Sei sulla pagina 1di 4

Nome dellautore/i Marco Carnesecchi, Giovanni Marangi, Maurizio Caporali, Andrea Alessandrini, Antonio Rizzo Abstract WiFiabe: alfabetizzazione

al Web 2.0 dei nativi digitali attraverso la creazione di contenuti audio. Nel corso dellanno scolastico 2010/2011 oltre 20 bambini tra 7 e 13 anni dellattivit di doposcuola del comune di Monteroni dArbia sono diventati autori digitali. Ci stato possibile con laiuto di educatori e dellamministrazione che hanno individuato nelle storie di fantasia un tema da realizzare. Ricercatori e studenti dellUniversit di Siena hanno assistito i ragazzi nelle varie fasi del progetto e reso disponibili le storie attraverso WiRoni (www.aidilab.com/wironipress), un arredo urbano interattivo creato dallUniversit che permette di trasmettere in rete e nel parco contenuti web attraverso un normale sito web.

Figura 1 il funzionamento di WiRoni

Nome dellistituzione educative Universit di Siena (Dipartimento di Scienze della comunicazione), Comune di Monteroni dArbia (Progetto Tata di comunit doposcuola in biblioteca) Citt e nazione Monteroni DArbia, Siena, Italia Area di competenza mediale Lettura, Scrittura, Fruizione, Cittadinanza Media utilizzati Registratore digitali, Computer, editor di contenuti audio (Cubase, http://www.steinberg.net/en/products/cubase), piattaforma di CMS (wordpress.org). Budget (se previsto) Il budget previsto per la realizzazione del progetto di circa 2000 euro. Tale cifra copre i costi di comunicazione dellevento, spese generali per la registrazione, e montaggio audio delle storie. Periodo di svolgimento e durata complessiva Ottobre 2010- Maggio 2011 Utenza cui stata rivolta l'attivit di media education bambini di et tra 7 e 13 anni Descrizione dellesperienza/progetto 1)Finalit generali: Il progetto WiFiabe nasce con lintento di avvicinare i bambini al web attraverso WiRoni. La sperimentazione stata condotta da un gruppo di lavoro formato da ricercatori dellUniversit di Siena e da educatori delle scuole primarie nellambito delle attivit di doposcuola del Comune di Monteroni dArbia. Grazie alla semplicit di creare e condividere contenuti propria del web 2.0, linterazione privilegiata non quella ampia e dispersiva attraverso il browser, ma un approccio che trasforma la rete in un territorio da esplorare fatto dalle proprie esperienze. Il contribuito di WiRoni

in questo senso unico perch i contenuti non restano solo sul web, ma entrano nella vita quotidiana della comunit locale senza bisogno di smartphone o computer portatili, ma sono semplicemente accessibili con un semplice gesto della mano.

Figura 2 Uno schizzo del parco

2) Obiettivi specifici di apprendimento Far apprendere ai bambini capacit differenti come creare, editare e trasmettere i loro contenuti nel web e nel parco. In particolare nelle varie fasi: a) Lavorare in gruppi di et diverse ed a creare ed illustrare storie di fantasia con laiuto di educatori b) Registrare ed arricchire le storie con effetti sonori con laiuto di studenti e ricercatori dellUniversit di Siena e di musicisti. I bambini hanno familiarizzato con le tecniche di registrazione e di montaggio dei contenuti audio. c) Caricare, attraverso il computer, le loro storie sul portale www.aidilab.com/wironipress/category/voci-on-air per renderle disponibili per lascolto dal sito web e nel parco. d)Una volta disponibili nel parco i ragazzi hanno imparato ad interagire con WiRoni ed a fruire le favole da loro stessi scritte ed in occasione della presentazione dei loro contenuti hanno letto le storie in diretta e sfruttando WiRoni come amplificatore attraverso skype. 3) Procedure e metodi didattici (Giovanni) Nell'invenzione delle storie stato seguito un approccio collaborativo, stimolando, anche attraverso l'educatrice, la creativit. Attraverso l'affidamento di compiti puntuali per la produzione, i bambini venivano coinvolti in piccoli gruppi che si occupavano della registrazione scoprendo il funzionamento degli strumenti messi a disposizione. A ci si aggiungeva la possibilit di far intervenire uno dei ricercatori, in risposta a domande puntuali. Durante la fruizione nel parco un adulto interagisce con il dispositivo, favorendo la condivisione sia della scelta che dell'esperienza dell'ascolto della storia. Requisiti tecnici Il sistema tecnico composto da tre sensori, e un server che esegue il software per riprodurre nel parco i suoni. Ogni sensore avverte la presenza di un oggetto fisico nella sua area di sensibilit e invia questi dati al server. Quando linput corrisponde

ad un gesto predefinito, WiRoni d feedback audio che indicano il completamento di un gesto ed esegue un comando. Dal sito Web (www.aidilab.com/wironipress/) possibile aggiornare la lista delle stazioni radio, aggiungere podcast o crearne dei nuovi attraverso un sistema di gestione dei contenuti (CMS content management system) open-source. Il sistema, tramite RSS, ha laggiornamento automatico dei contenuti durante le ore notturne. Risultati dellesperienza/progetto Il web nella visione attuale un luogo attraverso il quale fruire contenuti attraverso un browser in modo dispersivo e mediato dagli adulti. Spesso percepito come territorio nel quale non lasciare da soli i bambini nellesplorazione. In questo accaduto il contrario perch i bambini sono protagonisti invece che spettatori e i loro prodotti seppure in rete non sono confinati al pc ma nei luoghi della vita quotidiana della comunit attraverso il parco. Le loro storie li pongono come autori nei confronti della rete, unico medium nel quale ci possibile e semplice da realizzare. Risorse e staff Marco Carnesecchi, Maurizio Caporali, Andrea Alessandrini, Antonio Rizzo, Andrea Camposarcone, e Matteo Del Balio, Giovanni Marangi. Universit di Siena: coordinazione WiFiabe, Software ed Hardware WiRoni, realizzazione app per android e iPhone di WiRoni. Roberto Nannetti, musicista: consulenza parte audio. Lucia Burroni, Claudia Martinelli e Chiara Giorgi, studentesse: registrazioni audio, ricerca effetti sonori, parte editoriale del progetto, rassegne stampa e aggiornamento del sito di WiRoni, montaggio su Cubase e realizzazione dei volantini dellevento. Riccardo Casaioli, disegnatore: realizzazione sagome installate nel parco della Gora. Massimo Granchi, assessore allistruzione del comune di Monteroni dArbia: patrocinatore progetto. Giusy Licata, educatrice della cooperativa Giocolenuvole: gestisce le attivit dellinfanzia del comune di Monteroni dArbia, assistenza ai bambini nella realizzazione e registrazione delle storie. Sfide e criticit La prima sfida stata quella di riuscire a rendere familiari e al contempo dinamiche le favole arricchite per renderle pi piacevoli. Una delle criticit stata sicuramente quella di far familiarizzare i bambini con le tecnologie da noi proposte ricreando in loro limmagine della storia. Il punto pi critico si rivelato quello del montaggio su Cubase, software complesso con uninterfaccia grafica, ma duso semiprofessionale. Nonostante questo, i piccoli autori dopo lo studio di alcuni passaggi, qualche tentativo e anche qualche errore, hanno capito il meccanismo di base e sono stati in grado di effettuare qualche semplice operazione di montaggio degli effetti sonori sulle voci, anche grazie allapprendimento per imitazione ed alla competenza acquisita attraverso altri dispositivi digitali a scuola e a casa. Gusto della scoperta WiFiabe ha rafforzato nei bambini sia il valore delle attivit collaborative di gruppo, sia limportanza della condivisione di contenuti non solo attraverso uno schermo o durante attivit in casa o a scuola, ma anche in contesti pubblici attraverso dispositivi tali da incrementare la socializzazione tra gli individui. WiRoni pensato per riscoprire il parco come luogo sociale attraverso la produzione di contenuti da parte di tutta la collettivit della quale i bambini sono stati il traino. Documentazione Il processo formativo stato documentato attraverso diari dei partecipanti, contenuti video, audio ed immagini. La fase di creazione delle storie stata arricchita dalle

illustrazioni dei bambini e le favole sono state raccolte in un libro distribuito a tutte le famiglie. La fase di raccolta ed editing del materiale audio stata condotta attraverso la realizzazione di 14 storie. A queste si sono aggiunti poi contenuti audio di licenza creative commons disponibili su vari archivi web, ad esempio http://www.freesound.org/index.php . Le fasi di editing e registrazioni sono raccolte in archivi distribuiti alle famiglie. I bambini hanno familiarizzato con il portale per caricare le storie ed hanno visto come possibile divenire autori e fruitori sfruttando la potenzialit del CMS wordpress.org . Sistema e strumenti di valutazione Le storie servono da banco di prova per avvicinare la comunit alla creazione e fruizione di contenuti per WiRoni. Trovandosi inserite nel sistema da un mese, per il momento, solo possibile vedere quanto sia aumentata laffluenza nel parco in modo qualitativo, ma in futuro tramite il sistema sar verificata lapprezzamento delle WiFiabe nel parco controllando quante volte esse state attivate dagli utenti. Contesto I ragazzi con i quali il progetto stato condotto fanno parte della variegata comunit di Monteroni dArbia, un paese in provincia di Siena che ha visto una forte spinta demografica dovuta allimmigrazione. Anche allo scopo di favorire la socializzazione nato WiFiabe, una declinazione possibile della produzione di contenuti per WiRoni. In futuro, grazie allaiuto di facilitatori, i bambini potranno realizzare audio guide turistiche oppure una radio che trasmetta in diretta nel parco i loro giochi in qualsiasi punto essi si trovino ed altri potenziali mezzi daggregazione. Eventuali allegati DVD con un video di presentazione del progetto e la versione finale delle storie.