Sei sulla pagina 1di 5

KRSNA SLAVA S. Benedetto il nostro Dio, in ogni tempo, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. C. Amen.

Gloria a te, Dio nostro, gloria a te. Re celeste, Consolatore, Spirito della verit, che sei ov n! e presente e t tto ricolmi, scrigno dei "eni e dispensatore di vita, vieni, e dimora in noi, e p ri#icaci da ogni macchia, e salva, o B ono, le nostre anime. Santo Dio, Santo $orte, Santo %mmortale& a""i misericordia di noi. '( volte) Gloria al *adre, e al $iglio, e al santo Spirito, e ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Amen. + ttasanta +rinit, a""i misericordia di noi, Signore, cancella i nostri peccati, Sovrano, perdona le nostre ini! it, Santo, visita e g arisci le nostre in#ermit a ca sa del t o nome. K-rie eleison. '( volte) Gloria al *adre, e al $iglio, e al santo Spirito, e ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Amen. *adre nostro, che sei nei cieli, sia santi#icato il t o nome, venga il t o regno, sia #atta la t a volont, come in cielo, cos. s lla terra, dacci oggi il nostro pane ! otidiano, e rimetti a noi i nostri de"iti come anche noi li rimettiamo ai nostri de"itori, e non ind rci in tenta/ione, ma li"eraci dal maligno. S. *oich0 t o 1 il regno, e la poten/a, e la gloria& del *adre, e del $iglio, e del santo Spirito, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Si cantano il +ropario e il Contacio del Santo che viene commemorato. D. *reghiamo il Signore. C. K-rie eleison. S. 2 Signore, t hai creato t tto con la t a parola, e hai ordinato alla terra di prod rre vari #r tti per la nostra gioia e il nostro n trimento, t hai disposto a##inch0 i tre #anci lli e Daniele, n triti di semi in Ba"ilonia avessero volti pi3 radiosi di coloro che erano cresci ti in me//o al l sso, t stesso, Re a""ondante di misericordie, "enedici ! esto #r mento, a c i sono stati aggi nti vari #r tti e santi#ica i #edeli che ne g steranno, e che i t oi servitori ti hanno o##erto, per la t a gloria e in onore di ... 'nome del santo o dei santi commemorati), e in memoria di ! anti si sono dipartiti da ! esta vita nella vera #ede. Ascolta, o Signore misericordioso, t tte le preghiere per la salve//a di ! anti lo hanno preparato e che mantengono ! esta tradi/ione, e concedi loro di godere dei t oi "eni eterni, attraverso l4intercessione della nostra t ttasanta, p rissima, pi3 che "enedetta e gloriosa Sovrana, 5adre6di6Dio e semprevergine 5aria, e di ... 'nome del santo o dei santi commemorati), di c i stiamo onorando ora la memoria, e di t tti i t oi santi. *oich0 t sei col i che "enedice e santi#ica ogni cosa, e a te innal/iamo la gloria, Dio eterno, assieme al t o nigenito $iglio e al santissimo e vivi#ico t o spirito, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. C. Amen.

%l prete incensa il pane '7olach) e t tti i presenti. 8 indi solleva il pane, e per tre volte lo "enedice assieme al recipiente che contiene il vino, dicendo& S. 2 Ges3 Cristo, nostro Dio e Signore, "enedici ! esto pane e ! esto vino con il t o santo Spirito, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. 'tre volte) C. Amen. 'ogni volta) 9levando il pane, il prete dice& S. +i o##riamo ! esto pane e ! esto vino, o nostro Signore e Dio, per la gloria e l4onore di ... 'nome del santo o dei santi commemorati), e per la s a 'loro) intercessione, accetta, o a""ondante di misericordie, ! esta o##erta s l t o altare sovracceleste. %l prete rovescia il pane '7olach), lo incide a #orma di croce, e vi versa del vino dicendo& S. Nel nome del *adre 'Amen), e del $iglio 'Amen), e del santo Spirito 'Amen), ora e sempre, e nei secoli dei secoli 'Amen). 8 indi il prete volta di n ovo il pane a #accia in alto, e assieme al padrone di casa tiene il pane e lo #a r otare mentre si cantano i seg enti inni& C. 2 santi martiri che avete com"att to valorosamente : e avete ricev to la corona, : chiedete al Signore la misericordia : per le nostre anime. C. Gloria a +e, o Cristo Dio, : lode degli apostoli, : gioia dei martiri, : che predicarono : la +rinit cons stan/iale. C. %saia es lta di gioia : la Vergine ha concepito : e ha partorito n $iglio :9mman ele, Dio e ;omo : 2riente 1 il s o nome : e magni#icandolo : proclamiamo "eata la Vergine. %n seg ito, il prete e il padrone di casa rompono il pane in d e. +enendo assieme le d e met, il prete e il padrone di casa "aciano il pane per tre volte, alternando le d e met, e ogni volta il prete dice& S. Cristo 1 in me//o a noi< 9 il padrone di casa e la s a #amiglia rispondono& C. Lo 1, e lo sar< 'ogni volta) C. Gloria al *adre, e al $iglio, e al santo Spirito. *er le intercessioni di ... 'nome del santo o dei santi commemorati), o misericordioso, cancella la moltit dine delle nostre colpe. 9 ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Amen. *er le intercessioni della 5adre6di6Dio, o misericordioso, cancella la moltit dine delle nostre colpe. A""i misericordia di noi, o Dio, secondo la t a grande misericordia, e secondo la moltit dine delle t e ind lgen/e cancella il mio delitto.

2ggi la gra/ia di Dio ci ha condotti assieme, e prendendo la t a croce diciamo& =Benedetto col i che viene nel Nome del Signore. 2sanna negli eccelsi<= D. A""i misericordia di noi, o Dio, secondo la t a grande misericordia& noi ti preghiamo, ascolta e a""i misericordia. C. K-rie eleison. 'tre volte) D. Ancora preghiamo per il gran pres le e padre nostro, santissimo *atriarca ... e per il pres le nostro eminentissimo 5etropolita:Arcivescovo 'o sacratissimo Vescovo) .... e per t tta la nostra #ratellan/a in Cristo. C. K-rie eleison. 'tre volte) D. Ancora preghiamo per ! esta dimora e per t tti i s oi residenti 'nomi) che mantengono ! esta tradi/ione alla gloria e onore di ... 'nome del santo o dei santi commemorati) C. K-rie eleison. 'tre volte) S. *oich0 t sei n Dio misericordioso e amico degli omini, e a te innal/iamo la gloria, al *adre, al $iglio e al santo Spirito, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. C. Amen. D. Sapien/a< S. Santissima 5adre6di6Dio, salvaci. C. *i3 insigne dei Cher "ini, e sen/a con#ronto pi3 gloriosa dei Sera#ini, sen/a corr /ione hai partorito Dio Ver"o, te, la vera 5adre6di6Dio, noi magni#ichiamo. S. Gloria a te, Cristo Dio, speran/a nostra, gloria a te. C. Gloria al *adre, e al $iglio, e al santo Spirito, e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen. K-rie eleison. 'tre volte). *adre, "enedici. %l prete recita la preghiera del Congedo, e ! indi dice& S. A ! esta dimora e a t tti i s oi residenti, concedi, Signore, pace, sal te, amore e le t e "enedi/ioni per molti anni. C. Signore, c stodiscili per molti anni 'tre volte)

KRSNA SLAVA 'cele"ra/ione del santo patrono) La cele"ra/ione del giorno del santo patrono di na #amiglia 'Slava, o Krsna Slava) 1 n cost me tipicamente ser"o. + tti i mem"ri della stessa #amiglia o com nit osservano assieme n giorno prescelto per onorare il loro santo o protettore. %l santo rimane imm tato da padre a #iglio come tradi/ione di eredit.

8 esta cele"ra/ione ha av to origine nei tempi pre6cristiani, ! ando ogni #amiglia aveva la propria divinit t telare. %n seg ito, ! ando i ser"i divennero cristiani, tras#erirono ! esta osservan/a ai santi cristiani, scegliendo ! alche santo dal signi#icato speciale per la #amiglia, o il santo la c i #esta era pi3 vicina al giorno in c i la #amiglia aveva accettato il cristianesimo. Dopo l4arrivo nella penisola "alcanica, la vita del popolo ser"o cam"i>. Da nomade, divenne n popolo di agricoltori, legati a n l ogo e alla propria terra. La vita di #amiglia divenne molto importante, e divenendo n popolo sta"ile, i ser"i accettarono le idee religiose pi3 elevate e civili//ate che si erano svil ppate nel cristianesimo greco. Le #amiglie ser"e adottarono i sacri#ici incr enti della chiesa. San Sava, nel s o lavoro di ri#orma, a"ol. de#initivamente ogni sacri#icio cr ento, e sta"il. i sim"oli cristiani della Krsna Slava, che sono la candela 'voshtnitsa), il #r mento '7ol.vo) e il pane '7olch). *oich0 ogni parte del rit ale della Krsna Slava descrive la vita, passione e res rre/ione di Ges3 Cristo, pane e #r mento # rono nat ralmente i primi elementi dei sacri#ici incr enti. %l grano 'panagh.a) # scelto come il pi3 santo e sim"olico segreto della vita e della nativit. + tto nasce da n seme. Cos., nella nativit, si compie il mistico comandamento di Dio. %l chicco di grano ottenne il proprio nome, panagh.a, dalla t tta santa 5adre di Dio. %l #r mento era anche la principale #onte di sostentamento. Anche oggi, il servi/io della Krsna Slava comprende ancora na serie di "ei sim"oli nella "enedi/ione del #r mento e nella #ra/ione del pane. Ci sono molti modi di cele"rare la Krsna Slava, a seconda della regione particolare, ma l4idea di "ase 1 la stessa ov n! e& la venera/ione del santo patrono con n sacri#icio incr ento. %l modo pi3 com ne di cele"rarla 1 ! esto& il padrone di casa va in chiesa a partecipare alla Santa Lit rgia. *orta in chiesa n pane o torta del santo patrono 'slvs7i 7olch), n recipiente di grano "ollito addolcito con miele o / cchero '7ol.vo), in memoria dei d# nti della #amiglia, e il =li"ro dei memoriali= 'cit3l?a) da c i il prete, d rante la Santa Lit rgia, legge i nomi dei parenti de# nti. %l prete taglia e "enedice il pane del santo patrono, secondo n rito prescritto. %ntanto, a casa, si prepara la tavola per la cele"ra/ione, tornato dalla chiesa, il padrone di casa mette s l tavolo il pane e il #r mento, e accende na candela che "r cer per t tto il giorno. %n seg ito, parenti e amici si raccolgono in casa per partecipare alla #estivit, e condividono la cena della cele"ra/ione. %l padrone di casa 'sempre l4 omo che #a da capo#amiglia) prega Dio e il santo patrono e serve i s oi ospiti 'il padrone di casa non si siede mai d rante la cena). 2gni ospite riceve na piccola parte del pane e del #r mento. %n molte regioni, 1 d4 so invitare il prete a casa per compiere il taglio del pane del santo patrono. Che cos41 la Krsna Slava@ di n prete della Chiesa ser"a %n realt la Slava ser"a 1 assieme na #esta di compleanno e di onomastico della #amiglia nello spirito del nostro Signore Ges3 Cristo e nello Spirito della nostra santa $ede cristiana ortodossa. *er ! esta ragione, il termine =Krsno %me= 1 ancora pi3 appropriato al s o signi#icato La Slava 1 la #esta del nome del santo patrono. *er il popolo ser"o, la Slava 1 antica ! anto il cristianesimo stesso. Ness na na/ione cristiana ha ! esto tipo di cele"ra/ione, tranne gli ortodossi ser"i. Nella s a importan/a per na #amiglia ser"a, la Slava viene s "ito dopo la *as! a e il Natale. % missionari cristiani ortodossi che convertirono i ser"i alla santa $ede ortodossa cristiani//arono anche le loro cons et dini. Divenendo cristiani ortodossi, i ser"i accettarono il santo o i santi del giorno in c i venivano "atte//ati. L4esempio vivente del santo patrono dava a chi lo cele"rava sic re//a, persisten/a, senso di prote/ione, sostegno e incoraggiamento al "ene nella propria vita. *er renderlo spirit almente ancor pi3 vincolante, la santa Chiesa ortodossa, che 1 essa stessa la Com nione dei

santi e il corpo in c i Cristo dimora attraverso i santi patroni, rende la #amiglia parte di tale com nione in n modo pi3 diretto e tangi"ile. *er ! anto rig arda la c lt ra ser"a, la Slava 1 n elemento nico e ininterrotto attraverso t tta la storia del popolo ser"o ortodosso. *oich0 i ser"i si trovano in na regione geogra#ica tra l42riente e l42ccidente, tra c lt re a loro aliene 'islam e cattolicesimo romano), e sono stati sottoposti per secoli alla schiavit3, la Slava 1 diven ta per i ser"i na #esta spirit ale identi#icata con il proprio nome e la propria esisten/a. Nella storia del popolo ortodosso ser"o, la Slava ha arginato con s ccesso il proselitismo cattolico romano, le persec /ioni dall42ccidente, e la schiavit3 religiosa e la "r talit dell4islam per secoli. L4osservan/a della Slava 1 compi ta anche da organi//a/ioni c lt rali e sociali, citt, e per#ino da nit militari. %nsieme ai parenti, si ri niscono in ! el giorno amici e conoscenti, la casa 1 aperta a +;++% ! elli che arrivano. Le emo/ioni di ! anti cele"rano si caricano delle motiva/ioni pi3 no"ili. 9ssi sono pronti e desiderosi di accogliere e o##rire il meglio in termini di amici/ia, ci"o e "evande, e t tto si prepara in spirito di preghiera. %l padrone di casa per ! el giorno non si siede. %l s o dovere 1 di dare il "enven to e servire& =Da sl /i Krsno %me.= Ci sono molte "elle #orme di =/dravica= '"rindisi) che in ! esto giorno si pron nciano e si ascoltano, con il padrone di casa e gli invitati che invocano le "enedi/ioni di Dio e dei Santi ortodossi e si scam"iano i migliori a g ri a vicenda. A n giorno di grande es ltan/a spirit ale. Nella casa si trovano na candela, lo =slavs7i 7olach= 'pane) e il =7ol?ivo= '#r mento) s l tavolo, e l4icona del santo patrono s l m ro orientale di na delle case, con na lampada votiva '=7andilo=)& ! esto 1 l4altare di #amiglia. Viene accesa la candela della Slava '=sveca=), che "r cia in onore e memoria del santo patrono& la candela non viene mai spenta con n so##io, ma si esting e la #iamma con n poco di vino. Lo stesso "icchiere di vino viene ! indi #atto passare tra i #amiliari, e ogn no ne prende n sorso, sim"oli//ando cos. la contin it della Slava. %l =7olach= 'pane) sim"oli//a Cristo e la s a presen/a 'il pane della vita), mentre il =7ol?ivo= '#r mento) viene servito in onore dei mem"ri deced ti della #amiglia, che sono stati men/ionati d rante il rito del taglio dello =slavs7i 7olach=. Cos. la genera/ione presente si collega a ! ella precedente e a ! elle che verranno. %l pro# mo dell4incenso riempie la casa, portando ai nostri sensi la sensa/ione di ! esta occasione nica e #estiva. + tti i presenti diventano no, e la personalit di ciasc no dei presenti, corpo, anima e spirito, vi partecipa in pieno.