Sei sulla pagina 1di 3

Il Sole

Il Sole una stella gialla di classe spettrale G (G2) di massa medio-piccola. Non un corpo fermo,
infatti oltre a muoversi allinterno della Galassia, ha un moto di rotaione in direione ovest-est
intorno al proprio asse. Si trova nella !ia "attea (una galassia a spirale a cin#ue $racci) ed
esattamente nel $raccio di %rione. & causa della sua attraione gravitaionale esercitata su un
insieme di corpi celesti (tra cui gli otto pianeti, i loro rispettivi satelliti e migliaia di asteroidi,
comete e meteoriti) si forma il Sistema Solare. &llinterno di #uesto sistema il Sole lunica stella e
ne rappresenta #uindi il centro gravitaionale. Il Sistema Solare si trova in una ona periferica della
!ia "attea (2' ((( a.l. dal $ulge) poich) un sistema ancora giovane ed costituito da elementi pi*
leggeri (ne$ulose e polveri) rispetto a #uelli centrali della Galassia.
Dati generali+ ,t- . / miliardi di anni
0istana media 1erra-Sole . 2/( milioni di 3m
0ensit- del nucleo . 245 gr6cm
0ensit- a met- raggio . 2,7 gr6cm
0iametro solare . 2.582.((( 9m (2(8 volte pi* grande di #uello terrestre)
1emperatura superficiale . 4((( 3 circa (proprio per #uesto una stella G2)
Inclinaione delle#uatore sul piano delleclittica . ': 27
Struttura

Nucleo (o Nocciolo)+ la ona centrale, in cui, a causa dellaltissima pressione e temperatura,
troviamo materia degenerata ( i protoni al centro, poich) pi* pesanti, e la nu$e elettronica attorno),
ovvero non ci sono atomi. Nel nocciolo, che rappresenta il 7/; della massa solare, la materia si
trova allo stato di plasma e #ui si verificano le reaioni di fusione termonucleare (che trasformano
lidrogeno in elio). &l suo interno, a causa di #ueste reaioni, si formano raggi < che devono
attraversare tutti gli strati successivi e impiegano milioni di anni per uscirne.
=ona radiativa+ chiamata cos> perch) lenergia prodotta nel nucleo viene irradiata negli strati pi*
esterni visto che lelevata pressione impedisce alla materia di muoversi. "a materia degenerata
arriva fino a met- ona e successivamente, a causa della diminuione della fora di gravit-, la
materia si presenter- sottoforma di atomi di idrogeno Inoltre diminuisce la temperatura e lelettrone
dellidrogeno non si trova nel primo livello energetico, ma nel secondo poich) perennemente
eccitato.
=ona convettiva+ #uestarea caratteriata da temperature e densit- inferiori a #uelle degli strati
sottostanti e di conseguena, l?energia ed il calore non possono essere trasferiti attraverso
l?irraggiamento, ma tramite moti convettivi ( i gas caldi tendono ad andare verso lalto-andando a
costituire la superficie della fotosfera dove si raffreddano e tornano verso il $asso ricominciando di
nuovo il moto). In #uesta ona la possi$ilit- di movimento dei gas massima perch) si risente
molto meno della fora di gravit-.
@otosfera+ la superficie ri$ollente del Sole, costituita da granuli e $olle sommitali a forma di
prisma esagonale, che si rinnovano continuamente. , una ona molto sottile e corrisponde alla
superficie solare visi$ile. "a temperatura di circa 4(((3 e #uesto determina il suo colore giallo.
0a essa fuoriescono onde elettromagnetiche con energia differeniata (dai raggi < alle onde radio).
Sulla sua superficie troviamo le facole, le macchie solari e i flares.
Aromosfera+ uno strato sottile costituito da gas rarefattoB il suo colore rossastro dovuto alle
radiaioni emesse dagli idrogeni. Su$ito prima e su$ito dopo le eclissi totali di Sole possi$ile
vedere #uesto strato solare. I fenomeni che possiamo trovare sulla sua superficie sono le
protu$erane, i $rillamenti e le spicole.
Aorona solare+ la porione pi* esterna del Sole (costituita da gas fortemente ioniati) in cui il gas,
man mano che ci si allontana dalla superficie, diventa pi* rarefatto. Croprio per #uesto non c
emissione uniforme di gas e si vengono a formare i $uchi coronari ( si creano coDD dovuti al campo
magnetico solare che in #uei punti impedisce alle particelle del gas di espandersi verso lesterno).
"a temperatura che troviamo su #uesto strato non una temperatura effettiva, ma una temperatura
di fuga. Infatti la corona solare fredda e la temperatura cinetica (2 milione 3) data dalla velocit-
molto elevata con cui le particelle, che costituiscono il vento solare, sfuggono dalla fora attrattiva
del Sole.
Fenomeni
@acole+ sono one di luminosit- elevata rispetto al resto della fotosfera. Aompaiono in prossimit-
delle macchie e durano pi* a lungo rispetto ad esse.
Eacchie solari+si formano sulla superficie della fotosfera, a 7/: di latitudine nord e sud rispetto
alle#uatore solare. Sono dei $uchi che hanno la porione centrale scura e #uella periferica chiara ed
hanno una temperatura di 7((( 3 (265 della temperatura della fotosfera)B proprio per #uesto
appaiono scure, per contrasto col resto luminoso. Si creano graie al campo magnetico solare e
nascono isolate. Se ne creano altre attorno e macchie contigue, sullo stesso parallelo, sono
polariate in senso opposto, anche in latitudine, in modo da poter stare vicine. Fanno un periodo di
22 anni, a met- arrivano ad un massimo di #uantit- poi diminuiscono e si spostano verso le#uatore,
dove muoiono. Nel ciclo successivo doce cera una macchia positiva ce ne sar- una negativa.
Grillamenti+ scoppi improvvisi di gas incandescente in cui si li$era unenorme #uantit- di energia
sotto forma di onde radio e raggi H. Si trovano in corrispondena delle macchie solari.
Spicole: lingue di idrogeno incandescente, che dalla cromosfera si estendono verso lalto e
penetrano nella corona. Cotre$$ero essere dovute a una propagaione del moto tur$olento dei
granuli della fotosfera.
Crotu$erane+ sono getti improvvisi di idrogeno incandescente che possono o ricadere sulla
superficie solare, formando degli archi sul Sole, oppure possono fuoriuscire e disperdersi nello
spaio. Iuando #ueste linee di fuoco sono al di sotto dei 7(( ((( 9m, seguono le linee di fora del
campo magnetico, assumendo una forma ad arco. In #uesto caso esse si classificano in+
#uiescenti (la ricaduta di #uesta materia sul Sole avviene molto lentamente,da sem$rare #uasi ferma
nello spaio) ed eruttive (in pochissimo tempo la materia ricade sulla superficie).
Iuando, invece,#ueste particelle riescono,graie alla fora data dalleieione delleruione solare, a
superare i 7(( ((( 9m, fuoriescono come lingue di fuoco dalla superficie solare, poich),dopo
#uesto limite, le linee di fora del campo magnetico sono aperte.
!ento solare+ a causa della temperatura cinetica della corona,che molto elevata (2 milione di 3), le
particelle dei gas ioniati ac#uistano velocit- sufficienti per sfuggire allattraione gravitaionale
del Sole (superando i 7(( ((( 9m dalla superficie solare), creando cos> un flusso che va in tutte le
direioni dello spaio, il #uale appunto il vento solare. Iuesto si diffonde in tutto il Sistema
Solare, arrivando a investire anche la 1erra.
Campo magnetico solare
Il Sole ha un moto di rotaione, intorno al proprio asse, che determina la formaione di un campo
elettrico. Il Sole infatti formato da gas ioniati, #uindi da pJ e e- che ruotano li$eri generando
campi. CerK non un campo uniforme poich) le varie parti del Sole ruotano a velocit- diverse.
Iueste differenti velocit- furono scoperte da Galileo che osservK #uattro macchie solari
iniialmente allineateB successivamente #uelle al centro, essendo pi* veloci, erano avanate
maggiormente. Il campo magnetico solare rappresentato da delle linee di fora chiuse, che escono
dal polo negativo ed entrano in #uello positivo. Iueste linee raggiungono laltea massima di
7(( ((( 3mB oltre tale valore risultano aperte, permettendo la fuga di particelle ioniate e la
formaione del vento solare.