarda:
Interoperabilitestandard;
Patrimonioinformativopubblico;
RicercaeinnovazionenellICT;
DigitalDivide
1
;
Cittadinanzadigitale;
Servizidigitali.
stato quindi osservato che le persone e le imprese esprimono una domanda sempre pi crescente di
accesso a reti ad alta velocit, sia da apparati fissi, sia mobili; a tale accesso si associa poi quello al
patrimonio dei dati e dei servizi messi a disposizione dalla Pubblica Amministrazione. Il contributo che
cittadinieimpresepossonodarenellarealizzazioneenellagestionediservizipubblici,oltreadeterminare
unmiglioresfruttamentodeldenaropubblico,rendetaliservizitagliatisumisurarispettoalleesigenzedei
loro estensori e diventa quindi un fattore di crescita essenziale per leconomia lombarda. Daltro canto,
fenomenicomelOpenData,ilsemanticweb,sonoormaiinviadiconsolidamentoalivellointernazionalee
pongonounasfidadecisivasullastradadellarealizzazionedellasocietdellinformazione.
La riduzione del cosiddetto Digital Divide, la semplificazione degli strumenti di accesso alla conoscenza, la
possibilit di accrescere il patrimonio conoscitivo personale e la disponibilit di strumenti che facilitano la
crescita del capitale umano sono un fattore chiave di successo per lo sviluppo economico e sociale della
Regione, mentre la crescita esponenziale dei sistemi di formazione online innalza il livello della
competizionesullaconoscenza.
Sempre pi i termini ricerca e conoscenza si connotano di capacit collaborativa nellambito delle
tecnologie ICT. La capacit dellICT di essere motore di sviluppo e acceleratore della crescita un dato
ormai assodato. Lo svilupparsi e il diffondersi di embedded computer in grado di dialogare tra loro, di
tecnologie a sostegno dello sviluppo collaborativo e diffuso, di modelli di Impresa 2.0 accelerano la
competizione ed ampliano lo spettro delle competenze necessarie per operare con successo sul mercato
europeoeglobale.

1
PerDigitalDividesiintendeildivarioesistentetrachihaaccessoeffettivoalletecnologiedellinformazioneechineescluso,in
modo parziale o totale. Oltre a indicare il divario nellaccesso reale alle tecnologie, la definizione include anche disparit
nellacquisizionedirisorseocapacitnecessarieapartecipareallasocietdellinformazione.

2
AgendaDigitaleTrendAnalysis

2 Introduzione
Ilpresentedocumentointendeevidenziareirisultatidellanalisi,svoltadaunappositoGruppodiLavoro,
sullevoluzione e sullorientamento del settore Tecnologie dellInformazione e Comunicazione (ICT) e i
suoisviluppiallinternodellaPubblicaAmministrazione.
I trend socioculturali e tecnologici che emergono vanno inquadrati allinterno dello scenario
internazionale ed europeo, dove lICT ha assunto un ruolo chiave per superare la crisi economica ed
occupazionaledegliultimiannieaffrontarelesfidedelprossimodecennio.
Lanalisi inizia con la descrizione del contesto attuale, con particolare attenzione alle scelte adottate
dallUnioneEuropea.TralesetteiniziativefaroindividuatedallaStrategiaEuropa2020vienefattoun
approfondimento sullAgenda Digitale Europea che ha come obiettivo prioritario il miglioramento delle
condizionisocioeconomichemediantelutilizzodelletecnologiedellinformazioneecomunicazione.
DaquilariflessionesullastrategicitperRegioneLombardiadidotarsidiunapropriaAgendaDigitalein
considerazione delle pi recenti tendenze che stanno modificando lo scenario dellagire politico e che
concorrono allaffermarsi della teorizzazione di una nuova societ fondata sullinformazione e sulla
conoscenza.
I paragrafi successivi descrivono i trend socioculturali e i trend tecnologici, seguiti da alcuni esempi di
successo, sulla base delle aree obiettivo dellazione regionale; in tal senso alcune sfide sociali chiave in
cui le ICT verranno utilmente impiegate sono: invecchiamento della popolazione, healthcare,
cambiamenticlimatici.
ParticolarerilevanzaassumeiltemadellosviluppodellInternetEconomyedeiservizidigitali;lInternet
Economyhaunimpattodirettosulleconomiaitalianaparia31,5Miliardidieuro,equivalenteal2%del
PIL:unvalorepraticamenteallineatoasettoriimportantiqualiAgricolturaedUtilitiesepigrandedella
Ristorazione.Siprevedecheentroil2015ilvaloredellInternetEconomysarpicheraddoppiato(BCG
2011).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
3

3 Metodologia
Il presente documento fornisce una visione dei trend socioculturali e tecnologici in atto diffusamente nei
PaesiOCSE
2
echesiritieneabbianounapotenzialerilevanzasullesceltestrategichedaprendereinambito
ICT.InoltresivuolestimolarelariflessionesullastrategicitperRegioneLombardiadidotarsidiunAgenda
DigitaleeindividuareitrendpiutilipercapiredovestannoandandolealtrePubblicheAmministrazionie
comestianoinnovandoipropriservizidibackofficeedifrontofficealcittadino,assecondandoeinalcuni
casispingendoversoinnovativemodalitdigestione,comunicazioneederogazionedeiServiziPubblici,con
uncoinvolgimentosemprepiforteedeterminantedicittadinieimprese.
LatrendanalysisdiseguitoarticolatastatarealizzatamediantelaccessoallerisorsediITLab2.0,ilcentro
diricercaeinnovazionenatonel2010dallacollaborazionetraLombardiaInformaticaS.p.A.eCRISP(Centro
diRicercaInteruniversitarioperiServizidiPubblicautilit)edaunampiarassegnadireportinternazionali,
soprattuttoinambitoeuropeo.Siinoltreritenutointeressanteesemplificare,perognitrend,iconcettipi
teoricietalvoltafaredirettoriferimentoalleinnovazioniimplementatenellambitodiesempidisuccesso.
Per fornire una chiara visione dei trend in atto, si scelto di selezionare, tra la mole dinformazioni
disponibili,letendenzeconmaggiorepotenzialedimpattosulleconomiadigitaledellaRegioneLombardia.
In tal senso i macrotrend pi importanti sono: la persona protagonista nella creazione di contenuti e
informazioni secondo i paradigmi del Web 2.0 e Web 3.0, la nuova interazione con la PA di tipo
collaborativo per la realizzazione dei processi decisionali e per lerogazione dei servizi e una governance
perlacittadinanzapiproattivaetrasparentechesappiavalorizzareleesperienzeopendata.
InItalialInternetEconomycontribuiscesemprepialProdottoInternoLordo(PIL)esiprevedeunulteriore
crescitafinoal2015,inparticolaretrainatadallepiccoleemedieimpresecapacidioperareonline(Imprese
2.0), e da un forte e continuativo incremento del mobile commerce attraverso smartphone, tablet e apps
georeferenziate. Sar necessario dare priorit alleducazione digitale per il sostegno alla crescita
dellInternetEconomychepotrfornire,siapercicheriguardaicomportamentideiconsumatorielaloro
fiducia e sicurezza nel compiere transazioni online, che per migliorare la competitivit delle imprese (BCG
2011).

Ingeneraletuttiitrendindividuatisonostatianalizzatisecondoleseguentiareediinterventodellazionedi
RegioneLombardia:
interoperabilitedistandard;
patrimonioinformativopubblico;
ricercaelinnovazionenellICT;
digitaldivide;
cittadinanzadigitale;
servizidigitali

Incorrispondenzadellesuddetteareedintervento,vengonoanalizzatiitrendtecnologicicheanimano
il settore dellInformation and Comunication Technology (ICT) e che renderanno possibili e compiuti i
cambiamentisocioculturali,inqualchecasoaccelerandolieinognicasoabilitandoli.

2
Organisation for Economic Co-operation and Development.

4
AgendaDigitaleTrendAnalysis

4 NecessitdiunAgendaDigitale
4.1 PerchunAgendaDigitale?
Esistono motivazioni molto forti (produttivit, crescita, competitivit) che spingono verso ladozione di
unAgenda Digitale, cio di una strategia condivisa per sviluppare azioni tese a massimizzare i benefici
economici e sociali derivanti dallutilizzo delle tecnologie informatiche e pi in generale come strumento
peraumentarelacompetitivitdeiterritorielattrattivitdegliinvestimentioltrecherimuovereivincolie
lebarriereinfrastrutturaliesocioculturaliallosviluppoeallapartecipazionedellasocietdellaconoscenza.
In Europa lo sviluppo del settore dell Information and Communication Technology (ICT) ha fatto e far da
traino per la produttivit, crescita e competitivit di altri settori economici oltrech determinare esso
stessocircal8%delProdottoInternoLordo(PIL).LeinnovazioniICTstannoallabaseditutteleinnovazioni
di prodotto e di servizio e si stima che determinino tra il 25% e il 40% del valore aggiunto nei settori
automotive,aerospaziale,retail,finance(Rouhana2011).
Inoltre il settore ICT strumentale alla crescita della societ civile e allerogazione di servizi pubblici pi
efficienti. In tal senso alcune sfide sociali chiave in cui le ICT verranno utilmente impiegate sono:
invecchiamentodellapopolazione,healthcare,cambiamenticlimatici.
Negli ultimi anni realizzare unagenda digitale rappresenta di per s un trend emergente in quanto tutti i
Governi dei Paesi economicamente pi avanzati considerano strategica levoluzione verso la Societ
dellInformazione e della Conoscenza. Discutere di agenda digitale diventato sempre pi comune nel
dibattito pubblico e si registra un interesse crescente sul tema, come dimostrato dal grafico seguente che
illustra la frequenza con cui le keywords digital agenda compaiano tra i risultati del noto motore di
ricercaGoogle.

Figura1SearchVolumeindexperkeywords:"digitalagenda".Fonte:GoogleTrends

Si recentemente sviluppato un dibattito sulla crescente necessit di un public sector pi moderno,


leggero e veloce. La maggior parte degli esperti di settore identifica nelle tecnologie dellinformazione gli

AgendaDigitaleTrendAnalysis
5

strumentipiefficaciefacilmenteadottabilidaporrealserviziodiquestocambiamentoepocale:Oggile
tecnologie possono svolgere un ruolo fondamentale nel migliorare i problemi delle amministrazioni
moderne, cambiando il modo di andare al lavoro, di come si pagano le tasse, di come si registrano le
impreseedicomeibambiniimparano.Adesempio,collegandodatabasediversiefacilitandounoscambio
rapido di informazioni, la tecnologia pu contribuire ad abbattere le barriere tra le agenzie governative,
riducendo i costi di gestione del governo per attivit che vanno dalla gestione delle imposte all'erogare
prestazionil'egovernmentpurappresentareunenormerisparmiopericontribuenti(Eggers,2005).
Ilconcettodiserviziopubblicoonlinebasatosumediasociali(definitoconiltermineinglesePublicservice
2.0)relativamenterecente(Leadbeater2008;IPTSreport2009)ehadatovitaaunaseriediiniziativeedi
progettidiricerca,sianegliUSA,siainEuropa(AlaMutkaetal.2009;Huijboometal.2009).L'importanza
del tema ha spinto numerose istituzioni e comunit a impegnarsi nel promuovere e definire leggi e linee
guida per una condivisa azione di sviluppo e diffusione dei Public Services 2.0 (Osimo 20082010). Negli
ultimianniilsettoredeiservizidipubblicautilitcresciutoconinvestimentiimportantiinospedali,scuole,
istituzioni culturali e infrastrutture che assicurino la sicurezza dei dati. in costante crescita anche il
numero delle professioni legate al settore pubblico. Tale crescita anche legata a grandi e rapidi
cambiamenti sociali che hanno richiesto agli Stati continui sforzi di riorganizzazione del welfare e delle
strutturepubbliche.Intalecontestole amministrazionihannodovutoconsiderarelanecessitdiinvestire
nella progettazione di nuovi servizi al pubblico, inseguendo le innovazioni introdotte anche dai media
sociali del Web 2.0. Come dimostrano alcuni documenti recenti per esempio lo United Kingdom Prime
Minister Strategy Unit (2007) e il Public Administration Select Committee (2008) del governo britannico
alcuneamministrazionihannoiniziatoaconsiderarel'importanzael'utilitdiservizipubbliciuserdriven,e
discenaridiservizialtamentepersonalizzabili.Inquestiealtridocumenti,evidenziataunanuovavisione
del ruolo dei fornitori di servizi e degli utenti nello sviluppo di tali servizi. L'approccio utilizzato nella
progettazionequellodiunasemprepicrescentepartecipazioneeinterazionedegliutentiall'internodel
processo del servizio, si parla anche di coproduzione da parte dell'utente nel ciclo di vita del servizio
pubblico (Xue e Harker 2003; Sphorer e Maglio 2007; Pellegrini 2007). Questo approccio stato illustrato
da numerosi autori: Leadbeater (Cottam and Leadbeater 2004; Leadbeater 2008; Leadbeater e Cottam
2008) Parker e Heapy (Parker e Heapy 2006) Thackara (Thackara 2007); specifiche metodologie di
progettazione e sviluppo sono state proposte, adottate e sono in continua evoluzione. Leadbeater in
particolareparladiPublicService2.0odiUserGeneratedGovernment,comenuovafrontieradeiservizidi
egovernment basati sulla partecipazione degli utenti e, soprattutto, sulla pubblicazione e condivisione di
conoscenzatraicittadinielaPubblicaAmministrazionecomevaloreprimariodeiservizidipubblicautilit.

6
AgendaDigitaleTrendAnalysis

4.2 Economiadigitale:cosasuccedeinEuropa
Inquestoparagrafoverrannobrevementeripercorselelineeessenzialidellestrategiemesseincamponegli
ultimi anni dallUnione Europea per risollevarsi dalla crisi economica focalizzando lattenzione sui temi
relativialleconomiadigitaleesualcuniimportantirisultatigiconseguiti.
i2010Unasocieteuropeadellinformazioneperlacrescitaeloccupazione.
(Bruxelles,1.6.2005COM(2005))

Nellavviare il partenariato per la crescita e loccupazione al fine di rilanciare la strategia di Lisbona, il


Consiglio europeo di primavera 2005 ha individuato nella conoscenza e nellinnovazione i motori di una
crescita sostenibile ed ha affermato che indispensabile sviluppare una societ dellinformazione basata
sullinclusione e sulluso generalizzato delle tecnologie dellinformazione e delle comunicazioni (TIC) nei
servizipubblici,nellePMIenellefamiglie.

La spinta dell'iniziativa i2010 a favore della concorrenza e della politica dei consumatori ha permesso di
raggiungeremoltirisultatitangibili:
unnumerosemprepialtodicittadinieuropeiinlinea;
l'Europadiventataleadermondialedell'Internetabandalarga;
unaumentodelricorsoaserviziavanzati(dicomunicazione,finanziari,etc.);
lEuropadiventataleadermondialenellapenetrazionideitelefonimobili
laricercainmateriadiTICfinanziatadall'UEhasvoltounruolofondamentaleneiprincipalisviluppi
industrialieuropei,comelamicroelananoelettronica,lasanitelastrategiaeuropeainmateriadi
sicurezzastradale;
lepoliticheTICsonoentratesemprepiafarpartedellapolitica generale:gli Statimembrihanno
riconosciuto infatti l'importanza delle TIC per la produttivit e la crescita e il loro potenziale per il
conseguimentodituttaunaseriediobiettivisocioeconomici.

Alcuniimportantirisultatinellambitodelliniziativai2010sono:

Obiettivo Risultati
Spazio unico europeo dell'informazione che offra
comunicazioni in banda larga a costi accessibili e
sicure, contenuti di qualit e diversificati e servizi
digitali.

lancio nel maggio 2009 della guida eYou3,


che spiega in termini semplici ai profani la
legislazione europea applicabile al mondo
in linea, ha costituito un importante passo
avantiversoilrafforzamentodeidirittidegli
utenti.
Normativa chiara per i fornitori di servizi di
mediaaudiovisivi4.

3
http://ec.europa.eu/eyouguide
4
Direttiva sui servizi di media audiovisivi, 2007/65/CE.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
7

sostegno della Commissione al settore del


cinemanell'ambitodelprogrammaeuropeo
MEDIA,prolungatodal2007al2013.
Stimolarelaricercael'innovazionenelsettoredelle
TICinEuropa.

oltre 10 miliardi di euro alla ricerca e


allinnovazione per le TIC dal 2007 al 2013
nel 7 PQ e nel programma quadro per
l'innovazioneelacompetitivit.
Sviluppo infrastrutture elettroniche come
GEANT e GRID (infrastrutture di
comunicazionedi elevatacapaciteadalta
velocitperlaricercainEuropa).
Avvio di partenariati pubblicoprivati
innovativi; le iniziative Artemis e Eniac,
relativeaisistemiinformaticiintegratiealla
nanoelettronica nei settori manifatturiero,
automotive, aerospaziale, attrezzature
energetiche,etecnologiedellasalute.
Iniziativa FIRE (Future Internet Research
and Experimentation) per permettere ai
ricercatori di sperimentare paradigmi del
tuttonuovidiretieservizi.

Miglioramento della qualit della vita dei cittadini


usandoleTIC.
IniziativaAmbientAssistedLiving:domotica
per categorie deboli e per lo sviluppo di
nuove soluzioni digitali a favore degli
anzianiinEuropa.
Iniziativa "eInclusion: Be Part of It!",
culminata con la conferenza ministeriale di
ViennasullaeInclusione.
Europeana, la biblioteca europea
multimediale in linea che insieme anche
unmuseoeunarchivio
Tabella1Principalirisultatidell'iniziativai2010

Unpianoeuropeodiripresaeconomica.
(26.11.2008COM(2008)800)
E il piano della Commissione Europea elaborato in risposta alla crisi economica avviata nel 2007 per
ladozione di una strategia coordinata, sufficientemente vasta e ambiziosa da far rinascere la fiducia a
livellodeiconsumatoriedelleimprese,combinandoatalfinetuttiglistrumentipoliticidisponibilialivello
europeoenazionale.

8
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Gliobiettivistrategicidelpianosono:
stimolarerapidamenteladomandaefarrinascerelafiduciatraiconsumatori;
ridurreilcostoumanodellacrisieconomica;
portare avanti le necessarie riforme strutturali, sostenere l'innovazione e costruire un'economia
dellaconoscenza;
accelerarelatransizioneversoun'economiaabasseemissionidicarbonio.
Europa2020:unastrategiaperunacrescitaintelligente,sostenibileeinclusiva.
(Bruxelles,3.3.2010COM(2010)2020)
Europa 2020 una strategia per uscire pi forti dalla crisi e trasformare l'UE in un'economia intelligente,
sostenibile e inclusiva caratterizzata da alti livelli di occupazione, produttivit e coesione sociale. Europa
2020dunquadrodell'economiadimercatosocialeeuropeaperilXXIsecolopresentandotreprioritche
sirafforzanoavicenda:
crescitaintelligente:sviluppareun'economiabasatasullaconoscenzaesull'innovazione;
crescitasostenibile:promuovereun'economiapiefficientesottoilprofilodellerisorse,piverdee
picompetitiva;
crescita inclusiva: promuovere un'economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la
coesionesocialeeterritoriale.
NellambitodiEuropa2020laCommissioneproponeiseguentiobiettiviprincipaliperl'UE:
il75%dellepersonedietcompresatra20e64annideveavereunlavoro;
il3%delPILdell'UEdeveessereinvestitoinR&S;
i traguardi "20/20/20" in materia di clima/energia devono essere raggiunti (compreso un
incrementodel30%dellariduzionedelleemissioniselecondizionilopermettono);
il tasso di abbandono scolastico deve essere inferiore al 10% e almeno il 40% dei giovani deve
esserelaureato;
20milionidipersoneinmenodevonoesserearischiodipovert.
Questi obiettivi sono rappresentativi delle tre priorit (crescita intelligente, sostenibile e inclusiva), ma la
loroportatapiampia:perfavorirnelarealizzazioneoccorrertuttaunaseriediazionialivellonazionale,
europeo e mondiale. La Commissione presenta sette iniziative faro per catalizzare i progressi relativi a
ciascuntemaprioritario:
"L'Unionedell'innovazione"permigliorarelecondizionigeneraliel'accessoaifinanziamentiperla
ricerca e l'innovazione, facendo in modo che le idee innovative si trasformino in nuovi prodotti e
servizitalidastimolarelacrescitael'occupazione;
"Youthon themove"per migliorarel'efficienzadei sistemidiinsegnamentoeagevolarel'ingresso
deigiovaninelmercatodellavoro;
"Un'agenda europea del digitale" per accelerare la diffusione dell'internet ad alta velocit e
sfruttareivantaggidiunmercatounicodeldigitaleperfamiglieeimprese.
"Un'Europaefficientesottoilprofilodellerisorse"percontribuireascinderelacrescitaeconomica
dall'uso delle risorse, favorire il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio,

AgendaDigitaleTrendAnalysis
9

incrementarel'usodellefontidienergiarinnovabile,modernizzareilnostrosettoredeitrasportie
promuoverel'efficienzaenergetica.
"Una politica industriale per l'era della globalizzazione" onde migliorare il clima imprenditoriale,
specialmenteperlePMI,efavorirelosviluppodiunabaseindustrialesolidaesostenibileingrado
dicompeteresuscalamondiale.
"Un'agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro" onde modernizzare i mercati
occupazionalieconsentireallepersonedimigliorarelepropriecompetenzeintuttol'arcodellavita
al fine di aumentare la partecipazione al mercato del lavoro e di conciliare meglio l'offerta e la
domandadimanodopera,anchetramitelamobilitdeilavoratori.
La "Piattaforma europea contro la povert" per garantire coesione sociale e territoriale in modo
tale che i benefici della crescita e i posti di lavoro siano equamente distribuiti e che le persone
vittime di povert e esclusione sociale possano vivere in condizioni dignitose e partecipare
attivamenteallasociet.
Il piano d'azione europeo per l'eGovernment 20112015. Valorizzare le TIC per promuovere
un'amministrazionedigitaleintelligente,sostenibileeinnovativa.
(Bruxelles,15.12.2010COM(2010)743)
L'Agenda digitale europea inserisce l'eGovernment all'interno di un'ampia serie di misure destinate a
sfruttareibeneficidelletecnologieperl'informazioneelacomunicazione(TIC)inEuropa.Inunperiododi
risorse pubbliche estremamente limitate, le TIC possono aiutare il settore pubblico a sviluppare modi
innovativiperfornireisuoiserviziaicittadinie,nelcontempo,incrementarel'efficienzariducendoicosti.
L'attuazione del primo piano d'azione europeo per l'eGovernment (Il piano d'azione eGovernment per
l'iniziativa i2010, COM(2006) 173 del 25.4.2006.) ha consentito ai governi di tutti gli Stati membri di
scambiarsi buone pratiche ed sfociata nella realizzazione di numerosi progetti pilota su ampia scala che
stannosviluppandosoluzioniconcreteperintrodurreservizitransfrontalieridiamministrazionedigitale.
LaCommissioneproponequindiunsecondopianod'azioneperl'eGovernmentchemiraaconcretizzarela
visione ambiziosa contenuta nella dichiarazione pronunciata in occasione della 5a conferenza ministeriale
sull'eGovernment (la cosiddetta "dichiarazione di Malm"), che ha ricevuto il sostegno dell'industria e di
un gruppo di cittadini. Secondo questa visione ambiziosa, entro il 2015 le amministrazioni pubbliche
europee saranno considerate aperte, flessibili e collaborative nelle relazioni che intrattengono con i
cittadini e le imprese. Esse ricorrono all'eGovernment per aumentare la propria efficienza ed efficacia e
migliorare costantemente i servizi pubblici in modo da soddisfare le diverse esigenze e massimizzare il
valorepubblico,facendocosdell'Europalaprincipaleeconomiabasatasullaconoscenza.
4.3 AgendaDigitaleEuropea
La Commissione europea ha lanciato nel marzo 2010 la strategia Europa 2020
5
con l'intento di uscire
dallattualecrisiediprepararel'economiadell'UEperlesfidedelprossimodecennio.LastrategiaEuropa
2020definisceunaprospettivaperraggiungerealtilivellidioccupazione,produttivitecoesionesocialee

5
EUROPA2020Unastrategiaperunacrescitaintelligente,sostenibileeinclusivaCOM(2010)2020.

10
AgendaDigitaleTrendAnalysis

un'economia a basse emissioni di carbonio, da attuare tramite azioni concrete a livello di UE e di Stati
membri.
L'AgendaDigitaleEuropeaunadellesetteiniziativefarodellastrategiaEuropa2020
6
emiraastabilireil
ruolo chiave dell Information and Communication Technology (ICT) per raggiungere gli obiettivi che
l'Europasiprefissataperil2020.
LAgendaDigitaleEuropea
7
individualeseguentiareedinterventosullequalipianificaazionispecifiche:

Mercatodigitaleunicoe
dinamico
rafforzareilmercatodellamusicadigitale,deipagamenti
onlineeproteggereidirittideiconsumatori

Interoperabilitestandard
migliorare linteroperabilit tra prodotti e servizi delle
tecnologiedellinformazioneeusarestandardpertinenti

Fiduciaesicurezza
coordinamento europeo contro i cyberattacchi e
potenziamento delle regole per la protezione dei dati
personali

Internetveloceesuperveloce

stimolare gli investimenti in banda larga e reti di nuova


generazione (NGA) e fare un programma completo in
materiadispettroradio

Ricercaeinnovazione

investire di pi in R&S e aumentare gli sforzi di


coordinamentoalivelloeuropeo

Inclusionenelmondodigitalee
miglioramentoeskills
migliorare lalfabetizzazione e le competenze digitali,
ridurreildigitaldivide

ICTperlesfidesociali

sfruttarelICTperridurreiconsumienergetici,migliorare
la vita degli anziani, rivoluzionare i servizi sanitari ed
erograreservizipubblicimigliori
Tabella2Areed'interventodell'AgendaDigitaleEuropea
L'obiettivotrarrevantaggisocioeconomicisostenibilidaunmercatounicodeldigitalebasatosull'internet
veloce e superveloce e su applicazioni interoperabili, garantendo a tutti l'accesso alla banda larga entro il
2013el'accessoavelocitdiinternetnettamentesuperiori(30Mbpopi)entroil2020,eassicurandoche
almenoil50%dellefamiglieeuropeesiabboniaconnessioniinternetdioltre100MbP.

Alivellodell'UE,laCommissionesiadopererper:
creare un quadro giuridico stabile tale da incentivare gli investimenti in un'infrastruttura aperta e
competitivaperl'internetadaltavelociteneiservizicollegati;
definireunapoliticaefficienteinmateriadispettroradio;
agevolarel'usodeifondistrutturalidell'UEperlarealizzazionedell'agenda;

6
La strategia Europa 2020 punta a rilanciare l'economia dell'UE nel prossimo decennio.
In un mondo che cambia l'UE si propone di diventare un'economia intelligente, sostenibile e solidale. Queste tre
prioritchesirafforzanoavicendaintendonoaiutarel'UEegliStatimembriaconseguireelevatilivellidioccupazione,
produttivitecoesionesociale.
7
http://ec.europa.eu/information_society/digitalagenda/index_en.htm

AgendaDigitaleTrendAnalysis
11

creare un vero e proprio mercato unico per i contenuti e i servizi online e regolamentare la
governanceglobalediinternet;
riformareifondiperlaricercael'innovazioneeaumentareilsostegnonelsettoredelleTIC;
promuovere l'accesso a internet e il suo uso da parte di tutti i cittadini europei, in particolare
medianteazioniasostegnodell'alfabetizzazionedigitaleedell'accessibilit.
Alivellonazionale,gliStatimembridovranno:
elaborare strategie operative per l'internet ad alta velocit e orientare i finanziamenti pubblici,
compresiifondistrutturali,versosettorinontotalmentecopertidainvestimentiprivati;
creareunquadrolegislativochepermettadicoordinareilavoripubbliciinmododaridurreicostidi
ampliamentodellarete;
promuovere la diffusione e l'uso dei moderni servizi online (egovernment, servizi sanitari online,
domotica,competenzedigitali,sicurezza,ecc.).
Relativamente ai fondi dell Unione Europea per la realizzazione delle azioni dellAgenda Digitale vanno
considerati:
Fondistrutturali(FSE,FESR);
FondoEuropeoAgricoloperloSviluppoRurale(FEASR);
FP7ICTWorkProgramme20112012;
CompetitivenessandInnovationFrameworkProgramme(CIP).
4.4 Altreagendedigitali
LastrategiadigitaleadottatadaquasitutteleNazionidelMondofinalizzataapianificareorganicamente
gliinterventieconomiciinfunzionedeipuntidiforzaedidebolezzadelproprioPaesee,soprattutto,della
visionedarealizzare.
PeravereunriferimentocomparativoestudiarelapprocciostrategicodidiversiPaesiallesfidedellICTsi
procedutoconunanalisidibenchmarking.Senzalapretesadiesaustivitsonostateanalizzateleiniziative
dei Paesi economicamente pi sviluppati o in ogni caso con un forte spirito dinnovazione tecnologica. I
Paesi scelti per lanalisi sono stati: Canada, Corea del Sud, Finlandia, Germania, Giappone, Islanda, Regno
Unito. Le dimensioni analizzate sono state: numero di abitanti, Prodotto Interno Lordo (PIL), titolo della
strategia digitale, budget, data di adozione, ente promotore, processo di approvazione, elementi generali
della strategia ed elementi differenzianti della strategia. Gli output dellanalisi di benchmarking sono stati
riportatisuunatebellainAllegato(Analisidibenchmarkingdellestrategiedigitali).
Si notato che, sebbene ogni Nazione abbia le proprie peculiarit, sia per quanto riguarda il processo di
pianificazione strategica e gli attori istituzionali coinvolti, sia per quanto riguarda gli obiettivi fissati e le
azionidasviluppare,possibilerintracciarealcunitemiricorrentieisolarlidaquellicaratteristicideisingoli
Paesi.
Leprioritstrategichecomuniallediverseagendedigitalisono:
IncrementarelaproduttivitusandoleICT

12
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Sviluppareinfrastrutturebandalarga(retifisseemobili)
FavorirecrescitadelsettoreICT
Potenziareledigitalskill
Diffonderelelearning
Incrementareilbenesseredeicittadini(healthcare,infrastruttureintelligenti)
Migliorarelecondizionidivitadeglianziani
Favorirelecapacitdinnovazionedelleimprese
Sviluppareemigliorareiservizidiegovernement
RafforzarelafiduciaelasicurezzanellutilizzodellICT
Migliorarelinteroperabilitelastandardizzazione
Diffonderelutilizzodellidentitdigitale
Migliorarenormativacopyright
Ricercaeinnovazione(Healthcare,Internetdellecose,3Dtechnology,Cloudcomputing,ICTperla
mobilitelettrica)
Inoltreperavereunavisionegenerale,seppurnonnecessariamenteesaustiva,delposizionamentodialcuni
Paesi appartenenti allOCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) si deciso di
analizzarealcuniindicatoridriverdellivellodiimplementazionedellerelativestrategiedigitalinazionali.In
particolare risultano interessanti alcune statistiche pertinenti alle sette aree dintervento individuate
nellAgendaDigitaleEuropea.
IlduegraficiseguentiaiutanoavisualizzareilposizionamentodeidiversiPaesinelraggiungeregliobiettivi
diaccessoallabandalargaperilcollegamentoaInternet.Ilprimograficomostralapercentualedifamiglie
raggiuntedaconnessioniabandalarga.

Figura2Famiglieconaccessoallabandalarga,2009.Fonte:OCSE


0
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
K
o
r
e
a

(
*
)
I
c
e
l
a
n
d
S
w
e
d
e
n
N
o
r
w
a
y

(
*
)
N
e
t
h
e
r
l
a
n
d
s
D
e
n
m
a
r
k
F
i
n
l
a
n
d
L
u
x
e
m
b
o
u
r
g

(
*
)
S
w
i
t
z
e
r
l
a
n
d

(
2
0
0
8
)
U
n
i
t
e
d

K
i
n
g
d
o
m
C
a
n
a
d
a

(
2
0
0
8
)
(
*
)
G
e
r
m
a
n
y
U
n
i
t
e
d

S
t
a
t
e
s
B
e
l
g
i
u
m
N
e
w

Z
e
a
l
a
n
d

(
*
)
A
u
s
t
r
a
l
i
a

(
2
0
0
8
)

(
*
)
E
s
t
o
n
i
a
J
a
p
a
n

(
*
)
A
u
s
t
r
i
a
F
r
a
n
c
e
S
l
o
v
e
n
i
a
E
U
2
7
I
r
e
l
a
n
d
S
p
a
i
n
P
o
l
a
n
d
H
u
n
g
a
r
y
C
z
e
c
h

R
e
p
u
b
l
i
c

(
*
)
P
o
r
t
u
g
a
l
S
l
o
v
a
k

R
e
p
u
b
l
i
c
I
t
a
l
y
G
r
e
e
c
e
T
u
r
k
e
y

(
2
0
0
7
)
C
h
i
l
e

(
2
0
0
6
)
M
e
x
i
c
o

(
*
)

AgendaDigitaleTrendAnalysis
13

IlsecondograficomostraillivellodidiffusionedellaccessoallabandalargasumobileneivariPaesi.

Figura3Abbonamentiallabandalargasumobileper100abitanti,Giugno2010.Fonte:OCSE

SebbenelItalianelsuocomplessosiainfondoallaclassificadellaccessoallabandalargaincasa,recupera
posizioninelleclassificadelladiffusionedellabandalargasumobile.
Il grafico seguente fornisce unindicazione del posizionamento dei diversi Paesi relativamente al livello di
investimenti in Ricerca e Sviluppo nelle aziende del settore ICT, come percentuale degli investimenti in
RicercaeSvilupposututtiglialtrisettoridibusiness.LItalianelsuocomplessosiattestaal25,1%,elascia
apertinotevolispazidinvestimentoinRicercaeSvilupponelsettoreICT.
0
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
OECDwirelessbroadbandsubscriptionsper100inhabitants,bytechnology,June2010
Dedicatedmobiledata
subscriptions
Standardmobilebroadband
subscriptions
Countrieswithpartial

14
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Figura4SpesainRicercaeSviluppoperICTinspecificisettori,2008.Fonte:OCSE


14,6
15,8
15,9
17,9
21,0
22,6
24,7
25,1
26,0
26,3
28,3
30,2
30,7
32,2
32,2
32,9
33,9
34,2
54,6
58,3
65,7
0 10 20 30 40 50 60 70
Poland
Czech Republic
Australia
Spain
Germany
Belgium
United Kingdom
Italy
Portugal
United States
France
Norway
Netherlands
J apan
Greece
Canada
Sweden
Denmark
Korea
Ireland
Finland
%
R&D expenditure in ICT manufacturing industries (1)
R&D expenditure in ICT services industries (2)

AgendaDigitaleTrendAnalysis
15

Per quanto riguarda larea dintervento Inclusione nel mondo digitale e miglioramento eskills viene
riportatoilrankingperi27PaesidellUnioneEuropeaelaboratodaTobiasHusingeWernerB.Corteperla
CommissioneEuropeaeperlEuropeaneSkillsSteeringCommitteenel2010.

Tabella3EU27eSkillsranking.Fonte:eSkillsforthe21stCentury

La colonna relativa al Networked Readiness Index (NRI) riporta lo stesso indicatore utilizzato dal World
Economic Forum per determinare lo eskills gap. Gli indici Digital Literacy activity index e eSkills
activity index forniscono stime qualitative del livello di attivit svolto dai diversi Paesi nel campo
dellalfabetizzazionedigitaleedellecompetenzedeiprofessionistidelsettoreICT.Lultimacolonnarilevalo
eSkillsGappercepitodalleimprese.

16
AgendaDigitaleTrendAnalysis

5 InteroperabiliteStandard
5.1 Trendsocioculturali
Per costruire una societ realmente digitale, occorre uneffettiva interoperabilit tra i prodotti e i servizi
delletecnologiedellinformazione;internetlesempiomiglioredellapotenzadellinteroperabilittecnica.
PercogliereappienoivantaggidelladiffusionedellICT,occorreaumentareulteriormentelinteroperabilit
di dispositivi, applicazioni, banche dati, servizi e reti. Il quadro normativo applicabile alla definizione degli
standarddeveadattarsiaimercati tecnologiciinrapidaevoluzioneperch glistandardsonoessenziali per
linteroperabilit.
In materia di standardizzazione, la Commissione Europea continuer a riesaminare la politica europea
dando seguito al Libro bianco Modernising ICT standardisation in the EU e alla relativa consultazione
pubblica. Tenendo conto delle norme relative alle ICT elaborate da alcuni forum e consorzi a livello
mondialeedellorocrescenterilievo,unobiettivodiprimariaimportanzaautorizzarelusoditalistandard
nellalegislazioneenegliappaltipubblici.
Inoltre,nelcontestodelladefinizionedistandarde,inparticolare,nellambitodellaprossimariformadella
politicadiformazionedellUE,sarannodateleseguentiindicazioni:
Promuovereunusomiglioredeglistandard.
Inoccasionedellacquistodihardware,softwareeserviziIT,leamministrazionidovrebberoutilizzareal
meglio tutta la gamma di standard pertinenti, ad esempio selezionando quelli che possono essere
attuati da tutti i fornitori interessati; tale soluzione consente, infatti, di favorire la concorrenza e
ridurreilrischiodilockin,connessoalfattodiaffidarsiperlungotempoaununicofornitore.
Potenziarelinteroperabilittramiteilcoordinamento
Per promuovere linteroperabilit tra pubbliche amministrazioni, la Commissione Europea adotter
una strategia europea per linteroperabilit e definir un quadro europeo di interoperabilit
nellambitodelprogrammaISA(InteroperabilitySolutionsforEuropeanPublicAdministrations).
GliStatimembrisonochiamatiadapplicareilquadroeuropeodiinteroperabilitalivellonazionaleentroil
2013.

5.1.1 Internetdellecose
LespressioneInternetdellecose(oInternetdeglioggetti)indicailsuperamentodeiclassicilimitidella
reteche,fuoriuscendodalmondovirtuale,sicollegaalmondoreale,almondodeglioggetti.Tagesensori
infatti, associati ad un oggetto, possono identificarlo univocamente e raccogliere informazioni in tempo
reale su parametri del suo ambiente come: temperatura, localizzazione, pressione, rumore, luce, umidit
(CNR2009).
Si stima che il nostro pianeta sia popolato da 6,5 miliardi di persone, ma anche da 50 miliardi di
macchine,chepotenzialmentepossonoessereconnesseinrete.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
17

LUnione Europea sta sviluppando azioni finalizzate allindividuazione di una via condivisa per la
realizzazionedellavisioneeuropeadellInternetofThings(IoT).InparticolaredefinisceIoTcomepartedel
futurodiinternet,ciouninfrastrutturadiretedinamicaeglobaleconcapacitdiautoconfigurarsi,basata
su standard e protocolli di comunicazione interoperabili dove cose fisiche e virtuali hanno una propria
identit,attributiefunzionieusanointerfacceintelligentiperintegrarsiallarete.
Si prevede che nellIoT, le cose diventeranno partecipanti attivi dei processi di business e sociali, una
volta abilitati a interagire e comunicare tra di loro e con lambiente attraverso lo scambio di dati e
informazioni rilevate reagendo autonomamente agli eventi del mondo reale e iniziando azioni e
producendoservizisenzalinterventoumano.
Sebbene levoluzione verso linternet delle cose migliorer il nostro stile di vita in diversi ambiti, occorre
tenere presenti le implicazioni sulla sicurezza e sulla privacy dei cittadini attraverso interventi normativi e
regolatori., in particolare quando sono in gioco dati sensibili ed attinenti al comportamento dei singoli
individui.
5.2 Trendtecnologici
5.2.1 CloudComputing
SecondoglianalistidiGartner
8
,ilCloudComputingsarunatecnologiastrategicapermolteorganizzazioni
ginel2011eperitreannisuccessivi.
Non esiste una definizione standard di Cloud Computing. Con il termine Cloud Computing (Armbrust
2009) si intende un insieme di tecnologie informatiche che permettono lutilizzo di risorse, sia hardware
che software, distribuite in remoto. La vera caratteristica fondamentale del Cloud Computing fornire
allutilizzatore le risorse distribuite, come se fossero disponibili da sistemi standard, in locale.
Limplementazione viene volutamente non definita in modo dettagliato, infatti essa costituita da un
insieme eterogeneo e distribuito di risorse, che lutilizzatore non conosce, lutente finale ha una visione
blackboxdelsistema.Puquindiesserevistocomeunmodellochesemplificalutilizzodelletecnologie
informatiche. Lobiettivo fornire allutilizzatore un set di risorse elastiche, estremamente scalabili e
potenzialmenteillimitateattraversointernet.Uninsiemedirisorseinformaticheoffertecomeservizio.
Lemaggioriaziendedelsettore(Amazon,Yahoo,Google,Oracle/Sun,SASemoltealtre)hannoinvestito,o
stanno investendo, in modo massiccio in questo settore. Questo indice di quanto il mercato possa nei
prossimianniseguirequestasceltatrasformando,sottomoltiaspetti,ilparadigmadiutilizzodellarete.

8
http://www.gartner.com

18
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Figura5DiagrammalogicodiunareteCloudComputing.Fonte:Wikipedia

Sipossonodistingueretretipologiefondamentali(Durkee2010)diCloudComputing:
SoftwareasaService(SaaS);
PlatformasaService(Paas);
InfrastructureasaService(IaaS);

Software as a Service (SaaS): Le applicazioni vengono viste come un servizio. Le applicazioni vengono
eseguite in remoto, spesso attraverso un server web. Ci sono gi parecchi esempi per questa tipologia di
servizio, come GMail, Google Docs, iCloud (un desktop remoto) o gli innumerevoli prodotti per la
collaborazioneonline.
Platform as a Service (Paas): In questo caso viene offerto allutente un ambiente di runtime per le sue
applicazioni.Ilconsumatorehailcontrollosolodellesueapplicazionienonhailcontrollodellambientesu
cuiessegirano.
Infrastructure as a Service (IaaS): Utilizzo di risorse hardware, con software associato, in remoto.
Fondamentalmente vengono offerti potenza elaborativa, memoria, connettivit. E in questa tipologia di
serviziochesisposamaggiormentelosloganpaghiquellocheusi.Ilconsumatorepagasoloperlerisorse
utilizzateenonperlinterainfrastruttura.LidealosfruttamentodirisorseITcomesisempreutilizzato
lenergiaelettricaoilgasnegliappartamenti.
Per ogni tipologia di servizio si possono trovare prodotti commerciali gi maturi e pronti per essere
utilizzati.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
19

Figura6Cloudcomputing:collocazioneazienderispettoallatipologiadiservizioofferto.
Daunpuntodivistapuramentetecnologico,ilCloudComputingnonrappresentaunanovit,mapiuttosto
unacombinazionedipitecnologie,ormaimature,perpoteroffrireunainfrastrutturaITscalabile,elastica
eondemandattraversoInternet.
5.2.2 Standardperlinteroperabilit
Linteroperabilit dei sistemi, di base ed evoluta, costituisce un trend di notevole interesse. Al di l delle
tecnologie che nello specifico la realizzano, in questo momento si assiste a un forte interessamento verso
linteroperabilit tra le varie Pubbliche Amministrazioni e a un contesto favorevole soprattutto in ambito
europeo.
La sfida quella di creare ecosistemi nei quali, non solo le PA, ma soprattutto tutti i soggetti privati che
forniscono servizi, informazioni, soluzioni a cittadini ed imprese si riconoscano in un insieme di regole e
standardcondivisi,inunquadrodifortecooperazioneapplicativatragliattoriincampo.
Non avendo la pretesa di dare una rappresentazione esaustiva degli standard che si stanno, anche gi da
tempo,affermandosulmercato,defacto,oquelliformalizzatidaentiautorizzatidistandardizzazione(ITU,
ISO,W3C),deiure,verrannobrevementepresentatiquellipicaratterizzantiiltrend.
ApplicationProgrammingInterface(API) UnAPI
9
un particolare set di regole e specifiche
(interfaccia) che un programma software pu
seguire per accedere e utilizzare i servizi e le
risorse fornite da un altro software che
implementa quelle specifiche API. Per esempio:
GoogleMapsAPI,JavaAPIforXMLWebServices
eXtensibleMarkupLanguage(XML) XML un linguaggio di testo semplice e molto
flessibilederivatodallostandardSGML(ISO8879).
Originariamente progettato per rispondere alle
sfidedelleditoriadigitale,XMLvieneampiamente

9
http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia

20
AgendaDigitaleTrendAnalysis

impiegato nello scambio di molti tipi di dati sul


Web.
10

PortableDocumentFormat(PDF) PDFunformatodifileproprietariobasatosuun
linguaggio di descrizione di pagina sviluppato per
rappresentare documenti in modo indipendente
dall'hardware e dal software utilizzati per
generarliopervisualizzarli.
ProtocolloTCP/IP La suite di protocolli TCP/I
11
P nasce verso la fine
degli anni 60 come progetto di ricerca finanziato
dal governo americano fino a trasformarsi in
quello che diventato oggi, ovvero, il protocollo
pi diffuso al mondo per permettere la
comunicazione tra computer. La suite
indipendentedallapiattaformasoftwareutilizzata
e, pertanto, funziona su tutti i sistemi operativi
cheneimplementanolostandard(Unix,Linux,OS
X,Windows,Symbian,Android,iOS,etc.).
ResourceDescriptionFramework(RDF) RDF
12
un modello standard per lo scambio di
dati sul Web. RDF ha delle caratteristiche che
facilitano il merging tra i dati anche se gli schemi
sottostanticambianoneltempo.
ServiceOrientedArchitecture(SOA) Architettura software adatta a supportare l'uso di
servizi Web per garantire l'interoperabilit tra
diversi sistemi cos da consentire l'utilizzo delle
singole applicazioni come componenti del
processodibusinessesoddisfarelerichiestedegli
utentiinmodointegratoetrasparente
13
.
L'OASIS (Organizzazione per lo sviluppo di
standardsull'informazionestrutturata)definiscela
SOA: un paradigma per l'organizzazione e
l'utilizzazionedellerisorsedistribuitechepossono
essere sotto il controllo di domini di propriet
differenti.Fornisceunmezzouniformeperoffrire,
scoprire, interagire ed usare le capacit di

10
http://www.w3.org/
11
http://www.oscene.net
12
http://www.w3.org/
13
http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia

AgendaDigitaleTrendAnalysis
21

produrre gli effetti voluti consistentemente con


presuppostieaspettativemisurabili.
Tabella4Alcunistandardperl'interoperabilit

Latabellaseguentemostrairisultatidiunasurveysullivellodidiffusionedipratichediebusinesscondotta
nel 2008 tra le aziende di diversi settori di operanti in almeno uno dei seguenti sette stati europei: Italia,
Francia,Germania,Spagna,Polonia,Svezia,RegnoUnito.

Figura7AdozionedeglistandardICTneisettoriconsideratinellaeBusinessSurvey2008.

Lascarsapercentualediadozionedeglistandardtecnologicisegnalacomesianecessariofareancoratanto
perrealizzarelinteroperabilitdeisistemiedeiservizisiapubblicicheprivati.
5.2.3 TecnologieRFID
RadioFrequencyIDentification(RFID)unatecnologiaperl'identificazioneautomaticadioggetti,animalio
persone basata sulla capacit di memorizzare e accedere a distanza ai dati usando dispositivi elettronici
(chiamati TAG o transponder) che sono in grado di rispondere comunicando le informazioni in essi

22
AgendaDigitaleTrendAnalysis

contenute quando opportunamente "interrogati". Sul mercato esistono diverse categorie di RFID e
numerosi organismi per la definizione degli standard che regolano l'uso della tecnologia: lInternational
Organization for Standardization (ISO), la Commissione elettrotecnica internazionale (IEC), ASTM
International,laDASH7AllianceeEPCglobal.
In generale la tecnologia RFID pu considerarsi matura e quello che emerge un trend di diffusione della
tecnologiastessaindiversisettoridibusiness,dovutoprincipalmenteallabbattimentodelcostounitariodi
acquistoeallaffidabilitgarantitaneiprocessiproduttivienellerogazionedeiservizi.
I principali campi di adozione delle RFID sono: antitaccheggio, assistenza e manutenzione, biblioteche,
bigliettazione elettronica, controllo presenze ed accessi, identificazione degli animali, logistica magazzini,
logistica trasporti, monetica, monitoraggio raccolta rifiuti, passaporto, registro scolastico elettronico,
rilevazionedeiparametriambientali,tracciamentopratiche.
LanuovafrontieradelleRFIDrappresentatadallatecnologiaNFC(NearFieldCommunication)soprattutto
inassociazioneaitelefonicellulariNFCenabledperlaccessoaiservizieperleffettuazionedelletransazioni
dimonetica.AMilanoappenastataavviatalasperimentazionedellabigliettazioneattraversoilcellulare
(mobile ticketing); grazie infatti allaccordo stretto tra ATM (che gestisce il trasporto pubblico locale
cittadino)eTelecomItalia,sarpossibile,attraversoiltelefonino,accedereallareteditrasportopubblico
peracquistareeconvalidaretitolidiviaggio.
Tuttavia, determinati impieghi della RFID possono costituire una violazione del diritto alla protezione dei
dati personali ed avere serie ripercussioni sull'integrit e la dignit della persona, anche perch, per le
ridottedimensioniel'ubicazionedellecd."etichetteintelligenti"edeirelativilettori,iltrattamentodeidati
personaliattraversolaRFIDpuessereeffettuatoall'insaputadell'interessato.
In particolare, come rilevato anche dal Gruppo dei garanti europei (documento di lavoro adottato il 19
gennaio2005dalGruppocostituitoaisensidell'art.29delladirettivan.95/46/CE),l'impiegoditecnichedi
RFID da parte, sia di soggetti privati, sia di soggetti pubblici, pu determinare forme di controllo sulle
persone, limitandone le libert. Attraverso l'impiego della RFID, potrebbero, ad esempio, raccogliersi
innumerevoli dati sulle abitudini dell'interessato a fini di profilazione, tracciare i percorsi effettuati da
quest'ultimo o verificare prodotti (vestiti, accessori, medicine, prodotti di valore) dallo stesso indossati o
trasportati.Nel2005ilGaranteperlaprotezionedeidatipersonalihaindividuatolegaranzieperillorouso
(Etichette intelligenti [Rfid]: il Garante individua le garanzie per il loro uso 9 marzo 2005, doc. web n.
1109493pressohttp://www.garanteprivacy.it).
5.2.4 QRCode
IlQRCoderappresentalanuovafrontieradelmobilemarketingedconsideratolevoluzionedelcodicea
barretradizionale.NatoinGiapponepertracciareipezzinellacostruzionediveicoli,ilcodiceQRoggi
utilizzatoperlagestionedellescorteinun'ampiavarietdiindustrie.
QRstaperQuickResponse,ovverorispostarapida,persignificarelimmediatezzadellasuadecodifica
tramiteapparecchiatureotticheoIR(cellulari).IlQRCodeunOpenStandardcertificatoISO,liberoda
vincolidicopyrightobrevettisullutilizzo.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
23

IlcodiceQRpucontenerefinoa4.296caratteriditesoepurimandare:adunURL(indirizzoweb)oppure
adunsemplicetesto(inquestocasolaconnessioneadinternetnonnecessaria)
NelnostroContinentequestautiletecnologiasistaproponendoalmercatodimassaegisiprevedonogli
utilizzipifantasiosi.
IlcodiceQRoffreunmodorapidoesempliceaipossessoridismartphone(cellulariabilitati)diaccederead
un contenuto multimediale o a servizi web senza dover digitare lunghi indirizzi sulla scomoda tastiera.
Lutente,conunsoloclickaccedeasitiweb,offertepromozionalicomesconti,coupon,immagini,videoe
moltoaltro.
anche possibile trovare software dedicati allo scopo sugli store online delle varie case produttrici di
cellulariesmartphone.
Una volta installato e lanciato il software per la lettura del codice QR, sufficiente inquadrarlo con la
fotocameradelcellulare.
IrequisitiindispensabiliperdecodificareunQRCodesono:
unosmartphone;
un apposito software universale e gratuito (nuove generazioni di telefoni cellulari ne sono gi
dotati);
lapossibilitdiconnessioneainternet.
Le applicazioni del QRCode alle campagne di comunicazione sono numerosissime: campagne virali,
marketing georeferenziato, concorsi, remainder, trailer film, promozioni, etichette intelligenti, ticket,
bigliettidavisita,presentazioneazienda.
Il QRCode rappresenta un nuovo strumento di marketing a tutti gli effetti, utilizzabile per comunicare in
modoinnovativoconipropriclienti,attualiepotenziali.Permettediaccedereauninfinitdiinformazioni
che non troverebbero spazio su etichette, cartelloni e brochure, ma che sono visibili interamente sullo
schermodeltelefonino.
Il punto di forza principale del digital mobile marketing tramite luso del QRCode la possibilit di
connettereilmondodellacomunicazioneofflineequellodeinewmediainterattivicomemaiprimadora.
Questo traitdunion, realizzabile grazie al telefono cellulare, apre nuove ed innumerevoli possibilit di
comunicazione per le aziende che, ad un tratto, possono inviare informazioni in ogni luogo e in ogni
momentoutilizzandounQRCode.
Le informazioni ottenibili mediante il QRCode possono essere facilmente condivisibili sfruttando i pi
diffusi social network e, in questo modo, il passaparola si alimenta in modo spontaneo conferendo un
valoreaggiuntoallacampagnaoffline.

24
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Un ulteriore vantaggio costituito dalla possibilit dellazienda di misurare in tempo reale la risposta del
target, al fine di riuscire a monitorare il successo della campagna in funzione della testata, del mezzo
oppuredelluogopotendocalcolarneilritornoinmodoprecisoemisurabile.
5.3 Esempi
5.3.1 ProgettoICAR
IlprogettoICAR(InteroperabilitecooperazioneapplicativatraRegioni)siproponedidefinireesviluppare
le azioni a supporto delladozione sul territorio regionale di una infrastruttura unificata a supporto
dellinteroperabilit tra i sistemi informativi delle pubbliche amministrazioni, per la semplificazione
amministrativadeiprocedimentichevedonocoinvoltipilivelliistituzionaliinaccordoconlelineeguidaper
lacooperazioneapplicativadefinitealivellonazionale.
IlprogettohavistoilcoinvolgimentoditutteleRegionieleProvinceAutonomeitaliane,iniziatonel2006
econclusonel2009,irisultaticonseguitisonocossintetizzabili:
Realizzazionedellinfrastrutturadibaseperlinteroperabilitelacooperazioneapplicativaalivello
interregionale;
Gestionedistrumentidiservicelevelagreementalivellointerregionale;
Realizzazionediunsistemafederatointerregionalediautenticazione;
Sviluppo di casestudy applicativi ai fini della sperimentazione e dimostrazione delle funzionalit
dellinfrastrutturadiinteroperabilitecooperazioneapplicativainterregionaleneiseguentispecifici
dominiapplicativi:
1. Cooperazioniecompensazionisanitarie
2. Cooperazionetrasistemidianagrafe
3. Areaorganizzativaomogenea
4. Lavoroeserviziperlimpiego
5. Tassaautomobilisticaregionale
6. Osservatoriosullaretedistributivadeicarburanti
7. SistemainformativodiraccordoconCinsedo
8. Piattaformaregionaledisicurezzaalimentare
IprincipaliobiettividaraggiungereutilizzandoiserviziinfrastrutturalidelprogettoICARsono:
Realizzare linterconnessione sicura delle reti regionali, nella logica dellSPCoop, realizzando di
fattoancheilprimonucleosperimentaledellSPCooPinambitonazionale;
Garantire lo scambio di flussi informativi e la cooperazione applicativa tra tutte le
amministrazionieglientideidiversicontestiregionali;
Implementareesperimentareincampiapplicatividiprioritariointeressedelleregioniprotocolli
eformatidiinterscambiostandard,alfinedifornireserviziefficientiagliutentifinali;
Promuovere la convenienza economica e lestensibilit ad ambiti applicativi, non previsti
inizialmente dal progetto, basandosi sui principi di scala e di riuso delle soluzioni tecnologiche
ed organizzative e, dal punto di vista tecnico, sulla definizione di servizi infrastrutturali,
estendibiliconcostirelativamenteminimirispettoasoluzioniAdhoc,

AgendaDigitaleTrendAnalysis
25

Promuovere la cooperazione con altre P.P.A.A. (PAC e PAL), aderendo ai processi di


standardizzazioneincontestiextraregionali.
Inquestottica,RegioneLombardiahacompletatolintegrazionedellecomponentiinfrastrutturalirilasciate
dalprogettoICARallinternodelSistemaInformativoRegionale(SIR),
haqualificatolapropriaportadominiosecondolespecificheSPCoopehaavviatovariesperimentazioniper
testare la funzionalit dellinfrastruttura sia in ambito locale che con il livello centrale, per conseguire i
seguentiobiettivi:
Proporre una piattaforma applicativa federata abilitante lattivazione di una pluralit di nuovi
serviziperlaPA,leimpreseedicittadini;
Razionalizzareesemplificaretuttalafilieradigestionedeiprocedimentiamministrativi;
Realizzareeconomiediscalaemigliorqualitdelleinformazioniedeiservizi;
Riusarelesoluzioniapplicative;
Rafforzare la funzione del livello regionale nei confronti dellAmministrazione centrale (hub
istituzionale)
5.3.2 IdPC
Regione Lombardia, con il progetto Identity Provider del Cittadino, mette a disposizione degli Enti che
eroganoservizidiegovernmentsulterritoriolombardounainfrastrutturaomogeneaestandardizzataper
supportare lidentificazione degli utenti al momento della richiesta di accesso ai servizi erogati dagli enti
stessi.
LinfrastrutturaIdPCconsenteaisingoliEntierogatoridiservizibasatisuCRS(CartaRegionaledeiServizi)di
delegare ad un servizio esterno regionale di autenticazione il processo di verifica delle credenziali di un
utenteinpossessodiunasmartcard(CRS/CNS/CIE).
La realizzazione di uninfrastruttura per laccesso ai servizi facente capo allIdPC porta come immediato
beneficioquellodiuniformareiprocessidiautenticazionedeicittadiniavantaggiodeiserviziespostidalle
pubbliche amministrazioni del territorio lombardo. Questultime possono utilizzare il medesimo sistema
standard messo a disposizione dalla Regione mantenendo totale autonomia e indipendenza nella
predisposizioneenellerogazionedeiproprispecificiservizi.
Linfrastruttura IdPC mette inoltre a disposizione degli enti non soltanto un insieme di componenti
applicativechepossonoessereutilizzatepersemplificarealmassimolintegrazionediserviziesistenticonla
piattaforma, ma anche (e soprattutto) un insieme di regole e linee guida unificate che possono essere
utilizzate dai fornitori di servizi applicativi nella realizzazione di nuove applicazioni e servizi al fine di
garantireunarapidapredisposizionedelleapplicazionielimmediataintegrazioneconlinfrastruttura.

LevoluzionedellIdPCprevedelinteroperabilitelintegrazioneconaltriprogettidirilevanzanazionaleed
inparticolareconilprogettoICAR,finalizzatoallarealizzazionediunapiattaformaperlinteroperabilitela
cooperazione applicativa tra le regioni italiane e con il quale la piattaforma IdPC condivide i principi
ispiratori. Nellattuazione degli scenari evolutivi proposti da ICAR, lIdPC di Regione Lombardia potr

26
AgendaDigitaleTrendAnalysis

svolgere il ruolo di Identity Provider ICAR, oltre ad integrarsi completamente nel modello pi generale di
interazionesubaseinterregionalecheICARpropone.
5.3.3 STORK
STORK un programma quadro sulla competitivit e linnovazione cofinanziato dallUnione Europea.
Lobiettivo del progetto STORK quello di istituire una piattaforma europea per linteroperabilit delle
identit elettroniche (eID) che permetta ai cittadini di accedere a nuovi servizi telematici attraversando le
frontiere e fornendo il proprio eID nazionale. Cos in futuro si dovrebbe essere in grado di avviare una
societ,ottenereunrimborsofiscale,otteneredocumentiuniversitari,etc.senzalapresenza;peraccedere
aiservizisarsufficientefornireipropridatipersonaliusandolidentitelettronicanazionale(eID)poichla
piattaforma STORK gestir le richiesta di autenticazione interoperando con le Pubbliche Amministrazioni
nazionali.
Il progetto STORK adotta un approccio di tipo user centric, in linea con i requisiti legislativi dei diversi
Paesicheemananomisureconcretedaadottarepergarantirecheidirittifondamentalideicittadini,come
quelloallaprivacy,sianorispettati.
IlprogettoSTORKattualmentesibasasuseipilotfondamentali:
Pilot1:Crossborderauthenticationplatformforelectronicservices
Pilot2:SaferChatTopromotesafeuseoftheInternetbychildrenandyoungpeople
Pilot3:StudentMobilityTohelppeoplewhowanttostudyindifferentMemberStates
Pilot4: Electronic Delivery To develop crossborder mechanisms for secure online delivery of
documents
Pilot5:ChangeofAddressToassistpeoplemovingacrossEUborders
Pilot6:EuropeanCommissionAuthenticationServiceECAS
5.3.4 DigiCamere
Un esempio interessante dei benefici ottenibili attraverso il Cloud Computing proviene da DigiCamere, la
societ consortile delle Camere di Commercio di Milano, Monza e Brianza, Pavia e Varese dedicata
allinnovazioneinfotelematica.
Essa integra il knowhow specialistico, tipico della componente istituzionale, con le caratteristiche di
concretezza,praticiteprofessionalitcheemergonodalmondodelleaziende.DigiCameredisponediuna
struttura efficiente: un polo di eccellenza tecnologica che impiega circa 210 persone, per oltre un terzo
specializzate in tecnologie informatiche e telematiche avanzate e per met dedite a qualificati servizi in
outsourcingperleCamere.
Con ladozione di una soluzione cloud based, DigitCamere ha registrato una riduzione del 70% nellutilizzo
delle risorse tecniche di supporto nella migrazione della posta elettronica guadagnando in efficienza e
ottimizzando le risorse interne. In particolare la suite ha permesso di uniformare le diverse tipologie di
client email e ottimizzare la gestione della soluzione open source preesistente, con interfaccia web e
serverinstallatipressoDigicamere.(BCG2011).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
27

6 Patrimonioinformativopubblico
6.1 Trendsocioculturali
6.1.1 Consapevolezzaassetinformazionipubbliche
La facilit nell'accesso a dati e informazioni genera, soprattutto nelle giovani generazioni, una familiarit
nuovaconladisponibilitdaidati.
Perlagenerazionecheabituataa"googolare"qualsiasicosa,adaccedereaWikipediapercoprireunbuco
informativo,unfattonormalechequalsiasiinformazionesiadisponibile,cheildatosiaaccessibile.Senon
lo , considerato normale che lo diventi. Tale attitudine, che naturalmente ha anche degli aspetti
assolutamentenegativiprimofratuttiladebolezzanelcontrollodellefontiel'assenzadipreoccupazionidi
tipo legale nell'utilizzo dei dati, comporta una maggiore consapevolezza dell'esistenza di un patrimonio
informativochepossibileomegliodoverosofarfruttare.
La componente pi innovativa della popolazione tende a considerare i dati prodotti dalla Pubblica
Amministrazione come un patrimonio che deve essere a disposizione, deve poter essere utilizzato per
creare ricchezza. I fenomeni legati al remix, al mashup, non fanno altro che aumentare la velocit di
circolazionedidatieinformazioni.
La nascita nel nostro Paese di numerose iniziative atte a creare e diffondere strumenti e modelli per un
utilizzolegaledeidatiprodottidallaPubblicaamministrazionesegnailgeneraleinteressedellasocietcivile
per questo immenso patrimonio che considerato un patrimonio di tutti e che quindi deve essere a
disposizione di tutti. Iniziative come Spaghetti Open Data, Quinto Potere, Dati Piemonte, dataGov.it
dimostranol'esistenzadiunsignificativointeresseperlafruibilitdelleinformazioni.
Un utile insegnamento che possibile trarre dalle esperienze pi avanzate a livello internazionale il
passaggio da una volont di accesso ai dati della Pubblica Amministrazione in chiave di controllo delle
attivit della stessa alla consapevolezza che si tratta di un patrimonio utile per creare un valore aggiunto
nelpropriobusiness.L'economiadellaconoscenzahaunagrandefamediinformazioni,sonolasuaenergia.
6.1.2 eGov2.0eOpenGovernment
L'innovazione introdotta dai media sociali e dal Web 2.0 ha portato una nuova visione dei servizi pubblici,
focalizzandosi sulla partecipazione dei cittadini/utenti, sulla loro capacit e motivazione a pubblicare
informazioni che diventano parte integrante del servizio. Un tale approccio ha spinto alcuni studiosi a
definire nuove forme di servizi di egovernment etichettandoli con il termine "egov 2.0" ed evidenziando
cos la nuova era dei servizi della Pubblica Amministrazione (Eggers 2005; Osimo 2010). In alcuni studi
scientifici e report istituzionali si sottolinea la trasformazione portata dai media sociali nel ciclo di vita del
processo di servizio e anche nelle strutture alla base del servizio. Le tradizionali gerarchie del settore
pubblico, storicamente legate a processi guidati da obiettivi interni, piuttosto che da una mentalit di
erogazione di servizi all'esterno, sono state spinte ad evolversi grazie alle nuove tecnologie. Il modello
convenzionalediamministrazionepubblicachelavoracomeentitseparataedistinta,ciascunagestendola

28
AgendaDigitaleTrendAnalysis

propriaconoscenzainsilosprotettiescollegatiunodall'altro,sistatrasformando.LoscenarioincuilePAsi
trovano ad operare una societ dell'informazione caratterizzata da relazioni a rete, in cui le
amministrazionidevonocollaborareconaltreamministrazioni,conorganizzazioninonprofit,conimpresee
cittadiniperaffrontarelenuovesfidedellaglobalizzazione.Nuoviattoriestakeholderentranoinrelazione
con le amministrazioni e si impone l'imperativo della collaborazione e della cooperazione. La
trasformazione dei modelli di servizio della Pubblica Amministrazione pu essere sintetizzata nella
seguentetabella:
Dimensione Government1.0 Government2.0
Modellooperativo Gerarchico
Rigido
Arete
Collaborativo
Flessibile
Modellodierogazionedeiservizi Dimensionestandard
Monopolio
Singolocanale
Personalizzato
Basatosullescelte/esigenze
Multicanale
Misuradellaperformance Orientatoagliinput
Chiusura
Guidatodairisultati
Trasparenza
Decisionmaking Spettatore Partecipativo
Tabella5ModellidiserviziodellaPubblicaAmministrazione.Fonte:Deloitte2000

La collaborazione e i media sociali possono portare benefici alle PA in termini di miglioramento


dell'attivazionedellepolitiche,maggiorefficacianell'utilizzodelleinformazionigovernative,processiinterni
pitrasparentieflessibili,maggiorattrattivaancheperigiovanitalentiequindinuovepossibilitdilavoro.
L'Open Government appare invece come una nuova versione delleGov 2.0, di cui tuttavia non esiste
ancora una definizione consolidata. In letteratura alcuni articoli fanno riferimento all'eparticipation come
aspettoprincipaledell'egovernment2.0,valeadireognitipodiiniziativaperfarpartecipareicittadinialle
politiche delle PA tramite l'utilizzo delle ICT; altri articoli invece si focalizzano sui concetti di trasparenza e
accessoalleinformazionideiprocessidigoverno.Unarecenteseriediarticolihafissatoalcunipuntifermi
dellaricercaedelleiniziativedelleGov2.0(Osimo2010).Trasparenzaeaccessoalleinformazionieaidati
prodotti dalle politiche delle PA sono i pilastri concettuali anche dell'Open Government, che ha come
obiettivi il risparmio di denaro pubblico e lo sviluppo di nuove opportunit economiche. Il risparmio
perseguito grazie all'adozione di tecnologie open source al posto di prodotti a licenza. Le infrastrutture
tecnologiche si stanno indirizzando verso il cloud computing ed esiste un forte interesse anche per
l'inserimentodellasemanticaneiservizidellaPA,comestatogisperimentatonell'esperienzabritannica
del sito governativo www.data.gov.uk. Questo sito pu essere preso a modello per l'approccio e per le
innovazioni introdotte nel trattamento dei dati: si rif espressamente allexpertise e alla visione del prof.
NigelShadboldtediTimBernersLee,cheraccomandanolapprocciopartecipativoeladescrizionedeidati
in RDF (Resource Description Framework), cos da permettere di creare relazioni semantiche tra i dati, le
loro fonti (e.g. database relazionali) e le persone che li hanno caricati. Il sito basato sulla tecnologia dei

AgendaDigitaleTrendAnalysis
29

LinkedData(BernersLee,2006;Bizeretal.2007),sviluppatadalW3C,comenuovafrontieradelSemantic
Web.
6.2 Trendtecnologici
6.2.1 OpenData
Il paradigma degli Open Data sta caratterizzando fortemente l'ambito dei servizi della Pubblica
Amministrazione nelle forme gi descritte per i Public Service 2.0 e l'eGov 2.0. Gli Open Data
14
sono
informazioni pubblicate online dalle Amministrazioni riguardanti il loro operato, trasparenti, libere e
leggibili dalla maggior parte delle applicazioni e per far ci necessario che utilizzino "un formato aperto
(open)chepossacioessererecuperato,soggettoadazionididownload,indicizzatoericercatoattraverso
le applicazioni di ricerca web utilizzate pi comunemente. Per formato open si intende un formato
indipendenterispettoallapiattaforma,leggibiledallelaboratoreeresodisponibilealpubblicosenzachesia
impedito il riuso dellinformazione veicolata" (Kundra, 2009). Per essere tali, gli Open Data devono
rispettare alcuni principi: non essere soggetti a limitazioni di privacy, copyright o di licenze, raccolti con il
massimolivellodigranularit,pubblicatitempestivamente,accessibiliperlapiampiagammadiutentiedi
scopi,informatichepermettanol'elaborazioneautomatizzata,disponibilisenzanecessitdiregistrazionee
senzachenessunaautoritneabbiailcontrolloesclusivo.
Il movimento degli Open Data sta trasformando il concetto di servizio della Pubblica Amministrazione,
migliorandone l'efficacia e introducendo sempre di pi la possibilit offerta ai cittadini di collaborare ai
processi di decisione e di attivazione delle politiche. Da un punto di vista sociale quindi aumenta la
collaborazione e la partecipazione dei cittadini, maggiormente consapevoli dei risultati delle
Amministrazioni e capaci di intervenire direttamente proponendo nuovi servizi e nuovi utilizzi dei dati.
Dall'altra parte gli Open Data "costringono" le Amministrazioni ad essere trasparenti e aperte e trovare
forme di rappresentazione delle informazioni leggibili e facilmente interpretabili a chiunque,
indipendentementedallepiattaformetecnologiche.
Il fenomeno Open Data sta caratterizzando maggiormente i servizi della Pubblica Amministrazione del
mondoanglosassoneedeipaesinordici,sostenutodalegislazioniinnovativeemanifestichehannoavviato
iniziative di apertura dei dati. In Italia invece ancora a uno stadio elementare, infatti lo sviluppo di un
formato open dei dati ancora considerato dalla maggior parte delle PA italiane come insicuro se non
addirittura pericoloso. Questa sfiducia verso gli Open Data legata a diverse motivazioni: scarsa
conoscenza o totale fraintendimento del fenomeno, barriere culturali e tecnologiche, provincialismo delle
istituzioni locali. In particolare, come rileva Ernesto Belisario, avvocato ed esperto di diritto delle nuove
tecnologie,daunlatocisonoproblemialivelloorganizzativo:
la Pubblica Amministrazione, fatte le dovute eccezioni, generalmente non pienamente
consapevoledelconsistentepatrimoniodidatiinsuopossesso;
soltantounaminimapartedeidatiinpossessodellaPAdisponibileinformatodigitalee,neicasi
incuilo,nonsempregarantitalinteroperabilit;

14
Ladefinizioneufficialediopendata:http://www.opendefinition.org/okd/

30
AgendaDigitaleTrendAnalysis

inoltre, i dati non sempre sono acquisiti con una licenza tale da consentirne la pubblicazione ed il
riutilizzo.
Dallaltro,esistonoinItaliaevidentilimitialivellonormativo:
laleggegeneralesulprocedimentoamministrativoche,adifferenzadegliUSAincuiognicittadino
in quanto tale ha il diritto di accesso ai dati pubblici (right to know), prevede il possesso di un
interessespecificoequalificatoperpoteraveretaleaccesso(needtoknow);
una normativa sulla privacy troppo rigorosa che limita notevolmente la trasparenza e laccesso ai
dati,impedendonedifattolindicizzazionedapartedeimotoridiricerca;
il Codice dellAmministrazione Digitale che, pur avendo una portata rivoluzionaria, in quanto
consentirebbe alla PA di rendere disponibili i propri dati in formato aperto, tuttavia non va a
modificarelaleggesullatrasparenzaamministrativaenlaleggesullaprivacy.
6.2.2 Web3.0
IconcettidiOpenData,OpenGovernment,LinkedDataeSemanticWebsonospessoutilizzatiinsiemeper
descrivereilfuturodelWeb,sintetizzatoconiltermine"Web3.0".ComeaccadutoperilWeb2.0,anche
questoterminenonhaunadefinizionecondivisa,inoltreall'internodellecomunitscientificheildibattito
aperto sui confini e sulla natura dell'oggetto. Per sintetizzare il dibattito si pu dire che esistono almeno
due differenti definizioni o visioni del Web 3.0. Da una parte si intende il futuro del Web come la
realizzazionedelWebSemantico,dall'altracomeun'evoluzioneulterioredelWeb2.0conunlivellosempre
pi elevato di collaborazione degli utenti, maggiore ubiquit, integrazione e interoperabilit delle
piattaforme e dei formati, aumento dell'utilizzo di Internet con device mobili, predominio di paradigmi
comeilsoftwareasaserviceeditecnologieopen.
Con Web Semantico, termine coniato dal suo ideatore Tim BernersLee
15
, si intende la trasformazione del
World Wide Web in un ambiente dove i documenti pubblicati (pagine HTML, file, immagini, etc.) siano
associati ad informazioni e metadati che ne specifichino il contesto semantico in un formato adatto
all'interrogazione, all'interpretazione e, pi in generale, all'elaborazione automatica. Con l'interpretazione
delcontenutodeidocumenticheilWebSemanticorendedisponibile,sarannopossibiliricerchemoltopi
evolute delle attuali, basate sulla presenza nel documento di parole chiave (o di loro sinonimi) e altre
operazioni specialistiche come la costruzione di reti di relazioni e connessioni tra documenti secondo
logichepielaboratedelsemplicecollegamentoipertestuale
16
.Allelogicheealletecnologiesemantichesi
collegano i paradigmi Open Data per creare un Web formato da database integrati e fonti di dati aperti,
collegati tra loro e rappresentati in formato RDF e OWL (i linguaggi di rappresentazione dei dati del Web
Semantico), questo in sintesi la natura del progetto Linked Data
17
che rappresenta l'evoluzione del Web
Semantico secondo il punto di vista del Consorzio W3C
18
che ne sta sviluppando le architetture e gli
standard.

15
TimBernersLee,JamesHendler,OraLassila,TheSemanticWeb,ScientificAmerican,2001.
16
http://it.wikipedia.org/wiki/Web_semantico
17
http://linkeddata.org/
18
http://www.w3.org/standards/semanticweb/data

AgendaDigitaleTrendAnalysis
31

Oltreall'utilizzodelletecnologiesemanticheilWeb3.0vistoanchecomeunWebsemprepiintelligente,
passandodasemplicefornitoredisitidinformazioneediambientiWeb2.0checonnettonopersone,verso
un Web di dati e di servizi, che permette una maggiore connessione e integrazione di conoscenza e
intelligenza (Spivack 2008, van Oranje et al. 2009, RAND Europe 2010), anche grazie alla combinazione di
tecniche di Intelligenza Artificiale, Natural Language Processing, Machine Learning, rese disponibili anche
suidevicemobilieconsemprepielevatilivellidipersonalizzazione.
6.3 Esempi
In tema di Open Government emblematica la visione del Governo Obama negli USA (Executive Office
2009). Tale visione unisce il paradigma dell'open source e degli open data per i prodotti software e i
linguaggi e i modelli di interazione e partecipazione del Web 2.0, per i servizi al cittadino. La dottrina
dellOpen Government imperniata su un concetto molto semplice: tutte le attivit dei governi e delle
amministrazionidellostatodevonoesseretrasparentiedisponibiliperfavorireazioniefficaciegarantireun
controllopubblicosulpropriooperato.NellaDirettivadiObama,ideatadaVivekKundra,silegge"Findove
possibile e sottostando alle sole restrizioni valide, le agenzie devono pubblicare le informazioni on line
utilizzando un formato aperto (open) che possa cio essere recuperato, soggetto ad azioni di download,
indicizzato e ricercato attraverso le applicazioni di ricerca web pi comunemente utilizzate. Per formato
open si intende un formato indipendente rispetto alla piattaforma, leggibile dallelaboratore e reso
disponibile al pubblico senza che sia impedito il riutilizzo dellinformazione veicolata". Gli effetti pratici di
questa direttiva si sono concretizzati con la messa in esercizio di Data.Gov (http://www.data.gov/), il
portale governativo americano creato con lo scopo di garantire un unico punto di accesso a tutte le
informazionipubblicheprodottedalgoverno.Operativamenteilserviziopermettealleaziende,aicittadini
e alle altre istituzioni di prelevare direttamente i dati grezzi, oppure di estrarli tramite la mediazione di
strumenti (tipicamente applicazioni/widgets o siti web) in formato presentabile ma formattato. Una
sezioneparticolareriservataaigeodata(informazionigeografiche)pubblici.
TalefilosofiastataprestoassimilataemessainpraticadaalcuniStatieuropei(GranBretagnaeFinlandia
traiprimi)edallaCommissioneEuropeachehadefinitodellelineeguidaperlamessainpraticadell'Open
Governmentintuttiipaesimembri(EUMinisterialDeclaration2009).
In Italia molti enti pubblici e privati e singoli esperti hanno iniziato una campagna di sensibilizzazione e di
creazione di un "movimento" italiano dell'Open Government (come viene chiamato anche il movimento
degli Open Data). Questo tipo di attivit ha portato alla definizione di un Manifesto italiano per l'Open
Government (http://www.datagov.it/) e alla creazione di siti che raccolgono i progetti italiani
sull'argomento(alcuniesempi:http://www.spaghettiopendata.org/,CKANhttp://it.ckan.net),esoprattutto
la definizione di una licenza italiana per gli Open Data (http://www.formez.it/iodl/). A fine 2010 erano
disponibilionline46banchedatiitalianeinformatoOpenData,madiquestesoltanto12registrateconuna
licenza e quindi facilmente riutilizzabili. La prima iniziativa e tuttora la pi avanzata il portale della
Regione Piemonte (http://dati.piemonte.it) che carica costantemente banche dati in formato Open e
permetteaicittadinidiscaricaretalidati,riutilizzarliecommentarlisulportaleesoprattuttolosviluppodi
applicazionidapartedegliutenti,comeadesempioilriutilizzodeidatisulturismopiemontesearricchitida

32
AgendaDigitaleTrendAnalysis

mashup e dati georeferenziati (lapplicazione Where to sleep in Turin consente la ricerca delle strutture
ricettivedellaprovinciatorinese).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
33

7 RicercaeInnovazionenellICT
LinnovazionesvolgeunruolofondamentalenellanuovastrategiaEuropa2020.Adessafariferimentouna
delle sette iniziative faro LUnione nellinnovazione che ha come obiettivo il miglioramento delle
condizioni generali in cui operano i ricercatori e lutilizzo pi efficace dei finanziamenti, in modo che si
possano sviluppare e concretizzare le idee innovative utili per affrontare il periodo di crisi economica e
occupazionale.
LUnione Europea sottolinea la necessit di attuare una politica di condivisione delle esperienze e delle
attivit. Ricercatori e innovatori devono collaborare tra loro e muoversi liberamente nel territorio
dellunione, da qui la necessit di costruire uno Spazio Europeo della Ricerca veramente unificato. La
strategiaeuropeaindividua,inoltre,comestrumentoprimarioperlaricercailrafforzamentodipartnership
chedevonocoinvolgeretuttiglioperatoririlevantialivelloregionale,nazionaleediUnione.
Inoltre, lUE, considera strategici gli investimenti per la ricerca e innovazione nel settore dellInformation
and Communication Technologies (ICT); ci stato reso esplicito in due comunicazioni ufficiali della
Commissioneeuropea.
UnastrategiaperlaR&SelinnovazioneinmateriadiICTinEuropa:passareallavelocitsuperiore.
(Bruxelles,13.3.2009COM(2009)116)
E una strategia per la leadership industriale e tecnologica europea nel settore delle tecnologie
dellinformazione e della comunicazione (ICT), rendendo lEuropa pi attrattiva per gli investimenti e le
competenze in questo ambito e fare in modo che leconomia e la societ europee traggano pienamente
vantaggiodaglisviluppidellICT.

Basandosi sui punti di forza dellEuropa, questa strategia mira a intensificare limpegno di ricerca e
innovazione (R&I) e massimizzare il suo impatto nel contesto economico odierno. LUE, gli Stati membri e
glientiintergovernativihannoistituitopoliticheeazionicomplementariasostegnodellaR&IinEuropa.Per
fornire orientamenti sullutilizzo dei fondi comunitari, la Commissione europea (CE) ha pubblicato una
PracticalGuidetoEUfundingopportunitiesforResearchandInnovation(Guidapraticadellepossibilitdi
finanziamento comunitario per la ricerca e linnovazione). Tuttavia, i potenziali beneficiari sono spesso
disorientatiquandodevonosceglierelafontedifinanziamentopiindicataperunadeterminataattivit.

Nuovi orizzonti delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione una strategia di ricerca sulle
tecnologieemergentiefutureinEuropa.
(Bruxelles,20.4.2009COM(2009)184)
Comunicazione per dare impulso alla competitivit dellEuropa e allecosistema dellinnovazione a lungo
termine grazie a maggiori investimenti nella ricerca ad alto rischio nel settore strategico delle tecnologie
dellinformazioneedellacomunicazione(ICT).

VisisottolineailsuccessoelimportanzastrategicadellaricercasulleTecnologieEmergentieFuture(TEF)
per gettare le basi delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione future e creare condizioni
propizieallinnovazione.Visidelineanoanchelegrandilineediunastrategiaapilungotermineediazioni

34
AgendaDigitaleTrendAnalysis

specifiche che lEuropa dovrebbe attuare nellambito del 7 programma quadro (7 PQ) per assumere una
posizioneguidanellaricercasulleTEF,rafforzandolapropriadimensioneeuropeaeglobale.
7.1 Trendsocioculturali
7.1.1 OpenSource
L'approccio Open Source al software (e alle tecnologie ICT in generale) nato spontaneamente con la
diffusione di Internet nel mondo: derivato dalla libert totale della rete, dallo spazio illimitato alle
iniziative singole o collettive, dalla possibilit di creare rapporti tra persone prescindendo da vincoli di
spazio e tempo. Il software, nella visione filosofica dei partecipanti al mondo Open Source (sviluppatori
edutenti),puassimilarsiadunbenecomune:gestitoinmodototalmentetrasparente,nellacertezzache
qualsiasiutilecontributoportivantaggioallacomunitumana.L'affermazionecrescentedelsoftwareOpen
Sourcehaportatotraiprimibeneficilaconseguentediffusionedistandardeformatiaperti,elacreazione
dellecommunityhaportatounamaggiorestabilit,equindiaffidabilit,deiprodottiOpenSource.Queste
appaionocomeunprimo,spontaneoenecessarioassettoorganizzativocondivisoperaumentareibenefici
dell'avereadisposizioneilcodicesorgente.
Sebbene la tecnologia Open Source non rappresenti una novit per la Pubblica Amministrazione, sta
rivestendo un ruolo sempre pi importante nello sviluppo della prossima generazione di applicazioni
informativealtamentescalabili.TraglielementidelsoftwareOpenSourcechelorendonocosinteressante
perlaPubblicaAmministrazionevisono:

Maggiore interoperabilit: il software Open Source si basa tipicamente su standard aperti, il che
facilitalacondivisionediinformazionirispettoaisistemiditipoproprietario.
Eliminazione del lockin: l'Open Source flessibile ed elimina la dipendenza da una particolare
piattaformaounparticolarefornitore.
Maggiore sicurezza: gli studi hanno dimostrato che il software Open Source pi affidabile e pi
sicuro rispetto al software di tipo proprietario. Quando sono necessarie delle patch, queste sono
tipicamentedisponibiliinpocheore,anzichingiorniomesi.
Minorecostototaledigestione:glistudihannodimostratochelamiglioreaffidabiliteproduttivit
del software Open source, unite ai minori costi per hardware e software, possono generare un
costototaledigestioneinferioredel90%rispettoaltradizionalesoftwareditipoproprietario.
L'Open Source sembra quindi offrire alle Pubbliche Amministrazioni rilevanti potenzialit di carattere
economico, culturale e sociale. Oltre alla sicurezza dei dati trattati e conservati, sono punti altrettanto
importantilacomunicabilitel'accessibilitdeidatidapartedi unampioraggiod'utenza elastabilitdei
formati di videoscrittura di ogni documento messo a disposizione dalla PA. Ci per evitare, a causa dei
continui cambiamenti di software e hardware, di dover ogni volta ricominciare da zero. I formati non
dovrebbero subire evoluzioni con l'evoluzione del software che lo elabora. Inoltre, l'adozione dell'Open
Source porta al risparmio in fatto di costi di licenza, spese dei servizi di supporto, della formazione,
d'installazioneedigestione.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
35

L'Open Source come modello organizzativo di sviluppo di tecnologie ICT sta diventando protagonista in
diversi Paesi del mondo. I dati disponibili sono infiniti e le esigenze di sicurezza per controllarli e tutelarli
crescono su base esponenziale. Avere il codice sorgente aperto nei programmi utilizzati all'interno delle
organizzazioni,significacheicontrolliattiaricercareeventualidebolezzedelsistemasonopiagevoli(nel
software proprietario ci si deve rivolgere al produttore). Come visto con il movimento dell'Open
Government, molti Governi e Pubbliche Amministrazioni stanno passando all'Open source per diversi
motivi: sicurezza, controllo, risparmio e trasparenza. I Governi degli USA, della Cina, e, tra gli altri, i
Ministeri della Cultura, dell'Educazione e del Tesoro francesi, cos come il governo centrale messicano, la
Germania, l'Austria, la Spagna, hanno scelto il software Open Source sostenendone la produzione e
l'utilizzo. In particolare, l'amministrazione Obama sta investendo molto in tecnologie Open Source,
coinvolgendo i maggiori esperti del settore, soprattutto per rendere disponibili dati e servizi in formato
open (come visto nelle sezioni sull'Open Data e Open Government). Altri Paesi si dimostrano ancora
indecisi sulla strategia da adottare, ma si sta cercando a gran voce di orientare gli Enti Pubblici verso
l'indipendenzadaimonopolistiinformatici.
La situazione italiana della diffusione dell'approccio e delle tecnologie Open Source nelle PA in
evoluzione. L'interesse e il dibattito vivo soprattutto a livello locale. Mentre a livello centrale, dopo una
stagionediattenzionedapartedelDigitPAconlacostituzionediunOsservatorioOpenSource(nel2003),il
dibattitosiarenatoenonhaavutoimpulsisostanziali,nelleregioniinparticolarein alcuneregionidel
centronordsisviluppatounmovimentoperlapromozionedelsoftwareacodicesorgenteaperto.
A conferma che non si tratti pi di un argomento per pochi adepti vi sono i dati ISTAT che vedono una
diffusonedelsoftwareapertonellametdelleamministrazionilocalicomplessivamenteconsiderateenella
quasi totalit di regioni e province. Le regioni in particolare hanno ormai trasferito integralmente su
tecnologie a codice aperto sia i sistemi operativi server side che i server Web, con una buona diffusione
dellOpen Source anche a livello di applicativi (office automation, database management, sistemi di
sicurezza).

Tabella6Ladiffusionedell'OpensourcenellaPAlocaleitaliana

Tra le regioni di punta lEmilia Romagna che gi nel 2004 ha sancito a livello normativo (L.R. 11/2004
Sviluppo della Societ dellInformazione) un indirizzo specifico in direzione delladozione del software
libero stabilendo, allart 3, che tra gli obiettivi specifici che la Regione deve perseguire vi

36
AgendaDigitaleTrendAnalysis

l'interoperabilitattraversol'usodiformatididatieprotocollidicomunicazioneconformiastandardliberi
e/o aperti e che (art. 5) al fine di garantire ai cittadini la massima libert di accesso all'informazione
pubblica,laRegionepromuoveattivamentel'usodiformatididocumentazioneelettronicaedibasidatisu
formati non proprietari. La Regione promuove la competitivit e la trasparenza del mercato, assumendo
quale lineaguida il principio del pluralismo informatico e di libera scelta nella realizzazione di piattaforme
informatiche; promuove il riuso di software di cui le pubbliche amministrazioni sono proprietarie ed
impegnata alla rimozione di barriere dovute a diversit di formati non standard nella realizzazione dei
programmi e delle piattaforme e all'impiego ottimale sia del software a sorgente aperto che di quello a
sorgentechiusonellapubblicaamministrazione.
AlcunecriticitdicuinecessariotenercontonellevalutazionidiimpiegodegliOpenSourceSoftwaresono
(Bravo2009):
Possibilimaggioridifficoltdiindividuazionedelsoggettocontraente,concuistipulareilcontratto
perlacquisizionedellelicenzeduso;
Possibilimaggioridifficoltnellottenerecontrattualmentelamanutenzionedelsoftware;
Individuazione delle responsabilit nel caso di malfunzionamenti del software open source o nel
casodidanniprovocatidalmedesimo;
Poca chiarezza e profonde divergenze di vedute in ordine alla disciplina giuridica applicabile alle
publiclicenses;
Necessitdiknowhowspecializzatoeadeguataattivitdiformazioneedaccompagnamento;
Analisi costibenefici in fatto di migrazione di sistemi proprietari verso ambienti OS relativamente
alleattivitdipersonalizzazioneedadeguamentodeisistemi.
Va detto che ladozione di soluzioni Open Source richiede una particolare attenzione rispetto a taluni
argomentichesesottovalutatirischianodicomplicarelaviadellaPPAAanzichsemplificarla.
Innanzi tutto necessaria una forte volont politica per sostenere scelte che possono portare vantaggi in
tempi che possono anche andare oltre una legislatura (il progetto di migrazione a soluzioni Open
dellamministrazionediMonacodiBavierastaarrivandoacompletamentodopooltre12annidiattivit);
fuori dubbio che le grandi lobby del software proprietario possono esercitare pesanti pressioni cui
necessariofarefrontemotivandoconattenzioneogniscelta.
Probabilmente ladozione di strumenti Open pi semplice per sistemi che partono da zero o che si
rinnovanodrasticamenteaprezzodiattuareuntaglionettoconlesituazionipregresse;perchiinveceha
gisistemiinformativifortementesviluppati,conmolteapplicazionirealizzateadhocapartiredapacchetti
applicativi basati su software proprietari e che gestiscono basi dati complesse, necessaria molta
attenzionenelprevedereperlamigrazioneunpesantesforzointerminiditempooltrecheeconomico.
La migrazione di sistemi proprietari verso ambienti Open richiede knowhow specializzato, conversione
degliskilldichisupportailSistemaInformativo(siaessopersonaleinternocheaziendeesterneallente).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
37

Se si interviene anche sulle postazioni di lavoro e sullinterfaccia utente bisogna prevedere adeguate
attivit di formazione e accompagnamento, anche per scardinare abitudini e diffidenze del personale e
renderlopartecipealcambiamento.
Anche limpatto sul mercato del proprio territorio andr tenuto in debita considerazione: se vero che il
passaggio allOpen Source apre a nuove prospettive di sviluppo, altrettanto vero che va a penalizzare le
realt produttive fatte anche di piccole aziende che localmente lavorano a supporto dei grandi nomi dei
sistemiproprietari.
Assorbitolimpegnoperlamigrazione,anchearegimeperunaPAilcostodeisistemiOpennonpuesser
considerato pari a zero. Si riducono di molto i costi legati a licenze duso e interoperabilit con sistemi
proprietari,macresconoleattivitdipersonalizzazioneeadeguamentodeisistemi.Dovendodaregaranzie
di continuit dei servizi erogati, necessario che chi gestisce il sistema per le PPAA sia ben organizzato e
confidisuunasolidastrutturadiassistenzaesviluppoenonsolosullaComunitOpen.
7.1.2 Greeneconomy
Lo United Nations Environment Programme (UNEP) definisce una green economy come uneconomia che
comporti miglioramenti nel benessere umano e sociale, riducendo al contempo i rischi ambientali.
Uneconomia verde pu essere pensata come efficiente nelluso delle risorse e socialmente inclusiva, in
cui la crescita del PIL e delloccupazione dovrebbe essere guidata da investimenti per ridurre
linquinamento,rafforzarelefficienzaenergeticaedellerisorse,prevenendolaperditadibiodiversitnegli
ecosistemi.
UnodeimovimentipiinteressanticheanimanoildibattitointernazionalesullagreeneconomyBreaking
the Climate Deadlock, liniziativa sui temi del cambiamento climatico intrapresa da lex primo ministro
britannico Tony Blair e The Climate Group. Lobiettivo strategico di Breaking the Climate Deadlock
costruiresupportopoliticoedibusinessdialtolivelloneiPaesichiaveperunnuovoeambiziosopost2012
climatechangeagreement.
In questo contesto vanno evidenziati gli obiettivi Europei 202020, che prevedono entro il 2020 la
riduzionedel20%delleemissionidigasserrarispettoailivellidel1990,laumentodellefficienzaenergetica
del20%,echeil20%diproduzionedienergiaelettricaprovengadafontirinnovabili.Questiobiettivisono
poi declinati in obiettivi nazionali, che per lItalia si traducono nel raggiungere, da un livello del 5,2% nel
2005,unlivellodiproduzionedienergiadafontirinnovabilidel17%entroil2020.
7.1.3 Crowdfunding
Il crowd funding un fenomeno in continua espansione. Nato per i processi di sviluppo collettivo di
prodottisoftwarestatopoideclinato,negliultimiperiodi,aprocessidiqualsiasigenere,dallasolidariet
in occasione di calamit naturali come ad esempio i disastri ad Haiti al mecenatismo artistico, dal
giornalismo partecipativo fino allimprenditoria innovativa e, da ultimo, anche a supporto della ricerca
scientifica.

38
AgendaDigitaleTrendAnalysis

In seguito ad un articolo apparso sulla rivista Science, ci sono stati, infatti, numerosi tentativi di
applicazione del crowd funding alla ricerca; lidea di sintesi che i ricercatori pubblichino una sintesi del
proprioprogettodiricercasuunapiattaformawebpubblicamenteaccessibile,includendounadescrizione
dei principali obiettivi, la durata prevista ed il contributo finanziario richiesto. I donatori, tra cui, ad
esempio, privati cittadini e associazioni filantropiche hanno cos la possibilit di decidere quali progetti
supportare e di verificare nel tempo i risultati del proprio investimento. I progetti finanziabili sono scelti
mediante un processo di selezione che consente ai ricercatori di assegnare un punteggio alla qualit
scientifica dei progetti proposti dai colleghi. In questo modo, i giovani ricercatori hanno maggiori
opportunitdiottenerevisibilitefinanziamentiperleproprieiniziative.Unserviziodicrowdfundingoffre,
in sintesi, diversi vantaggi, tra cui quello di incrementare i fondi disponibili per la ricerca, assegnare le
risorse in modo pi trasparente e meritocratico ed aumentare il coinvolgimento dei cittadini nel processo
scientifico.
Per consentire alle persone sprovviste di competenze specialistiche di valutare la qualit scientifica di un
progettosiutilizzaunsistemadipeerreview(revisionetrapari)anonimo,analogoaquelloutilizzatodalle
agenziedifinanziamentoperdeciderelassegnazionedeifondi.Questosistemapotrebbeessereaffiancato
da indici standard di reputazione (ad esempio, limpact factor complessivo delle pubblicazioni del
ricercatore).
Per quanto concerne la protezione della propriet intellettuale il problema affrontato lasciando ai
ricercatori la possibilit di decidere il livello di protezione, ad esempio applicando licenze Creative
Commonsdeclinateadhocsuirisultatidellaricerca.
Ipotenzialiinvestitorisonomotivatidallaprospettivadipartecipareaiproventigeneratidallosfruttamento
economico di una nuova scoperta (nel caso della ricerca commerciale) o dal riconoscimento pubblico del
propriocontributo(nelcasodellaricercanoprofit).
Tra le iniziative di crowd funding pi importanti nel campo della ricerca scientifica vanno sicuramente
menzionate OpenGenius, attiva per la ricerca in campo medico; Cancer Research MyProjects, un'iniziativa
che consente alle persone di donare un contributo a uno specifico progetto di ricerca sul cancro e
YouTelethon, il nuovo programma di Telethon che si propone come punto dincontro virtuale della
communitydisostenitoridellaricercasullemalattierare.QuestultimastatalaprimainiziativaItalianadi
crowdfundingperlaricercascientifica.
7.2 Trendtecnologici
7.2.1 GreenIT
Un trend crescente ma non ancora pienamente affermatosi la Green IT. Con questa espressione si fa
spesso riferimento ai processi aziendali e alle tecnologie informatiche che producono un impatto
sostenibile sullambiente. Green IT (Murugesan 2008) sono lo studio e le pratiche di progettazione,
produzione,utilizzo,smaltimentodicomputer,serveresottosistemi(monitor,stampanti,memorie,sistemi
di comunicazione e networking) che si basano sullefficienza energetica e il basso impatto sullambiente.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
39

Comuni iniziative green intraprese dalle aziende sono luso degli edocuments, la riduzione dei viaggi e il
telelavoro.
Il Green IT Promotion Council (GIPC) ha fatto delle stime sullincremento dei consumi energetici mondiali
neiprossimiannifinoal2050eleffettocheletecnologieICTabassoimpattoambientalepotrebberoavere
percontenerequestadinamica.InparticolareilGIPChastimatolimpattochealcuneinnovazionitecniche
potrebberoaveresuidiecidispositivielettronicichedeterminanoilmaggiorconsumodienergia:PC,server,
storage, router switch, display, televisori, recorder/player a uso domestico (DVD etc.), refrigeratoti,
impianti dilluminazione, impianti di aria condizionata. Le stime di GIPC sono state fatte su tre possibili
scenari:
ScenarioA:altotassodicrescitadeiconsumienergeticidelleapparecchiatureIT
ScenarioB:mediotassodicrescitadeiconsumienergeticidelleapparecchiatureIT
ScenarioC:bassotassodicrescitadeiconsumienergeticidelleapparecchiatureIT

Figura8Stimeconsumienergeticimondiali,scenarioA.Fonte:GIPC

40
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Figura9Stimeconsumienergeticimondiali,scenarioB.Fonte:GIPC

Figura10Stimeconsumienergeticimondiali,scenarioC.Fonte:GIPC

Datuttiitrescenariconsideratiemergecheglispazidiriduzionedeiconsumienergeticiattraversolagreen
ITsononotevoli.
7.2.2 SmartGrid
Unasmartgridunaretecosiddetta"intelligente"perladistribuzionedienergiaelettrica.Schematizzando
glieventualisurplusdienergiadialcunezonevengonoredistribuiti,inmododinamicoedintemporeale,in
altre aree. Una rete che si compone di tante piccole reti tra loro collegate, in grado di comunicare
scambiandoinformazionisuiflussidienergia,gestendoconmiglioreefficienzaipicchidirichiesta,evitando

AgendaDigitaleTrendAnalysis
41

interruzionidielettriciteriducendoilcaricoovenecessario.Unasimilitudinepuesserefattaconlarete
di internet dove tutti gli utenti sono interconnessi tra di loro potendo ricevere e inviare informazioni
uscendocosdalloschemadidistribuzionedaunoamolti.
Una "smart grid" pu effettuare il routing dell'energia per rispondere a diverse esigenze tecniche. La rete
pu:
Individuareisoleenergetichesuscalanazionaleecontinentale;
Rispondereinmodoottimalebilanciandodomandaeoffertadienergia;
IntegrarsiinunaHomeAreaNetwork.
Sebbene esistano molteplici ostacoli di carattere regolatorio, molti governi stanno spingendo verso la
costruzione di sistemi di distribuzione e gestione intelligenti, finalizzati all'indipendenza energetica e alla
lottaalriscaldamentoglobale.

42
AgendaDigitaleTrendAnalysis

7.2.3 Ubiquitouscomputing
Lubiquitous computing considerato dagli analisti di Gartner una delle dieci tecnologie strategiche per il
2011.
Ubiquitous computing un modello dinterazione uomomacchina alternativo e per certi versi evolutivo
rispetto al personal computing (desktop paradigm). Nellubiquitous computing le capacit elaborative
delleinformazionisonocompletamenteintegrateneglioggettienelleattivitquotidiane.Piformalmente
ubiquitous computing il paradigma in cui le macchine si adattano allambiente umano invece di
costringereluomoadentrareinloro(York,Pendharkar2004).
Lubiquitous computing pi o meno lopposto della realt virtuale; mentre la realt virtuale spinge le
personeallinternodiunmondogeneratoconicomputer,lubiquitouscomputingforzaicomputeravivere
nelmondorealeconlepersone.
Tutti i modelli di ubiquitous computing condividono la visione di piccoli, economici e robusti dispositivi di
calcolointerconnessiedistribuitidiffusamenteintuttiglioggettieleattivitquotidiane.
StoricamenteMarkWeiser(Weiser1991)hapropostotreformebasepergliubiquitoussystemdevice(detti
anchesmartdevice):
Tabs:dispositiviindossabilicondimensioninellordinedeicentimetri;
Pads:dispositivichepossonoesseretenutifralemanicondimensioninellordinedeidecimetri;
Boards:dispositivicondimensioninellordinedelmetro,adesempiodisplayinterattivi.
Successivamente(Poslad,Stefan2009)sonostatiproposti:
Dust:dispositiviminiaturizzatianchesenzadisplayvisuale,peresempioiMicroElectroMechanical
Systems(MEMS)condimensionivariabilidainanometriaimillimetri;
Skin: tessuti basati su emettitori di luci e polimeri conduttori che possono essere integrati in
superficinonplanarieinprodotticomevestitietende,peresempiogliOLEDdisplay;
Clay:similiaiMEMSrealizzatisuformeedartefattitridimensionali.
Nellambitodellubiquitouscomputinglericerchepipromettentiriguardanoiseguentitemi:distributed
computing,mobilecomputing,sensornetworks,humancomputerinteraction,eartificialintelligence.
7.3 Esempi
7.3.1 Smartgrid:IREDelesempiodiENEL
IRED (Integration of Renewable Energy Sources and Distributed Generation into the European Electricity
Grid) un grande cluster europeo di progetti di ricerca e sviluppo tecnologico, formato da pi di cento
istituzionipartecipantiefinanziatodallaCommissioneEuropea.LeattivitdiIREDiniziarononel2002sotto
liniziativaelaguidadellaCommissioneEuropeaconlobiettivodicoordinareiprogettidiricercaesviluppo
tecnologiconelcampodellefontirinnovabilidienergiaedellagenerazionedistribuita.Negliannidiattivit
IREDhaorganizzatoconferenzeeprogrammidiscambiointernazionalieinoltrehalanciatolaPiattaforma

AgendaDigitaleTrendAnalysis
43

Tecnologica Europea Smart Grids per le reti elettriche del futuro. Le tematiche dei progetti gestiti
allinternodiIREDsonosvariate;alcuniprogettisonostatigicompletati:
SUSTELNETPolicyandRegulatoryRoadmapsfortheIntegrationofDistributedGenerationandthe
DevelopmentofSustainableElectricityNetworks
DGNETEuropeanNetworkforIntegrationofRESandDG
INVESTIREInvestigationonStorageTechnologiesforIntermittentRenewableEnergy
DISPOWERDistributedGenerationwithHighPenetrationofRenewableEnergySources
MICROGRIDSLargeScaleIntegrationofMicroGenerationtoLowVoltageGrids
CRISPDistributedIntelligenceinCriticalInfrastructuresforSustainablePower
DGFACTSDistributedFlexibleACTransmissionSystems
Altriprogettisonoancorainfasedirealizzazione:
FENIXFlexibleElectricityNetworkstoIntegratetheeXpectedEnergyEvolution
SOLIDDERCoordinationActiontoConsolidateRTDActivitiesforLargeScaleIntegrationofDER
intotheEuropeanElectricityMarket
DERLABNetworkofExcellenceforDecentralisedEnergyResourcesandPreparationofStandards
MOREMICROGRIDSLargeScaleIntegrationofMicroGenerationtoLowVoltageGrids
Lazienda italiana Enel un benchmark internazionale nella sperimentazione delle tecnologie smart grids,
cioleretiditrasportointelligentidellelettricit.Lenuoveretinasconoperinterconnetteretantepiccole
centrali di produzione, generalmente da fonti rinnovabili e intermittenti, che spesso si trovano allinterno
delle zone dove lenergia si consuma come nel caso dei tetti fotovoltaici, centrali eoliche e termiche. La
visioneclassicadireteelettricainunafasedisuperamento;nonsolopilinee,interruttori,trasformatori,
maancheelettronica,informaticaecomunicazionevannoadaggiungersiadessa.Lareteelettricanonpi
soloquindiuncanalepertrasmettereedistribuireenergiaelettricadallegrandicentraliaiclientifinalima
una rete intelligente, ovvero una smart grid, una rete comune in grado di fare interagire produttori e
consumatori,dideterminareinanticipolerichiestediconsumoediadattareconflessibilitlaproduzionee
ilconsumodienergiaelettrica.
Una similitudine pu essere fatta con la rete di internet dove tutti gli utenti sono interconnessi tra di loro
potendoricevereeinviareinformazioniuscendocosdalloschemadidistribuzionedaunoamolti.
Uno dei principali driver che pilotano questa evoluzione sono gli obiettivi Europei 202020, che
prevedono entro il 2020 la riduzione del 20% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990,
laumento dellefficienza energetica del 20%, e che il 20% di produzione di energia elettrica provenga da
fontirinnovabili.
NelpercorsodisperimentazionediEnelnelsettoredellesmartgridalcunetappefondamentalisono:

44
AgendaDigitaleTrendAnalysis

2010 il Ministero per lo Sviluppo Economico italiano ha firmato una convenzione con Enel Distribuzione
per lavvio della sperimentazione delle reti intelligenti di trasporto dellelettricit (smart grids). La
sperimentazioneiniziatainSicilia,Puglia,CampaniaeCalabriaedriservataagliimpiantitrai100Kwe1
Mw.
2011EneleNEC,unaziendaleadernellintegrazioneditecnologieITedireteperclientiprivatiaziendali
in tutto il mondo, hanno avviato un progetto pilota per la sperimentazione di soluzioni basate su batterie
agliionidilitioperlostoccaggiodienergia,sviluppatedaNECeapplicateallaretedidistribuzionediEnel.
LaccordoincludeanchealtretecnologiecompresenellambitodeiprogettiperleSmartCity.
7.3.2 EROSS
LEmilia Romagna ha adottato un progetto ad hoc, EROSS (EmiliaRomagna Open Source Survey), per
promuoverel'OpenSourcesoprattuttonellaPAlocaledellaregione,svolgendocosunruolodifacilitatore
diprocessidiinnovazione,progettochesiconcretizzatoindueindaginisulladiffusionedelsoftwareOpen
SourcenellaPAregionaleesulloffertadiprodotti/soluzioniliberinelmercatoICTlocale.LindaginesullaPA
ha aperto uno spaccato significativo sulla diffusione del software aperto. In Emilia Romagna quasi l80%
dellaPAlocalefausodisoftwareaperto,conunnucleoconsistentedientilocalichenefaunusointensivo
estrategico,inparticolarecomunidipiccoledimensionieinquellidimaggiordimensionepiuttostochenei
comunimedi(Rapportosull'Innovazionenell'ItaliadelleRegioni,2010).
7.3.3 OSOR
Un'iniziativa europea di notevole importanza relativa all'Open Source OSOR (Open Source Observatory
and Repository)
19
: un portale web avente la funzione di osservatorio e repository, del codice (sorgente ed
oggetto) e della documentazione, delle applicazioni Open Source delle Pubbliche Amministrazioni della
ComunitEuropea.Iservizidisponibiliriguardanoanchelaccessoall'ambientedisviluppoeladiffusionedi
casi studio e notizie internazionali su tematiche relative all'Open Source, nonch la realizzazione di linee
guidaperladefinizionedilicenzeOpenSource.
7.3.4 Ilcrowdfunding:esempidallaRete
La strategia del crowdfunding stata adottata in diversi ambiti: in alcuni casi, con straordinario successo,
ad esempio SellaBand, Kiva e la campagna presidenziale di Obama; in altri casi, con risultati deludenti,
comeCofundosoMicroPledge.
7.3.5 Crowdfundingperfinanziareprogettidiricerca
Un numero crescente di iniziative sta cercando di sperimentando l'applicazione del crowd funding nella
ricercascientifica.Diseguitopresentiamounelencodelleiniziativepiimportanti.
CancerResearchUKMyProjects
MyProjects un'iniziativa che consente alle persone di donare un contributo a uno specifico progetto di
ricercasulcancro.Idonatoripossonoancheseguirel'andamentodelprogettoedessereaggiornatirispetto
airisultaticonseguiti:unmodellodifinanziamentomoltosimileaquellopropostodaOpenGenius.

19
http://www.osor.eu/

AgendaDigitaleTrendAnalysis
45

Figura11LogoCancerResearchUK
YouTelethon
YouTelethon il nuovo programma di Telethon che si propone come punto dincontro virtuale della
community di sostenitori della ricerca sulle malattie rare. Attraverso YouTelethon i donatori si possono
organizzare in reti e attrarre altri donatori, diventando a loro volta fundraiser (senza per guadagnare,
nellottica del puro volontariato). Si tratta della prima iniziativa Italiana di crowd funding per la ricerca
scientifica,segnalechelaculturasistadiffondendo.
SciFlies
Un altro esempio di crowd funding applicato alla ricerca scientifica fornito da SciFlies.Su SciFlies il
ricercatorerealizzaunprofiloincuinonsoloillustrasinteticamenteilsuoprogettodiricerca,maracconta
anche la propria vita, il suo curriculum e i suoi interessi. Questo allo scopo di ottenere la fiducia dei
microfinanziatori, ovvero gente comune che pu visitare il sito, leggere il progetto e lasciare qualche
dollaronellacassettadelledonazioni.Perogniprogettovengonoraccoltitrai5.000ei12.000dollari,cifre
sufficientiadarelaprimaspintaaideechealtrimentiavrebberopresopolvereinuncassetto.Attualmente
il sito si trova in una fase di beta avanzata, ma a giudicare dai contenuti, il servizio non ancora
completamentedecollato.

Figura12LogoSciFlies
7.3.5.1 Crowdfundingperlaproduzionedialbummusicali
SellaBand
Sell a Band un sitointernet creato da Pim Betist e Dagmar Heijmans per permettere a gruppi musicali
emergenti di accumulare il denaro necessario per registrare un album professionale. Con il supporto di
professionisti dell'industria musicale, a tutti i gruppi che riescono ad attrarre abbastanza investitori
offertounproduttoreunostudiodiregistrazioneealtriservizi.

46
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Figura13LogoSellaBand
Aigruppirichiestodicreareunprofiloecaricarealcunilorobraniperattrarrequellichevengonochiamati
ibelievers(credenti),ciocolorochecredonoinloroenellaloromusica.Leparti(azioni)sonovendute
aciascuna:occorreriuscireavendere5000parti(ognibelieverspuacquistarneanchepidiuna),dandoal
gruppo cos 50.000$ di budget per registrare, mixare e produrre il loroalbum. Nel caso in cui il gruppo su
cui si investe non raggiungesse la soglia dei 50.000$, in qualsiasi momento agli investitori viene data la
possibilitdivedersirimborsatoildenaroodidirottaregliacquistisualtriartisti.
Ai believers viene a quel punto una copia ad edizione limitata dell'album prodotto per ciascuna parte
(azione)acquistata,mavienelasciatacomunquelapossibilitdirinunciareaidischiineccedenza,qualorasi
fossero acquistate pi parti, ponendoli direttamente in vendita attraverso le pagine stesse del sito
attraversounmeccanismodinegozioonline,ricevendoincambioilricavatodellavendita,conlapossibilit
dipoterrealizzareilguadagnoodirottareilricavatosualtriartisti;alcunedellecanzonideldiscovengono
messeincondivisionegratuita,mentrelealtresonoinnormalevendita,coscomeperchivorrilsupporto
Iguadagnisonodivisifral'autore,ilsitoSellabandegliinvestitori.
7.3.5.2 Crowdfundingperlaproduzionediprodottisoftware
Cofundos
Questa iniziativa ha come obiettivo cercare di aiutare a realizzare idee di software open source, fornendo
una piattaforma condivisa per la loro discussione e il loro arricchimento e costruendo un processo per
organizzareicontributiegliinteressideidiversiattoricoinvoltinell'ideastessa.Lapiattaformarappresenta
un tentativo interessante di adottare il crowd funding nel mondo open source, ma il volume di
finanziamentiediprogettisupportatifinorastatopiuttostolimitato.
7.3.5.3 Crowdfundingperprogettiinpaesiinviadisviluppo
Kiva
Kiva stata fondata nel 2005 a San Francisco da Premal Shah e Matt Flannery e fino ad oggi ha raccolto
quasi100milionididollaridestinatiapiccoliimprenditorideiPaesiinviadisviluppo.
Utilizzandoilsitoweb,icomunicittadinipossonocomportarsicomefinanziatoriglobalieventurecapitalist,
valutando i piani di business inviati dagli imprenditori di tutto il mondo, e finanziarli attraverso il web con
unadonazioneminimadi25dollari.Grazieallatecnologia,Kivarappresentaunmodelloefficacepercreare
nuovibusinessneipaesiinviadisviluppo.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
47

Figura14LogoKiva

7.3.5.4 Crowdfundingperfinanziarecausebenefiche
Crowdrise
Crowdriseunacommunitydivolontariefundraiserche,facendolevasulfenomenodelcrowdsourcinge
lapassioneperiSocialNetwork,sfruttalepotenzialittecnologichepersensibilizzarelopinionepubblicae
far diventare gli utenti della rete dei veri e propri donatori. Il primo a credere nelle potenzialit
tecnologiche da applicare a progetti collaborativi e partecipati proprio Edward Norton. Lattore
americano, infatti, in unintervista rilasciata allHerald Tribune, spiega: oggi il social networking offre alle
personeunnuovomododistareinsieme:laforzastanellacommunity.Crowdrisepuaiutaregliutentiad
unirsieadesprimersiattraversolecausechesupportano.
HopeEquity
Questoservizioconsentedifinanziarecausebeneficheattraversounapartedegliinteressigeneratidauna
donazioneiniziale,depositatasuuncontoremunerato.Ildonatorehalapossibilitdisceglierequalicause
supportare attraverso il sito web. Il modello Hope Equity supporta iniziative in diverse categorie, quali
supporto agli orfani, fame nel mondo, educazione, prevenzione, ma non presenta specifiche iniziative a
supportodellaricercascientifica.
7.3.5.5 Crowdfundingperilgiornalismo
Spot.us
Spot.us un'iniziativa del ventiseienne David Cohn ha potuto sperimentare la sua idea di giornalismo
finanziato dal basso grazie ad un finanziamento biennale della Knight Foundation.Grazie a questo
servizio non profit, chi ritiene importante raccontare una storia o realizzare uninchiesta giornalistica
dinteresse per la comunit, chiede alla comunit stessa il finanziamento per realizzarla (si parla perci
anchedicommunityfundedreporting).

Figura15Logospot.us

48
AgendaDigitaleTrendAnalysis

7.3.5.6 Crowdfundingperfinanziarecampagnepolitiche
NellacampagnapresidenzialedegliStatiUniti,ilmodellodimicrofinanziamentohaconsentitoalcandidato
BarackObamadiraccogliereunapartesignificativadeifondinecessariallasuaelezione.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
49

8 DigitalDivide
Lesigenza di sviluppo di infrastrutture, soprattutto di reti di nuova generazione (NGA) per laccesso a
internet veloce e superveloce e di standard per linteroperabilit tra i prodotti e i servizi delle tecnologie
dellinformazione pu essere ragionevolmente considerata una priorit almeno per due ordini di
motivazioni:
Inprimoluogo,siassisteauntrendsocioculturaleemergentecheponealcentrolapersonaelavede
protagonista nella creazione di contenuti e informazioni; si tratta cio della crescita della domanda di
serviziditrasmissionedativeloceadoperadellacittadinanzaattiva.
In secondo luogo, vi bisogno di un internet molto veloce perch leconomia cresca rapidamente,
creando posti di lavoro e ricchezza. In generale lEuropa necessita di un accesso a internet veloce e
superveloce, a prezzi competitivi e largamente disponibile. In mancanza di un energico intervento
pubblico,viilrischiocheirisultatiottenutinonsianoottimaliecheleretivelociabandalargasiano
concentrateinpochezoneadaltadensitdipopolazione,concostidiaccessoimportantietariffed'uso
elevate.

L'inclusioneriguardatremacrocategoriedicittadini:
anzianisenzafamiliaritconletecnologie
disabili
stranieri

Lestrategietecnologichediinclusionesonofortementeconnotateinfunzionedeltargetdaraggiungere.
Anzianisenzafamiliaritconletecnologie
Negli ultimi anni sia il settore pubblico sia quello privato hanno prestato molta attenzione ad un mercato
numericamente sempre pi rilevante. La risposta tecnologica alle difficolt a superare barriere culturali
all'accessoaiservizitelematicihaseguitoduestrademaestre:lasemplificazioneel'integrazionetracanale
fisicoecanalevirtuale.
Semplificazione
L'evoluzione delle interfacce uomo macchina, l'ampliamento dei device disponibili hanno permesso di
portare un numero crescente di anziani ad utilizzare il Web. Killer application come le chat, il VoIP, etc.
hannoresofamiliariiserviziwebbasedadunnumerocrescentedipersone,chenonavevanomaiutilizzato
ilcomputer,aisistemionline.
Integrazioneemulticanalit
La possibilit di accedere in modo indifferenziato ai servizi a prescindere dal canale stata la chiave del
successo dei servizi finanziari online. Oggi questo approccio considerato uno standard per qualsiasi
serviziowebbased.
Disabili
L'evoluzionedeisistemidiinterfacciaingradodisfruttarelecapacitdeipidiversidevicehapermessodi
creare veri e propri sistemi di interazione uomomacchina in grado di far superare le pi diverse forme di

50
AgendaDigitaleTrendAnalysis

disabilit. La ricerca e la sperimentazione finanziata sia a livello europeo sia nazionale ha visto il fiorire di
moltissimeiniziativededicatealsuperamentodellebarrieredigitaliapersonedisabili.
Stranieri
Labarrieralinguisticaprimaancoradiquellaculturalerappresentaunvincoloallafruizionedeiservizi,edin
particolarequellidipubblicautilit,relegandoedemarginandounafasciacrescentedellapopolazione.
La ricerca fortemente impegnata nella realizzazione di sistemi capaci di tradurre automaticamente e in
modoaffidabileinunapluralitdilingue.LestradechevengonopercorsesiintersecanoconquelledelWeb
Semantico,mairisultatisonotuttorabenlungidall'essereraggiunti.
8.1 Trendsocioculturali
8.1.1 Invecchiamentodellapopolazione
Un primo importante trend riscontrato a livello globale e confermato anche nella comunit europea
linvecchiamentodellapopolazione,ovverolatendenzaallinnalzamentodellaspettativadivitaallanascita
rispettoalpassato.Ilgraficoseguentemostra,alivellomondiale,levoluzioneneltempodellaspettativadi
vitamediamisuratainanni.Nel2008inItalialaspettativadivitamediaperuominiedonneeradi82anni.

Figura16Aspettativadivitaallanascita(anni).Fonte:WorldBankGroup

Questofenomenodovresserepresoinconsiderazionedurantelaprogettazioneelerogazionedeiservizi
pubblici, poich gli utilizzatori avranno abilit differenti per accedere ai servizi e maggiore o minore
dimestichezza nelluso della tecnologia anche in funzione del fattore et. Andranno pertanto realizzati dei
canalidierogazionedeiservizipubblicispecificiperognitargetdiutenti.
8.1.2 Popolazionestraniera
Un secondo trend rilevante consiste nellincremento dei flussi migratori verso le regioni economicamente
pi sviluppate. Il trend per lItalia, come visibile dal grafico sottostante, in crescita negli ultimi anni e

AgendaDigitaleTrendAnalysis
51

rappresenta una delle cause principali dellincremento della popolazione. In Lombardia la popolazione
straniera residente costantemente aumentata negli ultimi anni, fino ad arrivare nel 2008 a 904.816
residenti e cio sfiora il 10% della popolazione totale, pari a 9.642.406 persone. Per questa fetta della
popolazioneandrannoquindierogatideiservizipiaccessibilie,inognicaso,adottateopportunepolitiche
dieInclusion.

Figura17Tassonettodimigrazione(per1000abitanti),Italia.Fonte:OCSEFactbook2010

Figura18PopolazionestranieraresidenteinLombardia.Fonte:ISTAT

52
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Ingenerale,unimportantetrendinattorappresentatodallospostamentodalconcettodisolaefficienza
verso modelli di servizio centrati sullutente. I servizi di tipo user centric prevedono che la
massimizzazione del valore pubblico avvenga mediante servizi governativi e amministrativi il pi
rispondentipossibileaibisogniealleaspettativedeipropriclienti.Icittadinieleimpresesiaspettanochei
Governisviluppinounamaggiorementalitorientataalservizio,cheindefinitivacontribuiscaasemplificare
iprocessidibusinesseaerogareservizipisofisticati.Cicomportercheiservizidiventinomaggiormente
centrati sugli utenti e personalizzati, completi e rispondenti alle loro aspettative e molto probabilmente
strutturati attorno ad eventi o fasi della vita (life events/life stages) per facilitare limplementazione di
modelli di servizio di tipo sportello unico (one stop service delivery model) (Kotsiopoulos et al. 2009,
OCSE 2009, Di Maio 2009, Accenture 2009). Laddove storicamente leGovernment stato basato sul
principio dellefficienza (governare facendo di pi con meno), si sta evolvendo verso uninclusione del
principiodiefficacia(cheimplicaunequilibriotraleesigenzecollettiveeibisogniindividuali).Oggiilfocus
si sposta verso il coinvolgimento di cittadini e imprese, prevedendo la fornitura (personalizzata) di servizi
(efficaciedefficienti)inmodoapertoetrasparente,guardandocontemporaneamenteagliinteressideivari
soggettiinteressati(privatiesingolicittadini)(RANDEurope2010).
8.2 Trendtecnologici
8.2.1 ImportanzadellaBandaLarga
Internet costituisce una delle pi importanti innovazioni della nostra epoca e apporta vantaggi sostanziali
alle economie e alle societ (OMahony, Van Ark, 2003) . Limpatto della banda larga comincia ad essere
avvertito solo ora, sebbene sia stato difficile misurarne con precisione lentit. evidente, tuttavia, che la
capacit di trasmettere informazioni a velocit elevate e attraverso piattaforme differenti costituisce una
condizioneessenzialeperlosviluppodinuovibenieservizi.
Labandalargaconsentelosviluppodinuoveapplicazionierafforzalacapacit diquelleesistenti.Stimola
inoltre la crescita economica attraverso la creazione di nuovi servizi e lapertura di nuove opportunit di
investimento e di occupazione. La banda larga, per, migliora anche la produttivit di numerosi processi
esistenti, assicurando salari pi elevati e rendimenti migliori degli investimenti. Le pubbliche
amministrazioni a tutti i livelli hanno riconosciuto limpatto che la banda larga pu avere sulla vita
quotidianaesonoimpegnateafarescheisuoivantaggisianoresidisponibiliatutti.
Per assicurare la sostenibilit a lungo termine delle aree periferiche e rurali necessario un approccio
strategico in materia di sviluppo della societ dellinformazione. Laccesso ai servizi a banda larga un
elemento chiave per aiutare le comunit locali ad attirare le imprese, agevolare il telelavoro, fornire
lassistenzasanitaria,migliorarelistruzioneeiserviziamministrativi.Essoassicurainoltreuncollegamento
essenzialealleinformazioni.Adesempio:
Telemedicina e assistenza sanitaria on line (eHealth): la fornitura di applicazioni di telemedicina e di
assistenzasanitariaonlineabbreviaitempiecolmaledistanzeepermetteaisingolicittadinidiaccedereai
serviziallinternodellepropriecomunit.Gliospedaliruralipossonosfruttarelabandalargaperbeneficiare
dicompetenzemedicheidenticheaquelledisponibilinegliospedalideicentriurbani.Lacquistodiforniture

AgendaDigitaleTrendAnalysis
53

mediche,lericetteelagestioneelettronicadeifascicolipossonoesserefattiinlinea.Labandalargarende
possibileanchelasorveglianzaelettronica,convantaggisignificativiperladomoticaperlecategoriedeboli.
Pubblica amministrazione on line (eGovernment): la banda larga migliora la capacit dei servizi
amministrativionlineepermetteunamiglioreinterazionetralepubblicheamministrazioni,agevolandoin
talmodolaccessoallamministrazionedapartedeicittadiniedelleimprese.Essafavoriscelacreazionedi
servizi di elevata qualit e pu migliorare la capacit organizzativa con conseguenti vantaggi in termini di
efficienzaperlepubblicheamministrazioni.
Istruzione: la banda larga rafforza il processo di apprendimento permanente e permette agli studenti di
accedere in tempo reale a unistruzione impartita da insegnanti qualificati in zone in cui unistruzione di
quel livello non sarebbe altrimenti disponibile. Gli studenti possono inoltre accedere a risorse didattiche
alternativeedentrareincontattoconnuoveformedicontenutieducativi.Labandalargapermetteinoltre
dieffettuarevideoconferenzeefacilitalacooperazioneinteristituzionale.
Svilupporurale:nellezoneruralilabandalargasvolgeunruoloimportantenelcollegareimpreseeaziende
agricole con i mercati nazionali e internazionali. La banda larga contribuisce allo sviluppo delleconomia
ruralefacilitandoilcommercioelettronico,inparticolarenelsettoreagroalimentare.Essapuincoraggiare
la diversificazione rendendo le zone rurali pi attraenti e migliorando le opportunit di marketing per
prodotti e servizi quali il turismo e le attivit ricreative in ambiente rurale. Le iniziative locali nel settore
delleTICcreateattornoapiattaformeabandalargapossonocostituireunapproccioefficacesottoilprofilo
deicosti.
Analizzando il grafico seguente si nota una tendenziale correlazione tra il grado di penetrazione delle reti
fisseabandalarga(fixedbroadbandpenetration)eilprodottointernolordoprocapite(GDPpercapita)nei
variPaesimembridellOrganizzazioneperlaCooperazioneeloSviluppoEconomico(OCSE).SebbeneilGDP
presentialcunipicchinegativi,comeilcasodellaCorea,opositivi,comeilcasodelLussemburgo,evidente
cheiPaesiconminorgradodipenetrazionedelleretiabandalargasonocaratterizzatianchedaunlivello
diGDPprocapiteinferiore.

54
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Figura19GradodipenetrazionedellabandalargaePILprocapite.Fonte:OCSE

Il grafico seguente mostra come sia cresciuto nel periodo tra il 2004 e il 2009 il grado di diffusione
dellaccesso alla banda larga nelle famiglie e come per lItalia sia rimasto sotto quello medio dellUnione
Europeaa27Paesi,chepresentacomunquemarginidimiglioramento.

Figura20Gradodidiffusionedell'accessoallabandalarganellefamiglie.Fonte:OCSE

0
20.000
40.000
60.000
80.000
100.000
120.000
0
5
10
15
20
25
30
35
40
Fixed broadband penetration (subscribers per 100 inhabitants, J une
2010)
GDP per capita (USD PPP, 2009)
Broadband penetration, J une 2010
GDP per capita, 2009
OECD broadband penetration and GDP per capita
0
10
20
30
40
50
60
2004 2005 2006 2007 2008 2009
Householdswithbroadbandsaccess,200409
Italy(%)
EU27(%)
Mexico(%)

AgendaDigitaleTrendAnalysis
55

Perquantoriguardaleaziendeitaliane,ilgradodidiffusionedellaccessoallabandalarga(finoa30Mbps)
haraggiuntocircal80%nel2009,maadessolanuovasfidarealizzareretidinuovagenerazione(NGA)per
connessioniainternetconbandaultralarga(superioria100Mbps).

Figura21Gradodidiffusionebandalarganelleaziendeconpidi10dipendenti,Italia.Fonte:OCSE

LadomandadiserviziresidenzialiabandalarganellUEinrapidoaumento.Ilnumerodilineediaccessoa
banda larga quasi raddoppiato nel corso degli ultimi due anni. Nellottobre 2005 si contavano circa 53
milioni di connessioni nellUE25, una cifra equivalente a un tasso di penetrazione dell11,5% in termini di
popolazione e al 20% circa in termini di nuclei familiari. Tale evoluzione deriva principalmente dalle forze
delmercatoedaccentuatadallaumentodellaconcorrenza.
Laccesso alla banda larga pu essere assicurato per mezzo di numerose piattaforme differenti: cavi
telefoniciediteledistribuzione,connessionisenzafili,fibreottiche,satellitieretielettriche.LaDSL(Digital
SubscriberLine,lineadigitaleadabbonamento)costituiscelatecnologiadiaccessopredominantenellUEe
rappresenta una parte crescente del mercato globale della banda larga, con l80% del numero totale di
lineea bandalarga.Il modemvia cavolaseconda tecnologia perimportanza interminidi penetrazione,
conunapercentualedel18%,mentrelealtretecnologierappresentanoilrestante2%circa.
Nonostante laumento generalizzato della connettivit a banda larga, laccesso nelle regioni rurali e pi
remote limitato a causa dei costi elevati dovuti alla bassa densit abitativa e alle distanze. La scarsa
densitabitativalimitalapossibilitdisfruttareleeconomiediscala,comportaunadomandapiridottae
un minore rendimento previsto dagli investimenti. La perifericit comporta spesso la necessit di colmare
distanze pi grandi tra i commutatori locali e le postazioni di lavoro e la dorsale. Gli incentivi commerciali
adinvestirenellintroduzionedellabandalargainquestezonesirivelanospessoinsufficienti.
0,0
10,0
20,0
30,0
40,0
50,0
60,0
70,0
80,0
90,0
2004 2005 2006 2007 2008 2009
Businessuseofbroadband,200409
Italy(%)

56
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Linnovazionetecnologica,percontro,stariducendoicostidiintroduzione.
Diconseguenza,nel2004siregistratounaumentosignificativonellacoperturadellabandalarga,manel
gennaio2005restavaunimportantedivariotralezoneurbaneequelleruralidegliStatimembridellUE15
(comprese Norvegia e Islanda). Allinizio dellanno la DSL raggiungeva circa l85% delle famiglie, rispetto
all80%dellannoprecedente.Vistochenonsonoancoradisponibilidaticonfrontabilirelativiallacopertura
neinuoviStatimembri. Lacopertura dellaDSLrappresentalapercentuale dellapopolazioneche dipende
da commutatori equipaggiati per la DSL. La definizione di copertura DSL comprende singoli cittadini e
imprese che si questa tecnica di distribuzione la pi diffusa, la percentuale che indica la disponibilit di
DSL pu essere utilizzata come un buon mezzo indiretto per valutare la disponibilit generale di banda
larga.
Lefamigliechedispongonodellaccessoallabandalargasonoconcentratenellezoneurbaneesuburbane.
Nel gennaio 2005 la DSL raggiungeva solo il 62% circa delle famiglie nelle zone rurali. In queste zone,
inoltre, solo l8% circa delle famiglie abbonato alla banda larga, rispetto a un tasso medio del 18% nelle
zoneurbane.
Lezoneruralisonoaltresinritardoperquantoriguardalevelocitdiconnessione.Negliultimidueannile
velocit di scaricamento da internet pi frequenti nelle zone rurali sono state tra 144 kbps e 512 kbps,
mentre nelle zone pi urbane le velocit medie sono comprese tra 512 e 1 000 kbps. Bench nelle zone
urbane la tendenza sia chiaramente verso una maggiore larghezza di banda, nelle zone rurali le velocit
tendono a restare costanti. Tale divergenza deriva da prestazioni tecnologiche inferiori dovute sia alla
distanza che allassenza di concorrenza. Velocit inferiori possono frenare ladozione della banda larga da
parte delle imprese nelle zone rurali, nonch ladozione da parte delle famiglie che non possono
sperimentareunveroambientemultimediale.
Sebbene la connettivit stia progredendo rapidamente, esiste un ampio divario tra la copertura e
ladozione della banda larga in tutte le zone. Nelle zone meno sviluppate, caratteristiche strutturali quali
redditi inferiori e unistruzione meno elevata possono frenare la domanda anche quando laccesso
disponibile. La Commissione esaminer tale questione nelle relazioni annuali sui progressi compiuti
dalliniziativai2010.
LospaccatoregionaleperlItaliapresentasituazioniassaieterogenee.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
57

Figura22CoperturanettabandalargaeDigitalDivideperRegionid'Italia.Fonte:RIIR

I servizi a banda larga possono essere forniti ricorrendo a diverse combinazioni di tecnologie di rete
(piattaforme).Interminipigenerali,previstochealmeno4,7milionidipossibiliutentisarannoesclusi
dallintroduzionecommercialedellabandalarganel2013.
Ogni tecnologia presenta caratteristiche differenti ed ha conseguenze specifiche sulla capacit e sulle
funzionalitcomplessivedellereti.
Linnovazione tecnologica permette di incrementare la portata e le prestazioni delle tecnologie esistenti,
portando sul mercato nuove piattaforme, riducendone le dimensioni operative e facilitando lo
sfruttamentodelleeconomiediscala.
inoltre possibile realizzare risparmi sui costi dingegneria civile per linfrastruttura passiva traendo
vantaggiodallesinergietralecostruzionidelleinfrastrutturediICT,didistribuzionedenergia,dacquaedi
trasporto.
Lacomparsadinuovepiattaformesenzafili,chesonoparticolarmenteadatteallezonerurali,rappresenta
unevoluzione interessante. necessario, tuttavia, che sia resa disponibile una porzione di spettro
sufficiente e ci conferma ulteriormente limportanza di passare a forme pi efficaci e pi flessibili di
gestionediquestarisorsarara.

58
AgendaDigitaleTrendAnalysis

La combinazione tecnologica ottimale dipende dalle caratteristiche di ciascuna localit. Il costo delle
tecnologievariainfunzionedelnumerodipotenzialiutilizzatori,delladistanzatraleabitazionieilpointof
presence (punto di presenza POP) e dalla presenza del backhaul (connessione cablata). Una zona isolata
scarsamente popolata pu essere meglio servita con una soluzione senza fili e una piccola citt con una
soluzione con fili. Alcune soluzioni di trasmissione via onde radio necessitano di un collegamento in linea
otticachepunonesseresempredisponibilenellezonecollinariemontuose.
Nessunatecnologiaspecificaingradodioffrirelamiglioreconnettivitintuttelesituazioni.
Il sistema ottimale spesso raggiunto con una combinazione di tecnologie e soluzioni. Per concludere, le
soluzioni migliori possono essere trovate solo a livello locale. Gli investimenti e le scelte devono essere
effettuateinfunzionedelladisponibilitdelmomentoedelladomandaeffettiva.
Ideareeporreinesserestrumentipoliticiefficacichepermettanodiovviarealledisfunzionidelmercatoo
diintegrarelazionedelleforzedelmercatostessouncompitocomplesso.AlivellodellUEsonotuttavia
gidisponibilinumerosistrumenti:
Attuazione del quadro normativo per le comunicazioni elettroniche: attualmente la banda larga si
sviluppa pi rapidamente sui mercati liberalizzati. Stimolare la concorrenza costituisce pertanto il
modo migliore di favorire lo sviluppo del mercato. Inoltre, vista limportanza delle soluzioni senza
fili per le zone rurali, una politica comunitaria pi coordinata in materia di spettro radio potrebbe
sfociareinunamaggiorearmonizzazioneestimolareiprogressinelsettoredellabandalarga.
Finanziamento pubblico: con laumento del livello di sostegno pubblico alle iniziative in materia di
bandalarga, apparesemprepi chiaro chelinterventopubblico puaccelerareladiffusionedella
bandalarganellezoneeconomicamentesfavoritegarantendoaltempostesso,attraversorequisiti
diliberoaccesso,ilmantenimentodellaconcorrenzaperilfuturo.
Aiuti di Stato e politica della concorrenza: lintervento pubblico pu falsare la concorrenza e le
normeinmateriadiaiutidiStatocostituisconounimportanteinsiemediregolepersalvaguardarla.
Quando si prevede di accordare un aiuto di Stato, il progetto deve essere notificato alla
Commissione europea che ne valuta la compatibilit con quanto disposto dal trattato. Sono gi
state prese numerose decisioni circa progetti nel settore della banda larga finanziati con denaro
pubblicoinzoneruralieremoteperiqualilaCommissionenonhasollevatoobiezioni.
Finanziamento dellUE: fondi strutturali e fondo di sviluppo rurale: a livello comunitario i fondi
strutturalieilfondodisvilupporuralecontribuisconoallosviluppodelleregioniedellezonerurali
meno sviluppate. Nellambito del nuovo processo di Lisbona la Commissione ha proposto che i
programmi sostenuti dai fondi strutturali privilegino gli investimenti nella conoscenza. I fondi
strutturalimirano,inparticolarenelleareeperifericheeruralieneinuoviStatimembri,agarantire
la disponibilit dellinfrastruttura delle ICT qualora il mercato non sia in grado di offrirla a costi
contenutieaunlivellosufficienteperoffrireiservizinecessari.opportunocheifondistrutturali
mirino soprattutto a diffondere la societ dellinformazione attraverso un sostegno equilibrato
della domanda e dellofferta di prodotti e servizi delle ICT, attraverso un miglioramento delle
risorse umane. Linsieme degli investimenti dovr riflettere il divario esistente tra la penetrazione
dellabandalargaelacoperturadellazona.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
59

Ancheilnuovofondodisvilupporuralesiconcentrersugliinvestimentiorientatialfuturonelle
risorseumaneelinnovazione,compresaladozionedelleICTnellezonerurali16.Iprogrammidi
sviluppo rurale possono contribuire ad assicurare la creazione di uninfrastruttura locale su
piccola scala destinata ad associare i grossi investimenti con le strategie locali per la
diversificazione e lo sviluppo del potenziale del settore agroalimentare. Solo allora gli effetti
moltiplicatoriattesisiconcretizzerannopienamentesulpianodellacrescitaedelloccupazione.
Cumulo della domanda e appalti pubblici: lincertezza della domanda ha ripercussioni sul
rendimento previsto degli investimenti e frena gli investimenti commerciali. Le autorit locali
sononellaposizionemiglioreperorganizzareunsistemadiregistrazioneevalutareladomanda
locale che pu essere, in ultima analisi, immessa sul mercato. Nei casi in cui la domanda
collettivadiunacomunitrisultiinsufficiente,leautoritlocalipossonoaggregareladomanda
dipicomunit.
Incoraggiare la creazione di servizi pubblici moderni: tutti gli Stati membri sostengono lo
sviluppo di servizi pubblici on line. Lo sviluppo di servizi innovativi stimola a sua volta la
domandadapartedegliutentichefacilitaladiffusionedellinfrastruttura.Losviluppodiservizi
pubblicimoderniinlineaunostrumentodigrandeimportanzaperincrementareladomanda
dibandalarga.
8.2.2 Bandalargamobile
Per lItalia le connessioni banda larga sono in larga misura realizzate con reti fisse (circa 13.000.000 di
abbonamenti)esecondariamentecondevicemobili(circa7.000.000diabbonamenti).

Figura23Numerodiabbonamentibandalargapertecnologia,Italia2010.Fonte:OCSE

Lofferta di tecnologie wireless per la banda larga sta diventando sempre pi vasta e complessa, con
differenti proposte, dai diversi comparti dellindustria di settore, che convergono verso lostesso obiettivo
0
2.000.000
4.000.000
6.000.000
8.000.000
10.000.000
12.000.000
14.000.000
2010
Fixed(wired)broadband
Standardmobile
broadband
Dedicatedmobiledata
Satellite
Terrestrialfixedwireless
Broadbandsubscriptions,Italy2010

60
AgendaDigitaleTrendAnalysis

di servizio, spesso racchiuso nel termine Ubiquit, che poi quello di dare accesso a banda larga su
coperture geografiche e in qualunque scenario di mobilit. Si ritiene che lorigine di questo ipersviluppo
dellofferta tecnologica per la mobilit sia da ricercarsi innanzitutto nei molteplici effetti del trend
generalizzato dalla convergenza fissomobilemedia per cui ogni singolo comparto originario tende a
proporrelasuasoluzionetecnologicaspecifica.
Unesempiopertuttilasemprepievidentecontrapposizionetralindustriadellereticellulari,chehala
suasoluzioneHSPAperlalargabandagiinstallataintutteleretiUMTS,elindustriadelleretilocaliedegli
hotspot, pi vicina al mercato dellaccesso fisso, che sta invece scommettendo sul WiMax. E la
competizionenonsilimitaalletecnologiewirelessnelsensostrettodellaparola,mainvadeilcampodella
convergenza fissomobile che, attraverso soluzioni come lUMA (Unified Mobile Access), permette ad un
terminale di usare le reti mobili quando conveniente e/o necessario. Se, da una parte, questo dinamismo
nel mercato della tecnologia per la banda larga wireless uno stimolo di apertura ad una maggiore
concorrenza, dalaltra si assiste ad una continua accelerazione dei cicli di vita ovvero dei tempi di
avvicinamento tra vecchie e nuove tecnologie che richiede investimenti sempre maggiori. In uno scenario
coscomplesso,sirendesemprepinecessariocapirequalisianolesoluzionipipromettentiedestinatea
vincere, ma anche qual lallineamento corretto tra i tempi di unofferta tecnologica esuberante e una
domandache,sebbeneincrescita,sistasviluppandoinmodocomunquegraduale.
LItaliainambitomobilecompeteconiPaesieuropeipiavanzati:
Perlapenetrazionedismartphone(37%)
Perladiffusionedibroadbandmobile(35%)
Perilnumerodimobilesurferchesuperagli11milionialmese
Perlutilizzoevolutodelcellularedapartedegliitalianichenonlousanosolopercomunicare
PerleimpresecheoperanonelmondomobileinItalia.
Pertuttiquestimotivi,ilmobilepuessereunastraordinariaopportunitperlItaliaeperlalombardiaper
riuscire a superare il digitaldivide sia infrastrutturale legato allincompleta copertura del territorio con
banda larga su rete fissa sia culturale dovuto alla scarsa diffusione presso le famiglie di PC e della
connessioneInternet.
8.2.3 BandaUltraLarga
La tematica della Banda Ultra Larga (oltre 20 Mbit/s) riveste unimportanza crescente nelle politiche
industriali ed economiche di tutti i principali paesi avanzati. Istituzioni soprannazionali e governi nazionali
riconosconoallinfrastrutturazioneabandaultralargaealconseguentesviluppodeiserviziinreteunruolo
fondamentalepergarantirelacrescitaeconomicaelosvilupposostenibile.
8.2.4 EsperienzeinEuropa
LapoliticafranceseperleNGAN
La Francia, sotto molti aspetti, il Paese della UE pi avanzato nello sviluppo delle reti NGAN. A fine
dicembre2009,gliedificiserviticonfibraotticainarchitetturaFTTHerano40.000,peruntotaledi800.000
U.I., con un tasso di crescita trimestrale del 11%. Le U.I. in prossimit di terminazioni di rete ottiche,
invece,allastessadataeranodi4,5milioni.GliabbonamentiaserviziaBULgistipulatierano290.000,di
cui70.000inFTTHeirimanentiinarchitetturaibridafibracoassiale(HFC).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
61

Il ruolo delle Collettivit Territoriali (cio delle PA locali: Comuni, Dipartimenti e Regioni), in questo
sviluppo,statofondamentale.
Ginel2004fumodificatoilCodicedellePAperassegnareaquestienticompitispecificinellarealizzazione
e nella gestione di infrastrutture e di reti di telecomunicazioni a banda larga ed ultralarga. Nel corso del
2006, il Ministero dellEconomia e dellIndustria e lAutorit di regolamentazione (ARCEP) hanno avviato
una serie di riflessioni e di analisi sullinnovazione tecnologica e dei servizi nelle telecomunicazioni, che
hanno condotto alla definizione delle linee guida della politica francese sul tema dellaccesso a velocit
superiori a 50 Mbit/s: trs haut dbit THD (banda ultra larga BUL). Il Piano dazione THD prevede un
ampio intervento delle PA per stimolare gli investimenti degli operatori di TLC e per coinvolgere gli
operatoriimmobiliari.Iprincipaliinterventiindividuatisono:
definizionedispecificisupportitecniciegiuridiciallePAlocaliperlosviluppodiinfrastruttureereti;
promozionedellutilizzazionedifinanziamentipubblici,nazionaliedeuropei;
definizionediunaleggesuldirittoallafibra,inanalogiaaldirittoallantenna(vigenteanchein
Italia), che impedisce ai proprietari degli immobili di negare il passaggio delle fibre ottiche nelle
pertinenzecomunieprivatenelcasoincuiuncittadinointendacollegarelapropriaresidenzacon
unaretediaccessoinfibradisponibilenelledificioonellesueimmediatevicinanze;
incentivazioneallacondivisionedelleinfrastrutture,siaditelecomunicazione,siaperaltriusi,ealla
cablaturadegliedifici;
istituzione di apposite commissioni tecniche per la standardizzazione delle modalit di cablaggio
internodegliedificiedeimaterialidaadottare;
istituzionediduemarchiufficialiTHDdaattribuirealleabitazionimultimediali(inoccasionedella
lorocostruzioneoristrutturazione)ealleareeindustrialipredisposte;
ReteabandaultralargaadAmsterdam
Si tratta di un caso di scuola relativamente al tema degli aiuti di Stato. Gli investimenti del Comune di
Amsterdam (18 milioni di ) sono stati approvati dalla Commissione europea a valle di unapprofondita
inchiestainiziataneldicembre2006edurataunanno.
Il Comune ha costituito un consorzio per realizzare e gestire una rete di accesso in fibra ottica per 37.000
abitazioni,incompartecipazioneconsetteinvestitoriprivati(iprincipalisonoINGRealEstateeReggefiber).
LoperatoredellanuovaretestatosceltotramiteunagaraefornirlaccessoatuttiglioperatoridiTLCin
modalitwholesale
20
,trasparenteenondiscriminatoria.
GliinvestimentipubblicinonsonostaticonsideratiaiutidiStatoinquantosonostatirealizzatinellestesse
condizioni che un imprenditore privato, operante a condizioni di mercato, avrebbe accettato (principio
dellinvestitoreineconomiadimercato).LaCommissionehagiudicatocheleduesocietprivatepresenti
nelsettoreavevanoinvestitoincondizioniidenticheaquelledicuibeneficiavailComune;inoltreincasodi
insuccessosiverificherebbechetuttigliinvestitori,siapubblicisiaprivati,dovrebberosostenerelerelative
perdite.

20
Ilwholesale,ossia"ingrosso",indicaunsegmentodiserviziditelecomunicazionecaratterizzatidalfattochegli
operatorierivenditoriacquistanogliunidaglialtritrafficotelefonico,capacitsufibraottica,bandaIP,bandaATM,
spaziodicolocation,etc.,pereventualmenterivenderliaipropriclientifinaliocompletareunapropriaofferta
rimarchiandounserviziotecnicamentegestitodaunoperatoreterzo.

62
AgendaDigitaleTrendAnalysis

ItaliaDigitaleSviluppodellinfrastrutturaperRetiaBandaUltraLarga
Il 10 novembre 2010 stato firmato il Memorandum Of Understanding Italia Digitale Sviluppo
dellinfrastrutturaperRetiaBandaUltraLargatrailMinisterodelloSviluppoEconomico(MISE)etuttigli
OperatoridelleTLCinItalia(Fastweb, Vodafone,Telecom,Wind,BT,Tiscali,H3g)perla costituzione diun
veicolo che sviluppi il progetto Banca ultra Larga a livello nazionale. Il Piano si realizzer attraverso un
veicolo societario che garantisca la gestione coordinata e unitaria degli investimenti mediante la
cooperazione del Governo, delle Regioni, degli Enti locali, nonch degli Operatori di Telecomunicazioni
firmataridelpresenteMOU.
Obiettivo quello di realizzare uninfrastruttura passiva, neutrale, aperta ed economica per lo sviluppo
efficiente delle Reti di Nuova Generazione con lobiettivo di favorire la copertura in fibra ottica del 50%
della popolazione italiana secondo i contenuti dellAgenda Digitale e della raccomandazione sull'accesso
regolamentatoalleRetiNGAdellaCommissioneeuropea.
Il Governo si impegna a definire un insieme di norme per favorire limplementazione della fibra sia nella
parteorizzontale(infrastrutturanelleareemetropolitane)sianelverticale(infrastrutturanegliimmobili)e
perstimolarelusodeiservizidigitaliabilitatidallanuovainfrastruttura.
Vieneprecisato,chenelcasoincuivenganocostituitesocietalivelloregionale(nellequalisonopresenti
come azionisti le amministrazioni pubbliche locali), il Governo si impegna ad assicurare il coordinamento
del progetto che si svilupper nei diversi territori, anche attraverso partecipazioni dirette da parte del
veicoloelasottoscrizionedapartedelleRegionidelMOU.
8.2.5 eLearning,weblearning
Lutilizzo dellICT nellindustria dellistruzione e della formazione (eLearning) non un fenomeno recente,
invecelutilizzodellepiattaformeinterattivediwebbased(weblearning)eglistrumenticollaborativiWeb
2.0 possono essere considerati un trend emergente: si pensi ad esempio alla diffusione dei webinar. Le
tecnologie per il web learning stanno trovando rapida applicazione negli ambienti scolastici, universitari e
aziendali. Spesso le modalit dinsegnamento tradizionale sono affiancate a quelle di eLearning e web
Learningchepertantodiventanocomplementarieaggiungonovalorealleattivitdaula.
NonsemprechiaraladistinzionetraIstruzioneadistanza(IAD)eFormazioneadistanza(FAD):sebbenela
IADelaFADabbianounatradizionemoltolungaecomune,cheinizianelRegnoUnitoconiprimicorsiper
corrispondenzaesievolve,nelcorsodeltempo,esplorandomodalitesistemidicomunicazionenuovi(dal
fax alle audiocassette, fino ai cd rom e internet), IAD e FAD si distinguono nel target pi che nella
metodologia: la prima si posiziona principalmente come formazione professionale, la seconda si rivolge a
soggetticheappartengonoancoraallambitoscolasticoouniversitario.
La scuola dovrebbe essere un elemento centrale delle politiche di innovazione: non vi dubbio che un
sistemascolasticomoderno,ingradodifornirelecompetenzedicuiilterritoriohabisogno,unfattoredi
competitivit. In particolare, rispetto agli obiettivi della societ dellinformazione, le scuole sono un nodo
nevralgico. Per questo motivo la "scuola digitale" appare come un'area di intervento primario per le
politichedellaSocietdell'InformazioneeperleRegioniinparticolare.LelineediinterventodelleRegioni,

AgendaDigitaleTrendAnalysis
63

sotto il profilo dei progetti gi attivati per le scuole, vanno dalla progressiva inclusione degli istituti
scolasticinelsistemaregionalediconnettivitalsupportoallintroduzionedelleICTedelladidatticadigitale
(LIM, contenuti multimediali, portali, etc.), allo sviluppo di sistemi informativi a supporto della
programmazioneomonitoraggioedellecomunicazioniscuolafamiglia(rapportoRIIR2010).
Le tecnologie ICT a supporto della scuola e della formazione spaziano dalle LIM (Lavagne Interattive
Multimediali), alle piattaforme di web learning, dagli strumenti collaborativi Web 2.0 e le social network
dedicate, ai software didattici per l'insegnamento, fino alla sperimentazione degli ebook. Gli ambienti
collaborativibasatisustrumentiWeb2.0sonoiltrendtecnologicochestamaggiormentecaratterizzandola
scuoladigitalizzataitaliana.
Anche per il mondo delle aziende leLearning si basa principalmente sulla possibilit di apprendere
attraverso l'uso della tecnologia, consentendo alle aziende di distribuire su larga scala percorsi formativi
personalizzatiesullaccessoacomunitdiapprendimento.
8.3 Esempi
8.3.1 PianodazioneperlabbattimentodeldigitaldivideinRegioneLombardia
RegioneLombardia,inlineacongliobiettivicomunitari,consideralaBandaLargaunacondizioneabilitante
per lo sviluppo della Societ dellInformazione ed un fattore essenziale per la competitivit del territorio.
Nonostante la Lombardia occupi un posto di rilievo nel mercato della banda larga in termini di
infrastrutture di rete esistenti (maggior concentrazione di reti in fibra ottica rispetto alle altre regioni
italiane)edalivellodiconcorrenzanelloffertadeiservizi,adoggisonoancorapresentirealtcuinegato
laccesso a servizi di connettivit veloce: si stima che l11% della popolazione lombarda, pari a circa
1.000.000 di abitanti, sia affetta da divario digitale (digital divide), il restante 89%, pari a circa 8.300.000
abitanti,risultapertantocoperto.(Between2005)
Lobiettivo di Regione Lombardia era colmare il digital divide, con priorit a quello strutturale e di lungo
periodo,raggiungendoentroil2008lestensionedeiservizixDSLadalmenoil95%dellapopolazione.
Le strategie adottate da Regione Lombardia per lo sviluppo della banda larga e per labbattimento del
digitaldividesonostateformulateallinternodiunpianoregionalestrutturatocomesegue.
8.3.1.1 Accordoconglioperatoriditelecomunicazioni
Regione Lombardia ha sottoscritto un protocollo dIntesa con cinque tra i maggiori Operatori di
Telecomunicazioni: Albacom, Colt, Fastweb, Telecom Italia e Wind, finalizzato ad abbattere il divario
digitale infrastrutturale sul territorio lombardo. Un Gruppo di Lavoro Tecnico ha elaborato un modello di
strategia volto a coprire, attraverso il contributo pubblico, la mancata redditivit dellinvestimento per le
centrali,sulterritoriolombardo,chenonsonoadeguateaifinidellerogazionedelservizioabandalarga,in
quantononconnesseinfibraotticaallareteditrasportondotatedeinecessariapparatilatoutente,eper
lequalinessunOperatorediTelecomunicazionihafinoramanifestatoalcuninteresse.Poichinfattiiritorni
dallinvestimento nel breve periodo non compensano le spese sostenute, tali centrali non rientrano nei
modellistrategicidegliOperatori.

64
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Un simile modello dintervento gi stato ritenuto compatibile con la normativa sugli aiuti di stato in
Scozia,SardegnaeToscana
8.3.1.2 BandoregionaleBandalarga22marzo2005
Il 22 marzo 2005 Regione Lombardia ha emanato, con DDG n. 4351, un bando finalizzato a fornire
connettivitveloce,mediantetecnologiealternative,aquellezonedovelADSLtarderebbeadarrivare.
Sono 18 i progetti e oltre 300 i comuni, situati in zone Obiettivo 2 e Sostegno Transitorio, che hanno
beneficiatodiuncontributoperlarealizzazionediunaretetelematicadestinataagarantireunacopertura
wirelessabandalarga,entroil30/06/2007.Nellamaggiorpartedelleprovinceilavoridiinfrastrutturazione
sonostaticonclusi.
Dagliiniziali10progettifinanziatisiarrivatia18progetticonlatotalecoperturadellerichiestepervenute
grazie alle risorse aggiuntive messe a disposizione dallAutorit di Gestione del DOCUP e dallAccordo
QuadroSviluppodellaSocietdellInformazioneinLombardia.
8.3.1.3 ProtocollodiriprogrammazioneerimodulazionedellADPQSocietdellInformazionein
Lombardia3ATTOINTEGRATIVOsottoscrittodaRLconMISE,GovernoeCNIPA(oraDigitPA)
Lobiettivodelpresentepianoeralampliamentodellacoperturadellareteabandalargaconinfrastrutture
ottiche a supporto delle aree produttive della regione e portare le aree al momento svantaggiate ad un
livellodiconnettivitabandalargaomogeneoaquellodellamediaregionale.
A dicembre 2008 il 96% della popolazione lombarda ha accesso ad Internet, di cui il 93% in modalit Full
(quindi con banda teorica di almeno 7Mbps) ed il 3% in modalit Light (banda teorica di 640Kbps). Il
rimanente4%dellapopolazione(circa400.000persone)risultaesseretotalmentescoperta.
Dei 1546 Comuni della Regione, il 16% (241) ha una copertura Full e Light inferiore al 95%, il 18% (275)
presentaunacoperturaFull<95%maLight>95%,il4%(55)haunacoperturaquasicompleta(full>95%ma
<100%)eiI62%(975)deiComunirisultacompletamentecoperto.
Vengono considerati in digitaI divide sia i comuni completamente scoperti che quelli coperti in modalit
Light, in quanto tale copertura non garantisce l'accessibilit a numerosi servizi e non pu quindi essere
definitaBandaLarga.
Losviluppodellabandalargahaavutonelcorsodegliultimianniunaforteaccelerazionecorrelataaduna
politica governativa di incentivazione alla offerta. In parallelo la concorrenza tra operatori ha sviluppato
unaoffertainfrastrutturalediaccessialargabanda concentrata nelle maggioricittdoveleaspettativedi
mercatocreanoipresuppostiperunritornosugliinvestimenti.
Laddove la presenza di cavi in fibra ottica meno capillare e dove meno si sviluppata una concorrenza
sulleinfrastrutturealternativeall'operatoredominantenonpossibileoffrireserviziaicittadinidiaccessoa
largabanda.QuesteareesicaratterizzanocomeareediDigitaiDivideinquanto,nellestesse,simanifesta
chiaramentel'impossibilitdifruiredeiservizioffertidalmondoInternetcongraveimpattodinaturasocio
economica.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
65

Poich il mercato, a causa delle difficolt finanziarie e dei processi di privatizzazione e liberalizzazione in
attointuttiipaesi,nonpueliminaredasoloildivarioinfrastrutturale,vilospazioperdecisionipolitiche,
siaalivellocentralechelocale,peravviaredeiprogrammiedelleiniziativechemirinoadeliminareilDigitaI
Divide.
In questo contesto opera, per conto del Ministero delle Comunicazioni (confluito all'interno del Ministero
dello Sviluppo Economico) Infratel Italia S.p.A. (Infratel) in qualit di soggetto attuatore del Programma
BandaLargaintutteleareesottoutilizzatedelPaeseaisensidellaL.80/2005.
Tra i vari modelli di intervento possibili, Infratel prevede la realizzazione di Infrastrutture Pubbliche di
Backhauling in modo da estendere la rete in fibra ottica esistente per il collegamento delle centrali
telefoniche per poi successivamente concedere in IRU di cavidotti e fibra spenta agli Operatori che
installanogliapparatieabilitanol'offertaaBandaLarga.
All'internodelprogetto,ilcuiobiettivol'abilitazionedelterritoriodellaLombardiaall'erogazionediservizi
diaccessoabandalarga,sonoprevistiinterventivoltia:
sviluppareepotenziarelacapacitdiserviziodelleretiditrasportodati;
evolvere tecnologicamente la capacit di servizio delle Centrali degli Operatori di
Telecomunicazione,affinchsianoabilitateaderogareserviziditipoxDSLaicittadiniealleimprese
del territorio. Le centrali dovranno essere predisposte per l'eventuale utilizzo da parte altri
OperatoriconLicenza(OLOOtberLicencedOperator).
Il progetto tecnico predisposto da Infratel che consente la riduzione significativa del DigitaI Divide e, in
prospettiva,ilsuoabbattimentonellezonedellaRegioneLombardiapresentaleseguenticaratteristiche:
FinanziamentidelProgramma
Il progetto prevede un investimento complessivo di 26.688.430,00 al lordo di IV A come sotto
descritto:
o FonteMinistero,DeliberaCIPE"RisorseLeggeFinanziaria"perunvaloredi20.000.000di.
o FonteRegione,DeliberaCIPE3/2006quotaC.lRisorsegestitedaRegionidelCentroNordper
ricercaesocietdell'informazione,perunvaloredi6.688.430di.

DescrizionedelProgrammad'intervento
Ilprogrammadiinfrastrutturazionestatoarticolatosullarealizzazionedi124interventiperiquali
previstalaposadicirca736kmdicaviinfibraotticadicuiil30%suinfrastrutture(sotterraneeo
aeree)esistentidiOperatorioEnti.
Inogniprogettosiprevedelacostruzionediunatrattainfibraottica,chegeneralmentecollegauna
rete in fibra esistente lungo una dorsale extraurbana con una centrale telefonica non raggiunta
dalla rete a larga banda (sbraccio), generalmente costituita da tratte di infrastruttura di posa
esistenti (tubazioni o palificate) intervallate da infrastrutture di posa di nuova realizzazione. Le
trattedinuovarealizzazionesarannodinormaeseguitecontecnologiediscavoditipoTRENCHLESS
e, in alternativa, con scavi di tipo tradizionale, nei quali verr posato un tritubo e un cavo da 48
fibre.

66
AgendaDigitaleTrendAnalysis

8.3.1.4 Bandopubblicoperladiffusionediserviziabandalarganelleareeindigitaldivideedin
fallimentodimercatoinRegioneLombardiaMaggio2010
Regione Lombardia ha indetto un bando rivolto ad operatori nel settore delle comunicazioni per
lerogazionediuncontributopubblicofinalizzatoalladiffusionediserviziabandalarganelleareeindigital
divideedinfallimentodimercatoinLombardia(dotazionefinanziariaEUR.41.000.000).
LatipologiadiinterventodiRegioneLombardiasiproponedivalorizzareleinfrastrutturegiesistenti,vale
a dire le reti di accesso in rame e non comporta lintroduzione di dispositivi radianti, cio antenne,
(necessariincasodiutilizzoditecnologiewireless)chemalsiaccompagnanoalgicrescenteproliferaredi
tali apparati ed alle richieste di smantellamento/delocalizzazione da parte di comuni che ne riscontrano
massicciapresenzaequindialconseguenteimpattoambientale:
Diqui,RegioneLombardiaintende,attraversolatecnologiaviacavo,superaretutteleproblematichefinora
espostealfinedioffrireunservizioadeguatoalleesigenzedelterritorio.Laproprietdellinfrastrutturache
siintenderealizzare,collegamentoinfibraotticaedeventualmentedegliapparatilatoutentedainstallare
allinterno della centrale telefonica, rimarr delloperatore aggiudicatario la gara nel rispetto di impegni
contrattualigarantitidapolizzefideiussorieosanzionateconpenali.
Linterventomiraadattivareservizidiconnessioneabandalarganelleareeservitedacentralitelefoniche
perlequalisonorispettatiiseguenticriteri:
NonfornisconoancoraunservizioxDSL;
Nondispongonodelleapparecchiaturelatoutenteedellatecnologianecessariaallerogazione
delserviziodibandalarga,
Nondispongonodellaconnessioneinfibraotticaallareteditrasporto
Non sono comprese tra le centrali che, in base ai piani di investimenti dellOperatore,
beneficerannodellattivazionedelservizioxDSL,ancheinmancanzadicontributi
Si tratta di aree affette dal cosiddetto digital divide di lungo periodo, per le quali un intervento di
adeguamentodapartediunasocietprivatacomportaesborsifinanziaritalidanonconsentireilrecupero
dellinvestimento se non in lunghi periodi. Gli Operatori delle telecomunicazioni di conseguenza non
manifestano alcun interesse ad investire in quanto trattasi di aree di mercato definite a market failure. Si
tratta di comuni molto piccoli, con una popolazione media di 2000 abitanti. Occorre specificare che
lintervento di infrastrutturazione delle centrali garantisce laccesso al servizio a banda larga
esclusivamente alle linee dutenza non dotate della connettivit veloce. Lazione pertanto non comporta
sovrapposizioninelloffertadelserviziomaprovvedeadunacoperturapuntualedelleareescoperte.
Il 3 maggio 2011 il Bando stato aggiudicato a Telecom Italia e si prevede la connessione ad Internet in
banda larga per un milione di nuovi cittadini lombardi entro i prossimi due anni. Loperazione riguarder
707Comunilombardifinoaoggidigitaldivisieprevedeladeguamentodi917sedidicommutazionesul
territorio per un impegno complessivo di 8.500 Km di cavo di cui 3.000 in fibra ottica. I collegamenti in
dotazioneainuovicomunisarannolineeAdsla7Mbpsconlapossibilitdiupgradefinoa20Mbps.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
67

Importanti le ricadute previste sulle attivit imprenditoriali del territorio, ricco di distretti come il tessile
dellaValSeriana,ilmobilediMonzaBrianza,labbigliamentonelGallaratese,iltessilediSericoComascoe
lHiTechdiVimercate.
8.3.2 ProgettodiinfrastrutturazioneperlaBandaUltraLarga(BUL)inRegioneLombardia
Regione Lombardia intende promuovere lo sviluppo delle reti di Telecomunicazioni a Banda Ultra Larga
(oltre 20 Mbit/s) attraverso un impegno diretto nella realizzazione delle infrastrutture di accesso passive
per offrire la connessione a internet ad alta velocit ai cittadini e alle imprese lombarde secondo un
modelloFTTH(FiberToTheHome).
IlprogettoBandaUltraLargasiprefiggeloscopodirealizzareunainfrastrutturainfibraotticapassiva,del
valore stimato in circa 1,21,4 Mld di euro in un arco temporale di 57 anni, secondo un modello
organizzativofinanziariodiprojectfinancing,nelterritoriodi167Comuni,equivalenteadunapopolazione
di circa 4.200.000 di residenti, caratterizzati da una buona densit abitativa, propensione alla spesa per
servizi telematici, presenza di un bacino di piccole e Medie Imprese, di Aree di Sviluppo Industriale e di
interscambiocommerciale.
LobiettivodiRegioneLombardiamiraadabilitarenuoviservizicheinciderannofortementesuproduttivit,
efficienza, competitivit e qualit della vita dei cittadini e ad anticipare in misura significativa sviluppi di
mercato attraverso la valorizzazione della Carta Regionale dei Servizi quale strumento di accesso
privilegiatonelrapportoconlaPubblicaAmministrazione.
IlProgettohaunavalenzastrategicacheavrricadutepositivesullinteraeconomia,sullaqualitdellavita
deicittadinilombardiesullosviluppoculturaledelterritorio,inlineacongliobiettividellaDigitalAgenda
forEuropeallaqualesiaccordaladesione.AlProgettosiaffiancaunaprimasperimentazionechevedela
realizzazionedi2centralineicomunidiMonzaeVareseperilcollegamentoinfibraotticadiunmigliaiodi
cittadini e ladozione sperimentale di nuovi applicativi digitali a favore del cittadino nei comuni di Monza,
VareseeCremona.
Sar favorito lutilizzo delle infrastrutture esistenti (teleriscaldamento, fognature, reti gas e per lacqua
ecc..) con lobiettivo di minimizzare costi e tempi di realizzazione; si proceder alla stipula di appositi
ProtocollidIntesaconmunicipalit,altrientiesoggettiterzioperantisulterritorio.
Nelcorsodiquestimesisonostatianalizzatialcuni possibiliscenaristrategicidiinterventocheprevedono
la costituzione, entro lanno 2011, di una specifica NewCo da parte di Regione Lombardia come unico
promotore delliniziativa, ovvero in partnership con gli operatori delle telecomunicazione alternativi
(cosiddettiO.L.O.)e/oconlOperatoreDominanteoIncumbent.
Il compito della NewCo, che gestir lintero progetto, sar quello di procedere allinfrastrutturazione del
territorio realizzando una rete in fibra ottica secondo unarchitettura che consenta neutralit rispetto agli
operatori delle telecomunicazioni (architettura Ibrida), universalit di accesso a tutti i cittadini a parit di
condizioni,nonproducadistorsionidelmercatoestimolialcontempoeffettipositivisullaconcorrenzanel
settore.

68
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Aseguitodelleinterlocuzioniintercorsecontuttiiprincipalioperatoridelmercatodelletelecomunicazioni,
sidecisodiprocedereconlaffiancamentosocietariodituttiglioperatoriche,attraversolasottoscrizione
di uno specifico accordo, si impegneranno a migrare progressivamente la propria clientela dal rame alla
fibra ottica. Potranno inoltre intervenire nel Progetto anche in qualit di investitori nella Societ Veicolo
con la previsione vincolante di una governance a maggioranza pubblica, almeno per il periodo di
implementazionedellarete.
In questa opzione si innesta anche il coinvolgimento di societ multinazionali produttrici di tecnologia
(cosiddettiVendors)chepotrannopartecipareoltrechecomeproduttoriindustrialianchecomefinanziatori
delprogetto.
Il seguito a questa comunicazione la sottoscrizione di uno specifico protocollo di intesa con il MISE
finalizzato a supportare la realizzazione del progetto in previsione della costituzione e definizione di un
modello replicabile a livello nazionale; lelaborazione dei contenuti del protocollo affidata alla struttura
dellAssessoratoAmbiente,EnergiaeReti,cuisirendeformalemandato.
8.3.3 PiattaformedieLearning,weblearning
Sul mercato esistono piattaforme tecnologiche (Learning Management System LMS) proprietarie e
piattaforme open source per leLearning, che, in generale, tendono ad essere sistemi chiusi, scarsamente
interoperabili. Alcuni riferimenti per gli standard di interoperabilit sono: AICC, ADL SCORM, IEEE, IMS).
L'evoluzione tecnologica ha portato alla realizzazione di sistemi Learning Content Management System
(LCMS)chesioccupanodellagestionedeicontenuti,sianellafasedicreazione,siainquelladierogazione.
Talistrumenti,associatialLMS,completanolepiattaformedieLearning.
Lattenzione dellUnione alla dimensione pedagogica ed europea delleLearning evidenziata dalle
soluzioni di continuit che hanno caratterizzato i programmi comunitari in questo campo: dapprima
eEuropefinoal2005,quindii2010initiative.
Conl'iniziativaeLearning,laCommissioneeuropeahaintesomobilitarelecomunitculturalieeducative
nonchgliattorieconomiciesocialiinEuropa,alfinediaccelerareicambiamentineisistemid'istruzionee
di formazione volti ad avvicinare l'Europa all'obiettivo di una societ basata sulla conoscenza. I quattro
campid'azionedelliniziativasono:
promozionedellalfabetizzazionedigitale;
campusvirtualieuropei;
gemellaggioelettronicodellescuoleeuropeeepromozionedellaformazionedeidocenti;
azionitrasversaliperlapromozionedell'eLearninginEuropa.
8.3.4 ELDY
LAssociazione Onlus Eldy promuove azioni concrete per linclusione di anziani e disabili, unendo il
supporto umano agli strumenti tecnologici con il fine di ridurre la solitudine e stimolare le persone a
rimanereattiveesociali.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
69

EldyunsoftwareperlinterazioneassistitaconlaPAeperlafacilitazionedellafruizionediservizionline.
In realt Eldy molto altro e in virt della sua facilit duso stato scelto dalla Pubblica Amministrazione
perpromuoverelinformatizzazione,linclusionesociale,lewelfareelegovernment.
Nel corso del 2007, in collaborazione con la ONLUS Eldy stata realizzata una versione del software Eldy
(denominata Eldy Lombardia), specificatamente rivolta ai cittadini lombardi, con lintegrazione delle
funzionalitdellaCartaRegionaledeiServizi(CRS)elaccessosemplificatoaiservizidellePAlombarde.

IlsoftwareEldypermettedi:
navigareechattareininternet
utilizzarelapostaelettronica
archiviarelepropriefotodigitali
accedereallenews
scrivereappunti
consultareleprevisionideltempo
EldyLombardia,oltrealleconsuetefunzionalitdellapiattaformaEldy,daccessofacilitato:
alleemaildeiComuni,Province,ASL,URPdellaRegioneLombardia
aisitideiComuni,siaistituzionalichediservizi
alleinformazionisullaCartaRegionaledeiServizieaisuoiservizi
adunastanzadichatmoderata24su24,perilsupportoaisenior
afotodigitalieprevisionideltempopersonalizzate

Figura24LogoELDY
8.3.5 Scuola
Lascuolaunelementocentraledelle politichediinnovazione: nonvidubbiocheunsistemascolastico
moderno, in grado di fornire le competenze di cui il territorio ha bisogno, un fattore di competitivit. In
particolare rispetto agli obiettivi della societ dellinformazione le scuole sono un nodo nevralgico. Per
questomotivola"scuoladigitale"apparecomeun'areadiinterventoprimarioperlepolitichedellaSociet
dell'Informazione, e per le Regioni in particolare. Le linee di intervento delle Regioni, sotto il profilo dei
progetti gi attivati per le scuole, vanno dalla progressiva inclusione degli istituti scolastici nel sistema
regionale di connettivit al supporto allintroduzione delle ICT e della didattica digitale (LIM, contenuti

70
AgendaDigitaleTrendAnalysis

multimediali, portali, etc.), allo sviluppo di sistemi informativi a supporto della programmazione o
monitoraggioedellecomunicazioniscuolafamiglia(rapportoRIIR2010).
Le tecnologie ICT a supporto della scuola e della formazione spaziano dalle LIM (lavagne interattive
multimediali), alle piattaforme di elearning, dagli strumenti collaborativi Web 2.0 e le social network
dedicate ai software didattici per l'insegnamento fino alla sperimentazione degli ebook. Gli ambienti
collaborativibasatisustrumentiWeb2.0sonoiltrendtecnologicochestamaggiormentecaratterizzandola
scuola digitalizzata italiana. Iniziative come "Cl@ssi 2.0"
21
e "A scuola di innovazione"
22
invitano le scuole
italiane a proporre progetti innovativi per introdurre le tecnologie digitali a scuola, per migliorare il
processodiinsegnamentoopersupportarelemetodologietradizionali.
Alcuni esempi recenti di utilizzo del Web 2.0 a scuola sono: la social network MyInnova, una community
conbacheche,forum,chatecondivisionedifiledidattici.Undocentefadamoderatoreecunastruttura
che ricalca quella dei pi moderni social network. il Facebook delle scuole italiane, una delle novit pi
originali del portale Innovascuola.gov.it, dedicato ai docenti e agli studenti. L'iniziativa riguarda le scuole
primarieesecondarie(diprimoesecondogrado).
Lidea di MyInnova nata ed stata sviluppata dal Dipartimento per lInnovazione del Ministero per la
Funzione Pubblica. La flessibilit in pi che MyInnova d ai docenti quella di creare un profilo come
gestore e di avere un indirizzo di posta elettronica con il dominio istruzione.it. Ogni insegnante libero di
creare quante community vuole, magari una per ogni classe nella quale insegna, oppure partecipare a
quellegiesistenti.Strumenticomelagenda,ilcalendarioelachatpercomunicareconaltricolleghisonoa
disposizionediciascungestore/docente.Ecpoiunospazioperpotercatalogareedorganizzaremateriale
didatticochepuesserescaricatodallalibreriadigitale.Icontenutipossonoesseredidiversotipo,masono
tutticaratterizzatidallamultimedialit:sivadaungiococonlequattrooperazionimatematichedibaseper
glistudentidelleprimarieaunveroepropriominicorsoanimatoperlapronunciadellaparoleedellefrasi
in inglese; da software pi elaborati per ripetere le formule di matematica alle secondarie al cruciverba
visuale in inglese, studiato per i neofiti. Con un bando pubblicato dal Ministero per lInnovazione, le case
editrici hanno la possibilit di registrarsi sul sito e di offrire una vetrina dei loro prodotti. Tutti i contenuti
sono accompagnati da una scheda di valutazione curata dalla redazione del sito e dai tecnici del
DipartimentoperlInnovazione.
Altri esempi di social network di ambiente scolastico sono dedicati alla formazione universitaria, come
YouPI dell'Universit di Pisa, o IUAV Alumni
23
, lAssociazione Laureati dellUniversit IUAV di Venezia.
Sempre di ambiente universitario un progetto di piattaforma per la didattica altamente innovativa: il
progettoLTEversviluppatoconilsoftwareElgg.IlprogettoLTEver
24
nascenelgennaio2007nellambitodel
Laboratorio di Tecnologie dellEducazione dellUniversit di Firenze e accoglie nella propria community
docenti, allievi, exallievi, lo staff del laboratorio, ma anche esterni, che hanno prestato attivit o hanno
partecipatoaivaricorsichelateneofiorentinohamessoinattonelcampodelleducazione.Oltreafornire

21
http://www.scuoladigitale.it/classi2.0/
22
www.innovascuola.gov.it
23
http://www.iuav.it/homepage/
24
http://www.lteunifi.net/elgg/

AgendaDigitaleTrendAnalysis
71

un luogo di ritrovo agli exstudenti, LTEver allarga il proprio campo dazione a tutto il settore
delleducazioneconlintentodinonfermarsialsologruppodeipropriutenti.
Elgg
25
un Personal Learning Environment che permette la creazione di progetti come LTEver, presenta
tutte le caratteristiche e i servizi necessari al social networking, quali weblogging, file repository, tagging,
RSSfeededaltri.SibasasuuninterfacciaWebperlagestionedellacommunityedunapiattaformaOpen
source per social networking con licenza GPL5 sviluppata in LAMP (Linux + Apache + MySql + Php).
Caratteristica rilevante di Elgg lapproccio alla filosofia definita come Smart Social Network (Yarmosh,
2006), che prevede il totale controllo sui contenuti; ogni singolo oggetto del proprio profilo online
gestibile con autorizzazioni precise che possono rendere questi contenuti accessibili a singoli, a gruppi, a
sottogruppi, a tutti o a nessuno (OHear, 2006). Un software simile a Elgg Moodle
26
, piattaforma Open
sourcedefinitacomeLMS(LearningManagementSystem)adattapercreareambientidielearningecorsi
online con numerose funzionalit per l'interazione docente/studente, e la possibilit di sviluppare nuove
funzionalitgrazieallasuastrutturamodularefacilmenteintegrabileinambientidisvilupposoftware.Tali
strumenti, e soprattutto il paradigma Web 2.0 che li caratterizza, stanno innovando e trasformando le
modalitdiinsegnamento,nonsoltantoviaPC,maancheutilizzandodevicemobiliealtristrumentidigitali.
8.3.6 Canaliuniversitaritematici
iTunesUunapiattaformaperladistribuzionedicontenutididatticirealizzatasulfamososoftwareiTunes
della Apple. iTunes U permette alle universit di gestire un proprio canale per lerogazione di podcast e
videocastdidatticieaglistudentidiaccedereonlineaicontenutiediriprodurliinqualsiasimomentoanche
attraversodevicemobiliesmartphone.
iTunesUdlapossibilitdiriservarelaccessoaicontenutiaisolimembridellapropriacomunitdidatticao
dicondividerliallesternoattraversoiTunesStoreperladistribuzionediinformazioniastudenti,docentiea
tutticolorochenelmondodesideranocontinuareaimparare.
SuiTunesUsonopresentileuniversitdituttoilmondoegeneralmentepossibiletrovare:
podcastaudioevideodilezioniecorsi;
videodiseminari,convegni;
eventiistituzionali;
informazionisull'Ateneo;
LUniversit Federico II di Napoli stata la prima universit italiana a fare il suo ingresso su iTunes U nel
2010.SuccessivamentealtreuniversittracuilUniversitBocconi,LUniversitdiModenaeReggioEmilia,
lUniversitdiTrentoelUniversitdiPisahannoraggiuntoilcanaledelliTunesstoredellaApplededicato
allelearningealpodcastingdeicontenutiuniversitari.
PoliMyTubeilcanaledelPolitecnicodiMilanosuYouTubeepuessereconsideratocomeuninnovativo
esperimentodiWeb2.0.

25
http://www.elgg.org/
26
http://moodle.org/

72
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Su PoliMyTube sono caricati video organizzati per sezioni tematiche (playlist) che possono essere
visualizzatidagliutentiinqualsiasimomento.
Neivideodellaplaylistricercascientificaidocentiegliespertiparlanodelfuturodellaricercascientifica
alPolitecnicoedellinnovazionetecnologicadellItalia.Nellaplaylistlespertodellasettimanapossibile
ascoltare le opinioni dei docenti del Politecnico sui temi dattualit. Nella playlist eventi possibile
rivedere lauree ad honorem, incontri con eminenti studiosi e cerimonie accademiche. Infine nella sezione
Edutainment possibile scoprire curiosi progetti politecnici al confine tra formazione e gioco, e nella
sezionelaureatiascoltareletestimonianzedipersonaggichehannostudiatoalPolitecnicodiMilano.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
73

9 CittadinanzaDigitale
9.1 Trendsocioculturali
9.1.1 Personaprotagonista
Una macrotendenza riscontrata a livello qualitativo attraverso lanalisi di diversi papers internazionali e
lesperienzamaturatadaITLab2.0pongonolapersonacomeprotagonistanellacreazionedicontenutie
informazionisecondoiparadigmidelWeb2.0eWeb3.0.Atalpropositorisultaemblematicoconfrontare
duecopertinedellanotarivistaTime,adistanzadiqualcheanno:laprimarisalenteal1982elasecondaal
2006.

Figura25CopertinerivistaTIME,dicembre1982edicembre2006

Il Web si sta evolvendo verso una nuova dimensione tecnologicosociale, che stata denita Web 2.0.
Questo termine vuole sottolineare un distacco da una prima fase, retroattivamente definita del Web 1.0,
caratterizzata da siti statici, dall'utilizzo dell'email come strumento privilegiato di comunicazione e dal
ricorsoaimotoridiricercacomestrumentodiorientamentonellanavigazione.Glielementifondamentalidi
questo nuovo modo di vivere la Rete sono tutti legati alla filosofia dell'apertura e della condivisione,
sebbene le spinte innovative non abbiano necessariamente motivazioni altruistiche. La collaborazione tra
individuiall'internodegli ambientivirtualigenera,infatti,nuove opportunit diprofittoperleaziende che
sappianovalorizzareleinformazionicheivifluiscono.
Dunque, l'evoluzione della Rete offre nuove opportunit per lo sviluppo dell'intelligenza collettiva,
contribuendo in questo modo al bene comune, ma offre anche delle nuove occasioni di profitto a quelle
aziendechesappianosfruttareilvaloredell'enormemassadiinformazionichecircolanelcyberspazio.

74
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Da un punto di vista dei modelli di business, ci che fa la differenza rispetto ai modelli delleconomia
tradizionale sono i comportamenti delle comunit del Web 2.0 (Hoegg e altri, 2006), le quali, grazie
allinnovazione tecnologica e alla crescente intensit della partecipazione, rinnovano profondamente le
esperienze, i flussi di informazioni e i processi alla base dei servizi. La qualit e la dimensione dei nuovi
serviziWeb2.0sonostrettamentecorrelatialnumerodiutentiattiviealvalorecheessiimmettono,sotto
forma di conoscenza. Il focus delle comunit che si formano attorno alle tecnologie Web 2.0 risiede nei
contenuti, nelle informazioni che le persone si scambiano e nei servizi che vengono utilizzati per creare,
gestire, aggiornare, condividere conoscenza e che variano a seconda del tipo di contenuto (testo,
immagine, video, audio). Il focus del servizio in questi casi non la tecnologia ma linfrastruttura, lo
strumento che abilita e facilita i modelli di business di queste societ. Gli utenti poi non sono riducibili al
meroruolodiclientiaiqualivenderequalcosa,masonodetentoridiinteressiarticolati(stakeholders),
che possono svolgere molteplici funzioni economiche, interessanti anche per ridurre i costi di
progettazione, produzione e marketing di prodotti e servizi. Se nel Web 2.0 il cuore del mercato la
creazione e la condivisione di conoscenza secondo principi di collaborazione, la conoscenza il valore
economico di queste societ e i relativi modelli di business devono prendere in considerazione
comportamenti di tipo diverso dalla competizione in un mercato tradizionale. La maggior parte dei servizi
dellesocietWeb2.0nonsonoriconducibilialleformetradizionalidiservizio.Iprincipicollaborativitipicidi
questi fenomeni rappresentano una novit nella progettazione e gestione dei servizi: questi siti non sono
mercati e viene meno la distinzione dei ruoli tra domanda e offerta, tra chi produce e chi consuma,
mentre spesso manca il meccanismo regolatore del prezzo oppure il relativo sistema di pagamento non
evidente.
Ilpesocheimediasocialihannonellamodernaeconomiagidiventatomateriadiricercaediscussione,
comedimostraillibroWikinomics(TapscotteWilliams,2006)chetrattadellacollaborazionedimassaedei
modidiutilizzareilWeb2.0peraumentareiprofittiancheinazienda.Oggettodicrescenteinteressenella
letteraturascientificaanchel'impattoeilvaloreprodottodaimediasocialinelsettoredeiservizipubblici,
partendo dai servizi delle Pubbliche Amministrazioni e comprendendo i settori della sanit, educazione,
lavoro,trasporti,ambiente.
9.1.2 eDemocracy
TendenzialmenteiltemadelleDemocracyassociatoallepraticheinnovativeperlapartecipazionediretta
dei cittadini ai processi decisionali delle Pubbliche Amministrazioni, anche mediante i mezzi
dellinformationandcommunicationtechnology.IntalsensoInterneteletecnologiedelWeb2.0possono
contribuire in modo significativo a rafforzare ed ampliare la partecipazione dei cittadini lungo tutto l'arco
temporale entro cui i processi decisionali si sviluppano. LOCSE individua tre livelli di coinvolgimento dei
cittadini, spesso adottati negli studi e nei documenti pubblici sul tema delledemocracy: informazione,
consultazioneepartecipazioneattiva.

informazione: una relazione ad una via (oneway) in cui la Pubblica Amministrazione produce e
rilasciainformazioniaffinchicittadinilepossanousare.Intalmodosiaumentalatrasparenzadei
processidecisionalipoliticiindemocraziaequindilapossibilitdiesprimereunconsensoinformato
ediesercitareilcontrollodemocraticosull'operatodelleistituzioni).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
75

consultazione: una relazione a due vie (twoway) in cui i cittadini forniscono un feedback alla
PubblicaAmministrazione.
partecipazioneattiva:unarelazionebasatasullacollaborazioneconlaPubblicaAmministrazionein
cuiicittadiniprendonopartealprocessodecisionale.
Anchenellambitodelleconsultazionielettoralisonoinattoalcuneinnovazionisullemodalittecnichedella
votazione(votoadistanza,evoteovotoelettronico)oltrechsullemodalitdivoto.
Infine la dimensione dellinclusione sociale delledemocracy attiene alle tematiche dellinclusione nella
societ dellinformazione (soprattutto lotta contro il digital divide, con riferimento all'accesso alle
infrastrutture,aiservizi,aglistrumenticulturaliadeguati).
9.1.3 OpenGovernance
Le pratiche di collaborazione, partecipazione attiva e impegno diffuso comporteranno il passaggio dalla
gestionediserviziamministrativiallagestionediveriepropriservizisocialiepolitici.Lattenzionecrescente
sui servizi locali di eGovernment comporter una transizione verso leGovernance poich, oltre allazione
di governo in s, sar necessario fare leva su nuove forme di organizzazione, cultura e in generale di
governance chepromuovanolacooperazioneconi varistakeholdersestimolinolosviluppodinuoveidee
oltrech la formazione di vere e proprie partnership pubblicopubblico, pubblicoprivato e pubblicocivico
(Bottermanetal.2008;RANDEurope2010).
Le tradizionali distinzioni tra settore pubblico, privato e civile diventeranno meno rilevanti. I servizi, che
siano condivisi, centralizzati o esternalizzati costituiranno limpalcatura che permetter alle Pubbliche
Amministrazioni di passare dal modello a unico punto di contatto, sviluppato negli ultimi anni, verso un
modellodiserviziomulticanalechesiaingradodiincludereanchegliintermediaridelsettoreprivato,le
organizzazioni di volontariato e tutte quelle community abilitate dai social software (Di Maio 2007; RAND
Europe2010).
9.1.4 Collaborazione
Un macrotrend riscontrato a livello qualitativo consiste nellidentificazione di esperienze di nuova
interazione con la PA. Queste esperienze si fondano su un approccio di tipo collaborativo per la
realizzazionedeiprocessidecisionalieperlerogazionedeiservizi.LePPAAnelmondostannosviluppando
nuovemodalitdirelazioneconipropricittadini,portandoliallinternodelprocessodidecisionepubblicae
sfruttando la multicanalit, anche secondo logiche di eDemocracy. Spesso i cittadini vengono coinvolti
nella valutazione dei servizi offerti e incentivati a condividere informazioni e a creare essi stessi nuovi
servizi,secondoilparadigmadellOpenData.
EprevistocheiservizidieGovernmentsarannobasatisuunapprocciopicollaborativoecoinvolgente.La
collaborazione e la partecipazione attiva di tutti gli stakeholders, nei processi decisionali e nella
progettazione dei servizi vista come un importante step per offrire servizi migliori, costruire migliori
relazioni e in generale consentire un migliore governo delle istituzioni (Accenture 2009, Codagnone et al.
2007,Bottermanetal.2008,Kotsiopoulosetal.2009)

76
AgendaDigitaleTrendAnalysis

9.1.5 Crowdsourcingneiprocessidiedemocracy
Un ulteriore incentivo alle forme di partecipazione democratica viene dalladozione del Crowdsourcing
comeformadiedemocracyestrema,dove,nonsolovienerichiestoilpareredeicittadini,mavieneanche
richiestolorodilavorareallacausacomuneutilizzandoillorotempoliberoerisorseproprie.
Tale modello di organizzativo si basa sul lavoro di volontari ed appassionati che dedicavano il loro tempo
liberoarisolvereproblemieledemocracytendeasvilupparsipropriosuquestoparadigmaproprioperch
farelecoseassiememoltomegliochesubirle.
La partecipazione in crowdsourcing permette di scoprire talenti individuali e di gruppo che mettono in
discussionemeccanismicristallizzatie,pidiognialtracosa,dannoaccessoaunaforzalavoroinfinita.
Ad esempio, il pubblico pu essere invitato a sviluppare una nuova tecnologia, svolgere un compito di
progettazione,perfezionareosviluppareipassidiunalgoritmo,sistematizzareoanalizzaregrandiquantit
didati.
Recentemente,Internetstatoutilizzatoperpubblicizzareegestireprogettidicrowdsourcing.
JeffHowehadifferenziatoquattrotipidistrategiedicrowdsourcing
27
:
Crowdfunding;
Crowdcreation;
Crowdvoting;
Crowdwisdom.
Ivantaggiconseguitiattraversoilcrowdsourcingsonoiseguenti:
I problemi possono essere esplorati a costi comparativamente poco onerosi e spesso molto
rapidamente;
L'organizzazione pu acquisire una vasta gamma di talenti che potrebbero essere messi a
disposizionenellapropriaorganizzazione;
Ascoltandolafolla(crowd),leorganizzazionihannolapossibilitdiottenereinformazionidiprima
manosuidesiderideiloroclienti;
La folla pu sentire una sorta di parentela con l'organizzazione che opera il crowdsourcing,
contribuendo cos al brandbuilding, che risulta essere poi il risultato di un senso di propriet
guadagnatoattraversoilcontributodatodallamedesimafolla.
Alcunepossibiliinsidiedelcrowdsourcingsonoleseguenti:
Eventualicostiaggiuntiviperportareunprogettoaunaconclusioneaccettabile;
Possibilitcheunprogettocrowdsourcedpossafallireper:
o mancanzadimotivazionemonetaria
o scarsonumerodipartecipanti
o minoreprofessionalitdeipartecipanti,
o mancanzadiinteressepersonalenelprogetto
o barrieredilinguaggioglobale

27
http://it.wikipedia.org

AgendaDigitaleTrendAnalysis
77

o difficoltagestireprogettidigrandescala;
Mancanzadicontrattiscritticonicollaboratoricrowdsourced;
Difficoltamantenereunrapportoconilavoratoricrowdsourcedpertuttaladuratadelprogetto.

Certamente occorre riflettere sulla differenza che passa tra il crowdsourcing e una reale partecipazione
democratica, o tra il segnalare via internet delle semplici emergenze piuttosto che prendere parte a un
processo politico partecipativo consapevole, che coinvolga i cittadini (dal vivo e on line) anche nella fase
decisionale, condivida con essi informazioni strategiche (sul territorio, sui bilanci) e preveda un
monitoraggio di espliciti impegni presi dalla PA. Ma al di l di tutto, i tempi oggi sembrano maturi perch
questeiniziativeconoscanoundecisorilanciosfruttandolerecentiinnovazionitecnologicheesoprattuttoil
rinnovatorapportodeicittadiniconlapartecipazioneonline.
9.2 Trendtecnologici
9.3 CrowdComputing
Crowdcomputingunterminegeneralechedefiniscelinsiemedistrumentidinterazionechepermettono
la condivisione di idee, processi decisionali non gerarchici, e il pieno utilizzo dello spazio mentale del
mondo.Esempidiquestistrumenti(moltirientranosottolombrellodelWeb2.0)includonocollaboration
package,informationsharingsoftware,wiki,blog,alertingsystems,socialnetwork,emashup.Leimprese
e la societ in generale ricorrono sempre di pi allintelligenza, alla conoscenza e alle esperienze di vita
della folla per migliorare i processi di business, prendere decisioni, identificare soluzioni a problemi
complessiemonitorareicambiamentineigustideiconsumatori
28
.
Mentre le imprese sono attente a valutare i costi di migrazione verso il cloud computing visto come il
futurodelcomputingilCrowdcomputingunnuovomodoingradodisfruttarelapotenzadeicomputer
diversamente,ilmodopopolare.
Questo nuovo approccio al computing, chiamato "computing folla relativamente nuovo ed descritto
come un miliardo di persone collegate a Internet. Queste persone possono analizzare, sintetizzare,
relazionare,distillareefornisconolevistedidati,usandosololamacchinadelcervello.
Per dimostrare la presenza di questa massa sufficiente osservare come il Wiki Web e social networking,
siainpienoboomnegliultimianni.
Devadas, docente della cattedra di ingegneria elettrica e informatica nel laboratorio di intelligenza
artificiale del MIT, spiega che il concetto di folla computing un complemento alla nube, formata da un
sistemaradicalediinfrastrutturachedaralmondol'opportunitdiacquisizionedi"intelligenzacollettiva".
Il raggiungimento di questo livello essenziale per mitigare molti problemi umani, come prevedere gli
effettidellecatastrofinaturali,traglialtri,"peressereutileaorchestrarelereazioniefficienteerapidaalle
catastrofi".Prendendoiterremoti,ad esempio,un utentedel numerodidatinube puvalutareipossibili

28
http://it.wikipedia.org

78
AgendaDigitaleTrendAnalysis

impattisulmovimentodellaterraemettereapuntopianidievacuazioneedisoccorso.Etuttoquestosulla
basediquellochedisponibilenellanuvola.Questainiziativastataadottatainsoccorsoallepopolazioni
colpitedalpassaggiodeltifoneOndoyoKetsana,comenotoalivellointernazionale.Mailsistemaben
lungi dall'essere perfetto. Nel caso di folla computing occorre un significativo miglioramento nel modo in
cuivengonostrutturatiisistemidiflussoinformativo,risolvereiconflittieverificarealcunifatti."Lasfida
anche per stabilire come sviluppare applicazioni parallele che comunicano con miliardi di processori per
rispondererapidamentealledomandeinviatealcloud.
9.4 Esempi
9.4.1 eDemocracy
Alcuniinteressantisitiinternetcherealizzanoformediedemocracysono:
YourVoiceinEurope

Figura26SitointernetYourVoiceinEurope
IlsitoLavostravoceinEuropadaccessoaunampiagammadiconsultazioni,dibattitiealtristrumenti
che consentono di partecipare attivamente al processo politico europeo. Questo sito della Commissione
Europea fornisce i link alle consultazioni aperte, ai blog dei commissari dellUE, e agli account degli uffici,
delleagenzie,edelleistituzionidellUEsuisocialnetwork.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
79

EuropeanCitizensConsultations

Figura27SitointernetEuropeanCitizens'Consultations

Il sito ha permesso agli utenti di partecipare alle Consultazioni Europee dei Cittadini 2009 (CEC 2009) che
hanno raggruppato i cittadini provenienti da tutti i 27 Paesi membri dellUE per discutere tra loro e, in un
secondomomento,perdiscutereconipolicymakerssullesfidechiavechesitroveradaffrontarel'UE.In
particolareicittadinihannoavviatoepartecipatoadibattitiutilizzandodeiforumehannopotutovotarele
proposte pi interessanti. Le Consultazioni Europee dei Cittadini si sono concluse ad Aprile 2009 e hanno
prodotto15raccomandazionichesonoadessodisponibilisulPortaledellUnioneEuropea.

80
AgendaDigitaleTrendAnalysis

OrganizingforAmerica

Figura28SitointernetOrganizingforAmerica

Il sito permette di accedere alla community online che ha supportato il Presidente americano Obama
durante le ultime elezioni, e che adesso impegnata a sostenere importanti riforme quali quelle della
sanit,delsistemaeducativo,dell'energia.IlsitopermetteinoltreagliutentidiregistrarsiindicandoloStato
diappartenenza,dipartecipareaiblog,diiscriversiadeventi(localgroups),edifaredonazioni.
9.4.2 IniziativediCrowdsourcing
Adotta una parola uniniziativa dellEmilia Romagna che proietta le dinamiche evolutive del settore
turistico attraverso la collaborazione partecipativa e la condivisione del sapere esperto. Il progetto
prevede ladozione, da parte di enti e comuni cittadini, di parole presenti su Wikipedia e riguardanti il
territorioregionale.
Adottareunaparolasignificasemplicemente:
andareavedereinchestatositrovalavocewikipediacollegataallaparolaprescelta;
controllarelaqualitdellavocewikipedia;
integrarelepartieventualmenteincompleteomancanti.
Liniziativa un modo non convenzionale di promuovere una cultura condivisa dei residenti/turisti , ma
soprattuttounamaggiorefruizionedelterritoriolegatoalogichecollaborativeaventelostessoobiettivo:la
comunicazione di una destinazione turistica. Inoltre, un ottimo modo per raccontare un territorio,
direttamentedachiloviveinprimapersona:iresidentieituristi,attraversounostorytellingterritoriale.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
81

AmazonMechanicalTurkunmarketplaceperillavorochefalevasullintelligenzaartificialedellafolla..
La piattaforma permette alle imprese e agli sviluppatori di accedere a una forza lavoro scalabile e on
demandeailavoratoridisceglieretramigliaiaditaskelavorareneiperiodiperloropiconvenienti.
Starbytes una piattaforma per il crowdsourcing realizzata da una societ italiana e rivolta a figure
professionali dell'informatica e delle telecomunicazioni; costruisce un ponte di connessione, per esempio,
conchiabitainareediprovinciadovepiraropoteraccedereaoffertedilavorodiunamultinazionale.
CrowdEngineeringunasocietcherealizzasoluzionisoftwareepiattaformeinformaticheperprogettaree
gestire processi di business basati sul crowdsourcing in maniera integrata ai processi di business e alle
piattaformeesistenti.
InnoCentive una societ che si propone come partner delle aziende nella realizzazione di Open
Innovation, attraverso prodotti e servizi e in generale strumenti di crowdsourcing che mirano a ingaggiare
attraverso il web una moltitudine di talentuosi ricercatori pronti a cogliere le sfide proposte in cambio di
premiindenaro,riconoscimentoelasoddisfazionediaiutarearendereilmondounpostomigliore.
Concorso"1Gigaalsecondo...secondoTe!Checosafaresticonun1Gigadibanda?"Ilconcorsopromosso
dalla regione Emilia Romagna ha come fine quello di raccogliere e promuovere le idee progettuali pi
innovative, relative allutilizzo e allottimizzazione delle infrastrutture di comunicazione a banda ultralarga
di nuova generazione (cosiddette Next Generation Networks NGN, ossia reti di comunicazione con
velocitdialmeno1Gbps).
Laraccolta,lapubblicazioneeladiscussioneattraversoilsitointernetdelconcorsoelapremiazionedelle
migliori idee proposte ha, tra le altre finalit, quella di contribuire a delineare scenari reali di utilizzo che
possano generare ritorni positivi a livello economico, culturale e sociale nellinteresse generale della
PubblicaAmministrazioneedellacollettivit.
La raccolta delle idee estese avverr previa pubblicazione dei risultati sul sito delle votazioni e della
selezioneepreviacomunicazionedelleistruzionidiraccoltaviaemailsoloaiconcorrenticherisulteranno
ammessiallavotazionefinale.

82
AgendaDigitaleTrendAnalysis

10 Servizidigitali
Tutti devono essere messi nella condizione di cogliere i benefici offerti dalla societ digitale. Lo sviluppo
dellICT sta diventando un elemento trasversale per realizzare obiettivi strategici quali: fornire supporto a
una societ che invecchia, lottare contro i cambiamenti climatici, ridurre i consumi energetici, migliorare
lefficienza dei trasporti e la mobilit, rafforzare la consapevolezza dei pazienti e favorire linclusione dei
disabili. Assicurare la diffusione e la fruizione di servizi digitali inclusivi, personalizzati e multipiattaforma
costituisceunmodoeconomicoedefficaceperrispondereasuddettiobiettivi.
Servizipubbliciqualilasanit,lamobilit,ilmonitoraggiodellambienteelagestionedellenergiapoggiano
attualmente su infrastrutture complesse che tradizionalmente non si sono avvalse di Internet. Oggi
possibile rendere tali infrastrutture intelligenti, ossia pi efficienti e sostenibili, integrando pienamente
internetneiloroprocessienellolorofunzionidibase.
Loffertaelacommercializzazionediprodottieserviziinnovativilachiaveperlacrescita,loccupazionee
lacompetitivitdellEuropaedellaLombardia.
Secondo un recente studio della Boston Consulting Group (BCG 2011) il valore dellInternet economy
italiana nel 2010 si aggira intorno ai 31,6 miliardi di euro, qualcosa come circa il 2% del PIL nazionale ed
inoltreunvaloreincrescitarispettoal2009.GlianalistidiBCGritengonocheseInternetfosseunsettore,
lasuacrescitacontribuirebbeal7%dellaumentocomplessivodelPILnazionaleregistratonel2010.
Inoltreconunacrescitaattesacompresatrail13%eil18%trail2009edil2015,siprevedechelInternet
economyitalianarappresenternel2015trail3,3%eil4,3%delPIL(BCG2011),soprattuttoseleattesedi
crescitadellecommerceedelmobilecommerceverrannoconfermate.
InquestoscenariounesempiopositivorappresentatodallaPubblicaAmministrazionechehafattograndi
passi avanti soprattutto in termini di egovernment, eprocurement ed ehealth. Inoltre un aspetto
caratterizzante dellInternet economy italiana lelevata propensione allutilizzo di dispositivi per la
connessionemobileefruizionediservizidigitali,comesmartphoneetablet.
Per cogliere tutto il potenziale di crescita dellInternet economy sar per fondamentale che le Piccole e
MedieImpresesivolganoconmaggioreconvinzioneversoilmondodigitale,favorendolapropriacrescita,
raggiungendo una clientela pi internazionale, assumendo pi persone e in generale essendo pi
produttive.
10.1 Trendsocioculturali
10.1.1 eCommerce
Sebbene la sua penetrazione risulti sostanzialmente limitata rispetto agli altri Paesi europei, nel 2010 l'e
commerceinItaliacresciutodel43%rispettoall'annoprecedentesuperandoi14miliardidieuro.
Levenditeonlinefannoinfattiunsaltoinavantidel14%,raggiungendoi6,5miliardidieuroesuperandola
sogliadell1%sultotalevenditeretail.Aumentanosialevenditediservizi(+15%)chediprodotti(+13%).Gli
acquirenti online crescono di un milione di unit in un anno diventando circa 8 milioni (MIP, netcomm
2010).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
83

Isettoripiimportantisisonoconfermatiilturismoeiltempolibero.L'aumentodovutooltrecheaduna
crescitafisiologicaeadunamaggiordiffusionedellaRete,ancheall'ingressodinuoviplayermondialicome
Groupon e Amazon, i cui effetti nei mercati di riferimento, sia in termini di volumi complessivi, sia di
polarizzazione, si manifesteranno nel prossimo biennio con l'assorbimento, o con la scomparsa, di molte
realtnazionalidimedieepiccoledimensioni.
Significativo risulta inoltre essere lincremento dellmcommerce favorito dalla diffusione del mobile
internet e degli application store; il tcommerce, cio lutilizzo delle piattaforme televisive per effettuare
acquistionline,rimaneancorauncanaledivenditasottosviluppato.
Lo sviluppo internazionale delle imprese nazionali dell'ecommerce ha invece subito un progressivo
rallentamento. Le comunit online sono sempre pi centrali nelle politiche marketing delle societ,
unitamenteaisocialmedia,comeFacebookeTwitter,conl'integrazioneneiproprisitidilorostrumentidi
valutazionee/opropagazione.
Il modello dell'acquisto di impulso legato aofferte speciali, ad esempio stock limitati o con prezzi scontati
peruntempodefinito,sidiffusoedpropostoormaidamoltiattoridell'ecommerceancheperiservizi.
Nel2010infinesiavutaunaprimadiffusionedelmobileecommerce(mcommerce)edelleapplicazionidi
infocommerceassociateallaposizionefisicadelpotenzialeacquirente.
10.1.2 eMobile
Le incredibili innovazioni in atto nel mondo delle Telecomunicazioni mobili la rapida affermazione del
nuovo paradigma del Mobile Intenet e degli Application Store, la diffusione di smartphone sempre pi
sofisticati ed efficaci anche per accedere ad Internet, lo sviluppo delle reti di nuova generazione (LTE), il
lancio di molteplici applicazioni innovative capaci di sfruttare le caratteristiche specifiche del telefono
cellulare, la messa a punto di nuovi modelli di business che puntano su nuovi format di pubblicit e su
nuoveformediricavopaysonoleragionicheinduconoaparlarediMobileRevolution:opinionediffusa,
infatti, che il Mobile trasformer pesantemente il mondo digitale nei prossimi anni. (Mobile Internet,
Content & Apps maggio 2011 : il laboratorio della Digital Economy School of Management Politecnico di
Milano)
Numerosi analisti ritengono che gli utenti mobile esprimano una sempre pi forte domanda di servizi
evolutiedicontenutiadaltadefinizione;cchiprevedecheentroil2020idevicemobilisarannoilmezzo
pi diffuso di accesso a internet (Global mobile Suppliers Association, 2010). Tutto ci sta stimolando la
crescita del mercato dellemobileAppsedsubordinatoallarealizzazione diinfrastrutturetecnologiche
finalizzateallafruizionedicontenutiin mobilitadaltavelocit(reti GSM/EDGE/WCDMAHSPA). Ilgrafico
seguentemostrailtrenddicrescitadeltrafficodatisuretimobile:

84
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Figura29Previsionitrafficomondialedatisumobile.Fonte:InformaTelecomsandMedia,2010

Attualmente in Europa sono 121 milioni gli utenti della banda larga wireless e il nostro paese, con 10,4
milionidiutenti,ilsecondoinEuropaperutilizzo,con7,9oretrascorseognisettimanasuInternettramite
dispositivimobili.
In Italia lutilizzo degli smartphone e in generale dei device in mobilit per connessioni a internet
aumentato nel 2010 (+22%) rispetto al 2009 e oggi quello italiano uno dei mercati pi grandi al mondo;
circail26%dellapopolazioneusainternetviacellulare,ciocirca16milionidiutenti.Leprincipaliattivit
svolte con lacceso al mobile internet sono: browsing, email, social network, video watching. I contenuti
pi ricercati attraverso il mobile internet riguardano: tempo, mappe, tecnologia, sport e intrattenimento.
Inveceperquantoriguardalimpiegodelmobileinternetpergliacquistielettronici(mcommerce)nel2010
soltantoil9%diitalianinehafattouso(IABEurope2011).
Dallindagine, condotta in 15 mercati europei, emerge quindi che la mobilit digitale sta diventando
un'attitudinecomune,grazieallinnovazionetecnologicaabbinataallamolteplicitdipuntidiaccesso.
Lo studio evidenzia come gli utenti stiano estendendo il modo di divertirsi e confrontarsi con la Rete,
nonch la crescente influenza di Internet nella vita quotidiana. Con la maggior parte delle persone
consapevoli della possibilit di connettersi a Internet dal proprio cellulare (48% vs. 46%) e una crescita
nellutilizzo della banda larga wireless e dei portatili, i risultati dimostrano che la crescente diversit dei
dispositiviabilitati.
Complessivamente71milionidieuropeivisitanoInternetmobilenell'arcodiunanormalesettimanae,con
circa un'ora al giorno trascorsa attivamente online dal cellulare (6,4 ore/settimana), "Internet in
movimento" sta rivelandosi un passatempo pi frequente della lettura di giornali (4,8 ore) o riviste (4,1
ore).
Questatendenzaall'aumentodelnumerodiutenticoinvoltiedeltempotrascorsoonlinesembradestinata
acontinuaregraziealmiglioramentodellacopertura,dellavelocitedeiserviziInternet.(EIAA2010)

AgendaDigitaleTrendAnalysis
85

Internet nel suo insieme sta diventando una fonte comune di intrattenimento per gli utenti europei, un
quarto dei quali (25%) gioca o ascolta la radio online (25%), mentre un terzo guarda film, TV o video clip
(33%)almenounavoltaalmese.Conpidiunquarto(29%)dieuropeichediconodiseguiremaggiormente
ibrandcomerisultatodellusodiInternet,sembracheilmezzovengasemprepiusatoperdivertimento,
oltre che come elemento funzionale, indicando che i consumatori stanno intensificando il legame
emozionaleoltrecherazionalealmezzo.
TracolorochedispongonodiuntelefonoabilitatoperInternet,met(49%)dichiaradiriceverevideoclip,
siti Web o immagini sul proprio cellulare e quattro su cinque (80%) affermano di passare ad altri il
contenuto che ricevono. Questi dati indicano che gli utenti online tramite cellulare sono sia
tecnologicamente esperti che profondamente coinvolti, sottolineando l'eccellente opportunit di cui
dispongonoivenditoripercrearebrandawarenessesfruttareleraccomandazioniscambiatetragliutenti.
Inoltre il "Word of Web" continua a svolgere un ruolo centrale nelle comunicazioni per almeno tre quarti
(71%) degli utenti Internet europei, che ammettono di riuscire a mantenersi pi in contatto con amici e
parenti grazie a Internet. Anche in questo caso, la comunicazione mobile sembra essere un fattore molto
importantepercircalamet(48%)deglieuropeicheusanocellulariconsupportoInternetperattivitche
vannooltrelacomunicazioneverbale.Il16%dichiaradicomunicaretramiteisocialmediaconilcellulare,
mentre un ulteriore 16% utilizza linstant messenger mobile. Gli inserzionisti possono quindi trarre
vantaggio dalla crescente esigenza degli utenti di ricevere aggiornamenti costanti e contenuti di
intrattenimento durante gli spostamenti, utilizzando questi dati per pianificare le future campagne
multimedialirivoltealmercatoconsumerattraversovariepiattaforme.
La convergenza dei media in aumento e, secondo quanto rivela la ricerca, un terzo (30%) degli utenti
Internet guarda la TV mentre online. Grazie ai recenti sviluppi tecnologici, come ad esempio l'iPad, e
considerato che circa la met (47%) delle famiglie europee possiede gi almeno un portatile e che 121
milionidicittadinieuropei(52%)utilizzanoattualmentelabandalargawireless,l'aumentodellamobilite
della convergenza sembra ormai inevitabile. Gli addetti ai lavori non dovrebbero pi considerare i media
singolarmente,maseguirepiuttostoiltrenddellamultimedialiteusufruiredellaricchezzaemolteplicitdi
opportunitpubblicitariecheoffre.
Lo studio Mediascope Europe di quest'anno stato esteso ad altri cinque mercati europei, oltre ai dieci
originali. La ricerca include ora Polonia, Portogallo, Russia, Svizzera e Turchia, allo scopo di ottenere
informazioni sui vari modi in cui si stanno sviluppando abitudini e comportamenti dei consumatori
relativamenteaimediaintuttal'Europa.
Bench questi mercati mostrino tutti caratteristiche molto diverse e presentino stadi variabili di
penetrazione di Internet, si evince un trend di crescita dellinternet mobile molto alto. Questo
particolarmenteevidenteneigrandipaesidellesteuropeo,chenonmostranoisegnalidiritardochehanno
caratterizzato i grandi paesi occidentali al momento dell'adozione iniziale dellInternet dialup e delle
connessioniabandalarga.LaPoloniaalprimopostotraimercatiincuigliutentitrascorronopitempo
suInternetdadispositivimobili,mentrelaRussiasiattestatraiprimicinque.interessantenotarechein
Turchia vi sono pi utenti Internet mobili rispetto a quelli che accedono a Internet dal PC (21% rispetto a
20%) dimostrando in che modo gli utenti utilizzerebbero le nuove piattaforme se Internet fosse pi
facilmenteaccessibilenellavitaquotidiana.

86
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Questi "nuovi" mercati come Russia, Turchia, Polonia e Portogallo, dovrebbero essere considerati come
stellenascenti,incuineiprossimianniprevistounrapidoaumentodell'usosettimanalediInternet.
10.1.3 Impresa2.0
Generalmenteperimpresa2.0siintendelusodelletecnologieweb2.0allinternodiunorganizzazione
perfacilitareesemplificareiprocessidibusinessmigliorandoalcontempolacollaborazionetralepersone.
In effetti le pratiche di impresa 2.0 possono andare oltre i confini organizzativi e realizzare la
collaborazioneeloscambioorganizzatodinformazioniconiclientieifornitoriattraversoisocialmedia.
Andrew McAfee, professore della Harvard Business School, definisce impresa 2.0: luso in modalit
emergentedipiattaforme disocialsoftwareallinternodelleaziendeotrale aziendeedi propripartnere
clienti.Asuoavvisoletecnologieelemodalitdilavoroimpresa2.0supportano:
Gliincrementidiproduttivit;
Aumentanoitassidinnovazioneelacompetitivit;
Facilitanolacreazioneelagestionedellaconoscenza;
Aiutanoalocalizzareleexpertiseearisolvereiproblemipivelocemente.
Tralemodalitpidiffusedifareimpresa2.0visono:
Expertise location: strumenti e modalit che incoraggiano e facilitano la collaborazione non
programmata,linterazioneinformale(networkinformali)elapartecipazioneattivadeidipendenti
in aziende globali; vengono utilizzati dai manager per individuare le persone e i gruppi di lavoro
appropriatiperivaritask
Corporateblogging:similmenteaiblogpersonalivengonoutilizzatidalleaziendecomesocialmedia
estrumentidiknowledgemanagement
Corporate wikies: sono strumenti di collaborazione e comunicazione aziendali che forniscono
ambientifriendlyperlapubblicazionestrutturatadicontenutidapartedeidiversiesperti
L'ICT determina l'evoluzione di qualsiasi settore produttivo e non possibile prescindere da essa. Oggi si
stimachel'ICTrappresentil'8%delPILeuropeo,masesiconsideraanchelacomponente"embedded"nei
diversi settori produttivi il valore lievita fino al 40%. Inoltre linvestimento in ICT spiega bene gran parte
degliaumentidiproduttivitnelsettoreprivatoepubblico;atalriguardosonostatefattenumeroseanalisi
statisticheedicorrelazioneperleconomiastatunitensedeglianni90.
Oltre all'importanza della componente ICT per lo sviluppo di qualsiasi prodotto e servizio utile
sottolineare come sempre pi assumono rilevanza le piattaforme per lo scambio di informazioni e
conoscenza. Quelle che in Wikinomics 2.0 Tapscott e Williams coniando un neologismo chiamano le
"ideagor". Tali piattaforme rappresentano un'importante opportunit per una struttura industriale come
quella Lombarda ove la presenza di piccole e medie imprese fortemente innovative affiancata da
un'importantecapacitdiricercaesvilupporappresentatadainumerosiistitutidiricercauniversitarienon
presentisulterritorio.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
87

Le piattaforme di collaborazione Web 2.0based sviluppate sia in ambito privato sia pubblico hanno dato
ampia prova di poter essere un eccellente strumento di incontro tra domanda ed offerta di innovazione
riducendodrasticamenteicostiditransazioneepermettendounamaggiorevalorizzazionedelpatrimonio
diconoscenzaesistentesulterritorio.
Il Ministero dello Sviluppo Economico nell'ambito dei bandi RIDIT ha scelto di finanziare in campo
energetico il progetto Etico che mira a realizzare una piattaforma Web 2.0 che faciliti il trasferimento
tecnologicovalorizzandoilpatrimoniotecnologicodelPolitecnicodiMilano.
10.1.4 Smartcities
LespressionesmartcitynatanegliStatiUnitiperindicareunacittconspaziurbaniamisuraduomo,
capace di interfacciarsi con i cittadini e di dialogare con loro in modo semplice ed efficace. E la citt del
futuro,contrappostaallagrandemetropoli,confusaedispersiva.
Le citt pi intelligenti del mondo stanno facendo leva sulla tecnologia per ottimizzare le loro risorse e
migliorarelefficienzadelleloroinfrastrutture.Alcunedelletecnologieusatenelleinfrastruttureintelligenti
includonolusopervasivodeisensori,degliRFID,delleretidicomunicazionebasatesullalocalizzazioneesu
protocolliTCPIP,combinatoconstrumentidianalisiperprevedereirisultatieicomportamenti.
Negli ultimi anni si assistito a un tendenziale sviluppo delle tecnologie per le citt intelligenti e a un
crescentenumerodiiniziativecittintelligente.
Conlapromessadimiglioriserviziaicittadinieunusopiefficientedellerisorsescarseiltrenddellecitt
intelligenti sta riprendendo slancio in tutto il mondo. Una citt intelligente integra la tecnologia con le
componenti critiche delle infrastrutture e dei servizi per rendere lo sviluppo urbano pi intelligente,
interconnesso ed efficiente. In particolare queste applicazioni sono visibili nei settori assistenza sanitaria,
istruzione,immobiliare,trasporti,utilities,amministrazionecomunaleesicurezzapubblica.
Avoltelecittintelligentinasconoexnovo,comeilcasodiMasdarCity,lacittazeroemissionichesta
sorgendo a 15 km da Dubai, o la cinese Caofeidian, progettata dallarchitetto italiano Pierpaolo Maggiora.
Altrevoltelecittintelligentisonoinveceilrisultatodilungimirantipolicydiriqualificazioneerisanamento:
inBrasilesorgeunodeipionieristiciesempidicittintelligente,Curitiba,capitaledellostatodelParan,che
hailmeritodiessersioccupatadisostenibilitgiapartiredaglianniSettanta.
PeresempioAmsterdamnel2009havaratounambiziosoprogetto,incollaborazioneconIBMeCisco,con
lobiettivo di creare innovazione e ridurre i costi della bolletta energetica: entro il 2012, saranno installati
nellestradedellacapitaleolandeseoltretrecentopuntidiricaricaperautoelettriche,mentreungenerale
miglioramento delle infrastrutture private consentir di produrre e mettere in vendita energia da mini
turbine eoliche e pannelli solari. Nei prossimi cinque anni, inoltre, circa sessantamila abitazioni saranno
energeticamente interconnesse grazie allopera di un grande operatore informatico, che monitorer in
tempo reale il consumo energetico degli edifici privati attraverso una rete intelligente di contatori
domestici.

88
AgendaDigitaleTrendAnalysis

LacittdiSeattlehaideatounprogettoperrisparmiareenergiaattraversounapartnershipconMicrosofte
chevedenellutilizzodeipiavanzatiprogrammitecnologiciunineditostrumentodipartecipazionelocale.
InparticolarelaSeattleCityLighthaestesoagliutentilutilizzodiHohm,unapplicazionepertracciareon
line lutilizzo dellenergia e fornire informazioni personalizzate per il risparmio energetico. La societ di
illuminazionepubblicahacombinatoquestointerventoadunaseriediincentiviperlacquistodilampadeal
neon e deduzioni fiscali per il riciclo di vecchi elettrodomestici, mentre ha stipulato un accordo con
lUniversitdiWashingtonperlinstallazionedicontatorielettriciintelligentinelcampusuniversitario.
In Italia, Parma ha siglato un accordo con IBM per la creazione di video sportelli installati nelle strade
cittadine dove i cittadini possono svolgere a distanza le normali pratiche amministrative. Migliorare il
rapportofracittadiniedentepubblicoattraversoletecnologiedellinformazione,infatti,consideratouno
deitantimodipossibiliperdeclinarelampioconcettodismartcity.
Infine LIVE Singapore! un interessantissimo progetto del SENSEable City Lab nato nel contesto di ricerca
SingaporeMITAllianceforResearchandTechnology(SMART).LIVESingapore!offreagliutentil'accessoa
una serie di utili informazioni in tempo reale sulla loro citt (densit di popolazione, traffico veicolare,
consumienergetici,cosaaccadeineventispeciali,etc.)attraversolosviluppodiunapiattaformaapertaper
laraccolta,elaborazioneedistribuzionedeidatiintemporealecheriflettonolesvariateattiviturbane.La
filosofiadelprogettodareaicittadiniaccessovisivoetangibilealleinformazioniintemporealesullaloro
citt per permettere loro di prendere decisioni pi in sintonia con il loro ambiente, con ci che sta
realmenteaccadendointornoaloro.
10.1.5 SistemidiTrasportoIntelligenti
La mobilit costituisce uno dei temi di maggior rilevanza da un punto di vista economico e sociale. Le
persone chiedono sempre pi di potersi spostare in modo rapido e sicuro avanzando richiesta di maggiori
servizi. Purtroppo incidenti stradali, inquinamento e congestione del traffico sono in costante crescita e
comportanouncostosocialeenorme;leinfrastrutture,inoltre,sonosatureeilloroadeguamentoainuovi
bisogni risulta difficile non solo per questioni economiche, ma anche per mancanza di spazi. In questo
contesto la tecnologia pu fornire un valido supporto. LInformation & Communication Technology (ICT),
infatti, sta rivoluzionando questo mondo grazie alle innovazioni sui veicoli, sui sistemi di segnalazione
stradale,sullarilevazionedeltrafficoesuisistemidiintrattenimentoeinformazione.
Levoluzione delle diverse soluzioni nel dominio dellInformation Transport System (ITS), avvengono, per,
sotto spinte tecnologiche e di mercato non integrate; inoltre, gli attori coinvolti hanno spesso approcci,
prospettivetemporaliemodellidibusinesseterogeneienonarmonizzati.
Tutto questo sta senza dubbio rallentando il cammino verso leffettivo dispiegamento di soluzioni efficaci
nel risolvere le problematiche precedentemente citate. In questo contesto gli operatori di
telecomunicazioni possono svolgere un ruolo importante non solo fornendo le tecnologie ed i servizi
infrastrutturali di dominio, ma anche proponendo nuovi scenari di business basati su un modello
cooperativo e di standardizzazione che ha decretato il successo della diffusione dei servizi ICT negli ultimi
diecianni.
ContestoEuropeo

AgendaDigitaleTrendAnalysis
89

Ilmondodeitrasportihapersuaintrinsecanaturadimensioni,dinamiche,impattieorizzontitemporaliche
vannobenoltreildominionazionale.
Questo particolarmente vero in Europa, dove i vari stati dellUnione Europea (UE) sono chiamati ad
armonizzare le rispettive strategie nazionali con lobiettivo di creare un sistema di trasporto europeo in
gradodialimentareesostenerelosviluppoeconomicoecommercialeecontemporaneamentemigliorarne
lasicurezzaelecosostenibilit.
Il recente riesame del Libro Bianco sulla politica dei trasporti della Commissione Europea ha confermato
che ladozione dell'innovazione sia il mezzo concreto che contribuir a rendere il trasporto stradale pi
sostenibile (ossia, sicuro, efficiente, pulito e scorrevole), soprattutto grazie alladozione delle tecnologie
dell'informazione e della comunicazione, con lobiettivo di creare un quadro comune per coordinare la
diffusioneel'utilizzodeisistemiditrasportointelligenteapplicatialtrasportostradale.
La Commissione Europea ha preso atto dell'approvazione, da parte del Parlamento, del nuovo quadro
normativo per la disciplina dei Sistemi di Trasporto Intelligenti (STI). Gli STI potranno dare un contributo
significativo alladefinizionediunsistemadi trasportimenoinquinante, piefficienteesicuronelVecchio
Continente.
Isistemiditrasportointelligentifannoproprieletecnologieinformaticheedicomunicazioneapplicandole
ai diversi sistemi di mobilit di merci e persone, per renderli pi efficienti riducendo al minimo gli effetti
negativisusalute,naturaequalitdivita.
I costi di congestione del traffico (secondo stime Ue, l'1% del Pil europeo), potrebbero essere ridotti del
10%graziealladiffusionedegliSTI.Seapplicateadautomobilieautomezzi,inoltre,letecnologieintelligenti
potrebberoevitareogniannocirca5.000mortiinincidentistradali.

La Direttiva 2010/40/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 luglio 2010, sul quadro generale
per la diffusione dei sistemi di trasporto intelligenti nel settore del trasporto stradale e nelle interfacce
conaltrimodiditrasportofornisceunquadroperl'attuazionecoordinatadiquesteinnovativetecnologie
di trasporto in tutta l'Unione europea (UE). Essa mira a stabilire servizi STI interoperabili ed efficienti,
lasciandodecidereautonomamenteipaesidell'UEsuqualisistemidiinvestire.
InparticolarelaDirettivaidentificacomeprioritariperlosviluppoelutilizzodispecifichenorme,iseguenti
settori:
usoottimaledeidatirelativiallestrade,altrafficoeallamobilit;
continuitdeiserviziSTIdigestionedeltrafficoedeltrasportomerci;
applicazioniSTIperlasicurezzastradale;
collegamentodelveicoloconl'infrastrutturaditrasporto.
All'internodiquestisettoriprioritari,sonostateidentificateseiazioniprioritarie:
lapredisposizionein tuttoilterritoriodell'Unioneeuropeadiservizidiinformazionesullamobilit
multimodale;
la predisposizione in tutto il territorio dell'Unione europea di servizi di informazione sul traffico in
temporeale;
lindividuazione dei dati e delle procedure per la comunicazione gratuita agli utenti, ove possibile,
diinformazioniminimeuniversalisultrafficoconnesseallasicurezzastradale;

90
AgendaDigitaleTrendAnalysis

lapredisposizionearmonizzataintuttoilterritoriodell'Unioneeuropeadiunservizioelettronicodi
chiamatadiemergenza(eCall)interoperabile;
lapredisposizionediservizid'informazioneperareediparcheggiosicurepergliautomezzipesantie
iveicolicommerciali;
lapredisposizionediservizidiprenotazioneperareediparcheggiosicurepergliautomezzipesanti
eiveicolicommerciali.
Per quanto concerne la diffusione delle applicazioni e dei servizi STI, i paesi dell'UE devono adottare le
misure necessarie per garantire che le specifiche adottate dalla Commissione vengano applicate. I singoli
paesi dell'UE, tuttavia, conservano il diritto di decidere sulla diffusione di tali applicazioni e servizi sul
proprioterritorio.
La Commissione adotta le specifiche necessarie ad assicurare la compatibilit, l'interoperabilit e la
continuitperladiffusioneel'utilizzooperativodegliSTIinizialmenteperleazioniprioritariedicuisopra.A
seguitodici,laCommissioneadottalespecificheperladiffusioneel'utilizzooperativodegliSTIperaltre
azioni nei settori prioritari. Le specifiche includeranno, se del caso, le condizioni alle quali i paesi dell'UE
possono stabilire norme supplementari per la fornitura di servizi STI in tutto o parte del loro territorio,
purch tali norme non costituiscano un ostacolo per l'interoperabilit dei servizi. Oltre alle specifiche, la
Commissionepuadottareorientamentiealtremisurenonvincolantiattea facilitarela cooperazione dei
paesidell'UEinrelazioneaisettoriprioritari.
10.1.6 EditoriaDigitale
Il fenomeno dell'editoria digitale sta aprendo molti interrogativi a tutto il settore della gestione dei
contenuti.Lamassicciapresenzasulmercatodideviceingradodiriprodurrecontenutidigitaliipidiversi
rappresenta una sfida rilevante per il settore dei media e pi in generale dei produttori e distributori di
contenutichepossonoessereatuttiglieffettidigitali.
L'industria editoriale italiana, pur avendo risposto alle sollecitazioni della componente informatica pi
avanzatadelmercatoconuncertoritardo,allafinedelloscorsoannohaavviatounaseriediiniziativeche,
almeno dal lato dell'offerta, portano il nostro paese a livelli comparabili a quelli degli altri grandi paesi
europei.
La nascita di nuovi paradigmi di consumo oggi ancora una scommessa. Tutti gli analisti concordano che
ancoraperdiversiannil'editoriadigitaleavrunpesomarginalerispettoalcomplessodeivolumidivendita
dell'editoriatradizionale,manonconcordanoaffattosuquellichepotrannoesseregliscenaridiriferimento
perl'evoluzionedelsettore.
Certamente,esuquestotutticoncordano,l'attualedifferenzialediprezzotraunlibrocartaceoelostesso
elettronico non allettante, ma su questo utile ricordare che la versione cartacea ha IVA al 4% mentre
quellaelettronicaal20%.
Editoriadigitalesignificaanchelapossibilitdicrearenuovicontenuticapacidiintegrarelediverseformedi
comunicazione. Anche su questo molte forme di sperimentazione, anche estesa come la nascita di alcuni
giornali dedicati ai nuovi supporti (ad esempio The Daily per iPad), sono in atto. La ricerca di modelli di

AgendaDigitaleTrendAnalysis
91

business vincenti probabilmente ancora molto lunga: abbonamenti, payperview, pubblicit,


sponsorizzazioni, etc. rappresentano tentativi per individuare formule che garantiscano la redditivit nella
produzionedeicontenuti.
Dal lato produttivo invece si sono cominciati a delineare alcuni paradigmi di riferimento: primo fra tutti
quellocheil mezzodigitalealtamenteinterconnessoallarete(siaessounnetbook,untablet,ereader,...)
ha necessit di una redazione dedicata. I tentativi fatti in chiave di sfruttamento della capacit produttiva
della reazione tradizionale sono tutti naufragati. I sistemi interconnessi alla rete hanno infatti una
dinamicitpropria.
10.1.7 StrategiedieHealth:latelemedicina
Con eEalth (sanit elettronica) di cui la telemedicina una componente importante, si vuole definire
linsieme delle informazioni e delle interazioni elettroniche che mettono in collegamento le persone, i
pazienti, il personale medico e comunit con i servizi sanitari. Lehealth permette anche di eliminare la
documentazione cartacea e di aumentare la produttivit dei professionisti del settore, facendo si che il
personale medico possa concentrarsi sullerogazione dei trattamenti sanitari e delle cure, anzich su
questioni amministrative che non costituiscono un servizio a valore aggiunto. Sempre pi, la tecnologia
applicataalcampomedicostaandandoindirezionedellavirtualizzazionedellospaziodiarchiviazione,della
riduzione dei costi associati al consumo energetico e alla gestione del data center, favorendo una
convivenzavantaggiosafratecnologiaeambiente.
OggileinfrastruttureICTrendonoagevolilesoluzionitecnicheallabasediquestisevizienecostituiscono
unpresuppostoobbligato
Inquestocontestosiinseriscelatelemedicina,unabrancadellamedicinaclinica,inrapidaespansione,che
prevedeiltrasferimentodelleinformazionielacondivisionediesamieproceduremedichedaremoto,via
telefono, Internet o altre reti. La telemedicina. oltre che a semplificare la comunicazione favorendo
consultazioni mediche in tempo reale fra specialisti che risiedono in luoghi lontani, consente anche il
controlloextraospedalierodeipazientiaffetti dapatologiegravi,garantendointerventitempestivinei casi
di emergenza. In particolare, lapplicazione delle ICT allerogazione dellassistenza viene vista come uno
strumento di lavoro cooperativo, di messa in comune di informazioni cliniche provenienti anche da punti
geograficamente distanti, e pu fornire un contributo sempre pi rilevante allaumento dellefficacia,
dellefficienza e dellequit daccesso alle prestazioni: si pensi ad esempio alla raccolta ed integrazione di
dati clinici provenienti da pi sistemi diagnostici separati tra loro, al monitoraggio remoto di parametri
clinici,alladistribuzionecapillaredelleinformazionimediche.
La telemedicina ha numerosi campi di applicazione fra i principali: teleassistenza, telecardiologia,
teleconsulto, teledialisi, telemonitoraggio, teleradiologia, telesoccorso, telespirometria, telechirurgia, tele
roboticachirurgica.
Nellambitodisuddetticampidiapplicazione,latelemedicinaputrovarespecifichemodalitdintervento
nellevariefasidelprocessoassistenziale:dallaprevenzionealladiagnosiedallaterapiaallariabilitazione.

92
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Daltro canto queste stesse esperienze hanno evidenziato che esistono vari tipi di ostacoli: di tipo
tecnologico, organizzativo, normativo, economico, culturale professionale e strutturale. Per ovviare a tali
ostacoli, lintroduzione di uninnovazione tecnologica nel settore dellassistenza, deve essere sempre
accompagnatadaunarevisionedeimodelliorganizzativicoinvolti,inquantotaliinnovazionipossonoavere
unimpattodirompentesullinteropercorsoassistenzialediunpaziente,dallaprevenzionealladiagnosi,alla
riabilitazione, nonch sulle modalit derogazione delle prestazioni sociali e sanitarie, sia a distanza che in
manieratradizionale.
10.2 Trendtecnologici
Internethaprodottovarieondatediinnovazione:primalavventodellarete,poilintegrazionedeiservizidi
comunicazione e audiovisivi (es. VOIP e IPTV) e pi recentemente la comparsa di molteplici servizi e
applicazioni in linea. Ma lintegrazione su ampia scala di tecnologie multiple come le piattaforme di
calcolo distribuite, il web di seconda generazione, i servizi P2P, le diverse reti di accesso a banda larga, i
dispositiviesensorimobiliimponeunarivisitazionedellarchitetturadi internet cherisaleormaiapi di
trentanni fa. Laffidabilit e la sicurezza costituiscono aspetti essenziali che esigono risposte nuove e,
parallelamente, le esigenze in tempo reale di applicazioni del tutto nuove esigono nuove funzionalit con
prestazionisemprepielevate.
Alivellomondialesonostateadottatemoltepliciiniziativeperrenderepiintelligentileinfrastrutturedi
supporto di applicazioni a valenza sociale. Queste iniziative faranno ricorso in ampia misura alla
connettivit e al trattamento distribuito dellinformazione per ridefinire i processi aziendali e operativi e
renderliintelligenti.
Alcuniesempi:
Retienergeticheintelligenti:sistimachelaproduzionemondialedienergiaelettricaraddoppiere
passer da 17300 miliardi del 2005 a 33000 miliardi di kWh nel 2030; ci significa che le reti
energetichedovrannofarfrontearischicrescentidicongestionamentieblackout.Contribuirannoa
rendere queste reti pi intelligenti, pi verdi e efficienti la connettivit di internet, la potenza
computazionale,isensoridigitalieilcontrolloadistanzadeisistemiditrasmissioneedistribuzione.
Le reti intellligenti avranno caratteristiche di maggior reattivit, interattivit e trasparenza
rispetto alle reti odierne e saranno in grado di gestire nuove fonti di energia rinnovabile,
permettereunafatturazionecoordinatadegliapparecchiefornireaiconsumatoriinformazionisui
livellidiconsumo.
Sistemi intelligenti di informazione ambientale: luso di reti di sensori per raccogliere dati
ambientali in tempo reale o quasi reale costituisce un campo applicativo di importanza crescente
chepresupponelaconnettivitinternetperlagestioneeladiffusionedeidatielalorointegrazione
insistemiinformaticicomplessi.
Sistemi intelligenti di trasporto e mobilit: si stima che gli ingorghi di traffico costino alleuropa
135 miliardi di euro allanno. Spesso costruire nuove strade non la soluzione: unalternativa
promettente invece quella di rendere intelligenti le strade e gli autoveicoli con i sistemi di
trasporto intelligente (STI), ad esempio per mezzo di una rete di sensori, etichette di

AgendaDigitaleTrendAnalysis
93

identificazione a radiofrequenza e sistemi di posizionamento. Internet offre una soluzione per


connettere tra loro queste diverse tecnologie e aumentare lefficienza della mobilit, perch
permette la gestione in tempo reale dei mezzi di trasporto pubblici e privati e degli strumenti di
informazione e di adozione di decisioni al servizio dei viaggiatori, con possibilit che vanno ben
oltrequelleoffertedallesoluzioniattuali.
Sistemi sanitari intelligenti: per ridurre le spese sanitarie e migliorare il comfort per i pazienti
semprepispessolassistenzasanitariadispensataadomicilioenonpiinospedale.Lericerche
in corso mirano a sviluppare tecnologie per creare ambienti in grado di assistere i pazienti e
risponderealleloroesigenzediinformazioneecomunicazione.Sitrattaditecnolgiechecombinano
tra loro diversi dispositivi (sensori, azionatori, hardware ed equipaggiamento speciale), reti e
piattaforme di servizi per sfruttare le informazioni sulle condizioni di salute, le cartelle cliniche, le
allergie e malattie dei pazienti. Si tratta di banche dati enormi, che possono essere utilizzate per
lassistenzamedicaoppureafinistatisticiodiricerca.
Lampiezza e la portata dei nuovi scenari applicativi suscita per anche preoccupazioni riguardo alla
capacitdellattualeinfrastrutturainternet:
1. levelocitdaccessostannoesplodendo;
2. Iltrafficodidativiainternetcrescedel60%allanno;
3. entroil2012ilnumerodiutentidiinternetcrescerdiunulterioremiliardo;
4. stannoproliferandoivirusegliattacchiainternetealweb;
5. siassisteaunaproliferazionediserviziinternet;
6. entrerannoinlineamiliardididispositivi,sensori,servizieoggettidivariotipo.
Unaripostapuramentetecnologicanonbastaperfarfronteaquestetendenze:occorreunnessopiforte
tralosviluppoditecnologieeleesigenzeapplicativeedegliutenti.
Tecnologiamobile
Letecnologiemobilesonoincostanteevoluzione,talefenomenostapermettendolosviluppodiunaserie
dinuoviserviziinnovativiqualimobiletvsudvbh,mobileinternetweb,socialmobileecc.
Tuttavia, gli ultimi dati pubblicati aprile 2011 in Stat Counter GlobalStat (servizio che mostra
landamento ed il cambiamento nel corso del tempo di sistemi operativi, motori di ricerca e browser in
tuttoilmondo)dimostranouncontinuoaumentonellutilizzoditalitecnologie,riportandoiprimi8S.O.per
mobile pi usati in Europa, dove tra i primi 4 troviamo: iOS con il 44,99%; BalckBerry OS con il 17,04%;
SymbianOSconil14,26%eAndroidconil12,85%.
A livello di applicazioni sviluppate, risulta che Google il principale motore di ricerca utilizzato su mobile,
ricoprendoquasiil100%(98,59%)degliutenti.

94
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Investire quindi in applicazioni e siti per mobile, non solo diventa vantaggioso per unazienda in quanto
trovarispostainunaseriediattivit,incrementandoperesempiolecommerceeilbrandawareness,ma
altrettantovantaggiosoperlaP.A.,inambitoegov2.0inquanto,interminidiefficienza,miglioralaloyalty,
lafornituradinuoviservizionline,lerelazionielacomunicazionedirettaconicittadini,
10.2.1 SISS2.0
Il SISS (Sistema Informativo SocioSanitario) pu essere definito come l'insieme delle applicazioni e delle
infrastrutture informatiche presenti sul territorio lombardo (sistemi informativi di farmacie, medici,
ospedali, Regione Lombardia, etc.) che concorrono all'erogazione dei servizi sociosanitari all'interno della
Regione Lombardia. Il SISS oggi costituito da una serie di sistemi informatici che stanno gradatamente
evolvendo secondo una precisa strategia informatica in chiave ehealth, ovvero dell'impiego sempre pi
diffuso e pervasivo delle tecnologie infotelematiche (ICT) per l'innovazione dell'organizzazione. Elemento
fondanteditalestrategialapiattaformaCRSSISScheRegioneLombardiaharealizzato,sucuisviluppada
diversianniinuoviservizisanitariehagimigrato/integratodiversedellecomponentipreesistenti.
IlSISSstatoconcepitoperporrealcentrodelsistemasanitarioregionaleilcittadino.IlSISSquindiuno
strumentodiintegrazionechesiponecomeraccordoditutteleinformazionieleprestazionisociosanitarie
echeforniscenuovemodalitdidialogotraglioperatoristessiegliutentifinali.
RecentisviluppidelSISShannoportatoallacostituzionediungruppodilavoromultidisciplinare,chiamato
GruppodiProgettoSISS2.0,permigliorareedinnovareiservizicheilSISSoffreaglioperatoriedaicittadini,
adottando un approccio in linea con la filosofia del Web 2.0. Attualmente le principali linee dintervento
prospettatedalGruppodiProgettosono:passaggiodallinfrastrutturainformaticaalportale,ampliandola
fruibilit dei servizi da parte degli utenti e potenziandone le possibilit propositive e di coengineering al
fine di valorizzare lutilizzo dellinfrastruttura stessa; multidevice e accesso in mobilit soprattutto per gli
operatori sanitari che utilizzano il sistema; sviluppo di applicazioni di business intelligence; innovazione
nelle modalit di presentazione e visualizzazione dei dati e delle informazioni con modalit
multidimensionali; approccio cooperativo per incrementare la diffusione del sistema nelle varie strutture
sanitarie; partecipazione dei corpi intermedi della societ civile per il coinvolgimento dei cittadini e in
generaleperlosviluppodiapplicazioniedicommunitysecondolapproccioWeb2.0.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
95

10.2.2 TecnologieNFC
Lacronimo NFC identifica la tecnologia Near Field Communication, che fornisce connettivit wireless a
cortoraggioepermetteloscambiodaticontecnologiecontactless(RFID,SmartCard,etc.)
LatecnologiaNFCstatasviluppatadaunconsorziodimultinazionalisottolostrettocontrollodiPhilipse
Sony. Il protocollo NFC permette quindi a qualsiasi dispositivo dotato di tale tecnologia, la possibilit di
scambiare(finoadunraggiomassimodi10cm)contenutimultimedialidiqualsiasigenere.
Secondo gli analisti di Juniper Research, la tecnologia NFC sar presente in circa il 20% degli smartphone
chesarannoinvenditanel2014.
Grazie alla tecnologica NFC sar possibile effettuare pagamenti utilizzando il proprio smartphone e
sostituire,coniltempo,lecartedicredito.
Sono state effettuate molte analisi da diverse societ di ricerca ed il risultato spesso comune: la
tecnologiaNFChaincorpoinumeripereffettuareunaveraepropriarivoluzionenelcampodeipagamenti.
I progetti pilota effettuati in diverse parti del mondo, dagli Stati Uniti allEuropa (Francia, Spagna, Italia,
Svezia, UK) forniscono risultati sempre positivi: alle persone piace questo tipo di tecnologia, la ritengono
interessanteesoprattuttonepercepisconosubitolepotenzialit,daisemplicibeneficiinterminiditempo,
aquellieconomiciedisicurezza.
Di seguito. i principali ambiti di applicazione che favoriscono lo sviluppo gli investimenti in questa
tecnologia:
scaricamento e pagamento su dispositivi portatili NFC, attraverso computer o chioschi elettronici
abilitati,digiochi,fileMP3,video,software;
scaricamento da un PC su di un dispositivo portatile, della prenotazione o acquisto di una
permanenza in albergo, ingressi a cinema, teatri, stadi, viaggio in treno o aereo, ed accesso al
serviziocomperatomedianteildispositivostessoavvicinandolootoccandoilchioscoelettronicoin
albergo,algatediingressoodipartenza;
scaricamentodaunchioscoelettronicomediantescansioneocontattodiinformazioniaddizionali,
acquisto di una permanenza in albergo, ingressi a cinema, teatri, stadi, titolo di viaggio con mezzi
urbanieaccessoalserviziomedianteildispositivostessoanchesuimezziditrasportourbano;
trasferimentoevisualizzazionedifotografiedaunamacchinafotograficaotelefonocellulareNFCa
unchioscoelettronico,televisione,computerperlavisioneolastampa;
trasferimentofacilitatodifileomessainretefrasistemiwireless.
usodellatecnologiaNFCperisistemidibigliettazioneelettronica(nel2011aMilanopartitauna
sperimentazione che consente di utilizzare il cellulare per comprare e validare i biglietti
dell'autobusodellametropolitana).
esecuzione di prenotazioni alberghiere, pagamento pedaggi e transazioni elettroniche ed
implicazionichecoinvolgonolemodalitdipagamentoinognisitodiecommerce.

96
AgendaDigitaleTrendAnalysis

10.3 Esempi
10.3.1 Lombardia2.0
Alla fine del 2009 Lombardia Informatica ha stipulato un accordo di collaborazione con l'Universit degli
Studi di Milano Bicocca e il CRISP (Centro di Ricerca Interregionale per i Servizi di Pubblica utilit) per la
creazionediunLaboratoriodiRicercadedicatoalletecnologieICTneiservizidipubblicautilit,denominato
ITLab2.0.
LeattivitdiricercaesviluppocheITLab2.0svolgehannocomeobiettivoprimariolinnovazionedituttele
fasidierogazionedeiservizidellaPubblicaAmministrazione,utilizzandotralealtre,letecnologieWeb2.0,
sistemi informativi statistici, sistemi di supporto alle decisioni e piattaforme di Business Intelligence.
Loutput principale del Laboratorio consiste innanzitutto nella realizzazione di dossier tecnici descrittivi
delle attivit di ricerca e sviluppo, e successivamente, nella creazione dei relativi prototipi di sistemi
informativiperiservizi.
Gli ambiti di ricerca principali sono fortemente connessi a quelli contenuti nella mission aziendale di
LombardiaInformatica.Inparticolarevengonoidentificateleseguentiareeapplicativeprincipali:
Saniteassistenza;
Lavoroeformazione;
ComunicazioneDigitaleeServizionline.
LecompetenzeeletecnologiedistintivediITLab2.0sono:
StrumenticollaborativieWeb2.0;
WebSemanticoetecnologieperiltrattamentodellaconoscenza;
BusinessIntelligenceesistemidisupportoalledecisioni;
Competenzeorganizzativeedirevisionedeiprocessi;
Strumentidivisualizzazionedelleinformazioni;
Architettureeapplicazioniperdevicemobili.
Lombardia 2.0 un programma di lavoro proposto da IT Lab 2.0 suddiviso in tre fasi (Analisi,
Prototipazione,Deployment)earticolatoininiziativefinalizzatealla:
soddisfazionedelcittadino:
servizieprestazionicherispondonoallevereesigenzedeicittadini,maggiorelibert
eresponsabilitdelcittadino.
efficaciamissionediGovernment:
creazionedivaloreerealizzazionedelbenecomune,massimatrasparenzadiazione
edecisione,concretizzazionedellasussidiariet.
efficienzaoperativa:
maggioreefficienzadeiprocessi,semplificazioneeriduzionedeicosti.
Nello specifico le iniziative proposte riguardano i seguenti ambiti dintervento: Open Data & Lavoro,
CommunitySISS,NewMedia/Device.

AgendaDigitaleTrendAnalysis
97

10.3.2 UtilizzoCRSinambitoscolastico
Daluglio2007stataavviataunasperimentazionepressolIISSMaxwelldiMilanoelITISFermidiMantova
conlobiettivodirealizzareunsistemainformativopiinlineaalleattualiesigenzeerichiestenormativein
temadidigitalizzazioneesemplificazionedeiprocessiinambitoscolastico.
Entrambi gli istituti rappresentano situazioni di eccellenza nel panorama scolastico, utilizzando soluzioni
applicativediverse:
Hannoattivatounsistemadigestionedellaparteamministrativadegliistituti
Erogano servizi online rivolti a studenti e famiglie cui si accede attraverso autenticazione con
UseridePassword
UtilizzanodeibadgeperlaregistrazionedidellepresenzedeglistudentiedelpersonaleATA
Hannoattivatounsistemadiregistrodiclasse
ComunicanocongliufficidicompetenzautilizzandopostaelettronicaeFirmaElettronicasuCRS
I due istituti sarebbero interessati ad utilizzare le CRS in sostituzione degli attuali badge e le credenziali
useridepasswordper:
Aumentareillivellodisicurezzadeiserviziofferti
Evitarelincombenzadigestionedicredenzialidiaccesso
UtilizzarelepossibilitdiletturaRFIDediscritturasulmicroprocessoreperoffrirenuoviservizi
Attivarecicliformativisullenuovetecnologierivoltiastudentieailorogenitori
10.3.3 Consip
CONSIP, la societ per azioni del Ministero dellEconomia e delle Finanze (MEF), stata nominata
riferimento guida per la promozione della trasparenza nelle transazioni delle PA dei paesi dellarea di
Medio Oriente e Nord Africa. A questa nomina nel dicembre scorso lOCSE (lOrganizzazione per la
Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha fatto poi seguire un altro importante riconoscimento,
selezionandoCONSIPtratuttiisuoiomologhieuropeiperaffiancareesupportarelOCSEnellapeerreview
(valutazione e analisi del sistema) sul Federal Acquisition System degli Stati Uniti. La review, richiesta
dallUS OfficeofManagementandBudget(OMB)econdottada espertiOCSE conilsupportodiqualificati
esperti esterni internazionali, mira ad analizzare lintero ciclo del procurement federale negli Usa per
valutarneilivelliditrasparenza,integriteaffidabilit(BCG2011)
La mission di Consip si internazionalizza sempre di pi. Nellambito di Peppol (Pan European Public
ProcurementOnline)ilprogettoeuropeoperlarealizzazionediappaltipubblicitransfrontalieriattraverso
infrastrutture e procedure elettroniche che garantiscano linteroperabilit delleProcurement dei diversi
stati la Spa del ministero dellEconomia ha presentato, quale coordinatore del gruppo di lavoro sul
catalogo elettronico, un modello organizzativo e una soluzione tecnologica per la creazione di cataloghi
digitali standard e multilingue, destinati alle PA che fanno acquisti di beni o servizi. Durante la fase di
definizione della documentazione di gara e di design del catalogo, la piattaforma permette allente di
collegarsi a un database online contenente oltre 32mila prodotti classificati con le relative caratteristiche
per ricercare, scegliere e scaricare le loro descrizioni. Tale sistema permetter quindi di giungere a livello
europeoadescrizionistandarddeiprodottieservizidaacquistaree,essendodisponibilein15lingue,auna
traduzione automatica dei capitolati di gara. Il tutto con vantaggi non solo per le PA che fanno gare

98
AgendaDigitaleTrendAnalysis

europee, ma anche per le imprese che poi dovranno parteciparvi. Il software utilizzato completamente
Open Source e dunque accessibile e riutilizzabile da tutti. La mancanza di standard comuni e le differenze
linguistichesonooggibarrierecherendonodifficileperleaziende,inparticolareperquellemedieepiccole,
parteciparealleproceduredacquistopubblicheindetteintuttalUe,conquestostrumento,chevaproprio
nelladirezionedellastandardizzazionedeicataloghi,siduncontributoconcretopersuperaretalibarriere
esviluppareleProcurementeuropeo.
10.3.4 EnergyClustereprogettoElios
Energy Cluster la pi grande rete di imprese, ufficialmente riconosciuta da Regione Lombardia, che
fornisconoprodottieserviziperlagenerazioneeladistribuzionedienergiaelettrica,dafontitradizionalie
rinnovabili. In Lombardia il settore energia elettrica pu contare su 500 imprese, 23mila addetti e ricavi
mediannuiparia9miliardidieuro.Numerichefannodelclusterlombardounadellepiimportantirealt
delsettoreinEuropa,secondosoloaquellodellaGermania.
Grazie al progetto ELIOS (Energy cLuster InterOrganizational information System) lEnergy Cluster sta
rispondendo allesigenza di definire e realizzare strumenti comuni per sostenere laggregazione delle
imprese, supportandole nella gestione dei processi, delle tecnologie e dell'innovazione. Nel progetto,
coordinatodaEuroimpresaLegnano,lAgenziadisviluppodellAltoMilanese,esostenutodalbandoDriade
dellaRegioneLombardia,sonocoinvoltiduecentridiricercadellaFacoltdiIngegneriadellUniversitCarlo
Cattaneo LIUC: Lab#ID, laboratorio per il trasferimento tecnologico sui sistemi RFId e CETIC (Centro di
ricercaperlEconomiaeleTecnologiedellInformazioneedellaComunicazione).
Lab#ID ha preso in carico le attivit relative allintroduzione dei sistemi RFID per identificare in modo
univocoetracciareicomponentilungoilcanalelogistico/produttivodiEnergyCluster,monitorarnelostato
diavanzamentoeregistrarelelavorazionieseguitedaivariattori.
IlCETIChalavoratoallosviluppodellapiattaformawebcheconsentealleimpresediinterfacciarsitraloro,
mettendo a sistema conoscenze e competenze e gestendo le informazioni in modo condiviso e, inoltre, di
accedereadiversiservizi,apartiredallatracciabilitdifiliera.
10.3.5 iCliniceHealthpresence
Nel novembre 2010 lOspedale Niguarda di Milano, con iClinic ha avviato a una sperimentazione che
utilizzai tabletdiCupertinoperleggerele cartelleclinicheinmodalittouchscreen.SemprealNiguarda
statoavviatoperlevisiteadistanzaHealthpresence,unpilotcheprevededimonitorareuncampionedi80
pazienti.Idueprogettirientranoinunprogrammachevede,traipartnercoinvolti,laRegioneLombardia,
CiscoSystem,Fastweb,TelecomItalia,ConnexxaeAgfa.
Lobiettivo che si vuole conseguire quello di promuovere anche nel nostro Paese un sistema di e
government applicato alla sanit e alla salute attraverso il supporto di strumenti informatici di ultima
generazione,personalespecializzatoenuovetecnichedicomunicazionemedicopaziente.
Per il progetto iClinic il Pirellone ha messo sul piatto 650 mila euro, coprendo gran parte del costo
complessivo che sfiora quota 950 mila euro. Partner del progetto sono Telecom Italia e Connexxa.
Integrando il Portale Clinico (cartella elettronica di Niguarda) alliPad, iClinic permette al medico di
accedere al letto del paziente e in totale mobilit, per assolvere tutti i processi assistenziali necessari
potendousufruirediunoschermoadaltarisoluzioneintegratoinundispostiviochepesasolo700grammi.
Lattenzione particolarmente rivolta alluso del diario clinico durante il giro visite. Grazie allo sviluppo di

AgendaDigitaleTrendAnalysis
99

una nuova intelligence applicativa, iClinic permette la visualizzazione di dati clinici che, insieme alla
semplicit dellutilizzo in modalit touchscreen, e a un elevato grado di sicurezza, grazie allutilizzo della
tecnologia Rfid, rende la soluzione uno strumento essenziale nelloperativit quotidiana del personale
medicoeinfermieristico.IlprogettoprevedeinoltrelasinergiafraAgfaeConnexxaperunattivitdiricerca
Healthpresence, invece, una sperimentazione nata da un accordo siglato dal direttore generale del
NiguardaedallamministratoredelegatodiCiscoItaly.Ilsistemafavoriscelaprevenzioneechepermettea
unmedicodivisitareunpazienteadistanzagrazieaunsistemadivideoconferenzaadaltadefinizione.
Iprimiatestarlosaranno80lavoratoridiCisco,perquellocheilprimoprogettoinEuropadiprevenzione
da remoto per i dipendenti di unazienda. I volontari saranno sottoposti a un elettrocardiogramma,
allauscultazione di cuore e polmoni e a una visita cardiologica completa, per valutare possibili rischi. In
aziendaallestitaunasalavisitaconuninfermiere,mentredalNiguardasarcollegatoinvideoconferenza
unmedicocardiologo.Ilmedico,daunapostazionehitechconmaxischermoadaltadefinizione,telefono,
computer,casse,stampante,sedutoallascrivania,auscultailtoracediunpazientechesitrovainufficioa
una ventina di chilometri di distanza, sente il battito del suo cuore direttamente in cuffia, gli misura la
pressione,arteriosa,leggeilsuoelettrocardiogramma.Einpochisecondinellesuemanicisonotuttiidati
clinici rilevati in tempo reale. Sempre a distanza avverr anche la refertazione, che saranno inviati a Cisco
entrotregiorni.
Al reparto Malattie Infettive dellOspedale San Gerardo di Monza diretto da Andrea Gori era stata avviata
una sperimentazione analoga che ha previsto lutilizzo di 6 iPad, tutti collegati tra loro mediante una rete
WiFi protetta, per coprire le esigenze di prescrizione e somministrazione delle terapie farmacologiche in
dayhospital.IlnomedellapplicazoneinquestocasoiTherapy,sviluppataconlacollaborazionediAuxilia
Group,societspecializzatanelsoftwaremedicale.
10.3.6 LeCommerce:lesempiodiYoox.com
Il commercio elettronico in Italia ancora lontano dai livelli raggiunti in paesi come Stati Uniti e Regno
Unito, e tale divario potrebbe addirittura aumentare nei prossimi anni, come suggerisce l'ultimo rapporto
stilato del Politecnico di Milano. Eppure c' una fetta dell'ecommerce che ha registrato nel 2008 una
crescita del 43%, ed attesa nel prossimo biennio da un incremento ancora pi consistente: si tratta del
mondo dell'abbigliamento. Uno dei principali player del settore il gruppo italiano Yoox che, oltre ai
positivirisultatiregistratidalportalediriferimento,hascommessonegliultimidueannisullacreazionedei
siti di ecommerce monomarca per i principali brand internazionali (tra cui Diesel.com, Valentino.com,
EmporioArmani.com,ecc).
IlsitoYoox.comnascenelgiugno2000.AttualmenteYoox.compucontaresuunamediadicinquemilioni
divisitatoriunicialmese.Ilgruppohachiusoil2008conunacrescitadel46%rispettoall'annoprecedente,
ovverostiamoparlandodicirca132milionidieurodifatturatolordo.
Lidea che questi negozi on line devono essere realizzati non in modo standard ma piuttosto fatti su
misura. Anche su Internet infatti importante restituire l'immagine del brand: oggi non si pu avere una
catenadinegozirealibellissimieunospaziovirtualesulwebpocoaccattivante.Inoltreilwebpermettedi
abbinare all'aspetto commerciale la parte mediatica, fornendo all'utente contributi aggiuntivi come video,
informazioniealtricontenuti,chesarannosemprepiimportantinelprossimofuturo.(B2B24.it)

100
AgendaDigitaleTrendAnalysis

11 Bibliografiaesitografia
Accenture, (2009), Web 2.0 and the next generation of public services: Driving high performance through
moreengagingaccountableandcitizenfocusedservice.
AlaMutka,K.,Broster,D.,Cachia,R.,Centeno,C.,Feijo,C.,Hach,A.,Kluzer, S.,Lindmark,S.,Lusoli,W.,
Misuraca, G., Pascu, C., Punie, Y., Valverde, J. A., (2009), The Impact of Social Computing on the EU
InformationSocietyandEconomy,IPTSReport,Editors:Y.Punie,W.Lusoli,C.Centeno,G.Misuraca,D.
Broster.
BCG,(2011),FattoreInternet:comeinternetstatrasformandoleconomiaitaliana.
BernersLee,T.(2006),LinkedData.http://www.w3.org/DesignIssues/LinkedData.html
Bizer, C., Cyganiak, R., Heath, T. (2007), How to Publish Linked Data on the Web.
http://www4.wiwiss.fuberlin.de/bizer/pub/LinkedDataTutorial/
Botterman M., Millard J., van Oranje C. (2008). Value for citizens: A vision of public governance in 2020,
EuropeanCommission.
Bravo F., (2009), Software Open Source e Pubblica Amministrazione: lesperienza europea e italiana tra
dirittodautore,appaltipubbliciedirittodeicontratti.
Codagnone C. and Wimmers M., (2007), Roadmapping eGovernment Research. Visions and Measures
towards Innovative Governments in 2020, European Commission. Results from the ECfunded Project
eGovRTD2020.
Cottam,H.eLeadbeater,C.(2004),Health:CoCreatingServices.London,DesignCouncil,57.
DaveDurkeeofEnki,(2010),WhyCloudComputingwillneverbefree.
DeloitteResearch,(2000),AttheDawnofeGovernment:TheCitizenasCustomer,PublicSectorInstitute.
DiMaioA,(2007),TheRealFutureofEGovernment:FromJoinedUptoMashedUp,GartnerResearch.
DiMaioA,(2009),ThefutureofGovernmentisnogovernment,GartnerResearch.
eBusinessWatchandEuropeanCommission,(2008),TheEuropeaneBusinessReport2008.
Eggers, W.D., (2005), Government 2.0: Using Technology to Improve Education, Cut Red Tape, Reduce
Gridlock,andEnhanceDemocracy,Rowman&LittlefieldPublishers.
EuropeanCommission,(18November2009),MinisterialDeclarationoneGovernment,Malmo,Sweden.
Executive Office of the President, (December 8, 2009), Memorandum for the Heads of Executive
DepartmentsandAgencies,USA.
Hoegg, R., Martignoni, R., Meckel, M., StanoevskaSlabeva, K., (2006), Overview of business models for
Web 2.0 communities. In Proc. Workshop Gemeinschaften in Neuen Medien (GeNeMe). A cura di
MeinerK.,EngelienM.,DresdenTUDPress.
Huijboom, N., van den Broek, T., Frissen, V., Kool, L., Kotterink, B., Meyerhoff Nielson, M., Miljard., J.,
(2009), Public Services 2.0: The Impact of Social Computing on Public Services, Editors: Y. Punie, G.
Misuraca,D.Osimo,JRCIPTSEUR2408EN,Luxembourg:EuropeanCommunities.
Husing T., Korte W.B., (2010), Evaluation of the implementation of the communication of the European
Commission:eSkillsforthe21
st
Century.
IABEurope,(2011),ConsumerinsightacrossEurope
Leadbeater,C.,(2008),Wethink:ThePowerofMassCreativity,ProfileBooksLtd.
Leadbeater, C. e Cottam, H., (2008), The User Generated State: Public Services 2.0, online

AgendaDigitaleTrendAnalysis
101

http://www.charlesleadbeater.net/archive/publicservices20.aspx
MIP, Netcomm, (2010), LeCommerce B2c in Italia: riprende la crescita. Rapporto 2010 Osservatorio
eCommerceB2c.
OMahony M. e Van Ark B., (2003), EU productivity and competitiveness: An industry perspective (La
produttivit e la competitivit dellUE: il punto di vista dellindustria), http://www.enterpriseeurope
network.sk/docs/NB5503035ENC_002.pdf
Osimo, D., (eds.), (2010), Government 2.0 Hype, Hope, or Reality?, European Journal of ePractice, N. 9,
March,ISSN:1988625X.
Osimo,D.(2008),Web2.0inGovernment:WhyandHow?,JRCScientificandTechnicalReports,European
Commission,JointResearchCentre,InstituteforProspectiveTechnologicalStudies.
Osimo,D.ePunie,Y.,(2008),TheEmergenceofSocialComputing:ImplicationsforGovernment.Published
in:Intermedia,JournaloftheInternationalInstituteofCommunications,Volume36(Number2);p.26
31.
Kotsiopoulos Papadoidamid Kolomvos Rentzepopoulos (2009), Bringing together and accelerating
eGovernment research in the EU eGovernment evolution towards 2020 report, European
Commission.
Maarten Botterman, Helen Rebecca Schindler, Lidia Villalba Van Dijk, (2009), Study on eGovernment
scenariosfor2020andthepreparationofthe2015ActionPlan,RANDEurope,TR902EC.
M.Armbrust,(2009),AbovetheClouds:aBerkeleyviewofCloudComputing.
McAfee, Andrew (2006). ("Enterprise 2.0: The Dawn of Emergent Collaboration", MIT Sloan Management
ReviewVol.47,No.3,pp.2128.)
OCSE(2009),RethinkingeGovernmentServices,OCSE.
Parker,S.eHeapy,J.,(2006),TheJourneytotheInterfaceHowpublicservicedesigncanconnectusersto
reform,Demos.
Pellegrini, T. (09/2007), CoProduction on the Web: Social Software as a Means of Collaborative Value
CreationinWebbasedInfrastructures,InternationalReviewofInformationEthics,Vol.7.
Poslad, Stefan, (2009), Ubiquitous Computing Smart Devices, Smart Environments and Smart Interaction,
Wiley. ISBN9780470035603.Public Administration Select Committee (2008), User Invovment in
PublicServices,HouseofCommons:37,UK.
RapportoMediascopeEurope,(2010),EuropeanInteractiveAdvertisingAssociation(EIAA)
San Murugesan, Harnessing Green IT: Principles and Practices, IEEE IT Professional, JanuaryFebruary
2008,pp2433.
Spohrer, J. e Maglio, P.P. (2007), Emergence of service science: Toward systematic service innovations to
acceleratecocreationofvalue.ProductionandOperationsManagement,17(3).
Tapscott,D. eWilliams,A.D.,(2006),Wikinomics:HowMassCollaborationChangesEverything,New York:
Penguin.
Thackara,J.(2007),WoulditbeGreatif...,London,Dott07.
United Kingdom Prime Minister Strategy Unit (2007), HM Government Policy Review, Government of
UnitedKingdom.
XueM.eHarkerP.T.,(2003),Servicecoproduction,customerefficiencyandmarketcompetition.Working
Paper0303,WhartonSchoolCenterforFinancialInstitutions,UniversityofPennsylvania.

102
AgendaDigitaleTrendAnalysis

Van Oranje C and R. Weehuizen (2009). Towards a digital Europe, serving its citizens: the EUReGOV
synthesisreport.RandEurope.
Weiser M., (1991), "The Computer for the 21st Century",
http://www.ubiq.com/hypertext/weiser/SciAmDraft3.html
York J., Pendharkar P.C., (2004), "Humancomputer interaction issues for mobile computing in a variable
workcontext,"Int.J.HumanComputerStudies.
Mobile Internet, Content & Apps: il laboratorio della Digital Economy School of Management Politecnico
diMilano(maggio2011),B2B24.it(Gennaio2009).

AgendaDigitaleTrendAnalysis
103

http://data.gov.uk/
http://ec.europa.eu/information_society/index_it.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia
http://www.cisis.it/
http://www.crowdengineering.com/
http://www.data.gov/
http://www.eldy.org/
http://www.google.com/trends
http://www.greenitpc.jp/e/about
http://www.innocentive.com/
http://www.istat.it/
https://www.mturk.com/mturk/welcome
http://www.oecd.org/
http://www.progettoicar.it/
http://www.riir.it/
http://www.siss.regione.lombardia.it/
http://www.starbytes.it
http://www.time.com/time/
http://www.tonyblairoffice.org/climatechange/index/
http://www.unep.org/
http://www.w3.org/

AgendaDigitaleTrendAnalysis
1

12 Allegato:analisidibenchmarkingdellestrategiedigitali

Nazione Abitanti PIL StrategiaDigitale Budget Data


Piano
EntePromotore Processodiapprovaizone Elementidifferenziati
Canada 34.031.784 1.236.893M$ CanadaseStrategy N/A Lug10 Governmentof
Canada,Ministerof
Industry
Consultazionionline Highperformancecomputingorsupercomputing;op
datageoreferenziati;esserePaeseleaderdelleconom
digitale
CoreadelSud
Repubblica
49.044.790 1.276.000M$ FirstMasterPlanforInformatizationPromotion;Cyber
Korea21(SecondMasterPlanforInformatization);T
2003:BroadbandITKoreaVision(revisionofthethird
MasterPlanforInformatization);IT839Strategy;u
KoreaMasterPlan
N/A 2007 Ministero
dellInformazione
dellaComunicazione
N/A Esserelaprimaubiquitoussocietyalmondo
Finlandia 5.325.587 171.315M$ UbiquitousInformationSocietyActionProgram N/A 2008 Ministerodella
Comunicazoine;
Ubiquitous
informationSociety
AdvisoryBoard
Partecipatocondirigenti
businessprivate
Focussuegovernment;ricercareinnovazioniattrave
lacooperazionedelsettoreICTeproduttoridiconten
creativi;accelerareilvotoelettronico
Germania 82.438.000 2.910.490M$ InnovationPolicy,InformationSociety,
TelecommunicActions.TheFederalGovernments
BroadbandStrategy;DigitalDeutschland2015
N/A Nov10 Ministero
delleconomicaedella
tecnologiain
coordinazionecon
altriMinistri
N/A Creare30.000nuovipostidilavoronelsettoreICTen
il2015;ridurreiconsumienergeticidelleattivit
governativedel40%entoril2013,favorireil
miglioramentodellacapacitdinnovazionedellepicc
emedieaziende;piknowledgebasedstartupnel
futuro;rafforzareilegamitralindustriaelaricerca
Giappone 127.288.419 4.354.368M$ EJapanStrategy;Ujapanpolicy;newITReform
StrategyRealizingUbiquitousandUniversalNetwork
SocietyWhereEveryoneCanEnjoytheBenefitsofIT
N/A 2006 ITstrategic
headquarters
ITStrategicheadquarters
facilitatoredelcambiamento:
PDCAcycle;responsabilit
condivisaconaltriMinisteri
(CouncilonEconomicandFiscal
PolicyandCouncilforthe
PromotionofRegulatory
reform)
Focussuutentiepersoneperfavorireutilizzodiffuse
friendlydelleICT;favorirecrescitaindustrieICTcapac
mantenerevantaggiotecnologicogiacquisitoedi
produrrenuovovaloreaggiunto;healthcare
(telemedicina);societecosostenibile;trafficostrada
pisicuroalmondo
Islanda 308.910 12.664M$ PolicyofthegovernmentofIcelandontheInformation
Society;IcelandtheeNation.IcelandicGovernment
PolicyontheInformationSociety20082012
N/A Mag08 PrimeMinisters
Officecoordinatocon
altriMinisteri
N/A Selfserviceonline;jobsindipendentoflocation;port
deiservizipubbliciwww.island.is
RegnoUnito 62.041.708 2.230.549M$ DigitalStrategy2005;DigitalBritain 30M Giu09 Departmentfor
BusinessInnovation
andSkills
Partecipato(twitterfeed) Paeseleadernelleconomiadigitale;sviluppareledig
skillatuttiIlivelli(digitalinclusion);GranBretagnaco
centroaglobaleperleindustriecreativedelleradigit
ndimprovethugdigitaldeliveryofpubblicservices

104