Sei sulla pagina 1di 17

MODULO

UNIT 2.3 CONTROLLO, QUALIT


E SICUREZZA ALIMENTARE
Pag. 154

La sicurezza alimentare

Il concetto di sicurezza alimentare cambiato nel tempo:


in passato disponibilit materiale di approvvigionamenti alimentari
oggi qualit igienico-sanitaria, nutrizionale e organolettica

La produzione di cibi sicuri una questione che interessa non


solo i consumatori, ma anche i produttori e lo Stato

Affinch sia garantito un elevato livello di sicurezza alimentare


necessario che in tutte le fasi del processo produttivo (filiera
agroalimentare) siano rispettate e garantite le norme a riguardo
Pag. 155/1

Sistemi di gestione della sicurezza

I principali sistemi per gestire la sicurezza alimentare sono:

le Buone Pratiche di Fabbricazione (BPF) o Good Manufacturing


Practices (GMP) sono considerate un prerequisito per
lapplicazione del sistema HACCP

lHACCP reso obbligatorio dalla normativa comunitaria

le norme ISO hanno un carattere volontario e quindi vengono


applicate solo dai produttori che lo desiderano
Pag. 155/2

Sistemi di gestione della sicurezza

Le parole chiave della sicurezza alimentare sono salubrit e qualit


Pag. 156

La sicurezza alimentare in Europa


Nel 2000 lUE ha pubblicato il Libro
Bianco sulla sicurezza alimentare
nuovo approccio alla prevenzione e ai
controlli degli alimenti che coinvolge
tutti gli attori della filiera agroalimentare

Il regolamento 178 del 2002 ha


introdotto la rintracciabilit obbligatoria

La tracciabilit la possibilit di
ricostruire il percorso di un alimento e
delle sue componenti in tutte le fasi di
lavorazione: dalla provenienza della
materia prima, fino al consumo finale
Pag. 157

Il Pacchetto igiene

Insieme di regolamenti europei entrati in vigore il 1 gennaio


2006, che pongono le basi per un vero e proprio "testo unico" in
materia alimentare, con particolare riferimento a produzione,
trasformazione, distribuzione e al controllo ufficiale degli alimenti
Il Regolamento 852
fornisce le misure, le
procedure e gli
obblighi in materia di
igiene dei prodotti
alimentari

Si ribadisce lobbligo di
applicare un sistema di
autocontrollo basato sui
principi dellHACCP
Pag. 158

Lautocontrollo e il sistema HACCP

Il controllo sulle varie tappe del processo produttivo, rispetto al


controllo sul prodotto finito, presenta importanti vantaggi:
pi efficienza nei controlli
minori costi
pi sicurezza

Autocontrollo insieme di
procedure e verifiche attuate
dal produttore, nellambito
della propria azienda,
finalizzate alla sicurezza
alimentare

Controllo sul processo produttivo


+ autocontrollo HACCP
Pag. 159

HACCP

HACCP (Hazard Analysis Critical Control


Point) analisi dei rischi e controllo dei
punti critici
un sistema preventivo di controllo degli
alimenti finalizzato a garantire la sicurezza
igienica
Deve essere applicato in ogni azienda
ristorativa e alimentare; consente di:
identificare i potenziali pericoli presenti nel
ciclo produttivo
identificare i punti critici del processo che
possono essere posti sotto controllo per
prevenire, eliminare o ridurre i rischi a
livelli accettabili
Pag. 160

Fasi preliminari dellHACCP

1. Formazione dellHACCP team


2. Descrizione del prodotto
3. Identificazione della destinazione duso
4. Costruzione del diagramma di flusso e dello schema
dellimpianto
5. Conferma sul posto del diagramma di flusso e dello schema
dell'impianto
Pag. 161

Principi dellHACCP

1. Analisi e identificazione dei rischi associati a ogni fase del


processo
2. Determinazione dei Punti di Controllo Critici (CCP) ogni punto
del processo dove una diminuzione del controllo pu
determinare un inaccettabile rischio per la salute
3. Determinazione dei limiti e delle tolleranze per ciascuno dei CCP
individuati
4. Determinazione delle procedure di monitoraggio dei CCP
5. Determinazione e applicazione delle azioni correttive
6. Determinazione delle procedure di verifica periodiche per
stabilire che il sistema HACCP applicato correttamente
7. Determinazione del sistema di gestione della documentazione
Pag. 162

Il controllo ufficiale in Italia

I principali organismi di controllo ufficiale sui prodotti alimentari


sono il Ministero della salute e le Regioni, che agiscono in
collaborazione con il Ministero delle politiche agricole e forestali
e con il Ministero delleconomia e delle finanze
Le ispezioni sui prodotti
alimentari vengono effettuati
dalle ASL e dai NAS
I controlli possono essere
eseguiti sui locali, sui
prodotti, sulligiene del
personale, sulla
documentazione delle
aziende
Pag. 163

Le frodi alimentari

Frodi alimentari: produzione o commercio di alimenti non conformi alle


normative vigenti
Possono essere:
commerciali reati contro il patrimonio
sanitarie reati contro la salute del consumatore
Tipologie di frodi alimentari:
Adulterazioni: sottrazione di alcuni componenti dellalimento, es.
annacquamento del latte o del vino
Sofisticazioni: aggiunta di sostanze estranee alla composizione dellalimento
o non permesse dalla legge, es. aggiunta di colorante giallo alla pasta di
semola per simulare la pasta alluovo
Contraffazioni: denominazione di una merce col nome di un prodotto di
qualit superiore, es. vendere un prosciutto qualsiasi come San Daniele DOP
Anche la vendita di prodotti alterati costituisce una frode
Alterazione: modifica delle caratteristiche chimico-fisiche e/o
organolettiche di un alimento, dovuta a processi naturali
Pag. 164

La qualit totale degli alimenti

Il temine qualit abbraccia numerosi concetti


La qualit totale linsieme di singole qualit:
igienico sanitaria lalimento non deve contenere
microrganismi patogeni, n sostanze contaminanti
nutrizionale relativa allapporto di PN e di componenti
bioattivi
organolettica insieme di componenti in grado di
esprimere complessit, equilibrio, territorialit
tecnologica e commerciale

shelf-life (stabilit)
calibratura (peso e dimensioni del prodotto)
rapporto qualit/prezzo (costo)
comodit duso
legale corrispondenza ai requisiti legali
Pag. 165

Valutazione della qualit

La qualit di un prodotto si valuta attraverso prove di vario tipo:


microbiologiche, chimiche, reologiche e sensoriali
Pag. 166

Le produzioni di qualit: produzioni


territoriali e marchi di tutela

Per tutelare i prodotti di qualit la CE ha


emanato norme che prevedono il rispetto
di un disciplinare di produzione e controlli
efficaci
Denominazione di Origine Protetta
(DOP): tutte le fasi di produzione sono
realizzate in unarea geografica
circoscritta
Indicazione Geografica Protetta
(IGP): almeno una fase di produzione
realizzata in unarea geografica
circoscritta
Specialit Tipica Garantita (STG): i
prodotti sono ottenuti secondo un
metodo di produzione tipico di una zona
geografica
Pag. 167/1

Prodotti biologici

Sono i prodotti ottenuti mediante la


produzione biologica, ossia senza
ricorso:
alla chimica di sintesi
agli ogm

Obiettivi della produzione biologica:


ottenere prodotti di qualit
non danneggiare lambiente, la salute umana, la salute dei
vegetali o quella degli animali
Pag. 167/2

Prodotti da agricoltura integrata

Sono ottenuti utilizzando pratiche colturali che minimizzano i


prodotti chimici di sintesi e quindi sono pi rispettose
dellambiente rispetto allagricoltura convenzionale

Lagricoltura integrata, in sostanza, situata a cavallo tra


lagricoltura convenzionale e quella biologica

Per questi prodotti non esiste una legislazione comunitaria o


nazionale di riferimento, ma soltanto provvedimenti regionali