Sei sulla pagina 1di 12

I 7 Chakra principali ed il loro equilibrio

La parola Chakra, che deriva dal sanscrito e significa vortice o ruota, viene usata nella tradizione orientale per denominare i principali centri di energia vitale presenti nel nostro corpo. Ne abbiamo moltissimi sparsi in tutto il corpo e di questi 7 sono quelli principali. Grazie alla fisiologia moderna lintuizione della tradizione orientale viene riconfermata in quanto questi sette centri corrispondono proprio ai sette principali plessi nervosi che fuoriescono dalla spina dorsale. E importante parlarne innanzitutto per cominciare a familiarizzare con un sistema di lettura dellenergia del corpo molto antico e davvero affascinante, inoltre perch, una volta che avremo imparato a conoscere questi centri di energia, potremo anche capire quando qualcuno di essi non in equilibrio. Cos come le emozioni possono influenzare il nostro respiro, il battito cardiaco e il metabolismo, anche le attivit dei vari Chakra influiscono sullattivit ghiandolare, sul la forma del corpo, sulle affezioni fisiche croniche, sul pensiero e sul comportamento. Assumendo una particolare posizione Yoga (sana) stimoliamo uno o pi di questi centri creando lenergia necessaria al corretto funzionamento degli organi ad essi corrispondenti. Ciascun Chakra, infatti, pu essere bloccato e troppo chiuso, oppure anche troppo aperto, iperfunzionanteinvece lequilibrio essenziale! In base alla loro collocazione nel corpo, i Chakra sono stati associati a vari stati di coscienza, ad elementi archetipici e a costrutti filosofici. Ciascun Chakra governa alcune funzioni del corpo, influenza ed influenzato da atteggiamenti mentali e se disarmonico pu portare a determinati problemi nel fisico o nella psiche. I Chakra sono tradizionalmente divisi in Chakra bassi (i primi tre, fisicamente pi vicini alla terra ed in rapporto con gli aspetti pi pratici della nostra vita: sopravvivenza, movimento, azione) e Chakra superiori (gli ultimi tre, pi spirituali che rappresentano aree mentali e funzionano su livello simbolico, attraverso le parole, le immagini e i concetti), uniti dal Chakra del Cuore che per la sua importanza e la sua posizione considerato quello centrale. Tutti insieme i Chakra formano una specie di scala che unisce le polarit del Cielo e della Terra, della mente e del corpo, dello Spirito e della materia.

Per individuare i Chakra pi bisognosi d'aiuto, oltre a rivolgersi a persone particolarmente sensibili in grado di percepirne la funzionalit in vari modi(suggerisco di informarvi sempre bene prima di affidarvi a persone che non conoscete) possibile anche farlo da soli in modo efficace pur non possedendo quelle particolari capacit. Studiatevi attentamente la scheda relativa ad ogni Chakra e cominciate ad interrogarvi onestamente. Passate in rassegna tutto di voi: disturbi, temperamento, abitudini, alimentazione, postura e durata del sonno. Analizzate desideri e preferenze personali, poi confrontateli con le caratteristiche standard del Chakra in questione. Se vi ci riconoscete perfettamente, significa che il Chakra funziona bene, senza intoppi ma, se nel vostro atteggiamento riscontrate delle esagerazioni, allora significa che a quel livello c' un carico energetico da alleggerire. Siete invece in presenza di un difetto, una carenza, se le caratteristiche relative a quel Chakra vi appaiono totalmente estranee rispetto alle vostre abitudini. Per aiutare i Chakra a ritrovare il loro equilibrio possibile intervenire in vari modi, meditazioni, visualizazioni, mantra, suono, canti...etc ma per iniziare, una volta individuati quelli sui quali intervenire, intanto potete applicare i suggerimenti che ho inserito alla fine di ogni singola scheda per un certo periodo di tempo notando i cambiamenti...buon lavoro! :O) 1 CHAKRA - MULADHARA NOME IN SANSCRITO: MULADHARA SIGNIFICATO: radice, sostegno SITUATO: alla base del coccige, tra gli organi genitali e lano con espressione verso il basso FUNZIONE: ci connette con la terra e le sue energie, presiede alle istanze di sopravvivenza ed allesistenza materiale GHIANDOLE: surrenali ORIENTAMENTO DELLESSERE: autoconservazione PLESSO NERVOSO: sacrale ORGANI E APPARATI: sistema scheletrico, sistemi di eliminazione (reni, vescica, ultimo tratto dellintestino, pelle nella funzione di traspirazione), sistema linfatico. Inoltre denti, gambe, ginocchia, caviglie, piedi. SENSO: olfatto DISFUNZIONI: obesit, anoressia, bulimia, emorroidi, sciatica, stitichezza, artrite degenerante, problemi alle gambe ed alle ginocchia, incapacit di stare fermi CARENZA: sottopeso, scarsa capacit di fissare obiettivi, poca disciplina, costanti difficolt finanziarie, disorganizzazione cronica ECCESSO: Obesit, appetito eccessivo, fissazioni materiali, avidit, pigrizia, stanchezza cronica, timore dei cambiamenti, dipendenza dalla sicurezza DIRITTI FONDAMENTALI: esistere ed avere COLORE: rosso ALIMENTO: proteine ELEMENTO: terra PIANETI: Terra, Saturno DEMONE: paura PIETRE: granato, rubino, ematite STADIO EVOLUTIVO: dal periodo pre-natale ai 12 mesi di vita METALLO: piombo BIJA MANTRA: LAM VERBO CORRISPONDENTE: IO HO

Non a caso chiamato il chakra della radice: Muladhara alla base dellintero sistema. E connesso allelemento Terra, a tutte le cose solide esistenti, al nostro corpo, alla salute, allesistenza materiale, alla ricchezza. Dunque la coscienza, in questo chakra, principalmente connessa alla sopravvivenza fisica, alla sensazione di essere al sicuro, alla fiducia. Il chakra rosso riflette anche la relazione con la madre. Un corretto funzionamento del primo chakra implica delle solide radici: questo pu voler dire sentirsi accettati e nutriti dalla propria famiglia dorigine (anche se poi si desidera forse differenziarsene), e determina la capacit di trovare un buon lavoro, una casa sicura. Rappresenta anche la sicurezza in se stessi. Senza una buona stabilit di base difficile vivere bene e poter sviluppare le energie dei restanti chakra. Non c niente di male in questo legittimo desiderio di sicurezze e piaceri materiali, anzi. Negativo invece lattaccamento eccessivo, quello che porta per esempio a lavorare troppo, trascurando se stessi e i propri cari, per ottenere sempre e sempre di pi Per un 1 Chakra in equilibrio: Cerca di imparare a sentire il tuo corpo, sostenerlo, amarlo, prenditi cura di te riposando, mangiando bene, praticando esercizi fisiciinsomma cura il tuo involucro. Il massaggio, di qualunque tipo ma in particolare il massaggio dei piedi ti aiuta a dare sollievo alle tensioni del corpo e a rientrare in connessione con la psiche. Fai qualche lavoro con le mani e con la terra: modella la creta, cura i fiori, pianta un orto. Stai il pi possibile in mezzo alla natura, magari camminando a piedi scalzi per riconnetterti con la Terra. 2 CHAKRA - SVADHISTHANA NOME IN SANSCRITO: SVADHISTHANA SIGNIFICATO: dolcezza SITUATO: qualche centimetro sotto allombelico con espressione posteriore FUNZIONE: considerato il centro della sessualit, delle emozioni, del piacere e del movimento GHIANDOLE: ovaie, testicoli ORIENTAMENTO DELLESSERE: autogratificazione PLESSO NERVOSO: lombare ORGANI E APPARATI: ventre, genitali, reni, vescica, prostata e sistema circolatorio SENSO: gusto DISFUNZIONI: impotenza, frigidit, disfunzioni sessuali in genere, problemi uterini, malfunzionamento degli organi riproduttivi, problemi vescicali o renali ed alla parte inferiore della schiena CARENZA: rigidit sia del corpo che degli atteggiamenti, frigidit, impotenza, paura della sessualit, vita sociale molto limitata, timore e negazione del piacere, assenza di passione e di desiderio ECCESSO: esibizionismo, ricerca ossessiva di esperienze sessuali, dominazione ed eccessivo condizionamento dalle emozioni, dipendenza emotiva, manipolazione seduttiva DIRITTI FONDAMENTALI: provare piacere COLORE: arancioneALIMENTO: liquidi ELEMENTO: acqua PIANETI: Luna DEMONE: senso di colpa PIETRE: corniola, lunaria, corallo STADIO EVOLUTIVO: tra il sesto ed il ventiquattresimo mese di vita METALLO: stagno

BIJA MANTRA: VAM VERBO CORRISPONDENTE: IO SENTO Questo chakra si trova sulladdome, circa tre dita al di sotto dellombelico. Ha un nome, Svadhisthana, che significa dolcezza. E associato con le parti della coscienza relative allarea del piacere, della sessualit, della capacit e della volont di generare, delle emozioni, del rapporto con il cibo. Questo centro energetico rappresenta la comunicazione del nostro corpo fisico con lo spirito: il corpo ci informa di ci di cui ha bisogno e di ci che trova piacevole e desiderabile. In una situazione ideale, siamo in grado di attuare perfettamente questa comunicazione. Si tratta di cibo? Ecco che rispondiamo in modo equilibrato allo stimolo dellappetito. Il corpo ci chiede sesso? Possiamo concederci un incontro erotico, se la situazione appropriata, oppure no: in ogni caso non ignoriamo la richiesta, n ci sentiamo in colpa solo per i nostri desideri. A volte, tuttavia, lequilibrio si perde. Allora il rapporto con il cibo si fa disordinato (magari con un disturbo alimentare, in cui si chiede al cibo di soddisfare bisogni diversi, come la fame damore e di intimit). Le emozioni sessuali possono venire represse, oppure diventare imperiose, portandoci in situazioni non appropriate e funzionali al nostro benessere. Allequilibrio del secondo chakra fa riferimento anche la capacit di generare (a volte tante sterilit sono in realt legate a una tensione inconscia in questarea della coscienza, e si risolvono quando la persona, a livello profondo, decide di darsi il permesso di avere figli). Infine, questo chakra rappresenta lAcqua, e dunque anche la nostra relazione con questo elemento. Per un 2 chakra in equilibrio Fai una riflessione cosciente sul modo in cui vivi le aree del piacere e della sessualit. Hai sensi di colpa, derivanti magari da uneducazione troppo rigida? Scegli consapevolmente di indagare in questambito della coscienza, e di trovare regole morali e di comportamento che senti veramente tue, e che ti facciano stare bene. Se hai un disturbo alimentare cerca un aiuto specializzato. Se invece hai solo unalimentazione scorretta, impara ad ascoltare pi che puoi il tuo corpo: ha una saggezza innata che pu guidarti. Spesso i disagi derivano dallignorare i segnali che ti manda, compresi quelli di saziet. Impara a conoscere e ad avere confidenza con lelemento Acqua: impara a nuotare, goditi il mare o i laghi, fai caso a quanta serenit pu darti la contemplazione di una distesa dacqua. Al mare, o in qualsiasi specchio dacqua cristallino, lasciati galleggiare, aprendo le braccia e le gambe a croce: senti che le tensioni si sciolgono mentre ti fai cullare come quando eri nel grembo materno. 3 CHAKRA - MANIPURA

NOME IN SANSCRITO: MANIPURA SIGNIFICATO: gemma lucente SITUATO: a livello dello stomaco in corrispondenza del plesso solare FUNZIONE: sovrintende al potere personale, alla volont, alle relazioni con gli altri e con lambiente. E legato a necessit quali sicurezza, conferma, accettazione, convalida sociale, gratificazione successo e potere GHIANDOLE: pancreas ORIENTAMENTO DELLESSERE: libert di essere se stesso PLESSO NERVOSO: plesso solare

ORGANI E APPARATI: fegato, stomaco, cistifellea, intestino e milza ma anche occhi, che sono gli organi della vista, e viso, che ci che mostriamo al mondo SENSO: vista DISFUNZIONI: legate al metabolismo ( diabete, ipoglicemia), disordini dell'alimentazione, problemi legati alla digestione, stanchezza cronica, ulcera, cirrosi, epatite e colite CARENZA: scarsa energia e forza, volont debole, mancanza di autostima e di autodisciplina, digestione lenta e difficoltosa, tendenza all'attrazione per le sostanze stimolanti, mentalit vittimista, incapacit di portare a compimento i progetti, freddezza sia emotiva che fisica ECCESSO: aggressivit pronunciata, atteggiamenti di dominazione, tendenza all'attrazione per le sostanza sedative, iperattivit, eccessiva ambizione al comando, attacchi incontrollabili di ira, arroganza DIRITTI FONDAMENTALI: agire, manifestare la propria individualit e volont COLORE: giallo ALIMENTO: carboidrati ELEMENTO: fuoco PIANETI: Sole e Marte DEMONE: vergogna PIETRE: ambra, topazio e quarzo citrino STADIO EVOLUTIVO: tra i diciotto mesi e i quattro anni di vita METALLO: ferro BIJA MANTRA: RAM VERBO CORRISPONDENTE: IO POSSO Questo chakra localizzato nella parte del torace sottostante al diaframma, detta anche Plesso Solare. Ha a che fare con le parti della coscienza che riguardano la libert di essere noi stessi e la capacit di esercitare il nostro potere. (In senso positivo, si parla di potere personale, ci che ci fa essere pienamente noi stessi, e non dello sforzo di dominare e sottomettere gli altri. Si parla di potere di (fare, essere ecc) e non di potere su (qualcuno) Quando il chakra in equilibrio ci sentiamo liberi di essere noi stessi, di esprimerci come desideriamo e permettiamo agli altri di fare altrettanto. Non abbiamo bisogno di controllare tutto, di criticare, di manipolare, di essere prepotenti, n ci sentiamo invasi o attaccati dagli altri. Il chakra Giallo connesso anche alla personalit, alla mente: riguarda dunque lattivit razionale e logica del pensiero. Spesso per la mente prende il sopravvento, vuol controllare tutto, ci impedisce di sentire il corpo e le emozioni, o anche le intuizioni che provengono dal nostro essere spirituale. Lelemento del terzo chakra il Fuoco. Chiediti che relazione hai con le fiamme e anche con il Sole. Sei sensibile o spaventato dalla forza di questo elemento, probabilmente hai qualche difficolt a livello di questo chakra. Per un 3 chakra in equilibrio Chiediti coscientemente come vivi i temi della libert e del potere personale. Senti di avere un equilibrio in queste aree? Una riflessione approfondita (magari anche scritta) pu aiutare la tua consapevolezza. Ti capita spesso di mentire, mascherarti, nascondere quello che sei? Sono comportamenti dettati dallinsicurezza. Sappi per che ogni volta che rischi un po, e ti mostri per quello che sei, fai un passettino in direzione dellequilibrio del terzo chakra Attenzione alla rabbia repressa: ti impedisce di vivere in modo autentico. Sfogala con esercizi fisici, e cerca di cogliere il suo messaggio: questa emozione non cattiva (se opportunamente incanalata) e ti indica la strada per farti rispettare. Tendi spesso a dare la colpa di quello che ti succede a qualcun altro? Riappropriati del tuo

potere visualizzando questa persona nella tua mente e dichiarando ad alta voce Ora ti libero della responsabilit della mia vita. Ora mi assumo io questa responsabilit. Poi benedici questa persona. Attenzione a quando dici: quella persona mi fa arrabbiare. Stai cedendo il tuo potere: riprenditelo! E potrai affermare: Permetto che quella persona mi faccia arrabbiare, ma posso anche decidere di non permetterglielo pi.

4 CHAKRA - ANAHATA NOME IN SANSCRITO: ANAHATA SIGNIFICATO: non colpito SITUATO: al centro del petto, sopra lo sterno, con espressione anteriore e posteriore. Con tre centri energetici sovrastanti e tre sottostanti, pu essere considerato il chakra centrale dell'intero sistema FUNZIONE: sovrintende allamore verso se stessi e verso ogni forma di vita GHIANDOLE: timo ORIENTAMENTO DELLESSERE: relazionarci con chi ci pi vicino al cuore PLESSO NERVOSO: cardiaco ORGANI E APPARATI: cuore, apparato circolatorio e respiratorio, polmoni ed arti superiori SENSO: tatto DISFUNZIONI: asma, ipertensione, problemi cardiaci e polmonari, dolori alle braccia ed al petto, carenze del sistema immunitario, problemi alla ghiandola del timo, sensazione di mancanza del respiro, problemi al seno CARENZA: comportamento antisociale ed isolato, difficolt nelle relazioni sentimentali, intolleranza nei confronti di se stesso e degli altri, depressione, mancanza di empatia, paura delle relazioni, incapacit ad accettare. ECCESSO: Gelosia eccessiva, molto esigente, difficolt a stabilire dei confini, eccessivamente portato al sacrificio nei confronti degli altri DIRITTI FONDAMENTALI: amare ed essere amati COLORE: verde ALIMENTO: verdure ELEMENTO: aria PIANETI: Venere DEMONE: dolore PIETRE: smeraldo, tormalina, giada STADIO EVOLUTIVO: dai quattro ai sette anni METALLO: rame BIJA MANTRA: YAM VERBO CORRISPONDENTE: IO AMO Il quarto chakra si chiama Anahata, che significa non colpito, fresco e pulito: ed esattamente cos che si presenta lamore, una volta dimenticate le feri te e dissolti gli schemi negativi che ci ancorano al passato. Questo chakra, localizzato allaltezza del cuore, collegato allaspetto della relazione con le persone che ci sono care: il partner, i genitori, i fratelli e le sorelle, i figli, gli amici. Indica anche la nostra percezione dellamore: ci sentiamo amati? Ci sentiamo in grado di dare amore agli altri? Il chakra del cuore parla dellamore senza condizioni (o almeno di qualcosa che si avvicini a questo concetto ideale). Dunque non il sentimento per il quale chiediamo agli altri di cambiare, o con cui magari manipoliamo un partner o lo imprigioniamo con la scusa della gelosia Questo amore incondizionato non riservato al partner, ma pu essere esteso a tutti, e anche al mondo intorno a noi, agli animali, alle piante, e persino alle cose. E per essere sano deve

includere anche lamore per noi stessi! Il quarto chakra collegato allelemento Aria: pertanto, chi accusa difficolt di respirazione, secondo la visione psicosomatica sta manifestando un a difficolt nel dare o ricevere lamore. Per un 4 chakra equilibrato Inizia con la tua riflessione cosciente: come vedi la tua vita? Piena damore e scambi generosi? Che importanza hanno per te i rapporti affettivi? Ti senti degna di ricevere e dare amore? Le difficolt pi radicate in questarea (come la sensazione di non meritare amore) possono richiedere laiuto di una persona esperta. Tuttavia anche solo la decisone di dedicare pi attenzione alle relazioni, di superare la rassegnazione e la paura che ti portano a rinchiuderti, possono aiutarti molto. Lesercizio pi semplice: labbraccio! Abbraccia pi persone che puoi, ogni giorno, con calore. Quando lo fai, immagina una sfera del colore dello smeraldo al centro del tuo petto, poi immaginane una uguale al centro del petto di chi stai abbracciando. Ora senti lamore che provi per quella persona: visualizzalo come una luce verde che si espande dal tuo petto e crea come un ponte con la sfera del petto di chi stai stringendo. Respira ascoltando il tuo cuore, prestando attenzione alle sensazioni che ti arrivano da questorgano. Oppure prova a dargli voce: se potesse parlare, cosa ti direbbe? Segna le sue parole su un quaderno, potresti avere intuizioni preziose. 5 CHAKRA - VISHUDDHA

NOME IN SANSCRITO: VISHUDDHA SIGNIFICATO: purificazione SITUATO: alla base della gola con espressione anteriore e posteriore FUNZIONE: sovrintende alla comunicazione ed alla creativit GHIANDOLE: tiroide, paratirooide ORIENTAMENTO DELLESSERE: espressione di s PLESSO NERVOSO: cervicale ORGANI E APPARATI: metabolismo, gola, orecchie, bocca, collo e spalle SENSO: udito DISFUNZIONI: mal di gola, problemi al collo e di udito, raffreddori, problemi alla tiroide, afasia e problemi della voce, tensione mascellare, problemi della bocca, tossicit ed intossicazioni CARENZA: introversione, timidezza, timore di parlare e di esprimere il proprio pensiero e le proprie sensazioni, difficolt di trasporre in parole i sentimenti, mancanza di ritmo e di orecchio musicale, voce debole ECCESSO: atteggiamento eccessivamente prolisso, utilizzo della parola come mezzo di difesa, incapacit di ascoltare, voce dominante, tendenza ai pettegolezzi DIRITTI FONDAMENTALI: dire e sentire la verit COLORE: azzurro ALIMENTO: frutta ELEMENTO: suono PIANETI: Mercurio DEMONE: bugie PIETRE: turchese, acqua marina, celestina STADIO EVOLUTIVO: dai sette ai dodici anni METALLO: mercurio BIJA MANTRA: HAM VERBO CORRISPONDENTE: IO PARLO E SONO ASCOLTATO

Questo chakra situato nella zona della gola e governa il regno dellespressione di noi stessi, dunque della comunicazione e della creativit. Cosa vuol dire esprimere se stessi? Si parte dal livello pi immediato come quando a tavola chiediamo a qualcuno di passarci il sale sino ad arrivare a livelli molto pi profondi, in cui esprimiamo quello che davvero abbiamo dentro. Infatti ci sono persone che parlano in continuazione, ma non comunicano in realt nulla; altre invece sono capaci di esternare una verit profondissima, magari con poche parole oppure con un gesto, un movimento, o ancora tramite il linguaggio dellarte, con un disegno, un dipinto, una poesia, una danza e cos via. Anche quando si parla di creativit la si intende a pi livelli. Vi il piano della creativit quotidiana (che pu manifestarsi anche semplicemente cuocendo una torta, o trovando una soluzione originale a un vecchio problema), quello della creativit artistica, e anche quello della creativit pi vicina allo spirito. Molti studiosi a proposito del chakra blu ricordano il detto biblico Chiedi e ti sar dato. C, nella espressione onesta e sincera dei propri desideri pi profondi, anche una forza creativa che porta alla loro realizzazione. Il chakra della gola anche collegato con lintuizione, ovvero con la capacit e la disponibilit a percepire una voce diversa da quella del nostro ego: per chi crede, la voce di Dio, per chi non credente si tratta semplicemente della nostra parte pi saggia e profonda. Per un 5 chakra equilibrato Rifletti sulla tua capacit di comunicare. Ti esprimi in modo fluido, con la sensazione di riuscire sempre a portar fuori quello che dentro di te? Oppure ti senti bloccato, impaurito? E quali sono i tuoi timori? Senti di avere il diritto di esprimere quello che sei? E sei davvero convinto della sincerit dei tuoi contenuti? Porta la tua consapevolezza in questarea. Prova diversi modi e stili di comunicazione. Un gesto gentile, una carezza, cucinare la pietanza preferita dei tuoi cariSono tutti momenti di comunicazione. Prova a scrivere, dipingere, danzare. Non giudicare il risultato. Ricorda che sei tu solo a darti il permesso di provare la gioia di poterti esprimere artisticamente. Si comunica anche nel silenzio. Prova a regalarti qualche ora in cui non parli (ovviamente con la TV spenta!). Nota come riesci a percepire i tuoi pensieri. Se fai lesperimento con unaltra persona, considera quali modi alternativi trovate per comunicare e osserva come la trasmissione dei vostri pensieri e sentimenti al di l delle parole diventi pi facile via via che il tempo passa.

6 CHAKRA - AJNA NOME IN SANSCRITO: AJNA SIGNIFICATO: centro di controllo SITUATO: al centro della fronte FUNZIONE: sovrintende alla capacit di visione, all'intuizione, alla chiaroveggenza ed al sesto senso GHIANDOLE: pineale ORIENTAMENTO DELLESSERE: Spirito PLESSO NERVOSO: plesso carotideo ORGANI E APPARATI: sistema endocrino, occhi, base del cranio e fronte SENSO: percezioni extrasensoriali DISFUNZIONI: problemi alla vista, mal di testa, incubi e sinusite CARENZA: mancanza di sensibilit, scarsa capacit visiva, poca memoria, mancanza d'immaginazione, difficolt o incapacit di visualizzazione, negazione della realt, incapacit di vedere il futuro e di elaborare alternative ECCESSO: allucinazioni, illusioni, incubi ricorrenti, difficolt di concentrazione DIRITTI FONDAMENTALI: poter vedere COLORE: indaco

ALIMENTO: sostanze psicotrope ELEMENTO: luce PIANETI: Giove, Nettuno DEMONE: illusione PIETRE: lapislazzuli, quarzo, zaffiro STADIO EVOLUTIVO: periodo adolescenziale METALLO: argento BIJA MANTRA: AUM VERBO CORRISPONDENTE: IO VEDO Il 6 chakra si chiama Ajna, che significa percepire e comandare. E situato al centro della fronte, pi o meno in corrispondenza con il terzo occhio. E associato con la parte pi profonda dellessere, ci che realmente siamo, al di l di ci che abbiamo imparato, al di l delle maschere, al di l della parte superficiale della nostra personalit. Questa parte pi profonda (qualcuno la chiama S superiore) sa da dove viene e dove va, ha ben chiaro di avere uno scopo e una missione nella vita. Quando il sesto chakra in equilibrio noi siamo a contatto con questa essenza e ci lasciamo guidare dalla sua saggezza, seguendo la strada della nostra evoluzione nel modo pi semplice e diretto. Se il chakra non in equilibrio, tuttavia, perdiamo il contatto con questa parte: pu accaderci allora di vivere solo a un livello pi superficiale e materiale, ignorando i nostri compiti esistenziali e il senso ultimo della nostra realt, o peggio ancora di tacitare con forza le intuizioni sottili che ci provengono da questa parte. Questo chakra rappresenta inoltre il rapporto che abbiamo con gli aspetti religiosi. Qualunque sia il nostro credo, il chakra in equilibrio se siamo in armonia con esso e viviamo le pratiche a esso connesse nel modo giusto per noi. Ma vi pu essere tensione tra noi e ci che abbiamo accettato come religione: magari ci sentiamo forzati a fare qualcosa in cui non crediamo veramente, oppure, al contrario, non ci concediamo una concentrazione religiosa di cui abbiamo, in profondit, veramente bisogno. Per un 6 chakra equilibrato Rifletti sul tuo rapporto con la religione. Segui il culto che ti hanno insegnato quando eri piccolo? E con quale convinzione? Forse preferiresti lasciar perdere, o forse invece vorresti avere un rapporto pi consapevole e attivo verso la tua religione? O ancora sei pi attratto da pratiche orientali, anche se magari non ti concedi la possibilit di approfondirle? Questi temi ti confondono e per evitare imbarazzi tendi a non pensarci? Hai anche unaltra strada: informati, leggi, parla con altre persone. Dalla confusione potr sgorgare, dopo un po, qualcosa di molto vivo. Spesso sui libri o sulle riviste trovi esercizi di visualizzazione. Non perdere loccas ione ed esercitarti su quelli che ti sembrano interessanti: stimolerai la tua vista interiore, profonda e saggia. Prendi sul serio le tue percezioni: intuizioni, idee strane, messaggi che arrivano da chiss dove. Ma non cadere nella superstizione! Come capire se si tratta di un richiamo della tua saggezza interiore oppure della voce delle tue paure o di morbose fantasie? Ricorda che nel primo caso questi messaggi non hanno mai un contenuto pauroso o distruttivo. Se quella che ti arriva unindicazione di amore e di pace, che ti lascia dentro un senso profondo di dolcezza e tranquillit, puoi seguirla in tutta sicurezza 7 CHAKRA - SAHASRARA

NOME IN SANSCRITO: SAHASRARA SIGNIFICATO: millefoglie SITUATO: sulla sommit della testa con espressione verso l'alto FUNZIONE: sovrintende alla comprensione, alla conoscenza ed alla volont spirituale GHIANDOLE: pituitaria STATO INTERIORE: connessione ORGANI E APPARATI: corteccia cerebrale e sistema nervoso centrale SENSO: empatia DISFUNZIONI: depressione, confusione, apatia, incapacit di apprendere, malattie mentali e nervose, emicranie, amnesie, problemi fisici legati al cervello, abbagli cognitivi CARENZA: cinismo spirituale, difficolt di apprendimento, apatia, sistemi e schemi di pensiero eccessivamente rigidi, componente energetica ed attenzione rivolta esclusivamente ai chakras inferiori ECCESSO: ossessione spirituale, ricerca frenetica di messaggi esoterici, iperintellettualizzazione, confusione, dissociazione dalla componente fisica DIRITTI FONDAMENTALI: possibilit di apprendimento e di conoscenza COLORE: violetto ALIMENTO: digiuno ELEMENTO: pensiero PIANETI: Urano DEMONE: attaccamento PIETRE: ametista, diamante STADIO EVOLUTIVO: dall'inizio dell'et adulta METALLO: oro BIJA MANTRA: AUM VERBO CORRISPONDENTE: IO SO Il 7 chakra si chiama Chakra della Corona o Sahasrara, che significa Millefoglie: infatti visto dagli orientali come il loto dai mille petali, il fiore ultimo e bellissimo della coscienza illuminata. Rappresenta la parte pi intima, il vero nucleo di ci che siamo: lAnima. E la parte di noi che sempre stata e sempre sar, lessenza che trascende il corpo fisico. E collegato alle parti della nostra coscienza che riguardano la percezione dellunit e della separazione. Nei momenti di maggiore illuminazione e comprensione, abbiamo lintuizione di una connessione profondissima tra noi e gli altri, come se fossimo tutti la stessa persona. E una sensazione ben diversa dalla separazione (a volta anche ostile) che sentiamo di solito. Come il chakra della radice ci mostra la connessione con la mamma e con Madre Terra, cos il 7 chakra parla del nostro rapporto con il padre, sia il padre biologico che quello spirituale. Se la relazione con il nostro genitore biologico era positiva, ci siamo sentiti amati da lui e abbiamo accettato la direzione di crescita che egli ci indicava. Se invece il rapporto stato disarmonico (magari perch lui era assente, o troppo autoritario) abbiamo probabilmente chiuso il chakra della corona. Il risultato stato un senso di separazione, di solitudine, come se fossimo in un guscio e fosse difficile sentire il contatto e lamore delle persone che stanno fuori. Il rapporto con il padre biologico diventa poi il modello della nostra relazione con lautorit in generale. Se stato negativo diffidiamo delle persone a noi gerarchicamente superiori, non credendo che esse possano lavorare per il nostro bene. Tale diffidenza pu estendersi al rapporto con Dio, se crediamo: lo vediamo come un giudice severo, piuttosto che come un padre amorevole. Invece quando il chakra in equilibrio, abbiamo un ottimo rapporto con nostro padre, con lautorit, con il Padre Celeste e avvertiamo un profondo senso di connessione con tutte le cose e le persone.

Per un 7 chakra equilibrato Rifletti sul tuo rapporto con tuo padre e con lautorit. Tuo padre non pi in vita? Tieni presente che una riconciliazione con la sua figura e il suo ricordo pu avvenire anche anni dopo la sua scomparsa: sar comunque importantissima per la tua evoluzione (e anche per la sua pace, se credi in una vita dopo la morte). Per lo sviluppo e lequilibrio del settimo chakra, per, lattivit di elezione la meditazione. Vi sono infinite variet di tecniche: si pu meditare osservando un oggetto, il proprio respiro, i propri pensieri, fissando il vuoto, visualizzando i colori, oppure ripetendo un mantra. Si pu meditare da fermi o in movimento, da soli o con un maestro: limportante calmare la mente, liberandola dalla sua confusione abituale, in modo che possa accedere ad uno stato di coscienza superiore. Vivresti senza lavarti, senza pulire la tua casa, mangiando nei piatti sporchi? Ebbene, anche la tua anima ha bisogno di questi momenti di pulizia. Anche se non vuoi meditare (perch non sei abituato o ti spaventa) puoi concederti comunque dei momenti di rigenerazione, magari osservando una scena della natura, o calmando i pensieri rabbiosi sino a stemperarli nella calma, nella pace, nellamore. Meditazione sui Chakra

Siedi in una posizione comoda in cui la colonna vertebrale sia eretta. Le mani poggiate sulle ginocchia, pollice ed indice uniti, le altre dita distese. Tenendo occhi chiusi volgi lo sguardo al punto fra le sopracciglia e porta la tua attenzione sul respiro, senti laria che entra, fresca, dalle narici, ed esce riscaldata. Mantieni l'attenzione sul respiro e rilassati il pi possibile. Poi dirigi lattenzione al pavimento pelvico, 1 chakra, ed immagina che quel punto si trovi al centro di una sfera di colore rosso, luminoso e brillante. Se hai l impressione di avere difficolt a visualizzare il colore, rilassati, accetta la difficolt, nota se al posto del rosso emerge un altro colore e con calma riprova. Senti il corpo che si rilassa allinterno della sfera rossa. Porta poi la tua attenzione allaltezza del 2 chakra, tre dita sotto lombelico. Immaginalo avvolto da una sfera di luce arancione. Nota le eventuali difficolt, eventuali altri colori che turbino luniformit della luce (questa osservazione sar ripetuta per ogni chakra) e rilassa la parte. Senza sforzo, riporta ogni volta la tua attenzione allidea di vedere la sfera di un bellarancione. Procedi con il terzo chakra: il tuo plesso solare avvolto da una sfera di luce gialla, brillante, trasparente, luminosa. Goditi il colore, rilassa il corpo, lasciati andare. Quarto chakra: il tuo cuore al centro di una sfera di luce verde smeraldo. Sentila mentre ti avvolge, rilassa il petto, e lasciati andare. Quinto chakra: visualizza una sfera di luce azzurro brillante intorno alla tua gola. Goditi il colore, rilassati e lasciati andare. Sesto chakra: una sfera di luce indaco avvolge il punto tra le sopracciglia, sede del chakra. Goditi il colore, rilassati e lasciati andare. Settimo chakra: una sfera di luce viola intorno al tuo chakra della corona. Goditi il colore, rilassati, lasciati andare.

Concludi immaginando una doccia di luce bianca e brillante che purifica il tuo corpo, portando via tensioni, blocchi, problemi. Fai ancora qualche respiro riprendendo con calma il contatto con la realt, e riapri gli occhi. Pubblicato da Tiziana Febbi