Sei sulla pagina 1di 2

Corso di laurea in Matematica – A.A. 2011/12 Programma del corso di Analisi Matematica 1

1. Limiti di successioni di numeri reali. Nozione di successione di numeri reali. Definizio-

ne di limite finito di una successione di numeri reali. Unicit`a del limite (dim.) 1 . Operazioni

con i limiti (dim.). Limitatezza della successioni convergenti (dim.). Teorema dei carabi- nieri (dim.). Definizione di limite infinito di una successio ne. Limiti notevoli: confronto tra infiniti di tipo potenza, esponenziale, fattoriale (dim.). Teorema dei carabinieri nel caso di successioni tendenti a infinito (dim.). Definizione di estremo superiore e inferiore di un sot- toinsieme di R . Esistenza dell’estremo superiore e inferiore di un insieme (dim.). Successioni monot`one. Esistenza del limite di successioni monot`one (dim.). La formula del binomio di

Newton (dim.) Studio della successione 1 +

(dim.); il numero e. Definizione di mas-

simo e minimo limite di una successione. Una successione ha limite L se e solo se il massimo

e il minimo limite coincidono con L (dim.). Il limite di ogni sottosuccessione di una succes-

sione `e compreso tra massimo e minimo limite (dim.). Esistenza di sottosuccessioni tendenti

massimo limite e al minimo limite (dim.). Relazione tra i limiti delle successioni a n e

al

, per successioni a termini positivi (dim.). Teorema di Weierstrass (dim.). Successioni di Cauchy. Una successione `e convergente se e solo se `e di Cauchy (dim.). Successioni definite per ricorrenza.

2. Limiti di funzioni di una variabile reale. Nozione di funzione; dominio, codominio, grafico, immagine. Punti di accumulazione e punti interni di sottoinsiemi di R ; definizione

di intorno di un punto. Definizione di limite finito di una funzione in un punto. Teorema

del collegamento tra limiti di funzioni e di successioni (dim.). Unicit`a del limite (dim.); operazioni con i limiti (dim.); Teorema dei carabinieri (dim.). Definizione di limite infinito

in un punto. Definizione di limite finito e infinito a +e −∞ . Teorema del collegamento

per i limiti finiti o infiniti in un punto o a +e −∞ (dim.). Operazioni con i limiti in senso esteso (dim.). Definizione di limite destro e sinistro ; equivalenza tra esistenza del limite ed esistenza (e coincidenza) di limiti destro e sinistro (dim.). Funzioni monot`one

e strettamente monot`one in un intervallo; esistenza dei limiti destro e sinistro di funzioni

monot`one nei punti interni al dominio (dim.) ed esistenza dei limiti agli estremi del domi- nio. Funzioni continue; Teorema della permanenza del segno (dim.); Teorema dell’esistenza degli zeri (dim.) e dei valori intermedi (dim.); Teorema di Weierstrass. Esistenza della ra- dice n-esima. Costruzione della funzione esponenziale. Continuit`a della funzione composta (dim.); continuit`a della funzione inversa (dim.). Limiti notevoli di funzioni (dim.). Funzioni

uniformemente continue; Teorema di Cantor (dim.); relazione tra funzioni uniformemente continue e funzioni Lipschitziane.

3. Calcolo differenziale per funzioni di una variabile reale. Definizione di derivabilit`a e

di derivata di una funzione, in un punto e in un intervallo. Equazione della retta tangente al

grafico di una funzione. Operazioni con le derivate (dim.). D erivata della funzione composta (dim.) e della funzione inversa (dim.). Derivate delle funzioni elementari (incluse le funzioni

n 1/n

1

n

a

n+1

a

n

1 La parentesi “(dim.)” indica che la dimostrazione del risultato fa parte del programma.

iperboliche inverse) (dim.). Massimi e minimi relativi; Teorema di Fermat (dim.). Teoremi

di

Rolle (dim.), di Lagrange (dim.) e di Cauchy (dim.). Relazione tra monotonia e segno del-

la

derivata prima (dim.). Cartterizzazione delle funzioni con derivata identicamente nulla in

un intervallo (dim.). Criterio per la derivabilit`a di una funzione in un punto, basato sui limiti

destro e sinistro della derivata (dim.). Identificazione dei punti di massimo e minimo relativo mediante il segno della derivata prima (dim). Asintoti obliqui; identificazione di eventuali asintoti obliqui; comportamento della derivata in presenza di asintoti obliqui. Derivata se- conda di una funzione; classificazione dei punti critici mediante la derivata seconda (dim.). Funzioni convesse e concave: definizione di funzione convessa; caratterizzazione della con- vessit`a della convessit`a mediante la monotonia della derivata prima (dim.); caratterizzazione della convessit`a mediante il segno della derivata seconda.

4. Calcolo integrale per funzioni di una variabile reale. Partizioni di un intervallo. De- finizione di somme di Riemann superiore e inferiore; definizione di funzione integrabile su un intervallo e di integrale. Propriet`a dell’integrale: linearit`a, monotonia, disuguaglianza triangolare; linearit`a rispetto al dominio (dim.). Integrabilit`a delle funzioni continue (dim.). Integrabilit`a delle funzioni con un numero finito di punti di discontinuit`a di prima specie (dim.). Definizione di funzione integrale di una funzione continua. Teorema della media integrale (dim.). Teorema fondamentale del calcolo integrale (dim.). Formula fondamentale del calcolo integrale (dim.). Primitive di una funzione. Teorema sulla differenza di due pri- mitive di una stessa funzione (dim.). Tecniche di integrazione: integrazione diretta, formula

di integrazione per parti (dim.); integrazione delle funzioni razionali; formula di integrazione

per sostituzione (dim.); alcune sostituzioni speciali. Integrali impropri: definizione; criterio del confronto.

5. Serie numeriche. Serie numeriche. Successione delle somme parziali di una serie. Carat- tere di una serie. Condizione necessaria sul limite del termine generico di una serie per la convergenza (dim.). Serie a termini positivi: carattere di una serie a termini positivi; criterio del confronto (dim.) e del confronto asintotico (dim.); criterio del rapporto e della radice (dim.); criterio dell’integrale (dim.); criterio di condesazione di Cauchy. Studio della serie armonica generalizzata. Serie di segno arbitrario: criterio della convergenza assoluta (dim.); criterio di Leibnitz per serie a segno alterno (dim.). Criterio di Dirichlet e applicazione alle serie della forma sin(n)

n p

.

6. Teoremi di de l’Hˆopital e polinomi di Taylor. Teoremi di de l’Hˆopital (dim. nel caso

in

cui le funzioni hanno limite uguale a zero in un punto). Polinomi di Taylor; definizione

di

polinomio di Taylor di grado n e del corrispondente resto. Formula del resto in forma di

o -piccolo (dim.), integrale (dim.) e di Lagrange. Sviluppi delle funzioni elementari.