Sei sulla pagina 1di 31
MineraliMineraliMineraliMinerali misteriosimisteriosimisteriosimisteriosi (ma(ma(ma(ma nonnonnonnon
MineraliMineraliMineraliMinerali misteriosimisteriosimisteriosimisteriosi (ma(ma(ma(ma nonnonnonnon
MineraliMineraliMineraliMinerali misteriosimisteriosimisteriosimisteriosi (ma(ma(ma(ma nonnonnonnon

MineraliMineraliMineraliMinerali misteriosimisteriosimisteriosimisteriosi (ma(ma(ma(ma nonnonnonnon troppo!)troppo!)troppo!)troppo!)

Note per insegnanti e genitori

Spesso, per le/gli insegnanti l’argomento “minerali” comporta un certo disagio: si pensa di non saperne abbastanza, si teme forse di non saper rispondere alle domande dei bambini, ci si preoccupa degli aspetti “specialistici” e così via. Per i bambini, d’altra parte, i minerali sono veramente un mondo affascinante. Vengono raccolti, spesso anche “collezionati”, ed apprezzati per il colore, la lucentezza e la forma.

ed apprezzati per il colore, la lucentezza e la forma. La proposta che viene sviluppata in

La proposta che viene sviluppata in questo percorso didattico cerca di partire dalla naturale curiosità ed interesse dei bambini per i minerali per raggiungere alcuni obiettivi:

(1) Imparare ad osservare, a cogliere somiglianze e differenze tra oggetti diversi

(2) Farsi domande sull’origine delle cose intorno a noi

(3) Saper effettuare semplici esperimenti e capirne le finalità

(4) Imparare a classificare gli oggetti sulla base delle loro proprietà.

a classificare gli oggetti sulla base delle loro proprietà. Occorre tener presente che i bambini e

Occorre tener presente che i bambini e le bambine a cui ci rivolgiamo hanno già, in generale, una loro personale “visione del mondo” e si sono già dati molte “risposte” per spiegare in modo più o meno soddisfacente come vanno le cose intorno a loro. E’ probabile quindi che anche su questo particolare argomento (i minerali, come sono fatti, dove si formano, ecc…), ma anche su rocce, montagne, Terra, loro proprietà e loro genesi, si siano già costruiti alcune idee. Queste idee possono essere non sempre corrette da un punto di vista scientifico ma, dal punto di vista dei bambini che le hanno

1

elaborate, svolgono perfettamente il loro compito. Come per tutti gli altri aspetti dell’apprendimento, è importante per le/gli insegnanti conoscere tali idee: per utilizzarle come base di partenza se sono corrette; per proporre situazioni in cui tali idee non funzionano, se sono riconosciute come errate; per elaborarne di nuove in un processo in cui i bambini siano attivi costruttori della loro conoscenza.

i bambini siano attivi costruttori della loro conoscenza. Le prime schede di questo fascicolo sono proprio

Le prime schede di questo fascicolo sono proprio dedicate ad una indagine su tali idee/preconcetti.

Dopo una breve storia a fumetti, che serve come stimolo iniziale (“i minerali sono più vicini a noi di quanto comunemente pensiamo e senza di loro saremmo nei guai”), seguono alcune schede in cui vengono presentate le proprietà dei minerali che saranno esaminate durante l’esperienza al museo. Infine, ci saranno indicazioni precise su come organizzare una raccolta di minerali. Può essere un’attività di tutta la classe, o fatta da un gruppo di “appassionati”, oppure ancora una iniziativa individuale.

Le ultime pagine di questo quaderno sono dedicate ai giochi. Sui minerali, ovviamente!

Il percorso è proposto per gli alunni del secondo ciclo della scuola primaria; alcuni argomenti potranno essere interessanti anche per i ragazzi e le ragazze della scuola secondaria di primo grado.

Ringraziamenti e riconoscimenti

Vogliamo ringraziare Sebastiano, autore del bellissimo sito www.midisegni.it, per averci permesso di usare (gratuitamente!) molti suoi disegni. Le schede di pag. 2, 3 e 9 sono state tratte - e modificate in parte - da una tesi di laurea (“Didattica della Mineralogia: Una proposta per le scuole elementari”, di Irene Strati, Università di Pisa, Anno Accademico 1996/97), che è consultabile presso il museo. L’idea del fumetto ci è venuta guardando il sito dedicato ai ragazzi dall’ American Museum of Natural Hystory (http://www.amnh.org/ology), in particolare dopo aver letto la storia “Amazing Mundo!”. Anche se probabilmente non verranno mai a saperlo, li ringraziamo per le molte idee ed il materiale che ci hanno messo a disposizione.

E adesso… si parte!

2

mai a saperlo, li ringraziamo per le molte idee ed il materiale che ci hanno messo

cominciare

cominciare

PerPerPerPer cominciare

cominciare

Storia Universale In principio la terra era tutta sbagliata, renderla più abitabile fu una bella faticata. Per passare i fiumi non c'erano i ponti. Non c'erano sentieri per salire sui monti. Ti volevi sedere? Neanche l'ombra di un panchetto. Cascavi dal sonno? Non esisteva il letto. Per non pungersi i piedi, né scarpe né stivali. Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali.

Per fare una partita non c'erano palloni; mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni, anzi a guardar bene mancava anche la pasta. Non c'era nulla di niente. Zero via zero, e basta. C'erano solo gli uomini con due braccia per lavorare, e agli errori più grossi si poté rimediare. Da correggere però ne restano ancora tanti:

rimboccatevi le maniche, c'è lavoro per tutti quanti. (Poesia di Gianni Rodari)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Disegna e colora il nostro pianeta, la Terra Di che cosa è

Disegna e colora il nostro pianeta, la Terra

Disegna e colora il nostro pianeta, la Terra Di che cosa è fatto il pianeta Terra?

Di che cosa è fatto il pianeta Terra? Fai un elenco di tutto quello che ti viene in mente:

3

ViventiViventiViventiViventi eeee nonnonnonnon viventiviventiviventiviventi

Colora e ritaglia le figure nella pagina seguente, e poi incollale nell’insieme giusto:

VIVENTI

seguente, e poi incollale nell’insieme giusto: VIVENTI NON VIVENTI Nell’insieme dei NON VIVENTI cerchia in rosso

NON VIVENTI

e poi incollale nell’insieme giusto: VIVENTI NON VIVENTI Nell’insieme dei NON VIVENTI cerchia in rosso quelli

Nell’insieme dei NON VIVENTI cerchia in rosso quelli che, secondo te, sono fatti di minerali. E nell’insieme dei VIVENTI, c’è qualcosa che potrebbe essere fatto di minerali, secondo te?

4

areoplano palma cane stivale balena ancora asciugacapelli denti diamante fungo lavandino margherita piramidi
areoplano
palma
cane
stivale
balena
ancora
asciugacapelli
denti
diamante
fungo
lavandino
margherita
piramidi
serpente
casa
dinosauro
chiocciola
automobile
granchio
tulipani

5

6

6

RocceRocceRocceRocce eeee mineralimineralimineraliminerali sonosonosonosono lalalala stessastessastessastessa cosa?cosa?cosa?cosa?

Segna con una crocetta le frasi che, secondo te, sono vere:

Segna con una crocetta le frasi che, secondo te, sono vere: Rocce e minerali sono la

Rocce e minerali sono la stessa cosa

Le rocce sono formate da minerali

I minerali sono composti da rocce

Le rocce si trovano in montagna ed i minerali no

I minerali luccicano, le rocce sono opache

Le rocce sono più pesanti dei minerali

Se un sasso luccica, allora è un minerale

I minerali sono più piccoli delle rocce

Una roccia può essere composta da molti minerali diversi

Conosci qualche nome di minerale? Scrivilo qui sotto

Conosci qualche nome di roccia? Scrivilo qui sotto

Osserva attentamente il frammento di granito che troverai nel laboratorio. Il granito è una roccia che potresti avere già visto fuori dal museo: viene usata per fare pavimenti, piani di cucina, rivestimenti degli esterni in qualche palazzo di lusso. Se lo guardi da lontano, il granito potrebbe essere una roccia grigia o più o meno rosa, a seconda del tipo. Quello che stai esaminando adesso è rosato.

Ad occhio nudo ti accorgi che è formato da tanti grani di colore e forma diversi. Aiutati con una lente di ingrandimento e controlla se corrispondono a quelli elencati qui sotto.

Ci sono grani rosa, dal contorno più o meno rettangolare. Sono un minerale che si chiama ortoclasio.

Ci sono grani bianco-grigi, dal contorno irregolare. Sono un minerale che si chiama quarzo.

Ci sono anche dei grani scuri, quasi neri, dal contorno arrotondato, e che luccicano. Sono un minerale che si chiama mica.

7

Adesso prova a ricostruire il tuo granito come se fosse un mosaico: ritaglia tanti pezzetti rettangolari di carta rosa (ortoclasio), tanti triangoli grigio chiaro (quarzo), tanti quadratini neri (mica), ed incollali nella pagina seguente, nello spazio bianco dentro la lente di ingrandimento

nello spazio bianco dentro la lente di ingrandimento Confronta il tuo mosaico con quello fatto dai

Confronta il tuo mosaico con quello fatto dai tuoi compagni. Sono uguali? Le dimensioni delle tessere del mosaico sono le stesse? Qualcuno ha messo più tessere rosa, o più bianche o più nere ? (E le rocce naturali, sono uguali tra loro? Cosa cambia tra una e l’altra?)

8

dire

SaiSaiSaiSai dire

dire

dire

di cosa è fatta la sabbia?

dire SaiSaiSaiSai dire dire dire di cosa è fatta la sabbia? di cosa è fatta una

di cosa è fatta una statua?

di cosa è fatta una montagna?

di cosa è fatto il terreno dei campi?

fatta una montagna? di cosa è fatto il terreno dei campi? di cosa è fatto Marte,
fatta una montagna? di cosa è fatto il terreno dei campi? di cosa è fatto Marte,
fatta una montagna? di cosa è fatto il terreno dei campi? di cosa è fatto Marte,

di cosa è fatto Marte, uno dei pianeti che, come la Terra,

gira intorno al Sole?

Confronta le tue risposte con quelle dei tuoi compagni e discutete le differenze.

E adesso leggi attentamente l’avventura che potrebbe capitarti, a proposito di minerali

9

10

10

* Bulbo : è la parte esterna fatta di vetro della lampadina. ** Fondere :

* Bulbo: è la parte esterna fatta di vetro della lampadina. ** Fondere: quando si porta il quarzo a temperature di oltre 1700 gradi, diventa un liquido. *** Disgregazione: i minerali si rompono in frammenti sempre più piccoli e arrotondati fino, appunto, a diventare granelli di sabbia.

11

12

12

13

13

14

14

QualcheQualcheQualcheQualche parolaparolaparolaparola difficile?difficile?difficile?difficile?

Scrivi sui puntini i nomi delle parti che costituiscono una lampadina, scegliendoli tra quelli qui elencati: bulbo, filamento, spira di sostegno, fili, ghiera

elencati: bulbo, filamento, spira di sostegno, fili, ghiera Unisci i nomi delle varie parti di una

Unisci i nomi delle varie parti di una lampadina con il nome del minerale che è servito a costruirle (la storia a fumetti che hai letto ti può aiutare).

Bulbo

Calcopirite

Filamento

Bauxite

Ghiera

Quarzo

Fili

Scheelite

AdessoAdessoAdessoAdesso provaprovaprovaprova ttu!ttu!u!u!

Scrivi accanto alle varie parti della bicicletta il loro nome. Prova a pensare di cosa sono fatte e quali minerali e rocce potrebbero essere serviti per ottenere quel materiale. Nella prossima pagina trovi un elenco che ti può aiutare.

rocce potrebbero essere serviti per ottenere quel materiale. Nella prossima pagina trovi un elenco che ti

15

Dalla

EMATITE

si estrae

il ferro (anche per la produzione di acciaio)

Dalla

BAUXITE

si estrae

l’alluminio

Dalla

CALCOPIRITE

si estrae

il rame

Dal

PETROLIO

si ottengono

i derivati del petrolio (gomma, materie plastiche)

Dal

QUARZO

si ottengono

i vetri (ed anche il silicio per i microchips…).

Ma

Ma

Ma

Ma

vetri (ed anche il silicio per i microchips…). Ma Ma Ma Ma cosacosacosacosa sonosonosonosono iiii

cosacosacosacosa sonosonosonosono iiii minerali?minerali?minerali?minerali?

Osserva attentamente i minerali che trovi davanti a te al Museo. Proviamo a dare una definizione di “minerale” rispondendo a queste domande:

I minerali sono solidi, liquidi o gassosi ?

solidi

domande: I minerali sono solidi, liquidi o gassosi ? solidi liquidi gassosi I minerali sono naturali

liquidi

I minerali sono solidi, liquidi o gassosi ? solidi liquidi gassosi I minerali sono naturali o

gassosi

sono solidi, liquidi o gassosi ? solidi liquidi gassosi I minerali sono naturali o sono costruiti

I minerali sono naturali o sono costruiti dall’uomo ?

naturali

costruiti dall’uomo

I minerali sono formati da parti diverse tra di loro oppure hanno il solito aspetto in qualunque punto?

disomogenei

omogenei

(Una cosa in cui si possono osservare caratteristiche diverse in punti diversi si chiama DISOMOGENEA, mentre se ha le stesse caratteristiche ovunque si chiama OMOGENEA. Il granito che hai osservato e ricostruito come un mosaico, per esempio, è sicuramente disomogeneo: è formato da tanti granuli distinti, rosa, bianchi, grigi, neri.)

Controlla se hai risposto correttamente alle domande leggendo la definizione di minerale qui sotto (la risposta è scritta al contrario, per leggerla diritta devi usare uno specchio

):

definizione di minerale qui sotto (la risposta è scritta al contrario, per leggerla diritta devi usare

16

FacciamoFacciamoFacciamoFacciamo llucelluceuceuce suisuisuisui mineraliminerali!mineraliminerali!!!

Cosa succede quando la luce colpisce un minerale? Prima di tutto, chiediamoci come è fatta la luce. La luce del sole, o quella di una lampadina, ci appare bianca, ma se facciamo passare la luce bianca attraverso un prisma di vetro riusciamo a separarla in tanti colori diversi (rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, indaco e violetto). La stessa cosa accade alla luce del sole quando attraversa le goccioline di pioggia che restano nell’aria dopo un temporale: si scompone nei colori dell’arcobaleno! Facciamo adesso l’esperimento al contrario: se facciamo girare velocemente un disco di carta suddiviso in settori colorati, come quello nella figura sotto, vediamo il disco di colore bianco. La somma di tutti i colori infatti produce il colore bianco.

Due esperimenti sulla luce

infatti produce il colore bianco. Due esperimenti sulla luce Scomposizione della luce con un prisma di

Scomposizione della luce con un prisma di vetro.

sulla luce Scomposizione della luce con un prisma di vetro. La somma dei colori del disco,

La somma dei colori del disco, quando viene fatto ruotare velocemente, ci fa apparire il disco come se fosse bianco

IIlIIlll colorecolorecolorecolore deideideidei mineralimineralimineraliminerali (e(e(e(e nonnonnonnon solo)solo)solo)solo)

Molti minerali ci appaiono colorati. Il loro colore è dovuto al fatto che sono colpiti dalla luce bianca, e dal fatto che assorbono (cioè trattengono al loro interno) una parte di questa luce, mentre l’altra parte viene riflessa (cioè torna indietro). Per esempio: se un minerale è rosso, è perché ha assorbito tutta la luce fuorché la luce di colore rosso, che viene riflessa e che viene vista dai nostri occhi. Se un minerale ci appare verde, significa che assorbe tutta la luce fuorché il verde. (Adesso prova a rispondere a questa domanda: quale luce assorbe un minerale che ci appare nero? E bianco? )

Caccia al tesoro Nella Sala dei Minerali, scopri il nome di un minerale rosso, uno giallo, uno celeste ed uno verde.

Laboratorio Prendi uno dei minerali tra quelli a tua disposizione ed osserva alla luce il suo colore. Alcuni minerali sono chiari, altri scuri. Possono essere bianchi, gialli, rosa, blu, verdi, o anche neri.

17

Anche se il colore è una caratteristica molto appariscente e bella dei minerali, non sempre è un indizio sicuro per identificarli. Perché? Abbiamo visto che il colore dipende da quale parte della luce viene assorbita dal minerale. Questo è dovuto a tante cause diverse, ed anche dalla presenza di impurezze presenti nel minerale. Quindi non sempre il colore è il modo migliore per identificare i minerali. Infatti le impurezze possono esserci o non esserci, ed impurezze diverse possono colorare il minerale in modo diverso.

IlIlIlIl colorecolorecolorecolore delldelladelldellaaa strisciastrisciastrisciastriscia

Per esempio, tra i campioni che hai a disposizione ce ne sono alcuni che hanno colori diversi (incolore, bianco, giallo, marrone…) ma che sono sempre lo stesso minerale (calcite).

Anche il quarzo può presentare colori diversi (per esempio il quarzo ametista è viola, il quarzo

citrino è giallo, il quarzo morione è nero

).

il quarzo citrino è giallo, il quarzo morione è nero ). Può essere più utile, per

Può essere più utile, per caratterizzare un minerale, vedere il colore della striscia, cioè il colore che il tuo minerale lascia se lo sfreghi su una mattonella di porcellana. E’ dello stesso colore del minerale? A volte la polvere dei minerali ha un colore diverso da quello del minerale stesso. La calcite di vari colori che abbiamo visto prima, per esempio, lascia sempre una striscia di polvere bianca sulla mattonella. Tra i minerali a tua disposizione ce ne sono molti altri che lasciano sulla mattonella una striscia bianca. Alcuni, invece, lasciano una striscia grigio-nera, ed uno solo produce una striscia rossa (color mattone). Fai la prova!

LaLaLaLa lucentezzalucentezzalucentezzalucentezza deideideidei mineralimineralimineraliminerali

Consideriamo adesso la luce che il minerale riflette, cioè rimanda indietro senza assorbirla. Il modo in cui la luce viene riflessa è una caratteristica importante dei diversi minerali. Questa caratteristica si chiama lucentezza.

Osserva come i minerale a tua disposizione riflettono la luce e descrivi la loro lucentezza con le parole giuste:

luce e descrivi la loro lucentezza con le parole giuste: • alcuni minerali riflettono la luce

alcuni minerali riflettono la luce come fanno i metalli (lucentezza metallica),

altri assomigliano al vetro (lucentezza vitrea),

altri sembrano conchiglie di madreperla (lucentezza madreperlacea) oppure seta (lucentezza sericea),

altri ancora sembrano non riflettere molto la luce, o sembrano terrosi

Prova a confrontare il riflesso del tuo minerale con qualche oggetto che conosci.

18

E adesso

al buio!

Come senti il minerale al tatto? Ruvido, o liscio, o soffice, o granuloso come la sabbia, o untuoso, o freddo, o caldo, o ….? Chiudi gli occhi, tocca il minerale che hai scelto e prova a descriverlo con le sensazioni delle tue dita.

DuroDuroDuroDuro comecomecomecome

ilililil muro!muro!muro!muro!

Prova a determinare se il tuo minerale è duro. Per misurare la durezza dei minerali occorre provare a scalfirli (graffiarli) con qualcosa. Puoi rigarlo con le tue unghie? Alcuni minerali molto teneri possono essere scalfiti facilmente con le unghie. Se non ci riesci, prova a farlo con una monetina di rame. Altrimenti, prova con un pezzo di vetro o con un chiodo di acciaio. Fai attenzione a non farti male con la punta!. Alcuni minerali molto duri non si scalfiscono nemmeno con l’acciaio.

Sai qual e’ il minerale più duro, che non si può scalfire con niente? E’ il diamante! Il diamante però è anche fragile: se cade in terra, si rompe Il “fratello povero” del diamante si chiama grafite: è fatto di un elemento che si chiama carbonio, esattamente come il diamante, ma ha caratteristiche completamente diverse. Forse nessuno dei tuoi amici ha un diamante, ma tutti sicuramente avete la grafite: si trova nella mina del lapis, e la usate tutti i giorni per disegnare.

mina del lapis, e la usate tutti i giorni per disegnare. Possiamo provare a mettere i
mina del lapis, e la usate tutti i giorni per disegnare. Possiamo provare a mettere i

Possiamo provare a mettere i minerali in ordine di durezza crescente. Per fare questo, ci aiutiamo con 10 minerali di riferimento che costituiscono la “Scala di durezza di Mohs” (Friedrich Mohs è il signore che l’ha ideata, quasi 200 anni fa). In questa scala, ciascun minerale è capace di rigare i minerali che stanno sotto, ma non quelli che stanno sopra. E il tuo minerale, in che punto della scala si trova ?

E il tuo minerale, in che punto della scala si trova ? Minerale Durezza Altri termini

Minerale

Durezza

Altri termini di confronto

Diamante

10

Corindone

9

Topazio

8

 

porcellana (sotto 8)

Quarzo

7

 

Filo di acciaio (sopra 6.5)

Ortoclasio

6

 

lama di coltello; vetro da finestra (sotto 5.5)

Apatite

5

 

ferro

Fluorite

4

 

ottone Moneta di rame (eurocent?) 3.5

Calcite

3

 

Unghia 2.5

Gesso

2

Talco

1

19

MineraliMineraliMineraliMinerali dadadada rompererompererompererompere

Osserva come si comportano i minerali quando vengono rotti. Un adulto colpirà con un martello alcuni minerali, e tu potrai vedere che forma e che aspetto hanno i frammenti che si formano.

Alcuni minerali si rompono lungo superfici liscie. Questa proprietà si chiama sfaldatura. Tra quelli che hai a disposizione, ce ne sono alcuni che si separano come sottili fogli. Prova a suddividerli fino a quando riesci a separarli con le unghie. Altri si dividono in cubetti regolari. Altri ancora si dividono in forme diverse. Sai riconoscere qualche forma particolare nel modo in cui si frammenta il tuo minerale? Confronta le superfici di rottura del tuo minerale con i disegni seguenti. Trovi qualche somiglianza?

minerale con i disegni seguenti. Trovi qualche somiglianza? Al microscopio o con una lente di ingrandimento
minerale con i disegni seguenti. Trovi qualche somiglianza? Al microscopio o con una lente di ingrandimento
minerale con i disegni seguenti. Trovi qualche somiglianza? Al microscopio o con una lente di ingrandimento
minerale con i disegni seguenti. Trovi qualche somiglianza? Al microscopio o con una lente di ingrandimento

Al microscopio o con una lente di ingrandimento puoi vedere che aspetto ha un minerale molto comune, che usi tutti i giorni: il sale da cucina. Il minerale corrispondente si chiama halite. Prova a romper i cristalli di halite tra due vetrini da microscopio, e controlla che forma hanno i piccoli frammenti che si formano. Per quanto molto piccoli, la forma dei frammenti è sempre la stessa. Perché?

la forma dei frammenti è sempre la stessa. Perché? Altri minerali si fratturano invece lungo superfici
la forma dei frammenti è sempre la stessa. Perché? Altri minerali si fratturano invece lungo superfici

Altri minerali si fratturano invece lungo superfici irregolari. In questo caso non si parla più di sfaldatura ma di frattura. Ci sono dei minerali che si fratturano in superfici curve, che ricordano le conchiglie (un po’ come fa il vetro); altri si fratturano su superfici piene di punte e di “spine” eccetera

20

le conchiglie (un po’ come fa il vetro); altri si fratturano su superfici piene di punte

e

e

e

e

mineralimineralimineraliminerali dadadada pesarepesarepesarepesare

Toccando e maneggiando i minerali, ti sarai accorto che alcuni sono più pesanti degli altri. Prova a confrontare minerali di dimensioni simili soppesandoli nelle tue mani per decidere quali sono i più pesanti. Usa poi la bilancia per fare i confronti.

i più pesanti. Usa poi la bilancia per fare i confronti. Attenzione : alcuni minerali sono

Attenzione: alcuni minerali sono più pesanti perché sono più grossi. Come potresti fare per confrontare minerali di dimensioni diverse?

È un po’ come quando qualcuno ti chiede: “Pesa di più un chilo di piombo o un chilo di paglia???” Beh, se pesano un chilo, vuol dire che hanno lo stesso peso! Quello che cambia, però, è lo spazio che occupano, cioè il loro volume. Se mettiamo sui due piatti della bilancia volumi uguali di piombo e di paglia, ovviamente la bilancia penderà dalla parte del piombo (sei d’accordo?).

Il problema, quindi, è quello di avere a disposizione volumi uguali di minerali diversi, per decidere quale pesa di più. Per risolvere questo problema, abbiamo macinato i minerali, riducendoli in polvere.

Ecco quindi quello che hai a disposizione:

in polvere. Ecco quindi quello che hai a disposizione: Minerale 1 Minerale 2 Minerale 3 Cilindri

Minerale 1

Minerale 2

Minerale 3

che hai a disposizione: Minerale 1 Minerale 2 Minerale 3 Cilindri graduati Bilancia Come procederesti adesso?

Cilindri graduati

Minerale 1 Minerale 2 Minerale 3 Cilindri graduati Bilancia Come procederesti adesso? Parlane con i tuoi

Bilancia

Come procederesti adesso? Parlane con i tuoi compagni.

Per semplificare le cose, possiamo classificare i minerali in “molto pesanti”, “medi” e “poco pesanti”, confrontandoli tra loro.

Curiosità Tra i minerali che stai esaminando ce n’è uno che attrae le calamite. Prova ad individuarlo.

21

tra loro. Curiosità Tra i minerali che stai esaminando ce n’è uno che attrae le calamite.

Per ogni minerale che hai a disposizione, scrivi i risultati delle tue osservazioni e dei tuoi esperimenti. Puoi aiutarti con questa tabella.

   

Colore della striscia

     

Peso

Minerale

Colore

Lucentezza

Durezza

Sfaldatura

(alto, medio, basso)

N° 1

           

N° 2

           

N° 3

           

N° 4

           

N° 5

           

N° 6

           

N° 7

           

N° 8

           

Sulla base di queste caratteristiche, puoi provare ad identificare il tuo minerale, utilizzando lo schema della figura seguente e rispondendo una dopo l’altra alle domande che trovi sul percorso.

22

Trova il nome dei tuoi minerali rispondendo alle domande e seguendo le frecce giuste.

Trova il nome dei tuoi minerali rispondendo alle domande e seguendo le frecce giuste. 23

23

CollezionareCollezionareCollezionareCollezionare iiii minerali:minerali:minerali:minerali: perchéperché?perchéperché???

Perché sono belli! Questa ci sembra un’ottima ragione, che ne pensi? Se ne trovi altre, scrivile qui sotto:

CollezionareCollezionareCollezionareCollezionare iiii minerali:minerali:minerali:minerali: chi?chi?chi?chi?

Tu, ovviamente. Insieme alla tua classe, o con qualche amico, oppure da solo. Leggi attentamente le prossime pagine ed utilizza i suggerimenti che trovi in questo fascicolo. Se hai bisogno di aiuto, puoi chiedere ai tuoi insegnanti di metterti in contatto con gli animatori del Museo.

CollezionareCollezionareCollezionareCollezionare iiii minerali:minerali:minerali:minerali: come?come?come?come?

minerali:minerali:minerali:minerali: come?come?come?come? Primo passo: trovare i minerali. Dove? In montagna o in

Primo passo: trovare i minerali.

Dove?

In montagna o in collina (accompagnati

da un adulto) Al parco

Nel giardino di casa

Alle mostre-scambio della tua città

Scambiandoli con altri collezionisti

Cosa ti serve?

Scambiandoli con altri collezionisti Cosa ti serve? Sacchetti di plastica trasparente (quelli per congelare i

Sacchetti di plastica trasparente (quelli per congelare i cibi vanno benissimo) in cui mettere separatamente i minerali trovati Un pennarello indelebile per segnare ciascun sacchetto con un numero e con la data del ritrovamento Un blocco notes per annotare il luogo esatto in cui trovi ciascun minerale Una piccola pala o vanga per scavare

Abbiamo visto che tutte le rocce sono formate da minerali, ma a volte i minerali sono così piccoli, oppure così “appiccicati” l’uno all’altro che non sono ben riconoscibili. I minerali più belli sono quelli che si formano dentro le cavità delle rocce (nelle “geodi”), dove possono formare cristalli più grandi e con una bella forma.

dentro le cavità delle rocce (nelle “geodi”), dove possono formare cristalli più grandi e con una

24

Secondo passo: pulire i minerali. Quasi sempre i minerali che si trovano in natura sono

Secondo passo: pulire i minerali.

Quasi sempre i minerali che si trovano in natura sono immersi in una “matrice” di roccia più o meno friabile, e nella terra. Puoi togliere la parte terrosa semplicemente lavando il minerale in una bacinella con acqua tiepida, alla quale puoi aggiungere poco detersivo per piatti, e aiutandoti con uno spazzolino morbido (puoi riciclare un tuo vecchio spazzolino da denti). Asciuga poi i minerali con uno straccio morbido (o con la carta da cucina). Alla fine, rimetti i minerali nel loro sacchetto numerato.

Alla fine, rimetti i minerali nel loro sacchetto numerato. Terzo passo: organizzare la raccolta    
Terzo passo: organizzare la raccolta  

Terzo passo: organizzare la raccolta

 
 

Disponi i tuoi minerali su un tavolo ed osservali con attenzione. Adesso devi decidere quale criterio vuoi usare per organizzare la tua raccolta. Puoi scegliere di dividere i tuoi minerali sulla base del loro colore, oppure per dimensione, forma, durezza, oppure ancora sulla base del luogo di ritrovamento.

Al museo hai visto che esiste un altro modo di classificare i minerali, sulla base della loro composizione chimica. Se vuoi seguire questo criterio, devi per forza identificare i minerali a tua disposizione (vedi il quarto passo, catalogare i minerali), e poi suddividerli di conseguenza.

Per fare questo, ti possono essere utili dei libri (vedi in fondo alla scheda).

 
Quarto passo: catalogare i minerali  

Quarto passo: catalogare i minerali

 
   

Ti serve un quaderno per registrare le caratteristiche più importanti dei tuoi minerali Le informazioni da riportare nel quaderno sono:

1)

N° di catalogo (un numero progressivo

 

che sarà anche riportato su una etichetta

adesiva attaccata al minerale)

2)

3)

Data di acquisizione Luogo di ritrovamento (più

dettagliatamente possibile)

4)

Descrizione (colore, colore polvere,

durezza, sfaldatura ecc.)

25

5)

Nome del minerale (se possibile)

6)

Note (qualsiasi cosa che riguarda il minerale e che potrebbe essere utile ricordare, per

esempio se lo ha acquistato e quanto lo hai pagato, oppure se ti è stato regalato e da chi, eccetera).

pagato, oppure se ti è stato regalato e da chi, eccetera). Quinto passo: conservare i minerali

Quinto passo: conservare i minerali

Ti servono dei contenitori. Puoi usare delle

scatole da scarpe, delle scatoline di plastica (quelle dei formaggi spalmabili, una volta lavate, vanno benissimo), dei contenitori delle uova in cartone o plastica, dei recipienti in polistirolo In ferramenta o al supermercato vendono anche dei contenitori di plastica trasparente, suddivisi in tanti scomparti, nei quali puoi disporre i campioni più piccoli.

scomparti, nei quali puoi disporre i campioni più piccoli. Sesto: esporre i minerali I minerali più

Sesto: esporre i minerali esporre i minerali

I minerali più belli meritano un trattamento speciale

Potresti decidere di esporli in

bacheche di legno, oppure sopra un ripiano della tua libreria. Se sono esposti all’aria, dovresti togliere la polvere, ogni tanto, con un panno morbido.

togliere la polvere, ogni tanto, con un panno morbido. Libri che possono esserti utili: MINERALI E
togliere la polvere, ogni tanto, con un panno morbido. Libri che possono esserti utili: MINERALI E

Libri che possono esserti utili:

MINERALI E GEMME – Guide Compact De Agostini. Una guida

completa e ricca di fotografie per riconoscere, ricercare e collezionare tutte le specie più diffuse di minerali e gemme.

MINERALI E ROCCE di A. Mottana, E.Crespi, G. Liborio. Edizioni Mondadori Electa. Molte immagin e foto.

e gemme. MINERALI E ROCCE di A. Mottana, E.Crespi, G. Liborio. Edizioni Mondadori Electa. Molte immagin

26

VocabolarioVocabolarioVocabolarioVocabolario delledelledelledelle paroleparoleparoleparole nuovenuovenuovenuove suisuisuisui mineralimineralimineraliminerali

Segna con una crocetta la definizione che secondo te è la più corretta (o la meno scorretta…):

Lucentezza (pag. 18) modo in cui un minerale riflette la luce modo in cui un minerale assorbe la luce pulizia dei minerali

Durezza (pag. 19)

Proprietà dei minerali che non capiscono nulla Proprietà dei minerali che resistono alla scalfittura Proprietà dei minerali che non si rompono mai

Scala di Mohs (pag. 19) La usa Mohs La usano quelli che studiano i minerali La usano i muratori

Sfaldatura (pag. 20) Unione di due minerali Quando un minerale si rompe con superfici lisce Quando un minerale si rompe con superfici irregolari

Matrice (pag. 24)

Scontrino fiscale Mamma adottiva La roccia che sta intorno ad un minerale

Riflessione della luce (pag. 17) Quando la luce pensa Quando la luce viene rimandata indietro da un oggetto Quando la luce si accende

Disgregazione (pag. 11) Divisione in piccole parti Litigio Associazione di studiosi di minerali

Estrazione (pag. 12) Del dente (quando è troppo rovinato per essere curato) Dei numeri (del Lotto) Di un metallo (da un minerale che lo contiene)

27

Ripasso Ripasso Ripasso Ripasso incrociatoincrociatoincrociatoincrociato Orizzontali 1 2 3 4 5 6 7 (1) Un
Ripasso
Ripasso
Ripasso
Ripasso
incrociatoincrociatoincrociatoincrociato
Orizzontali
1
2
3
4
5
6
7
(1) Un luogo che conosci dove i minerali
sono conservati, esposti e studiati.
(4) Può avere molti colori diversi, ha
durezza 7 e si trova nel granito.
8
9
(6) E' formata da minerali.
(9) Minerale da cui si estrae il rame.
(10) Minerale da cui si estrae il ferro.
(13) Minerale che troviamo dentro il lapis.
10
11
12
(15) Nome comune del minerale halite, lo
13
14
15
usiamo in cucina.
(16) Non sempre ci consente di
identificare un minerale, ma spesso è bello
16
17
da vedere.
(17) Lo abbiamo misurato in laboratorio
per distinguere barite e calcite.

Verticali (1) E' un minerale che si può suddividere in foglietti sempre più sottili. (2) Il suo colore è caratteristico del minerale. (3) Una roccia formata da quarzo, ortoclasio e mica. (5) Metallo prezioso. (7) Si riga con un chiodo, "frizza" con l'aceto, ha colore della striscia bianco. (8) “Composto solido, naturale ed omogeneo, caratterizzato da una ben definita composizione chimica”. (11) Nel gradino più basso della scala di Mohs. (12) Talmente tenero che si riga con l'unghia, e si usa a scuola. (14) Ce l'hanno in comune molti nomi di minerali e di malattie.

QuattroQuattroQuattroQuattro saltisaltisaltisalti tratratratra lelelele paroleparoleparoleparole

In questo gioco devi passare da una parola all’altra, aggiungendo o sottraendo o cambiando una sola lettera alla volta, ma sempre ottenendo parole di senso compiuto. Per esempio, se vogliamo passare dalla parola ORO alla parola SALE nel minor numero possibile di “salti”, potremmo fare (5 passaggi):

ORO MORO MORE MARE MALE SALE
ORO
MORO
MORE
MARE
MALE
SALE

Invece, con soli 4 salti passiamo da FERRO ad ORO (la soluzione è nell’ultima pagina):

FERRO ………. ………. ………. ORO.
FERRO
……….
……….
……….
ORO.

Prova tu adesso a inventare una strada per passare dal minerale GESSO al minerale TALCO, e poi dal minerale MICA al metallo RAME. Puoi anche inventarne una tu, sempre sui minerali, da proporre ai tuoi compagni. Vince chi trova la strada più breve, ovviamente.

28

CacciaCacciaCacciaCaccia alalalal mineralemineralemineraleminerale 1111

alalalal mineralemineralemineraleminerale 1111 Il minatore scava la roccia cercando un filone di pietre

Il minatore scava la roccia cercando un filone di pietre preziose. Puoi suggerirgli il percorso giusto?

CorsaCorsaCorsaCorsa all’oroall’oroall’oroall’oro

Colora solo il minatore che conosce la strada giusta per arrivare all’oro.

all’oroall’oroall’oroall’oro Colora solo il minatore che conosce la strada giusta per arrivare all’oro. 29

29

CheCheCheChe confusione!confusione!confusione!confusione!

Unisci con una linea le parole e le frasi della prima colonna con le parole e le frasi della seconda colonna (sono anagrammi, cioè parole che contengono le stesse lettere ma disposte in modo diverso)

Volevamo scrivere:

SFALDATURA ORTOCLASIO GALENA MINERALI AL MUSEO CALCOPIRITE MINERALI MISTERIOSI CALCITE

MINERALI AL MUSEO CALCOPIRITE MINERALI MISTERIOSI CALCITE …e invece abbiamo scritto ESAMINARE IL MULO PORTI CALICE

…e invece abbiamo scritto

ESAMINARE IL MULO PORTI CALICE IO TRASLOCO LECCATI A LEGNA LADRA STUFA SI, ELIMINERAI MOSTRI

CacciaCacciaCacciaCaccia alalalal minemineraleminemineraleralerale 2222

Cancellate nello schema tutti i nomi di minerali elencati, scritti in orizzontale, verticale, diagonale ed anche da destra verso sinistra e dal basso in alto. Scrivete le lettere restanti sui trattini per trovare la frase misteriosa.

restanti sui trattini per trovare la frase misteriosa. Attenzione: tra i minerali elencati si nasconde il

Attenzione: tra i minerali elencati si nasconde il nome di una roccia particolare, che si forma durante le eruzioni vulcaniche. Sai individuarla?

30

SoluSoluzioniSoluSoluzionizionizioni deideideidei giochigiochigiochigiochi

Ripasso

Ripasso

Ripasso

Ripasso

incrociatoincrociatoincrociatoincrociato

Orizzontali: museo, quarzo, roccia, calcopirite, ematite, grafite, sale, colore, peso. Verticali: mica, striscia, granito, oro, calcite, minerale, talco, gesso, ite.

Quattro salti tra le parole:

Alcune soluzioni possibili:

(1) Ferro, farro, faro, foro, oro. (2) ***************. (3) Mica, mima, rima, rima, rame.

Che confusione!

Sfaldatura Ortoclasio Galena Minerali al museo Calcopirite Minerali misteriosi Calcite

ladra stufa io trasloco a legna esaminare il mulo porti calici si, eliminerai mostri leccati

Caccia al minerale 2

La frase nascosta è “MINERALI AL MUSEO”

MineraliMineraliMineraliMinerali MisteriosiMisteriosiMisteriosiMisteriosi

Ideazione, testi, ricerca iconografica: Elena Bonaccorsi + ??? Grafica: Silvia Battaglini Illustrazione di copertina: Rebecca Giusti coordinamento: Angela Dini

31