Sei sulla pagina 1di 12

vettori colonna di Rn <X,Y> = <Y,X> <aX+bY,Z> = a<X,Z> + b<Y,Z> ortogonali <X,Y> = 0 norma (<X,X>) Schwarz <X,Y> |X| |Y|

| angolo cos a = <X,Y> / |X| |Y| distanza |X-Y| prop. se X,YRn\{0} ortogonali lin. indip. proiezione ortogonale di Y su X: <Y,X>/<X,X> X. matrici trasposta ij ji t (A+B) = tA + tB t (aA) = atA t t ( A) = A simmetrica A = tA antisimmetrica A = - tA traccia tr A = aii. tr (A+B) = tr A + tr B tr (aA) + a tr A tr (tA) + tr A tr AB = tr BA prodotto righe per colonne aij * bhk = cik = ai1b1k + ... + aimbmk = j=1..m aijbjk. A=n*m, B=m*p C=n*p (AB)C = A(BC) A(B+C) = AB+AC (A+C)B = AB+CB A(cB) = c AB t (AB) = (tB) (tA) AI = IA = A potenza A0=I, A1=A, Ak=Ak-1A. prodotto scalare <A,B> = tr (tAB) invertibile se B, AB = BA = I, B=A-1. (AB)-1 = B-1 A-1. (tA)-1 = t(A-1) complemento algebrico dellelemento aij: matrice A[ij] (A senza riga i, senza colonna j) colonne di A: A(i). determinante AR(2), det A = a11 a22 a12 a21. AR(n), det A = (-1)(i+1)ai1 (det A[i1]) +...+ (-1)(i+n)ain (det A[in]). sviluppo di Laplace sec. riga i. det A = (-1)(j+1)a1j (det A[1j]) +...+ (-1)(j+n)anj (det A[nj]). sviluppo di Laplace sec. colonna i. det (A(1), ..,A(i-1),A(i)+X,A(i+1),..,A(n)) = det A + det(A(1), ..,A(i-1), X,A(i+1),..,A(n)). det (A(1), ..,A(i-1),x A(i),A(i+1),..,A(n)) = x detA. det (A(1), ..,A(i-1),A(i+1),A(i),A(i+2),..,A(n)) = - det A. det I = 1. det A = det (tA). det (AB) = (det A) (det B). teorema di Binet. se A-1 --> det A 0 e det A-1 = (det A)-1. teorema di Cramer: AR(n), BRn, det A 0. variabile XRn. AX=B ammette una e una sola soluzione: xi = (1/det A) det (A(1),..,A(i-1),B,A(i+1),..,A(n)), i=1,..,n. --> se det A 0, allora inversa A-1 = (xij) xij = (1/det A) (-1)(i+j) det A[ji]. k -1 -1 k -k (A ) = (A ) = A . diagonale principale {a11,..,ann}. matrice diagonale se aij = 0 per i j. triangolare superiore se aij = 0 per i>j triangolare inferiore se tA triangolare superiore. simili (A e B) se C invertibile, A=C-1BC.

prop. A, BR(n)\{0}. tr A = 0, tr B 0 A, B lin. indip. prop. se AR(n) antisimmetrica tr A = 0. prop. A, BR(n)\{0}. det A = 0, det B 0 A, B lin. indip. X1,..,XnRn sono base di Rn, se e solo se det(X1,..,Xn) 0. prop. AR(n) matrice triangolare, superiore o inferiore det A = a11..ann. prop. AR(n), A=A, R. O A = I o det A = 0. prop. AR(n), A=I, R. Se BR(n) simile a A B = A. prop. matrici simili hanno stessa traccia e stesso determinante. prop. le matrici antisimmetriche di ordine dispari non sono invertibili. spazi vettoriali propriet u,vV --> (u+v)V somma. vV, R --> (v) V prodotto per scalare. u+v = v+u. (u+v)+w = u+(v+w). 0, 0+v = v vettore nullo 0v = 0. v, v+v = 0 opposto, v = -v. (u+v) = u + v. (+)v = v +v. ()v = (v). 1v = v. [S] spazio vettoriale generato da S, SV sistema di generatori di V: S, V=[S] vettori linearmente indipendenti vi, ivi=0 i=0, i=1,..,k. S costituito da elementi linearmente indipendenti se s, s[S\{s}] base, sistema di generatori con elementi linearmente indipendenti. spazio vettoriale di dimensione finita, se ammette un sistema di generatori costituito da un no. finito di elementi. teorema della base: V spazio vettoriale reale, V {0}. una base di V. prop. V spazio vettoriale reale, V ammette una base di n elementi, m>n. comunque si scelgano v1,..,vmV, v1,..,vm sono linearmente dipendenti. prop. V spazio vettoriale reale di dimensione finita. due basi di V sono costituite dallo stesso numero di elementi. dimensione su R di V: no. elementi di una base di V. Se V={0}, dimRV=0. dimRRn = n, dimRMn,m(R) = nm. teorema del completamento V spazio vettoriale reale di dimensione finita. v1,..,vrV lin. indip. vr+1,..,vnV, B={v1,..,vn} sia base di V. sottospazio vettoriale W (s.s.v.) WV, W . v,wW, ,R, (v+w)W. V spazio vettoriale, U,W s.s.v. di V. (UW) s.s.v. di V. (U+W) s.s.v. di V. somma di U e W, U+W = {vV| v = u+w, uU, wW}. somma diretta dei s.s.v. U e W V=UW se V = U+W e UW={0}. formula di Grassmann V spazio vettoriale reale di dimensione finita, U,W s.s.v. di V. dimR(U+V) = dimRU + dimRW dimR(UW). spazio ortogonale a S, S . SV. S = {vV| <v,s> = 0, sS}. S s.s.v. di V. S = [S] . V=[S]S . dimRS = (dimRV) (dimRS).

applicazioni lineari applicazione lineare f:VW applicazione. V,W spazi vettoriali reali. u,vV, ,R, f(u+v) = f(u) + f(v) insieme delle app.lin. di V in W L(V,W) spazio vettoriale reale. endomorfismo di V, fEnd(V) = L(V,V). somma di f,g L(V,W), (f+g)(v) = f(v) + g(v). (f+g) L(V,W) moltiplicazione per (f)(v) = (f(v)) (f) L(V,W) nucleo di f, Ker f = {vV| f(v) = 0} s.s.v. immagine di f, Im f = {wW| f(v)=w, vV} s.s.v. iniettiva Ker f = {0} suriettiva Im f = W. teorema della nullit e del rango V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita, fL(V,W). dimRV = dimRKer f + dimR Im f. se dim V < dim W non esistono fL(V,W) suriettive. se dim V > dim W non esistono fL(V,W) iniettive. se dim V = dim W fL(V,W) iniettiva suriettiva. identit su V (applicazione identica) IVEnd(V), IV(v) = v vV. applicazione composta di f e g, (g o f), fL(U,V), gL(V,W). (g o f)(v) = g(f(v)) vV. (g o f) L(U,W) o o invertibile, fL(V,W), se g(W,V)| (g f) = IV e (f g) = IW. inversa di f, f-1 = g. isomorfismo di V in W, fL(V,W) invertibile. spazi isomorfi V W, se isomorfismo. automorfismo di V, isomorfismo di V in V. Aut(V)={automorfismi di V in V}. prop. della rigidit delle applicazioni lineari: ogni spazio vettoriale reale di dimensione finita n isomorfo a Rn. V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita, B={v1,..,vn} base di V, w1,..,wnW. ! fL(V,W)| f(vi) = wi, i=1,..,n. lBL(V,Rn), lB (vi) = ei, i=1,..,n, isomorfismo di V in Rn. -1 (lB) (ei) = vi. vV, i coordinate di v, lB(v) = t(1,..,n). matrice associata a f rispetto alla base B in partenza e alla base D in arrivo, MBD(f). V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita, B={ v1,..,vn} base di V, D={ w1,..,vm} base di W, fL(V,W). f(vi) = a1iw1 +...+ amiwm, i=1,..,n. MBD(f) = (aij) i=1,..,n, j=1,..,m. MBD(f)Mm,n(R). m colonna j-esima: elemento di R costituito dalle coordinate di f(vj) risp. alla base D. matrice del cambiamento di base, MBD(IV). fornisce le coordinate degli elementi della base B risp. alla base D. se B=D, MBB(IV) = InR(n). propriet. U,V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita, B,D,E rispettive basi, f,gL(U,V), hL(V,W), R. somma MBD(f+g) = MBD(f) + MBD(g) prodotto per scalare MBD(f) = MBD(f) composizione MBE(hof) = (MDE(h)) ( MBD(f)) se fAut(V), B,B due basi di V, MBB(f) invertibile e (MBB(f))-1 = MBB(f -1). applicazione lineare LB,D: L(V,W) Mm,n(R), f MBD(f). (associa alle appl.lin. le loro matrici associate) isomorfismo di L(V,W), spazio vettoriale di dimensione finita: dimRL(V,W) = mn. V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita, B,B basi di V, D,D basi di W. fL(V,W), f = IW o (f o IV). MBD(f) = (MDD(IW)) (MBD(f)) (MBB(IV)). se V=W, MBB(f) = (MBB(IV)) (MBB(f)) (MBB(IV)), MBB(IV) = (MBB(IV))-1. le matrici associate a un endomorfismo risp. a basi diverse sono simili. (stesso determinante, stessa traccia!) traccia di fEnd(V), tr f = traccia della matrice associata a f risp. a una base di V. determinante di fEnd(V), det f = determinante della matrice associata a f risp. a una base di V. det f 0 fAut(V).

V spazio dei vettori liberi, u,vV\{0}, prodotto scalare standard fra u e v, <u,v> = ||u|| ||v|| (cos ). <u,0> = <0,v> = 0. u,v,wV, R, <u,v> = <v,u> <u,v> = <u,v> <u+v,w> = <u,w> + <v,w> <v,v> > 0 per v 0. V spazio dei vettori liberi, u,vV linearmente indipendenti, prodotto vettoriale di u e v, (u v)V, ||u v|| = ||u|| ||v|| (sin ), direzione normale al piano generato da u e v, verso di un osservatore che, in piedi sul piano di u e v, vede fra le direzioni orientate di u e v definito da una rotazione antioraria. se u e v lin. dip., u v = 0. u,v,wV, R, (u) v = (u v) (u+v) w = u + v w w u = - (v v u) base ortonormale positivamente orientata B={i,j,k}, ||i|| = ||j|| = ||k|| = 1, <i,j> = <j,k> = <k,i> = 0. i = k j k = j i k = -i j prop. V,W spazi vettoriali di dimensione finita, dimRV = dimRW. fL(V,W) invertibile la matrice associata a f, risp. a una base di V in partenza e di W in arrivo, invertibile. prop. AMn,m(R), BMm,n(R). se m<n det AB = 0. prop. ARn, B s.s.v. di Rm, H = {fL(Rn, Rm)| f(A) B}, f(A) = {f(a)}aA. n m H s.s.v. di L(R , R ), H = {fL(Rn, Rm)| f([A]) B} dimR H = n m (dimR[A]) (m dimRB) spazio duale spazio duale di V, V* = L(V,R) = {f: VR| f lineare}, V spazio vettoriale su R. funzionale, elementi di V*. V* spazio vettoriale reale, dim V* = dim V, V* V. costruzione isomorfismo tra V e V* B = {v1,..,vn} base di V. vi*(vi) = 1 i=1,..,n. vi*(vj) = 0 j i. v =(1,..,n) v*(vj) = j. LB:VV*, LB(vi) = vi*, isomorfismo fra V e V*. base duale B* = { v1*,..,vn*} spazio biduale di V, V** = (V*)* isomorfismo canonico fra V e V** (non dipende dalla base scelta), ((v))() = (v), vV, V*. applicazione trasposta di f, f*L(W*,V*), f*() = of V*. prop. V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita, B={v1,..,vn} base di V, D={w1,..,wn} base di W, fL(V,W). MD*B*(f*) = t(MBD(f)). prop. V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita, fL(V,W}. dimRIm f* = dimR Im f. isomorfismi musicali: applicazione bemolle, isomorfismo canonico fra V e V*, b:VV*, (b(v))(w) = <v,w>, funzionale definito su wV (dato vV) applicazione diesis, #: V*V, inversa di b. rango rango no. max. di colonne (righe) linearmente indipendenti. c(A) = [A(1),..,A(m)], r(A) = [A(1),..,A(n)], AMn,m(R). m n lAL(R ,R ), lA(X) = AX. MEE(lA) = A. c(A) = dimRIm lA, r(A) = c(tA). teorema della caratteristica AMn,m(R) c(A) = r(A) = car A.

minore di A di ordine r, 1 r min(n,m), matrice quadrata di ordine r ottenuta da A togliendo (n-r) righe e (m-r) colonne. rango di AMn,m(R)\{0}, (A), numero massimo r per cui minore di A di ordine r con determinante 0. se A = 0, (A) = 0. teorema AMn,m(R) car(A) = (A) AMn,m(R) (A) = (tA) AMn,m(R) (A) min(n,m) AR(n) (A) = n A invertibile. scambiando righe o colonne, sommando ad una riga (colonna) una combinazione lineare delle altre, il rango non cambia. AMn,m(R), BMm,p(R) (AB) min( (A), (B) ) AMn,m(R), PR(n)| (det P) 0 (PA) = (A) AMn,m(R), (A) = r PR(n) con (det P) 0, QR(m) con (det Q) 0| PAQ = (Ir 0) (Ir matrice identit di ordine r) (0 0) rango di fL(V,W), (f) = dimRIm f, V,W spazi vettoriali reali di dimensione finita. sistemi lineari AMn,m(R), BRn, AX = B equazione matriciale nellincognita XRm, definisce un sistema lineare di n equazioni in m incognite. A = (aij) = (A(1),..,A(m)) matrice incompleta del sistema X = t(x1,..,xm), B = t(b1,..,bn) AX = B x1A(1) +..+xmA(m) = B ai1x1 +..+aimxm = bi, i=1,..,n A* = (A(1),..,A(m),B) matrice completa sistema omogeneo, se B = 0, sistema quadrato, se n = m. teorema di Rouch-Capelli. AMn,m(R), BRn. il sistema definito da AX = B risolubile (A) = (A*) un sistema omogeneo AX = 0 sempre risolubile. lAL(Rm,Rn), lA(X) = AX. soluzioni S = Ker lA. S s.s.v. di Rm, dim S = m - (A). teorema. AMn,m(R), BRn, XRm soluzione di AX = B. ogni altra soluzione YRm del tipo Y = X0 + X, con X0Rm| AX0 = 0. prop. AMn,m(R), n m, (A) = n, BRn. AX = B, nell'incognita XRm, risolubile. prop. AMn,m(R), n m, (A) = n, BMn,p(R). AX = B, nell'incognita XMm,p(R), risolubile. prop. AMn,m(R), BMn,p(R) AX = B, nell'incognita XMm,p(R), risolubile (A) = (A,B) prop. AMn,m(R), H = {XMm,p(R)| AX = 0} dimR H = p (m - (A)) prop. AMn,m(R), H = {XMp,n(R)| XA = 0} dimR H = p (n - (A)) autovalori e autovettori V spazio vettoriale reale, fEnd(V). autovalore di f, R, se vV\{0}| f(v) = v. autovettore di f, vV\{0}se R| f(v) = v. spettro di f, Spec(f) = {autovalori di f}. autospazio di f relativo all'autovalore , V(f) = {vV| f(v) = v} = Ker (IV - f), s.s.v. di V, dim V(f) 1. propriet se Ker f {0} v(Ker f)\{0} autovettore di f relativo all'autovalore 0, Ker f autospazio rel. a 0. ad autovalori distinti corrispondono autovettori linearmente indipendenti. se V ha dimensione finita n, al pi n autovalori di f distinti. se n autovalori di f distinti base di V costituita da autovettori di f, la matrice di f rispetto a tale base in partenza e in arrivo diagonale. f diagonalizzabile, se base di V costituita da autovettori di f. polinomio caratteristico di f, Pf() = det (IV - f), polinomio di grado n nell'indeterminata a coefficienti reali e monico. molteplicit geometrica di 0Spec(f), m(0) = dimR V(f) molteplicit algebrica di 0Spec(f), (0) | Pf() = [( - 0) ( 0)] q(), q(0) 0.

(molteplicit di 0 come radice di Pf()) prop. m(0) (0) teorema. V spazio vettoriale reale di dimensione finita, fEnd(V), Spec(f) = {1,..,k). sono equivalenti: f diagonalizzabile Pf() si decompone in fattori lineari e m(i) = (i) i=1,..k V = V1(f) .. Vk(f). matrici: AR(n), lAEnd(R n), lA(X) = AX. lA(X) = X AX = X. autovalori (autovettori) di A = autovalori (autovettori) di lA, Spec(A) = Spec(lA), V(A) = V(lA). A diagonalizzabile lA diagonalizzabile A simile ad una matrice diagonale. PA() = det (I - A) = PlA(). teorema. AR(n), Spec(A) = {1,..,k}. sono equivalenti: A diagonalizzabile PA() si decompone in fattori lineari e m(i) = (i) i=1,..k Rn = V1(A) .. Vk(A). teorema spettrale reale. AR(n). A simmetrica CR(n)| tCC = I, R(n) diagonale | A = tCC. ogni matrice simmetrica AR(n) diagonalizzabile e base ortonormale di Rn di autovettori di A (le colonne di tC) teorema fondamentale dell'algebra (di d'Alembert). P(z) polinomio a coefficienti complessi nell'indeterminata z z0C| P(z0) = 0. ogni matrice a elementi complessi (o endomorfismo di spazi vettoriali complessi di dimensione finita) ammette autovalori. il polinomio caratteristico di una matrice a elementi complessi (o di un endomorfismo di spazi vettoriali complessi di dimensione finita) si decompone in fattori lineari. ogni polinomio di grado dispari a coefficienti reali ammette almeno una radice reale. se AR(n), n dispari Spec A . prop. AR(n) diagonalizzabile, Spec(A) = {1,..,k}, (i) = ri, i = 1,..,k. det A = i=1,..,k (i)ri. tr A = i=1,..,k ri (i). prop. autovettori di una matrice simmetrica, corrispondenti a autovalori distinti, sono ortogonali fra loro. prop. una matrice antisimmetrica non nulla non diagonalizzabile. prop. AR(n)| Spec(A) = {}, R. A diagonalizzabile A = I. prop. ZRn\{0}, H = {fEnd(Rn) | Z autovettore di f}. H s.s.v. di End(Rn), dimRH = n (n-1) + 1. prop. A,BR(n) simmetriche P(A) = P(B) A e B simili. gli insiemi Cn e Mn,m(C) Cn = {t(z1,..,zn)| ziC, i=1,..,n} insieme delle colonne ordinate di n numeri complessi. dimC Cn = n. Mn,m(C) = { (z11..z1m) | zijC, i=1,..,n, j=1,..,m} insieme delle matrici nxm a elementi complessi. (... \ ...) dimC Mn,m(C) = nm. (zn1..znm) Mn,1(C) = Cn. Mn,n(C) = C(n). coniugio, z = x + yi, x,yR, i = -1, z = x - yi. Z = t(z1,..,zn)Cn, Z = t(z1,..,zn)Cn. AMn,m(C), A = (aij), A = (aij) propriet AMn,m(C), t A = t A. AC(n), det A = det A, tr A = tr A, se A-1 A -1 = A -1. matrice aggiunta di AMn,m(C), A*Mm,n(C), A* = t A. matrice hermitiana (autoaggiunta), AC(n)| A = A*. matrice antihermitiana (antiautoaggiunta), AC(n)| A = - A*. prodotto hermitiano standard fra Z = t(z1,..,zn), W = t(w1,..,wn) Cn, (Z,W) = tZW = z1w1 +..+ znwn. n propriet, ,C, Z,W,UC , (Z + W, U) = (Z,U) + (W,U). (Z,W) = (W,Z). (Z,Z)R, (Z,Z) 0, (Z,Z) = 0 Z = 0. norma hermitiana di ZCn, ||Z|| = (Z,Z), ||Z||R0+. applicazioni bilineari V,W spazi vettoriali si K, spazio vettoriale prodotto, V x W = {(v,w)| vV,wW} v1,v2V, w1,w2W, ,K, (v1,w1) + (v2,w2) = (v1 + v2, w1 + w2)

applicazione bilineare su V x W, g: V x W K | g(v1 + v2, w) = g(v1,w) + g(v2, w). g(v, w1 + w2) = g(v,w1) + g(v, w2). ,K, v,v1,v2V, w,w1,w2W forma bilineare su V, applicazione bilineare su V x V. insieme delle forme bilineari su V, Bil(V), spazio vettoriale su K: g1,g2Bil(V), v1,v2V, ,K, (g1 + g2)(v1,v2) = g1(v1,v2) + g2(v1,v2). V spazio vettoriale su K di dimensione finita n, B = {v1,..,vn} base, gBil(V), matrice associata a g rispetto alla base B, RB(g) = (gij)K(n), gij = g(vi,vj) i,j=1,..,n. dati v,wV, v = x1v1+..+xnvn, w = y1v1+..+ynvn, X = t(x1,..,xn), Y = t(y1,..,yn), g(v,w) = tXRB(g)Y. D B D t B D, altra base di V. RD(g) = MB (IV) RB(g) MD (IV), MB (IV) = (MD (IV)) matrici congruenti A,BK(n) se CK(n)| A = tC B C. RB(g) e RD(g) congruenti. prop. matrici congruenti hanno lo stesso rango. RB: Bil(V) K(n), g RB(g) isomorfismo di spazi vettoriali. (RB)-1: K(n) Bil(V), A gA, gA(v,w) = tXAY, X,Y colonne delle coordinate di v,w risp. a B. dimK Bil(V) = n. V spazio vettoriale su K, gBil(V), g : non degenere se g(v,w) = 0 wV v = 0. degenere se vV\{0}| g(v,w) = 0 wV. simmetrica se g(v,w) = g(w,v) v,wV. antisimmetrica (alternante) se g(v,w) = - g(w,v) v,wV. V spazio vettoriale su K di dimensione finita, gBil(V) : non degenere det RB(g) 0, base B. degenere det RB(g) = 0, base B. simmetrica RB(g) simmetrica, base B. antisimmetrica RB(g) antisimmetrica, base B. scomposizione in modo unico di ogni forma bilineare g in somma di una simmetrica gs e una antisimmetrica ga: v,wV gs(v,w) = ( g(v,w) + g(w,v) ) parte simmetrica di g. ga(v,w) = ( g(v,w) - g(w,v) ) parte antisimmetrica di g. forma quadratica Q su uno spazio vettoriale V su K, Q: V K, Q(v) = Q(v) vV, K. forma bilineare simmetrica associata a Q, gQ: V x V K, (gQ)(v,w) = ( Q(v+w) - Q(v) - Q(w) ) v,wV. Q(v) = gQ(v,v). gBil(V), Qg: V K, Qg(v) = g(v,v) forma quadratica su V. la forma bilineare simmetrica associata a Qg la parte simmetrica di g.Qg = Qgs. gQg = gQgs = gs. forma quadratica forma bilineare simmetrica matrice simmetrica in K(n). prop. Q: R R forma quadratica su R a,b,cR| Q(X) = ax + 2bxy + cy, X = t(x,y). prodotti scalari V spazio vettoriale su K, prodotto scalare su V, forma bilineare simmetrica su V. spazio vettoriale metrico (V,g), V spazio vettoriale su K, g prodotto scalare su V. corrispondenza biunivoca tra: {forme bilineari simmetriche su V} {forme quadratiche su V} {prodotti scalari su V} se dim V = n finito, {matrici simmetriche di ordine n}. (V,g) spazio vettoriale metrico, v,wV g-ortogonali se g(v,w) = 0. SV g-ortogonale se g(s1,s2) = 0 s1,s2S. spazio g-ortogonale a SV, S = {vV| g(v,s) = 0 sS}. se S , S s.s.v. di V e S = [S] . vettore isotropo vV\{0}| g(v,v) = 0. cono luce q(g) = {vV| g(v,v) = 0}. luogo degli zeri della forma quadratica associata a g. radicale di g, rad(g) = {vV| g(v,w) = 0 wV} = V . un prodotto scalare g degenere rad(g) = {0} v,wV, g(v,v) 0 w - ( g(w,v) / g(v,v) ) v g-ortogonale a v. v(w) = ( g(w,v) / g(v,v) ) v proiezione g-ortogonale di w su v. g(w,v) / g(v,v) coefficiente di Fourier di w rispetto a v. prop. gA: Kn x Kn K, gA(X,Y) = tXAY, AK(n) matrice fissata. gA forma bilineare su Kn associata a A, prodotto scalare su Kn A simmetrica.

gG: Mn,m(K) x Mn,m(K) K, gG(A,B) = tr (tAGB), AK(n) matrice fissata. gA forma bilineare su Mn,m(K), prodotto scalare su Mn,m(K) G simmetrica. lemma se g(v,v) 0 V = [v] [v] . cor. se dimKV = n < + e g(v,v) 0 dimK[v] =n - 1. prop. (V,g) spazio vettoriale metrico di dimensione finita n, g non degenere, SV, S , dimKS = n - dimK[S]. teorema. (V,g) spazio vettoriale metrico di dimensione finita. se V {0} base di V g-ortogonale. ogni matrice simmetrica congruente ad una matrice diagonale: AK(n) simmetrica. gA(X,Y) = tXAY. B = {X1,..,Xn} base di Kn gA-ortogonale. gA(Xi,Xj) = 0 i j. RB(gA) diagonale. A = RE(gA) = MBE(IV) RB(gA) MEB(IV). E base canonica di Kn. AK(n) diagonalizzabile per congruenza, se A congruente ad una matrice diagonale A simmetrica. algoritmo di Gauss-Lagrange: diagonalizzazione per congruenza di una matrice simmetrica. operazioni elementari riga (colonna): 1) scambio della riga (colonna) i con la riga (colonna) j. Ri Rj (Ci Cj). 2) moltiplicazione della riga (colonna) i per scalare 0. Ri Ri (Ci Ci). 3) sostituzione della riga (colonna) i con la riga (colonna) i sommata ad un multiplo della riga (colonna) j. Ri Ri + Rj (Ci Ci + Cj). matrice a blocchi (A | I) ( | D), con A = D-1 t(D-1). ( numero finito di operazioni elementari riga e corrispondenti operazioni elementari colonna). righe di D: elementi di una base B gA-ortogonale. A = RB(g). spazi vettoriali metrici reali V spazio vettoriale reale, g prodotto scalare su V, g : semidefinito positivo, se g(v,v) 0 vV. definito positivo, se g(v,v) > 0 vV\{0}. semidefinito negativo, se -g semidefinito positivo, g(v,v) 0 vV. definito negativo, se -g definito positivo, g(v,v) < 0 vV\{0}. indefinito, se u,vV | g(u,u) < 0 e g(v,v) > 0. teorema di Sylvester (dell'inerzia). (V,g) spazio vettoriale metrico reale, dimRV = n < +, B = {v1,..,vn} base di V g-ortogonale | g(vi,vi) > 0 per i=1,..,r. ip(g) = r, indice di positivit. g(vj,vj) < 0 per j=(r+1),..,(r+s). in(g) = s, indice di negativit. g(vk,vk) = 0 per k=(r+s+1),..,n. i0(g) = n - r + s, indice di nullit. i numeri r,s non dipendono dalla base g-ortogonale scelta. ip(g) = dimensione max. per cui s.s.v. di V su cui g definito positivo. in(g) = dimensione max. per cui s.s.v. di V su cui g definito negativo. i0(g) = dimRrad(g). g : semidefinito positivo in(g) = 0. definito positivo ip(g) = n. semidefinito negativo, ip(g) = 0. definito negativo in(g) = n. non degenere i0(g) = 0. forma quadratica Q su V, Q : semidefinito positivo, se Q(v) 0 vV. definito positivo, se Q(v) > 0 vV\{0}. semidefinito negativo, se -Q semidefinito positivo, Q(v) 0 vV. definito negativo, se -Q definito positivo, Q(v) < 0 vV\{0}. indefinito, se u,vV | Q(u) < 0 e Q(v) > 0. gli indici di positivit, negativit, nullit sono quelli del prodotto scalare su V, gQ, ad essa associata. matrice simmetrica AR(n), A : semidefinita positiva, se tXAX 0 XRn MR(n) | A = tMM. definita positiva, se tXAX > 0 XRn\{0} CR(n) invertibile | A = tCC. semidefinita negativa, tXAX 0 XRn. MR(n) | A = - tMM. definita negativa, se tXAX < 0 XRn\{0} CR(n) invertibile | A = - tCC. indefinita, se X,YRn | tXAX < 0 e tYAY > 0. gli indici di positivit, negativit, nullit sono quelli del prodotto scalare su Rn, gA, associato ad A,

gA(X,Y) = tXAY. AR(n) simmetrica A semidefinita positiva. AR(n) simmetrica e invertibile A definita positiva. criterio di Hurwitz di definitezza di matrici simmetriche. AR(n) | A = tA, A definita positiva tutti i minori principali di A hanno determinante positivo. (minori principali: intersecando le prime k righe di A con le prime k colonne per k=1,..n). Sylvester ogni matrice simmetrica AR(n) congruente alla matrice diagonale Ir,sR(n) della forma: Ir,s = ( Ir 0 0) r, indice di positivit di A, Ir matrice identica di ordine r. ( 0 -Is 0) r, indice di negativit di A, Is matrice identica di ordine s. ( 0 0 0) prop. due matrici simmetriche A,BR(n) congruenti stessi indici di positivit, negativit, nullit. spazio euclideo, (V,g) | V spazio vettoriale reale, g prodotto scalare su V definito positivo. ex. (Rn,<,>) , (Mn,m(R),<,>). (V,g) spazio euclideo, norma di vV, ||v||R0+, ||v|| = ( g(v,v) ). ||v|| = 0 v = 0. distanza fra u,vV, d(u,v)R0+, d(u,v) = ||u - v||. (V,g) spazio euclideo, propriet u,vV: |g(u,v)| ||u|| ||v||. disuguaglianza Cauchy-Schwartz ||u+v|| ||u|| + ||v||. disuguaglianza triangolare ||u+v|| + ||u-v|| = 2 ||u|| + 2 ||v||. identit del parallelogramma angolo fra u e v, u v = [0,] | cos = g(u,v) / ( ||u|| ||v|| ). base ortonormale, base ortogonale di uno spazio euclideo di dim. finita i cui elementi hanno norma 1. procedimento di ortonormalizzazione di Gram-Schmidt: (V,g) spazio euclideo di dimensione n, B = {v1,..,vn} base di V. costruzione di una base ortonormale di V a partire da B. w1' = v1, w1 = w1' / ||w1'||. w2' = v2 - g(v2,w1)w1, w2 = w2' / ||w2'|| wj' = vj - i=1j-1 g(vj,wi)wi, wj = wj ' / ||wj '|| j=3,..,n D = {w1,..,wn} base ortonormale di V. [w1,..,wn] = [v1,..,vn] i=1,..,n. (V,g) spazio euclideo, W s.s.v. di V. V=WW , vV !v1W, !v2W | v = v1 + v2. proiezione ortogonale di v su W, W(v) = v1. se dim W = k, B = {w1,..,wk} base ortonormale di W W(v) = i=1k g(v,wi)wi. isometria fra (V1,g1) e (V2,g2) spazi vettoriali metrici, applicazione biunivoca fL(V1,V2) | g2( f(u),f(v) ) = g1(u,v) u,vV1. isometria di (V1,g1), se V1 = V2 e g1 = g2. se V1 = V2 = Rn, g1 = g2 = <,>, fEnd(R n), f(X) = lA(X) = AX, AR(n), f isometria <AX,AY> = t(AX)AY = tXAAY = tXY = <X,Y> X,YRn tAA = I. gruppo ortogonale di ordine n, O(n) = {AR(n) | tAA = I} matrice ortogonale, AO(n). punti critici di una funzione f reale di 2 variabili reali: studio degli indici della matrice hessiana, H(f), nei punti critici (punti in cui il gradiente di f nullo). X0 punto critico, H(f)(X0) matrice hessiana di f calcolata in X0, H(f)(X0) : - indefinita X0 punto iperbolico o di sella. - definita (pos. o neg.) X0 punto ellittico (minimo o massimo relativo). - semidefinita (pos. o neg.) X0 punto parabolico. f = ( f/dx) H(f) = (f/dx 0 ) (f/dy) ( 0 f/dy) prop. rappresentazione di forme bilineari V spazio vettoriale su K, V* = L(V,K) spazio duale di V, g prodotto scalare non degenere su V. applicazione bemolle (applicazione lineare canonica), b:VV*, b(v)(w) = g(v,w) wV, fissato vV. b iniettiva, se V ha dimensione finita, b isomorfismo fra V e V*, b-1 = #:V*V applicazione diesis. teorema di rappresentazione di un funzionale rispetto ad un prodotto scalare. (V,g) spazio vettoriale metrico di dimensione finita, g non degenere, dato V*, ! vV | (w) = g(v,w) wV, v = #( )V l'elemento che rappresenta rispetto a g.

teorema di rappresentazione di una forma bilineare rispetto ad un prodotto scalare. (V,g) spazio vettoriale metrico di dimensione finita, g non degenere, data hBil(V), ! L,REnd(V) | h(v,w) = g(L(v),w) = g(v, R(w)) v,wV, L (R) operatore che rappresenta a sinistra (destra) h rispetto a g. cor. (V,g) spazio vettoriale metrico di dimensione finita, g non degenere, fEnd(V), (t) ! (t)fEnd(v) | g(f(v),w) = g(v,(t)f(w)) v,wV f operatore trasposto di f rispetto a g. h(v,w) = g(f(v),w)) (V,g) spazio vettoriale metrico di dimensione finita, g non degenere, propriet f,gEnd(V), ,K, (t) (f + g) = (t)f + (t)g. (t) (f o g) = (t)g o (t)f. (t) (t) ( f) = f. operatore simmetrico rispetto a g, fEnd(V) | f = (t)f. operatore antisimmetrico rispetto a g, fEnd(V) | f = - (t)f. (V,g) spazio vettoriale metrico di dimensione finita, g non degenere, g*( 1, 2) = g(#( 1),#( 2)) 1, 2V*, g* prodotto scalare | b isometria tra (V,g) e (V*,g*). g*(b(v),b(w)) = g( #(b(v)), #(b(w)) ) = g(v,w) v,wV. V spazio vettoriale su K di dimensione finita n, g prodotto scalare su V non degenere, B base di V, vV, X colonna delle coordinate di v risp. a B, g(v,w) = tXGY. matrice associata a b(v) rispetto alla base B in partenza e alla base canonica E in arrivo, MBE(b(v)) = tX RB(g) calcolo dell'applicazione # in spazi vettoriali di dimensione finita: V spazio vettoriale su K di dimensione finita n, g prodotto scalare su V non degenere, B base di V, V*, vV, XRn colonna coordinate di v, G = RB(g), M = MBE( ). g(#( ),v) = (v) = MX = MG-1 GX = t(tG-1 tM)GX. t (MG-1) da le coordinate di #( ) rispetto a B. calcolo degli operatori che rappresentano una forma bilineare rispetto a un prodotto scalare: V spazio vettoriale su K di dimensione finita n, g prodotto scalare su V non degenere, B base di V, hBil(V), G = RB(g)K(n), H = RB(h)K(n), v,wV, X,Y coordinate di v,w. h(v,w) = g(L(X),Y) MBB(L) = G-1 tH. h(v,w) = g(X,R(Y)) MBB(R) = G-1 H. V spazio vettoriale su K di dimensione finita n, g prodotto scalare su V non degenere, B base di V, fEnd(V). G = RB(g), M = MBB(f). MBB((t)f) =G-1 tMG. f operatore simmetrico risp. a g tMG = GM se G=I B base g-ortogonale. f (anti-)simmetrico matrice associata a f risp. a g (anti-)simmetrica. forme hermitiane V,W spazi vettoriali su C, applicazione sesquilineare su V x W, h: V x W c | ,C, v1,v2,vV, w1,w2,wW h(v1 + v2, w) = h(v1,w) + h(v2,w). h(v, w1 + w2) = h(v,w1) + h(v,w2) forma hermitiana su V, applicazione sesquilineare su V x V. prodotto hermitiano, forma hermitiana h su V | h(v,w) = h(w,v) v,wV. V spazio vettoriale su C, h prodotto hermitiano su V, v,wV h-ortogonali se h(v,w) = 0. h non degenere se h(v,w) = 0 vV w = 0. h degenere se wV\{0} | h(v,w) = 0 vV. h(v,v)R vV. h semidefinito positivo, se h(v,v) 0 vV. definito positivo, se h(v,v) > 0 vV\{0}. semidefinito negativo, se - h semidefinito positivo. definito negativo, se -h definito positivo. indefinito, se u,vV | h(u,u) < 0 e h(v,v) > 0. spazio hermitiano, (V,h), spazio vettoriale V su C dotato di prodotto hermitiano h definito positivo su V. (V,h) spazio hermitiano, norma di vV, ||v||R0+, ||v|| = ( h(v,v) ). ||v|| = 0 v = 0. distanza fra u,vV, d(u,v)R0+, d(u,v) = ||u - v||. base h-ortogonale, se i suoi elementi sono a 2 a 2 ortogonali. base h-ortonormale, se h-ortogonale e i suoi elementi hanno norma 1.

10

teorema. V spazio vettoriale su C di dimensione finita, h prodotto hermitiano su V non degenere, fEnd(V). ! *fEnd(V) | h(f(v),w) = h(v, *f(w)) v,wV. *f operatore aggiunto di f rispetto al prodotto hermitiano h. fEnd(V) operatore autoaggiunto, se f = *f. antiautoaggiunto, se f = - *f. normale, se f o *f = *f o f. nx n AC(n), h: C C C, h(X,Y) = tXAY. h una forma hermitiana su Cn. h prodotto hermitiano tXAY = tXtAY A = tA A matrice hermitiana. prodotto hermitiano associato a A hermitiana, hA(X,Y) = tXAY. ogni matrice simmetrica a elementi reali hermitiana. prodotto hermitiano standard su Cn, A = I, hI(X,Y) = (X,Y) = tXIY = tXY. prop. AC(n), M = AtA M hermitiana. prodotto hermitiano su Cn associato a M semidefinito positivo. prodotto hermitiano su Cn associato a M definito positivo det A 0. x GC(n), h: C(n) C(n) C, h(A,B) = tr tAGB. h una forma hermitiana su C(n). h prodotto hermitiano tr tAGB = tr tAtGB G = tG G matrice hermitiana. prodotto hermitiano associato a G hermitiana, hG(A,B) = tr tAGB. prodotto hermitiano standard su C(n), G = I, hI(A,B) = (A,B) = tr tAIB = tr tAB. n (C ,(,)) e (C(n),(,)) sono spazi hermitiani. AC(n), fEnd(Cn), f(Z) = AZ. ||f(Z)|| = ||Z|| ZCn tAA = I. gruppo unitario di ordine n, U(n) = {AC(n) | tAA = I}. elementi di U(n), matrici unitarie. (V,h) spazio hermitiano di dimensione finita n, B,D basi di V h-ortonormali, M = MBD(IV) MU(n). scomposizione unica di AC(n) in somma di matrice hermitiana H e antihermitiana K: H = (A + tA). K = (A - tA). teoria spettrale spazi hermitiani e euclidei. V spazio vettoriale su K, fEnd(V). autovalore per f, K, se vV\{0} | f(v) = v. autovettore per f, vV\{0}, se K | f(v) = v. spettro di f, Spec(f) = {K | autovalore per f}. autospazio di f relativo a , V(f) = {vV | f(v) = v} fEnd(V) diagonalizzabile se base di V costituita da autovettori di f. se V ha dimensione finita, fEnd(V), Spec(f) det (IV - f) = 0. polinomio caratteristico di f, Pf() = det (IV - f). molteplicit algebrica di Spec(f), () = molteplicit di come radice del polinomio caratteristico. molteplicit geometrica di Spec(f), m() = dimKV(f). AK(n). endomorfismo lA: Kn Kn, lA(X) = AX. AK(n) diagonalizzabile A simile ad una matrice diagonale CK(n) invertibile, K(n) diagonale | A = C-1C. teorema spettrale complesso. (V,h) spazio hermitiano di dimensione finita, fEnd(V). sono equivalenti: f normale base di V, h-ortonormale, costituita da autovettori per f. prop. (V,h) spazio hermitiano di dimensione finita, fEnd(V) normale. f(v) = v *f(v) = v, vV, C. ad autovalori distinti di un endomorfismo normale corrispondono autovettori h-ortogonali. gli autovalori di un endomorfismo autoaggiunto sono reali. gli autovalori di un endomorfismo antiautoaggiunto sono immaginari puri. forma matriciale del teorema spettrale complesso. AC(n). sono equivalenti: AtA = tAA UU(n), C(n) diagonale | A = tUU. teorema spettrale reale. (V,g) spazio euclideo di dimensione finita, fEnd(V). sono equivalenti: f simmetrico base di V, g-ortonormale, costituita da autovettori per f.

11

forma matriciale del teorema spettrale reale. AR(n). sono equivalenti: A = tA CO(n), R(n) diagonale | A = tCC. teorema della diagonalizzazione simultanea di 2 forme quadratiche. (V,g) spazio euclideo di dimensione finita,, g' prodotto scalare su V. base di V g-ortonormale e g'-ortogonale. AR(n) simmetrica definita positiva, BR(n) simmetrica. CR(n) invertibile, R(n) diagonale | A = tCC e B = tCC. gA(X,Y) = tXAY prodotto euclideo su Rn. t gB(X,Y) = XBY prodotto scalare su Rn. B C = ME (IR) = RB(gB). teorema di Sylvester. (V,g) spazio euclideo di dimensione finita, g' prodotto scalare su V, f operatore che rappresenta g' rispetto a g. indice di positivit di g' = numero autovalori positivi di f, indice di negativit di g' = numero autovalori negativi di f, indice di nullit di g' = dimRKer f. AR(n), indice di positivit (negativit) di A = numero autovalori positivi (negativi) di A, indice di nullit = dimRKer A. (V,g) spazio euclideo di dimensione finita, W s.s.v. di V, WEnd(V) proiezione ortogonale su W. W endomorfismo simmetrico rispetto a g.

12