Sei sulla pagina 1di 4

FONDAZIONE GUIDO PICCINI per i diritti delluomo onlus

IL TEATRO DEL BENE E DEL MALE


Di fronte alla tragica situazione dei nostri giorni, sembra che la famosa espressione di Cicerone: historia docet, non abbia alcun senso. Cosa pu insegnare una storia dove il bene e il male non solo perdono ogni chiara distinzione, ma si confondono nei distinguo della ragione e nellegoismo del potere, generatore di coscienza e formule etiche destinate a giustificare e condizionare i destini dei popoli e dei loro tempi? Guerra dovrebbe essere una cattiva parola per tutti, ovunque e sempre, bandita da ogni ragione e da ogni vocabolario. Non affatto cos tanto che la guerra trova perfino diritto di cittadinanza: si vis pacem, para bellum: la guerra, lopposto della pace, necessaria per la pace stessa, per la difesa dei diritti naturalmente i diritti del potere! Cos per la pace, per la giustizia i loro significati, i grandi valori che queste parole contengono, senza i quali lumanit non avrebbe pi un futuro, si confondono nelle contraddizioni delle culture, delle religioni, dei sistemi economico-politici e sempre pi diventa difficile decifrare la storia di oggi e il domani denso di oscurit. Ma, forse, soprattutto nel nostro tempo ricco di facile comunicazione, manca non linsegnamento della storia, ma la lettura della storia. Una lettura che, seguendo la forza della memoria, vada oltre, nel passato e nel futuro; una lettura del presente fatta nellonest culturale, senza alibi di fede o di ideologia virt fastidiosa che pochi possiedono, di cui Eduardo Galeano, giornalista, scrittore e saggista uruguaiano, ce ne d un messaggio. La sua riflessione, scritta nel settembre 2001, assolutamente attuale oggi, come ieri, come domani. R.P.

--------------------------

Fondazione Guido Piccini per i diritti delluomo onlus via Terzago 11 25080 Calvagese della Riviera (BS) Italy www.fondazionegpiccini.org

FONDAZIONE GUIDO PICCINI per i diritti delluomo onlus

Nella lotta del Bene contro il Male, sempre il popolo che mette i morti. I terroristi hanno ucciso lavoratori di cinquanta paesi a New York e a Washington, in nome del Bene contro il Male. E in nome del Bene contro il Male, il presidente Bush giura vendetta: Elimineremo il Male da questo mondo, annuncia. Eliminare il Male? Cosa ne sarebbe del Bene senza il Male? Non soltanto i fanatici religiosi hanno bisogno di nemici per giustificare la loro pazzia. Hanno bisogno di nemici, per giustificare la loro esistenza, anche lindustria degli armamenti e il gigantesco apparato militare degli Stati Uniti. Buoni e cattivi, cattivi e buoni: gli attori cambiano le maschere, gli eroi divengono mostri e i mostri eroi, secondo le esigenze degli scrittori del dramma. Tutto ci non nulla di nuovo. Lo scienziato tedesco Werner von Braun fu cattivo quando invent i missili V-2 che Hitler sganci su Londra, per divenne buono il giorno in cui mise il suo talento al servizio degli Stati Uniti. Stalin fu buono durante la Seconda Guerra Mondiale e cattivo dopo, quando pass a guidare lImpero del Male. Poi perfino i russi divennero buoni. Ora anche Putin dice: Il Male deve essere punito. Saddam Hussein era buono, e buone erano le armi chimiche che us contro gli iraniani e i kurdi. Dopo divenne cattivo. Si chiamava gi Satana Hussein quando gli Stati Uniti, che avevano appena invaso Panama, invasero lIraq perch lIraq aveva invaso il Kuwait. Bush padre fu lartefice di questa guerra contro il Male. Con lo spirito umanitario e compassionevole che caratterizza la sua famiglia, uccise pi di centomila iracheni, civili in grandissima maggioranza. Satana Hussein pass poi alla categoria di nemico numero due. Il flagello del mondo divenne Osama Ben Laden. La CIA gli aveva insegnato tutto ci che sa in materia di terrorismo: Ben Laden, amato e armato dal governo degli Stati Uniti, era uno dei principali guerrieri della libert contro il comunismo in Afganistan. Bush padre era vicepresidente quando il presidente Reagan disse che questi eroi erano lequivalente morale dei Padri Fondatori dAmerica. Hollywood era daccordo con la Casa Bianca. In quei tempi, si film Rambo 3: gli afgani musulmani erano i buoni. Ora, ai tempi di Bush figlio, tredici anni dopo, sono cattivi, cattivissimi. Henry Kissinger fu uno dei primi a reagire dinanzi alla tragedia dell11 settembre. Ugualmente colpevoli come i terroristi chi offre loro appoggio, finanziamenti e ispirazione, sentenzi con parole che il presidente Bush ripet poche ore dopo.
Fondazione Guido Piccini per i diritti delluomo onlus via Terzago 11 25080 Calvagese della Riviera (BS) Italy www.fondazionegpiccini.org

FONDAZIONE GUIDO PICCINI per i diritti delluomo onlus


Se questo vero, bisognerebbe cominciare a bombardare lo stesso Kissinger. Egli colpevole di molti pi crimini di quelli commessi di Ben Laden e da tutti i terroristi che ci sono nel mondo, e in molti pi paesi e per molto tempo, al servizio di vari governi nordamericani: offr appoggio, finanziamenti e ispirazione al terrore di Stato in Indonesia, Cambogia, Cipro, Iran, Africa del Sud, Bangladesh e nei paesi latinoamericani con la guerra sporca del Plan Condor. L11 settembre 1973, esattamente 28 anni prima dei fuochi di adesso, era bruciato il palazzo presidenziale in Cile. Kissinger aveva anticipato lepitaffio di Salvador Allende e della democrazia cilena nel commentare il risultato delle elezioni: Non c alcuna ragione per permettere che un paese divenga marxista per lirresponsabilit del suo popolo. Il disprezzo per la volont popolare una delle molte coincidenze tra il terrorismo di Stato e il terrorismo privato. Per fare un esempio, lETA, che uccide persone innocenti in nome dellindipendenza del Paese Basco, dice, attraverso uno dei suoi portavoce: I diritti non hanno nulla a che vedere con maggioranze e minoranze. Molto si assomigliano tra di loro il terrorismo artigianale e il terrorismo di alto livello tecnologico, quello dei fondamentalisti religiosi e quello dei fondamentalisti del mercato, quello dei disperati e quello dei potenti, quello dei pazzi sciolti e quello dei professionisti in uniforme. Tutti condividono lo stesso disprezzo per la vita umana: gli assassini dei 6.600 cittadini sepolti sotto le macerie delle Torri Gemelle, che crollarono come un castello di carte, e gli assassini dei 200.000 guatemaltechi, in grande maggioranza indigeni, sterminati senza che mai la televisione o i giornali del mondo prestassero loro la minima attenzione. Loro, i guatemaltechi, non furono sacrificati da nessun fanatico musulmano, ma dai militari terroristi che ricevettero appoggio, finanziamento e ispirazione da vari governi degli Stati Uniti. Tutti gli innamorati della morte coincidono anche nella loro ossessione di ridurre in termini militari le contraddizioni sociali, culturali e nazionali. In nome del Bene contro il Male, in nome dellUnica Verit, tutti risolvono tutto prima ammazzando e interrogando dopo. E in questo modo finiscono per alimentare il nemico che combattono. Furono le atrocit di Sendero Luminoso che, in grande misura, aprirono la strada al presidente Fujimori, che, con un considerevole appoggio popolare, impose un regime di terrore e vendette il Per a prezzo di banana. Furono le atrocit degli Stati Uniti in Medio Oriente che, in grande misura, prepararono la guerra santa del terrorismo islamico. Anche se ora il leader della civilt sta esortando ad una nuova Crociata, Allah innocente dei crimini che vengono commessi in suo nome. Dio non ordin lolocausto nazista contro i fedeli di Jehova e non fu Jehova che ordin il massacro di Sabra e Shatila n mand a scacciare i
Fondazione Guido Piccini per i diritti delluomo onlus via Terzago 11 25080 Calvagese della Riviera (BS) Italy www.fondazionegpiccini.org

FONDAZIONE GUIDO PICCINI per i diritti delluomo onlus


Palestinesi dalla loro terra. Ma Jehova, Allah e Dio non sono forse altro che tre nomi di una stessa divinit? Una tragedia di equivoci. Il fumo delle esplosioni fa parte di una molto pi grande cortina di fumo che ci impedisce di vedere. Di vendetta in vendetta, i terrorismi ci obbligano a camminare alla cieca. Ho davanti a me una foto, pubblicata recentemente: su un muro di New York, una mano ha scritto: Occhio per occhio lascia il mondo cieco. La spirale di violenza genera violenza ed anche confusione: dolore, paura, intolleranza, odio, pazzia. A Porto Alegre, allinizio dellanno, lalgerino Ahmed Ben Bella mise in allerta: Questo sistema, che ha gi fatto impazzire le mucche, sta facendo impazzire la gente. E i pazzi, pazzi di odio, agiscono come il potere che li ha generati. Eduardo Galeano

Fondazione Guido Piccini per i diritti delluomo onlus via Terzago 11 25080 Calvagese della Riviera (BS) Italy www.fondazionegpiccini.org