Sei sulla pagina 1di 56
Il percorso verso l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Udine Cattedra di Igiene Dipartimento di Patologia e

Il percorso verso l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Udine

Cattedra di Igiene Dipartimento di Patologia e Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Udine

Silvio Brusaferro

e Clinica Università degli Studi di Udine Silvio Brusaferro Direzione Sanitaria Policlinico Universitario Università

Direzione Sanitaria Policlinico Universitario Università degli Studi di Udine

Finalità delle due aziende

Finalità delle due aziende • Strumento della Facoltà di Medicina e Chirurgia per integrare – Didattica

• Strumento della Facoltà di Medicina e Chirurgia per integrare

– Didattica

– Assistenza

– Ricerca

• Ospedale ad alta specializzazione

• Ospedale ad alta specializzazione

• Ospedale di rete per un bacino di 250.000 abitanti

Polo Ospedaliero Udinese Ospedale Civile Gemona PUGD 1985 2002 vile di vidale Cantiere nuovo ospedale
Polo Ospedaliero Udinese Ospedale Civile Gemona PUGD 1985 2002 vile di vidale Cantiere nuovo ospedale

Polo Ospedaliero Udinese

Ospedale Civile Gemona PUGD

1985 2002 vile di vidale Cantiere nuovo ospedale 1987 1980 1958 1940-58 1965 1939 1977
1985
2002
vile di
vidale
Cantiere nuovo ospedale
1987
1980
1958
1940-58
1965
1939
1977
1950
1939

Ospedale

Ci

Ci

AOSMM

Polo Ospedaliero Udinese

Polo Ospedaliero Udinese

Polo Ospedaliero Udinese
Polo Ospedaliero Udinese

Un breve profilo delle 2 aziende

Un breve profilo delle 2 aziende Anno 2005 AOSMM PUGD Numero SOC 48 27 Posti letto

Anno 2005

AOSMM

PUGD

Numero SOC

48

27

Posti letto

758

327

Ricoveri

32.754

12.360

Ricoveri extraregionali

6%

9%

Peso medio

1.53

1.41

Prestazioni x esterni *

2.095.092

362.093

N

dipendenti

2937

834

N

sperimentazioni

85

198

Budget €

235.328.000

67.660.000

* inclusi laboratori

Alcune strutture ad alta specializzazione a valenza regionale delle 2 aziende (presenza di 1 o
Alcune strutture ad alta specializzazione a valenza regionale delle 2 aziende (presenza di 1 o

Alcune strutture ad alta specializzazione a valenza regionale delle 2 aziende

(presenza di 1 o 2 funzioni in ambIto regionale)

AOSMM

PUGD

Chirurgia cardiotoracica – cardiochirurgia

Ematologia

Neurochirurgia

Reumatologia

Chirurgia vertebro midollare

Farmacologia e tossicologia clinica

Chirurgia vascolare

Genetica

Neonatologia

Malattie infettive

DDiippaarrttiimmeennttii iinntteerraazziieennddaallii UUrroollooggiiaa ((aa ggeessttiioonnee oossppeeddaalliieerraa))
DDiippaarrttiimmeennttii iinntteerraazziieennddaallii
DDiippaarrttiimmeennttii iinntteerraazziieennddaallii
UUrroollooggiiaa ((aa ggeessttiioonnee oossppeeddaalliieerraa))
UUrroollooggiiaa ((aa ggeessttiioonnee oossppeeddaalliieerraa))
NNeeuurroollooggiiaa ((aa ggeessttiioonnee oossppeeddaalliieerraa)
NNeeuurroollooggiiaa ((aa ggeessttiioonnee oossppeeddaalliieerraa)
OOnnccoollooggiiaa ((aa ggeessttiioonnee uunniivveerrssiittaarriiaa))
OOnnccoollooggiiaa ((aa ggeessttiioonnee uunniivveerrssiittaarriiaa))

CCeennttrroo ttrraassffuussiioonnaallee ddii aarreeaa vvaassttaa pprroovviinncciiaa ddii UUddiinnee

EEmmeerrggeennzzaa::

e E E m m e e r r g g e e n n z

TTrraappiiaannttii

n n z z a a : : T T r r a a p p

CCeennttrraallee ooppeerraattiivvaa 111188

SSeeddee ddeelllleelliissooccccoorrssoo rreeggiioonnaallee

DD EE AA

ddii 22°° lliivveelllloo

c c c c o o r r s s o o r r e e
c c c c o o r r s s o o r r e e

Alcune attività rilevanti delle 2 aziende – 2005 -

Alcune attività rilevanti delle 2 aziende – 2005 - Trapianti:   Cuore 27 Fegato 30 Rene

Trapianti:

 

Cuore

27

Fegato

30

Rene

39

Pancreas

1

Midollo osseo

112 (di cui 51 allogenici)

Pronto

 

Soccorso:

Generale

73.890 prestazioni

Pediatrico

15.848 pazienti

Parti

1.793

Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo

Grandi apparecchiature esistenti

Tomografo a emissione di positroni (PET)
Tomografo a emissione di positroni (PET)
Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo assiale computerizzato (TAC)
Tomografo assiale computerizzato (TAC)
IORT
IORT
Gamma camera computerizzata
Gamma camera computerizzata
Sistema per angiografia digitale
Sistema per angiografia digitale
Acceleratori lineari
Acceleratori lineari

Utilizzo grandi tecnologie:

Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore giornaliere

Attività di didattica e di formazione Corso di laurea in Medicina e Chirurgia Corsi di

Attività di didattica e di formazione

Corso di laurea in Medicina e Chirurgia

Corsi di laurea specialistica

Scienza dello sport Scienze Infermieristiche e ostetriche (interateneo con TS) Biotecnologie sanitarie (corso interfacoltà)

Corsi di laurea di primo livello

Fisioterapia Infermieristica Ostetricia Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro (interateneo con TS) Tecniche di laboratorio biomedico Tecniche di neurofisiopatologia Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia

Corsi interfacoltà

Educazione professionale Biotecnologie Scienze motorie

Scuole di specializzazione Apparato dirigente ed endoscopia digestiva chirurgica Anatomia Patologica Anestesia e

Scuole di specializzazione

Apparato dirigente ed endoscopia digestiva chirurgica Anatomia Patologica Anestesia e Rianimazione Chirurgia Generale Chirurgia Maxillo-Facciale Chirurgia Plastica e Ricostruttiva Chirurgia Vascolare Dermatologia e Venereologia Ematologia Farmacologia Gastroenterologia Geriatria Ginecologia e Ostetricia Igiene e Medicina Preventiva

Scuole di specializzazione Malattie Infettive Medicina dello Sport Medicina Interna Medicina Legale Microbiologia e

Scuole di specializzazione

Malattie Infettive Medicina dello Sport Medicina Interna Medicina Legale Microbiologia e Virologia Neurologia Oftalmologia Oncologia Ortopedia e Traumatologia Otorinolaringoiatria Patologia Clinica Pediatria Psichiatria Radiodiagnostica Reumatologia

Verso l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Udine

Verso l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Udine

Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99

Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99 • Decreto del Presidente della Giunta regionale n.

• Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 460/Pres., del 27.12.1994, è stata costituita, a far data dall’1.1.1995, l'Azienda ospedaliera “S. Maria della Misericordia” di Udine.

• Decreto del Rettore dell’Università n. 1077, del 21.12.1994, è stata costituito, con decorrenza 1.1.1995, il Policlinico universitario di Udine a gestione diretta.

• All’atto dell’entrata in vigore del DLGS n. 517/1999, avvenuta in data 27.1.2000, l’organizzazione dei servizi sanitari, nell’area udinese, vedeva già costituite le due aziende innanzi richiamate. Le modalità della reciproca collaborazione tra Regione ed Università erano disciplinate dal protocollo di intesa stipulato ai sensi dell’art. 6, comma 1, del DLGS n. 502, del 30.12.1992, di cui alla deliberazione giuntale n. 1926, dd. 11.06.1999,

• Tale situazione ha, pertanto, già in buona parte anticipato gli assetti istituzionali ed organizzativi previsti dal DLGS n. 517/1999; tuttavia, al fine di rafforzare la collaborazione tra Servizio sanitario regionale e Università, si è avviato il percorso giuridico per pervenire al modello aziendale unico di azienda ospedaliero-universitaria auspicato da tale decreto.

Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99

Deliberazione Giunta Regioanle n. 734, del 9.3.2001,

– approva il “Piano di intervento a medio termine per l’assistenza sanitaria e per le aree ad alta integrazione socio – sanitaria per il triennio 2000 – 2002”, che, con riferimento al processo di integrazione sostanziale tra l’azienda ospedaliera “S. Maria della Misericordia” ed il Policlinico universitario a gestione diretta, ha evidenziato la necessità di ridefinire l’assetto edilizio mediante la costituzione di un polo ospedaliero unico.

Delibera della Giunta Regionale n. 446 del 20.12.2001

– Chiede un accordo tra PUGD e AOSMM che contenga le soluzioni per una gestione unificata o dipartimentale per l’utilizzo in comune di spazi, tecnologie e personale di assistenza

Accordo Università Regione del 16.10.2002

– Collaborazione e sinergia nel nuovo Polo Ospedaliero di Udine

– Sviluppo sistema di accoglienza-accettazione e di urgenza-emergenza nel POU

– Integrazione dei servizi di laboratorio e della diagnostica per immagini

– Dipartimenti interaziendali di

• Oncologia

• Urologia

• Neurologia

– Sviluppo tecnologico integrato

Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99

Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99 • Delibera Giunta Regionale n 3529 del 14.11.2003

• Delibera Giunta Regionale n 3529 del 14.11.2003 “linee guida per la gestione del SSR per il 2004”

– Produrre una analisi delle condizioni per il raggiungimento dell’obiettivo della integrazione individuando le possibili opzioni per l’istituzione di un’azienda unica nel “rispetto dei limiti e delle professionalità degli operatori delle due strutture”

• 6 settembre 2004 approvazione PUGD dell’aggiornamento dello studio di fattibilità del nuovo Polo Ospedaliero Udinese (POU)

• Deliberazione Giuntale Regionale n. 3534, del 29.11.2004, “Linee per la gestione del Servizio sanitario regionale nell’anno 2005”,

– è stata ribadita la necessità di dar corso ad ogni azione e provvedimento per la costituzione dell’Azienda ospedaliero- universitaria di Udine.

Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99

Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99 • Legge Regionale 2.2.2005, n. 1, all’art. 3,

Legge Regionale 2.2.2005, n. 1, all’art. 3, comma 1,

– si è prevista l’adozione di ogni opportuna iniziativa al fine di pervenire alla costituzione dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine, previa intesa con l’Università degli studi di Udine, con il Ministero della salute nonché con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca scientifica.

In attuazione di quanto sopra, in data 1.7.2005 è stata sottoscritta,

dal Presidente della Regione e dal Rettore dell’Università degli studi

di Udine, l’intesa recante: “Principi fondamentali propedeutici per la

costituzione dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine”. (DPCM)

Il 9 gennaio 2006 sottoscrizione da parte del Presidente della Giunta regionale e del Magnifico Rettore del Protocollo di intesa tra Regione Friuli Venezia Giulia ed Universita’ degli Studi di Udine per l’organizzazione e il funzionamento dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Udine

Art. 1 (missione dell’AOU di Udine) • L’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine (AOU) è un’azienda di

Art. 1 (missione dell’AOU di Udine)

Art. 1 (missione dell’AOU di Udine) • L’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine (AOU) è un’azienda di rilievo

• L’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine (AOU) è un’azienda di rilievo nazionale e di alta specializzazione la cui finalità è quella di

concorrere pariteticamente al raggiungimento degli obiettivi della programmazione regionale e nazionale in campo assistenziale

alla realizzazione dei compiti istituzionali dell’Università, in particolare delle funzioni della facoltà di medicina e chirurgia (didattica, ricerca ed assistenza).

• … la missione dell’Azienda ospedaliero - universitaria consiste nello svolgimento unitario e coordinato delle funzioni di assistenza, didattica e ricerca, in modo da garantire

alti standard di assistenza sanitaria nel servizio pubblico di tutela della salute,

accrescere la qualità dei processi formativi,

sviluppare le conoscenze biomediche e l’innovazione tecnologica,

valorizzare in modo paritario le funzioni e le attività del personale ospedaliero e del personale universitario.

• La collaborazione deve svilupparsi in modo da garantire il perseguimento degli obiettivi di

qualità,

efficienza,

efficacia,

economicità

appropriatezza del servizio sanitario pubblico,

Art. 5 (Organi istituzionali dell’Azienda ospedaliero-universitaria)

istituzionali dell’Azienda ospedaliero-universitaria) – il direttore generale; – il collegio sindacale;

– il direttore generale;

– il collegio sindacale;

– l’organo di indirizzo.

Art. 4 (Principi per l’organizzazione e il funzionamento delle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria)

delle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria) • ASSISTENZA •   …… • A tal

ASSISTENZA

 

……

A tal fine la dirigenza ospedaliera e quella universitaria vengono parimenti coinvolte e responsabilizzate dalla direzione strategica dell’Azienda ospedaliero- universitaria in merito al perseguimento degli obiettivi assistenziali della medesima.

La determinazione del budget, degli obiettivi, la misurazione dei risultati e la valutazione e la verifica dell’attività svolta in ambito assistenziale conseguono all’applicazione di identiche regole nei confronti dei dirigenti ospedalieri e universitari.

Art. 4 (Principi per l’organizzazione e il funzionamento delle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria)

delle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria) • DIDATTICA • … L’organizzazione e il

DIDATTICA

• … L’organizzazione e il funzionamento dell’attività didattica prevedono che le strutture e le attività didattiche universitarie, volte alla formazione del medico, dello specialista e delle altre figure professionali sanitarie previste dalla programmazione regionale, dispongano di tutto lo spettro della casistica presente nell’Azienda ospedaliero - universitaria nei diversi livelli di complessità e di organizzazione assistenziale, a prescindere dalle diverse tipologie istituzionali di conduzione dei reparti

Art. 4 (Principi per l’organizzazione e il funzionamento delle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria)

delle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria) • RICERCA • … La determinazione dei programmi che

RICERCA

• … La determinazione dei programmi che attuano la politica di ricerca compete all’Università ed alla Regione. Queste ultime concordano con la Direzione generale le modalità del loro espletamento nei limiti dei budget di risorsa che l’Azienda ospedaliero-universitaria ha a disposizione, secondo i meccanismi di cui all’art. 11.

• I programmi di ricerca prevedono il coinvolgimento delle competenze del personale universitario e ospedaliero e vengono sviluppati usufruendo del complesso delle dotazioni e della casistica dell’Azienda ospedaliero- universitaria.

Art. 6 (Organizzazione interna dell’Azienda ospedaliero-universitaria) • 1. L’organizzazione interna dell’Azienda

Art. 6 (Organizzazione interna dell’Azienda ospedaliero-universitaria)

interna dell’Azienda ospedaliero-universitaria) • 1. L’organizzazione interna dell’Azienda

1. L’organizzazione interna dell’Azienda ospedaliero-universitaria, ai sensi dell’art. 3, del D.Lgs. n. 517/1999, è definita mediante l’adozione dell’atto aziendale di cui all’art. 3, comma 1 bis, del D. Lgs. n. 502/1992, redatto sulla base dei principi e criteri individuati con la deliberazione della Giunta regionale n. 834, del 22.04.2005, e con il presente protocollo d’intesa.

• L’organizzazione dipartimentale è il modello ordinario di gestione operativa delle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria.

Art. 6 (Dipartimenti)

Art. 6 (Dipartimenti) • 4. I l Dipartimento ad attività integrata (DAI) rappresenta l’elemento costitutivo

• 4. Il Dipartimento ad attività integrata (DAI) rappresenta l’elemento costitutivo dell’organizzazione dell’Azienda ospedaliero- universitaria, ed è volto ad assicurare l’esercizio integrato delle attività assistenziali, didattiche e di ricerca, attraverso una composizione coerente tra attività assistenziali e settori scientifico- disciplinari ed una gestione unitaria delle risorse economiche, strumentali ed umane

• 5. Il Dipartimento assistenziale (DA) è una tipologia dipartimentale con funzioni strettamente assistenziali.

Art. 6 (Coordinatore scientifico)

Art. 6 (Coordinatore scientifico) • 13. Nell’Azienda ospedaliero-universitaria, in considerazione della rilevanza

• 13. Nell’Azienda ospedaliero-universitaria, in considerazione della rilevanza rivestita dall’attività di ricerca clinica, gestionale, tecnologica e di base, la responsabilità del coordinamento dei programmi di ricerca viene attribuita ad un coordinatore scientifico aziendale, nominato dal direttore generale. Il coordinatore può essere coadiuvato da un comitato scientifico.

Art. 13 (Personale ) • l. La dotazione organica dell’Azienda ospedaliero–universitaria è costituita dal personale

Art. 13 (Personale)

Art. 13 (Personale ) • l. La dotazione organica dell’Azienda ospedaliero–universitaria è costituita dal personale

• l. La dotazione organica dell’Azienda ospedaliero–universitaria è costituita dal personale dell’Azienda ospedaliera "S. Maria della Misericordia" e dal personale universitario tecnico amministrativo che, alla data di cui all’art. 1, comma 1, risulta in servizio presso i predetti enti, salvo quanto previsto al comma 2.

Art. 15 (Organismo di monitoraggio)

Art. 15 (Organismo di monitoraggio) • 1. D’intesa tra Regione e Università, verrà costituito un organismo

• 1. D’intesa tra Regione e Università, verrà costituito un organismo paritetico preposto al monitoraggio dell’attuazione del presente protocollo, con riferimento alla quale produrrà, con cadenza, di regola, semestrale, una relazione ai predetti Enti.

Dove siamo

Dove siamo

Dove siamo

• PROGETTO COMUNE NUOVO OSPEDALE

• 22. 08. 2005 PROGETTO COMUNE NUOVO EDIFICIO LABORATORI Relazione contenente le indicazioni per la progettazione del nuovo Centro Servizi e Laboratorio

• COMITATO DI REGIA

– Direttore generale AOSMM, Presidente PUGD, Direttori Amministrativi, Direttori Sanitari

– Definire con apposito cronogramma, tutte le azioni necessarie alla corretta e pronta attivazione della costituenda Azienda ospedaliero-universitaria di Udine

Il percorso verso l’Azienda Ospedaliero Universitaria diUdine
Il percorso
verso
l’Azienda
Ospedaliero
Universitaria
diUdine
verso l’Azienda Ospedaliero Universitaria diUdine Silvio Brusaferro Cattedra di Igiene Direzione Sanitaria

Silvio Brusaferro

Ospedaliero Universitaria diUdine Silvio Brusaferro Cattedra di Igiene Direzione Sanitaria Dipartimentodi
Ospedaliero Universitaria diUdine Silvio Brusaferro Cattedra di Igiene Direzione Sanitaria Dipartimentodi
Cattedra di Igiene Direzione Sanitaria Dipartimentodi Patologia e Policlinico Universitario   1 Medicina

Cattedra di Igiene

Direzione Sanitaria

Dipartimentodi Patologia e

Policlinico Universitario

 

1

Medicina Sperimentale e Clinica

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine

Finalità delle due aziende • Strumentodella FacoltàdiMedicinae • Ospedaleadalta Chirurgiaper specializzazione
Finalità delle due aziende
• Strumentodella
FacoltàdiMedicinae
• Ospedaleadalta
Chirurgiaper
specializzazione
integrare
–Didattica
–Assistenza
• Ospedaledi reteper
–Ricerca
unbacinodi250.000
abitanti
• Ospedaleadalta
specializzazione
2
Polo Ospedaliero Udinese OspedaleCivile GemonaPUGD 1985 2002 Ospedale Ci viledi Ci vidale Cantiere nuovoospedale
Polo Ospedaliero Udinese
OspedaleCivile
GemonaPUGD
1985
2002
Ospedale
Ci
viledi
Ci
vidale
Cantiere nuovoospedale
AOSMM
1987
1980
1958
1940-58
1965
1939
1977
1950
1939
3
Ci viledi Ci vidale Cantiere nuovoospedale AOSMM 1987 1980 1958 1940-58 1965 1939 1977 1950 1939
Ci viledi Ci vidale Cantiere nuovoospedale AOSMM 1987 1980 1958 1940-58 1965 1939 1977 1950 1939
Polo Ospedaliero Udinese 4
Polo Ospedaliero Udinese
4
Un breve profilo delle 2 aziende Anno2005 AOSMM PUGD Numer o SOC 48 27 Posti
Un breve profilo delle 2 aziende
Anno2005
AOSMM
PUGD
Numer o SOC
48
27
Posti letto
758
327
Ricoveri
32.754
12.360
Ricoveri extraregionali
6%
9%
Peso medi o
1.53
1.41
Prestazioni x esterni *
2.095.092
362.093
N dipendenti
2937
834
N sper i ment azi oni
85
198
Budget €
235.328.000
67.660.000
5
* inclusi laboratori
Alcune strutture ad alta specializzazione a valenza regionale delle 2 aziende (presenza di 1 o
Alcune strutture ad alta specializzazione
a valenza regionale delle 2 aziende
(presenza di 1 o 2 funzioni in ambIto regionale)
AOSMM
PUGD
Chirurgiacardiotoracica–
Ematologia
cardiochirurgia
Neurochirurgia
Reumat ol ogi a
Chi rur gi a ver tebr o mi dol l ar e
Farmacologiaetossicologia
clinica
Chirurgia vascolare
Geneti ca
Neonatologia
Malattie infettive
6
DDiippaarrttiimmeennttii iinntteerarazziieennddaallii UUrroollooggiiaa(a(aggeeststiioonneeoossppeeddaalliieerraa))
DDiippaarrttiimmeennttii iinntteerarazziieennddaallii UUrroollooggiiaa(a(aggeeststiioonneeoossppeeddaalliieerraa))
DDiippaarrttiimmeennttii iinntteerarazziieennddaallii UUrroollooggiiaa(a(aggeeststiioonneeoossppeeddaalliieerraa))
DDiippaarrttiimmeennttii iinntteerarazziieennddaallii
UUrroollooggiiaa(a(aggeeststiioonneeoossppeeddaalliieerraa))
NNeeuurroollooggiiaa((aaggeeststiioonneeoossppeeddaalliieerara)
OnOnccoollooggiiaa (a(a ggeessttiioonnee uunniivveersirsittaaririaa))
CCeennttroro ttrrasasffuussiioonnaallee ddii aarreeaa vvaassttaa –– pprorovivinncciiaa ddii UUddiinnee
vvaassttaa –– pprorovivinncciiaa ddii UUddiinnee • D D E E A A d d i i
vvaassttaa –– pprorovivinncciiaa ddii UUddiinnee • D D E E A A d d i i
vvaassttaa –– pprorovivinncciiaa ddii UUddiinnee • D D E E A A d d i i
vvaassttaa –– pprorovivinncciiaa ddii UUddiinnee • D D E E A A d d i i

DD

EE

AA

ddii 22°°lliivveelllolo

EEmmeergrgeennzzaa::

i i v v e e l l lo lo E E m m e e
•CCeennttrraalleeooppeerraattiivvaa111188 •SSeeddeeddeellll’’eelliissooccccoorrssoo rreeggiioonnaallee
•CCeennttrraalleeooppeerraattiivvaa111188
•SSeeddeeddeellll’’eelliissooccccoorrssoo
rreeggiioonnaallee
TTrarapipiaannttii
7
•SSeeddeeddeellll’’eelliissooccccoorrssoo rreeggiioonnaallee TTrarapipiaannttii 7
•SSeeddeeddeellll’’eelliissooccccoorrssoo rreeggiioonnaallee TTrarapipiaannttii 7
Alcune attività rilevanti delle 2 aziende – 2005 - Trapianti: Cuore 27 Fegato 30 Rene
Alcune attività rilevanti delle 2
aziende – 2005 -
Trapianti:
Cuore
27
Fegato
30
Rene
39
Pancreas
1
Midollo osseo
112 (di cui 51 allogenici)
Pronto
Soccorso:
Generale
73.890 prestazioni
Pediatrico
15.848 pazienti
Parti
1.793
8
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a

Grandi apparecchiature esistenti

Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Grandi apparecchiature esistenti Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM)

Tomografo a emissione di positroni (PET)

Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo
Tomografo a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo

Gamma camera computeri zzata

a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo assiale
a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo assiale
a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo assiale
a emissione di positroni (PET) Gamma camera computeri zzata Tomografo a risonanza magnetica (RM) Tomografo assiale
Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo a risonanza magnetica (RM)
Tomografo assiale computerizzato (TAC) I ORT
Tomografo assiale computerizzato (TAC)
I ORT

Utilizzo grandi tecnologie:

giornaliere

Sistema per angiografia digitale
Sistema per angiografia digitale
Acceleratori lineari
Acceleratori lineari

9

giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore

Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore

giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
giornaliere Sistema per angiografia digitale Acceleratori lineari 9 Attive 6 giorni alla settimana per 12 ore
Attività di didattica e di formazione Corso di laurea i n Medici na e Chirurgia
Attività di didattica e di formazione
Corso di laurea i n Medici na e Chirurgia
Corsi di laurea specialistica
Scienza dello sport
Scienze Infermieristiche e ostetriche (interateneo con TS)
Biotecnologie sanitarie (corso interfacoltà)
Corsi di laurea di primo livello
Fisioterapia
Infermieristica
Ostetrici a
Tecni che del l a prevenz i one nel l ’ ambi ente e nei l uoghi di l avoro ( i nterat eneo con TS)
Tecni che di l aborat ori o bi omedi co
Tecniche di neurofisiopatologia
Tecni che di r adi ol ogi a medica, per i mmagi ni e radiot er api a
Corsi interfacoltà
Educazione professionale
Biotecnologie
Scienze motorie
10
Scuole di specializzazione Apparato dirigente ed endoscopia digestiva chirurgica Anatomia Patologica Anestesia e
Scuole di specializzazione
Apparato dirigente ed endoscopia digestiva
chirurgica
Anatomia Patologica
Anestesia e Rianimazione
Chirurgia Generale
Chirurgia Maxillo-Facciale
Chirurgia Plastica e Ricostruttiva
Chirurgia Vascolare
Dermatologia e Venereologia
Emat ologi a
Far macol ogia
Gastroenterologia
Geriatria
Ginecologia e Ostetricia
IgieneeMedicinaPreventiva
11
Scuole di specializzazione Malattie Infettive Medicina dello Sport Medicina Interna Medicina Legale Microbiologia e
Scuole di specializzazione
Malattie Infettive
Medicina dello Sport
Medicina Interna
Medicina Legale
Microbiologia e Virologia
Neurologia
Oftalmologia
Oncologia
Ortopedia e Traumatologia
Otorinolaringoiatria
Patologia Clinica
Pediatria
Psichiatria
Radiodiagnostica
Reumatologia
12
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13

Versol’AziendaOspedaliero

UniversitariadiUdine

Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13

13

Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Versol’AziendaOspedaliero UniversitariadiUdine 13
Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99 • Decretodel
Percorso intesa Università Regione
per l’applicazione del D Lgs 517/99
• Decretodel PresidentedellaGiuntaregionalen. 460/Pres., del
27.12.1994, èstatacostituita, afar datadall’1.1.1995, l'Azienda
ospedaliera “S. Maria della Misericordia” di Udine.
• Decreto del Rettore dell’Università n. 1077, del 21.12.1994, è stata
costituito, con decorrenza 1.1.1995, il Policlinico universitario
di
Udine a gestione diretta.
• All’attodell’entratainvigoredel DLGSn. 517/1999, avvenutaindata
27.1.2000, l’organizzazionedei servizi sanitari, nell’areaudinese,
vedeva già cost i t ui t e l e due azi ende innanzi r ichiamat e. Le modal i t à
della reciproca collaborazione tra Regione ed Università erano
disciplinate dal protocollo di intesa stipulato ai sensi dell’art. 6,
comma 1, del DLGS n. 502, del 30.12.1992, di cui alla
deliberazione giuntale n. 1926, dd. 11.06.1999,
• Tale situazione ha, pertanto, già in buona parte anticipato gli assetti
istituzionali ed organizzativi previsti dal DLGS n. 517/1999; tuttavia,
al
fine di rafforzare la col laborazione tra Servizio sanitario regional e
e
Università, si è avviato il percorso giuridico per pervenire al
modelloaziendaleunicodi aziendaospedaliero-universitaria
auspicatodataledecreto.
14
Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99 • Deliberazione Giunta Regioanle n.
Percorso intesa Università Regione
per l’applicazione del D Lgs 517/99
• Deliberazione Giunta Regioanle n. 734, del 9.3.2001,
appr ova i l “ Pi ano di i nt ervent o a medi o t er mi ne per l ’ assi stenza sani tar i a e per l e ar ee
ad
alta integrazione socio – sanitaria per il triennio 2000 – 2002”, che, con riferimento al
pr
ocesso di i ntegrazi one sost anzi al e tr a l ’ azi enda ospedal i er a “ S. Mar i a del l a
Misericordia” ed il Policlinico universitario a gestione diretta, ha evidenziato la necessità
di
ridefinire l’assetto edilizio mediante la costituzione di un polo ospedaliero unico.
• Delibera della Giunta Regionale n. 446 del 20.12.2001
Chiede un accordo tra PUGD e AOSMM che contenga le soluzi oni per una gesti one
unificata o dipartimentale per l’utilizzo in comune di spazi, tecnologie e personale di
assistenza
• AccordoUniversità Regione del 16.10.2002
Collaborazione e sinergia nel nuovo Polo Ospedaliero di Udine
Svi
luppo sistema di accoglienza-accettazione e di urgenza-emergenza nel POU
Integr azi one dei ser vi zi di l abor ator i o e del l a di agnosti ca per i mmagi ni
Dipartimenti interaziendali di
• Oncologia
• Urologia
• Neurologia
Sviluppo tecnologico integrato
15
Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99 •
Percorso intesa Università Regione
per l’applicazione del D Lgs 517/99
• DeliberaGiuntaRegionalen3529del14.11.2003“linee
guidaperlagestionedelSSRperil2004”
Produrre una analisi delle condizi oni per il raggiungimento
dell’obiettivodellaintegrazioneindividuandolepossibili opzioni
per l’istituzionedi un’aziendaunicanel “rispettodei limiti edelle
professionalitàdegli operatori delleduestrutture”
• 6 set t embr e 2004 appr ovazi one PUGD
del l ’ aggi or nament o del l o st udi o di f at t i bi l i t à del nuovo
PoloOspedalieroUdinese(POU)
• Deliberazione Giuntale Regionale n. 3534, del
29.11.2004, “LineeperlagestionedelServiziosanitario
regionalenell’anno2005”,
èstataribaditalanecessitàdi dar corsoadogni azionee
provvedimentoper lacostituzionedell’Aziendaospedaliero-
universitariadi Udine.
16
Percorso intesa Università Regione per l’applicazione del D Lgs 517/99 • Legge Regi onal e
Percorso intesa Università Regione
per l’applicazione del D Lgs 517/99
• Legge Regi onal e 2. 2. 2005, n. 1, al l ’ art . 3, comma 1,
si è prevista l’adozione di ogni opportuna iniziativa al fine di pervenire
alla costituzione dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine, previa
i nt esa con l ’ Uni ver si t à degl i st udi di Udi ne, con i l Mi ni st er o del l a sal ute
nonché con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca
scientifica.
• Inattuazionedi quantosopra, indata1.7.2005èstatasottoscritta,
dal Presidente della Regione e dal Rettore dell’Università degli studi
di
Udine, l ’i ntesa recante: “Princi pi fondamental i propedeutici per l a
costituzione dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine”.
(DPCM)
• 9gennaio2006sottoscrizionedapartedel Presidentedella
Giunt a r egi onale e del Magni f ico Ret t or e del Prot ocol l o di i nt esa
Il
tra Regione Friuli Venezia Giulia ed Universita’ degli Studi di
Udi ne per l ’ organi zzazi one e i l f unzi onament o del l ’ Azi enda
Ospedaliero – Universitaria di Udine
17
Art. 1 (missionedell’AOUdiUdine) • L’ Azi enda ospedal i ero-uni versi tari a di Udi
Art. 1
(missionedell’AOUdiUdine)
• L’ Azi enda ospedal i ero-uni versi tari a di Udi ne (AOU) è un’azienda di rili evo nazionale
e di alta specializzazione la cui finalità è quella di
– concorrere pariteticamente al raggiungimento degli obiettivi della programmazione
regionale e nazionale in campo assistenziale
– al l a realizzazione dei compiti istituzionali del l’Universi tà, in parti colare del le funzioni
della facoltà di medicina e chirurgia (didattica, ricerca ed assistenza).
• …la missione dell’Azienda ospedaliero - universitaria consiste nello svolgimento
unitario e coordinato delle funzioni di assistenza, didattica e ricerca, in modo da
garantire
– alti standard di assistenza sanitaria nel servizio pubblico di tutela della salute,
– accr escer e l a qual i t à dei pr ocessi f or mat i vi ,
– sviluppare le conoscenze biomediche e l’innovazione tecnologica,
– valorizzare in modo paritario le funzioni e le attività del personale ospedaliero e del
personale universitario.
• La collaborazione deve svilupparsi in modo da garantire il perseguimento degli
obiettivi di
– qualità,
– efficienza,
– efficacia,
– economicità
– appropriatezza del servizio sanitario pubblico,
18
Art. 5 (Organi istituzionali dell’Azienda ospedaliero-universitaria) –ildirettoregenerale; – il
Art. 5
(Organi istituzionali dell’Azienda
ospedaliero-universitaria)
–ildirettoregenerale;
– il collegiosindacale;
– l’organo di indirizzo.
19
Art. 4 (Principi per l’organizzazione e il funzionamentodelle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria)
Art. 4
(Principi per l’organizzazione e
il funzionamentodelle attività
dell’Azienda ospedaliero-universitaria)
• ASSISTENZA
……
Atalfineladirigenzaospedalieraequellauniversitaria
vengonoparimenticoinvolteeresponsabilizzatedalla
direzione strategica dell’Azienda ospedaliero-
uni
ver si t ar i a i n mer i t o al per segui ment o degl i obi et t i vi
assi st enzi al i del l a medesi ma.
La det er mi nazi one del budget , degl i obi et t i vi , l a
mi
sur azi one dei ri sul t at i e l a val ut azi one e l a ver i f i ca
del l ’ at t i vi t à svol t a i n ambi t o assi st enzi al e conseguono
all’applicazione di identiche regole nei confronti dei
dirigenti ospedalieri e universitari.
20
Art. 4 (Principi per l’organizzazione e il funzionamentodelle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria)
Art. 4
(Principi per l’organizzazione e
il funzionamentodelle attività
dell’Azienda ospedaliero-universitaria)
• DIDATTICA
…L’organizzazioneeil funzionamento
dell’attività didattica prevedono che le strutture e
leattivitàdidatticheuniversitarie, voltealla
formazionedel medico, dellospecialistaedelle
altrefigureprofessionali sanitarieprevistedalla
programmazioneregionale, disponganodi tutto
lo spettro della casistica presente nell’Azienda
ospedaliero- universitarianei diversi livelli di
complessità e di organizzazione assistenziale, a
prescinderedallediversetipologieistituzionali di
conduzionedei reparti
21
Art. 4 (Principi per l’organizzazione e il funzionamentodelle attività dell’Azienda ospedaliero-universitaria)
Art. 4
(Principi per l’organizzazione e
il funzionamentodelle attività
dell’Azienda ospedaliero-universitaria)
• RICERCA
…La determinazione dei programmi che attuano la
politicadiricercacompeteall’UniversitàedallaRegione.
Quest e ul t i me concor dano con l a Di r ezi one gener al e l e
modal i t à del l oro espl et ament o nei l i mi t i dei budget di
risorsachel’Aziendaospedaliero-universitariahaa
di
sposi zi one, secondo i meccani smi di cui al l ’ ar t . 11.
I
pr ogr ammi di r i cer ca pr evedono i l coi nvol gi ment o del l e
compet enze del per sonal e uni ver si t ar i o e ospedal i er o e
vengono svi l uppat i usuf r uendo del compl esso del l e
dotazioni e della casistica dell’Azienda ospedaliero-
universitaria.
22
Art. 6 (Organizzazione interna dell’Azienda ospedaliero-universitaria) • 1. L’organizzazione interna
Art. 6
(Organizzazione interna dell’Azienda
ospedaliero-universitaria)
• 1. L’organizzazione interna dell’Azienda
ospedaliero-universitaria, ai sensi dell’art.
3, del D.Lgs. n. 517/1999, è definita
mediante l’adozione dell’attoaziendale di
cui all’art. 3, comma 1 bis, del D. Lgs. n.
502/1992, redatto sulla base dei principi e
criteri individuati con la deliberazione della
Giunta regionale n. 834, del 22.04.2005, e
conil presente protocollod’intesa.
• L’organizzazione dipartimentale è il modello
ordinario di gestione operativa delle attività
dell’Azienda ospedaliero-universitaria.
23
Art. 6 (Dipartimenti) • 4. Il Dipartimentoadattivitàintegrata(DAI) rappresenta l’elemento costitutivo
Art. 6
(Dipartimenti)
• 4. Il Dipartimentoadattivitàintegrata(DAI)
rappresenta l’elemento costitutivo
dell’organizzazionedell’Aziendaospedaliero-
universitaria, ed è volto ad assicurare l’esercizio
integratodelleattivitàassistenziali, didattichee
di r icer ca, at t r aver so una composi zi one coer ent e
tra attività assistenziali e settori scientifico-
disciplinari ed una gestione unitaria delle risorse
economiche, strumentali ed umane
• 5. Il Dipartimentoassistenziale(DA) èuna
tipologiadipartimentaleconfunzioni
strettamenteassistenziali.
24
Art. 6 (Coordinatore scientifico) • 13. Nell’Azienda ospedaliero-universitaria, in considerazione della rilevanza
Art. 6
(Coordinatore scientifico)
13. Nell’Azienda ospedaliero-universitaria,
in considerazione della rilevanza rivestita
dall’attivitàdi ricercaclinica, gestionale,
tecnologicaedi base, laresponsabilitàdel
coordinamento dei programmi di ricerca
viene attribuita ad un coordinatore
scientificoaziendale, nominatodal
direttore generale. Il coordinatore può
essere coadiuvato da un comitato
scientifico.
25
Art.13 (Personale) • l. La dotazione organica dell’Azienda ospedaliero–universitariaècostituitadal personale
Art.13
(Personale)
l. La dotazione organica dell’Azienda
ospedaliero–universitariaècostituitadal
personale dell’Azienda ospedaliera "S.
Maria della Misericordia" e dal personale
universitariotecnicoamministrativoche,
alla data di cui all’art. 1, comma 1, risulta
in servizio presso i predetti enti, salvo
quantoprevistoal comma2.
26
Art. 15 (Organismo di monitoraggio) • 1. D’intesa tra Regione e Università, verrà costituito un
Art. 15
(Organismo di monitoraggio)
1. D’intesa tra Regione e Università, verrà
costituito un organismo paritetico preposto
al monitoraggiodell’attuazionedel
presente protocollo, con riferimento alla
quale produrrà, con cadenza, di regola,
semestrale, una relazione ai predetti Enti.
27
Dovesiamo • PROGETTO COMUNE NUOVO OSPEDALE • 22. 08. 2005 PROGETTO COMUNE NUOVO EDI FI
Dovesiamo
• PROGETTO COMUNE NUOVO OSPEDALE
• 22. 08. 2005 PROGETTO COMUNE NUOVO EDI FI CI O
LABORATORI Relazione contenente le indicazioni per la
progettazione del nuovo Centro Servizi e Laboratorio
• COMI TATO DI REGI A
– Dir et t or e gener al e AOSMM, Pr esi dent e PUGD, Dir et t or i
Ammi nistrati vi, Direttori Sanitari
– Definireconappositocronogramma, tutteleazioni necessarie
allacorrettaeprontaattivazionedellacostituendaAzienda
ospedaliero-universitariadi Udine
28