Sei sulla pagina 1di 2

Ciao, voglio raccontarti questo matrimonio in cui sono stato testimone circa un anno fa.

So che notte, ma prova a concentrarti. Comunque i protagonisti della vicenda sono lo sposo e la sposa (dopotutto un matrimonio). Lui uno dei miei migliori amici, non a caso mi ha scelto come testimone, ricco di famiglia ma sempre stato umile e generoso con tutti, oltre che un gran lavoratore. La sposa l'aveva conosciuta 3 anni fa. Diciamo che non mi stata subito molto simpatica, e a volte mi sembrava una specie di "gold-digger", per dirla all'Americana, e non proprio una persona da sposare.

Fatto sta che circa due anni fa lei confess a lui "sono incinta". Il mio amico esult dalla gioia, ma lei gli smorzo l'entusiasmo dicendogli "non tuo". Lei infatti si era fatta un massaggiatore appena conosciuto, e poi sparito, quando i due si erano litigati alcune settimane prima. Quando mi raccont questa cosa ci rimasi male, ma quello che segu fu ancora pi allucinante, infatti lui gli aveva risposto qualcosa come "non importa, questo bambino ha bisogno di un padre e allora sar il nostro bambino, vuoi sposarmi?".

Dopo questo mi incazzai un pochino, gli dissi che era impazzito e litigammo. Siccome siamo maschi comunque, e non potevo non supportarlo ora che stava per ficcarsi nella merda totale, facemmo pace e lui mi scelse come testimone. Inutile dire che anche la sua famiglia fece moltissime storie e si oppose, ma lui non volle sentire ragioni e alla fine tutti cedettero.

Il giorno del matrimonio lui non sembrava per nulla agitato, la sposa era al settimo mese, la chiesa era piena. Io mi fingevo felice, ma in fondo ero arrabbiato per quello che stava succedendo. Pi o meno tutti in quella chiesa sapevano che il figlio che la sposa portava in grembo non era quello dello sposo, ma tutti stavano in silenzio e facevano finta di nulla. Il rituale si svolse come da tradizione, camminate, musiche, Ges. Ormai c'eravamo, era il momento del s, ed il cuore mi batteva a mille. "vuoi prendere lei come tua sposa?" (le parole non furono queste precisamente, ma rendono l'idea) e lui guardando la sposa dritta negli occhi le disse "oggi sei bellissima, una vera principessa..." si gir verso il pubblico "e porti in grembo un figlio non mio, come tutti qui sanno. Ma secondo voi mi sono rincoglionito del tutto? Col cazzo che sposo questa puttana e la sua famiglia di sanguisughe bastarde!"

In quel momento stato come se un fardello di 1000 chili mi fosse stato tolto dalla schiena. Mi sentivo leggero come una piuma, e decisamente eccitato. Nella chiesa regnava il silenzio assoluto, la sposa era paralizzata, le persone si guardavano in giro. Fui io a rompere il silenzio rivolgendomi al mio migliore amico: "davvero?" e lui rispose "davvero!". A quel punto gridai dalla gioia, e tutti gli amici e familiari dell'ormai non pi sposo, iniziarono ad applaudire a gridare e a fischiare dalla gioia.

La sposa scoppi in lacrime, ed il padre di lei si avvent sul mio amico facendolo cadere, e poi lo inizi a prendere a pugni.

Ci che ha fatto il mio amico stato incredibile. Cos incredibile che tutti in quella sala, anche se ne hanno avuto solo un assaggio non essendone gli artefici, si sono sentiti in qualche modo magnifici. Lui riuscito a mentire a tutti: famiglia, amici, stato, sposa. Ha organizzato un finto matrimonio, inviato le bomboniere, spedito gli inviti, prenotato il ristorante e via dicendo.

La sera siamo andati al ristorante, subito dopo il pronto soccorso, almeno noi amici dello sposo e familiari, e ci siamo divertiti da matti. Figuratevi che aveva fatto preparare appositamente una torta con sopra disegnato lo sposo che fa il dito medio alla sposa (quindi il pasticciere e i tipi del ristorante sapevano).

Al ristorante lui ha riallacciato i rapporti con un'amica delle superiori, una brava ragazza davvero (che tutti approviamo), e con cui si sposeranno, stavolta davvero si spera.

Ah, dato il mestiere che fa, dopo sta storia del finto matrimonio molto rispettato nell'ambiente poich la perseveranza il requisito principale.

La famiglia di lei invece finita in rovina. Nonostate la nostra sia una cittadina di quasi 60000 abitanti praticamente tutti sanno di lei, infatti stata costretta a trasferirsi con il bambino e, da quel che sappiamo, se la passa malissimo e nessuno la vuole.

Anonimo