Sei sulla pagina 1di 37

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works

Informazioni di base

Che cos COSMOS/Works?


COSMOS/Works un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore solido SOLIDWorks COSMOS/Works comunque permette di utilizzare modelli solidi di singole parti e/o complessivi prodotti anche con altri modellatori (es.: ThinkDesign) purch i modelli siano esportati in formato IGES o STEP

Che cos COSMOS/Works?


COSMOS/Works permette di eseguire calcoli strutturali relativamente al modello solido in fase di sviluppo Pu quindi aiutare a rispondere a domande del tipo: quanto sicuro, efficiente ed economico il progetto che si sta elaborando?

ITER DI PROGETTAZIONE TRADIZIONALE


Si utilizza un modellatore solido per produrre un modello virtuale del sistema da costruire Si costruisce un prototipo fisico del modello virtuale Si sottopone il prototipo fisico ad una serie di prove sperimentali che simulano le effettive condizioni di utilizzazione (solitamente necessario l uso di una apposita strumentazione) In funzione dei risultati sperimentali ottenuti, si modifica il modello virtuale, si costruisce un altro prototipo fisico in accordo con quello virtuale appena definito, si ripetono le prove sperimentali e si prosegue con questo ciclo fino a quando i risultati della sperimentazione sono considerati soddisfacenti
Modellatore solido Prototipo fisico Ciclo di progettazione

Prove sperimentali

Risultati soddisfacenti ?

No

Si
Produzione

Benefici dell analisi


L analisi riduce il numero di cicli di progettazione (che sono dispendiosi sia economicamente e sia temporalmente) L analisi riduce il costo con simulazioni numeriche applicate al modello solido virtuale riducendo il numero di test sperimentali necessari ( ridotto il numero di cicli di progettazione) L analisi riduce il time to market L analisi pu favorire l ottimizzazione del progetto simulando varie soluzioni progettuali e scenari di utilizzo prima di intraprendere scelte di progetto definitive

Il metodo degli elementi finiti


(FEM, Finite Element Method)
Le soluzioni analitiche sono disponibili solo per problemi semplici. Inoltre tale soluzioni molto spesso si basano su ipotesi che nella realt pratica non sono rispettate COSMOS/Works usa il metodo degli elementi finiti. L analisi che utilizza tale metodo detta anche Analisi agli elementi finiti o FEA FEA (Finite Element Analysis) La FEA molto generale. Pu essere usata per risolvere problemi anche molto complessi per i quali non possibile individuare una soluzione analitica La FEA adatta ad essere implementata sui moderni calcolatori. E universalmente riconosciuto che la FEA rappresenta il metodo di analisi pi diffuso

Concetti principali nell analisi di progetto FEM


Con il metodo degli elementi finiti la risoluzione di un problema complesso viene ricondotto alla soluzione di molti problemi pi semplici. Il modello virtuale suddiviso in piccole parti di forma semplice denominate elementi finiti

Modello CAD

Modello CAD suddiviso in elementi finiti

Concetti principali nell analisi di progetto FEM


Gli elementi, detti appunto elementi finiti, sono caratterizzati dalla presenza dei nodi. Le forze che sollecitano il modello virtuale cos discretizzato si trasmettono da un elemento all altro solo attraverso questi nodi che collegano tra loro gli elementi stessi
Elemento tetraedrale di tipo parabolico a 10 nodi

Concetti principali nell analisi di progetto FEM


Il comportamento di questi elementi, in termini di deformazione indotta dallo spostamento dei nodi provocato in generale dalle azioni applicate all elemento i-esimo dagli elementi adiacenti stato molto ben studiato ed ben noto Il sistema di forze esterne che sollecita il sistema reale quindi applicato al modello agli elementi finiti attraverso i nodi degli elementi stessi. E quindi calcolato lo stato di tensione/deformazione nei singoli elementi che approssima quanto accadrebbe nel sistema fisico reale Lo spostamento di ciascun nodo quantificato in termini di traslazione lungo direzioni x, y e z di un sistema cartesiano ortogonale. Queste traslazioni definiscono i gradi di libert del nodo (DOF, Degrees of Freedom). Ogni nodo, evidentemente assimilato ad un punto nello spazio ha 3 DOF

Concetti principali nell analisi di progetto FEM


Nei software di analisi strutturale del tipo di COSMOS/Works sono programmate le equazioni di equilibrio di ciascun nodo rispettando nel contempo anche la connettivit tra tutti gli elementi finiti in cui si discretizzato il modello solido Rispettare la connettivit significa che lo spostamento di un nodo di un elemento identico per tutti i nodi degli elementi adiacenti e connessi all elemento in questione tramite lo stesso nodo

Concetti principali nell analisi di progetto FEM


Nell analisi di sollecitazione le equazioni di equilibrio dei nodi contengono le incognite, ovvero gli spostamenti dei nodi stessi Tutti i coefficienti noti delle equazioni di equilibrio sono calcolati e/o definiti in funzione delle propriet del materiale, dei vincoli, dei carichi e della geometria del sistema I programmi di analisi strutturale FEM costruiscono quindi un sistema algebrico lineare costituito dalle suddette equazioni di equilibrio e lo risolvono nelle incognite rappresentate dagli spostamenti dei nodi

Concetti principali nell analisi di progetto FEM


Noti gli spostamenti dei nodi possibile risalire con facilit alle sollecitazioni che si instaurano nei nodi e anche all interno di un qualunque punto del singolo elemento finito Il numero delle citate equazioni, con le corrispondenti incognite pu essere anche molto elevato (possono definirsi centinaia di migliaia o milioni di equazioni) e corrisponde, formalmente, al numero complessivo dei DOF relativo a tutti i nodi con cui si modellizzato il sistema reale

Concetti principali nell analisi di progetto FEM


Nell analisi statica pi semplice il solutore risolve il sistema lineare di equazioni calcolando per ogni nodo le componenti dello spostamento nelle tre direzioni x, y e z Quando questi spostamenti sono noti i programmi di analisi strutturale calcolano le deformazioni relative lungo varie direzioni per ciascun elemento finito Solo a questo il programma calcola le sollecitazioni in ciascun elemento finito

= L/L

Tipi di analisi
Analisi statica o di sollecitazione
E il tipo pi comune di analisi agli elementi finiti. Solitamente si suppone che il materiale segua la legge di Hooke e si considerano unicamente forze esterne costanti nel tempo Si opera quindi in regime sforzi-deformazioni lineare. Tutte le deformazioni sono considerate perfettamente elastiche per cui si suppone il sistema riprenda la forma originaria indeformata non appena i carichi sono rimossi Nell analisi statica i software strutturali, in particolare COSMOS/Works, calcolano gli spostamenti, le deformazioni relative (opportunamente definite), le sollecitazioni e le forze di reazione

Tipi di analisi
Analisi statica o di sollecitazione
Le forze di reazione sono sempre presenti perch equilibrano il sistema di forze esterne. I software strutturali prevedono sempre un vincolamento almeno isostatico del sistema sollecitato per evitare la labilit dello stesso Se il sistema ha la possibilit di muoversi di moto di corpo rigido la matrice dei coefficienti del sistema algebrico lineare che deve essere risolto nelle incognite spostamenti singolare e quindi non sussiste la possibilit di ottenere una soluzione

Tipi di analisi
Analisi statica o di sollecitazione
Alcuni software, tra cui COSMOS/Works, sono dotati di accorgimenti numerici tali per cui si riesce ad eliminare, in certe condizioni e con certi comandi, la singolarit numerica del problema e quindi possibile risolvere alcuni problemi in cui sussistono possibili moti di corpo rigido Un materiale cede quando la sollecitazione raggiunge certi livelli limiti caratteristici del materiale stesso. Nel caso dell analisi statica questi limiti sono opportunamente definiti in funzione del carico di snervamento o di quello di rottura

Tipi di analisi
Analisi di instabilit laterale
Strutture snelle in cui una o due dimensioni prevalgono fortemente sulla terza, in presenza di carichi anche di limitata entit possono indurre deformazioni laterali cos ampie da determinare la rottura del sistema (es.: caso delle aste caricate di punta). Questo fenomeno denominato buckling Anche se i carichi sono ridotti, quando interviene il buckling le deformazioni sono cos elevate che le corrispondenti sollecitazioni possono superare il carico di rottura del materiale

Tipi di analisi
Analisi di instabilit laterale
I moderni software di analisi struttale, tra cui anche COSMOS/Works, permettono di calcolare, sempre con la tecnica degli elementi finiti, i valori critici delle forze esterne che dovrebbero indurre l instabilit laterale

Tipi di analisi
Analisi in frequenza, Modi naturali di vibrazione
Qualunque sistema meccanico reale, opportunamente eccitato, tende a vibrare pi o meno marcatamente con determinate frequenze caratteristiche chiamate frequenze naturali o autovalori del sistema In corrispondenza a ciascuna frequenza naturale il sistema si deforma in un modo caratteristico denominato automodo del sistema (mode shape) L analisi in frequenza calcola le frequenze naturali associate agli automodi del sistema

Tipi di analisi
Analisi in frequenza, Modi naturali di vibrazione
In teoria un corpo reale caratterizzato da un numero infinito di automodi e quindi di frequenze naturali. Per tale corpo, modellizzato con gli elementi finiti, si definiscono tante frequenze naturali quanti sono i DOF del modello FEM corrispondente Nella maggior parte dei casi ha comunque interesse conoscere e calcolare solo alcuni degli automodi del sistema I software strutturali FEM, incluso COSMOS/Works, permettono un rapido calcolo delle frequenze naturali e dei relativi automodi compresi in un certo range di frequenze stabilite dall utilizzatore del software

Tipi di analisi
Analisi in frequenza, Modi naturali di vibrazione
Conoscere le frequenze naturali di un sistema importante: se le forze esterne variano nel tempo e definiscono frequenze di eccitazioni prossime e/o identiche ad una o pi frequenze naturali del sistema si ha la cosidetta risonanza Alla risonanza, se lo smorzamento ridotto, si crea una situazione in cui il sistema sembra cedere via via sempre pi nel tempo per cui gli spostamenti dello stesso aumentano progressivamente anche in presenza di forze eccitanti di ampiezza limitata

Tipi di analisi
Analisi in frequenza, Modi naturali di vibrazione
Conseguentemente via via che il tempo trascorre le forze esterne fanno un lavoro che teoricamente tende sempre pi rapidamente ad infinito e quindi viene ceduta sempre pi energia al sistema che la incamera soprattutto sottoforma di energia di deformazione Si arriva quindi ad un punto tale che l energia di deformazione del sistema cos elevata, ovvero gli spostamenti sono cos grandi, che si supera ogni limite di sollecitazione e la struttura cede

Tipi di analisi
Analisi in frequenza, Modi naturali di vibrazione
L analisi in frequenza pu quindi aiutare ad evitare fenomeni di risonanza indesiderati o pericolosi L analisi in frequenza fornisce informazioni per risolvere problemi di risposta dinamica della struttura (operando in regime lineare possibile combinare linearmente le risposte della struttura alle varie frequenze naturali per calcolare la risposta ad un sistema di forze esterne che varia in modo qualunque nel tempo)

Tipi di analisi
Analisi termica
Si calcola la temperatura in ogni punto del modello noto il flusso di calore in entrata/uscita e le condizioni al contorno del modello stesso (es.: temperatura della superficie)

Tipi di analisi
Analisi di sollecitazione indotta da carico termico
Differenze di temperatura tra zone diverse di un corpo vincolato o meno possono indurre deformazioni diverse nei vari punti della struttura Tale diversit di deformazione e/o vincoli che impediscano la dilatazione/contrazione derivante dal campo di temperature a regime o nel passaggio da una situazione termica ad un altra inducono uno stato di sollecitazione dipendente direttamente dalla temperatura L analisi di stress termico calcola quindi tali sollecitazioni e gli spostamenti corrispondenti con riferimento, nell ambito di COSMOS/Works, ad un modello FEM

Tipi di analisi
Analisi di ottimizzazione
Si fissa un obiettivo da raggiungere, per es. si desidera variare la forma di un pezzo in modo da minimizzarne il peso Si fissano i vincoli dell ottimizzazione, per es. la massima sollecitazione ideale che non deve essere superata, le dimensioni limiti entro le quali individuare quelle che consentono la minimizzazione desiderata Le dimensioni che possono variare entro i limiti suddetti sono denominate variabili di ottimizzazione del progetto Il programma ricerca quindi la soluzione che pi soddisfa alle condizioni imposte (ottimizzazione vincolata) E ovvio che l ottimizzazione pu riuscire pi o meno bene e sta al progettista valutare i risultati ottenuti

Tipi di analisi
Altri tipi di analisi
Analisi di sollecitazione non lineare: si deve utilizzare questa analisi quando le ipotesi che permettono di applicare l analisi di sollecitazione statica lineare non sono pi rispettate. Per es., se il materiale non segue la legge di Hooke si deve eseguire un analisi non lineare Analisi della risposta dinamica: a differenza dell analisi di sollecitazione statica, sono presenti forze d inerzia che non possono essere trascurate Analisi fluodinamica: anche chiamata analisi CFD (Computational Fluid Dynamics). Si studia il moto dei fluidi associato o meno ad effetti termici (l inflenza contemporanea della temperatura definisce l analisi termofluodinamica) Analisi elettromagnetica: risolve problemi di natura elettromagnetica (calcolo di campi elettrici, magnetici, forze attrattive-repulsive, ecc.)

Richiami
Le sollecitazioni normali e tangenziali
Quando a un corpo applicata una forza esso si deforma e genera delle forze interne che variano da un punto all altro dello stesso Queste forze riferite all unit di superficie sono denominate sollecitazioni Con l espressione sollecitazione in un punto di, per es., 50 MPa si intende l intensit della forza interna applicata in un punto e riferita ad un intorno di area del punto stesso tendente al valore nullo Considerando un volumetto cubico di materiale del corpo e una _ generica faccia del cubo, _ la componente F N della forza interna F applicata al baricentro di tale faccia lungo la direzione perpendicolare alla faccia stessa definisce una sollecitazione normale quando l area A della faccia del cubetto tende a zero. In modo analogo, la _ _ componente FT , perpendicolare a F N , definisce la sollecitazione tangenziale

A
F
_

FN

FT

= lim F N /A
A 0
_

= lim FT /A
A 0

Richiami
Le sollecitazioni normali e tangenziali Poich la sollecitazione definita come rapporto tra una forza e un area e la forza una grandezza vettoriale anche la sollecitazione un vettore Comunemente per si parla di sollecitazione per es. di 50 Mpa facendo riferimento al valore del modulo del vettore sollecitazione In ogni caso si distingue tra sollecitazione normale e tangenziale

Richiami
Le sollecitazioni normali e tangenziali
Lo studio delle sollecitazioni parte dalla teoria dell elasticit e fa riferimento ad un cubetto di materiale sollecitato da sei forze interne applicate alle rispettive facce nei corrispondenti baricentri Il limite tendente a zero delle aree delle facce suddette permette di definire tre sollecitazioni caratteristiche , a e b per ciascuna faccia riferite ad un sistema cartesiano ortogonale di riferimento con gli assi disposti lungo tre spigoli concorrenti in un vertice del cubetto stesso

y
a

x z

Richiami
Le sollecitazioni normali e tangenziali
Per l equilibrio alla rotazione del cubetto infinitesimo attorno ai tre assi baricentrici del cubetto stesso si dimostra che ogni coppia di sollecitazioni relativa ad una faccia ha moduli identici e versi opposti a quelli della coppia di sollecitazioni associata alla faccia opposta Per l equilibrio alla traslazione del cubetto lungo i tre assi x, y e z risulta inoltre che ogni sollecitazione relativa ad una faccia ha modulo e verso opposto alla associata alla faccia opposta Ne deriva che per definire lo stato di sollecitazione del cubetto infinitesimo sufficiente che siano note solo 6 delle complessive 18 sollecitazioni associate a tutte le sei facce del cubetto, in particolare x, y, z, xy, xz, yz

y x z
z yz zy yx xy x

xz zx

Richiami
Le sollecitazioni normali e tangenziali
In particolare, l origine del sistema cartesiano ortogonale (x,y,z) coincidente con un vertice del cubetto elementare di materiale viene considerata come il generico punto del corpo su cui agiscono le 18 sollecitazioni e precedentemente definite Naturalmente questo modo di porre le cose un po speculativo, ma il cubetto infinitesimo, cio le lunghezze dei suoi spigoli tendono a essere o sono praticamente nulle, quindi tutti gli otto vertici del cubetto tendono a coincidere in un solo punto e le origini dei vettori sollecitazione agenti sulle otto facce coincidono o tendono a coincidere in un solo punto, l origine del sistema di riferimento D altra parte le 18 sollecitazioni sono definite con riferimento alle facce del cubetto che, anche se sono infinitesime, hanno una loro giacitura, per cui ha proprio senso accettare questa speculazione e parlare quindi di sollecitazioni e in un punto del materiale

Richiami
Le sollecitazioni principali
Osserviamo ancora per che il cubetto infinitesimo di materiale pu essere comunque orientato attorno al vertice scelto come origine del sistema di riferimento i cui assi sono solidali ai tre spigoli del cubetto stesso A parit di sistema di forze esterne applicato al corpo in esame ovvviamente le forze interne applicate alle facce del cubetto varieranno in funzione dell orientazione del cubetto (varia la z giacitura delle facce) Si dimostra analiticamente che per ogni punto del corpo esiste un orientazione particolare del cubetto tale per cui le sollecitazioni tangenziali sulle facce dello stesso si annullano e risultano applicate solo sollecitazioni normali x Queste sollecitazioni normali, ottenute per una particolare orientazione del cubetto, sono denominate sollecitazioni principali , e
1 2 3

z
3 2

y
1

Richiami
Le sollecitazioni principali
Le direzioni delle sollecitazioni principali sono le direzioni principali di sollecitazione In ogni punto del materiale si definiscono le sollecitazioni principali. Se nel punto risulta stato di tensione triassiale nel punto a) 1, 2, 3 tutte 0 b) solo due tra 1, 2, 3 0 stato di tensione biassiale nel punto c) solo una tra 1, 2, 3 0 stato di tensione monoassiale nel punto Dalla conoscenza delle sollecitazioni principali sempre possibile ricavare le sollecitazioni normali e tangenziali riferite ad un qualunque piano passante per il punto in cui sono note le medesime sollecitazioni principali

Richiami
Criteri di resistenza
Sono state avanzate differenti teorie, definite criteri di resistenza, sul modo in cui utilizzare le tensioni principali in un punto per poter definire una sollecitazione equivalente confrontabile con quelle ammissibili derivanti da prove sperimentali su provini Questa sollecitazione equivalente prende il nome di sollecitazione ideale e viene calcolata a partire dai moduli 1, 2, 3 dotati di opportuno segno delle tensioni principali La sollecitazione ideale pu essere interpretata come un indice del pericolo di rottura del materiale nel punto Per come viene definita, la sollecitazione ideale una grandezza scalare (un numero reale positivo) I vari criteri di resistenza forniscono differenti formulazioni della sollecitazione ideale (una sollecitazione di tipo normale) e sono stati elaborati per tener conto della natura del materiale (per es. fragile o duttile) e anche dello stato di sollecitazione (triassiale, biassiale o monoassiale)

Richiami
Criteri di resistenza: il criterio di Von Mises
Uno dei criteri di resistenza pi utilizzati quello di Von Mises. E particolarmente adatto al caso dei materiali duttili quali l acciaio In questo caso la sollecitazione ideale id definita, in termini di sollecitazioni normali e tangenziali (moduli con segno) agenti sulle facce del cubetto elementare, dall equazione

id =

1 2 2 2 [( x y )2 + ( x z )2 + ( y z )2 ] + 3 ( xy + xz + yz ) 2

In termini di sollecitazioni principali id definita dall espressione

id =

1 [( 1 2 )2 + ( 1 3 )2 + ( 2 3 )2 ] 2

Intensit della sollecitazione


Stress Intensity
Questo parametro viene definito come differenza tra i moduli delle sollecitazioni principali massima e minima E utilizzato per definire una sollecitazione ideale nell ambito di un altra teoria di resistenza, quella della massima sollecitazione di scorrimento (criterio di Tresca, valido ancora per i materiali duttili)