Sei sulla pagina 1di 41

Neurobiologia delle funzioni linguistiche

Franz Joseph Gall

frenologia

Paul Broca (1824-1880)

Leborgne TAN

Carl Wernicke (1848-1905)

neuroni

Struttura del neurone

sinapsi

Sinapsi chimica

Sistema talamo-corticale sistema talamocorticale, una rete in cui sono presenti connessioni rientranti tra gruppi neuronali talamici e corticali, distanti ma funzionalmente simili; ad un livello superiore si ha rientro quando aree corticali distinte funzionalmente presentano connessioni reciproche: questo rende possibile lintegrazione delle funzioni cerebrali senza il bisogno di un elaboratore centrale, allo scopo di fornire risposte unificate; Il rientro favorisce la sincronizzazione di attivit di gruppi neuronali appartenenti ad aree cerebrali diverse.

Sistema talamo-corticale

Sistema limbico

il secondo sistema costituito da canali paralleli che collegano la corteccia a strutture quali il cervelletto (riceve proiezioni dalla corteccia in microzone parallele, e le ritrasmette attraverso il talamo), i gangli della base e lippocampo (riceve da diverse aree corticali, e le ritrasmette direttamente): il principio organizzativo sono lunghe vie in parallelo, spesso unidirezionali e non reciproche, con poche interazioni orizzontali. Ci garantisce la precisione e la velocit di complesse operazioni motorie e cognitive automatiche

Gangli della base

Gangli della base

sistemi di valore, che originano dal tronco cerebrale e dallipotalamo. Ruolo principale: segnalano la presenza di eventi salienti per lintero organismo. segnalano allintero sistema un evento saliente e causano la variazione della forza sinaptica

Locus ceruleus

Nucleo del rafe

Edelman Tononi
Queste caratteristiche portano a ritenere che il cervello presenti caratteri organizzativi e funzionali che non sono compatibili con la teoria che il cervello esegua computazioni. La capacit del sistema nervoso di effettuare la categorizzazione percettiva di segnali differenti visivi, sonori, ecc suddividendoli in classi coerenti senza un codice preorganizzato, speciale e ineguagliata dai computer. Probabilmente tale categorizzazione scaturisce dalla selezione di specifiche configurazioni di attivit neurale distribuita, quando il cervello interagisce con il corpo e con lambiente.

Il rientro Il rientro dipende da cicli di segnalazione nella trama talamocorticale e in altre reti; si tratta di uno scambio in atto, ricorsivo, di segnali in parallelo tra aree cerebrali reciprocamente connesse, uno scambio che coordina incessantemente nello spazio e nel tempo le attivit delle loro mappe. Il rientro, a differenza della retroazione, implica molte vie in parallelo e non possiede associata una funzione istruttiva di errore.

rientro
La conseguenza del rientro la diffusa sincronizzazione dellattivit di gruppi differenti di neuroni attivi e distribuiti in molte aree cerebrali differenti e specializzate. Questa scarica sincronica di neuroni distanti e connessi dal rientro a fondamento dellintegrazione dei processi percettivi e motori. Il rientro rende possibile lunit, altrimenti impossibile, della percezione e del comportamento, in quanto nel cervello non esiste un elaboratore centrale capace di coordinare aree funzionalmente separate.

Afasia di Broca

Biscottidolce.biscotti biscotti.lui.giQuesto tutto. Ragazza.scorre acqua.acqua..e danneggia..molto da faresua..fa pulizie..piatti.lass

Afasia di Wernicke

Afasia di conduzione
Linguaggio comprensibile e fluente Comprensione buona Difficolt nel ripetere alcune parole pronunciate dallesaminatore

Esaminatore: bicicletta Paziente: bicicletta Esaminatore: ippopotamo Paziente: ippopotamo Esaminatore: rescolle Paziente: non so dirlo Esaminatore: casa Paziente: abitazione Esaminatore: sedia Paziente: seduto

Il sistema nervoso costituito da un numero enorme di neuroni, si parla di 100.000.000.000 nel cervello che sono tra loro correlati funzionalmente. La zona di contatto tra due neuroni, a livello della quale passa limpulso nervoso, si chiama SINAPSI: esistono sinapsi eccitatorie e sinapsi inibitorie, che bloccano la trasmissione dellimpulso. Le connessioni possono stabiliri tra un assone e un dendrite (sinapsi asso-dendritica) oppure tra lassone e il corpo cellulare (assosomatica) o tra i dendriti (dendro- dendritica) La sinapsi una struttura polarizzata perch permette il passaggio dellimpulso solo in un unico senso da un neurone presinaptico ad un postsinaptico.

Sinapsi chimiche
Nelle sinapsi chimiche il passaggio dellimpulso nervoso avviene grazie allazione di un mediatore chimico. Le molecole pi importanti che svolgono questo compito sono lacetilcolina che il neurotrasmettitore delle sinapsi neuromuscolari, la noradrenalina che il mediatore chimico delle terminazioni postgangliari della muscolatura liscia e poi varie altre molecole che il GABA e lacido glutammico. Nelle sinapsi chimiche si osserva un piccolo ritardo nella conduzione dellimpulso e tale ritardo dovuto al tempo necessario per i processi di esocitosi. Esistono in alcune regioni del sistema nervoso dei mammiferi le sinapsi elettriche in cui limpulso nervoso passa da un neurone allaltro senza il neurotrasmettitore, queste sinapsi sono sempre di natura eccitatoria.

Conduzione dellimpulso nervoso


I fenomeni nervosi sono di natura elettrica, in particolare la membrana plasmatica del neurone come quella di tutte le cellule polarizzata cio presenta una certa differenza di potenziale tra il lato esterno (+) e quello interno (-). Impulso nervoso Apertura dei canali del sodio ed entrata dello ione in cellula Depolarizzazione della membrana e insorgenza del potenziale dazione La depolarizzazione si propaga nelle zone vicine e cosi lungo tutta la fibra Via via che londa di depolarizzazione procede la membrana si ripolarizza e torna al suo stato di riposo per effetto degli ioni potassio che fuoriescono dalla cellula e permettono il ristabilirsi del potenziale negativo allinterno.

Conduzione impulso nervoso

Fascicolo arcuato

Segmento anteriore (VERDE) connette B e G Segmento posteriore (GIALLO) connette W e G Segmento diretto (ROSSO) connette B e W

Fascicolo arcuato B-W


Il tracciato indiretto pare correlarsi a funzioni linguistiche di tipo semantico (come comprensione uditiva e vocalizzazione di contenuto semantico ), mentre il tracciato diretto si correla a funzioni di tipo fonologico to phonologically based language functions (come la ripetizione automatica).