Sei sulla pagina 1di 1

Epicuro avverte il soffocante peso dell'implacabile destino dei fisici, ovvero del fatalismo ciclico (la perenne ricorsivit

delle stesse fasi di sviluppo naturale) che imprigiona l'intera processualit cosmica nella gabbie di una eterna ripetizione degli stessi schemi di sviluppo, dalle cui sbarre impossibile fuggire.