Sei sulla pagina 1di 6

CHE GRAN GIORNO!

Testo di Luciano D'Arpino musiche di Paolo Teodori SCENA PRIMA Il soggiorno-cucina di una casa medio borghese un po' pretenziosa. Un tavolino con sedie e due poltroncine. Sul fondo due porte (una quella d'ingresso alla casa) e, alla sinistra, un'altra porta (il bagno). A destra una scalinata che porta al piano superiore da dove si vedono tre porte. Entra il pap dalla porta d'ingresso, felice, con le buste della spesa in mano. Canta mentre sistema le leccorne appena acquistate

PAPA'- Che gran giorno questo giorno ormai tanto che l'aspetto ormai tanto che son pronto e la mia vita son sicuro cambier Che gran giorno questo giorno chiudo gli occhi e gi lo sento: il grande giorno eccolo qua! CONTINUA A SISTEMARE ENTRANDO E USCENDO DALLA STANZA PAPA'- Il petrolio come l'oro e la benzina va alle stelle? Il mio mutuo aumenta sempre e il fido in banca non c' pi? Cosa importa non fa niente tanto ricco oggi io sar Vade retro madama Povert! ENTRA LA MOGLIE-MAMMA' CON UN VESTITO IN MANO CHE CANTA IL RITORNELLO CON IL MARITO SENZA PERO' VEDERLO PAPA' E MAMMA'- Che gran giorno questo giorno ormai tanto che l'aspetto ormai tanto che son pronto e la mia vita son sicuro cambier Che gran giorno questo giorno chiudo gli occhi e gi lo sento: il grande giorno eccolo qua! DOPO IL RITORNELLO MAMMA' CANTA DA SOLA MAMMA'- S mia figlia tanto bella e di sicuro sfonder di provini ne fa tanti e in tv dritta dritta finir oggi ha il casting pi importante lei pronta e seducente un'occasione da non mancar

ENTRA LA NONNA IN TUTA CON UN ASCIUGAMANO IN MANO E CANTA IL RITORNELLO CON MAMMA' E PAPA'Che gran giorno questo giorno ormai tanto che l'aspetto ormai tanto che son pronto e la mia vita son sicuro cambier Che gran giorno questo giorno chiudo gli occhi e gi lo sento: il grande giorno eccolo qua! DOPO IL RITORNELLO NONNA CANTA DA SOLA NONNA- Ho lasciato ormai gli ottanta e veleggio verso i novanta si sa che al cor non si comanda e all'incontro io andr lui l'uomo dei miei sogni e impazzire lo far, lo sa tutta la gente che l'et non conta niente ENTRA IL FIGLIO CON UNO ZAINO SULLE SPALLE E CANTA IL RITORNELLO CON NONNA, MAMMA', PAPA', Che gran giorno questo giorno ormai tanto che l'aspetto ormai tanto che son pronto e la mia vita son sicuro cambier Che gran giorno questo giorno chiudo gli occhi e gi lo sento: il grande giorno eccolo qua! FIGLIOLa vita tanto bella se ci salti sempre in sella la carriera non mi piace i viaggi sono la mia luce vado dove serve aiuto e con il mio amore la vera vita scoprir ENTRA LA FIGLIA IN CONDIZIONI PIETOSE E CANTA IL RITORNELLO , PERO' PIANGENDO, INSIEME AL FRATELLO, MAMMA', PAPA' E NONNA Che gran giorno questo giorno ormai tanto che l'aspetto ormai tanto che son pronto e la mia vita son sicuro cambier Che gran giorno questo giorno chiudo gli occhi e gi lo sento: il grande giorno eccolo qua! FIGLIA DA SOLA Che brutto giorno questo giorno

io messaggio e lui non sente Tre metri sopra il cielo io non sono pi Otto metri sotto terra io sprofonder se lui non mi chiama se lui non mi abbraccia Presto, presto o morir TUTTI INSIEME CANTANO IL RITORNELLO E ALLA FINE SPARISCONO Che gran giorno questo giorno ormai tanto che l'aspetto ormai tanto che son pronto e la mia vita son sicuro cambier Che gran giorno questo giorno chiudo gli occhi e gi lo sento: il grande giorno eccolo qua! SCENA SECONDA ENTRA IN SCENA LA BADANTE IRINA E DALL'ALTRA PARTE ARRIVA IL PAPA' PAPA'- Irina? Irina? Dov' la nonna? IRINA- La signora fare fitness in camera da letto, poi dice fare doccia e poi dice venire in cucina e vedere preparativi per pranzo PAPA'- No! No! Niente cucina oggi per la nonna: spazio vietato! Forbidden! Kaputt! IRINA- Cosa essere kaputt? PAPA'- Significa che oggi in cucina dovr esserci solo io...Mi debbo concentrare per preparare personalmente un pranzo con i fiocchi per il dottor Raimondi...E' troppo importante IRINA- Io non conoscere signor Raimonti PAPA'- E tu non lo devi conoscere anzi, non lo devi neanche nominare IRINA- Va bene non si arrabbiare, io non nominare l'importante signor Raimonti PAPA'- Specie davanti alla nonna! IRINA- S io non nominare il signor Raimonti, ma la nonna dice che lei venire in cucina perch senza lei cucina non funzionare, che il signor Pap combinare sempre pasticci PAPA'- Irina!!! IRINA- Pap , dice la nonna, dire sempre di essere un grande cuoco ma poi combinare sempre piatti fetenza PAPA'- Irina!!!! Irina!!!!!! IRINA- Come quella volta che fare volare uova strapazzate in tutta la casa... PAPA'- Irina taci! Silenzio! Pap non combina pasticci ma crea prelibatezze e comunque non ti ho chiesto un parere oppure di riferirmi cosa ne pensasse la nonna di questa mia idea. No! Ti ho dato un ordine: su sbrigati e fai velocizzare la nonna: doccia lampo dopo il fitness e poi di corsa subito al parco a prendere aria IRINA- Ma la signora volere venire in cucina PAPA' (SPINGENDOLA FUORI CON FORZA) Asciugala, vestila e portala al parco IRINA- Ma se la nonna non volere? PAPA'- Vorr, vorr e falla stare fuori almeno tre ore IRINA- Speriamo bene, quando pap dire cos poi nonna sempre arrabbiare molto con me PAPA'- Ah, Irina, senti un'altra cosa IRINA- S? PAPA'- Mi raccomando: acqua in bocca! IRINA- Come?

PAPA'- Acqua in bocca con la nonna sul dottor Raimondi IRINA- Perch dovere mettere acqua in bocca alla nonna per l'importante dottor Raimonti? PAPA'- Ho capito: non hai capito! Vai, vai! IRINA- Forse nonna non avere sete adesso PAPA'- E non la far bere! IRINA- Ma allora perch avere detto acqua in bocca? PAPA'- (SPINGENDOLA FUORI) Perch? Perch avevo sete e adesso va. Vai!!! IRINA- Se lei insistere mettere anche io acqua in bocca, anche se essere meglio vino italiano PAPA'- S ubriacatevi pure adesso. Via! Viaaaaaa! RIESCE A CACCIARE LA BADANTE DALLA STANZA. ENTRA LA MOGLIE-MAMMA' COME UNA FURIA. MAMMA'- Ma sei impazzito? Perch la maltratti e la spingi in quel modo? Vuoi farci denunciare ai carabinieri e ai sindacati? PAPA'- I carabinieri, i sindacati. Che esagerata. Ma quale denuncia? Ma quale maltrattamenti? MAMMA'- Sei il solito incosciente e irresponsabile. Ma perch la stavi cacciando? Che cosa ti ha fatto stavolta quella poveretta di ucraina che neanche capisce bene quello che le si dice... PAPA'- S sono solo cinque anni che sta in casa nostra: troppo poco per comprendere e imparare a parlare una lingua. Sono solo cinque anni che la paghiamo per assistere tua madre e invece tua madre che quasi quasi assiste lei. Non le fa fare nulla e se qualcuno si azzarda a dire qualcosa tua madre monta su tutte le furie MAMMA'- E' mia madre, come la chiami tu, che paga la badante con i suoi soldi e quindi pu farci quello che le pare con i suoi soldi. E poi non vero che non la assiste: Irina molto utile per mamm: le regge sempre il phon quando deve asciugarsi i suoi splendidi capelli e le prepara la vasca da bagno con gli oli essenziali PAPA'- Ah, ho capito: svolge un compito essenziale. Per vorrei ricordarti che la tua badante mangia come un montone e beve come un cammello (ma solo vino per!) e sono io che pago gli alimneti in questa casa perch tua madre, oh scusa la tua Mamm, non tira fuori un centesimo per le cibarie eppure mi sembra che si sieda ogni giorno a tavola e con grande appetito MAMMA'- Che fai adesso rinfacci? PAPA'- No, non voglio rinfacciare MAMMA'- (FA FINTA DI PIANGERE) Ecco sei il solito crudele che ferisce senza piet. PAPA'- Ma no cara, non ce l'ho con te MAMMA'- Lo so: ce l'hai con mamm ed come se ce l'avessi con me e poi fai conto che una parte del cibo che tu quotidianamente destini a me io la passi a mia madre.. Oppure se vuoi da stasera manger di meno per far mangiare anche mamm (PIANGE ANCORA PIU' FORTE) PAPA'- Ma su cara non fare cos. Non volevo ferirti, Va bene. Non m'importa niente quanto spendo per il mangime di tua madre e della badante scema MAMMA'- Il mangime? Il mangime: mica un pappagallo! (RISCOPPIA A PIANGERE) PAPA' Ma certo che non un pappagallo (A PARTE) oddio per come si veste lo sembra proprio. Mi sono sbagliato: volevo dire il mangiare, le cibarie insomma. Su facciamo la pace e non tenermi il muso MAMMA'- Se prometti che non tirerai pi fuori questa storia e non parlerai pi male di mamm PAPA'- (FALSO) Lo prometto MAMMA'- Giuralo! PAPA'- Lo giuro! FA PER BACIARE LA MOGLIE MA LEI LO SCHIVA AL VOLO MAMMA'- E adesso dimmi perch stavi maltrattando Irina... PAPA'- Ti ho detto che non la stavo maltrattando..La stavo solo invitando a far fare velocemente la doccia alla Nonna per portarla al parco MAMMA'- Al parco con questo tempo? PAPA'- Tempo? Quale tempo? MAMMA'- Meno tre! Fa meno tre spaccato al barometro! Nulla resiste a questa temperatura e tu vuoi mandare la Nonna al parco

PAPA'- Ma guarda cara che lei che insiste sempre pr uscire con ogni tipo di tempo e io non voglio ostacolare la sua libert perch poi si lamenta del genero MAMMA'- S, adesso non fare la vittima...Tanto oggi Mamm non pu uscire..Non se ne parla proprio. Star qui come ogni giorno in cucina a dare consigli per il pranzo PAPA'- No, oggi non possibile MAMMA'- S, oggi possibile perch Mamm rester qui in casa. Esci tu piuttosto PAPA'- No, esce lei! MAMMA'- No, Esci tu! DUETTO PAPA' Oggi il mio gran giorno e levatevi di torno In cucina debbo stare solo debbo cucinare un gran piatto sforner e Raimondi conquister MAMMA' Sar pure il tuo gran giorno ma avrai noi sempre intorno In cucina mamm star e a cucinare ti aiuter un gran piatto sforner e il tuo Raimondi stupir! PAPA' Lasciatemi solo! Lasciatemi solo! MAMMA' Solo non sarai! Solo non sarai! PAPA' Ma indispensabile MAMMA' Ma sar impossibile PAPA' Oggi il mio gran giorno MAMMA' Ma con noi sempre intorno PAPA' Ma indispensabile MAMMA' Ma sar impossibile PAPA' Oggi il mio gran giorno non rovinate il mio sogno levatevi di torno e lasciatemi lavorar MAMMA' Oggi il tuo gran giorno non guasteremo il sogno tuo ma con noi intorno lo riuscirai a realizzar PAPA' Lasciatemi solo! Lasciatemi solo!

MAMMA' Solo non sarai! Solo non sarai! PAPA' Ma indispensabile MAMMA' Ma sar impossibile PAPA' Oggi il mio gran giorno MAMMA' Ma con noi sempre intorno PAPA' Ma indispensabile MAMMA' Ma sar impossibile PAPA' ESCE INSEGUITO DALLA MOGLIE