Sei sulla pagina 1di 24

113

CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Questo capitolo tratta delle prove di laborario che servono per ricavare i parametri da introdurre nei modelli. Inizialmente vengono affrontate le condizioni al contorno, sia con riguardo alle azioni applicate che alle condizioni di drenaggio; in seguito vengono illustrati i tipi di prove ed i risultati delle prove di taglio diretto e delle prove di compressione cilindrica erroneamente chiamate prove triassiali.

Condizioni di sollecitazione al contorno


Le prove di laboratorio sui provini di terreno devono essere fatte nelle condizioni pi controllabili possibile. Il provino viene appoggiato su una base alla quale vengono applicate delle sollecitazioni che possono essere di natura diversa: di tipo deformativo o tensionale. Sullo stesso provino si eseguono misure della risposta: si possono misurare forze o spostamenti. Gli spostamenti sono differenze di misure di lunghezza.

CONTROLLO DEGLI SPOSTAMENTI: a tale campione pu essere imposto uno spostamento e di conseguenza vengono misurati gli sforzi che si generano al suo interno. Figura 10.1

CONTROLLO DELLE FORZE (O DI PRESSIONE): al provino viene applicata una pressione p inserendo tra la struttura rigida e il campione una sorta di camera daria; conosciamo il valore dello stato di pressione e possiamo misurarne le caratteristiche deformative.

Figura 10.2 Il significato di queste due modalit di condotta delle prove evidente se riportiamo in un grafico i risultati delle prove, rispettivamente in condizioni di controllo di carico ed in condizioni di controllo di spostamento. Con le prove condotte in condizioni di controllo di forze prendiamo un provino, andiamo ad incrementare le forze e misuriamo gli spostamenti. Quando viene raggiunto il carico massimo il campione si rompe bruscamente e la prova si interrompe. La prova edometrica un esempio di prova eseguita con controllo di forza, nella quale la deformazione laterale impedita.

Figura 10.3 Con le prove eseguite in condizioni di controllo di spostamenti si mette il provino tra i piani di una pressa molto rigida e vengono imposti gli spostamenti mediante un motore passopasso che procede con una certa velocit. In questo caso si misura la forza che il campione oppone. Si vede in questo modo il comportamento del campione anche dopo aver raggiunto il valore massimo del carico. Dopo il valore massimo si riducono i carichi che il campione sopporta. Con questo tipo di prove si ottengono i grafici F con la parte discendente della curva. Figura 10.4

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

114
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Condizioni di drenaggio nelle prove di laboratorio.


Una parte importante delle prove di laboratorio il controllo delle condizioni di drenaggio. Utilizziamo il seguente schema non preoccupandoci di come sono imposte le azioni al provino, ma poniamo la nostra attenzione allacqua, alla sua pressione ed al suo volume.

Figura 10.5 Distinguiamo due tipi di prove: 1. PROVE IN CONDIZIONI DRENATE (D) Il rubinetto aperto. u=0 I carichi sono applicati in modo tale che possibile dissipare le pressioni interstiziali. V0 C una variazione di volume del campione, che misuro leggendo il livello dellacqua nella buretta. Posso sapere esattamente di quanto varia il volume del provino perch il campione saturo S=1. 2. PROVE IN CONDIZIONI NON DRENATE (U) Il rubinetto chiuso. u0 Misuro al manometro le variazioni di pressione interstiziale. V=0 La variazione di volume nulla. Riproduco in questo modo le condizioni iniziali di un processo di consolidazione, nel momento in cui applico i carichi. Da notare le lettere maiuscole che identificano il tipo di prova derivano dai vocaboli in Inglese D drained (drenata), U undrained (non drenata).

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

115
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Tipi di prove.
Quelle che abbiamo visto sono le condizioni per le prove che generalmente vengono eseguite a carico dei campioni di terreno. Si possono sottoporre i campioni a prove che differiscono fra loro per gli stati di sollecitazione o deformazione applicati. Possiamo distinguere due classi di prove. 1. La prima classe di prove caratterizzata dalla coincidenza fra gli assi principali delle tensioni e delle deformazioni e dallassenza di rotazione degli assi principali durante la prova. 2. La seconda classe di prove caratterizzata dalla rotazione delle direzioni principali durante la prova e sono utilizzate principalmente per le misure di resistenza. Le presentiamo nel paragrafo delle prove di taglio.

COMPRESSIONE TRIASSIALE VERA: provino cubico sollecitato sulle 3 facce con pressioni diverse abc.

COMPRESSIONE CILINDRICA TRIASSIALE erroneamente chiamata TRIASSIALE o TRIASSIALE CONVENZIONALE: b=cc.

COMPRESSIONE SEMPLICE O MONOASSIALE : b=c=0 , a0 un caso particolare della compressione cilindrica triassiale, quella usata per il cls e lacciaio.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

116
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

STATO PIANO DI COMPRESSIONE : c=0.

COMPRESSIONE ISOTROPA : a=b=c.

Per quanto riguarda le prove a controllo di pressione si possono avere: COMPRESSIONE EDOMETRICA : a0 r=0. COMPRESSIONE DI DEFORMAZIONE PIANA : a b c=0. Tutte queste prove presentano uno svantaggio sostanziale; durante la prova stessa le direzioni principali lungo le quali vengono applicati gli sforzi non variano e quindi le tensioni tangenziali che vengono imposte sono nulle. Esistono prove che considerano anche lo sforzo di taglio.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

117
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Prove di taglio
PROVA DI TAGLIO DIRETTO Sono qui rappresentati lo schema della prova di taglio diretto e la modalit di rottura del provino.

Figura 10.6 PROVA DI TAGLIO SEMPLICE Sono qui rappresentati lo schema della prova di taglio semplice e come il provino si distorce.

Figura 10.7 PROVA DI TORSIONE, O PROVA CON CILINDRO CAVO Si pu applicare un carico esterno, un carico assiale ed un momento torcente. Il carico interno al cilindro pu essere diverso da quello esterno.

Figura 10.8

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

118
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Prova di taglio diretto


Lapparecchio per eseguire le prove di taglio diretto detto scatola di taglio diretto o anche scatola di Casagrande ed identico ad un edometro per quanto attiene la fase di consolidazione del campione. Di seguito ne disegniamo lo schema.

Figura 10.9 In laboratorio il provino ha una base quadrata di lato 60mm e unaltezza di 2030mm. Il provino completamente immerso in acqua in modo che non si formino menischi e si annullino le pressioni al contorno. Le prove di taglio diretto sono sempre prove in condizioni drenate, cio viene condotta molto lentamente in modo che si dissipino le pressioni interstiziali. Le prove di taglio diretto si dividono in due fasi: I FASE: CONSOLIDAZIONE APPLICHIAMO N MISURIAMO v Durante la prima fase applichiamo un carico costante N e misuriamo lo spostamento verticale v. La prova identica ad una prova edometrica. Quando gli incrementi di spostamento tendono a zero il processo di consolidazione concluso. Noi utilizziamo la curva logt, v per controllare il processo di consolidazione. La fase di consolidazione dura 24 ore e vengono applicati a tempi prestabiliti dei carichi che sono via via il doppio del precedente.

II FASE:

TAGLIO APPLICHIAMO h MISURIAMO T CONDIZIONI DRENATE (u=0) Durante la seconda fase applichiamo h mediante un motore a velocit costante e misuriamo T. I risultati vengono riportati direttamente in un grafico h ,T. Anche questa seconda fase avviene in condizioni drenate, cio viene condotta in modo estremamente lento; se la prova fosse veloce le pressioni interstiziali non avrebbero il tempo di dissiparsi e noi non possiamo conoscerne lentit. Entriamo nel dettaglio della seconda fase chiedendoci a quale velocit deve avanzare la scatola di taglio per ottenere che la prova sia effettivamente drenata anche durante la fase di taglio. Lo spazio da percorrere h di 35mm per ottenere i valori di resistenza a taglio di picco mentre h di 79mm per ottenere i valori ultimi, infine h dellordine di 10cm per ottenere i valori di resistenza residua e si ottiene riportando a zero la scatola di taglio numerose volte. Il tempo deve essere valutato in modo coerente con la fase di consolidazione. Dal diagramma cedimentotempo in scala semilogaritmica determino cv con il metodo di Casagrande, detto anche metodo del logaritmo. In queso modo potrei utilizzare cv in modo parametrico se tutte le prove utilizzassero lo stesso strumento standardizzato, e otterrei la velocit del motore dividendo cv [m2/s] per h [m]. Altrimenti in modo pi generale ricavo dallo stesso diagramma t50 e con questo v=h / t50.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

119
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO Con la prova di taglio diretto riscontriamo due tipi di comportamento. 1. COMPORTAMENTO CONTRAENTE. Durante la prova ad un progressivo aumento di h corrisponde un incrudimento del materiale, cio T cresce via via sempre meno; contemporaneamente si riscontra un cedimento verticale del campione, per questo lo riportiamo verso il basso in un apposito grafico. Quello che si riscontra che al crescere di h il provino si addensa fino a raggiungere un valore uniforme. Questo il comportamento tipico del terreno che in passato non ha subito carichi superiori a quelli applicati nella prova. Riscontriamo un comportamento contraente nelle: ARGILLE: normalmente consolidate NC, debolmente consolidate SABBIE: sciolte, poco addensate

Figura 10.10 2. COMPORTAMENTO DILATANTE. Durante la prova ad un aumento di h corrisponde un aumento dello sforzo di taglio T fino al raggiungimento di un valore di picco detto resistenza di picco, allulteriore aumento di h il terreno diventa meno resistente, la resistenza decade verso il valore pi contenuto della resistenza ultima. Per quanto riguarda la dimensione verticale del campione, inizialmente riscontriamo un cedimento verticale, ma abbastanza presto si manifesta il comportamento dilatante, cio un aumento di spessore del provino. La correlazione tra i due fenomeni si ha in corrispondenza della resistenza di picco che corrisponde al punto di flesso della curva dei cedimenti. da notare come la resistenza ultima nei provini che manifestano comportamento dilatante tende alla resistenza ultima dei provini con comportamento contraente, tali provini si riferiscono allo stesso terreno, ma hanno subito carichi diversi prima di sottoporli alla prova di taglio. Riscontriamo un comportamento contraente nelle: ARGILLE: fortemente preconsolidate, Figura 10.11 SABBIE: dense

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

120
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO Pu essere utile riportare in un grafico lindice dei vuoti e in funzione degli spostamenti orizzontali h e non dei cedimenti verticali v.

Il fatto interessante che entrambi i materiali convergono allo stesso valore di porosit al crescere di h, cio alla stessa resistenza ultima, graficamente ho lo stesso asintoto orizzontale. Questa comportamento importante perch ha delle conseguenze sulle caratteristiche meccaniche dei materiali e sui parametri che assumeremo per il modello del terreno.

Figura 10.12 Se riportiamo i risultati di una prova di taglio diretto sul piano di Mohr. Riporteremo delle coppie di valori medi (, ) e non dei cerchi perch durante la prova non abbiamo valori uniformi di T ed N. Riporto per alcuni campioni sia i valori di picco che i valori ultimi. Per valori contenuti della tensione verticale I i valori di resistenza di picco e di resistenza ultima sono nettamente distinti, per valori maggiori di tensione verticale i due valori coincidono. I valori di resistenza ultima stanno su una retta passante per lorigine. Indichiamo con I lANGOLO DI ATTRITO, questo parametro sintetizza il comportamento del terreno che aumenta la propria resistenza allaumentare dello sforzo normale. Indichiamo con cI il COEFFICIENTE DI COESIONE, che esprime la resistenza al taglio del terreno senza che vi sia applicato alcun sforzo normale.

Figura 10.13 A seconda della retta interpolatrice, al variare del livello di tensione I a cui mi riferisco, ottengo
I p

e cI p diversi.

Per il calcolo delle opere geotecniche utilizzo i valori I , cI di picco o i valori di resistenza ultima? La risposta non affatto scontata, comunque impieghiamo i valori di resistenza di picco per i materiali sovraconsolidati in quanto sarebbe eccessivamente cautelativo utilizzare i valori di resistenza ultima che si manifestano solo in prossimit della rottura. Utilizzo i valori di resistenza ultima qualora lo stato di sollecitazione talmente elevato da non permettere il manifestarsi lo scavalco dei grani e che comporta direttamente la rottura degli stessi. Non si utilizzano neppure i valori della resistenza residua se non nel caso in cui ho un frana che si era arrestata ed ora si rimette in moto. Solitamente con un fenomento dinstabilit di nuova formazione nelle parti pi in alto della superficie di scorrimento ancora non si sono mobilitate le resistenze ultime che il piede gi inizia a muoversi; per cui dovremo utilizzare un valore intermedio fra quello ultimo e quello di picco.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

121
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Prova di compressione cilindrica

Figura 10.14 Volgarmente chiamata triassiale o triassiale convenzionale. La prova viene eseguita allinterno di una cella triassiale. Lo stato tensionale isotropo nella cella, cio la pressione dellacqua che vi pompiamo, lo indichiamo con 2 , 3 sigma o tensioni principali 2 e 3, r sigma radiale e con c sigma di cella. Lo stato tensionale deviatorico, cio la pressione esercitata dal pistone, lo indichiamo con q, con 1 sigma o tensione principale 1 indichiamo lo sforzo verticale globale che include q e c: 1=c+q. LA MEMBRANA non serve a tenere assieme il provino, anche se a volte costituito da sabbia incoerente, essenzialmente serve per applicare una pressione laterale isotropa al terreno. Se non ci fosse la membrana lacqua della cella sarebbe a diretto contatto con lacqua allinterno del provino. La pressione dellacqua della cella si trasmetterebbe allacqua del provino. La membrana serve per trasmettere la tensione efficace al provino.

u= r r = r
La prova triassiale si sviluppa in due fasi: FASE 1: Si applica uno stato di sforzo isotropo, una compressione isotropa, ed a seconda che i rubinetti siano aperti o chiusi e che la prova sia sufficientemente lenta si ha una prova CONSOLIDATA C oppure NON CONSOLIDATA U. FASE 2: Si porta a rottura il campione con i rubinetti chiusi o aperti. Ci avviene comprimendo il provino con il pistone cio si applica uno sforzo di taglio, uno sforzo deviatorico, con la contemporanea presenza della pressione laterale convenzionale, che viene mantenuta costante. La prova pu essere DRENATA D o NON DRENATA U.

Sebbene si abbiano 4 combinazioni ci sono solo 3 tipi di prove. Le prove di compressione triassiale possono essere di 3 tipi: 1. non consolidata, non drenata (U,U) 2. consolidata, drenata (C,D) 3. consolidata, non drenata (C,U)

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

122
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Fase 1: applicazione del carico isotropo in condizioni drenate con consolidazione


Si consegue la consolidazione applicando una pressione r (=c) alla cella triassiale. I rubinetti sono aperti e la prova drenata. Viene applicato uno stato tensionale uniforme in tutte le direzioni r (stato di sollecitazione isotropo). Per effetto della pressione applicata allistante t=0 il provino tende a subire una variazione di volume, ma a causa della resistenza al moto dellacqua nei pori del materiale la variazione di volume non pu essere istantanea:

per

t =0

V =0

Nellistante t=0 il provino non subisce alcun effetto meccanico in quanto la variazione di volume nulla; lincremento dello stato di sollecitazione interessa la fase liquida e lo scheletro solido non subisce alcuna deformazione: Figura 10.15

per

t=0
I

V =0

r =0

u= r r = r
Istantaneamente si pu dire che la prova come quella di tipo non drenato perch il drenaggio necessita un tempo finito per potersi verificare. Col trascorrere del tempo si attiva un processo di consolidazione e questo teoricamente termina in un tempo . Al trascorrere del tempo, lacqua esce, e la pressione neutra si scarica sullo scheletro solido. Con il trascorrere del tempo la sovrappressione si trasferisce dalla fase liquida allo scheletro solido inducendo sullo stesso una variazione di volume.

per

u= 0

r = r

V 0

Per consentire la consolidazione del provino deve essere realizzata una prova di tipo drenato. La prima fase della prova triassiale ha termine quando il volume dacqua V nella buretta non varia pi.

Figura 10. 16 Landamento della deformazione volumetrica simile a quello della prova in condizioni edometriche, ci utile per controllare che la prova si sia svolta correttamente, che sia giunta a conclusione la prima fase.

Fase 2: applicazione dello sforzo di taglio


In questa seconda fase si porta a rottura il provino applicando uno sforzo assiale di compressione (detto anche deviatorico o di taglio) mediante il pistone. La pressione laterale convenzionale (detta anche di cella o radiale o isotropa) rimane costante r=c=cost. I rubinetti possono essere chiusi o aperti: otteniamo cos una rottura rispettivamente in condizioni non drenate o drenate.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

123
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Prova non consolidata, non drenata (U,U)


Nella PRIMA FASE viene applicato il carico isotropo, ma il rubinetto chiuso: viene impedita luscita dellacqua. Nellipotesi che il terreno sia saturo S=1, la variazione di volume nulla.

V =0
Se la variazione di volume nulla non si osserva nessun effetto meccanico: il terreno rimane indeformato. Questo significa che non si hanno variazioni di tensioni efficaci.

=0
Pi correttamente ricordando che il carico isotropo si pu scrivere in termini di invarianti:

p=
I

1 2 3 3
I

=
I

c 2 c 3

= c

3 q= 1 3=0

p=

1 2 3

p =0 q I =0
Ricordando che:

p= p I u con p I =0

p= pI u p= u

Si vede che p corrisponde alla pressione di cella. Visto che con lapplicazione del carico isotropo la variazione di volume nulla, lo stato tensionale rimane inalterato, allora la pressione applicata si scarica per intero sullacqua ed il provino rimane indisturbato. Leffetto che si ottiene dallapplicazione della pressione isotropa esterna laumento della pressione dellacqua allinterno del provino; in altre parole la pressione di cella c qualunque valore abbia si scarica sullacqua interstiziale. Nella SECONDA FASE si applica uno sforzo assiale sul pistone mantenendo il rubinetto chiuso visto che la prova non drenata. La pressione laterale viene mantenuta costante. Si applica q= c , cio lo sforzo verticale globale 1 e q la quantit aggiunta.
1

u t =0

q= 1 3=

N A

N lo sforzo sul pistone. Dato che i rubinetti sono chiusi, la variazione di volume nulla.

V =0

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

124
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Prova consolidata, drenata (C,D)


Viene eseguita la PRIMA FASE con lapplicazione del carico di cella o isotropo in condizioni drenate in modo da permettere la consolidazione. Con la SECONDA FASE incrementiamo la pressione assiale mantenendo costante quella laterale.

a = 1>0 c = r= 3=0 3 tensione principale massima

La prova viene condotta con velocit ridotta in modo che la prova possa essere considerata effettivamente drenata. Le sollecitazioni sono applicate in modo cos lento che le tensioni interstiziali hanno il modo di dissiparsi. Una prova con terreni a grana fine dura da una settimana a 10 giorni, anche se prendiamo il provino pi piccolo 76mm, h 38mm e con due pietre porose in modo da dimezzare il percorso di drenaggio e di conseguenza il tempo di consolidazione. Con queste prove posso definire effettivamente un tensione assiale ed una radiale e questa volta va meglio che non con la prova di taglio diretto perch ho dei valore uniformi.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

125
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Prova consolidata, non drenata (C,U)


Nella PRIMA FASE avviene la consolidazione isotropa del campione: con lapplicazione della pressione di cella, essa immediatamente si trasferisce sullacqua, ma questa volta i rubinetti sono aperti e lacqua incomincia a defluire: quando le sovrapressioni sono completamente dissipate il fenomeno cessa e contestualmente si ha una riduzione di volume. Nella SECONDA FASE, in cui si ha lapplicazione della compressione deviatorica, i rubinetti vengono chiusi, realizzando cos le condizioni non drenate. Il taglio applicato attraverso un deviatore: lo sforzo assiale maggiore di quello radiale.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

126
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Come varia la pressione interstiziale durante la prova non drenata


Eseguiamo una prova di compressione cilindrica (o prova triassiale) non drenata sia in fase 1 che in fase 2. In prove non drenate, con condizioni di terreno saturo, la variazione di volume nulla e quindi tutto lincremento dello stato tensionale si scarica sulla fase liquida. La variazione u di pressione pu essere determinata dalla seguente relazione semiempirica8: Skempton (1957) u= B r A a r Componente isotropa dello stato di sforzo totale:

Componente deviatorica dello stato di sforzo totale: a r In questa relazione intervengono due parametri: A e B. Questa relazione ci mostra che la pressione neutra varia per lapplicazione di uno stato di sforzo isotropo ma anche per lapplicazione di uno stato di sforzo deviatorico. Durante la prima fase della prova di compressione cilindrica (o prova triassiale) lo stato di sollecitazione di tipo isotropo, in altre parole a=r, cio a=b=c allora la formula di Skempton si riduce a:

u= B r
e B un parametro che dipende dal grado di saturazione del terreno:

S =0 S =1 u r

B 0 B =1

Da questa prima fase potremo ricavare il parametro B, visto che misuriamo la variazione di pressione u ad un manometro e la pressione di cella r ad unaltro:

B=

Il coefficiente A tiene conto come per effetto dellapplicazione della componente deviatorica degli sforzi abbiamo una variazione delle pressioni neutre, ma non solo. NOTA BENE: Se il provino secco, o almeno non saturo, essendo laria comprimibile il carico applicato pu provocare anche una variazione di volume anche nel caso di prova non drenata e il carico viene trasferito quasi per intero sullo scheletro solido. Durante la fase 2 della prova cilindrica condotta in condizioni non drenate: la pressione di cella costante r=0, cio e varia solamente lo sforzo assiale a. Allora la formula di Skempton diventa:

u= B A a
Possiamo cos ricavare A:

A=

u B a

Nel modello di Skempton quando applichiamo lo sforzo di taglio rimane il coefficiente A. Il coefficiente A dipende da molti fattori. Vediamo com influenzato il valore del coefficiente A dal tipo di struttura del provino: 1. con grani a struttura sciolta, 2. con grani a struttura molto addensata.

8 A. Burghignoli, Lezioni di meccanica delle terre pp.180183


Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

127
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO 1. Se lo sforzo di taglio viene applicato ad un terreno dalla struttura poco densa i grani tendono ad entrare negli spazi presenti tra un granello e laltro. Questo effetto tende a provocare una riduzione del volume V<0 . A seguito di questo teorema, osservando che le deformazioni volumetriche sono impedite, nasce una componente di pressione neutra aggiuntiva che tende a bilanciare la variazione volumetrica precedente. In definitiva una sollecitazione tagliante applicata ad un terreno poco denso incrementa il livello di tensione neutra mantenendo inalterato il volume del provino.

Una struttura sciolta

a cui si applica uno sforzo di taglio

provoca

V =0 u>0

Il volume vorrebbe diminuire ma non pu allora aumenta la pressione

2. A causa dellapplicazione degli sforzi di taglio in un terreno dalla struttura molto addensata la tendenza dei granelli quella di reciproco scavalcamento; il volume tende ad aumentare e il fenomeno viene detto DILATANZA (dipende dal grado di addensamento del terreno). Siccome per la variazione di volume impedita allora nasce una variazione di pressione neutra negativa che tende a bilanciare leffetto della dilatanza. La tensione tangenziale applicata ad un terreno molto addensato tende a diminuire il livello di pressione neutra mantenendo inalterato il volume del provino.

Una struttura molto addensata

a cui si applica uno sforzo di taglio

provoca

V =0 u<0

Il volume vorrebbe aumentare per via di qualche scorrimento ma non pu allora diminuisce la pressione

Sappiamo che A un parametro che qualifica la variazione di pressione neutra a seguito dellapplicazione di una sollecitazione tangenziale . Possiamo quindi dire secondo questi semplici ragionamenti che :

A>0

PER TERRENI A STRUTTURA SCIOLTA: argille normalmente o debolmente sovraconsolidate sabbie sciolte poco addensate PER TERRENI A STRUTTURA MOLTO ADDENSATA: argille fortemente preconsolidate sabbie dense

A<0

NOTA BENE: Si pu osservare che il parametro A non si mantiene costante durante la prova in quanto varia il livello della pressione neutra applicata.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

128
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO I risultati delle prove drenate sono del tipo seguente: In questi diagrammi si vede la differenza di comportamento dei materiali a struttura sciolta dai materiali a struttura densa. Per quanto riguarda gli sforzi tangenziali vediamo che i terreni densi presentano un comportamento instabile, cio si arriva ad un valore massimo dello sforzo di taglio ed in seguito la resistenza diminuisce. I materiali a struttura sciolta non presentano questa instabilit in quanto lo sforzo tangenziale una funzione sempre crescente; per a i due tipi di materiale presentano un asintoto orizzontale comune. Siccome stiamo trattando le prove drenate allora i provini sono interessati da variazioni volumetriche. Per i materiali a struttura sciolta abbiamo una progressiva diminuzione di volume. Per i materiali a struttura densa inizialmente si osserva una leggera diminuzione di volume, ma superato un certo livello di deformazione assiale abbiamo una inversione della tendenza con aumento del volume del provino.

Figura 10.17

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

129
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO I risultati delle prove non drenate presentano degli andamenti simili ai precedenti, ma interessano delle grandezze diverse.

Per quanto riguarda landamento degli sforzi tangenziali pu essere fatto un discorso simile al caso precedente lunica cosa che cambia sono i valori degli sforzi. Il secondo diagramma in questo caso rappresenta landamento delle pressioni neutre in quanto essendo la prova non drenata la variazione di volume nulla e le tensioni applicate si scaricano sulla fase liquida. Il rapporto tra le quantit che vengono misurate in questi diagrammi rappresenta il valore assunto dal coefficiente A della formula di Skempton durante la prova. A questo punto per le due tipologie di prova possiamo andare a studiare il percorso seguito nel piano delle tensioni p, q oppure pI,qI.

Figura 10.18

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

130
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Prova drenata: percorso delle tensioni totali ed efficaci


Nel tatto OA viene applicata al provino una tensione assiale uguale a quella radiale e quindi la tensione tangenziale che viene introdotta nulla. Nel tratto AB il provino viene sottoposto ad un incremento della sola tensione assiale fino ad arrivare alla condizione di rottura. Dobbiamo osservare che in questo caso essendo la prova drenata la pressione neutra si mantiene nulla per cui il tratto AIBI delle tensioni efficaci coincide con quello delle tensioni totali.

Figura 10.19

Prova non drenata: percorso delle tensioni totali ed efficaci


Se la prova non drenata la fase di carico AB che introduce le tensioni tangenziali tale per cui la curva delle tensioni totali si differenzia dalla curva delle tensioni efficaci. Questo dovuto al fatto che una variazione di volume nulla provoca una variazione di pressione neutra. Il tratto di curva AIBI relativo ad un terreno sovraconsolidato, infatti la variazione di pressione neutra u risulta prima positiva e poi negativa allaumentare di q la curva AIBII relativa ad un terreno normalconsolidato in quanto la variazione di pressione neutra sempre positiva.

Figura 10.20

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

131
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO

Criterio di rottura di MohrCoulomb


Nelle pagine precedenti abbiamo discusso le prove che vengono eseguite su un provino di terreno e abbiamo studiato landamento delle risposte che esso forniva in funzione della tipologia della prova e del grado di consolidamento del terreno. Vediamo ora il criterio di MohrCoulomb applicato alle diverse prove. Iniziamo con le prove consolidate drenate CD. Consideriamo un unico campione da cui otteniamo tre provini sottoposti ad uno stato tensionale assiale ed uno radiale ed analizziamo il comportamento in corrispondenza di diversi valori della tensione radiale rI. Le prove che abbiamo qui rappresentato sono quelle tipiche dei terreni fortemente addensati; ognuna di esse stata condotta per un determinato valore della tensione radiale rI, tra una prova e laltra cambia esclusivamente il valore della rI. Per ogni prova eseguita sul terreno nel piano di Mohr possibile tracciare il cerchio in corrispondenza del valore massimo dello sforzo sollecitante il provino durante la prova.

Figura 10.21 Operando in questo modo sul piano di Mohr possono essere riportati diversi cerchi, di solito tre, che rappresentano la condizione di rottura per il terreno in corrispondenza di valori diversi della tensione radiale rI. Una volta riportati alcuni cerchi relativi alla condizione di rottura del terreno possibile tracciare la curva dinviluppo di questi cerchi la quale pu essere approssimata ad una retta che definita da due parametri cI e I. La retta pu essere rappresentata tramite la seguente equazione:

f =c

tan

Gli stati compatibili per il terreno sono quelli per cui risulta:

f
Figura 10.22 e questa condizione rappresenta il CRITERIO DI ROTTURA DI MOHRCOULOMB. cI COEFFICIENTE DI COESIONE
I

ANGOLO DI ATTRITO

Attenzione che cI e I non sono dei parametri che definiscono delle propriet fisiche del terreno, ma sono dei coefficienti che utilizziamo per rappresentare le capacit di resistenza del terreno (tentativo di descrizione del comportamento meccanico). Questi parametri infatti dipendono dalle condizioni di drenaggio del provino e anche dal suo grado di saturazione. Per mettere in evidenza questo aspetto si pu considerare una serie di prove non consolidate e non drenate (UU). In questo caso conveniente riportare il comportamento del terreno in funzione delle tensioni totali e non di quelle efficaci. Faremo delle prove con diversi valori della tensione radiale, ma la condizione di rottura fornisce un cerchio per ogni prova che presenta il medesimo diametro ( ar ).

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

132
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO Vediamo ora di eseguire delle prove in condizioni non drenate UU e di completa saturazione del provino S=1. Questo significa che un incremento della tensione radiale r si trasferisce completamente sulla fase liquida presente nel terreno mantenendo inalterate le tensioni efficaci del provino; per questo motivo rimangono immutate le condizioni di rottura. Se la rappresentazione di queste prove fosse stata fatta facendo riferimento alle tensioni efficaci allora avremmo ottenuto un unico cerchio di Mohr rappresentativo di tutte le condizioni di rottura. In termini di tensioni totali la condizione di rottura del terreno pu essere espressa dalla relazione:

= cu
Figura 10.23

con

=0

Nel caso in cui la prova non drenata fosse eseguita su un provino di terreno non saturo (S<1) allora in questo caso la variazione di volume non pi nulla; questo significa che una variazione di tensione applicata non provoca solamente una variazione delle pressioni neutre, ma anche un cambiamento delle tensioni efficaci. Essendo il provino non saturo allinterno dei pori oltre allacqua presente anche aria la quale ammette una elevata comprimibilit e quindi anche se le condizioni di prova sono non drenate ammessa comunque una variazione di volume e quindi un incremento delle tensioni efficaci. Operando delle prove secondo queste condizioni sul piano di Mohr otteniamo dei cerchi, rappresentativi della condizione di rottura, che saranno progressivamente crescenti allaumentare della tensione radiale. Un provino non saturo con prova non drenata piccola V0 I0.

S <1 I3>0 B <1

V <0 u< 3
u

>0

Figura 10.24

Man mano che viene incrementata la tensione radiale le condizioni del provino si modificano, e quindi il comportamento sopra descritto per la condizione di rottura si modifica. Allaumentare della tensione r diminuisce il volume dellaria quindi aumenta il grado di saturazione S inoltre in base alla legge di Henry aumenta la solubilit dellaria nellacqua che provoca un ulteriore aumento della saturazione S. Questi due effetti tendono a portare il grado di saturazione ad un valore unitario, quindi la curva limite relativa alla condizione di rottura tende a diventare orizzontale. Nellintervallo in cui S<1 la curva limite non una retta ma se lintervallo di tensioni non sufficientemente elevato possibile determinare un valore di cu e u approssimati. Dobbiamo osservare che la condizione di rottura per un provino valida sia per gli stati tensionali positivi che per quelli negativi.

Figura 10.25

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

133
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO Facciamo ora qualche considerazione sulle prove consolidate e poi condotte a rottura in condizioni non drenate CU. Supponiamo di riportare i tre cerchi di Moh di tre provini ottenuti da un certo campione: otteniamo sul piano di Mohr un grafico che assomiglia a quello delle prove condotte in condizioni drenate, ma ha un significato diverso. Ricordo che questo tipo di prove pu servire per valutare il comportamento di un terreno di fondazione, quindi un terreno consolidato nel tempo per la presenza dei carichi della costruzione, quando avvenga un sisma, cio una sollecitazione che non permette alcuna dissipazione delle sovrapressioni interstiziali. Da notare il pedice CU che accompagna i parametri della prova. Figura 10.26 Gli stati compatibili per la resistenza del terreno possono essere espressi nel modo seguente:

c I I tan

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

134
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO Anche per le prove triassiali definiamo un GRADO DI SOVRACONSOLIDAZIONE il quale differisce da quello definito per le prove edometriche per lutilizzo degli invarianti dello stato di sforzo efficace anzich delle tensioni efficaci. Lo si indica sempre con OCR dalle iniziali dei termini inglesi Over Consolidated Ratio.

OCR =

pc pI

Se OCR=1 il provino si dice normalconsolidato. Se 1<OCR<2 il provino si dice debolmente sovraconsolidato o normalconsolidato. Se OCR>2 il provino si dice fortemente sovraconsolidato. Consideriamo delle prove di compressione triassiali consolidate e non drenate (CU). I vari provini vengono consolidati a valori diversi di tensione di preconsolidazione pIc e dopo vengono portati a rottura senza essere preventivamente scaricati. Incrementando la pressione di consolidazione pIc si osserva che la prova da origine a delle curve di resistenza via via maggiori.

p=

1 2 2 3

I q I = 1 I3

Se rappresentiamo le curve di carico relazionate alla pressione di consolidazione pIc allora gli andamenti delle tre prove coincidono.

Vediamo ora queste prove nel piano pI, qI; in tale piano possiamo rappresentare la retta di stato critico che definisce le condizioni di rottura del provino. Per diversi valori della pressione di consolidazione pIc individuiamo diverse posizioni sullasse pI alle quali corrisponde uno sforzo tangenziale nullo.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

135
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO Da queste posizioni viene incrementato il carico fino ad arrivare alla condizione di rottura del provino; il percorso seguito pu essere diverso a seconda che la prova avvenga in condizioni drenate o meno. Se la prova avviene in condizioni drenate (CD) allora la variazione di tensioni coincide con la variazione delle tensioni efficaci. La prova viene condotta con un incremento di 1 mantenendo inalterato il valore di 3:

1 0 1 = 10
Da cui si ricava che:
I

3= 0 3 =0
I I

Se la prova drenata possiamo allora dire che:

p=

1 2 2 3

1 3

q = qI pI =3

I 1

I 3

I 1

Facendo il rapporto di queste due espressioni:

Nel caso in cui la prova fosse non drenata allora la sua conduzione avviene comunque con:

10

3=0

per tali variazioni non si riflettono allo stesso modo sulle tensioni efficaci. Nasce una variazione di pressione neutra che definisce un percorso diverso per portare a rottura il provino.

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.

136
CAPITOLO 10: PROVE DI LABORATORIO (Questa pagina intenzionalmente bianca.)

Appunti di GEOTECNICA. Versione 1.3. A cura di GIUSEPPE DELLANA. Redatti con lausilio di StarOffice Writer 5.2. Linux 2.2.17. Mandrake 7.2.