Sei sulla pagina 1di 15

Tantaltri alieni amori

I coiti itineranti altrimenti interrotti per ammennicoli ameni diversivi, contrapposti a perenni amenorree di segrete secrezioni sentimentali, surriscaldano tantaltri alieni amori. Mentre membranosi imenei cosmici dovattati inoltri (incontri-scontri) penetrati nellamore per lesistere e per la continuit di molte specie masturbano desideri senza destino. Lass-quaggi altrove-in ogni dove scivola la tentacolata mano divina a palpare palpiti umani-disumani di vicende ravvoltolate in emisferi semiseri finch i misteri sintrigano. Sbrodola il vaginale pertugio di vita infradiciato dello sperma del caso e sulle natiche dinfimi posteriori infinito il vagolar di uneternit propositiva dogni ciclica flatulenza. Emilio Diedo

Indice
Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 7 Pagina 8 Pagina 9 Pagina 10 Pagina 11 Pagina 12 Pagina 13 Pagina 14

Continuum!-? Ambizione Gossip possibili immaginabili


,

... ne lascia uneterna traccia Etereo essere Invernali risvegli L'olio dellio L'altalena Piuma Illusionismi Scarto di secondo Maschere vere

Continuum!-?
Depennato un anno se ne traccia un altro del tutto serenamente. Come dopo una morte subentra una nuova vita. forse la farsa del tempo?

Ambizione
Schermo piatto e nero ora in tv. Piange il tempo tossendo lampi. Ancora il cuore rianima lanima. No, cos non va! Vorrei pi caos! Con occhi ciechi scruto una luce. Ecco cosa vedo: soli, estive vesti.

Gossip possibili, immaginabili


I Streghe su scope volanti pregheranno anche loro? II Siamo uomini anormali, nessuno si salva, ridicoli e pieni di grandi pretese. III In sella a troppi comfort spesso siam vipere nere, velenosi, crudeli, cattivi. IV Quando dormono beati, solo allor, anche i bimbi son buoni, care creature. V Una fata turchina scrive ancor fiabe di Pinocchio.

... ne lascia uneterna traccia


Delicatissimo moltiplicarsi di cosmici corpuscoli vitali fino alla predestinata finale unitaria esistenza corporea: il nostro umano rinascere che dello sperma dAdamo nel grembo di Eva ne lascia una continua eterna traccia. E chiss se un giorno fatale verr, com venuta la vita, ad imperare, col suo nulla, la morte con un anti-creato.

Etereo essere
Conturbanti, i sussulti delle meningi del cielo penetrano le esistenze, non umane solamente ma animali e, persino, vegetali, in un unicum. Escursioni dinamiche, e cicliche gravitazioni in perdita di materiali infinitesimali, spazian nell'incommensurabil apparenza universale.

Invernali risvegli
1. L'uomo Altra alba di diversit quotidiana scaraventa una nuova venuta d'aliene ali di destino sulle usurate spalle d'un uomo che muore nella notte per recuperar respiro al mattino. 2 . Gli animali Le altre creature, ognuna nella sua specie, si guadagnano ogni giorno uno spazio nuovo nell'astrale stranezza che o d cibo e vita o procura fame cagionevole di morte. 3. Le piante Torpori o tepori in sere-notti o albe-giorni esalano roridi odori, vaporosi olezzi o schizzi di brio, bozzetti al vento frementi come se l'essenza del d stesse solo nel sogno. 4. Il mondo unisono Dai monti ai lidi lodi al Divino Architetto vibrano nell'armonia dell'aria senz'alzare fole di discordia tra elemento ed elemento e tra Terra ed Universo, van cercando consono suono mendicando continua speranza.

L'olio dellio
Clicco su tasti infiniti di unestemporaneit che ancora sorprende limprevedibilit mia. Fotografato un nulla, niente pi che niente, che abbozza richiami di mitezza spirituale. Colto da sacra ulna meningeo olio dellio gi spremuto dal Dio che il viver consacra: non alterno, giusto quest'unico percorso che potr farci regalo di beatifica esistenza.

L'altalena
Nell'altalena della vita oscillan giorno e notte: buio e luce-luce e buio. Al giorno l'occhio ruba ogni icona; vede e ride dell'umana sua cornice. Di notte invece i sonni rapinan la spossatezza d'ogni anima esistente. Mediator degli opposti, il mattino, fin dal primo cammino, va verso sera.

Piuma
Una piuma nell'aria rigira come la trottolina e leggera e vibrante senz'emettere rumore dal cielo discende verso il suolo. Forse perduta da un angelo o staccatasi da ala di colomba, bianco calamo di sfumati lucori, una concreta sensazione del turbinio d'un'anima che, lasciata andare da Dio, scende ad infilarsi nel corpo.

Illusionismi
Illusionismi non illusioni: niente grilli , ipnosi di luci. I nostri sogni sono mostri malori eterni dello spirito! Allo specchio, l che cresce la falsa entit d'un Io mago.

Scarto di secondo
In uno scarto di secondo un rotondo pensiero mi fulmina: s'illuminano gli occhi di un'intonsa idea che gi scorre nel verso perso sul bianco e che in un altro lampo riempie il foglio; altrettanto velocemente lo stesso pensiero si perde nel vento.

Maschere vere
Lantica maschera del mondo si veste da uomo contemporaneo; essa assume blasfemo corpo appare brutta e brutale, cornuta e viscida, come soggetti infernali. Altra maschera del domani compare d'angeliche forme, bianca con la luce nel cuore: deterea, trasparente, scia trascina con s un amore carico d'avvenenti giorni.