Sei sulla pagina 1di 4

parola, perch sei giusto.

Tu hai visto l'afflizione dei nostri padri in Egitto e hai ascoltato il loro grido presso il Mare Rosso; hai operato segni e prodigi contro il faraone, contro tutti i suoi servi, contro tutto il popolo del suo paese, perch sapevi che essi avevano trattato i nostri padri con durezza; ti sei fatto un nome fino ad oggi. Hai aperto il mare davanti a loro, ed essi sono passati in mezzo al mare sull'asciutto; quelli che li inseguivano tu li hai precipitati nell'abisso, come una pietra in fondo alle acque impetuose. Li hai guidati di giorno con una colonna di nube e di notte con una colonna di fuoco, per rischiarare loro la strada su cui camminare.

Accoglienza della lampada vocazionale viene portata la lampada vocazionale, una volta posta su di un luogo visibile ed appositamente preparato, il presidente la

accende prendendo il fuoco dal cero pasquale. Se siamo nel periodo di quaresima, la lampada arriva gi accesa omettendo di esporre il cero pasquale.

Tutti: Vieni Signore in mezzo a noi. Come guidasti il popolo nel deserto cos illumina oggi e sempre i nostri passi sulla via della pace. Ti che sei la luce che brilla nella tenebre, dissipa le ombre di morte dei nostri cuori, rifulgi sui nostri volti, rinnova il nostro spirito. Vieni Cristo, stella del mattino che non conosce tramonto, rivestici della tua luce, perch da te istruiti e dalla tua grazia colmati, possiamo splendere nel mondo come astri ed essere testimoni della tua resurrezione. Accoglienza dellurna-reliquiario del Beato Angelo Paoli. Viene portata lurna e posta su di un luogo appositamente preparato. Il presidente la incensa, poi la preghiera prosegue. Lettore: dallomelia del Cardinale Angelo Amato, in occasione della Beatificazione del Beato Angelo Paoli Io vorrei rilevare lattualit del nostro Beato, come figura che, nonostante tre secoli di distanza, conserva una straordinaria modernit. I Santi sono portatori di valori eterni, come la fede, la speranza, la carit. Pur immersi nel loro tempo, essi vivono con radicalit le virt evangeliche, diventando modelli che superano la barriera del loro tempo. Nonostante la lontananza temporale, si sporgono al di l della loro epoca, diventando nostri contemporanei, per la qualit eroica della loro esistenza cristiana. La santit come la bellezza, la bont e la verit - una realt che trascende il tempo, pur incarnandosi in persone che vivono nella loro epoca. Non il tempo ieri o oggi che determina lesemplarit del Beato Angelo, ma lalta qualit della sua esistenza cristiana e della sua carit. E sappiamo che la carit non avr mai fine. I santi non sono come le foglie secche di un albero autunnale, che cadono con il morire della stagione. I santi sono raggi eterni del sole divino, Cristo Signore, che illuminano per sempre i giorni e le opere della Chiesa. Tutti: Signore Dio, nei tuoi santi splende la bellezza del tuo volto e del tuo amore. Ti benediciamo per la testimonianza di vita evangelica del Beato Angelo Paoli, che nel servizio ai pi poveri ed ai malati si fece strumento della tua tenerezza verso le membra pi doloranti del tuo corpo mistico. Fa che spronati dal suo aiuto e spinti dal suo esempio, con laiuto della tua grazia, ci apriamo a ricevere pienamente la vita che Tu ci vuoi infondere, e viviamo con radicalit, passione e coraggio, la chiamata e la missione per la quale ci hai creati.

Il rinnovo di un s
Lettore: dal Vangelo secondo Giovanni Dopo questi fatti, Ges si manifest di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberade. E si manifest cos: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Ddimo, Natanale di Cana di Galilea, i figli di Zebedo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: Io vado a pescare. Gli dissero: Veniamo anche noi con te. Allora uscirono e salirono sulla barca; ma in quella notte non presero nulla. Quando gi era l'alba Ges si present sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Ges. Questa era la terza volta che Ges si manifestava ai discepoli, dopo essere risuscitato dai morti. Quand'ebbero mangiato, Ges disse a Simon Pietro: Simone di Giovanni, mi ami tu pi di costoro?. Gli rispose: Certo, Signore, tu lo sai che ti amo. Gli disse: Pasci i miei agnelli. Gli disse di nuovo: Simone di Giovanni, mi ami?. Gli rispose: Certo, Signore, tu lo sai che ti amo. Gli disse: Pasci le mie pecorelle. Gli disse per la terza volta: Simone di Giovanni, mi ami?. Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli dicesse: Mi ami?, e gli disse: Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amo. Gli rispose Ges: Pasci le mie pecorelle. In verit, in verit ti dico: quando eri pi giovane ti cingevi la veste da solo, e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti cinger la veste e

ti porter dove tu non vuoi. Questo gli disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E detto questo aggiunse: Seguimi. Guida: rispondiamo alla Parola con atteggiamento penitenziale. Cantiamo insieme: Kyrie elison L 1. ti chiediamo perdono Signore, per quando abbiamo avuto paura di rispondere alle tue chiamate e per quando con le nostre infedelt non abbiamo mostrato agli altri il nostro vero volto di cristiani. Tutti: Kyrie eleison L 2: Ti chiediamo perdono Signore, per le volte in cui come comunit ecclesiale non abbiamo saputo mostrare al mondo una testimonianza credibile del Vangelo dellunit. Tutti: Kyrie Eleison L 3: Ti chiediamo perdono Signore, per le volte in cui non abbiamo saputo riconoscere i segni che tu ci hai mostrato attraverso i quali ci chiedevi di metterci al servizio nei luoghi e tra la gente con cui viviamo. Tutti: Kyrie eleison

L 4: Ti chiediamo perdono Signore per le volte in cui le varie scelte di vita matrimoniale, religiosa, presbiterale, sono state vissute con superficialit, accomodamenti ed incoerenze . Tutti: Kyrie eleison L 5: Ti chiediamo perdono Signore, per le volte in cui ci siamo chiusi senza aprire con speranza e fiducia il nostro cuore alla tua chiesa ed al mondo vivendo una fede puramente privata. Tutti: Kyrie eleison L 6: Ti chiediamo perdono Signore, per quando abbiamo dimenticato di essere il tempio della tua presenza e non ti abbiamo reso culto con gli atti quotidiani della vita. Tutti: Kyrie eleison L 7: Ti chiediamo perdono Signore, per ogni vocazione non corrisposta, per ogni chiamata delusa, impedita, scoraggiata. Tutti: Kyrie eleison Presidente: Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Lassemblea si divide in due cori facendo memoria delle Parole del Signore

Offertorio. Vengono portati dei doni simbolici che la Guida via via esplicita invitando alla preghiera Quaderno o foglio bianco con penna Signore, ricevi questo foglio bianco, rendi il nostro cuore attento alle tue proposte affinch le pagine ancora bianche della nostra vita, siano vissuti nellimpegno di conoscere ed attuare il tuo volere Orologio Eccoti Signore un orologio, con esse ricevi la nostra disponibilit a darti tempo, per stare con te, per ascoltarti, per servirti: aiutaci a vivere tutto il tempo con Te e per Te. Ti chiediamo, o Signore Ges di accompagnare sempre la scelta intrapresa dai religiosi e dalle religiose, dona loro sempre pi consapevolezza che bello sentirsi impegnati per il Regno di Dio a tempo pieno e fa che giovani uomini e donne non abbiamo timore a seguirti sulla via della consacrazione religiosa Formula del consenso di matrimonio (o altro simbolo nuziale Ricevi Signore questo segno nuziale, il consenso espresso dagli sposi nel giorno del loro "si". Nel libro della Genesi scritto. "Per questo l'uomo abbandoner suo

padre e sua madre e si unir a sua moglie e i due saranno una sola carne". Ti preghiamo, per tutte le famiglie ed in particolar modo per quelle delle nostre comunit; aiutale affinch possano rinnovare ogni giorno il proprio si scoprendo che insieme si concretizza la loro scelta di vita. Stola Portiamo all'altare la stola per ricordarci che il signore continua a camminare con noi attraverso il dono dei suoi sacerdoti. Oggi ti ringraziamo in particolar modo per i presbiteri del Carmelo e ti preghiamo affinch ognuno di loro possa essere per la propria comunit ecclesiale come il buon pastore che si prende cura del suo gregge. Fa che non manchino giovani generosi disposti a lasciare ogni cosa per donarsi totalmente a Te. Crocifisso Il crocifisso che ti offriamo il segno della nostra appartenenza a Te. Aiutaci a scoprire quanto ami ciascuno di noi, affinch sentendosi da te amato, si doni al mondo portando la tenerezza e la misericordia del tuo cuore. Si presentano delle intenzioni personali dei presenti, poi i partecipanti accendono un lumino dalla lampada vocazionale, con le lucerne accese si prega insieme Tutti: Dio Padre, ti prego nel nome del tuo Figlio Ges Cristo, donami quella carit che non viene mai meno, perch la mia lucerna si mantenga sempre accesa, n mai si estingua, arda per me brilli per gli altri. Degnati, o Cristo, dolcissimo nostro Salvatore, di accendere le nostre lucerne: brillino continuamente nel tuo tempio e siano alimentate sempre da te che sei la Luce eterna; siano rischiarati gli angoli oscuri del nostro spirito e fuggano da noi le tenebre del mondo. Dona, dunque, o Ges mio, la tua luce alla mia lucerna, perch al suo splendore mi si apra il santuario celeste. Amen. (San Colombano abate) Orazione conclusiva del Presidente: O Dio, nulla possiamo senza di Te, a Te consegniamo la nostra volont, i nostri propositi, le nostre scelte, conferma lopera che hai iniziato e portala a compimento. Tu che sei la scelta di Dio per la salvezza delluomo. Tu che hai chiamato i Tuoi discepoli, quando molti se ne andavano scandalizzati, a prendere posizione. Tu che hai sperimentato anche labbandono e lindecisione del giovane ricco. Sostieni noi ed i nostri giovani per scelte esplicite, per coraggiose prese di posizione, per orientamenti definitivi. Perch Tu sei Dio e vivi e regni nellunit dello Spirito Santo Per tutti i secoli dei secoli. Amen Benedizione e canto finale