Sei sulla pagina 1di 1

Milano, Firenze e Venezia nel XIV e XV secolo.

Milano
Milano ebbe un ruolo molto importante perchè da qui ci fu la spinta più importante alla
costruzione di uno stato regionale: infatti dopo anni di alternanza la famiglia dei
Visconti,prevalendo sui rivali dei Della Torre,cominciarono
a regnare su Milano riuscendo anche a imporre il proprio
potere dinastico.
L'affermazione dei Visconti coincise con l'affermazione di
Milano sull'intera Lombardia e in alcune città vicine come
Bologna e Genova. In questo periodo spiccò la figura di
Gian Galeazzo Visconti che,divenuto prima signore e poi
Duca di Milano, riuscì a conquistare altre città come
Verona, Siena, Pisa. Nel tentativo di riconquistare Bologna
si scontrò con il Papa e Firenze, sconfitta nel 1402. Solo la
sua morte pose fine al suo tentativo egemonico.
Stemma dei Visconti

Venezia
Ben diversa era la situazione di Venezia che,interessata solo al possesso di basi strategiche
nel Mediterraneo,riuscì a formare un grandissimo impero marittimo che si estendeva dalla
costa dalmata alle isole greche e egee (Creta,Zante,Corfù).
La svolta politica avvenne a partire dal 1405 quando Venezia intraprese un ampliamento
verso l'entroterra veneto, per contrastare l'espansione dei Visconti nella regione.
Quest'ultima stava diventando molto importante anche per un altro motivo: infatti il governo
veneziano giudicando ormai inarrestabile l'avanzata turca verso il Mediterraneo ritenne
necessario creare uno stato di terra da aggiungere a quello marittimo,già esistente.

Firenze
Alla fine del '200 a Firenze si era stabilito il regime politico più avanzato,anti-aristocratico
e fondato su un governo al quale partecipavano anche le corporazione dei mercanti e
artigiani. Un piccolo cambiamento ci fu a partire dal 1378 con la rivolta dei Ciompi che
accentuò un sistema oligarchico poco enfatizzato in precedenza.
Nel 1433 i conflitti interni alla classe dominante aumentarono e la famiglia dei Medici
approfittò delle situazione x trovare consensi dei ceti popolari x sconfiggere la Famiglia
degli Albizzi. A Firenze il protagonista assoluto di questi anni fu Cosimo de' Medici,che
nonostante esiliato, riuscì x 30 anni,dal 1434, a controllare Firenze senza alcun mutamento
istituzionale e senza abbandonare i propri interessi commerciali (era a capo di una potente
organizzazione bancaria).