Sei sulla pagina 1di 69

Dipartimento

Ingegneria Aerospaziale

Corso Manovre e Stabilit


Equilibrio LONGITUDINALE
Docente
Fabrizio Nicolosi
Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale
Universit di Napoli Federico II
e.mail : fabrnico@unina.it

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

FORZE AERODINAMICHE

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Forze Aerodinamiche

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Forze Aerodinamiche

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Forze Aerodinamiche

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Forze Aerodinamiche

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Forze Aerodinamiche
DISACCOPPIAMO il Longitudinale col Latero-direzionale

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Forze Aerodinamiche

Longitudinale

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Forze Aerodinamiche

Longitudinale - DRAG

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - DRAG

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - DRAG

POLARE PARABOLICA
Il CDo sovrasegnato per
Indicare che il CD a CL=0
e non ad alfa=0

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - DRAG
POLARE PARABOLICA
f larea parassita equivalente, vera misura della resistenza
di un velivolo
f = Swet * Cf_eq

Swet larea bagnata del velivolo (circa 5-6 volte S)


Cf_eq il Cf equivalente (dipende dal Re e dalla rugosit sup.)

Swet/S

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - DRAG
f = Swet * Cf_eq
Essendo Swet = circa 6 * S
Viene =>
= 6 * Cf_eq
Il Cf_eq vale:
- Velivolo trasp. Jet = circa 0.0030
- Velivolo turboelica = circa 0.0037
- Bimotore elica
= circa 0.0045
Per cui , nel caso di vel. Trasp. Jet =>
= 6 * 0.0030 = 0.018

NB : Si parla solitamente di drag counts


1 drag count = 0.0001
Quindi il CDo in tal caso vale 180 counts

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - DRAG

=>
Ma solitamente si usa lapproccio della polare parabolica :
E comunque la derivata rispetto ad alfa

derivata NON COSTANTE con !!!


Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - DRAG

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - DRAG

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Trascurando lentit della


resistenza sul piano di coda
E ponendo

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

=>

La fusoliera ha un effetto piccolo (dipende


dalla dimensione relativa tra ala e fusoliera)

0L

CL0wf=CLwf * (iw + 0L)

FRL
V

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Il primo termine =0 se il profilo del piano di coda orizzontale simmetrico.


Ci sono velivoli che hanno il piano a curvatura negativa. In quel caso <0.

0L

( )

FRL

Vh

C L
C L0 wf
d
0 =
(i w 0 L ) = 2
(i w 0 L ) = 2
d
AR e w
AR e w
Indice di efficacia dellequilibratore (tip. 0.4 - 0.5)
Deflessione dellequilibratore (positiva se verso il basso)
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

>0

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - LIFT

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

= CM ac_w + CM oLf
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

=>

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

=>

Coefficiente volumetrico del piano di coda orizzontale

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

=>

Sh ( x ac h x cg ) Sh l h
Vh =
=
S
c
S c
_

COEFFICIENTE VOLUMETRICO

lh

la distanza
del ac della coda dal CG

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

=>

COEFFICIENTE VOLUMETRICO
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
Centro aerodinamico del velivolo , detto anche
PUNTO NEUTRO a comandi bloccati => stessa definizione del ac _ wing

Impongo

detto anche XN

XN =

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento

XN =

Facendo qualche passaggio si pu vedere che :


= CL *(Xcg XN)

NB : Abbiamo trascurato leffetto sul momento delle forze propulsive !!


In velivoli ad elica monomotori (elica in prua) i momenti dovuti alle
componenti che nascono fanno variare di qualche punto % Xac_wf

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
CASO PIU GENERALE di ALA-Piano Orizz e Canard

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
CASO PIU GENERALE di ALA-Piano Orizz e Canard

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Momento di cerniera

SI PUO NOTARE CHE il


momento (e quindi il coeff)
di cerniera dovuta ad alfa e de
SONO ENTRAMBI NEGATIVI
(momento antiorario sulla cerniera)

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Momento di cerniera

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Momento di cerniera

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Angolo di flottaggio (floating)

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Angolo di flottaggio (floating)

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Angolo di flottaggio (floating)

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Angolo di flottaggio (floating)

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Nel caso di comandi liberi langolo dellequilibratore funzione di alfa_h (che
a sua volta funzione di alfa_body).

fl

Quindi, rispetto al caso a comandi bloccati viene ad essere variato :

(h)
(1)

(ad alfa =0 il de questa volta, dipendente da alfa NON E NULLO)

(la dipendenza da alfa c anche nel termine dipendente da de(alfa))

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI

fl

CM 0 = CM ac _ wf + C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C Lh
'

C Lh
ma

()

(1)

Sh
h
x ac _ h x cg 0
S

)[

Sh
h
x ac _ h x cg e fl ( )
S

(2)

C H = C H h + C H e
e

e =
fl

C H
CH

( h )

(3)

per = 0 => e fl =
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

C H
CH

( 0 ) =

C H
CH

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI

CM 0 = CM ac _ wf + C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C Lh
'

C Lh
CM 0 = CM ac _ wf
'

Sh
h
x ac _ h x cg 0
S

)[

Sh
h
x ac _ h x cg e fl ( = 0)
S

(2)

Sh
+ C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C Lh h
x ac _ h x cg 0
S
C H
Sh
C Lh h
x ac _ h x cg
0 (4)
S
C H

Quindi :

CM 0 = CM ac _ wf + C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C Lh
'

CH
Sh
h
x ac _ h x cg 0 1
S
CH

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI

CM 0 = CM ac _ wf + C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C Lh
'

CH
F = 1
CH

CH
Sh
h
x ac _ h x cg 0 1
S
CH

(5)
(6)

CM 0 = CM ac _ wf + C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C L
'

Sh
h
x ac _ h x cg 0 F
S
(7)

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Longitudinale - Momento
COMANDI LIBERI
Vediamo leffetto sul CM_alfa

fl

e ( h ) =
fl

C H
CH

( h )

e ( h ) =
fl

C H
CH

(h)

h = + ih = 0
+ ih (8)
d

C H
d

( h ) =
0
+ ih (9)
CH
d

La parentesi quadra diventa:

C H
C H
C H d
C H
d
+
ih (10)
+ ih
+
0 +
0
CH
CH
C H d
C H
d

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI

Vediamo leffetto sul CM_alfa

(h)

fl

C H
C H
C H d
C H
d
+ ih
+
0 +
+
ih
0
d
CH
CH
C H d
C H

Isolando i termini dipendenti da alfa (alfa_body) :

(10)

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf +
'

d
C H
C H d
Sh
( x ac _ h x cg ) 1
C Lh h

S
CH
C H d
d
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

(11)

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI

Vediamo leffetto sul CM_alfa

(h)

fl
Isolando i termini dipendenti da alfa (alfa_body) :

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf +
'

d
C H
Sh

C Lh h
( x ac _ h x cg ) 1
1
S
CH
d

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf
'

(12)

Sh
d
C L h ( x ac _ h x cg ) 1
F
h
S
d
(13)

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI

Vediamo leffetto sul CM_alfa

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf
'

Sh
d
C L h ( x ac _ h x cg ) 1
F
h
S
d
(13)

Ricordo che a comandi bloccati :

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf

Sh
d
C L h ( x ac _ h x cg ) 1

h
S
d

In definitiva il termine del piano di coda (che rende il


viene ad essere ridotto per la presenza di F (< 1)

C H

F = 1

CH

<1

Infatti, tipicamente
e

C H
CH

CM

negativo , cio stabile)

= 0.40 0.50

0.70 0.80

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

F 0.70

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI

A Comandi liberi si modifica anche il CM_ih

Andando a raccogliere nella equazione (10) i termini dip da ih:

CM ih

'

Sh
= C L h ( x ac _ h x cg ) F = C L hVh F
h
h
S

(14)

Ricordo che a comandi bloccati :

CM ih = C Lh hVh
Quindi :

(15)

CM ih = CM ih F
'

C H

F = 1

CH

<1

Infatti, tipicamente
e

C H
CH

= 0.40 0.50

0.70 0.80

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

F 0.70

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

Equazione

COMANDI LIBERI

CM = CM 0 + CM + CM ih ih
'

'

'

'

Infatti non ho pi il termine dipendente da de in quanto lequilibratore flotta e non


risulta pi una variabile indipendente.

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI Termini derivate a comandi liberi (confronto con der com blocc)

CM 0

'

CM 0

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf
'

Sh
= CM ac _ wf + C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C L h
x ac _ h x cg 0 F
h
S
Sh
= CM ac _ wf + C L0 ( x cg x ac _ wf ) + C L h
x ac _ h x cg 0
h
S

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf

Sh
d
C L h ( x ac _ h x cg ) 1
F
h
S
d

Sh
d
C L h ( x ac _ h x cg ) 1

h
S
d

CM ih = C Lh hVh F
'

CM ih = C Lh hVh
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI
Risoluzione del problema relativo al calcolo dellalfa di equilibrio (per dato ih).
A comandi liberi lequazione del momento ha una sola soluzione in alfa per dato ih.
Infatti :

(h)

fl

C H
C H
C H d
C H
d
+ ih
+
0 +
+
ih
0
d
CH
CH
C H d
C H

Per dato ih CM =0 ha una sola soluzione in alfa. In effetti equivalente a :

CM = CM 0 + CM + CM ih ih = 0
'

'

'

'

E si pu risolvere in alfa

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI
Risoluzione del problema relativo al calcolo dellalfa di equilibrio (per dato ih).
ALTERNATIVA (Mi permette di non calcolare anche le derivate a comandi liberi):

CM = CM 0 + CM + CM ih ih + CM e e fl ( h ) = 0
'

Esplicitato il de di flottaggio come funzione di alfa:

fl

fl

C H
d

=
0
+ ih
CH
d

C H d

=
1
0 + ih
C H d

Lequazione sopra (dove compaiono ancora le derivate di stabilit a com bloccati)


pu essere risolta in alfa e trovare quindi lalfa body di equilibrio a comandi liberi.
(VEDERE ESERCIZI SVOLTI).
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

MOM CERNIERA

C H
CH

0.70 0.80

Possiamo facilmente vedere


che come segno sono
entrambi negativi.
I loro valori ( e quindi il
rapporto) dipendono
principalmente dal rapporto
della corda dellequilibratore
sulla corda del piano di coda)

CODA del B747

Tipicamente lequilibratore si
fa 0.30 0.35 della corda,
quindi

C H 0.008 C H 0.013
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

MOM CERNIERA
Effetto importante anche la
posizione della cerniera.
Tipicamente lOverhang
0.10 -0.20

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

MOM CERNIERA
LHorn fa variare sensibilmente il
coeff di cerniera.
Nella zona esterna il coeff di mom
cerniera diviene addirittura positivo.

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI
CM

Com bloccati al variare di de

NB:
Esiste solo 1 valore di alfa al quale il velivolo
equilibrato a comandi liberi

e=-10
e=-5

Curva del velivolo a com liberi

e=0

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI
Ovviamente si modifica quindi il margine statico di stabilit ed il punto neutro a
comandi liberi:

x N = x ac _ wf +
'

C Lh
C L _ wf

Sh
d
h ( x ac _ h x cg ) 1
F
S
d

Ricordiamo che lespressione (approssimata)


del punto neutro di stab a com bloccati era:

x N = x ac _ wf +

x N = x ac _ wf +

C Lh
C L _ wf
C Lh
C L _ wf

Sh
d
h ( x ac _ h x cg ) 1

S
d
d
h Vh 1

d
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI
Questa una espressione approssimata

x N = x ac _ wf +

C Lh

'

Se ricaviamo

C L _ wf

CM

Sh
d
h ( x ac _ h x cg ) 1
F
S
d

'

CM = C L _ wf x cg x ac _ wf
'

xN

Possiamo ricavare

'

in altro modo :

x N = x cg
'

Sh
d
C L h ( x ac _ h x cg ) 1
F
h
S
d

CM

'

C L
Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

= CL *(Xcg XN)

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

COMANDI LIBERI
A rigore lespressione corretta :

x N = x cg
'

'

CM
C L

'

La pendenza della retta di portanza del velivolo completo cambia tra com bloccati e
com liberi

C L = C Lwf + C Lh

S h d
h 1
F
S d

C L = C Lwf + C Lh

S h d
h 1

S d

'

com liberi

com bloccati

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

Dipartimento
Ingegneria Aerospaziale

EQUILIBRIO , Effetti Propulsivi


Se si inserisce anche il contributo della spinta dei motori va aggiunto
allequazione del CM il contributo dei motori.
La spinta T pu essere ricavata dallequilibrio spinta = resistenza.
Conoscendo il CL dalla polare parabolica
Ricavo il CD e quindi :
zt

T=D=q S CD

cg

Il momento dovuto alla forza T


Mt=T * zt
(in tal caso cabrante) , quindi positivo.
Si pu stimare poi il coefficiente di momento equivalente :
Che va aggiunto nelle equazioni precedenti per ricavare i
corretti valori di de o alfa con inclusi gli effetti della forza
propulsiva.

Corso Manovre e Stabilit - Marzo 2010

CM T

T zT
=
qS c