Sei sulla pagina 1di 5

STATUTO

DELL’ASSOCIAZIONE
CULTURALE E TEATRALE
PROGETTO IDRA

Art.1) E’ costituita l’Associazione culturale e teatrale denominata


“ PROGETTO IDRA”.

Art. 2) L’associazione ha sede in Massa e Cozzile Via I° Maggio n. 45. E’ iscritta alla U.I.L.T.
Toscana Unione Italiana Libero Teatro con segreteria regionale c/o G.A.D. PISTOIA Via San
Pietro, 2 a Pistoia.

Art. 3) La durata dell’associazione è fissata a tempo indeterminato. Lo scioglimento


dell’associazione, oltre che per delibera dell’assemblea, è previsto quando lo scopo
dell’associazione diviene impossibile o quando tutti i soci vengono a mancare. In caso di
scioglimento dell’associazione, l’assemblea che la pronuncia nominerà i liquidatori, ne
determinerà i poteri e fisserà le regole per la devoluzione del patrimonio residuo pagati i
creditori.

Art.. 4) L’associazione culturale e teatrale non ha fini di lucro, né religiosi e politici. Gli scopi
dell’associazione sono:

- promuovere l’attività teatrale nella Valdinievole; risvegliare l’attività artistica in tutte le


forme espressive; incentivare la comunicazione; offrire l’opportunità di riscoprire e sfruttare
la creatività individuale; sollecitare il confronto e lo scambio culturale; creare luoghi e forme
di aggregazione in cui la relazione interpersonale possa svilupparsi attraverso nuovi canali in
una visione olistica degli esseri umani, tutto questo attraverso l’organizzazione di corsi di
formazione, stages e eventi nell’ambito del teatro, musica, canto, danza, percussioni, pittura,
disegno, fotografia, scultura, costruzione maschere, cinema, televisione, moda, scenografia,
illuminotecnica, regia, trucco, dizione, sartoria, costumistica, shiatsu, yoga, rei-ki,
riflessologia, naturopatia, cristalloterapia e cromoterapia. Presentazione di libri, poesie, testi
teatrali e organizzazione di eventi di turismo culturale e di mostre di
dipinti,libri,disegni, sculture e fotografie.

- La formazione di un laboratorio teatrale attraverso il quale si potranno sperimentare nuove


forme di comunicazione e dar libero sfogo alla voglia di esprimersi. La valorizzazione del
territorio attraverso l’istituzione di una vera e propria scuola di teatro strutturata, con più
materie di studio e l’ausilio di docenti professionalmente qualificati rilasciando il relativo
attestato di frequenza.. La realizzazione di iniziative editoriali, in stampa, video o altro, di
studio ed approfondimento riguardanti la cultura in generale e specificatamente l’attività
teatrale.

- Per il raggiungimento del proprio scopo statutario l’associazione può avvalersi dei supporti
di professionisti, enti e organismi specializzati, società , anche mediante appositi accordi e
convenzioni.
- Dedicare all’infanzia e alla preadolescenza tutta una serie di attività ludico espressive e
artistico/laboratoriali .

- Sviluppare e promuovere lo sviluppo e la promozione dei saperi artistici, mettendo a


disposizione spazi e risorse sia tecniche che professionali che migliorino i processi
comunicativi e interrelazionali all’interno dell’ambiente scolastico, nelle carceri, ospedali,
centri sociali, case di cura e per anziani.

- Produrre saggi, spettacoli, eventi, occasioni e performances varie che favoriscono una
cultura per il territorio, rinnovandone il vigore anche attraverso forme di espressione nuove.
Organizzare convegni, seminari, concorsi a carattere locale, regionale, nazionale e
internazionale e conferenze di interesse socio-culturale e medico-scientifico. Inoltre ,
l’associazione, potrà effettuare, a favore dei propri associati, la somministrazione di bevande e
piccoli snacks, di gadgets e abbigliamento a scopo pubblicitario.

Tutte le attività verranno svolte presso la sede dell’associazione o altre sedi ritenute idonee e
sono rivolte esclusivamente ai propri soci e a quelli di associazioni collegate.

Art. 5) Le entrate dell’associazione sono costituite:

1- dalle quote di iscrizione e dai contributi annuali degli associati;


2- dai contributi volontari;
3- da elargizioni che dovessero pervenire da terzi,
4- da contributi erogati da Enti pubblici, privati, Istituzioni e Organizzazioni varie.
5- ogni provento derivante dalle attività svolte

Art. 6) L’esercizio sociale comincia il 1 Ottobre e termina il 30 Settembre di ogni anno. Alla
fine di ogni esercizio verranno predisposti dal
Consiglio Direttivo i bilanci preventivi e consuntivi che verranno affissi nella sede
dell’associazione. Il risultato della gestione dovrà essere impiegato per il ripianamento di
eventuali perdite precedenti, per il potenziamento delle attività dell’associazione e per
l’acquisto di attrezzature e altri beni strumentali necessari per il raggiungimento degli scopi
sociali. All’associazione è vietata la distribuzione anche in modo indiretto di utili o avanzi di
gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo la
destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art.7) L’associazione culturale PROGETTO IDRA si compone delle seguenti categorie di soci:

SOCI FONDATORI e cioè coloro che con la loro opera hanno contribuito al sorgere
dell’associazione ed hanno partecipato alla costituzione della medesima.
SOCI ORDINARI e cioè coloro che, fattane richiesta, saranno ammessi dal Consiglio direttivo
in quanto condividono gli scopi dell’associazione e vengono ritenuti idonei al loro
perseguimento. La distinzione di cui sopra non comporta, peraltro, alcuna differenziazione
fra i soci medesimi per quanto attiene allo status ed ai diritti dei soci di partecipazione
democratica alla vita e all’attività dell’associazione. La partecipazione all’associazione da
parte di ciascun socio è a tempo indeterminato, salvo il diritto di recesso o la facoltà per
l’associazione di escludere il socio, secondo quanto stabilito dal successivo art.10. Il diritto di
recesso potrà essere esercitato entro il 30 settembre di ogni anno. Qualora venga esercitato
successivamente a tale data, avrà effetto per l’anno successivo, con obbligo per il socio di
versare la quota associativa per l’anno in corso.
Art:8) Il numero dei soci è illimitato; potranno essere ammessi all’associazione Progetto Idra
tutti coloro che, senza distinzione di razza, sesso, nazionalità o religione, faranno domanda e
dichiarino incondizionatamente e sotto la loro personale e completa responsabilità : a loro
accettazione delle norme del presente statuto e dei regolamenti che saranno approvati
dall’assemblea; L’ammissione dei soci ordinari è devoluta all’approvazione del Consiglio
Direttivo ed è subordinata al versamento, all’atto dell’ammissione, della quota associativa
nella misura che, annualmente verrà stabilita dal Consiglio. La domanda di ammissione potrà
anche essere approvata provvisoriamente dal Presidente, dal vice Presidente o da un
Consigliere, che consegnerà al richiedente la tessera di socio recante il numero relativo alla
posizione del socio. In caso di parere sfavorevole da parte del Consiglio direttivo dovrà essere
comunicato all’associato , entro 30 giorni, il rifiuto della sua domanda di ammissione.

Art:9) I soci in quanto tali, sono tenuti:

- al pagamento della quota annuale, il cui importo sarà stabilito dal Consiglio Direttivo;

- all’osservanza dello Statuto, degli eventuali regolamenti interni e delle deliberazioni prese
dagli organi sociali.

Art.10) Il Consiglio direttivo ha facoltà di escludere il socio:

1- che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, ai regolamenti interni o alle
deliberazioni prese dagli Organi Sociali;

2- che si renda moroso nel pagamento della tessera e delle quote sociali senza un giustificato
motivo;

3- in seguito a condotta in contrasto con i fini che si prefigge l’associazione.

Art.11) Sono organi dell’associazione:

- L’ASSEMBLEA
- IL CONSIGLIO DIRETTIVO
- IL PRESIDENTE
- IL VICE PRESIDENTE
- IL SEGRETARIO

Art.12) L’assemblea è costituita da tutti i soci e può essere ordinaria o straordinaria. La


convocazione delle assemblee dovrà essere fatta mediante comunicazione scritta, contenente il
luogo, la data e l’ordine del giorno, mediante affissione dell’avviso nella sede dell’associazione
e contestuale comunicazione agli associati a mezzo posta, fax , telegramma o consegnata a
mano, almeno otto giorni prima di quello fissato per l’adunanza. Vi sarà la possibilità di
convocare l’assemblea in prima e seconda convocazione nello stesso giorno in orari diversi. In
difetto di convocazione l’assemblea è validamente costituita quando siano presenti tutti i soci e
intervenga l’Organo amministrativo.

Art.13) Le assemblee sia ordinarie che straordinarie saranno validamente costituite in prima
convocazione, quando siano presenti o rappresentati la metà più uno dei soci e in seconda
convocazione, qualunque sia il numero dei soci presenti o rappresentati. Ogni socio in regola
con il pagamento della quota associativa ha diritto ad un voto e potrà validamente
rappresentare fino a due soci, se munito di delega scritta.L’assemblea è presieduta dal
Presidente del Consiglio direttivo, in sua assenza, dal vice Presidente. Il Presidente nomina il
segretario, verifica la regolarità della costituzione dell’assemblea, la validità delle deleghe e in
genere il diritto di intervento all’assemblea. Delle assemblee si redige verbale che dovrà essere
sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.

Art.14) L’assemblea regolarmente costituita rappresenta l’universalità dei soci e le sue


deliberazioni obbligano tutti i soci. Estratto della delibera verrà affisso nell’apposito spazio
nella sede sociale e rimarrà almeno 15 giorni sostituendo con ciò la notifica agli assenti.

L’assemblea ordinaria dei soci delibera per:


- eleggere i membri del Consiglio direttivo;
- approvare la relazione sulle attività svolte e sulla gestione finanziaria dell’anno in corso;
- approvare l’operato del Consiglio Direttivo;
- approvare il bilancio preventivo e quello consuntivo;

L’assemblea straordinaria dei soci delibera per:


- modificare lo Statuto;
- deliberare sulle proposte di modifica dell’atto costitutivo e dello Statuto sociale con le
maggioranze previste dall’articolo 15 dello statuto;
- lo scioglimento dell’associazione nominando uno o più liquidatori;
- qualunque proposta venga avanzata dal Consiglio Direttivo.

Art:15)Tutte le delibere delle assemblee sono valide se approvate a maggioranza degli aventi
diritto al voto presenti. L’assemblea straordinaria dei soci convocata per l’approvazione di
modifiche statutarie è validamente costituita sia in prima che in seconda convocazione con la
presenza della maggioranza dei soci.In prima convocazione l’assemblea straordinaria delibera
con la maggioranza dei due terzi degli intervenuti. In seconda convocazione l’assemblea
delibera a maggioranza semplice degli intervenuti.

Art.16) Il CONSIGLIO DIRETTIVO è composto da tre a cinque membri, anche non soci, di
cui almeno due terzi facciano parte dei soci fondatori, i quali durano in carica cinque anni e
sono rieleggibili.

Art.17) Il consiglio direttivo nomina fra i propri membri il Presidente, il Vice Presidente ed un
Segretario. Il Consiglio direttivo si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario
o ne sia fatta richiesta scritta da almeno due membri del Consiglio stesso e comunque almeno
una volta l’anno per la redazione dei Bilanci consuntivo e preventivo e le relative relazioni,
oltre che per deliberare sull’ammontare della quota associativa. Il Consiglio direttivo delibera
a maggioranza semplice. Per la validità delle deliberazioni è necessaria la presenza di almeno
due membri. In caso di parità di voti, prevale quello di colui che presiede. Il Consiglio è
presieduto dal Presidente e in sua assenza dal Vice Presidente; nel caso di assenza di entrambi
dal Consigliere più anziano presente.Delle riunioni del Consiglio verrà redatto verbale su
apposito libro che verrà sottoscritto dai partecipanti alla riunione. Il Presidente rappresenta
legalmente l’Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio, cura l’esecuzione dei deliberati
dell’Assemblea e del Consiglio. Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la
amministrazione ordinaria e straordinaria dell’Associazione, senza limitazione alcuna.

Art.18) Il Consiglio provvede altresì:


- a stabilire l’importo annuale della quota associativa;
- a redigere il regolamento per il funzionamento del Progetto Idra, regolamento la cui
osservanza è obbligatoria per tutti i soci;
- a disciplinare tutto quanto attiene le attività dell’associazione.

Art.19) In caso di dimissioni di un membro o di vacanza di carica per altre cause prima dello
scadere del mandato, il Consiglio sarà completato per cooptazione. In caso di dimissioni di
due o più membri il Consiglio si riterrà dimissionario e provvederà alla convocazione della
assemblea per la nomina dei nuovi Consiglieri.

Art.20) Il Segretario è nominato per la prima volta nell’atto costitutivo e successivamente dal
Consiglio direttivo fra i suoi membri. Egli:
- attua gli indirizzi generali stabiliti dal Consiglio direttivo, nonché le delibere di quest’ultimo
in ordine al compimento di singoli atti di gestione;
- formula le proposte di deliberazione da sottoporre al Consiglio
direttivo;
- dirige e coordina tutti i programmi dell’associazione secondo gli indirizzi, i programmi di
massima e le determinazioni approvate dal Consiglio direttivo;
- organizza in via generale la struttura operativa dell’associazione;
- cura la predisposizione del bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre all’approvazione
del Consiglio direttivo.
Il segretario riferisce periodicamente al Consiglio direttivo sull’andamento dell’associazione.

Art.21) Lo scioglimento dell’associazione deve essere deliberato dall’assemblea straordinaria


dei soci costituita con la presenza di almeno la metà dei soci e con il voto di almeno i tre quinti
dei soci intervenuti. L’assemblea con le stesse maggioranze nomina uno o più liquidatori,
determinandone i poteri. Dedotte le eventuali passività, il patrimonio rimanente dovrà essere
devoluto ad altra associazione con finalità analoga o ai fini di pubblica utilità.

Art..22) Per quanto non previsto nel presente statuto, varranno le disposizioni del Codice
Civile e delle leggi speciali in materia.

Massa e Cozzile, 01 Ottobre 2002