P. 1
Manuale Utente Docet PRO 2010

Manuale Utente Docet PRO 2010

|Views: 1,888|Likes:
Published by Mario Grimaudo

More info:

Published by: Mario Grimaudo on Nov 08, 2011
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

11/08/2011

pdf

text

original

Sections

  • 1. Premessa
  • 2. Introduzione
  • 3. Guida allo strumento DOCETpro
  • 3.1. Modalità di utilizzo
  • 3.2. Campo di applicazione
  • 3.3. Simbologia
  • 4. Struttura dello strumento
  • 4.1. Barra dei menu
  • 4.1.1. File
  • 4.1.2. Strumenti
  • 4.1.3. Stampa
  • 4.1.4. “?”
  • 4.2. Albero di selezione dei moduli
  • 4.3. Finestra di inserimento dati
  • 4.4. Pulsanti e convenzioni
  • 5. Progetto
  • 5.1. Metodi di calcolo
  • 6. Edificio
  • 6.1. Zone Termiche
  • 7. Involucro
  • 7.1. Elementi Opachi
  • 7.1.1. Pareti, solai e coperture
  • 7.1.2. Porte
  • 7.1.3. Elementi interni
  • 7.1.4. Ponti Termici
  • 7.2. Elementi Trasparenti
  • 8. Impianti
  • 8.1. Impianti solari
  • 8.1.1. Solare Termico
  • 8.1.2. Fotovoltaico
  • 8.2. Sistemi di generazione
  • 8.2.1. Generatori Tradizionali
  • 8.2.2. Generatore ACS
  • 8.3. Sottosistemi Edificio
  • 8.3.1. Distribuzione
  • 8.3.2. Accumulo
  • 8.3.3. Distribuzione ACS
  • 8.3.4. Accumulo ACS
  • 8.4. Sottosistemi Zone Termiche
  • 8.4.1. Emissione
  • 8.4.2. Regolazione
  • 9. Analisi Costi/Benefici
  • 10. Riepilogo Calcoli
  • 10.1. Energia Netta
  • 10.2. Energia Primaria
  • 10.3. Zone Termiche
  • ALLEGATO A

DOCETpro2010

Software di Diagnosi e Certificazione Energetica degli Edifici su piattaforma web

MANUALE UTENTE

Versione Marzo 2011

MANUALE UTENTE

Copyright © 2009 ITC-CNR – Alcuni Diritti Riservati – Quest’opera è rilasciata ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Non Opere Derivate 2.5 Italia (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it) 2

MANUALE UTENTE

INDICE
1. 2. 3. 3.1. 3.2. 3.3. 4. PREMESSA..............................................................................................................................5 INTRODUZIONE....................................................................................................................6 GUIDA ALLO STRUMENTO DOCETPRO 2010..................................................................6 MODALITÀ DI UTILIZZO ........................................................................................................6 CAMPO DI APPLICAZIONE......................................................................................................6 SIMBOLOGIA .........................................................................................................................6 STRUTTURA DELLO STRUMENTO .................................................................................7 4.1. BARRA DEI MENU .................................................................................................................8 4.1.1. File ...................................................................................................................................8 4.1.2. Strumenti ..........................................................................................................................9 4.1.3. Stampa..............................................................................................................................9 4.1.4. “?” ...................................................................................................................................9 4.2. ALBERO DI SELEZIONE DEI MODULI ......................................................................................9 4.3. FINESTRA DI INSERIMENTO DATI.........................................................................................10 4.4. PULSANTI E CONVENZIONI ..................................................................................................11 5. 5.1. 6. 6.1. 7. PROGETTO ................................................................................................................11

METODI DI CALCOLO ..........................................................................................................12 EDIFICIO .....................................................................................................................12 ......................................................................................................13

ZONE TERMICHE

INVOLUCRO.........................................................................................................................14 7.1. ELEMENTI OPACHI ...................................................................................................15 7.1.1. Pareti, solai e coperture.................................................................................................15 7.1.2. Porte...............................................................................................................................17 7.1.3. Elementi interni..............................................................................................................18 7.1.4. Ponti Termici..................................................................................................................19 7.2. ELEMENTI TRASPARENTI ..........................................................................................20

8.

IMPIANTI ..............................................................................................................................23 8.1. IMPIANTI SOLARI ......................................................................................................23 8.1.1. Solare Termico...............................................................................................................23 8.1.2. Fotovoltaico ...................................................................................................................24 8.2. SISTEMI DI GENERAZIONE .........................................................................................25 3

MANUALE UTENTE 8.2.1. 8.2.2. 8.3. 8.3.1. 8.3.2. 8.3.3. 8.3.4. 8.4. 8.4.1. 8.4.2. 9. 10. Generatori Tradizionali Generatore ACS SOTTOSISTEMI EDIFICIO Distribuzione Accumulo .......................................................................................25

...................................................................................................28 ..........................................................................................29

.......................................................................................................29 .............................................................................................................32 ...............................................................................................33 .....................................................................................................34 ...............................................................................34

Distribuzione ACS Accumulo ACS

SOTTOSISTEMI ZONE TERMICHE Emissione Regolazione

.............................................................................................................35 .........................................................................................................36 ....................................................................................37 ............................................................................................38

ANALISI COSTI/BENEFICI RIEPILOGO CALCOLI

10.1. 10.2. 10.3.

ENERGIA NETTA .................................................................................................................39 ENERGIA PRIMARIA ............................................................................................................40 ZONE TERMICHE.................................................................................................................41

ALLEGATO A .................................................................................................................................42

4

valutazione standard. E’ possibile quindi definire edifici con geometrie anche complesse e con pareti o serramenti di differenti caratteristiche tra loro. sia la valutazione A2. In esso sono implementate in modo dettagliato le norme UNI TS 11300 secondo quanto definito dalle Linee Guida nazionali per la certificazione energetica. così come definito dalla UNI TS 11300-2. un Archivio Dati Climatici. valutazione di progetto. opache e trasparenti. esistenti e di nuova costruzione. definendo un numero minimo di superfici per quelle che sono le differenze tra le caratteristiche costruttive. DOCETpro2010 è ideato per certificare edifici residenziali e non. Tale nuovo strumento occupa quindi una fascia di certificazione energetica differente rispetto a DOCET. strumento di calcolo riconosciuto a livello nazionale con DM 26/06/2009 per i soli edifici residenziali esistenti con superficie inferiore a 3000 m2. un Archivio Materiali (denominato MatiX). orizzontali e verticali. nel grado di dettaglio che si ritiene opportuno. Grazie al principio di semplificazione degli aspetti di certificazione energetica è stata messa a punto un’interfaccia user friendly ideale per tutti i professionisti di settore che potranno certificare tutti gli edifici secondo la procedura di calcolo della Provincia di Bolzano e secondo le Linee Guida nazionali (DM 26/06/2009). senza limitazioni di superfici.MANUALE UTENTE 1. fisiche e di esposizione dei singoli elementi. 5 . Il modello dell’edificio è definito dall’utente creando diverse superfici disperdenti. E’ stato realizzato un portale web per la certificazione energetica denominato XClima Europe all’interno del quale si trova il motore di calcolo DOCETpro2010. ed un’applicazione per la creazione di stratigrafie di elementi costruttivi personalizzate (denominato StratiX). Premessa In Italia la nota frammentazione delle modalità di certificazione energetica e delle procedure di calcolo porta inevitabilmente verso una disomogeneità dei risultati che può essere evitata attraverso l’utilizzo di un’unica piattaforma sulla certificazione energetica. Il software permette di eseguire sia la valutazione A1.

3. Introduzione L’obiettivo è quello di realizzare un portale web che supporta il nuovo software DOCETpro2010 su piattaforma informatica.W EPi EPACS EPgl fP EL QH. Guida allo strumento DOCETpro 2010 3. alla metodologia di calcolo UNI TS 11300 1 e 2 e alle Linee Guida per la certificazione energetica secondo il DM 26/06/09. auto.MANUALE UTENTE 2. ecc. 3. chiara ed intuitiva a cui è possibile accedere da qualunque luogo (ufficio.). Il manuale vuole fornire le informazioni necessarie per un corretto uso del software. utilizzabile da un qualsiasi sistema operativo e sicuro grazie alla modalità di lavoro criptata. Campo di applicazione DOCETpro2010. oltre che all’implementazione delle suddette metodologie. Non è necessaria alcuna installazione: DOCETpro2010 è sempre aggiornato. In questo modo si vuole garantire analisi oggettive e una migliore riproducibilità e comparabilità dei risultati. si focalizza sulla ricerca di approcci semplificati per facilitare l’inserimento dei dati relativamente ad edifici esistenti. di ITC-CNR. attraverso l’interfaccia DOCETpro2010. è un software valido per la certificazione energetica degli edifici di nuova costruzione ed esistenti. cantiere.inv EPe. per le tutte le destinazioni d’uso riportate nel DPR 26 agosto 1993. l’attività di sviluppo dello strumento. definendo un’interfaccia utente direttamente on-line flessibile. DOCETpro2010 è uno strumento di simulazione a bilanci mensili per il calcolo della prestazione energetica degli edifici. Laptop.2.) utilizzando vari supporti (Computer fisso.1.tr Simbologia Definizione Indice di prestazione termica per riscaldamento (energia netta) Indice di prestazione termica per raffrescamento (energia netta) Fabbisogno termico ACS (energia netta) Energia primaria riscaldamento Energia primaria ACS Energia primaria totale (riscaldamento+ACS) Fattore di conversione di energia elettrica in energia primaria Dispersioni di energia per trasmissione nel riscaldamento 6 Simbolo . casa.inv QH. iPhone. implementando le procedure di calcolo in conformità alle UNI TS 11300 e estendendo la valutazione a tipologie di edifici diverse dal residenziale. 412. 3. in accordo ai DLgs 192/05 e DLgs 311/06. n. Modalità di utilizzo Per utilizzare DOCETpro2010 si deve semplicemente disporre di una connessione internet e di un browser compatibile (preferibilmente Google Chrome). ecc. 3. riducendo al minimo le interpretazioni soggettive dell’utente. immediatamente operativo. EPi.

gg Qint.ve θe.gn.gg Dispersioni di energia per ventilazione nel riscaldamento Apporti interni Apporti solari Dispersioni di energia per trasmissione nel raffrescamento Dispersioni di energia per ventilazione nel raffrescamento Temperatura esterna media giornaliera Fabbisogno termico per raffrescamento medio giornaliero Dispersioni di energia medie giornaliere per trasmissione nel raffrescamento Dispersioni di energia medie giornaliere per ventilazione nel raffrescamento Apporti interni medi giornalieri Apporti solari medi giornalieri Coefficiente di utilizzazione per raffrescamento medio giornaliero 4. finestra di inserimento dati. Struttura dello strumento Le sezioni dell’interfaccia di DOCETpro2010 sono principalmente 3: A. A C B Figura 1.gg QC.tr QC.ve.nd.gg QC.gg Qsol.MANUALE UTENTE QH.ve Qint Qsol QC. B. albero di selezione dei moduli. C. Schermata tipo di DOCETpro 2010 7 . barra dei menù.gg ηC.gg QC.tr.

dct. non si avrà la possibilità di modificarlo finchè il file non viene rinominato. Questa opzione è valida UNICAMENTE se l’utente “proprietario” del file. Stampa o Certifico Energetico. . • o Salva con nome o Esci. Strumenti o Controllo progetto . non permettendone il salvataggio sul proprio account. presente nel File Manager. Barra dei menu Nella barra dei menù è possibile individuare le seguenti voci: • File o Nuovo o Apri . La funzione Salva con nome si attiva esclusivamente in modalità abbonato e permette di salvare il file rinominandolo o crearne una copia. pertanto non vi sarà possibile apportarvi modifiche. ? o XClima Media o Guida Tecnica o FAQ .1. contenente i dati di input per la certificazione di un edificio o di un appartamento. precedentemente inseriti e salvati o provenienti da altri utenti XClima che abbiano abilitato la duplicazione del file. Nota metodologica 1: Aprendo un file.1.1. La funzione Apri consente di caricare un file in formato *. al momento della condivisione ha spuntato l’opzione “duplica”. contrariamente il file viene visualizzato in “sola lettura”. o Assistenza Tecnica o Info 4. .MANUALE UTENTE 4. File . condiviso da un altro utente. o Qualificazione Energetica. • • o Calcola progetto . La funzione Nuovo consente di aprire il software in un’altra sessione. . . 8 . .

tale passaggio non è subordinato al completamento della scheda considerata. La sezione FAQ consente di ottenere risposte rapide alle domande più frequenti poste dagli utenti stessi. si potrà visualizzare il risultato ottenuto dall’utente proprietario. 4.1.2. Stampa La funzione stampa consente di visualizzare a monitor o di stampare in formato pdf gli attestati di certificazione energetica o di qualificazione energetica. 4.1. nel quale si sia già giunti a un risultato di indice di prestazione energetica.1. 4. condiviso da un altro utente. 9 . ma che comunque non inficiano il risultato finale (rappresentati dall’icona ). oppure su quali campi non siano stati compilati correttamente. Infine l’Assistenza Tecnica di DOCETpro2010 rimane a disposizone per eventuli quesiti ancora irrisolti dai precedenti servizi. La Guida Tecnica è un valido strumento per l’analisi dell’impianto formulistico adottato in DOCETpro2010.MANUALE UTENTE 4. Lo strumento consente di passare da un modulo ad un altro con un semplice “click” sul nodo desiderato. Il servizio XClima Media permette di visualizzare tutorial on line in formato video. Albero di selezione dei moduli L’albero di selezione dei moduli e sottomoduli consente di avere una visione complessiva della struttura del proprio progetto. fornendo indicazioni su quali input siano necessari e non permettano di calcolare (rappresentati dall’icona ). Strumenti La funzione Controllo Progetto avvia il controllo dei campi necessari od errati per il calcolo. Nota metodologica 2: Aprendo un file. “?” Il punto di domanda offre una serie di servizi a supporto dell’utente per la corretta compilazione del software. La funzione Calcola Progetto invece dà avvio al calcolo della prestazione energetica del modello rappresentato.2.4.3.

quella inferiore.componenti multipli 10 . Per i componenti multipli la finestra si presenta suddivisa in due sezioni: quella superiore in cui vengono riassunte le caratteristiche salienti dell’elemento. come ad esempio elementi di involucro opaco e trasparente. • Componenti multipli: in queste finestre possono essere inseriti infinite componenti. generatore di calore. questo permette di ridurre i dati di input della singola visualizzazione rendendo lo strumento molto più rapido ed intuitivo. ecc. tratti di tubazioni dei sistemi di distribuzione. Finestra inserimento dati . Finestra di inserimento dati Le finestre di inserimento dati si dividono in due categorie: • Singolo componente: in queste finestre l’utente può inserire un singolo componente. Ogni finestra è suddivisa in schede. come ad esempio solare termico. Figura 3. in cui vengono richiesti tutti i dati che caratterizzano l’elemento stesso.3.MANUALE UTENTE Figura 2. Moduli e sottomoduli di DOCETpro2010 4.

scopo della certificazione e riferimenti catastali. Cerca: con questo pulsante è possibile visualizzare un elemento tra tutti quelli inseriti. è costituito da 6 schede: • Progetto: sono richieste le informazioni relative all’ubicazione dell’edificio (regione. il valore Utente. I campi in grigio sono input non modificabili o non utili ai fini del calcolo. Prima di passare alla scheda o finestra successiva è necessario salvare o dati. il salvataggio è stato effettuato con successo. sostituisce nel calcolo il valore di default. • Metodi di Calcolo: vi sono elencati i vari metodi di calcolo possibili con DOCETpro2010. Se tutti gli input inseriti diventano neri. 5. I numeri decimali possono essere inseriti indistintamente con separatore decimale “. Il valore corrispondente al Default viene suggerito dal software sulla base di input precedentemente selezionati. sono visualizzati in blu. Progetto Il primo modulo. se diverso da zero. Pulsanti e convenzioni PULSANTI Salvataggio dati: con questo pulsante vengono salvati i dati inseriti nelle diverse finestre. comune).” (punto). denominato Progetto. Si raccomanda di salvare i propri dati prima di passare alla scheda o finestra successiva! Aggiungi elemento: con questo pulsante è possibile aggiungere un nuovo elemento. CONVENZIONI I dati inseriti ex-novo o successivamente modificati. provincia.MANUALE UTENTE 4. quali validità del certificato. Elimina elemento: con questo pulsante è possibile eliminare l’elemento selezionato. 11 .” (virgola) o “. I campi in giallo sono input a menù a tendina I campi in bianco rappresentano input di testo o numerici Alcuni input possono presentare due campi: Default e Utente. Aggiorna: questo pulsante aggiorna i dati inseriti .4. se invece uguale a zero viene considerato il valore suggerito dal software. • ACE Dati generali: sono richieste informazioni generali. Apri file: consente di aprire un file creato con un altro applicativo. Carica file: questo pulsante permette di caricare un file creato con un altro applicativo. per evitarne la perdite. ed i dati anagrafici del proprietario dell’edificio.

1 Nel caso si scelga di effettuare il calcolo analitico della trasmittanza termica. Metodi di calcolo Questa scheda costituisce il pannello di controllo di DOCETpro2010. costruttore e direttore dei lavori. nel caso di edificio costituito da più unità scegliere l’opzione “Intero edificio (più unità immobiliari)”. di produzione ACS e la possibilità di personalizzare il fattore di energia primaria elettrico fEP.D). ACE Dati certificazione: sono richiesti i dati del soggetto certificatore e dei sopralluoghi effettuati. permettendo la scelta dei metodi di calcolo che si vorranno adottare. Edificio Il secondo modulo Edificio è costituito dalle seguenti schede: • Edificio: vengono definite la caratteristiche principali dell’edificio: o Nome edificio: viene proposto il nome dell’edificio inserito nelle schede precedenti. ovvero al calcolo analitico delle diverse grandezze2. • calcolo analitico della trasmittanza termica elementi trasparenti (UW). o Anno di costruzione.1. in automatico verrà effettuato anche il calcolo analitico della capacità termica 2 La scelta della metodologia di calcolo è demandata al certificatore! 12 . • calcolo analitico dei ponti termici (PT). o Oggetto certificazione: nel caso di appartamento o edificio costituito da 1 unica unità scegliere “Singola unità immobiliare”. • calcolo analitico della trasmittanza termica elementi opachi1 (Uo). Scheda “Metodi di calcolo” 6. • calcolo analitico del perdite di distribuzione (QL. È inoltre possibile prevedere la presenza o meno dell’impianto di riscaldamento. ACE Progetto / Costruzione: sono richiesti di dati relativi al progettista. o Destinazione d’uso: è possibile scegliere la destinazione d’uso dell’edificio in funzione delle categorie previste dal DPR 412/93. o Tipo edificio: se edificio esistente la certificazione può fare riferimento alla metodologia da rilievo utilizzando quindi i dati suggeriti dal software.el.MANUALE UTENTE • • • ACE Dati edificio: sono richiesti i dati principali relativi all’edificio ed all’impianto oggetti della certificazione. 5. in particolare sono previsti le seguenti metodologie: • Calcolo analitico fattore di correzione dello scambio termico (btr). nel caso di edificio di nuova costruzione la certificazione fa riferimento alla metodologia di progetto. impiantista. Figura 4.

Capacità Termica: visibile unicamente se nella scheda Metodi di Calcolo non è stato selezionato il calcolo analitico della trasmittanza termica. Il modulo Zone Termiche permette di definire le diverse zone climatizzate o non climatizzate presenti nell’edificio. Per tutti i comuni il software effettua un calcolo che corregge la temperatura esterna mensile e l’irraggiamento mensile in funzione di località. • • Figura 5. Il primo passo per 3 Per maggiori dettagli sulla metodologia di calcolo utilizzata si rimanda alla Guida Tecnica 13 . Dati Climatici: vengono richiesti gli input di “Provincia di Riferimento 1 e 2” che possono essere specificate qualora il versante geografico. Schermata "Zone Termiche". del comune precedentemente selezionato nel progetto. È possibile inserire un numero infinito di zone termiche. dell'altitudine e del versante geografico. sia differente da quello della provincia di appartenenza. Zone Termiche Figura 6.MANUALE UTENTE o Struttura portante. 6. o Numero di piani riscaldati. tale scheda non è abilitata se il comune di appartenenza dell’edificio è la provincia3. o Superficie lorda disperdente (SL). Scheda "Capacità Termica”.1.

l’utente se ha a disposizione un valore più preciso può inserirlo manualmente. cui corrisponde un coefficiente pari a 0. Per le altre destinazioni d’uso il software calcola il tasso di ricambio in accordo alla norma UNI EN 10339.MANUALE UTENTE poter descrivere una zona termica è crearsi un nuovo campo. orizzontali e verticali. • Ventilazione: nella sezione Ventilazione vengono inseriti i dati relativi alla tipologia di sistema di ventilazione.3 h-1. Nel caso sia presente è necessario inserire l’efficienza dello stesso (espressa in percentuale). • Fabbisogno ACS: permette di calcolare il fabbisogno termico (Energia Netta) per la produzione di acqua calda per usi igienico-sanitari. l’utente può modificare tale valore. Infine è richiesta la portata d’aria di progetto media stagionale. opache e trasparenti. nel caso la destinazione d’uso sia una di quelle previste dalla norma UNI TS 11300-2 prospetto 13. Nel caso di ventilazione naturale. Il software fornisce un valore di tasso di ricambio d’aria che può comunque essere personalizzato dall’utente. cui corrisponde un coefficiente pari a 1. si assume un tasso di ricambio d’aria pari a 0. I dati richiesti variano in funzione della destinazione d’uso dell’edificio: nel caso di edifici residenziali per i quali l’oggetto della certificazione sia l’intero edificio si definiscono il n° degli appartamenti per una determinata superficie utile. Vengono poi richiesti tutti i dati necessari per caratterizzarla. Il software permette di scegliere la presenza dell’impianto di produzione ACS. definendo un numero minimo di superfici per quelle che sono le differenze tra le caratteristiche costruttive.). o Volume Netto Riscaldato (VN): il valore viene fornito dal software. NON editabile. o Ventilazione meccanica.45m. o Superficie Utile Riscaldata (Af). 7.6. o Tipologia di costruzione: deve essere definito lo spessore delle pareti se superiore o inferiore a 0. espresso in m3/G. ecc. le opzioni proposte sono: o Sistemi a portata costante. Involucro Il modello dell’edificio è definito dall’utente creando diverse superfici disperdenti. Nel caso non sia presente il recuperatore di calore si richiedono le caratteristiche delle bocchette di aspirazionie cui lo strumento associa un coefficiente di contemporaneità. Le 3 schede che bisogna compilare sono: • Zona Termica: vengono definite le caratteristiche principali della zona termica: o Zona Termica Riscaldata: il “check” deve essere presente se la zona termica è riscaldata. in caso di assenza si suppone che la produzione sia effettuata con impianti elettrici. utilizzato nella determinazione delle perdite per ventilazione. Per quanto riguarda invece le zone termiche non riscaldate è necessario definire il grado di permeabilità all’aria della zona. negli altri casi viene richiesto il volume specifico di ACS. nel grado di dettaglio che ritiene opportuno. Nel caso di ventilazione meccanica viene richiesta la presenza di un recuperatore di calore. fisiche e di 14 . cliccando sull’icona . per edifici residenziali. numero docce. o Sistemi igro-regolabili. lo strumento propone le seguenti opzioni: o Ventilazione naturale. che permette di inserire il nome della zona prescelta. viene richiesta l’attività svolta all’interno dell’edificio e l’unità funzionale specifica (numero letti. o Volume Lordo Riscaldato (VL).

• Ponti termici (attivo solo se è stato selezionato il calcolo analitico dei ponti termici nella scheda Metodi di calcolo). E’ possibile quindi definire edifici con geometrie anche complesse e con pareti o serramenti di differenti caratteristiche tra loro. • Coperture.MANUALE UTENTE esposizione dei singoli elementi. • Porte. Elementi Opachi Gli elementi opachi sono suddivisi in 6 schede in funzione della tipologia di elemento costruttivo: • Pareti. cliccando sull’icona .1. solai. Schermata "Pareti. • Elementi trasparenti: si inseriscono i dati relativi alle chiusure trasparenti . Il modulo Involucro è costituito dai seguenti sottomoduli: • Elementi opachi: si inseriscono i dati relativi alle chiusure opache verticali e orizzontali. 7. Pareti. • Elementi interni. • Solai. 15 . Vengono poi richiesti tutti i dati necessari per caratterizzare termicamente l’elemento costruttivo analizzato. Il primo passo per poter descrivere una parete è crearsi un nuovo campo.1. coperture". che permette di inserire il nome dell’elemento prescelto. 7.1. solai e coperture Figura 7. verso l’esterno e non riscaldato .

lo strumento importa automaticamente il valore di trasmittanza termica e capacità termica interna/esterna precedentemente calcolati. Calcolo semplificato trasmittanza termica Nel caso di calcolo analitico è necessario caricare una stratigrafia creata con il software StratiX cliccando sull’icona . Figura 8. nella scheda Trasmittanza sarà necessario inserire oltre alla tipologia di parete (importandola da StratiX). esposizione e fattore di assorbimento solare.MANUALE UTENTE Nella prima scheda sono richiesti i dati generali dell’elemento analizzato: zona termica di appartenenza. in funzione della tipologia di elemento opaco. Figura 9. tale maggiorazione viene suggerita dal software e può essere modificata dall’utente. La scheda Ponte termico è attiva solo se NON è stato selezionato il calcolo analitico dei ponti termici nella scheda Metodi di calcolo. la tipologia di terreno. Scheda "Trasmittanza solaio su controterra". Figura 10. Calcolo semplificato ponte termico 16 . H. Tutte queste informazioni servono per il calcolo della trasmittanza termica corretta del solaio. Calcolo analitico trasmittanza termica Nel caso in cui l’elemento inserito sia un solaio controterra. Nella scheda della trasmittanza termica si possono presentare due diverse visualizzazione a seconda che si sia scelto di effettuare il calcolo in maniera semplificata oppure analitica. il perimetro del pavimento e lo spessore delle pareti esterne. l’area totale del pavimento controterra (sommatoria di tutte le aree dei solai confinanti col terreno). Nel caso di calcolo semplificato. superficie. Il calcolo semplificato prevede la maggiorazione percentuale del coefficiente di scambio termico. viene richiesto l’inserimento del valore di trasmittanza termica della parete UO. tipologia componente. Figura 11. ambiente confinante.

Figura 12. non si prevedono ombreggiamenti su elementi orizzontali (coperture). Porte Figura 14. Le schede Aggetto Orizzontale.1.ADIACENTE 17 .MANUALE UTENTE Per il calcolo analitico dei ponti termici si rimanda al paragrafo 8. Nel Contesto è possibile inserire direttamente l’angolo d’ombra oppure vengono richieste informazioni geometriche su eventuali ostruzioni esterne. Definizione altezza edificio adiacente 7. Figura 13. per determinare l’angolo d’ombra. come mostrato in figura.1. Angolo d’ombra Nel caso di un appartamento posto al piano n dell’edificio.4. Queste schede sono attive esclusivamente per gli elementi verticali. Aggetto Verticale e Contesto individuano eventuali elementi che proiettano ombre sull’elemento opaco analizzato. Schermata "Porte".2. per altezza edifico si intende l’altezza lorda dell’appartamento e per altezza edifico adiacente l’altezza prendendo come quota di riferimento l’altezza del nostro appartamento. Nelle schede Aggetto Orizzontale e Aggetto Verticale vengono richiesti la profondità e la distanza dal centro della parete dell’aggetto. hED.

anche se non disperdenti4. nel secondo caso è necessario inserire tutti gli elementi opachi che caratterizzano l’edificio o l’appartamento (tramezzi. solai. Le informazioni da inserire nella scheda Elementi Interni servono per il calcolo della capacità termica dell’edificio. 7. oggetto della certificazione. L’unica differenza sta nel dover inserire sempre manualmente il valore di trasmittanza termica.3.). divisori tra appartamenti. Schermata "Elementi Interni". ecc. Nel primo caso la norma tecnica è richiesto l’inserimento delle superfici dei solai intermedi. La scheda degli elementi interni varia a seconda che si stia effettuando il calcolo semplificato o il calcolo analitico della trasmittanza termica.MANUALE UTENTE La scheda relativa alle porte è simile a quella vista nel paragrafo precedente. 4 Vedi Errata Corrige della UNI TS 11300-1 18 .1. Elementi interni Figura 15.

19 .MANUALE UTENTE 7. Schermata "Ponti Termici".1. ad essi è quindi dedicata una scheda ulteriore all’interno dell’involucro. successivamente per determinare la trasmittanza lineica è necessario caricare la tipologia di ponte termico dall’archivio presente nel File Manager e indicare la posizione di calcolo dello stesso (interno/esterno). È necessario innanzitutto definire la zona termica a cui l’elemento appartiene e la tipologia di componente.utente. Ponti Termici Figura 16. Nel calcolo analitico i ponti termici vengono considerati come elementi opachi.4. L’utente può modificare il valore suggerito inserendo il valore della trasmittanza lineica nel campo ψPT.

• Inclinazione del serramento: questo input è editabile nel caso in cui si scelto un’esposizione orizzontale. Vengono poi richiesti i dati necessari a caratterizzate termicamente l’elemento considerato. 20 . Nella prima scheda sono richiesti i dati generali della finestra. anche per quelli trasparenti la prima operazione da fare è crearsi un nuovo elemento cliccando sul pulsante . ∆R. • Esposizione. • Fattore telaio: di default viene suggerito un valore di 0. • Numero di serramenti. • tipologia di vetro ed eventualmente tipologia di gas all’interno del vetrocamera. Come per i componenti opachi. telaio + vetro). • Area del serramento (si intende l’area totale. quali: • Zona termica di appartenenza. in particolare: • tipologia di telaio. in questo caso. l’utente può modificare entrambi.2.MANUALE UTENTE 7.fr. nella scheda Trasmittanza vengono richiesti i dati necessari per determinare il valore della trasmittanza termica e del fattore solare. Elementi Trasparenti Figura 17. • Oscuranti e tende servono per determinare la resistenza termica addizionale. Schermata "Elementi Trasparenti".20 (il telaio occupa il 20% dell’area del serramento). l’utente può comunque modificarlo. e il fattore di riduzione. Nel caso in cui si sia scelto il calcolo analitico della trasmittanza termica degli elementi trasparenti. viene richiesto l’angolo formato con l’orizzonte.

È richiesto l’inserimento della tipologia di cassonetto. invece. • Fattore solare. Figura 20. Figura 19. Scheda "Cassonetto". • Trasmittanza termica telaio. si sia scelto il calcolo dettagliato della trasmittanza termica degli elementi trasparenti.MANUALE UTENTE Figura 18. • Dimensioni del vetro. • Trasmittanza termica vetro. I valori di trasmittanza termica attribuiti di default al cassonetto sono: • Cassonetto isolato: 1 W/m2K. Calcolo analitico trasmittanza termica Nel caso in cui. • Perimetro del vetro. • Tipologia distanziatore. • Area del telaio. nella scheda Trasmittanza vengono richiesti: • Area del vetro. • Tipologia di vetro ed eventuale gas all’interno della vetrocamera. 21 . • Trasmittanza termica lineica del distanziatore. dell’area e della gradazione della finitura. Nella scheda Cassonetti è possibile inserire la presenza di cassonetti. • Tipologia telaio. • Cassonetto non isolato: 6 W/m2K. indipendentemente dalla scelta effettuata sulla tipologia di oscurante. Calcolo dettagliato trasmittanza termica.

1. Aggetto Verticale e Contesto vedi paragrafo 8. Figura 21.MANUALE UTENTE Per le schede Aggetto Orizzontale.1. Aggetto orizzontale e aggetto verticale 22 . Per la determinazione delle distanze dei vari elementi d’ombra fare riferimento alla Figura 21.

• Esposizione collettori solari. • Sistema preriscaldato: il preriscaldamento viene effettuato con un dispositivo ausiliario. Impianti solari In questo sottomodulo vengono inseriti i dati relativi all’impianti solare termico e fotovoltaico. • Sottosistemi edificio (distribuzione/accumulo/distribuzione ACS/accumulo ACS). 8. al solo riscaldamento o ad entrambi. ovviamente l’energia termica prodotta dal sistema sarà ridotta. 23 .1. 8. Scheda "Solare Termico".1.MANUALE UTENTE 8. • Tipologia collettori solari. • Ombreggiamenti: nel caso di parziale ombreggiamento dei collettori solari è necessario spuntare questo input. Se è presente l’impianto solare termico è necessario spuntare la casella corrispondente per attivarne gli input. Solare Termico Figura 22. ad esempio una resistenza elettrica.1. in Figura 23 è mostrato un esempio di impianto solare con e senza preriscaldamento dell’acqua. • Coefficiente di dispersione termica di primo e secondo ordine: sono coefficienti specifici della tipologia di collettori solari. • Inclinazione collettori solari. il software suggerisce dei valori che possono essere personalizzati dall’utente. Nella scheda dell’impianto solare termico vengono richieste le seguenti informazioni: • Tipo utilizzo: l’impianto potrebbe essere destinato alla sola produzione di ACS. Impianti Il modulo Impianti è suddiviso in 4 parti: • Impianti solari. • Superficie dei collettori: viene richiesta la superficie di captazione totale dell’impianto solare termico. • Sistemi di generazione (generatori tradizionali/generatore ACS). • Efficienza ottica dei collettori solari e del circuito. • Sottosistemi zone termiche.

I dati richiesti per il calcolo sono i seguenti: • Area moduli fotovoltaici: viene richiesta la superficie di captazione totale dell’impianto fotovoltaico. Fotovoltaico Figura 24. Potenza ausiliari.MANUALE UTENTE • • Angolo ombreggiamento: editabile solo nel caso in cui i collettori siano ombreggiati. Sistema preriscaldato 8. 24 . Tipo serbatoio: nel caso di sistema ad accumulo sono previsti due tipologia di serbatoio: orizzontale e verticale. Tipo di scambio: il software prevede due tipologie di scambio: sistema ad accumulo e sistema diretto. • Tipologia di moduli fotovoltaici per determinare il rendimento dell’impianto fotovoltaico. Se è presente l’impianto fotovoltaico è necessario spuntare la casella corrispondente per attivarne gli input. nel secondo caso l’acqua calda viene distribuita direttamente nella rete di distribuzione.1. Scheda "Fotovoltaico". Tipo tubazioni. nel primo caso l’impianto è dotato di un serbatoio in cui viene accumulata l’acqua riscaldata prima di essere distribuita.2. Posizione sistema di distribuzione. • • • • • Sistema con preriscaldamento Sistema senza preriscaldamento Figura 23. Volume nominale.

Schermata "Generatori Tradizionali". Esposizione. In questa fase DOCETpro2010 permette di inserire un unico generatore tradizionale. • Metodo analitico. 8. utilizzato per la sola produzione di riscaldamento o in modo combinato per la produzione di ACS.2. Generatori Tradizionali Figura 25.1.2.MANUALE UTENTE • • • Tipologia di integrazione dell’edificio. in cui le perdite e l’energia ausiliaria sono valutate separatamente nel periodo in cui la fiamma del bruciatore è accesa e quello in cui la fiamma è spenta. 8. Sistemi di generazione In questa sezione sono richieste le caratteristiche dei generatori di calore per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. • Metodo Direttiva 92/42/CE. Il software permette di effettuare le 3 metodologie di calcolo previste dalla UNI TS 11300-2: • Metodo semplificato. 25 . carico intermedio e carico nullo. basato sui dati di rendimento dei generatori di calore ai tre fattori di carico: pieno carico. Inclinazione. in funzione dei coefficienti F1-F7 determinati con i prospetti 23 delle suddette norme.

temperatura media in caldaia. Alcuni dati sono funzione di scelte precedenti e quindi non sempre editabili. Schermata "Metodo Direttiva 92/42/CE". Il metodo semplificato consente di determinare il rendimento del generatore di calore in funzione della potenza termica installata e di informazioni qualitative. tipo: altezza del camino. ecc.MANUALE UTENTE Metodo semplificato Figura 26. Schermata "Calcolo semplificato". generatore mono o pluristadio. 26 . Metodo Direttiva 92/42/CE Figura 27.

Metodo analitico Figura 28. 27 . • Tipologia di bruciatore. • Potenza termica a carico intermedio. Le principali informazioni richieste sono: • Tipologia di generatore. • Temperatura media dell’acqua nel generatore a carico nominale in condizioni di prova.MANUALE UTENTE I dati richiesti sono relativi ai tre fattori di carico: • Rendimento al 100% del carico ηgn. • Ambiente confinante. • Rendimento generatore a carico intermedio. intermedio e pieno carico. • Rendimento a carico intermedio ηgn.P0. • Fattore di riduzione della temperatura in base all’ubicazione.Schermata "Metodo analitico". • Potenza termica nominale installata.Pint.l. • Locale di installazione. • Temperatura media dell’acqua nel generatore a carico intermedio in condizioni di prova. Molte informazioni vengono suggerite in relazione ai prospetti riportati nell’appendice B della norma UNI TS 11300-2. l’utente può editarle se in possesso di dati tecnici specifici. • Potenza ausiliari di generazione a carico nullo. • Perdite corrette al mantello. • Perdite a carico nullo φgn. • Perdite a carico nullo.Pn. • Rendimento generatore a pieno carico.

Generatore ACS Figura 29.MANUALE UTENTE Il metodo analitico prevede che il tempo di funzionamento del generatore sia diviso in due parti: • funzionamento con fiamma del bruciatore accesa. • Potenza ausiliari prima e dopo del focolare. Molte informazioni vengono suggerite in relazione ai prospetti riportati nell’appendice B della norma UNI TS 11300-2. • funzionamento con fiamma del bruciatore spenta. • Tipologia di isolamento del mantello. • Tipologia di struttura del generatore. 8.2. • Tipologia di installazione ed ubicazione. • Caratteristiche della circolazione del fluido termovettore. A seconda della soluzione impiantistica scelta si possono presentare diversi scenari di calcolo: 28 .2. • Percentuale perdite al camino a bruciatore acceso. • Percentuale perdite al mantello in condizione di prova. Schermata "Generatore ACS". • Tipologia di generatore per il calcolo delle perdite al camino a bruciatore acceso. l’utente può editarle se in possesso di dati tecnici specifici. • Tipologia di generatore per il calcolo delle perdite al camino a bruciatore spento. • Percentuale perdite al camino a bruciatore spento. • Tipologia di apparecchi per il calcolo della potenza degli ausiliari. I principali dati richiesti sono: • Potenza termica al focolare e potenza termica di riferimento.

3. o Impianto autonomo per singola unità immobiliare: in questo caso si attiva la sezione Boiler in cui viene richiesta la tipologia di generatore per determinarne il rendimento. Schermata "Boiler". o Per periodo estivo è necessario inserire i dati nella sezione Boiler.1. 29 . 8. 8. mediante l’utilizzo dei rendimenti riportati nei prospetti delle norme UNI TS 11300. in cui le perdite sono determinate in base alla lunghezza delle tubazioni.MANUALE UTENTE • Produzione separata: o Impianto centralizzato di produzione di acqua calda sanitaria a servizio di più unità immobiliari: in questo caso si procede come descritto nel paragrafo 9.2.3. Distribuzione Il calcolo delle perdite del sistema di distribuzione può essere effettuato secondo due modalità: • Calcolo semplificato. alla trasmittanza lineica e ai ∆ di temperatura tra l’acqua nelle tubazioni e l’ambiente circostante. produzione combinata: o Per il periodo invernale il software utilizza i dati inseriti nella sezione Generatori tradizionali (riscaldamento). Sottosistemi Edificio In questa sezione vengono definiti gli impianti di distribuzione ed accumulo per il riscaldamento e la produzione di ACS. • Figura 30. • Calcolo dettagliato.1.

MANUALE UTENTE Calcolo semplificato Figura 31. Schermata "Distribuzione Riscaldamento" calcolo semplificato. • Tipologia isolamento delle tubazioni. Schermata "Rete di distribuzione" calcolo analitico. • Anno di costruzione. 30 . • Temperatura di mandata e di ritorno di progetto. Con il calcolo semplificato il rendimento di distribuzione viene determinato in funzione di: • Tipologia di distribuzione. Calcolo analitico Figura 32.

31 . ovvero la pompa entra in funzione all’accensione del generatore.). Ausiliari elettrici sistema di distribuzione Figura 33. ecc. • Potenza della pompa. Per ausiliari elettrici si intendono eventuali pompe di circolazione. questa può essere inserita direttamente dall’utente o suggerita dal software in funzione di informazioni aggiuntive (prevalenza.MANUALE UTENTE Il calcolo analitico prevede l’analisi delle perdite di ogni singolo tratto di tubazione. • Ubicazione. • Funzionamento continuo o ad intermittenza della pompa. • Trasmittanza termica lineica. • Lunghezza. I dati fondamentali richiesti sono: • Asservito al generatore. Schermata "Ausiliari di distribuzione". densità del fluido. in questa sezione è possibile quindi inserire n elementi caratterizzati da: • Zona termica.

32 . • Conduttività termica strato isolante. Accumulo Figura 34. • Zona termica in cui è posizionato l’accumulatore.2. • Temperatura media nell’accumulatore.MANUALE UTENTE 8. • Tipologia di accumulatore. • Posizione e btr.3. • Spessore isolante. Schermata "Accumulo". In questa sezione vengono richieste le informazioni necessarie per il calcolo delle perdite del sistema di accumulo: • Superficie esterna dell’accumulatore.

Le sezioni Circuito primario e Rete distribuzione ACS si comportano come l’analogo sistema per il riscaldamento.3.1. Distribuzione ACS Figura 35. Nel caso di presenza di circuito primario si attiva la corrispondente sezione Circuito primario. si rimanda alla trattazione del paragrafo 9. Il sistema di distribuzione ACS si divide in due parti: • Circuito primario: tubazioni generatore-accumulo. 33 . • Rete di distribuzione: tubazioni accumulo-erogatori o generatori-erogatori nel caso di assenza di accumulo.MANUALE UTENTE 8.3. Schermata "Distribuzione ACS".3.

4. Schermata "Accumulo ACS". 34 . Sottosistemi Zone Termiche In questa sezione vengono infine definiti gli impianti di emissione e regolazione per le diverse zone termiche dell’edificio.4. 8. Il sistema di accumulo ACS è subordinato alla scelta del circuito primario nella sezione Distribuzione ACS. I dati richiesti sono identici a quelli richiesti per l’accumulatore del sistema di riscaldamento. Accumulo ACS Figura 36.MANUALE UTENTE 8. in particolare è editabile se è prevista la presenza di circuito primario.3. si faccia dunque riferimento al paragrafo 9.3. non editabile in caso contrario.2.

Emissione I dati richiesti in questa sezione sono finalizzati alla determinazione del rendimento del sottosistema di emissione. • Esponente della curva caratteristica. pari alla somma delle potenze termiche dei singoli terminali. • Potenza termica installata. 35 .1. in particolare: • Altezza del locale.MANUALE UTENTE 8. questo dato è attivo solo nel caso di calcolo analitico delle perdite di distribuzione.4. • Tipologia di terminale. tipico di ogni terminale di emissione e suggerito dal software.

in particolare: • Tipologia del sistema di regolazione.4.MANUALE UTENTE 8. Regolazione I dati richiesti in questa sezione sono finalizzati alla determinazione del rendimento del sistema di regolazione.2. • Caratteristiche del sistema di regolazione. 36 .

• Costo combustibile ACS caso base. selezionandolo. Schermata "Interventi". più un ulteriore “Intervento Globale”. • Costo combustibile riscaldamento caso base. Analisi Costi/Benefici Figura 37. Vi è la possibilità di immettere sei interventi totali. • Costo energia elettrica. • Costo intervento di riqualificazione. Per ogni intervento considerato. è possibile definire: Costi: • Descrizione intervento di riqualificazione. • Costo combustibile riscaldamento post-riqualificazione. Figura 38.MANUALE UTENTE 9. da un “Primo Intervento” ad un “Quinto Intervento”. • Costo combustibile ACS post-riqualificazione. Schermata "Costi". 37 .

• Classe energetica post-intervento (raggiungibile. 10. • Energia Primaria (riscaldamento e produzione ACS). cogenerazione) post-riqualificazione. Schermata "Analisi intervento". • Fabbisogno di energia elettrica per gli ausiliari che utilizzano fonti rinnovabili postriqualificazione. • Energia primaria post-intervento. • Fabbisogno di energia elettrica per il riscaldamento post-riqualificazione. • Zone Termiche. • Fabbisogno di energia elettrica per la produzione di ACS post-riqualificazione. • Energia elettrica esportata (fotovoltaici. 38 . Riepilogo Calcoli Il riepilogo risultati si divide in 3 parti: • Energia Netta (riscaldamento e raffrescamento). editabile da A+ a G). • Fabbisogno di energia per la produzione di ACS post-riqualificazione.MANUALE UTENTE Analisi intervento: • Fabbisogno di energia per il riscaldamento post-riqualificazione. Figura 39.

1.MANUALE UTENTE 10. o Fabbisogno di energia termica per ACS. relativi alla temperatura esterna media giornaliera e alle dispersioni e apporti per il calcolo del fabbisogno termico per il raffrescamento. Schermata "Energia Netta". o Dispersioni per trasmissione e ventilazione (riscaldamento e raffrescamento). La sezione Energia Netta presenta 3 livelli di risultati: • Risultati globali annuali quali: o Fabbisogno di energia termica e relativo indice (riscaldamento e raffrescamento). o Apporti interni e solari (riscaldamento e raffrescamento). Energia Netta Figura 40. 39 . • Risultati mensili quali: • Risultati giornalieri.

o Fabbisogno di energia per il riscaldamento. o Emissioni di CO2. Schermata "Energia Primaria". o Rendimento medio stagionale. Energia Primaria Figura 41. • Risultati mensili. 40 .2. o Energia elettrica totale esportata. o Fabbisogno di energia per la produzione di ACS. o Indice di prestazione energetica per la produzione di ACS.MANUALE UTENTE 10. o Fabbisogno energia ausiliari fonti rinnovabili. La sezione Energia Primaria presenta 2 livelli di risultati: • Risultati globali annuali quali: o Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale. o Fabbisogno di energia degli ausiliari per la produzione di ACS. o Fabbisogno energia primaria totale. o Potenza termica di progetto.

o Fattore di correzione dello scambio termico (btr). • Risultati mensili.3. • Risultati giornalieri. o Dispersioni per trasmissione e ventilazione (riscaldamento e raffrescamento). o Rendimento di distribuzione. Per le zone termiche non riscaldate 1 livello: • Risultati globali annuali quali: o Coefficiente di scambio termico per trasmissione (ambiente non climatizzato esterno). 41 . o Coefficiente di scambio termico per trasmissione (interno . Zone Termiche Figura 42.ambiente non climatizzato). Schermata "Zone Termiche". relativi alla temperatura esterna media giornaliera e alle dispersioni e apporti per il calcolo del fabbisogno termico per il raffrescamento. Anche la sezione Zone Termiche presenta diversi livelli di risultati per le singole zone termiche dell’edificio: Per le zone termiche riscaldate 3 livelli: • Risultati globali annuali quali: o Coefficiente di scambio termico per trasmissione e ventilazione o Fabbisogno di energia termica (riscaldamento e raffrescamento). o Fabbisogno di energia termica per ACS. o Rendimenti di emissione e distribuzione.MANUALE UTENTE 10. o Apporti interni e solari (riscaldamento e raffrescamento).

parametri dinamici: valutazione standard con regime di funzionamento dell’impianto di climatizzazione considerato continuo (senza attenuazione o spegnimento). ove siano verificate le condizioni di esistenza. d. sistema di distribuzione: prospetto 21. Per gli edifici di categoria E.6(2) e E. f. c. ad esclusione delle categorie E. e. UNI TS 11300-2. Appendice A. ventilazione: valutazione standard.8.6(1) si assume una temperatura interna costante pari a 28 °C. si assume una temperatura interna costante pari a 20 °C. E. 42 . 3. 2. UNI TS 11300-2. o temperatura conforme alla UNI EN 12831 per appartamenti confinanti in edifici che non sono normalmente abitati. Fabbisogno di energia primaria per riscaldamento: a. per edifici esistenti. durata stagione di riscaldamento: DPR 412/93. UNI TS 11300-2. Per gli edifici confinanti. in condizioni standard di calcolo. per edifici di nuova costruzione.6(2) e E. sistema di regolazione: prospetto 20. Fabbisogno di energia netta per acqua calda sanitaria: prospetto 12 o 13 UNI TS 11300-2. si assume: o temperatura pari a 20 °C per edifici confinanti riscaldati e appartamenti vicini normalmente abitati.MANUALE UTENTE ALLEGATO A DIAGRAMMA DI FLUSSO:metodi e norme utilizzate TIPO DI VALUTAZIONE DOCETpro2010 fa riferimento alla valutazione di progetto A1 e alla valutazione standard A2.6(1). sistema di emissione: se l’altezza dell’ambiente è minore o uguale a 4 m si considera il prospetto 17. dati climatici: UNI 10349. c. temperatura interna: valutazione standard Per tutte le categorie di edifici 8 . come costruito. UNI TS 11300-2. apporti interni: valutazione standard. METODI DI CALCOLO SECONDO UNI TS 11300-1/2 1. b. Questa valutazione è eseguita in regime di funzionamento continuo. UNI TS 11300-2. A1 Valutazione di progetto: il calcolo viene effettuato sulla base dei dati di progetto. A2 Valutazione standard: il calcolo viene effettuato sulla base dei dati relativi all’edificio e all’impianto reale. di cui al prospetto 19 della suddetta norma. per le modalità di occupazione e di utilizzo dell’edificio e dell’impianto si assumono valori convenzionali di riferimento. se l’altezza dell’ambiente è maggiore di 4 m si considera il prospetto 18.8 si assume una temperatura interna costante pari a 18 °C. prospetto 8 UNI TS 11300-1. Per gli edifici di categoria E. come previsto dalla norma UNI TS 11300-2. Questa valutazione è eseguita in regime di funzionamento continuo. per le modalità di occupazione e di utilizzo dell’edificio e dell’impianto si assumono valori convenzionali di riferimento. Fabbisogno di energia netta per riscaldamento: a. b.

basato su calcoli analitici secondo Appendice B. UNI TS 11300-2. 4. c. metodo di calcolo semplificato secondo i prospetti 23. senza ricircolo: UNI TS 11300-2 paragrafo 6. impianto centralizzato: 1. UNI TS 11300-2. 2. sistema di generazione: i.9. con ricircolo: UNI TS 11300-2 paragrafo 6. scaldaacqua autonomi: UNI TS 11300-2 prospetto 31. 43 . metodo di calcolo dettagliato: o basato sui rendimenti dichiarati ai sensi della Direttiva 92/42/CE. contenenti i valori precalcolati per le tipologie più comuni di generatori di calore in base al dimensionamento e alle condizioni d’installazione. ii. ii. ii. o basato su calcoli analitici secondo Appendice B. sistema di generazione: i.MANUALE UTENTE d. le perdite della rete di distribuzione e del circuito primario sono calcolate secondo l’Appendice A UNI TS 11300-2. b. UNI TS 11300-2. contenenti i valori precalcolati per le tipologie più comuni di generatori di calore in base al dimensionamento e alle condizioni d’installazione. Fabbisogno di energia primaria per acqua calda sanitaria: a. sistema di distribuzione: i. metodo di calcolo dettagliato: basato sui rendimenti dichiarati ai sensi della Direttiva 92/42/CE. metodo di calcolo semplificato secondo i prospetti 23.2. sistema di erogazione: UNI TS 11300-2.9.4. UNI TS 11300-2.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->