Sei sulla pagina 1di 20

ECONOMIA POLITICA, parte 2

– macroeconomia

Alcuni grafici sono tratti da Goodwin, et al.

Macroeconomics in Context

Global Development And Environment Institute Tufts University

La contabilità nazionale

La ricchezza nazionale ha una componente stock (il valore dei beni che possediamo) ed una flusso (il valore

generato con la produzione): la nostra variabile fondamentale è il reddito

calcola come:

aggregato (flusso), che si

valore aggiunto della produzione = somma dei redditi percepiti dai fattori della produzione.

(la dimensione stock non viene integralmente valorizzata – ci sono stime di ricchezza finanziaria e patrimonio immobiliare)

Valore aggiunto = valore della produzione (Offerta) Redditi percepiti = vengono poi spesi (Domanda)

Valore aggiunto a livello di singola attività produttiva: valore delle vendite – costo degli input esterni = valore creato dall’impresa.

Valore aggiunto aggregato:

somma dei valori aggiunti di tutte le attività produttive + produzione pubblica stimata al costo di produzione

Variabili macroeconomiche – il circuito produzione-consumo

Production Firms Y (produce GDP) I Government Consumers G C Spending NX Rest of the
Production
Firms
Y
(produce
GDP)
I
Government
Consumers
G
C
Spending
NX
Rest of the World
C + I + G + NX

Y: reddito prodotto (lato offerta) C: consumi I: investimenti G: saldo spese –entrate pubbliche NX: saldo esportazioni – importazioni

Dinamica della produzione del reddito

La contabilità macroeconomica

FONTI IMPIEGHI consumi C PIL2
FONTI
IMPIEGHI
consumi
C
PIL2

PIN

Y

I

investimenti nuovo cap. investito vecchio capitale investito
investimenti
nuovo cap.
investito
vecchio
capitale
investito

PIN

Y

Yam

valore aggiunto o PIL (rosso e arancione)

PIN ammortamento
PIN
ammortamento
Yam valore aggiunto o PIL (rosso e arancione) PIN ammortamento consumo del capitale Yam K capitale
consumo del
consumo del

capitale

Yam

K

capitale

investito

T0

T1

T2

Insieme di dati : Principali aggregati del Prodotto interno

 

lordo (milioni di euro)

Territorio

Italia

 

Misura

valori assoluti

 

Valutazione

prezzi correnti

 

Periodicità

annuale

 

Edizione

Mar-2011

 

Anno

 

2000

 

2001

 

2002

 

2003

2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

Aggregati del PIL

       

B1XG_1: PIL DAL LATO DELLA PRODUZIONE

 

1191057,32

 

1248648,103

 

1295225,718

 

1335353,722

1391530,162

1429479,262

1485377,343

1546177,392

1567761,359

1519702,241

1548816,176

P1: Produzione di beni e servizi ai prezzi base

 

2314487,15

 

2437302,461

 

2514946,964

 

2587886,627

2699466,056

2792585,208

2933201,445

3073883,826

3133162,178

2876812,469

2987434,15

P2: Consumi intermedi ai prezzi d'acquisto

 

1250450,83

 

1314325,359

 

1349528,245

 

1384146,905

1447445,895

1508140,946

1608421,102

1691007,434

1724177,82

1509131,228

1600491,974

B1G: Valore aggiunto ai prezzi base

 

1064036,32

 

1122977,103

 

1165418,718

 

1203739,722

1252020,162

1284444,262

1324780,343

1382876,392

1408984,359

1367681,241

1386942,176

D21: Imposte sui prodotti

 

140635

 

139774

 

143762

 

144541

152942

156558

170546

174702

170111

163702

174140

D31: Contributi ai prodotti

 

13614

 

14103

 

13955

 

12927

13432

11523

9949

11401

11334

11681

12266

B1XG_2: PIL DAL LATO DELLA SPESA

 

1191057,32

 

1248648,103

 

1295225,718

 

1335353,722

1391530,162

1429479,262

1485377,343

1546177,392

1567761,359

1519702,241

1548816,176

P3: Spesa per i consumi finali

 

933426,6402

 

974536,6834

 

1009105,68

 

1051967,834

1092051,694

1134795,516

1176703,947

1211726,774

1245527,473

1238548,423

1263509,048

P3_S14: Spesa per i consumi finali delle famiglie residenti

 

709830,1

 

733562,3

 

755855,2

 

784332,6

810735,4

838637,1

871768,1

901671,3

922979,4

906095,1

928508,3

P3_S15: Spesa per i consumi finali delle ISP

 

3868,540236

 

4117,383449

 

4467,479803

 

4693,234161

5078,293643

5340,41629

5675,847219

5874,473757

5977,072631

6205,323433

6393,747967

P3_S13: Spesa per i consumi finali delle Aa.Pp.

 

219728

 

236857

 

248783

 

262942

276238

290818

299260

304181

316571

326248

328607

P31_S13: Spesa per consumi individuali delle Aa.Pp.

 

128958

 

140153

 

146799

 

152862

160027

169915

176978

180103

186985

191096

193523

P32_S13: Spesa per consumi collettivi delle Aa.Pp.

 

90770

 

96704

 

101984

 

110080

116211

120903

122282

124078

129586

135152

135084

P41: Spesa per i consumi finali, di cui: spesa per i consumi individuali effettivi

 

842656,6402

 

877832,6834

 

907121,6798

 

941887,8342

975840,6936

1013892,516

1054421,947

1087648,774

1115941,473

1103396,423

1128425,048

P5: Investimenti lordi

 

246489,3151

 

256972,9594

 

273677,3387

 

275984,8945

289418,7872

295755,6515

321058,4595

338150,1073

332963,9445

287387,2132

312741,6946

P51: Investimenti fissi lordi

 

242028,4391

 

253778,0503

 

270888,8803

 

271776,1834

285467,834

296375,3809

313325,1899

327907,9504

325507,1579

289679,5335

301285,7462

P52: Variazione delle scorte

 

660,770127

 

1464,624605

 

1070,007966

 

2435,496727

1640,870315

-2561,39901

5146,83412

7468,210308

5086,418428

-4423,78482

8845,003497

P53: Oggetti di valore

 

3800,105881

 

1730,284494

 

1718,450439

 

1773,214426

2310,08295

1941,669535

2586,435482

2773,946623

2370,368211

2131,464555

2610,944901

P6: Esportazioni di beni e servizi

 

322247,5

 

338263,5

 

333219,2

 

327913,1

352850,3

370835,8

411831,2

448236,8

450543

362448,6

414728,4

P7: Importazioni di beni e servizi

 

311107

 

321125,2

 

320776,2

 

320512,2

342790,6

371907,5

424216,3

451936,2

461272,6

368681,8

442162,8

B1XG_3: PIL DAL LATO DEL REDDITO

 

1191057,32

 

1248648,103

 

1295225,718

 

1335353,722

1391530,162

1429479,262

1485377,343

1546177,392

1567761,359

1519702,241

1548816,176

D1: Redditi da lavoro dipendente

 

467392,8

 

493295

 

516009,9

 

536230,1

555485,9

581994,8

608863,9

632656,4

657235,2

649423,2

654835,5

B2G_B3G: Risultato di gestione + reddito misto

 

561901,52

 

592369,1029

 

609487,8183

 

627902,6218

656257,2615

659192,462

670512,4427

701824,9916

709546,6586

682655,0412

694349,6758

D2: Imposte sulla produzione e le importazioni

 

180890

 

183471

 

189861

 

190811

199183

206537

224314

231364

220897,5

209883

220454

D3: Contributi

 

19127

 

20487

 

20133

 

19590

19396

18245

18313

19668

19918

22259

20823

Dati estratti il 31 août 2011, 21h20 UTC (GMT), da I.Stat

PNL prodotto nazionale lordo = somma V.A. della nazione (+imprenditori italiani anche se prodotto all’estero, – valore prodotto da stranieri in Italia)

PIL prodotto interno lordo = somma V.A. prodotto sul territorio italiano

PNL – ammortamenti capitale fisso = PNN

PIL – ammortamenti capitale fisso = PIN

Non si tiene conto della riproducibilità del capitale non-fisso (naturale, sociale, MP…)

Se togliamo le imposte indirette dal prodotto otteniamo il reddito ai prezzi di mercato

Reddito potenziale = quello che otterremmo se tutti i fattori (K e L) fossero impiegati

Reddito a prezzi correnti = valore della produzione al livello dei prezzi dello stesso anno

Reddito a prezzi costanti = valore della produzione al livello dei prezzi di un anno di riferimento

Reddito reale = misura la capacità effettiva d’acquisto, viene depurato dall’inflazione (p.p.p.)

p.p.p. = parità di potere d’acquisto: stima del reddito “come se” i prezzi fossero gli stessi (per comparare

il reddito reale tra paesi diversi)

Reddito e benessere Y misura bene il benessere?

NO, è una misura di “attività economica”

Sono state espresse diverse critiche ed elaborate tecniche di “correzione”

Il GPI tiene conto del degrado ambientale e di alcuni costi sociali

conto del degrado ambientale e di alcuni costi sociali Il GPI dimostra che negli ultimi 35

Il GPI dimostra che negli ultimi 35 anni il nostro benessere è diminuito: lavoriamo di più per essere in grado di lavorare di più, spendiamo per poter guadagnare… (ad esempio spese di trasporto)

Qual è la composizione settoriale del PIL?

!'(#$,-/#.$9$,0)=='$%$+, ,!'(#$,-/#.$9$,

-&%$*'$,/,0/#-&4*'$,

<2,

!E.$(F,-.&'(/,5*,

G*;$"'$/,/,%&4.$./49/,

<2,

!"#$%&'()#*+,-$'.$%&'()#*,/,

,!E.$(F,

0/-%*,

#$%#/*?./+,

12,

%)'()#*'$,/,

-0&#?./,

<2,

I2, :2, 3-(#)9$&4/, D2,
I2,
:2,
3-(#)9$&4/,
D2,
!E.$(F,$;;&=$'$*#$+, 4&'/""$&+,$4G&#;*?%*+, #$%/#%*,/,-/#.$9$,*''/, $;0#/-/,
!E.$(F,$;;&=$'$*#$+,
4&'/""$&+,$4G&#;*?%*+,
#$%/#%*,/,-/#.$9$,*''/,
$;0#/-/,
112,
34(/#;/5$*9$&4/,
;&4/(*#$*,/,

H*4$(F,/,*--$-(/49*,-&%$*'/,

345)-(#$*,$4,-/4-&,-(#/6&, 172, 8&-(#)9$&4$, :2, 8&;;/#%$&,,/, #$0*#*9$&4$,,
345)-(#$*,$4,-/4-&,-(#/6&,
172,
8&-(#)9$&4$,
:2,
8&;;/#%$&,,/,
#$0*#*9$&4$,,
<<2,
A#*-0&#?+,
@2,
;*"*99$4*""$&,/,

H/#.$9$,"/4/#*'$,5/''*,

0)=='$%*,*;;$4$-(#*9$&4/,

/,*--$%)#*9$&4/,-&%$*'/,

&=='$"*(&#$*,

:2,

!'=/#">$,/,#$-(&#*4?,

C4*49$*#$*,

D2,

%&;)4$%*9$&4$,

B2,

7

CRESCITA(ED(EQUILIBR IO(MACROECONOMICO (

Consideriamo il PIL

Y = AD condizione di equilibrio, produzione = domanda aggregata, cioè la spesa

AD = C + I + G + NX la domanda si compone di consumi, investimenti, avanzo del bilancio pubblico, saldo della bilancia dei pagamenti

A causa della natura di processo sequenziale della produzione, la domanda effettiva può divergere dalla produzione, quindi Y = AD è solo una condizione di equilibrio

La spirale recessiva

AD#

AD 1 $ al$tempo$t 1 $ può$essere$inferiore$a$Y 1 $ (programmata$al$tempo$t 0 $ $

In$base$a$AD 0 ).$In$questo$caso$le$imprese$accumulano$scorte$e$$

Programmano$un$Y 2 $ inferiore$per$il$futuro.$D<S→P↓ $

Lo$scarto$inflazionistico $

Se$ AD 1 $ al$tempo$t 1 $

p rogrammano$un$Y

è$superiore$a$Y 1 $ :$$D>S→P↑$ e$le$imprese$$

2 $ maggiore$ed$investono$aumentando$AD $

AD#=#Y # Y #
AD#=#Y #
Y #

La$spirale$recessiva$

$ Vi$sono$due$visioni$del$problema$ output (Y*) Production Gli$ economisti$ liberal M conservatori$ sostengono$
$
Vi$sono$due$visioni$del$problema$
output (Y*)
Production
Gli$ economisti$ liberal M conservatori$ sostengono$
che$se$ AD<Y$allora$P$si$ riducono,$i$consumatori$
allora$ aumentano$ C$ e$ si$ ritorna$ rapidamente$ e$
all’equilibrio$di$pieno$impiego. $
generates
Income goes
income
to households
income (Y*)
lower income
L’osservazione$della$dinamica$economica$ci$dice$
invece$che$se$AD 1 <Y 1 ,$gli$imprenditori$rallentano$
la$produzione$lasciando$degli$input$d isoccupati.$
Questo$ riduce$ la$ base$ dei$ consumi$ in$ quanto$
diminuiscono$ i$ redditi.$ I$ prezzi$ difficilmente$
scendo$a$compensare$la$perdita$di$reddito:$C 2 ↓$
e$a $ questo$punto$AD 2 ↓. $
If leakages
are larger
than
lower output
lower spending
AD = lower Y
injections…
Insufficient spending
AD < Y*
$
In$questo$modo$si$instaura$un$equilibrio$di$
sotto M occupazione $
$
$

La$presente$crisi$finanziaria$(Baldwin,*2011)*

$

$
$

$

I Consumi

AD#

AD#=#Y #

C=C*+cY d #

C $ è$la$componente$più$elevata$e$più$stabile$della$domanda$$

In$generale$non$aumentano$nella$stessa$misura$della$crescita$del$PIL$e$diminuiscono$di$meno$in$caso$di$

calo$di$Y.$Di$conseguenza$C$si$può$scomporre$funzionalmente$in$questo$modo:$

c #

C* #

C$=$C*$+$cY d $

Con$0<c<1$propensione$media$al$consumo,$ c+s= 1$$$ con$s $ prop ensione$media$ al$risparmio $

Y #

C* $ è$una$costante$e$Y d $ è$il$reddito$disponibile$(tolte$le$tasse$e$sommati$i$trasferimenti$dalle$AP)$

Quindi,$se$Y ↑,$ C$aumenta$ in$modo$meno$che$proporzionale$

in$quanto$i$consumatori$risparmiano $

se$ Y ,$ C $ diminuisce $ in$modo$meno$che$proporzionale$

in$quanto$i$consumatori$danno$fondo$ai$risparmi$o$ $

si$indebitano$per$consumare$

$ in$modo$meno$che$proporzionale$ in$quanto$i$consumatori$danno$fondo$ai$risparmi$o$ $ si$indebitano$per$consumare$ 11

Il#moltiplicatore#del#reddito#

AD#

AD#=#Y #

C=C*+cY d #

$

Analisi$dinamica:$cosa$succede$a$Y $ se$varia$“autonomamente”$C $ ( ∆ C $ non$dovuto$a$Y,$quindi$legato$a$C* )? $

$

differenziando:$$∆ Y$=$∆C*$+∆ c Y

∆ Y$ M $ ∆ c Y$=$∆C* $

∆ Y(1$ – $ c )$=$∆C* $

∆ Y$=$∆C*/(1 M c ) $

se$pongo$1/(1$ – $ c)$= α #

∆ Y$=$∆C* α# #

con$α $ >$1$in$quanto$0< c<1$ $

C #

C* * #

C* #

∆ Y # Y2# Y1#
∆ Y #
Y2#
Y1#

quindi$$∆ Y$ aumenta$in$misu ra$maggiore$di$ ∆ C* $

più$ si$ consuma$ (>c)(e$ meno$ si$ risparmia)$ più$ un$ aumento$ di$ spesa$ ha$ un$ impatto$ moltiplicato$sul$reddito:$ se$c=80%$∆Y$è$5$volte$∆C $

Gli investimenti

Sono$una$variabile$molto$più$instabile$

La$visione$neoclassica:$ dipendono$dai$rendimenti$attesi$e$dal$tasso$d’interesse$

i #

j #

se$ordino$in$ordine$decrescente$di$rendimento$(attualizzando$$

i$probabili$profitti)$gli$investimenti$possibili$ottengo$una$$

curva$decrescente. $

Vengono$effettuati$gli$investimenti$con$rendimento$superiore$

ad$$ i 0 $ $ M $ costo$opport unità$del$denaro . $

Se$ i $ aumenta:$si$riducono$gli$investimenti$redditizi $

Se$ i $ diminuisce,$si$espande$il$volume$di$I$redditizi$

La$visione$keynesiana:$

Gli$ investimenti$ dipendono$ inversamente$ dall’incertezza.$ Gli$ imprenditori$ tagliano$ I$ quando$ sono$ in$ condizion i$di$incertezza.$Aumentano$I$quando$prevedono$un’espansione$non$temporanea$delle$vendite.$

Dal$punto$di$vista$funzionale:$$$ $ I# =# d# – # bi# # # # dove$ b$ misura$ la$ sensibilità$ di$ I$ a$ i $ e$ d $ rappresenta$ gli$ investimenti$massimi$effettuabili$(che$dipendono$dalle$aspettative) $

La$nostra$ora$diviene$$$$AD#=#C*#+#cY#+d# – bi######## o$meglio #####AD#=#cY#+(C*+d# – bi) #

i

0 #

I 0 # I #
I 0 #
I #

L’acceleratore #

$

Quando$le$imprese$percepiscono$un$aumento$non$temporaneo$delle$domanda$investono$per$adeguare$il$

capitale$ produttivo$ alle$ esigenze$ dell’aumentata$ domanda.$ ∆ Y $ include$ ∆ C $ e$ ∆ I,$ quindi$ il$ processo$ è$

$

circolare$e$l’aumento$del$reddito$dipende$dalle$aspettative.$Quale$rapporto$∆I/∆Y?

I$=$∆K$ produttivo,$$$$$$

moltiplicando$e$dividendo$per$∆Y$

I$=($∆K/∆Y)*∆Y $$

chiamo $$ ∆K/∆Y$= $ v$$$$$$$$ e$tengo$presente$che$$$K >>Y $ →$ K/Y>1 $

I$=$v∆Y $

v$ è$una$costante$ed$è$chiamato$acceleratore$ $

Se$le$imprese$percepiscono$un $ aumento$di$domanda$dovranno$adeguare$la$capacità$produttiva$alla$ domanda$attesa$ :$$$$exp∆AD $ $ ∆ Y →I $ in $ ragione$di$1/v$ $ $

$

Considerato$che$I$è$una$componente$di$AD,$l’aspettativa$tende$a$“autoM realizzarsi” $

Non$funziona$se$siamo$in$una$situazione$di$$Y$$di$sottoimpiego,$se$la$capacità$produttiva$non$è$totalmente$sfruttata

Lo#stato #

Musgrave, The Theory of Public Finance del 1959, articola l‘attività dello Stato e quindi la struttura del bilancio, che ne rappresenta la descrizione ex-ante o ex-post, in tre grandi categorie:

1. allocazione;

2. redistribuzione;

3. stabilizzazione.

1.- Allocazione - Consiste nello stabilire quali beni produrre. In buona parte lo stato produce beni

pubblici (sicurezza, difesa, igiene

forniti al pubblico da imprese nazionalizzate o da imprese le cui azioni sono possedute

direttamente o indirettamente dal governo (per es. ferrovie, poste, acquedotti

)

ma non necessariamente (possono anche essere beni privati

).

2.- Redistribuzione - Prelievo fiscale e spesa pubblica determinano una redistribuzione del reddito. C'è chi paga più tasse, e chi beneficia maggiormente della spesa pubblica. Quindi il benessere dei cittadini viene modificato dall'intervento dello stato. La spesa sociale ha come

compito proprio quello di redistribuire risorse tra coloro che ne hanno in abbondanza a coloro che a causa di qualche avvenimento avverso sono in situazione di difficoltà (vecchiaia, malattia,

invalidità

euro di costo pro capite ai circa 2000 che pagate voi).

).

Lo stato finanzia anche servizi meritevoli (l'università, riducendo le tasse da 9500

3. Stabilizzazione - l'intervento pubblico può avere effetti anticiclici se espande G in momenti di crisi e aumenta T nei periodi di forte espansione. Inoltre vi sono degli stabilizzatori automatici. La spesa sociale (già citata sopra) ed i trasferimenti in genere (spese senza controprestazione) hanno l'effetto di stabilizzare la domanda aggregata creando uno "zoccolo duro" di spesa per consumi.

La Finanza Pubblica

spesa (G); prelievo fiscale (T) sono due variabili flusso. stock di debito pubblico accumulato (DP): soprattutto titoli BoT, BpT, CCT emessi per far fronte ai defict.

G = G°+iDP spesa primaria + spesa per gli interessi sul debito (i*DP)

G = Gc + Gk spesa corrente + spesa in conto capitale

N.B.$indebitamento≠debito $

Classificazione della spesa Economica: stipendi, consumi, servizi, trasferimenti, interessi sul debito Funzionale: sicurezza, sanità, istruzione, sicurezza sociale, ambiente

Alcuni indicatori macro-economici fondamentali riguardanti l’azione del governo:

Risparmio pubblico =

Deficit pubblico = T - G

fronte alle maggiori uscite (indebitamento). Ciò aumenta il debito pubblico. Se è positivo, la disponibilità di risorse liquide permette di rimborsare dei titoli del debito riducendolo. Avanzo primario = T - G° oppure T - (G-iDP) Mette in luce il contributo della spesa per interessi sul debito nel determinare il disavanzo; permette di verificare quanto il debito pubblico penalizzi il bilancio dello stato.

Tc - Gc

Avanzo al netto di investimenti e disinvestimenti.

Se è negativo il governo è costretto ad emettere dei titoli per poter far

Il costo dello “spread” ( i rispetto a titoli tedeschi)

Il costo di rinnovare i titoli del debito pubblico dipende dal tasso d ʼ interesse (influenzato dal tasso sul mercato secondario) Mercato Primario: nuove emissioni; secondario: negoziazione di titoli esistenti Prendiamo$a$prestito$del$denaro$oggi$per$restituire$1.000$euro$tra$di eci$anni: $

Quanto$riusciamo$ad$incamerare$facendo$un$debito$da$1.000$euro?$Quanto$paghiamo$(subito)$

di$interessi? $

Calcolo#BTP#a#10#anni #

         
 

Grecia #

IT#luglio #

IT#agosto #

IT#oggi #

ideale #

K$da$rimborsare$tra$10$anni $

1.000,00$ $

1.000,00$ $

1.000,00$ $

1.000,00$ $

1.000,00$ $

interesse #

17,0% #

8,0% #

7,0% #

4,0% #

2,0% #

coeff.$Sconto $

0,21 $

0,46 $

0,51 $

0,68 $

0,82 $

K#scontato#acquisito#oggi#

208,04# #

463,19# #

508,35# #

675,56# #

820,35# #

Interesse#pagato #

791,96# #

536,81# #

491,65# #

324,44# #

179,65# #

Quindi$oggi$se$abbiamo$ bisogno$di$600$euro$per$ riemettere$ titoli$in$scadenza,$aumentiamo$il$ debito$di$1000$che$scadrà$tra$dieci$anni. $

Il Moltiplicatore in presenza di tassazione$

Nel nostro modello macro-economico abbiamo definito la domanda aggregata come:

AD=C+I+G Sostituendo le funzioni specifiche otteniamo:

AD=C°+cYd+d-bi+G°+iDP

Con Yd reddito disponibile, spesa pubblica primaria, d investimenti autonomi e DP stock di debito pubblico.

Yd non è altro che (Y-T), dove T risultano essere funzione del reddito Y in ragione della pressione

fiscale media “t”:

Yd= (Y-tY).

Quindi, sostituendo:

AD = C°+c(Y-tY)+d-bi+G°+iDP (= Y) Y = C°+cY(1-t)+d-bi+G°+iDP

raccogliendo Y a dx

Y

-cY(1-t) = C°+d-bi+G°+iDP

porto tutti gli Y a sx

Y

(1-c(1-t)) = C°+d+G°+i(DP-b)

esplicito Y

Y

= α *(C°+d+G°+i(DP-b)) dove α =1/(1-c(1-t)) quindi il moltiplicatore è “smorzato” da t

!

!

Il#ciclo#economico#e#le#politiche#macroeconomiche#

$

La$crescita$è$ciclica$$

Le$crisi$sono$molto$costose$in $

termini$economici$e$sociali $

Politica$anticiclica$

Il$governo$potrebbe$ intervenire$$

nelle$recessioni$aumentando$la$$

!

Y

! Y corretto Eccessiva ! accelerazione ! ! Eccessiva ! caduta investimenti Y naturale !
!
Y corretto
Eccessiva
!
accelerazione
!
!
Eccessiva
!
caduta investimenti
Y naturale
!
!
!
!
!
G>T
T>G
aumenta
!
T>G
drena Yd
domanda
drena Yd
!

tempo

AD $ tramite$ G k $ smorzando$quindi $

la$caduta$del$PIL.$Poi,$avviata$la$ripresa$può$aumentare$ T $ per$ridurre$l’indebitamento.$Purtroppo$i$nostri$ governi$adottano$spesso$misure$pro M cicliche.$

Politiche$di$stabilizzazio ne$della$AD $ (orientate$alla$domanda) $

Il$governo$ tutela$o$assume$in$proprio$attività$di$redistribuzione$ (INPS)$intertemporale$o$ tra$ fasce$sociali$ per$garantire$uno$“zoccolo$duro”$di$domanda$per$consumi. $

Politiche$ orientate$all’offerta$o$per$la$competitività$

Politiche$orientate$a$ridurre$i$costi$esterni$delle$imprese$(istruzione,$infrastrutture,$tecnologie…)$

$

Ca u se#del#ciclo # #

1.$Fluttuazioni$stagionali$

2.$Fluttuazioni$di$medio$perio do$ $

(incluse$grandi$crisi$di$origine$finanziaria)$

3.$Grandi$cicli$di$crescita$legati$$

(la#recente#crisi#in#Italia)

#

#

#
#

all’innovazione$tecnologica$(Kuznets)$

$

Cause$e s ogene $

Demografiche;$scoperte$tecnologiche;$politiche$monetarie$e$fiscali$(incluse$guerre)$

Cause$e nd ogene $

Effetto$di$moltipl icatore,$acceleratore$ed$aspettative $

Crisi$finanziarie$(Minski$ M $ Keynes) $

Cattiva$Distribuzione$del$reddito$(Sismondi) $

Trasmissione$internazionale$via$export $