Sei sulla pagina 1di 3

Emilio Santoro

Tettonica a zolle
A cura di Emilio Santoro

Appunti di
134

Struttura interna della Terra Sulla superficie della Terra ci sono tracce inequivocabili di processi imponenti che si sono verificati durante il corso delle ere geologiche: masse rocciose di ogni et, fratturate e deformate; fratture della lunghezza di decine o centinaia di chilometri; catene montuose che segnano fasce corrugate di migliaia di chilometri di lunghezza e centinaia di larghezza; immense cinture di vulcani attivi. Quali sono i meccanismi dei grandi processi geodinamici? Iniziamo con un modello che descrive la parte interna del nostro pianeta. Secondo questo modello, la Terra fatta un po come una pesca (figura 1). La sua parte pi esterna, quella che corrisponderebbe alla buccia, chiamata crosta; essa, analogamente alla buccia della pesca, molto sottile: nella similitudine, la crosta avrebbe allincirca lo spessore della sua buccia. La parte corrispondente alla polpa chiamata mantello, che coinciderebbe con una polpa di spessore leggermente inferiore a quello delle pesche normali. La parte che corrisponde al nocciolo, cio il nucleo, sarebbe invece un po pi grande. C una profonda differenza tra la crosta che costituisce i continenti e quella che costituisce i fondali marini. Infatti, le rocce che costituiscono la crosta continentale sono pi leggere di quelle che costituiscono la crosta oceanica. Inoltre, la crosta continentale pi spessa di quella oceanica. Entrambi questi tipi di crosta poggiano sulla parte esterna del mantello, che pi densa della crosta. La parte esterna del mantello arriva a una profondit di un centinaio di chilometri e anche essa pi profonda sotto la crosta continentale che non sotto la crosta oceanica. Allinsieme dei due strati (crosta e parte esterna del mantello) diamo il nome di litosfera. Dobbiamo poi distinguere la litosfera in litosfera continentale, che quella pi spessa, che contiene gli strati di crosta continentale ed quindi pi leggera, cio ha peso specifico minore, e in litosfera oceanica, che quella che comprende la crosta oceanica, che ha peso specifico maggiore. Un ulteriore strato, sempre appartenente al Figura 1. Interno della Terra mantello, quello al di sotto della litosfera, fino a 700 chilometri di profondit. Esso chiamato astenosfera. Questa zona costituita da materiale viscoso, forse parzialmente fuso come la lava. Pi in profondit dellastenosfera, il mantello si irrigidisce nuovamente. Si pu pensare alla litosfera come a una massa rocciosa solida che galleggia sullastenosfera, che una massa calda e viscosa. Ma si visto che la litosfera non omogenea, perch quella oceanica pesa di pi di quella continentale: le parti di litosfera continentale infatti sprofondano di pi nellastenosfera e risultano parimenti pi emerse rispetto alle parti di litosfera oceanica. In base a questo modello, ci dovremmo aspettare che un appesantimento di una parte della litosfera provochi un suo abbassamento, mentre un alleggerimento dovrebbe provocare un innalzamento. Ebbene, alcune osservazioni dimostrano che la Scandinavia si abbassata sotto il peso dei ghiacci nellEra Glaciale e che oggi si sta lentamente risollevando in conseguenza dellalleggerimento dovuto alla sparizione dei ghiacci per fusione della calotta glaciale. Questo modello, introdotto pi di un secolo fa, sebbene in accordo con alcune osservazioni geodinamiche, non spiegherebbe tuttavia lorigine dellenergia necessaria per fratturare le rocce, per produrre i corrugamenti costituiti dalle grandi catene di montagne, per generare le cinture di vulcani e, pi in particolare, non spiega la distribuzione dei terremoti sulla Terra. Il modello dei movimenti solo verticali della litosfera non chiarisce per la complessit dei fenomeni.
Modello della tettonica a placche La cartina della Terra di figura 2 mostra come distribuita la sismicit terrestre, cio dove si verificano pi frequentemente i terremoti. Come si vede, i terremoti si addensano lungo alcune strisce e sono praticamente assenti nelle altre zone. Osservando come si presenta la superficie terrestre in queste zone di concentrazione

ENERGIA, AMBIENTE E INNOVAZIONE 3/2009

Tettonica a zolle

Figura 2. Distribuzione degli epicentri dei terremoti

Figura 3. Suddivisione della superficie terrestre in zolle

ENERGIA, AMBIENTE E INNOVAZIONE 3/2009

Appunti di
135

dei terremoti, notiamo che esse sono caratterizzate dalla presenza di grandi catene montuose o da catene di vulcani o ancora dalle dorsali oceaniche, che sono imponenti catene di montagne sottomarine alte fino a 3000 m, lunghe oltre l0.000 km e larghe mediamente 2.000 km, che si ergono dal fondo degli oceani nei bacini dellAtlantico, del Pacifico, dellOceano Indiano e del Mar Glaciale Artico. Il modello degli spostamenti verticali non spiega in modo soddisfacente laddensarsi delle catene montuose, delle cinture di vulcani, delle dorsali oceaniche nelle zone di maggiore sismicit. Per superare le inadeguatezze del modello degli spostamenti verticali, stato definito un diverso modello, detto modello della tettonica a placche o della tettonica a zolle. Con il termine tettonica ci riferiamo ai processi che portano alla formazione ed evoluzione delle catene

Emilio Santoro

Appunti di

montuose, dei vulcani, delle fratture ecc. Tettonica a zolle vuol dire che questi processi sono spiegati con i movimenti delle zolle di cui tra breve parleremo. Il ragionamento che ha portato a questo modello grosso modo il seguente: la fasce lungo cui si addensano le configurazioni geodinamiche prima ricordate, sono zone di frattura della litosfera. Queste zone di frattura possono essere interpretate come i margini di placche di litosfera. Secondo questa ipotesi, allora, la litosfera sarebbe costituita da tante placche o zolle, rigide, i cui confini sono individuabili dalle fasce in cui si addensano i terremoti. In figura 3 mostrato come i geologi hanno suddiviso la superficie terrestre in un certo numero di placche, che galleggiano sullastenosfera. Per comprendere i movimenti di queste placche supponiamo di far galleggiare su di un liquido alcune placche di sughero. Scaldando il liquido, si nota che le placche si cominciano a muovere sul pelo del liquido: ci dovuto ai movimenti che si sviluppano allinterno del liquido caldo. Questi movimenti che si sviluppano in un liquido caldo si chiamano movimenti convettivi. Dunque, i movimenti convettivi del liquido su cui abbiamo posto le placche di sughero fanno spostare queste placche orizzontalmente. Si pensa che qualcosa di analogo possa accadere per le placche di litosfera galleggianti sullastenosfera calda. A causa dei movimenti convettivi dellastenosfera, le placche di litosfera si spostano orizzontalmente e i loro margini o entrano in collisione e vengono allora detti margini convergenti, o si allontanano, e sono chiamati margini divergenti, o scorrono uno accanto allaltro e si definiscono quindi margini trasformi. Con i movimenti orizzontali delle placche, cerchiamo di dare una spiegazione alladdensarsi dei terremoti in fasce preferenziali e alla presenza di catene montuose, dorsali oceaniche, cinture di vulcani ecc. Innanzitutto, osserviamo che due sono gli elementi che determinano il particolare tipo di configurazione geodinamica risultato dellinterazione di due zolle: 1. il movimento relativo delle zolle: esse infatti possono allontanarsi, avvicinarsi o scorrere una contro laltra; 2. il tipo di margini che interagiscono: ci pu essere infatti una interazione tra due margini oceanici o tra due margini continentali, o ancora tra un margine continentale e uno oceanico. Vediamo che cosa accade nei diversi casi:
margini divergenti margini convergenti

Fonte: Universit di Pavia

margini divergenti: si trovano in corrispondenza delle dorsali oceaniche (dorsale medio-atlantica che si sviluppa dal Polo Nord al Polo Sud) dove le zolle si separano e si forma nuova crosta; margini convergenti: le placche si avvicinano e la crosta si consuma; si trovano in corrispondenza delle fosse oceaniche (Pacifico occidentale) e delle zone di subduzione. Per subduzione si intende lo scorrimento di una placca litosferica sotto unaltra ed il suo conseguente riassorbimento nella astenosfera (come accaduto lungo le coste pacifiche del Sud-America, portando alla formazione della catena montuosa delle Ande); margini trasformi: le placche coincidono con una grande zona di frattura e scivolano semplicemente luna accanto allaltra senza produrre n distruggere la litosfera.

Tratto e adattato da: M. Ferraris, V. Midoro, M. Ott, M. Stucchi Che cosa sono i terremoti e come possiamo difenderci CNR Istituto per le tecnologie didattiche CNR-SEI, 1984 Universit di Pavia Dipartimento di Scienze della Terra Museo di Mineralogia (2006).

136

ENERGIA, AMBIENTE E INNOVAZIONE 3/2009