Sei sulla pagina 1di 46

POETIK

Antonio Borrelli

Larte un velo, pi che uno specchio.


(Oscar Wilde)

PRESENTAZIONE

ANTONIO BORRELLI (1982) l'esempio vivente dell'artista veneziano dalla mentalit


dierente.Poliedrico per natura, si interessa di tutte le forme letterarie.
Nel 2008 consegue la Laurea Triennale in Scienze Storiche con indirizzo generale presso
l'Universit Ca' Foscari di Venezia, maturando un bagaglio culturale che spazia dalla Storia del
Vicino Oriente Antico fino alle recentissime vicende coeve. Nel periodo della triennale nasce la
passione perla Storia della Medicina.
Da quel momento inizia l'indagine verso le epidemie occorse nei vari cicli storici, giungendo cos al
culmine del proprio interesse con una Tesi presentata insieme al Prof. Sergio Zamperetti (Storia
degli antichi stati italiani). L'argomento trattato riguarda tutte le epidemie che hanno colpito la citt
di Venezia durante l'Et moderna.
Nel 2012 consegue la Laurea Magistrale in Storia dal Medioevo all'et contemporanea presso
l'Universit Ca' Foscari di Venezia. L'argomento trattato riguarda l'epidemia di Colera che ha
aitto la citt di Venezia nella seconda met del XIX sec. Una ricerca elaborata, dopo una vasta e
accurata selezione d'archivio.
Gli interessi di studio e di ricerca del dott. Borrelli toccano tre aree in particolare: a) la storia della
medicina in et moderna e contemporanea; b) la storia culturale nel quadro dei movimenti e/o
gruppi sociali, con attenzione verso tutti gli avvenimenti che hanno coinvolto uomini e leggi; c) i vari
tipi di dualismi e il problema dell'adattamento.
E' membro ordinario di Associazioni nazionali e internazionali; amico dell'Accademia G. Belli di
ROMA e collaboratore uciale della rivista "Donne Magazine" di MILANO, diretta dalla
scrittrice Antonella Pfeier.

LA GENESI DI POETIK
Ogni poesia nasce dalle emozioni vissute dallAutore, sentimenti riscoperti durante i suoi viaggi, le
sue particolari esperienze, i suoi dolori e le gioie ormai passate, le quali sembrano riflettere anche un
destino invisibile agli occhi umani.
La scoperta della propria spiritualit e una crociata contro lillusione del passato, del presente e del
futuro. La poetica dei versi un costante richiamo verso una dannata rincorsa alla ricerca di una
felicit lontana, una vecchia automobile abbandonata.
Lambizione il pane quotidiano dellillusione e il motore di ogni nostra azione umana, come una
schizofrenica ossessione, che moltiplica le delusioni rivolte vero lanima. Il desiderio del poeta
quello di poter lanciare un messaggio di speranza al suo lettore.

Official website
www.antonioborrelli.org








SEQUERE DEUM
(2008-2010)











3




Una notte di Luglio

Una notte afosa camuffata suona alla porta,
come un cotone bianco ardentemente sudato,
un brivido, un dolce risveglio
dopo un freddo letargo,
un problema che arriva senza soluzione
per cambiare ogni emozione.

Nessuno mi pu capire: guarda in basso
si pu osservare il sole,
una silenziosa poesia,
che inevitabile taglia loblio in due
e senza tregua osserva il mare
trasportare tutti quei granelli di sabbia,
ricchi di baci velenosi al sapore di ciliegia,
dove ogni paura viene liquidata nel tuo amaro riflesso.

Labirinto bollente,
due occhi sorridono da lontano
e dallalto la vita avvolge ogni gelosia,
ma scorre il dubbio in questo buio,
dura quel tuo sguardo invano,
per fondere immense bugie
e amabili menzogne nel tuo nome.






Sogno, coraggio, odio

Noioso risorge un sogno,
affabili parole,
dove il coraggio diventa regno.
Tamburi atlantidei illudono il mio pensiero,
vittoria inerme e confusa,
che paura da sentire!
Uccidendo ogni qualit pronta e concreta,
vigliacca verit,
ti odio viscida vipera gialla.
Sogno il tuo amore,
ma non ho il coraggio di riposare in questo cuore,
che tanto trasformava il cambiamento in un fuoco
senza intelligenza oscenamente gode,
quanto piacere silenzioso.










5


Ho pagato ogni divieto

Siamo in volo, in viaggio con il destino
e lasciamoci il passato alle spalle,
troppo scossi da una vita cos strana,
dolcemente amara di sentenze,
ma comunque ricca di sorprese.

Voglia di ricordare, di cambiare pelle
e scappare da giorni di buio passati in questi mesi,
dove ogni tragedia, ogni emozione, ogni sorriso
accompagnato da una chitarra illude teneramente.

Freddo nel mio cuore,
mentre combatto per il sole,
per vivere lessenza di ipocrisie senza fine,
ma solo la vita stessa regna in pace
e nessun posto pu essere sicuro.

Bruciare ogni mio desiderio,
uccidere ogni fiducia persa
e smarrirsi in una libert nuova,
dove una promessa di dolore,
come un infelice terremoto,
scuote il mio spirito senza una vera direzione.

Non esistono gioie infinite,
anche se vivo aspettando un cambiamento
e insegno a me stesso che al mio arrivo non trover amore,
ma solo una triste libert,
che inganna ogni mia certezza,
per purificare la mia anima e il mio cuore.



6



Una sera, uno schiaffo

Luce di vita,
cupo sorriso,
ancora non comprendo quel segnale divino,
ma ogni uomo lotta per la propria esistenza,
come un ballo paradisiaco,
dove volentieri offre solamente spirito allabisso.

Grigio, giallo, blu
e acqua sofferente intorno a me,
per soddisfare un cuore dormiente,
non ancora sazio di ogni frammento dumanit,
anche se ho perso la chiave,
la risposta non arriva mai,
rimane il dubbio ossessivo,
laria viziata della lotta
e una luce orgogliosa attira la mia solitudine.

Il ricordo inganna ogni fine,
immorale, furba, astuta forza del sole,
che contro il suo sguardo santo e peccatore,
rende amaro levidente idillio
e costringe il mio orologio in una folle corsa,
dove la tua compagnia una vendetta insana.







Diciannove lacrime innocenti

Le onde si muovevano,
per danzare in mezzo a luci nere
e fiamme straniere,
dove la paura e il delirio vagante,
rapivano sorrisi in un istante,
ma il silenzio attendeva pur sempre una fradicia schiava.

Camminavo sereno verso la mia sorte,
senza pensare a mio padre,
quella voglia di Estate selvaggia,
lasciando alle spalle linverno bruciato sullavena,
ma un maestoso fumo di lutto,
straripava fugando il Sole
e lasciava posto alla prima lacrima della Luna.

Ormai tardi,
inutile pregare,
otto lacrime innocenti,
otto lacrime soffocanti,
un pianto amaro per peccatori, una lacrima per i santi,
lasciando in bocca purezza, confusa disperazione,
dove appena intravedo un fiore nascosto,
con diciannove petali damore
e una lacrima eterna per te, amico mio, Diego.







8

Anima 32

Innocenza persa nei germi del Fascismo,
nata da un sonnolente sospiro,
Nonna Francesca,
opaca tristezza,
fanciulla nel sorriso,
troppo donna nello sguardo,
che ha sempre negato ogni fatalismo.

Lente gioie ipocrite,
circondata da mielose amiche invidiose,
come tutte le maree della laguna,
cos sei vissuta,
innocente e testarda,
uno spirito candido agli occhi del Mondo.

Carte, gatti e limoni,
che ancora invadono il mio cuore desolato
e poi allegramente illudono questo ricordo,
come ogni calda emozione,
piena di sudate lacrime di fatica.

Insipide parole,
che hanno trasformato il tuo corpo,
cos vecchio e stanco,
negando ogni tuo desiderio,
ancora grazie per tutto il tuo calore,
sei stata anima soffocata da troppo amore.








Kiev

Ladra di sorrisi,
che amava stuzzicare ogni emozione
e disperdeva mille baci sfuggenti,
senza ossigeno nel cuore,
mi toccava allontanare tutte le gioie passate,
in un buio senza fine.

Quanto scherzavo allegramente,
troppo stupido pu diventare un pensiero innocente,
che avido nascondeva una banale felicit
mentre i tuoi occhi ingannavano ogni odore.

Il tuo bacio,
o mia amante di ghiaccio,
una musica gi finita,
ultima notte e prima illusione,
come un dannato urlo nella mia mente,
tutti desiderano sempre qualcosa,
tutti in fondo hanno paura,
ma non il tuo sguardo.







10

Giovani morti

Non sono ancora pieni i cimiteri,
sepolcri vuoti dossa senza speranza,
il loro cervello immerso in un tunnel,
nero, nero, nero,
dove amaramente fuori li osserviamo,
magari ascoltando la loro pelle,
che cadendo abbandona ogni valore.

Non hanno mai vissuto veramente,
ma solo preoccupati da un misero divertimento,
che rumorosamente allontana ogni pura emozione,
ogni sentimento damore,
con una pallida tristezza,
e molte volte vedevo la loro anima prima di morire.

In piedi, dinanzi a me,
lImpero della bestemmia dominava il Mondo
e feretri senza credo,
lentamente danzavano nel mare dei morti,
che trasportava il suono del peccato,
in ogni timida corrente.

Io mi salvo appena,
senza abito, anima di pietra,
sempre pi perso in questo dannato colore,
banale viola lussuria senza paura,
dove giovani morti si incontrano,
prima di morire in un futuro illuso,
per partire verso un cielo senza stelle,
cercando un giorno che non finir mai.



11



Semplicemente la vita

Se ogni battaglia mi logora,
se tutta la fatica mi rattrista,
sopporterei il tutto con un sorriso
e penserei a quanto la vita sia bella.

Perch il giorno regala amarezze
e la notte dolci tenerezze
e le ore trascinano tristezze
e i minuti scuotono emozioni perfette
e i secondi annullano le certezze.

Ogni tramonto insegue sempre una nuova alba,
ogni momento non mai uguale,
ogni dolore vive del suo male,
e cos mi perdo in questo cielo
e illuso mi fido ciecamente
e deluso piango per colpa della gente.

Vorrei illuminare ogni cuore,
vorrei donare a tutti il sole,
ma dove abito si nega lamore,
come un granello di sabbia vicino al mare,
non dimenticare i miei occhi,
breve riflesso in un istante
e opaca risata infinita.





12



Cercando Ges

Passavano gli anni,
come il vento dEstate,
molti sguardi macchiavano le mie emozioni,
in maniera oscena lottavo, in una via diversa,
per un vantaggio immorale
e desolato mi perdevo nel mio essere.

Cercando Ges,
ho smarrito la mia direzione,
ho sfiorato la follia,
ho perso la speranza,
per ritrovarla in una stanza,
mi sono ritrovato solo e triste,
cambiando ogni cosa,
dove ogni peccato illuminava il mio cielo,
per disperdere tutta la verit in una breve gioia.

Cercando Ges,
mi sono sbagliato
e ho fallito, poi sono caduto,
per ricominciare di nuovo,
per cambiare la mia vita,
lottando per la verit
e quel puro amore.

Cercando Ges,
ho ascoltato il mio angelo,
che ora mi sorride,
mentre tu, mio dolce amore,
come un dono dal cielo,
mi regali immensa gioia.


13

Sogni e ricordi

Dimenticando il passato,
vivi il presente,
spirito umano,
anima bambina,
che ingenuamente incontra una giovinezza terrena,
senza tregua fuggi via,
dove i nostri sogni alimentano dolci speranze
e la forza, il tempo, lo spazio illudono ancora.

Abbandona la tua fede,
cadendo in un abisso,
per una vita agiata,
una malattia e un lamento,
qualcuno purificher ogni accusa,
mai giungerai alle nozze doro.

Scivola nella mano ogni affare vantaggioso,
come una buona notizia,
beffarda novella, infida amica,
per una gioia damore,
il tuo sguardo riempie faccende oscure,
che si chiariranno, ne sono certo.

Una sorpresa appollaiata in una gabbia,
un matrimonio ricco,
attraversa una grezza speranza svanita,
occorre prudenza, fierezza e agiatezza,
anche in tempi duri,
dove onori forgiano salate vittorie.




14



Illuso

Pensavo a te,
ai nostri discorsi,
a quanto tempo abbiamo trascorso insieme,
senza un vero motivo,
per affondare nella nostra solitudine.

Eri tu,
Principessa della Siberia,
fanciulla di Tyumen,
che mi sorridevi,
e la tua opinione trionfava,
dove la mia rabbia svelava segreti dargento,
rivestita di gioia,
truffata da buoni consigli,
smarrendosi in una torbida San Pietroburgo.

Ti aspettavo nel mio cuore,
perdendo ogni vano riferimento,
come in un bivio,
bianca bellezza,
che hai guastato il mio tempo,
e ogni briciola damore.

Una calamita attraeva le nostre anime,
due universi troppo diversi,
il tuo sorriso come una barriera corallina,
dove ogni onda si infrangeva senza speranza,
ma sono caduto da unaltitudine, piombando in un fosso,
cadavere fedele e calunniato,
prima usato,
poi illuso.

15




Tranquillit danimo

Una musica lontana,
una camminata assolata,
vita piacevole,
amari sorrisi,
illusioni funeste,
come una fortuna inaspettata,
addio amici fedeli,
dove arrivano altissimi onori tutto si perde,
abbandonando congiure e falsit.

Anima forte per vivere ogni avversit,
acquistando gratitudine a lenti passi,
per una rapida ricchezza,
addio angosce mortali,
ora devo costruire belle felicit.

Una croce dorata,
caduta sulla strada,
dorme tranquillamente ai miei piedi,
inghirlandata di fiori
e dietro di me,
solo una rabbia perduta.







16




La luna sparita

Immensi tramonti,
noiose serate,
e il vento illumina tristi edifici,
orfani di ogni felicit,
una distruttiva pace domina nuvole nere.

Vendetta, vendetta,
grida il mare infranto,
per tutto il dolore insopportabile,
che avvelena il cuor,
la commedia finita.

Farfalle gialle si perdono,
confuse nel buio infinito,
una paura senza fine,
assenza di calore,
tutto nasce, tutto muore.

La luna sparita,
e anche tu adesso mi abbandoni,
mentre ogni ricordo distrugge il mio spirito,
povero di te,
vuoto di me.






17






Declassami

Nel mio pugno solo sudore,
nel mio sguardo lonest,
nel mio sorriso la verit,
nel mio agire la purezza,
nel mio cuore solo amore.

Oh, mediocre di strette vedute,
artista sorpassato dalla forma e dal colore,
confessa il tuo materialismo,
mentre scandalizzato mi declassi
e mi escludi.

Non ha nessun fascino la tua dolce verit,
non ha proprio niente da dire,
i tuoi pensieri non minteressano,
le tue risposte e il tuo ideale non mi piacciono,
come una detestabile pena da ricordare
e un vile dono da dimenticare.







18




Regole scartate

Scadenti e pittoreschi appaiono in vili forme,
totalmente immorali,
oscuri maestri di una effervescente ignoranza,
mai cos semplici,
impotenti bocche plagiate dalla cultura moderna,
dove i buoni finiscono male,
mentre cattivi vivono romanzi a lieto fine,
grazie a rigide regole scartate,
criticate da false opinioni,
che dividono il mondo.

Non ho bisogno di una noia ignorante,
godendo infiniti intrallazzi,
per abolire insopportabili seccature,
chi paga non sono io,
ma il piacere tutto vostro.

Schiavi di un divertimento sacrificale,
dove il lusso compra tragedie
e tu,
senza una minima importanza,
uccidi poveri fratelli,
violentando virt e valori della vita.




19





Il male di una buona societ

Indossando una maschera scarlatta,
segue una menzognera realt piacevole,
che purifica ogni errore,
per vivere uninfinita e insana commedia,
dove lamore diviene valor fatale.

Cos prudente nel pensare,
sempre male,
quando scopre una persona buona,
ovviamente ride,
brutalmente la rende sciocca
e tristemente la sconfigge.

Societ volgare,
che assorbe ogni colore della vita,
disilludendo persone sensibili,
per esaurire la loro vita,
come bugiardi senza etica,
che non danno un nome ai propri errori
e vendono la loro sconfitta al mondo intero.





20


U n semplice taglio

Dopo quella rotonda,
un fiore piange il tuo nome,
dimenticando quei momenti,
dove avevo una persona al mio fianco,
sconosciuta in ogni forma,
che illudeva il mio perenne desiderio.

Ora,
da solo,
in mezzo a volti mai visti,
un semplice taglio,
per dimenticare tutto il passato,
mentre luccica una rara gioia.









21




Tutte le strade

I sensi conducono verso segrete tentazioni,
indossando un mondo superficiale,
che riveste linsulto pi sincero,
con morbosa verit,
ricca ignoranza,
dove la finzione consuma memoria.

Affascinante rabbia,
ingiustizia senza volto,
che nulla obblighi nel tuo interesse,
ma tutto rendi in schiavit!

Oh degradante despota,
una dannata utopia,
vuole cessare in tutte le strade,
che portano a te,
sognando un paese migliore,
con la speranza bastonata
e smascherata da una delusa Umanit.






22


Lupi abbandonati

La mia vita un mare schiumoso,
le nuvole affondano nella mia testa.
Mi ritrovo solo,
in un appartamento vecchio,
sotto lo stesso tetto, amore,
annuso laria che preannuncia odio.

Lupi abbandonati,
sconsolati da una vita rozza,
come bestie da soma,
bussano alla mia porta
e le stelle sfiorano pesanti dubbi.

Chi vi ha mandato bestie penose?
Sempre Lui,
luomo del male,
colui che inventa fertili menzogne,
ma n la gente n tu lo sapete.

vero, il cuore crea,
luomo distrugge,
nel sacro nome dellinvidia,
al ritmo della pancia,
ma basta un soldo per uccidere innocenti
e vendere immobili anime afflitte.

Inutili chiacchiere,
velenose come serpi,
stringono mani assassine,
magnifiche e sporche,
dove fame, morte, successo,
nascondono laggi un rispetto insanguinato.


23


Lintolleranza

Caratteristica senza forma,
essenza negativa,
sentimento estremo,
vecchio problema globale,
da risolvere,
da sempre.

Stupida economia,
affronti lo straniero,
negando il rispetto,
sviando le religioni,
cercando un pretesto,
per investire in nuove guerre,
assai feconde per scomoda gente.

Ti ripugno! Mi fai schifo! Non ti sopporto!
Fragili menti logorano amabili pensieri,
immersi in un mondo cibernetico,
dove i sentimenti non si possono condividere,
manca un reale contatto, si perde il dialogo,
non esiste lincontro, imperversa lodio nero.

Integrazione,
solenne bestemmia,
si ripetono a memoria tante falsit,
eludendo ogni ragionamento,
troppo costoso,
perch bisogna annullare questa fratellanza,
troppo pericolosa,
evitando una minacciosa pace,
una rivelata serenit,
un Dio ormai dimenticato.


24



Fragile paura

Arrivano puntuali,
schiacciando sorrisi,
troppo deboli,
un brivido da lontano mi prende,
il cuore,
la mia anima,
il mio ricordo,
tutto si spegne in un istante.

Paura,
Paura,
cos fragile,
dolce e immatura,
accompagnata da molteplici dubbi,
immersa in una riconoscenza perduta,
come un frutto amaro,
che scivola tra le mie labbra,
soavemente in una notte dAgosto,
sonnambula e terrificante.

Non vedo problemi,
solo semplici seccature,
dietro quellalbero,
il mio sguardo,
fiero, abbandonato e preoccupato.





25


Unico punto

Aria molto arida,
vento egoista,
prima o poi,
parlerai del mio passato,
tenendo banco in un salotto sconosciuto.

Gli occhi,
stanchi e sicuri,
come se non fossero mai certi,
amano le tue mani,
il tuo odore primaverile,
la tua angoscia estiva,
il tuo sorriso autunnale,
linverno del tuo cuore.

Esattamente da quel punto,
ogni mia voglia scompare,
celando un segreto non ancora scoperto,
mentre osservo quel miserabile,
non posso fare a meno di pensare,
al suo nome,
al suo fasto,
al suo compito,
come una vera tragedia,
che tentiamo di risolvere,
ma nulla sfugge
e vinci sempre tu, immortale Destino.





26

Un pomeriggio noioso

Voci nella strada infastidiscono,
mentre il caldo opprime il mio respiro,
ammorbato dalla noia totale.

Ogni mia sensazione si dilegua veloce,
perdendo quel dolce ricordo,
frutti di mare, frutti di bosco,
lieti eventi,
come balene nuotano in acque marine,
profonde, blu, intense,
dove tutte i miei fastidi finiscono,
laggi in quellabisso sereno,
ora abita il mio cuore,
che soffre,
che ti pensa,
che ti cerca,
e ti aspetta.

Emozioni neonate,
tenere ed ingenue,
candide e soffici,
avvolgono ogni torpore,
gettando luce nellanima,
in un raggio di sole,
fino al tuo ritorno,
il nostro bacio,
in un pomeriggio noioso.






27




Schiava del Diavolo

Confondi con le tue parole,
oscure e limpide,
piene di una falsa verit,
cos ignobile,
cos triste,
che promette un futuro impossibile.

Quanto mi deludi,
vecchia schiava del Diavolo,
segnata dalla tua cattiveria,
in nome del denaro e della fama,
ma niente di te,
niente di te,
rimarr.

Eterno il tuo male,
peser in quel dolore,
che hai regalato,
affliggendo numerosi poveri innocenti.

Non sar la tua vittima,
non festeggerai la tua bramata vittoria,
promessa e sospirata,
diabolicamente invocata,
rinnego quella tua sibillina bugia velata,
lasciando spazio alla mia fede inviolata.



28




Luna calante

Tramonta il giorno,
mentre il mare soffia,
tutti i nostri dolci ricordi,
quel bacio innocente
e il tuo abbraccio,
come tormentano questo cuore.

Amore dove sei in questo momento?
Ti ho perso,
mentre mi seguivi,
in una corsa ostacolata dal tempo,
per raggiungere un paradiso inesistente.

Ora mi accorgo,
ogni errore evidente,
come un deserto senza sabbia,
e cos affonda la mia anima,
ma lass sorride,
indifferente ai miei dolori,
una luna calante,
che domina questo freddo cielo incantevole,
mentre avanza una spietata notte turchese.









29


Calle dei Colori

Cos stretta giace questa malinconia,
che ricorda una gioia spenta,
ormai troppo lontana,
ma viva nel mio cuore.

Il freddo,
lacqua alta,
che imperversava,
nei momenti difficili,
alternando una calda primavera,
dove lamore illudeva ogni emozione.

Proprio laggi,
dopo una silenziosa infanzia,
consumavo ogni mia passione,
per te,
in un divano impolverato,
durante una giornata assolata,
con un bacio inaspettato.

Quanto mi manca adesso,
quella casetta in calle dei colori,
come un miraggio abbandonato,
una Venezia senza volto,
dove ogni desiderio risvegliato,
in quel luogo cos strano,
purtroppo non ho ancora dimenticato.



30

Orgoglio veneziano

Illustri secoli ormai spenti,
risplendono in questa laguna,
che circonda Venezia
e la sua Serenissima storia.

Dal bacino di San Marco,
dolce e suggestivo cantiere umano,
si leva forte lorgoglio veneziano,
ricco di avventure e fortune,
in lungo e in largo,
attraverso sconosciute rotte,
dove il mare tradisce ogni sguardo.

Oh vecchio Doge,
che celebravi dal Bucintoro,
con tanto ardore la bella Festa della Sensa,
maestosa tradizione e audace evento,
quanto bella la regina del commercio,
antica alleata di Costantinopoli,
che ha regalato sacri eroi,
nel sangue, nella battaglia, nella speranza,
in quei giorni a Lepanto.

Ora riposa mia cara Venezia,
nel tuo sonno immortale,
mentre in silenzio,
osservo da lontano,
in questo parco mestrino,
il tuo adorabile riflesso.



31


Aria del mattino

Non desidero sentire risposte,
mentre la mia vista si appanna,
mentre ogni domanda si replica,
in un batter docchio,
profumo incantevole di vita serena.

Una verit innegabile mi circonda,
appassita sostanza dellintero universo,
lenta e magnifica forma creativa,
come una luminosa galassia,
dove questa mattina,
laria mi ossessiona,
mettendo insieme piccoli mondi illusi.

Troppo soffice quel degradante conformismo,
che colpisce la nostra vera essenza zuccherata,
distruggendo ogni aspetto della nostra felicit,
per negare qualsiasi interesse basilare
e scatenare dannose passioni.









32






Questo dolore passer

Costruendo barriere difensive,
cos ho smarrito intime convinzioni,
i miei pi profondi sentimenti,
confusi dallapparenza esteriore,
errore tipico della nostra specie.

Velocemente rimuovo vecchi filtri,
con estrema attenzione,
e osservo ci che mi circonda,
rischiando di bruciare occhi distorti,
fino a ricercare quel posto segreto.

Amore dalle fragili forme,
come passer questo straordinario dolore,
un cuore spezzata dal calore,
lacerando la mia anima straziata,
che sola si riposa sullorlo di un abisso.








33




Il fabbricante di menzogne

Vive in un buio senza fine,
ripudiato dal destino,
in una dimensione pericolosa,
dove la verit non si pu ascoltare.

Solo adesso,
mentre mi infilo su quel binario,
mi accorgo quasi per caso,
che una voce lieve, uno spirito,
improvvisamente mi colpisce in piena faccia,
e senza perdere un secondo prezioso,
spicco un folle salto nel buio,
dove lentusiasmo insegue tutti i miei sogni.

Non puoi evitarlo,
sordo ciarlatano,
immensa bugia infinita,
dannato fabbricante di menzogne,
che tutto rende infelice,
per gridare a squarciagola,
per due soldi,
quella tua gioia contagiata dal male.




34




Lultimo inizio

Quando finisci di sperare,
e spingi unaltra persona a fare altrettanto,
e poi sbagli,
fino alla tua lacrima pi intensa,
con un terribile stimolo di cambiamento,
capirai che errando su tutti i fronti,
riderai di questa stupefacente avventura.

Come una pietra di luna,
dolcemente ti sorrido,
ti proteggo,
ti delizio,
sopportando ogni lacrima,
semplice custode della tua anima,
piccolo angelo della tua esistenza.

Usa il cuore,
ascolta la testa,
assapora ogni piacere,
ma non dimenticare,
che la vita un viaggio unico,
incredibile inizio,
forse lultimo.




35





APOCALISSE QUOTIDIANA
(2010-2011)
















36







PIOGGIA NERA


Nuvole spente,
sorrisi soffocati,
amare amicizie,
vaghe e tristi,
che hanno ingannato,
ogni mio pensiero,
ogni mio sentimento,
ogni mia emozione,
come un demone, maligno e malvagio.

Quotidianit irreale,
dove la legge una verit materiale,
ricca di immorali trasgressori,
che mangiano il pane dei poveri.
In questa meschina e sventurata miseria,
sosto e indugio,
inutile versare penose lacrime funeste,
perch vince lostile sabotatore,
che divora il tuo corpo, la tua anima e il tuo cuore.

Troppo lontani tutti quei ricordi invecchiati,
che desiderano ancora un riflesso perduto,
una parola negata e una gioia scomparsa,
proprio in quel momento,
spiove la pioggia nera .



37







Assurdo silenzio

Confuse paure,
che danzano nella mia mente,
spente in un viaggio,
un ruvido riflesso pallido,
dove il tuo respiro,
lento e assonnato,
il mio confine.

Bastardo vuoto,
blasfemo di aria,
dal sapore grigio,
come i loro occhi,
che mi fissavano,
prima del nostro incontro
ma ora silenzio.

Illuminato da tenere menzogne,
che piovono velocemente,
distrattamente affondo,
senza lamore,
perdendo il rispetto,
assurdo.







38








Apocalisse


Luci nere,
fiamme straniere,
paura e delirio vagante,
ma quanti avvisi persi in un istante.
Camminare sereno verso il mio destino
e senza pensare al dolce futuro,
ma quanto si pu percepire duro il mattino.

O lo so, ormai tardi,
inutile pregare,
nulla pi sicuro
e niente permane duraturo.
Rosso il cielo, affondato nel blu marino
che illumina questo giorno dicembrino:
solo sorrisi taglienti persi per sempre.
Lacrime innocenti,
Lacrime soffocanti,
Tanti peccatori
e pochi santi.

Un pianto amaro avvolge questo Sole,
allegra disperazione dominatrice,
ma per nulla salvatrice,
silenzio, amore, sangue nelle isole:
ritorner il rispetto
e disseter quel fior di Loto.


39








Menzogna bianca

Simpatia,cambiamento, emozione,
che scorre lentamente nel tuo silenzio,
ricco di quella ipocrisia,
il mio istinto non sbaglia
e nega la tua nera borghesia.

Quanto soffro della tua menzogna,
cos pura,
troppo bianca
e candida per natura.
Dolore,
mio vecchio,
non abbandonare questo ammuffito amore,
cerca di trascurare il sorriso,
fariseo, filisteo e bugiardo:
grigio e infido dissimulatore.

Quel bacio velenoso,
osceno quanto basta
nato solo per farmi soffrire,
ostile, malvagio e rabbioso,
come allegro lutto condito dal vento estivo,
innocuo e letale,
che ogni voglia di lei mi fa dimenticare,
come quel biancastro latteo contaminato,
sebbene ti ringrazio di questo male.

40


Fratelli smarriti
Il mio sguardo,
una vecchia strategia,
amara provocazione,
che si trasforma ancora,
effervescente,
in una parola.

Quel sorriso malizioso,
dove il potere non esiste,
vuole solo me,
desidera solo il mio sorriso,
catturando tutta la mia anima.

Non capisco,
rido e soffro,
osservo i tuoi occhi,
cupa fratellanza,
che avvolge il nostro tempo,
ma non mi faccio intimorire.

Ogni impianto sconnesso,
evito le tue logiche,
perdo il tuo odore,
una sconosciuta forza,
che ferma il tuo sguardo,
ingannato da una fotografia,
vattene immondo!


41

Pensiero intuitivo
Non razionalizzare,
ogni cosa,
ogni forma,
ogni traccia,
ogni emozione,
ogni attimo,
non perdere il tuo cuore.

Smetti per un secondo,
elimina il tuo pensiero,
scegli la risposta giusta,
naviga nel mio Mare,
per intuire,
per sentire,
per percepire,
lAlbero della Vita qui.













42

Una notte tormentosa


Ottobre,
troppo falso,
ricco di menzogne,
schietto e fluido in ogni pensiero,
inutile e sterile il tuo respiro,
affannoso.

Due carezze mancate,
cento gioie negate,
quattro sorrisi regalati,
per una breve illusione,
forse non sei cambiata,
ancora.

Piedi freddi,
incubi e spettri,
il nostro passato,
troppi dolori e poche certezze,
amore, desiderio, passione,
disprezzo, odio, indifferenza,
ma ora non conta,
Io vivo.









43

La Terza Guerra Mondiale



Preghiere, penitenze e digiuni svaniranno,
come un sole rosso,
che pianger per la fame dei Figli,
e una falsa pace intrappoler il mondo,
mentre lastuto servo di Satana,
senza allarmarvi,
riuscir a compiere la catastrofe perfetta.

Atroce luna spenta,
dinanzi al cuore di ogni creatura danzer,
baciando il peccato, il sangue e la vendetta,
dove terribili flagelli accompagneranno il silenzio,
anime morte, spenti viventi,
accartocciati da un destino perverso.

Fuoco mai visto scender sulla terra,
la collera divina scatener piaghe,
che si placheranno in un mare di cenere,
e molte nazioni scompariranno,
a causa del loro egoismo,
perch armi micidiali stermineranno uomini innocenti,
e poi nessuna lacrima coprir quel lutto.

Perdonami figlio mio, mio amatissimo futuro,
se nascerai nel deserto e nella tragedia,
in mezzo ad empi polverizzati,
come lostinatezza dei loro peccati,
fino a quando tutti i loro errori spariranno
e tutte le anime giuste si salveranno,
fino a quando la paura e la fede,
lasceranno spazio al globale sacrificio.


44

Rinasceremo

Non piangere,
dolce angelo,
il tuo sorriso spezzato,
la tua giovinezza persa,
quel tuo cuore schiacciato,
da un fango,
vento di crudelt,
inossidabile,
omicida.

Sei tu,
un raggio di Sole,
freddo e intenso,
come la mano assassina,
che ha negato la vita,
per odio,
per gelosia,
per amore,
per follia,
inutile.

Rinasceremo,
dolce ragazza,
dagli occhi cielo dOttobre,
e danzeremo insieme,
fino allultima nota,
smarrendo ogni paura,
nel respiro di Dio,
cos profondo,
tanto amorevole,
veramente sereno,
per sempre.
45